Le migliori planetarie del 2022

Confronta le migliori planetarie del 2022 e leggi la nostra guida all'acquisto.

Euronics
1.508,90 €
Amazon
203,18 €
Sfera Ufficio
516,66 €
Bluprice
486,15 €
Amazon
119,00 €
Unieuro
399,00 €
Bluprice
523,95 €
Tooselling
508,20 €
Monclick
119,99 €
Monclick
400,99 €
Bpm power
555,06 €
freeshop
523,90 €
Supermedia
123,90 €
Amazon
565,35 €
Amazon
534,90 €
Prezzo Forte
130,75 €
Sfera Ufficio
551,31 €
Yeppon
130,89 €

Potenza a freddo

1500 W

1500 W

1700 W

300 W

1200 W

Livelli di velocità

13

8

7

10

6

Funzione cottura

Capacità ciotola

6,7 l

6,7 l

6,7 l

4,8 l

7 l

Doppia ciotola

Funzioni

Pulse, Selezione temperatura, Timer, Bilancia integrata, Connettività

Pulse

n.d.

n.d.

Pulse

Fruste

Frusta a filo, Frusta foglia/k, Gancio impastatore, Frusta gommata, Gancio mescolatore

Frusta a filo, Frusta foglia/k, Gancio impastatore

Frusta a filo, Frusta foglia/k, Gancio impastatore, Frusta gommata

Frusta a filo, Frusta foglia/k, Gancio impastatore, Frusta gommata

Frusta a filo, Frusta foglia/k, Gancio impastatore

Accessori

Ricettario, Spatola, Coperchio trasparente

Ricettario, Coperchio trasparente

Frullatore, Ricettario, Spatola, Coperchio trasparente

Coperchio trasparente

Frullatore, Coperchio trasparente

Peso

12 kg

10,5 kg

10,4 kg

11 kg

7,1 kg

Dimensioni (A x L x P)

37,8 x 33,6 x 41,3 cm

37 x 29 x 38 cm

38 x 28,5 x 35,6 cm

36 x 24 x 37 cm

57,5 x 23,5 x 39,5 cm

Punti forti

Funzione cottura

Doppio movimento planetario per risultati di miscelazione ottimali

Numerosi accessori inclusi

Buona efficienza

Include frullatore

Schermo touch a colori da 4,3"

Ciotola molto capiente ma adatta anche a piccoli impasti

Tutti i componenti in acciaio inox

Ingombro non eccessivo

Capienza molto elevata

Ciotola molto capiente

Fruste in acciaio inox

Ciotola molto capiente

Adatta sia a piccole che a grandi quantità

Bilancia integrata

Molti accessori compatibili

Numerose fruste in dotazione

Connessa all'app Kenwood World per seguire le ricette dal display

Frullatore thermo resist in dotazione

Motore molto potente

Punti deboli

Non dispone di funzione cottura

Potenza limitata

Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa

Come scegliere la planetaria

Chi ama la pasticceria o si diverte a preparare in casa il pane o la pizza avrà sicuramente preso in considerazione l’idea di acquistare una planetaria. Prima di esaminare i fattori da valutare in fase di acquisto riteniamo sia utile fare una panoramica dei pro e dei contro di questo elettrodomestico, per aiutare chi avesse ancora dei dubbi sul fatto che questo sia davvero lo strumento adatto alle proprie esigenze.planetaria

Pro e contro della planetaria

Ecco i principali vantaggi della planetaria:

  • Efficienza: la potenza del motore e il movimento rotatorio del braccio meccanico permettono di lavorare gli ingredienti molto più rapidamente ed efficacemente rispetto ad altre macchine impastatrici (come lo sbattitore elettrico e il robot da cucina multifunzione) o all’impasto fatto a mano, ed in quantità superiori;
  • Versatilità: oltre a lavorare impasti dolci e salati, la planetaria può avere anche funzioni di cottura e di preparazione degli alimenti (a seconda degli accessori in dotazione), rendendosi così molto utile per chi ama dilettarsi con diverse preparazioni;
  • Facilità di pulizia: gli elementi della planetaria possono essere rimossi e lavati in lavastoviglie, e il movimento planetario consente alle fruste di raggiungere ogni angolo della ciotola, evitando così che la pasta si attacchi alle pareti. Non si sporca inoltre il piano di lavoro della cucina;
  • Spazio: tutti gli utensili necessari a preparare un impasto sono contenuti all’interno della ciotola, perciò non è necessario avere un piano di lavoro molto ampio.

