I migliori tagliasiepi del 2024

Confronta i migliori tagliasiepi del 2024 e leggi la nostra guida all'acquisto.

oreonline
210,00 €
amazon
189,72 €
amazon
162,82 €
pskmegastore
120,61 €
amazon
123,99 €
agrieuro
229,99 €
agrieuro
189,72 €
agrieuro
162,82 €
yeppon
121,99 €
amazon
235,37 €
fera24
196,99 €
amazon
125,00 €
agrieuro
141,10 €
oreonline
142,50 €

Dati tecnici

Tipologia

Elettrico

A scoppio

Elettrico

Elettrico

A batteria

Potenza

670 W

650 W

600 W

550 W

18 V

Lunghezza lama

75 cm

70 cm

55 cm

55 cm

52 cm

Distanza tra le lame

21 mm

35 mm

27 mm

16 mm

15 mm

Numero di tagli al minuto

1500/min

n.d.

n.d.

1600/min

2200/min

Peso

4,4 kg

5,7 kg

3,5 kg

3,7 kg

2,3 kg

Spessore di taglio

21 mm

n.d.

25 mm

18 mm

n.d.

Punti forti

Spada lunga per siepi alte e profonde

Senza cavo

Lame di precisione tagliate al laser

Particolarmente maneggevole grazie alle 3 impugnature

Molto leggero

Ottimi sistemi di sicurezza

Lama molto lunga

La protezione antiurto protegge le lame durante il taglio vicino al terreno

Ottimi sistemi di sicurezza

Buone prestazioni

Motore potente per lavori difficili e prolungati

Adatto a tutti gli ambienti

Impugnatura facilitata dal manico ergonomico

Ideale per tagliare rami con precisione

Punti deboli

Pesante

Non può tagliare rami spessi

80 min autonomia

Spada corta, non adatta a potare siepi alte

Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa

Come scegliere il tagliasiepi

Chi è appassionato di fai da te e ha un bel giardino da curare con molti arbusti può sicuramente considerare l’acquisto di un tagliasiepi, un prodotto adatto tanto all’uso professionale quanto a quello domestico che vi permetterà di potare le vostre siepi con facilità. Il tagliasiepi è spesso associato a un prodotto simile: il decespugliatore. Questi due attrezzi possono essere usati entrambi per tagliare siepi e rametti ma hanno caratteristiche strutturali decisamente diverse. Il tagliasiepi serve infatti a dare, a mano, una forma definita agli arbusti, mentre il decespugliatore ha un’asta vera e propria che lavora a terra e si usa principalmente per rimuovere le erbacce in eccesso. La caratteristica principale del tagliasiepi, è la lunga spada dentellata che permette di lavorare su diverse angolazioni con una certa libertà di movimento.Tagliasiepi

Tipologie di tagliasiepi

In base al tipo di alimentazione è possibile distinguere tre diverse tipologie di tagliasiepi: quello elettrico, che funziona tramite corrente, quello a scoppio, che è alimentato da un motore a carburante, e quello a batteria.

Tagliasiepi elettrico

Questa tipologia di tagliasiepi è la più comune e si caratterizza per la presenza di un motore alimentato tramite corrente elettrica. Solitamente i tagliasiepi elettrici sono leggeri e pratici da maneggiare, e questo è il loro principale vantaggio. Lo svantaggio invece è che sarà necessario lavorare sempre nei pressi di allacci per la corrente.Tagliasiepi elettrico con cavo Allo stesso tempo il cavo lungo potrebbe rappresentare un ingombro e se avete un giardino più grande dovrete sicuramente dotarvi di prolunghe. Va detto che i tagliasiepi elettrici sono, tra potenza non troppo bassa, leggerezza e prezzo contenuto, i prodotti che offrono delle performance di buon livello. I tagliasiepi elettrici sono dei prodotti consigliati, specialmente se avete un giardino non troppo grande e semplice da gestire.

