Le migliori sedie da gaming del 2020

Confronta le migliori sedie da gaming del 2020 e leggi la nostra guida all'acquisto.

Arozzi Verona V2

La migliore

TipologiaRacing
Capacità di carico130 kg
Supporto lombare
Supporto per la testa
ImbottituraSchiuma ad alta densità
RivestimentoEcopelle
Altezza seduta42-50 cm
Punti forti
  • Imbottitura di ottima qualità
  • Diverse regolazioni possibili
  • Facile da pulire
Punti deboli
    Nessuno

Gtplayer GTP726784

Il miglior rapporto qualità prezzo

TipologiaRacing
Capacità di carico150 kg
Supporto lombare
Supporto per la testa
Imbottituran/d
RivestimentoFinta pelle
Altezza seduta42 - 50 cm
Punti forti
  • Diverse regolazioni possibili
  • Adatta anche all'ufficio
Punti deboli
    Nessuno

Trust Gxt 705 Ryon

TipologiaRacing
Capacità di carico150 kg
Supporto lombare
Supporto per la testa
ImbottituraSchiuma ad alta densità
RivestimentoEcopelle
Altezza sedutan.d.
Punti forti
  • Adatto ad altezza dai 160 ai 190 cm
  • Buon rapporto qualità-prezzo
Punti deboli
    Nessuno

Songmics OBG56L

TipologiaRacing
Capacità di carico150 kg
Supporto lombare
Supporto per la testa
ImbottituraND
RivestimentoFinta pelle
Altezza seduta45-55 cm
Punti forti
  • Prezzo molto contenuto
  • Facile da pulire
Punti deboli
    Nessuno

Gamewarez Arctic Blizzard 2.0

TipologiaA sacco
Capacità di caricoIllimitata
Supporto lombare
Supporto per la testa
ImbottituraMicrosfere di EPS
RivestimentoTessuto sintetico
Altezza seduta20-30 cm
Punti forti
  • Perfetta per il gioco con console
  • Poco ingombrante
  • Non richiede montaggio
Punti deboli
    Nessuno
Ilaria.fioravanti
Autore
Ilaria

I fattori decisivi per la scelta della sedia da gaming

Tipologia

Qualunque dispositivo si utilizzi per il gaming, dal PC alle console, uno dei fattori che può influenzare in modo più significativo una sessione di gioco è proprio la comodità della seduta. Come qualunque altra attività che richieda non solo di stare seduti per diverse ore, ma anche di utilizzare un controller, una tastiera o un mouse, anche il gaming può portare a diversi dolori e disturbi alla schiena, al collo e ai polsi. Per questo negli ultimi anni si è sviluppato in modo particolare un mercato molto esteso che mette a disposizione di tutti gli utenti sedie pensate appositamente per il gaming, in grado di soddisfare ogni esigenza e di rientrare anche in budget limitati. Sono diversi i fattori da considerare prima di acquistare un prodotto di questo tipo, il primo dei quali riguarda proprio la tipologia della sedia stessa. Sono quattro i design più comuni per le sedie da gaming, ognuno con caratteristiche particolari:Sedie da gaming tipologie

  • A sacco: si tratta del classico puff ed è tra i prodotti più economici, ma non presenta mai funzioni aggiuntive o caratteristiche ergonomiche adatte a chi passa diverse ore davanti allo schermo per giocare. Alcuni modelli pensati appositamente per il gaming assicurano comunque un supporto più rigido per la schiena e per la testa, per cui è importante selezionare un prodotto adatto a questo utilizzo;
  • Racing (o da corsa): sono le sedie da gaming più diffuse in assoluto e solitamente possono offrire diversi tipi di regolazioni, che le rendono ideali anche per sessioni di gioco più lunghe. A seconda del modello prescelto e del budget a disposizione, inoltre, si trovano svariate combinazioni che possono includere o meno alcuni accessori che ne migliorano l’ergonomia, come vedremo meglio nel prossimo paragrafo;
  • Ufficio: le sedie da ufficio si distinguono da quelle da racing soprattutto per un design generalmente più sobrio ed elegante. Di norma assicurano una buona ergonomia e possono essere utilizzate sia per il lavoro che per il gioco durante tutta la giornata;
  • A dondolo: sono sedie non rialzate che vanno appoggiate direttamente a terra o dispongono di un piccolo piedistallo, ideali soprattutto per chi gioca con console, per chi non usa mouse e tastiera o che comunque non vuole sedere a una scrivania. Alcune tra queste sedie da gaming offrono funzioni aggiuntive interessanti, come l’integrazione di un sistema audio.Sedia da gaming puff