Questi invece gli svantaggi più evidenti:

  • Ingombro: abbiamo appena detto che la planetaria aiuta a risparmiare spazio sul piano di lavoro, tuttavia può rivelarsi particolarmente ingombrante quando non si ha molto spazio a disposizione;
  • Costo: è necessario investire diverse centinaia di Euro per assicurarsi un modello con prestazioni elevate, funzioni avanzate e molti accessori in dotazione.

Impastatrice o planetaria?

Bisogna fare una piccola precisazione sulla definizione di impastatrice in sé. Esistono diverse tipologie di impastatrice in commercio (a spirale, a forcella, a bracci tuffanti), ma la più diffusa in ambito domestico è la planetaria, per tale motivo i due termini sono spesso utilizzati in modo intercambiabile. La planetaria è un’impastatrice di dimensioni solitamente più ampie rispetto ad un’impastatrice classica, dall’utilizzo semplice ma dal costo più elevato. Prende il suo nome dal tipo di movimento effettuato dal braccio meccanico: questo, infatti, come un pianeta, compie un doppio movimento di rotazione su se stesso e contemporaneamente intorno ad un punto (che, nel caso dell’impastatrice, è il centro della ciotola di lavorazione). Questo tipo di movimento permette di mescolare in maniera uniforme tutto il composto, anche quello a contatto con le pareti.

Passiamo ora finalmente a vedere gli aspetti principali da considerare per decidere quale planetaria comprare.

1. Versatilità

Il primo fattore da valutare si riferisce alla gamma di impasti che questo elettrodomestico può realizzare ed è decisivo nella scelta di un modello piuttosto che un altro, poiché è l’aspetto che maggiormente determina le occasioni d’uso di un’impastatrice planetaria, oltre a contribuire a renderla più o meno completa e costosa.

Accessori

Per quanto riguarda la versatilità, questa è data dalla presenza di uno o più pezzi intercambiabili che si montano alla fine del braccio meccanico della planetaria che, grazie a questi, può realizzare diverse tipologie di impasto (ogni pietanza, infatti, richiede uno specifico strumento per essere lavorata). Questi componenti sono detti fruste e ganci, sono di quattro tipi e possono essere già in dotazione al modello scelto per l’acquisto, oppure possono essere acquistati separatamente.
Ecco le quattro tipologie di ganci/fruste esistenti:

Frusta K
Anche detta frusta a foglia, è il componente basilare per impastare ed è il corrispondente meccanico dell’impasto manuale o del cucchiaio di legno, visto che il suo compito è quello di amalgamare perfettamente gli ingredienti. È adatta alla lavorazione di impasti morbidi, come torte, preparazioni leggere e soffici e, più in generale, all’emulsione di ingredienti più consistenti e corposi come uova e farina.

Frusta gommata
Più raro da trovare nel kit base delle planetarie, questo accessorio è necessario per amalgamare composti delicati e può quindi essere utilizzato per incorporare gli albumi dell’uovo o la panna montata in un impasto per dolci.

Frusta a filo
Prende questo nome dai fili d’acciaio che la compongono ed è ideale per montare, o meglio gonfiare d’aria, un composto. È infatti adatta per impasti leggeri, liquidi oppure dalla consistenza spumosa come le uova sbattute con lo zucchero, la panna montata, la meringa e per tutte quelle miscele in cui lo sforzo di lavorazione non è elevato, ma i tempi sono molto lunghi.

Gancio impastatore
Detto anche frusta ad uncino. Serve per lavorare gli impasti lievitati, duri e, più in generale, tutti quei composti che richiedano una certa energia per essere lavorati. Grazie alla sua speciale forma e al movimento rotatorio della planetaria, questa frusta può impastare con forza e in maniera continuativa, rendendosi perfetta per lavorare l’impasto del pane, della pasta all’uovo oppure della pasta per la pizza.
Negli ultimi anni alcune marche hanno introdotto un doppio gancio impastatore nei loro modelli per meglio raggiungere tutti i punti della ciotola. Si tratta tuttavia di un elemento non adottato dai principali produttori di planetarie e la cui efficacia non è stata provata con certezza.planetaria ganci

Optional

Oltre ad usare gli accessori base di una planetaria, si può ampliare la sua versatilità aggiungendo degli accessori che trasformano l’apparecchio in un vero e proprio robot da cucina che può anche tritare, grattugiare, affettare, centrifugare, frullare, spremere e tanto altro ancora. Alcuni di questi accessori, come ad esempio il frullatore, possono essere forniti in dotazione, mentre altri devono essere acquistati separatamente. Bisogna quindi individuare il tipo di utilizzo che si vuole fare della propria planetaria per compiere la giusta scelta e acquistare il prodotto più adatto a trasformare le proprie idee in piatti deliziosi.
I pezzi aggiuntivi possono essere agganciati a un adattatore o direttamente al corpo macchina. Bisogna però assicurarsi che il modello scelto sia progettato per funzionare con altri elementi. Vediamo quali sono gli optional delle planetarie più comuni.