Tagliasiepi a scoppio

Questo tipo di tagliasiepi è utilizzato in contesti professionali, poiché il motore a scoppio è più potente e performante rispetto a quello elettrico. L’alimentazione dei tagliasiepi a scoppio può essere a benzina o a miscela: si tratta di due carburanti e questo sicuramente è uno svantaggio di questa tipologia. Essendo un motore vero e proprio questo necessita di una manutenzione molto più attenta, oltre al doversi procurare benzina o miscelarla con l’olio in base alle istruzioni contenute in confezione. Inoltre ovviamente questi tagliasiepi inquinano ed è importante non respirarne i fumi.Tagliasiepi motore a scoppio Un altro lato negativo è il peso superiore rispetto agli altri tagliasiepi. Sono quindi dotati spesso di una cinghia per assicurare meglio il tagliasiepi e non stancare troppo gli avambracci. Quando si parla di tagliasiepi professionale ovviamente si intende che questo lavoro, con le dovute pause, venga effettuato giornalmente e per alcune ore di seguito durante la giornata, quindi ovviamente un tagliasiepi a scoppio necessita dei dispositivi di protezione individuale previsti per legge. Gli aspetti positivi sono l’efficienza e la possibilità di lavorare in aree ampie senza corrente elettrica, quindi in giardini molto grandi, senza dover effettuare pause di ricarica, che come sappiamo possono essere anche molto lunghe.

Tagliasiepi a batteria

Anche in questa tipologia è presente un motore elettrico, anche di tipo brushless, molto simile a quello dei normali trapani o avvitatori, che viene però alimentato da una batteria ricaricabile. Rispetto ai vantaggi, il tagliasiepi a batteria unisce una certa leggerezza e maneggevolezza del tagliasiepi elettrico alla possibilità di lavorare senza bisogno di corrente elettrica dei modelli a scoppio. Lo svantaggio principale invece è legato ai tempi di lavoro, che saranno sempre dipendenti dalla durata della batteria. Va anzitutto specificato che i tagliasiepi a batteria sono molto più pesanti dei corrispettivi con cavo elettrico, questo perché la batteria effettivamente ha un peso.Tagliasiepi a batteria caricatore Un altro punto in comune con i trapani è la possibilità, se avete un prodotto della stessa marca, di poter utilizzare la stessa batteria di altri elettroutensili, ovviamente controllandone prima sulle schede online la compatibilità. A livello di potenza, questa tipologia di prodotto è storicamente la meno performante, ma gli ultimi modelli, con batterie anche di oltre 60V per i prodotti più costosi, riescono a lavorare praticamente come un prodotto con cavo elettrico. Considerate che solo pochi anni fa era raro trovare degli elettroutensili con batteria a 20V: l’avanzamento tecnologico delle batterie al litio fa realmente la differenza per tutti questi prodotti che necessitano di molta potenza per poter lavorare bene. Tuttavia, se avete da lavorare su arbusti e siepi robuste, dovrete orientarvi su un prodotto con motore a scoppio.

Motore

Il motore dei tagliasiepi assomiglia a quello della maggior parte degli elettroutensili in commercio, con cui condivide molte delle fasi di manutenzione e alimentazione, nel caso delle batterie compatibili.

Motore elettrico

I motori elettrici, dei modelli sia a cavo che a batteria, contengono internamente due rotori che girano vorticosamente. Questi motori, esattamente come accade per i trapani, possono essere con spazzole o brushless. Vediamone in breve la differenza:

  • Motore con spazzole: la conduzione elettrica avviene tramite spazzole metalliche, soggette a usura e a ricambio periodico ogni 2-3 anni, anche in base all’utilizzo;
  • Motore brushless: i rotori girano con un sistema magnetico dalla velocità costante.

I motori brushless sono consigliati da praticamente tutti i punti di vista, e oggi occupano quasi totalmente i cataloghi dei prodotti di media e alta qualità. Esistono però, anche per prezzi piuttosto bassi, dei prodotti con spazzole decisamente performanti.

Motore a scoppio

Se vorrete orientarvi verso un tagliasiepi a scoppio anzitutto dovrete considerare il diverso peso, l’alimentazione tramite benzina o miscela, e la manutenzione. Si tratta di prodotti più potenti, proprio per l’utilizzo di un motore a scoppio. Generalmente il motore può essere a due o a quattro tempi, vediamone brevemente le differenze:

  • Motore a due tempi: più leggero e potente, ma con consumo di più carburante, per i modelli più semplici strutturalmente;
  • Motore a quattro tempi: più pesante e con una potenza costante, e un certo risparmio di energia, ideale per i lavori lunghi, quindi orientativamente per il professionista.

Potenza

Valutare la potenza in un tagliasiepi è molto importante, nonostante le diverse tipologie di motore. Con il termine potenza in questo caso intendiamo tanto il wattaggio massimo raggiungibile dal prodotto quanto la velocità di taglio. Nei tagliasiepi a scoppio il dato sulla potenza viene espresso in cavalli, che possono essere trasformati in watt con il calcolo: 1 CV=735 W. In base a queste caratteristiche sarà possibile distinguere tra tagliasiepi più o meno efficienti: ricordiamo che la valutazione di questo fattore dipende dalle vostre necessità specifiche. Vediamo nel dettaglio questi due aspetti appena citati.

