Le migliori carte di credito del 2018

Confronta le migliori carte di credito del 2018 e leggi la nostra guida all'acquisto.

Quale carta di credito scegliere

La scelta della carta di credito viene in tanti casi subordinata alla scelta del conto corrente: la maggior parte di noi, cioè, sceglie un conto corrente e "si accontenta" delle carte di credito che la banca ci offre insieme ad esso. Se ci accontentiamo è chiaramente perché non abbiamo esigenze particolari e le caratteristiche delle carte che ci vengono offerte soddisfano le nostre necessità. Queste solitamente si riducono a qualche considerazione sul limite di spesa mensile, l'ammontare del canone e la possibilità di usare la carta per fare spese online e fuori dall'Italia.Carte di credito
Ci sono però altre caratteristiche delle carte di credito che può valere la pena considerare, per cui in qualche caso può essere opportuno fare l'opposto, cioè scegliere il conto corrente in base alla carta offerta con esso. Oppure ancora si può scegliere una carta del tutto slegata da un conto corrente, ma di questo parleremo meglio tra poco. Vediamo allora tutte le cose da sapere sulle carte di credito.

1. I circuiti

Carta di credito MasterCardCominciamo col parlare dei circuiti di pagamento usati dalle carte di credito. Tutti abbiamo familiarità con i nomi VISA e MasterCard, ma la differenza tra questi due circuiti non è molto chiara. Diciamo allora prima di tutto che entrambi sono metodi di pagamento: alle società VISA e MasterCard noi utenti non paghiamo nulla, sono le banche a pagarle per avere la possibilità di emettere carte di credito che utilizzino i loro metodi di pagamento. Il canone, i costi e i servizi relativi alla carta di credito non dipendono dunque dal circuito cui essa appartiene, ma unicamente dalla banca che l'ha emessa.
Carta di credito VISAPer l'utente medio non vi sono significative differenze tra l'uno e l'altro circuito: entrambi sono ampiamente in uso sia in Italia sia all'estero, online e offline. Le principali differenze riguardano le cosiddette "reward", ovvero i servizi e gli sconti a disposizione dei sottoscrittori di carte dal plafond più elevato.
Altre piccole differenze riguardano l'utilizzo all'estero delle carte, che se per un viaggio occasionale non sono particolarmente importanti, possono fare la differenza per chi viaggia davvero tanto, per lavoro o per svago. In particolare:

  • Il circuito VISA è significativamente più diffuso a livello globale, e le carte su questo circuito sono accettate da più esercizi
  • Se dovete prelevare contanti all'estero, sappiate che VISA applica dei tassi di cambio inferiori rispetto a MasterCard
  • A livello globale ci sono significativamente più sportelli Bancomat abilitati al circuito VISA che non a MasterCard

American Express e Diners Club

Un discorso a parte va fatto per le carte American Express e Diners Club. Al contrario di quanto detto per i circuiti VISA e MasterCard, in questo caso le società che emettono le carte intrattengono un rapporto diretto con i clienti, senza la mediazione di una banca. Questo da un lato comporta il vantaggio di poter richiedere la carta indipendentemente dal conto corrente che abbiamo, dall'altro comporta però qualche svantaggio.Carta di credito American Express
Il principale è che i circuiti di queste due carte sono molto meno estesi rispetto a quelli VISA e MasterCard, per cui può capitare di frequente che queste non siano accettate da un esercizio, anche online (bisogna dire che Diners se la cava meglio perché ha stretto una partnership con MasterCard per potersi appoggiare al suo circuito). Un altro svantaggio è che, essendo indipendenti dalle banche, queste due società si sostentano attraverso le commissioni e gli interessi sullo scoperto: entrambi sono particolarmente salati, soprattutto a confronto con quelli dei circuiti VISA e MasterCard.
Carta di credito Diners ClubNon a caso le carte American Express e Diners Club sono generalmente percepite come carte "da ricchi": oltre ai costi superiori, le due società offrono programmi di reward particolarmente lussuosi, come l'accesso a lounge riservate negli aeroporti, l'accumulo di miglia gratis (da spendere in viaggi aerei) ad ogni spesa, e altri privilegi di alto livello.
Un'ultima differenza sostanziale rispetto alle carte di credito VISA e MasterCard è che tutte le carte Diners e AMEX non hanno un limite di spesa prefissato, e andrebbero dunque più correttamente chiamate carte di pagamento. Questo non significa che la carta si possa usare indiscriminatamente: l'autorizzazione dei pagamenti viene comunque sottoposta a uno scrutinio del vostro reddito, delle vostre spese abituali e della vostra regolarità nei pagamenti, per cui se avete spese straordinarie da fare conviene sempre avvisare anzitempo la società.