Tritacarne
Questo accessorio viene fornito con dischi a lame circolari per realizzare triti di diversi spessori. È adatto perciò a preparare hamburger, salsicce e macinato, ma può essere usato anche su alimenti morbidi diversi dalla carne quali verdure bollite o formaggi a pasta molle.

Tritatutto
Questo comodo accessorio in acciaio inox permette di sminuzzare verdure e grattugiare i formaggi a pasta dura. Solitamente è provvisto di diversi tipi di lame per ottenere tipi di taglio differenti.

Sfogliatrice
Si tratta di un’ottima alternativa alla macchina per la pasta che, una volta agganciata alla struttura principale, permette di regolare lo spessore della sfoglia. Può essere di due tipi: uno semplice per tirare la sfoglia, per fare le lasagne o da tagliare a mano per creare altri tipi di pasta, e un altro con tagliapasta, per realizzare tagliatelle o spaghetti.

Macina-cereali
Con un accessorio per macinare il grano si può produrre in casa la propria farina e poi utilizzarla per fare il pane o altri preparati. Questo accessorio è utile anche per macinare legumi o mais e realizzare così ricette senza glutine, poiché il grado di macinazione può essere regolato su diversi livelli.

Gelatiera
Le planetarie permettono di preparare anche il gelato in casa. Alcuni produttori offrono infatti una speciale ciotola per questo scopo (detta anche contenitore refrigerante perché va riposto nel congelatore) da sostituire alla ciotola principale, e una spatola speciale per la lavorazione degli ingredienti.

Salvo indicazioni diverse da parte del produttore, si sconsiglia di lavare questi elementi in lavastoviglie.planetaria pasta

Funzione di cottura

Un ultimo aspetto che incide in modo determinante sulla versatilità è la funzione di cottura. Un numero limitato di planetarie infatti ha una resistenza integrata che consente il riscaldamento della ciotola fino ad una determinata temperatura.
La presenza di questa funzione è utile per chi si diletta nella pasticceria. Con il calore è infatti possibile realizzare delle preparazioni che altrimenti andrebbero fatte a bagnomaria, come ad esempio la pastorizzazione delle uova o lo scioglimento del cioccolato.
La temperatura massima raggiungibile da questi modelli è variabile, ma solitamente non supera i 150 °C. Ciò significa che la planetaria può essere sfruttata anche per preparazioni salate come verdure a vapore, risotto, polenta o spezzatino, ma non per fritture o altri tipi di cottura che necessitano temperature superiori. È inoltre da sottolineare che le planetarie più sofisticate consentono di selezionare la temperatura grado per grado, fondamentale per alcune preparazioni di pasticceria che necessitano di temperature molto precise.
planetaria funzione cotturaAlla funzione cottura possono inoltre essere collegate altre funzioni non presenti nelle planetarie standard, come ad esempio il timer o la bilancia integrati. Si tratta, come è facile immaginare, di funzioni avanzate di cui sono dotati i modelli appartenenti alla fascia di prezzo più alta (al momento in cui scriviamo le Kenwood Cooking Chef), ma non fondamentali per le lavorazioni base di una planetaria.

2. Potenza

Il fattore che riguarda la potenza di una planetaria è decisivo nella scelta del modello da acquistare poiché incide molto sul tipo di impasti che possono essere lavorati e sul tempo impiegato. Esistono infatti diversi tipi di impasto che è possibile realizzare e ognuno di essi richiede un diverso livello di idratazione. Questo significa che la pasta che deve essere creata sarà molto dura, morbida oppure molle. Ad esempio, per impasti duri, cioè quegli impasti con scarsa idratazione a base di farine di tipo 0 oppure di semola per realizzare pane e pasta fatti in casa, è necessaria una planetaria che possa lavorare lentamente ma energicamente gli ingredienti per un tempo medio-lungo.
In base, quindi, alla consistenza dell’impasto che si vuole creare, bisogna affidarsi ad un’impastatrice planetaria dalle caratteristiche idonee a lavorare quel tipo di pasta. A questo proposito sono decisivi quattro elementi relativi al fattore potenza ed è importante considerarli tutti per essere certi di effettuare una scelta adeguata.planetaria potenza

Wattaggio

La potenza espressa in watt è sicuramente il valore più importante da controllare per essere certi che la planetaria sia in grado di miscelare adeguatamente qualsiasi tipo di impasto si voglia realizzare. Un wattaggio non inferiore agli 800 W (per i motori a trasmissione) dovrebbe essere orientativamente il valore minimo da cui partire per non rischiare di surriscaldare il motore, oppure di non poter utilizzare l’apparecchio per preparare le pietanze desiderate. Il wattaggio di una planetaria dipende dalla capienza massima, dalle funzioni integrate e, come vedremo, dal tipo di motore. Nonostante non sia possibile generalizzare, si può affermare che solitamente i modelli migliori hanno una potenza superiore ai 1200 W (oppure ai 300 per i modelli a presa diretta).