Ergonomia

La maggior parte dei gamer che decide di dotarsi di una postazione dedicata esclusivamente a console o PC può passare svariate ore consecutive di fronte allo schermo. Questo può tradursi in diversi problemi posturali, che a loro volta comportano dolori e talvolta l’insorgere di alcune patologie. Per assicurare il massimo comfort e far sì che l’utente non assuma posture scorrette, molte sedie da gaming, soprattutto di fascia medio-alta, sono dotate di svariati accorgimenti, in grado di limitare al massimo possibili problemi. Analizziamoli più nel dettaglio:

  • Regolazione dell’altezza: moltissime sedie da gaming, proprio come quelle utilizzate normalmente negli uffici, permettono di cambiare l’altezza della seduta a seconda delle proprie esigenze. Questo fa sì che si possa mantenere una posizione corretta, con i gomiti piegati a circa 90°, senza curvare la schiena e le spalle;
  • Braccioli: solitamente sono sempre equipaggiati nei modelli racing e da ufficio, mentre non sono mai presenti nei puff o nelle sedie a dondolo. Permettono di mantenere le braccia rilassate senza curvare troppo le spalle, e possono essere imbottiti oppure essere realizzati semplicemente in plastica. Possono essere particolarmente utili per il gioco su PC che richiede l’uso di mouse e tastiera, purché la sedia sia regolata a un’altezza adeguata;Sedia da gaming ergonomia
  • Supporto lombare: i dolori più diffusi in assoluto tra i gamer e chi siede molte ore al giorno davanti al computer interessano proprio la zona lombare, ovvero la regione più bassa della schiena. Questi possono anche estendersi fino alle gambe, comportando disagi importanti nella vita quotidiana e traducendosi nel lungo periodo in patologie gravi e dolorose. Per limitare questo problema la grande maggioranza delle sedie da gaming viene venduta con un supporto particolare (molto simile a un cuscino, la cui forma può variare a seconda del modello) il cui compito è evitare che la naturale curvatura della parte lombare venga accentuata eccessivamente. Questo può essere rimosso ed eventualmente sostituito, dato che non esiste una forma universale adatta a tutti gli utenti. Va ricordato infine che questo non è un rimedio vero e proprio ai dolori, ma può sicuramente limitarne l’insorgenza e aiutare a mantenere una posizione più corretta durante le sessioni di gioco;
  • Supporto per collo e testa: i dolori al collo, soprattutto alla zona cervicale (con relativi mal di testa o addirittura vertigini), sono il secondo disturbo più comune per chi rimane seduto davanti a uno schermo buona parte della giornata. Anche in questo caso, quando manca un adeguato supporto si tende a mantenere i muscoli rigidi e a curvare le spalle e il collo in avanti. Le sedie da gaming di buona qualità sono generalmente dotate di un poggiatesta che consenta di rilassare la muscolatura pur mantenendo una posizione che non influisce negativamente sul gioco;
  • Angolo di inclinazione: anche se sono relativamente poche le sedie che offrono un meccanismo di controllo dell’inclinazione avanzato, molte offrono la possibilità di reclinare leggermente lo schienale, semplicemente con l’appoggio del peso dell’utente. Cambiando inclinazione e, in generale, modificando più spesso la propria posizione, si stimola la circolazione del sangue e si allevia la pressione dalla schiena, riducendo la possibilità di sviluppare dolori. I modelli più avanzati permettono anche di evitare l’effetto “sedia a dondolo”, che può risultare scomodo durante il gioco;
  • Poggiapiedi: talvolta le sedie da gaming offrono anche un poggiapiedi integrato, grazie al quale è praticamente possibile trasformarla in una vera e propria poltrona. Va detto che questo può risultare comodo unicamente per chi gioca con un gamepad, mentre può risultare poco pratico se si deve sedere a una scrivania dotata di altre periferiche.Sedie da gaming postura

Materiali

Quando si sceglie una sedia da gaming uno degli elementi più importanti da considerare riguarda proprio i materiali con cui questa è realizzata. In primo luogo va analizzata l’imbottitura, che determina in una certa misura la longevità del prodotto. In secondo luogo va anche valutato il rivestimento, particolarmente importante per determinare quanto confortevole sarà la sedia stessa.