CartaSì

In Italia esiste poi anche CartaSì, che rappresenta una soluzione un po' ibrida: le carte del circuito CartaSì possono infatti essere richieste a una delle tantissime banche partner (e in questo caso i costi saranno dettati dalla banca), sia richieste direttamente alla società e appoggiate su qualunque conto italiano. Carta di credito CartaSìLe CartaSì si possono appoggiare sia al circuito VISA sia a quello Mastercard, e possiamo scegliere noi quale dei due preferiamo. Inoltre, sia che richiediamo la carta alla nostra banca sia che la emetta direttamente CartaSì, avremo sempre accesso alle funzionalità di CartaSì: potremo cioè tenere la carta sotto controllo attraverso l'app mobile o il portale web, ricevere gli avvisi via SMS o app per ogni spesa effettuata, fare spese online in sicurezza grazie al sistema di verifica.

2. Plafond e costi

Chiarito cosa cambia da un circuito all'altro, veniamo a uno dei criteri fondamentali nella scelta della carta di credito, ovvero il plafond, il limite di spesa mensile. Questo in alcuni casi viene anche chiamato "affidamento" o "fido", dato che si tratta di una vera e propria concessione di credito che non risulta in un addebito immediato in conto corrente, bensì in un saldo a posteriori. Insomma, prima spendiamo e poi paghiamo.
Come ogni concessione di credito, anche l'emissione di una carta di credito tiene conto del vostro profilo finanziario: viene insomma valutata la vostra capacità di ripagare il credito per concedervi un affidamento più o meno ampio.
Carte di credito assortiteTipicamente alle persone con un normale reddito da lavoro dipendente, senza una storia di protesti alle spalle, viene proposta una carta di credito dal plafond "base" di 1.500 €, che è poi il limite di spesa tipico per le carte offerte di default insieme all'apertura di un conto corrente. Per necessità di spese superiori sono disponibili naturalmente carte con plafond più elevato, che includono nella quota annuale anche premi e servizi esclusivi, ad esempio un'assicurazione sulla carta stessa. Possiamo dunque richiedere carte di credito con un plafond di 3.000, 5.000 o 10.000 €, mentre per le aziende si può andare anche oltre i 25.000 €. Tenete presente che naturalmente all'aumentare del limite di spesa e dei servizi inclusi nel canone annuale corrisponde un consistente aumento dello stesso canone.

Le spese fisse

Alla carta di credito sono connesse alcune spese fisse di mantenimento. La principale è naturalmente il canone annuo, che nella migliore delle ipotesi, quando la carta è offerta insieme a un conto corrente, è gratuito. In tutti gli altri casi, la quota va dai 35 € circa fino a un massimo di 130 € per le carte dal plafond più elevato.
Al canone annuale si somma l'imposta di bollo sulle spese effettuate con carta di credito, pari a 2 € da pagare ogni volta che le spese con carta eccedono i 77,47 €: se l'estratto mensile della carta riporta cioè spese superiori a questa soglia, troverete nel rendiconto anche i 2 € prelevati per il pagamento dell'imposta. In qualche caso, per la verità non molto frequente, si addosserà la vostra banca il pagamento di questo balzello, ma in generale possiamo dire che non si scappa, l'imposta è dovuta e prelevata in automatico. Ne sono esonerate le carte di credito prepagate, di cui parleremo meglio più avanti.Carta di credito prelievo
Ci sono poi le commissioni: queste si applicano alle transazioni (cioè le spese) fatte con carta di credito, sia online, sia negli esercizi fisici. La buona notizia in questo senso è che dal giugno 2016 è entrato in vigore il tetto unico alle commissioni sui pagamenti con carta di credito, fissato ora a un massimo dello 0,3% del totale della spesa (pensate che prima la quota poteva anche arrivare al 4% a seconda della banca!). Questo discorso vale finché si resta nel proprio Paese di residenza: usare la carta all'estero comporta commissioni comunque più alte, soprattutto se uscite dall'area dell'Euro, e anche i tassi di cambio applicati se prelevate contanti all'estero variano da carta a carta, per cui controllate bene queste voci sul vostro contratto, soprattutto se siete dei viaggiatori assidui.

3. Saldo

Al di là del limite di spesa, esistono diversi tipi di carte di credito che si differenziano per le modalità di rimborso delle spese effettuate. Abbiamo detto infatti che usando la carta di credito la banca ci anticipa alcune spese, che dobbiamo poi rimborsare in qualche modo. Vediamo sinteticamente i vari tipi di carta di credito:

A saldoRimborso in unico addebito da 30 a 45 gg.
RatealeRimborso a rate ad importo fisso
RevolvingRimborso a rate ad importo variabile
PrepagataRimborso immediato scalato dall'ammontare caricato sulla carta

Carte a saldo

Le carte di credito a saldo sono quelle classiche, le "originali": facciamo le nostre spese con la carta di credito e il mese successivo rimborsiamo la banca in toto, in un'unica soluzione. La data di addebito del rimborso può cadere dal giorno 1 al 15 del mese successivo, e comprenderà se pertinente l'imposta di bollo.