Tipo di motore

Le planetarie attualmente in commercio possono montare due tipi di motore diversi: a presa diretta e a trasmissione. Nei primi modelli il motore è posizionato sopra il gancio (ne sono un esempio le planetarie KitchenAid), mentre nei secondi si trova nella base dell’apparecchio ed è quindi più lontano dal meccanismo di funzionamento, così da avere bisogno di un wattaggio superiore per ovviare alla dispersione di potenza. Ciò vuol dire che le planetarie a trasmissione hanno una potenza maggiore, ma che a parità di wattaggio sono meno efficienti di una planetaria a presa diretta, con conseguente impatto sulla rumorosità dell’apparecchio e sui consumi.
planetaria presa diretta

Velocità

È importante controllare anche che il modello che si pensa di acquistare sia dotato di diverse impostazioni di velocità, in base alla tipologia di alimenti che si vogliono lavorare e alle pietanze da preparare. Un’impastatrice planetaria con un’unica oppure poche velocità disponibili è in grado di adattarsi a un minor numero di impasti o comunque di lavorarli con maggiore difficoltà (e quindi si rischia di rovinare il motore e i ganci per impastare). In commercio è possibile reperire modelli che superano le 20 velocità, sicuramente più performanti con qualsiasi tipologia di impasto, nonostante il loro prezzo elevato. Come è forse facile immaginare, le prestazioni più elevate corrispondono ad apparecchi appartenenti ad una fascia di prezzo più cara e, infatti, i modelli più semplici ed economici non sono dotati di numerose velocità o di una potenza considerevole: questo non significa che siano necessariamente scadenti ma, piuttosto, devono essere destinati alla lavorazione esclusiva di determinati tipi di impasti e quindi possono essere adatti a chi, ad esempio, ha necessità di realizzare poche ed essenziali preparazioni (come, magari, impasti per dolci o altri impasti morbidi).
A proposito di velocità, è utile notare come alcuni modelli siano dotati di funzione Pulse per erogare la massima velocità ad intermittenza, e in casi più rari di mescolamento a velocità ridotta: Kenwood chiama questa modalità “funzione spatola” e consiglia di utilizzarla assieme all’accessorio spatola fornito in dotazione per incorporare ingredienti leggeri dentro miscele più dense, come meringhe e mousse, oppure per incorporare lentamente la farina e la frutta in miscele per dolci.

Tempo di lavoro

Oltre alla velocità è bene considerare anche il tempo massimo di lavoro, sebbene molti produttori non dichiarino questo valore tra i dati tecnici di una planetaria e ci si possa solo attenere alle recensioni di chi ha già provato la macchina. Alcuni impasti, come ad esempio quello della pizza, necessitano di tempistiche medio-lunghe. Un modello con un wattaggio elevato è solitamente in grado di lavorare fino a 20 minuti consecutivi senza il rischio di surriscaldare il motore. Al contrario, modelli meno potenti possono essere utilizzati per tempistiche ridotte e non sono quindi in grado di lavorare in modo ottimale impasti duri o medio-duri.

3. Struttura

Passiamo ora ad esaminare le principali caratteristiche strutturali a cui prestare attenzione quando si vuole acquistare una nuova planetaria. 