Imbottiture

Ci sono diversi materiali normalmente utilizzati per le imbottiture delle sedie da gaming, alcuni dei quali sono diffusi solo tra i modelli di fascia più alta. Vediamo i più comuni:

  • Fibra di poliestere: si tratta dell’opzione più economica in assoluto ed è utilizzata molto diffusamente nei cuscini per divani. Questo materiale è molto popolare non solo per il costo contenuto, ma anche per la sua resistenza alle muffe, per la possibilità di essere lavato e per le proprietà anallergiche. Nonostante questo, non offre un supporto vero e proprio e tende a perdere la forma originale in breve tempo, per cui non rappresenta una scelta ideale per qualunque seduta debba essere utilizzata per lunghi periodi;
  • Poliestere compresso: anche se rispetto alla fibra di poliestere è più resistente nel tempo, presenta comunque gli stessi svantaggi, perdendo progressivamente la propria forma con l’utilizzo. Se anche una sedia da gaming offrisse un buon livello di ergonomia, l’utilizzo del poliestere compresso annullerebbe completamente i suoi benefici nell’arco di un tempo limitato;Sedia da gaming materiali
  • Gommapiuma a media o alta densità (schiuma poliuretanica): la gommapiuma a bassa densità è spesso usata in modelli economici. Grazie a trattamenti particolari non è soggetta all’insorgenza di muffe, anche se non è impermeabile, e assicura un discreto supporto. Se però si cerca una sedia che duri nel tempo è consigliabile optare per la gommapiuma ad alta densità, più resistente e adatta anche un utilizzo intensivo. Nel caso in cui si potessero ottenere informazioni precise sulla qualità della gommapiuma, è consigliabile orientarsi su modelli con una densità di almeno 30 kg/m³, arrivando ai 50-70 kg/m³ nel caso in cui si voglia fare un investimento più duraturo;
  • Schiuma a celle aperte o chiuse: si tratta di materiali più costosi, molto meno comuni e usati in alcuni modelli di fascia alta. La schiuma a celle aperte è ideale per assicurare una buona traspirazione, mentre quella a cellule chiuse è completamente impermeabile e viene spesso utilizzata insieme ad altri materiali;
  • Memory foam: è un materiale ormai molto diffuso e utilizzato anche per la realizzazione di sedie da gaming di fascia media. È una schiuma in grado di adattarsi alla forma del corpo, aiutando così a mantenere una postura naturale. Un difetto di molte sedie, infatti, è quello di forzare l’utente a rimanere in una posizione eccessivamente rigida, portando a conseguenze negative per il corpo.

Rivestimento

Il rivestimento di una sedia da gaming è importante soprattutto per due motivi: ne determina infatti il livello di traspirabilità e quanto sia facile mantenerla pulita. Le opzioni sono generalmente limitate a due tipi di materiali:

  • Stoffa: nonostante diversi tipi di stoffa possano avere caratteristiche differenti, tutti assicurano un’ottima traspirazione, evitando di provocare un calore eccessivo e rappresentando una scelta ideale per chi soffre con le temperature più alte. Tuttavia, è più difficile da pulire e richiede una manutenzione più complessa, anche se molti modelli sono sfoderabili;
  • Finta pelle: è più economica rispetto alla stoffa e sicuramente è meno confortevole durante i mesi caldi, dato che causa facilmente sudorazione. Tuttavia è molto facile da pulire, e non è facilmente soggetta a macchie, un aspetto positivo per tutti coloro che mangiano o bevono durante le ore passate sulla propria sedia da gaming.Sedia da gaming rivestimento

Portata massima

Una breve nota va dedicata alla portata massima delle sedie da gaming. Questo dato deve sempre essere riportato dal produttore, e determina il peso massimo che la sedia è in grado di sostenere senza essere danneggiata. La maggioranza delle sedie da gaming può sopportare un carico di 100-120 kg, ma esistono anche alcuni modelli che raggiungono i 150 kg.