Wattaggio

Questo valore consente di calcolare la potenza massima raggiungibile dal tagliasiepi. Conoscere il wattaggio è un primo fondamentale passo per capire qual è il prodotto più appropriato al tipo di siepi da tagliare: in base alla grandezza ed allo spessore dei rami potrete optare per un modello più o meno potente. In genere i tagliasiepi elettrici hanno una potenza di circa 600 W, i tagliasiepi a scoppio tra i 500 e i 1500 W e i tagliasiepi a batteria tra i 100 e i 300 W, ma chiaramente si possono trovare modelli anche più o meno potenti in base alla grandezza del prodotto, al tipo di motore utilizzato ed alla velocità del taglio. Quelli più compatti e maneggevoli ad esempio hanno una potenza massima che si aggira intorno ai 500 W: da tenere presente che un prodotto con una potenza minore sarà meno versatile e viceversa.

Velocità di taglio

Con questo termine s’intende quanti giri può effettuare la lama in un determinato lasso di tempo, calcolato in minuti o in secondi. Questo dato è strettamente collegato alla potenza: ad una maggiore potenza corrisponde un numero maggiore di giri al secondo e quindi una maggiore efficienza su rami più spessi o siepi più folte. Anche questo valore è da considerare in relazione alle proprie esigenze: per chi vuole un prodotto più versatile per tagliare i rami di diversi tipi di piante è consigliabile un modello che permetta dai 3.000 ai 4.000 giri al minuto, mentre chi cerca un tagliasiepi più semplice può acquistare anche prodotti meno veloci. Da tenere presente che questo valore è riportato con diciture diverse in base alle case produttrici: numero di giri a vuoto, numero di giri al secondo, numero di giri al minuto sono tre modi diversi di chiamare lo stesso valore.

Caratteristiche del taglio

Questo aspetto è molto importante quando si sceglie un tagliasiepi: la spada dotata di lame rappresenta infatti il componente principale di questi prodotti. Le diverse caratteristiche delle lame e della spada rendono i vari modelli in commercio più o meno adatti ai possibili utilizzi ed influiscono sia sulla qualità che sull’efficienza del prodotto. In questo fattore osserveremo quindi la lunghezza e lo spessore del taglio, nonché la distanza tra le lame.Tagliasiepi lama taglio

Lunghezza di taglio

Con questo termine si intende la lunghezza della spada: è proprio il movimento delle lame (mostrate nella foto sottostante) che sono posizionate lungo tutto il bordo a permettere al tagliasiepi di potare le siepi e di tagliare rami e ramoscelli. Una spada lunga consente di lavorare agevolmente su siepi che si estendono in altezza, tuttavia, dato l’ingombro maggiore, sarà più difficile effettuare tagli precisi. Al contrario una spada più corta permette una maneggevolezza ed una precisione maggiori, ma non potrà essere utilizzata per siepi o rami troppo alti. Per un prezzo più elevato è possibile trovare in commercio tagliasiepi che dispongono di una spada telescopica, ovvero allungabile: questi modelli sono tuttavia abbastanza costosi e vengono impiegati principalmente in ambito professionale. In generale il nostro consiglio è quello di considerare l’elemento lunghezza del taglio in relazione alle vostre necessità e soprattutto in base al tipo di piante presenti nel giardino in cui dovrete lavorare.
Tagliasiepi lunghezza di taglio

Spessore di taglio

Con questo termine s’intende lo spessore massimo del ramo che la spada è in grado di tagliare: anche questo valore dev’essere valutato partendo dalle proprie esigenze e dal tipo di siepi su cui dovete lavorare. I modelli più compatti ed economici presenteranno uno spessore di taglio tra i 15 e i 20 mm, mentre nei modelli più performanti questo valore può arrivare anche a 40 mm. Lo spessore di taglio consentito è chiaramente correlato alla potenza massima del motore: per tagliare rami più spessi è necessario un wattaggio maggiore. Possiamo quindi affermare che un tagliasiepi che consenta uno spessore di taglio maggiore sia dotato di maggiore potenza: ciò lo rende da un lato più versatile, ma comporta dall’altro un maggiore ingombro.
Tagliasiepi spessore di taglio

Distanza tra le lame

Come è facilmente intuibile, la distanza tra le lame è lo spazio che intercorre tra le lame presenti sul bordo della spada, un dettaglio ben visibile nella foto in alto. La variazione di questo valore permette una maggiore o minore facilità di sfoltimento. Lame più vicine si adattano meglio a siepi poco intricate di piccole dimensioni, mentre lame più distanti consentono di lavorare con facilità anche su ramificazioni fitte e intricate. Anche questo aspetto è da analizzare in base al tipo di ambiente in cui si deve lavorare: il valore della distanza tra le lame deve inoltre essere messo in relazione alle altre caratteristiche di taglio.