Capienza

La capacità di una planetaria è un aspetto decisivo in quanto indicativo della sua effettiva portata e, quindi, della sua adattabilità o meno alla quantità di impasto che si intende preparare oppure al numero di persone per cui si deve cucinare una determinata pietanza. Bisogna quindi prestare attenzione alla capacità espressa in litri della ciotola che conterrà tutti gli ingredienti da miscelare. Inoltre, al di là di quanto impasto si voglia realizzare, il fattore capacità va considerato anche alla luce dello spazio che è disponibile nella propria cucina, in quanto un apparecchio dalla ciotola con capienza maggiore ingombrerà sicuramente più di uno dalla ciotola con capienza più ridotta e, quindi, dal corpo macchina più compatto.planetaria capienzaLa capacità delle planetarie da uso domestico può permettere di lavorare una quantità di ingredienti da un minimo di circa 500/600 g a massimo 2 kg circa. Chiaramente, una planetaria con un contenitore più grande consente di preparare una quantità di impasto adeguata anche ad un utilizzo familiare, oltre ad aumentarne il range di preparazioni (di solito, ad esempio, impasti quali il pane, la pizza e la pasta richiedono una ciotola abbastanza ampia).
Qualora non si avesse abbastanza spazio per una planetaria dalla capienza abbondante, si potrebbe sempre optare per l’acquisto di un apparecchio dalle dimensioni ridotte, consapevoli che sarà necessario effettuare più di una lavorazione per ottenere la quantità di impasto desiderata. Non necessariamente le impastatrici di fascia di prezzo più elevata corrispondono anche alle più capienti e, allo stesso modo, quelle più economiche non sono sempre caratterizzate da dimensioni ridotte: esistono, ad esempio, modelli dal costo contenuto ma dalla capacità abbondante, questo perché sul prezzo finale incidono anche altri fattori quali i materiali utilizzati, le funzioni disponibili e gli accessori in dotazione.
Oltre alla capienza massima bisognerà considerare un altro elemento importante: la quantità massima e la quantità minima di ingredienti che è possibile lavorare. Non sempre si ha la necessità di preparare grandi quantità di impasto o viceversa: una buona planetaria dovrebbe quindi essere in grado di lavorare sia piccoli che grandi quantitativi di ingredienti. Nei manuali di istruzioni viene solitamente specificato questo aspetto: se siete alla ricerca di un modello molto versatile dovrete quindi controllare anche questo dato prima di effettuare l’acquisto.
Per venire incontro ad esigenze differenti alcuni produttori (primo tra tutti KitchenAid) offrono nel loro catalogo planetarie dotate di due ciotole di dimensioni diverse: valutate questa possibilità se avete intenzione di usare la vostra planetaria sia per piccoli che grandi impasti.

Regolazione altezza

Un aspetto interessante riguarda la possibilità di adattare la sessione di lavoro a minori o maggiori quantità di impasto. Alcuni modelli permettono di farlo attraverso un meccanismo posizionato in corrispondenza dell’aggancio delle fruste, che può essere regolato attraverso un’apposita chiave per aumentare o diminuire l’altezza dei diversi ganci, mentre altri (i modelli XL prodotti da KitchenAid) presentano una struttura con ciotola sollevabile tramite manovella: ciò vuol dire che la frusta rimane ferma, mentre a muoversi sono due bracci che supportano la ciotola e ne modificano l’altezza per permettere l’inserimento di ganci o ingredienti, ma anche per far sì che la frusta raggiunga meglio il fondo della ciotola.planetaria regolazione frusta
I modelli con ciotola sollevabile hanno una struttura molto diversa da quelli classici, che hanno la testa reclinabile: premendo un tasto e sollevando la parte superiore del corpo macchina è possibile inserire la ciotola, sostituire i ganci o aggiungere ingredienti all’impasto. I due sistemi sono entrambi molto funzionali e andrebbero confrontati solo se si è orientati verso una KitchenAid: a una planetaria con ciotola sollevabile corrisponde infatti un apparecchio ideale per quantità di impasto superiori, ma anche più ingombrante e costoso.planetaria ciotola sollevabile

Stabilità

La stabilità non può assolutamente essere trascurata in una planetaria perché, per la natura del meccanismo di funzionamento di questo prodotto, una maggiore o minore stabilità incide in maniera considerevole non solo sulla performance, ma soprattutto sulla sicurezza di utilizzo dell’apparecchio.
La planetaria infatti è soggetta a una serie di sollecitazioni importanti mentre è al lavoro e deve per tale motivo avere necessariamente una buona stabilità perché altrimenti potrebbe cadere a terra a causa delle vibrazioni e creare dei danni non indifferenti. Inoltre, più solida e pesante è la planetaria, meno vibrazioni emette durante la lavorazione degli impasti, evitando fastidiosi tremori e rumori, oltre che cadute o altri incidenti.
Bisogna verificare che il corpo macchina non sia troppo leggero soprattutto in quei modelli che prevedono il raggiungimento di velocità elevate visto che queste, quando attivate, possono contribuire in maniera pericolosa alla mobilità eccessiva e quindi alla conseguente instabilità del piccolo elettrodomestico. Anche i materiali (che vedremo nel dettaglio nel prossimo paragrafo) contribuiscono a rendere più stabile la planetaria e il consiglio degli esperti è quello di cercare di preferire sempre l’acciaio o, in generale, le leghe metalliche a quelle plastiche.
Infine, tutte le impastatrici sono dotate di piedini antiscivolo, che, in base al loro numero e grandezza, possono conferire una migliore o peggiore presa della macchina sulla superficie dove si è scelto di collocarla. Alcuni modelli presentano inoltre un vano avvolgicavo che permette di ridurre l’ingombro quando non si utilizza la planetaria.