Funzioni aggiuntive

Anche se l’ergonomia e il design sono effettivamente gli elementi più rilevanti per moltissimi utenti, esistono anche alcune aggiunte che possono rendere una sedia da gaming ancora più interessante. Anche se queste sono limitate, possono comunque fare una grande differenza nel livello di coinvolgimento dell’esperienza di gioco.

  • Altoparlanti integrati: si trovano soprattutto nei modelli a dondolo, che grazie a dimensioni più ampie sono in grado di ospitare uno o più speaker. Normalmente sono anche disponibili dei comandi che permettono di controllare a distanza il volume, e spesso sono anche presenti delle porte audio per il collegamento delle cuffie. Questi altoparlanti possono essere facilmente connessi alle principali console o al proprio PC, e a seconda del loro posizionamento (possono trovarsi sul retro della sedia oppure sotto ai braccioli) possono rendere il gioco ancora più coinvolgente;
  • Sistema di vibrazione: questa funzione è più rara e si trova più spesso nelle postazioni di gioco complete (in particolare quelle pensate per i simulatori di guida), molto più costose delle normali sedie da gaming. Permette di avvertire alcune vibrazioni nei momenti salienti del gioco, proprio come succede con i controller. Altre sedie sono semplicemente massaggianti, come molte poltrone che già da molti anni offrono una funzione simile. Va detto che alcuni utenti potrebbero trovare fastidiosa una vibrazione estesa lungo il corpo e prolungata per diverse ore, per cui è consigliabile valutare se investire o meno cifre più alte per poterne usufruire.Sedia da gaming funzioni

Il prezzo è importante?

Il prezzo delle sedie da gaming è estremamente variabile e dipende in buona misura dalla qualità dei materiali impiegati e dal livello di ergonomia offerto. Un modello economico può costare dai 70 ai 150 €, utilizza materiali di scarsa qualità, ma include generalmente un supporto lombare e uno per la testa. Una sedia di fascia media va dai 150 ai 400 €, assicura una buona longevità e utilizza materiali più resistenti. I prodotti più costosi possono invece arrivare oltre i 1000 €, un prezzo che di norma viene giustificato non solo dall’ottima qualità dei materiali, ma anche dalle numerose funzioni legate all’ergonomia. Chiunque passi molte ore al giorno su una sedia di questo tipo dovrebbe sicuramente investire una cifra medio-alta per evitare serie conseguenze posturali.

La marca è importante?

Anche se il mercato è ricchissimo di prodotti realizzati da marchi poco noti, esistono alcune aziende che hanno ricevuto un particolare consenso da parte degli utenti grazie al buon rapporto qualità-prezzo delle proprie sedie da gaming. Acquistare un modello di marca può dare sicuramente maggiori garanzie, in particolare in caso di un utilizzo intensivo. In particolare ricordiamo Sharkoon, iTek, Ak Racing e DX Racer.


Copyright Klikkapromo srl – È vietato ogni sfruttamento non autorizzato

Quali sono le migliori sedie da gaming del 2020?

La tabella delle migliori sedie da gaming del 2020 scelte dalla redazione di QualeScegliere.it

Prodotto Migliore
offerta
Arozzi Verona V2
nessuna offerta
Gtplayer GTP726784
nessuna offerta
Trust Gxt 705 Ryon
nessuna offerta
Songmics OBG56L
nessuna offerta
Gamewarez Arctic Blizzard 2.0
nessuna offerta

"Sedia da gaming": hai dubbi? Facci una domanda!

Ecco i migliori due prodotti della categoria.

8 visitatori su 10 approfittano di queste offerte.

La migliore

Arozzi Verona V2

Migliore offerta: 229,99€

Il miglior rapporto qualità prezzo

Gtplayer GTP726784

Migliore offerta: 159,99€