Carte rateali e revolving

Nel caso delle carte rateali e revolving, rimborsiamo le spese che abbiamo fatto con la carta a rate mensili anziché in unica soluzione. Questo può tornare molto comodo se abbiamo bisogno di tenere sotto controllo i prelievi dal nostro conto corrente, perché abbiamo una disponibilità generalmente bassa. La differenza tra i due tipi di carte è che, mentre quelle rateali prevedono una rata fissa, indipendente dall'ammontare che abbiamo speso (ad esempio 70 €/mese fissi, sia che abbiamo speso 100 € sia che ne abbiamo spesi 500), con le carte revolving la rata variabile si adatta alle spese che abbiamo fatto. Quindi se abbiamo speso 100 € possiamo rimborsare 20 €/mese per 5 mesi, mentre se ne abbiamo spesi 500 possiamo scegliere di rimborsare 50 € per 10 mesi e così via. Possiamo anche cambiare l'ammontare della rata in corso di rimborso, se ad esempio la nostra disponibilità si alza temporaneamente.Carta di credito revolving
Lo svantaggio delle carte a rimborso rateale è che dovremo pagare un piccolo interesse sulle rate, come sempre accade quando chiediamo un finanziamento (pensate alle rate della macchina o al mutuo sulla casa): finiremo quindi col rimborsare alla banca più di quanto abbiamo effettivamente speso. Ad ogni modo con entrambi i tipi di carte possiamo anche scegliere di saldare il debito in unica soluzione, così da non incorrere negli interessi ad ogni rata.

Carte ricaricabili

Le carte ricaricabili sono esattamente quello che il nome suggerisce: carte prepagate su cui verseremo noi anticipatamente i soldi che spenderemo poi nei nostri acquisti. Anziché saldare il conto a posteriori, quindi, accantoneremo dei fondi sulla carta per poterli spendere in seguito. Le carte di credito ricaricabili o prepagate hanno funzionalità analoghe a quelle di una carta normale, si appoggiano sui circuiti VISA o MasterCard e funzionano tanto per i pagamenti online quanto per quelli nei negozi. Non andremo dunque incontro né agli interessi caratteristici delle carte rateali, né al rischio di andare in rosso come può capitare con le carte a saldo: i fondi necessari al pagamento sono già presenti sulla carta e prelevati immediatamente da essa. Carta di credito ricaricabileOvviamente sta a noi ricordarci di tenere la carta ben rifornita, dato che la presenza di fondi è vincolante per effettuare i pagamenti.
Non c'è naturalmente in questo caso un limite di spesa, bensì un limite di disponibilità, ovvero a quanti soldi potete avere sulla carta: normalmente questo non supera i 5.000 €.
Questa tipologia di carta è particolarmente popolare tra i giovani e giovanissimi, soprattutto se non ancora indipendenti dalla famiglia: possono essere usate all'estero durante le vacanze-studio, per gli studenti fuori sede sono un modo molto pratico per ricevere e amministrare la "paghetta" proveniente dai genitori e i costi di gestione sono pressoché nulli in confronto alle carte "normali". Il lato negativo però è che spesso l'assistenza non è tempestiva come nel caso delle carte vere e proprie, e ad esempio ci vogliono fino a due settimane per avere una copia della carta smarrita.

Carte conto

Le carte conto sono un'evoluzione delle ricaricabili, e possono anche venire chiamate "conto corrente tascabile". Si tratta infatti di carte del tutto disgiunte e indipendenti da un conto corrente presso un istituto di credito, dotate però di un IBAN così che sia possibile ricevere direttamente sulla carta il proprio stipendio o pensione. Sono associate a un servizio di home banking, per cui è anche possibile effettuare bonifici e domiciliazioni direttamente sulla carta di credito. Ecco dunque perché è come avere il conto corrente in tasca: richiediamo una carta di credito e ci ritroviamo con le stesse funzionalità di un conto corrente, senza aver messo piede in banca.Carta di credito online
Come per le ricaricabili, il prelievo è immediato e non si incorre dunque né negli interessi per il pagamento rateale (che non è previsto), né nell'imposta di bollo sulle spese con carta di credito. Eppure la carta funziona sui circuiti VISA e/o MasterCard, anche online e anche all'estero. Il vantaggio rispetto ai conti correnti e alle carte tradizionali è un costo di gestione molto più basso, con lo svantaggio però di non poter accedere ad alcuni servizi tipici dei conti correnti (come un affidamento).
Anche in questo caso non c'è un limite di spesa mensile, ma uno di disponibilità: sostituendo potenzialmente un conto corrente, una carta conto ha una soglia di disponibilità molto alta, fino a 50.000 €.