Materiali

Per quanto riguarda i materiali utilizzati, non esiste una grande varietà tra cui scegliere per la produzione di un’impastatrice planetaria. Quasi tutti i brand, dunque, hanno modelli che sono in effetti realizzati con gli stessi materiali: plastiche resistenti, acciaio o alluminio sia per il corpo macchina, sia per la ciotola dove si lavorano gli impasti. Un aspetto da considerare è il fatto che l’utilizzo, ad esempio, dell’acciaio, garantisce una migliore longevità dell’apparecchio che, rispetto alla plastica, si lava anche meglio e soffre meno l’usura e i lavaggi frequenti. Come già anticipato precedentemente, i materiali influiscono anche sulle performance della planetaria: un prodotto realizzato con leghe metalliche è sicuramente più stabile, potente e robusto e lavora con più facilità anche gli impasti duri e difficoltosi.

4. Praticità

Quando si decide di acquistare una planetaria bisogna anche tener conto dell’effettiva praticità d’utilizzo di questo apparecchio visto che, in molti casi, viene impiegato con una certa frequenza e bisogna dunque assicurarsi che il suo uso risulti comodo ma anche, e soprattutto, sicuro e affidabile. Sicuramente, la facilità di pulizia è uno dei criteri principali con cui si potrebbe scegliere il modello di planetaria più adatto alle proprie esigenze ma, attualmente, tutte le impastatrici prevedono dei contenitori estraibili e lavabili in lavastoviglie o manualmente. Più che altro, si potrebbe prestare attenzione al fatto che, ad esempio, un contenitore in acciaio inox si lava meglio di uno in plastica che, tra l’altro, tende ad ingiallirsi con il tempo, dando anche probabilmente una sensazione di sporco. planetaria paraspruzziI due elementi principali da considerare per assicurarsi l’acquisto di un’impastatrice planetaria dall’utilizzo semplice e veloce sono due.
Innanzitutto la presenza di un coperchio: questo piccolo componente può fare una grossa differenza nell’utilizzo pratico della propria macchina. Ha infatti un duplice utilizzo: da un lato funziona da paraschizzi e quindi impedisce di sporcare la superficie su cui ci si appoggia per lavorare con la planetaria. Dall’altro, invece, rende più agevole l’operazione di aggiunta degli ingredienti mentre la macchina è in funzione (sfruttando l’apposito sportellino) ed evita anche spiacevoli incidenti come, ad esempio, ferirsi le mani aggiungendo altri alimenti nella ciotola mentre l’impasto è in lavorazione.planetaria coperchio
Inoltre, bisognerebbe assicurarsi che la planetaria scelta abbia delle fruste che si bloccano in automatico quando, per i motivi più svariati, viene alzato il braccio meccanico dalla ciotola di lavorazione. In questo modo non solo si evita di spargere residui di impasto dappertutto, ma soprattutto si evitano spiacevoli incidenti che potrebbero verificarsi qualora il gancio si staccasse improvvisamente oppure si toccasse accidentalmente la frusta in azione. Bisogna precisare che in commercio, attualmente, la maggior parte dei modelli di fascia media prevedono questa funzione.

Come si pulisce la planetaria?

Tra i vantaggi delle planetarie abbiamo menzionato la facilità di pulizia, questo perché, nella maggior parte dei modelli, la ciotola e gli accessori base quali fruste e ganci sono staccabili e lavabili comodamente in lavastoviglie. Tuttavia consigliamo di pulire a mano gli optional quali il tritacarne o la sfogliatrice, che tendono a macchiarsi e ad opacizzarsi dopo il lavaggio in lavastoviglie. Gli eventuali schizzi sul corpo macchina vanno infine eliminati con un panno umido e, se necessario, con un detergente delicato per la casa.
Segnaliamo poi che gli apparecchi con la scocca e gli accessori in plastica bianca possono facilmente macchiarsi a causa dei coloranti contenuti in alcuni alimenti. Per evitare che ciò avvenga si raccomanda di pulire immediatamente le macchie prima con un panno umido e solo successivamente di lavare gli accessori in lavastoviglie come di consueto.

Le domande più frequenti sulla planetaria

Quali sono le migliori marche di planetarie?

In commercio si trovano diverse marche che producono planetarie ed è importante rivolgersi sempre ad un brand conosciuto in quanto questo è un sinonimo di efficienza del prodotto ma, soprattutto, di utilizzo di materiali di qualità e sicuri. Bisognerebbe sempre preferire delle aziende che poi risultino presenti anche nella fase di post-vendita, qualora aveste bisogno di riparare l’apparecchio, acquistare un pezzo di ricambio oppure contattare il servizio di assistenza clienti per qualsiasi evenienza.
Nell’ambito della produzione di planetarie il marchio leader indiscusso del settore è sicuramente la Kenwood, con la sua linea di impastatrici semplici o robot da cucina più complessi che, oltre ad impastare, permettono di sfruttare tantissime altre funzioni, tra cui quelle di cottura, e acquistare una serie di accessori extra. A seguire, troviamo il marchio KitchenAid che offre planetarie efficienti e funzionali e si distingue soprattutto per l’attenzione che viene dedicata all’estetica del corpo macchina che, oltre a essere un vero e proprio oggetto di design, è anche disponibili in numerose e vivaci tonalità che accontentano i gusti più disparati. Tra gli altri brand noti e diffusi citiamo, inoltre, Electrolux, Moulinex, Bosch, Klarstein, Ariete e G3 Ferrari.

Quanto costa una planetaria?

Il prezzo delle impastatrici planetarie oscilla in maniera davvero considerevole: troviamo modelli dal costo di circa 60 € fino a modelli che invece superano i 1000 €. Come mai esiste una tale variabilità? Quello che è importante sapere prima dell’acquisto di una planetaria è che il prezzo è un valore indicativo di alcune caratteristiche del prodotto in questione, quali le funzioni che può svolgere, la capacità della ciotola, gli accessori in dotazione e i materiali di cui è composto. Il prezzo è quindi un fattore importante perché vi aiuta a includere oppure escludere dalla lista dei modelli tra cui volete scegliere la vostra planetaria: se, ad esempio, vi interessa un apparecchio per preparare impasti per l’intera famiglia e che includa anche altri componenti aggiuntivi per svolgere altre azioni in cucina (come frullare e tritare, ad esempio), allora dovrete necessariamente riferirvi a modelli di fascia di prezzo alta (oltre 400 €). Al contrario, se state cercando la vostra prima planetaria o, magari, desiderate un modello essenziale senza troppe pretese, allora un prodotto di fascia di prezzo bassa (circa 100-150 €) farà al caso vostro senza deludervi. O, ancora, considerate la frequenza d’uso dell’apparecchio: è sconsigliabile risparmiare su una planetaria che si intenda utilizzare con cadenza quotidiana o comunque molto frequente.

Che differenza c’è tra planetaria e Bimby?

Quando si parla di planetaria si tende spesso a fare confusione tra le caratteristiche di questo apparecchio e quelle dei robot da cucina multifunzione, come ad esempio il Bimby prodotto da Vorwerk. Entrambi gli strumenti sono molto utili in cucina, ma hanno una differenza fondamentale nella loro funzione primaria: la planetaria è più indicata per realizzare grandi quantità di impasti sia duri che morbidi, il robot da cucina multifunzione è invece più indicato per la cottura degli alimenti attraverso specifici programmi automatici, funzione che si affianca a quelle del classico robot da cucina (sminuzzare, tagliare, miscelare etc.).
Se siete quindi alla ricerca di una macchina che vi aiuti a preparare impasti per pane, pizza o dolci, la planetaria è quello che fa per voi. Nonostante alcuni modelli di robot da cucina siano attrezzati per impastare, non lo fanno con il movimento planetario che permette di lavorare quantità maggiori e realizzare impasti più omogenei.
Se cercate perlopiù un tuttofare che vi assista nella realizzazione di un piatto dall’inizio alla fine (preparazione degli ingredienti e cottura), allora vi consigliamo di orientarvi verso il robot da cucina multifunzione. Infatti, se è vero che alcune planetarie hanno funzioni extra come la cottura integrata e accessori per tritare o frullare, si tratta comunque di modelli appartenenti a una fascia di prezzo elevata ed è spesso necessario acquistare a parte i vari optional per ottenere una simile varietà di lavorazioni.

Si può impastare senza glutine con la planetaria?

Realizzare a mano un impasto con una farina senza glutine (mais, grano saraceno, riso etc.) è molto più difficile rispetto alle farine “classiche” (frumento, segale, orzo), perché il glutine funge da addensante e conferisce elasticità alla preparazione. Lavorando a lungo l’impasto è possibile attivare il glutine rendendo la pasta gradualmente più soda e compatta. Quando invece manca il glutine a fare da collante tra acqua e farina è più difficile legare gli ingredienti e si rischia di ottenere un impasto troppo liquido o, viceversa, troppo farinoso. Per fortuna le planetarie ad uso domestico permettono di impastare con facilità anche le farine senza glutine, lavorazione un tempo possibile solo con i macchinari delle cucine industriali. Se quindi soffrite di celiachia o intolleranza al glutine, ma non volete rinunciare a consumare prodotti da forno, le planetarie sono la migliore alternativa in circolazione per realizzare queste preparazioni in casa.