4. Servizi

Infine, non dimentichiamoci che una carta di credito è normalmente accompagnata da una serie di servizi utili, accessibili online e telefonicamente. Ci riferiamo soprattutto ai sistemi di sicurezza, utili per tenere sotto controllo i movimenti effettuati con la carta, per bloccarla tempestivamente in caso di furto o sospetta clonazione e per richiedere rimborsi o copie della carta smarrita.

Avvisi in tempo reale

Con alcune carte è possibile attivare, presso la banca che le rilascia o online, un servizio di notifica in tempo reale per ogni spesa effettuata. Gli avvisi possono essere inviati a un numero di cellulare sotto forma di SMS, oppure, in quei casi in cui è possibile installare un'apposita applicazione, come notifiche all'interno dell'app.Carta di credito pagamento mobile
Lo scopo è semplice: ad ogni acquisto che fate con la carta ricevete subito una notifica che vi segnala quale pagamento è stato autorizzato, così da poter verificare la correttezza del pagamento. Oltretutto, se non avete acquistato niente e ricevete una notifica di spesa, potete legittimamente sospettare che la vostra carta sia stata clonata, e potete quindi tempestivamente bloccarla e annullare la transazione sospetta.

Supporto clienti

Tutte le carte di credito offrono un supporto clienti cui rivolgersi per qualunque necessità, dal blocco della carta all'attivazione di servizi. In tutti i casi vi verrà sempre comunicato un numero telefonico da contattare in caso di bisogno generico, e a volte uno specifico da chiamare per le emergenze, come lo smarrimento o la clonazione della carta. Per queste evenienze è solitamente disponibile anche un numero da chiamare specificamente per ricevere assistenza mentre ci si trova all'estero.
Carta di credito supporto clientiIn alcuni casi il supporto clienti è attivo anche online, attraverso pagine informative che rispondono alle domande più frequenti, soddisfano i bisogni generici dei clienti e permettono di attivare in remoto alcuni servizi.
Mentre la fruibilità delle informazioni e funzioni online è ovviamente disponibile senza limiti d'orario, l'assistenza telefonica è a volte soggetta a delle limitazioni e disponibile solamente in orario d'ufficio. Discorso diverso per l'assistenza d'emergenza che deve necessariamente essere disponibile ad orario continuato.

Sicurezza online

Infine, dato che le carte di credito sono sempre più usate anche per gli acquisti online, tutte hanno ormai qualche sistema di sicurezza che previene la clonazione della carta. Al di là di una esaustiva informazione al cliente su come evitare le più plateali frodi online e il phishing, solitamente per effettuare un pagamento online è in essere un sistema di sicurezza allo scopo di bloccare le transazioni se chi le effettua non dimostra di essere il legittimo proprietario della carta. Questa verifica avviene in generale attraverso l'uso di password o codici di conferma monouso che vengono o inviati all'intestatario sotto forma di SMS, o predefiniti dall'intestatario stesso a monte della transazione. Basta inserire il codice o password in un apposito campo per confermare la transazione in sicurezza.

Domande e risposte su Carta di credito

  1. 0
    Domanda di Pippo | 16 maggio 2017 at 19:04

    Sulle carte conto è possibile domiciliare il pagamento a rate?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 17 maggio 2017 at 09:34

      Tendenzialmente sì, le condizioni però vanno verificate con l’istituto di riferimento.

  2. -1
    Domanda di Marco Martinez | 2 marzo 2018 at 18:40

    C’è un limite di spesa minima mensile per le carte a saldo?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 8 marzo 2018 at 12:36

      Sì, quasi tutte le carte a saldo hanno un limite di spesa minimo. Lo trovi nella tabella sotto la voce “plafond”.

  3. -1
    Domanda di Rosa | 28 settembre 2017 at 10:16

    quali carte di credito in italia sono indipendenti dalle banche?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 2 ottobre 2017 at 10:38

      Nella nostra pagina ci occupiamo principalmente di carte credito associate ai conti correnti, ma se vuoi informarti a riguardo ti consigliamo di cercare risultati per “carta conto”. Mastercard, ad esempio, offre questo servizio.

  4. -1
    Domanda di DAVIDE | 13 agosto 2017 at 01:26

    Quali sono le carte di credito a saldo con addebito a 45 giorni lavorativi?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 29 agosto 2017 at 17:44

      Le carte con un rimborso in unico addebito da 30 a 45 gg si possono trovare nella tabella sotto la dicitura “A saldo”.

"Carta di credito": hai dubbi? Facci una domanda!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!
Ogni settimana informazioni preziose sui migliori prodotti ai migliori prezzi sul mercato. Inserisci la tua email qui sotto e clicca su iscriviti!