Copyright Klikkapromo srl – È vietato ogni sfruttamento non autorizzato

Domande e risposte su Planetaria

  1. Domanda di tais | 13.01.2020 22:04

    ciao sto cercando una planetaria per fare panini tutti i giorni 2 kg che faccia 20 min di lavorazione . pensavo kitchenaid artisan 300wtt consigli?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 20.01.2020 10:53

      Per l’uso intensivo che vuoi farne ti consigliamo l’acquisto della Kenwood Chef XL Titanium KVL8320S

  2. Domanda di Simonetta | 14.11.2019 05:59

    Buongiorno, vorrei acquistare una kenwood kvl6335s.. Vorrei sapere se per 1kg o anche 1,5 di farina per pasta fresca puo andare bene. Grazie

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 18.11.2019 11:40

      Sul sito del produttore trovi tutte queste informazioni nella scheda tecnica del prodotto.

  3. Domanda di Paola Bonfanti | 11.08.2019 11:53

    Vorrei acquistare 1 Planetaria che impasti 1 kg di farina per fare pizza. Qual è quella con il miglior qualità-prezzo.circa 300€ più o meno

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 13.08.2019 11:52

      Date le tue esigenze ti consigliamo la Kenwood Chef XL KVL4170S una planetaria davvero molto capiente ed efficiente.

  4. Domanda di mart | 12.06.2019 11:27

    La userei per pizza, pane, torte e pasta all’uovo, indicativamente per 1kg di farina, e vorrei avesse la resistenza, per preparazioni di pasticceria.

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 13.06.2019 08:41

      Date le tue esigenze ti consigliamo di dare uno sguardo alla nostra recensione della Kenwood Cooking Chef KCC9060S un prodotto che corrisponde perfettamente alle tue necessità.

  5. Domanda di Primo | 18.05.2019 17:17

    X ottenere 700 gr di pasta semola 2 volte a settimana con Kenwood. Un dono per mia moglie non ha prezzo. Grazie e Saluto.

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 20.05.2019 09:17

      date le tue esigenze ti consigliamo l’acquisto di questa planetaria Kenwood Chef XL Elite KVL6330S

  6. Domanda di maria | 26.03.2019 18:22

    cerco una macchina che mi impasti pane,pizza,dolci,pasta e che possa farmi fare diverse tipologie di pasta corte e lunghe per la mia famiglia

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 29.03.2019 09:15

      Date le tue esigenze ti consigliamo l’acquisto della Kenwood Chef XL Elite KVL6330S

  7. Domanda di Gennaro | 18.02.2019 18:04

    Salve vorrei acquistare una planetaria potente con capacità 1/2 kg di farina per pizza preferibilmente Kenwood grazie

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 21.02.2019 10:22

      Date le tue esigenze ti consigliamo l’acquisto della Kenwood Chef XL Titanium KVL8320S

  8. Domanda di enrica | 17.01.2019 22:30

    acquisterei una plan Kenwood kvl8300s o kvc7300s o kvl6300s ma sono indecisa . inoltre gli accessori del multichef ariete(stesso gruppo)si adattano gr

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 18.01.2019 14:20

      Non è possibile utilizzare altri accessori oltre a quelli Kenwood.

  9. Domanda di Stefania | 11.12.2018 23:08

    Sono indecisa se allo stesso prezzo acquistare kenwood KM631 900w 6,7l o kenwood KMX750RD kmix 1000w capienza quasi 5l… quale è più valida?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 12.12.2018 08:38

      Dipende dalle tue esigenze: la differenza è soprattutto legata alla capacità della ciotola quindi se sei abituata a preparare grandi quantità di impasti meglio optare per la KM631.

  10. Domanda di Matteo | 30.11.2018 15:43

    Vorrei acquistare impastatrice per fare pizza ad alta idratazione (80%) con 0,4kg di farina.Meglio Cookmii 1500W o Klarstein TK2 Bella?Budget 100/150€

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 03.12.2018 10:46

      la Klarstein TK2 Bella è adatta alle tue esigenze.

La migliore
Kenwood Cooking Chef XL KCL95.424SI

Kenwood Cooking Chef XL KCL95.424SI

Migliore offerta: 1.508,90€

Il miglior rapporto qualità prezzo
Moulinex Masterchef Grande QA810D

Moulinex Masterchef Grande QA810D

Migliore offerta: 203,18€