Funzioni integrate

Nonostante il tagliasiepi sia un articolo abbastanza semplice, anche in questo prodotto è possibile trovare funzioni integrate che consentono da un lato differenti possibilità di utilizzo, dall’altro maggiore sicurezza.
Questo elemento incide in maniera determinante sia sul prezzo che sulla qualità complessiva: la sua valutazione risulta quindi meno legata alle esigenze personali. Il nostro consiglio è quello di scegliere un tagliasiepi che offra diversi dispositivi di sicurezza e che permetta di lavorare sia sul fogliame che sui rami, in modo da ottimizzare la spesa ed avere un prodotto versatile ed efficiente. Vediamo nel dettaglio in cosa consiste la funzione sega, abbastanza diffusa nei tagliasiepi, e quali dispositivi di sicurezza è possibile trovare in questi apparecchi.

Funzione sega

Con questo termine si identifica una speciale tipologia di taglio che permette di lavorare oltre che su siepi fogliose anche su ramificazioni e piccoli pezzi di legno. Il termine funzione in questo caso potrebbe sembrare errato poiché per attivare questa modalità di taglio non è necessario né premere particolari pulsanti né inserire pezzi aggiuntivi, tuttavia è questa la parola utilizzata dalle case produttrici per indicare questa specificità propria di alcuni modelli di tagliasiepi. La funzione sega è consentita da speciali denti di taglio che si trovano sulla zona anteriore della spada e che permettono di potare agevolmente rami più o meno spessi a seconda del prodotto. Importante tenere presente che anche nei tagliasiepi più professionali si parla sempre di rami che non superano i 4 cm di spessore e abbastanza flessibili: per tagliare tronchi o rami più duri sarà necessario quindi dotarsi in ogni caso di una motosega.

Asta telescopica

Come menzionato, alcuni modelli sono inoltre dotati di un palo telescopico aggiuntivo che si collega al corpo macchina e ci consente di lavorare anche su siepi molto alte o alberi che necessitano di potatura. Molti di questi sono però prodotti entry-level di qualità non troppo elevata cercano di aggiungere in confezione diversi accessori intriganti per invogliare l’acquisto. Se avete un giardino che ha bisogno di un’asta telescopica vi consigliamo di orientarvi verso i modelli più costosi che ne prevedono l’aggancio, oppure di comprare direttamente un tagliasiepi a palo, che serve specificatamente per quella funzione. Le marche di riferimento per questi prodotti sono le più note degli elettroutensili di fascia alta, come ad esempio Ryobi, DeWalt e Makita. Ricordiamo che l’utilizzo dell’asta riduce la libertà di movimento e sarebbe più opportuno lasciare questo tipo di prodotti al giardiniere professionista.

Dispositivi di sicurezza

Un discorso a parte va fatto per la sicurezza di tutti gli strumenti da taglio, specialmente gli elettroutensili. Per quanto alcuni modelli siano infatti facili da utilizzare e accendere, rimangono comunque degli oggetti estremamente taglienti, specie quando azionati con l’energia elettrica. Quando sono accesi e soggetti a vibrazioni più o meno forti, inoltre, può diventare difficile mantenere la posizione corretta senza avere una presa salda. I tagliasiepi rientrano in questa categoria di dispositivi elettrici da taglio, essendo dotati di molteplici lame che si muovono a velocità elevata: diventa quindi fondamentale che il prodotto che acquistate sia dotato di svariati dispositivi di sicurezza, così da limitare al minimo la possibilità di ferirsi inavvertitamente mentre si lavora. Un taglio provocato da un tagliasiepi potrebbe rivelarsi infatti molto pericoloso e vogliamo sempre avvertire i nostri lettori: fate attenzione, leggete le istruzioni, indossate i DPI, ovvero i Dispositivi Personali di Protezione, tra cui guanti antitaglio, scarpe da lavoro, occhiali di protezione e cuffie per proteggere l’udito. Se necessario fatevi guidare da una persona esperta per familiarizzare con lo strumento. Molti modelli hanno già nel loro design degli accorgimenti che aumentano la sicurezza del dispositivo, altri hanno invece dei veri e propri dispositivi di sicurezza. I sistemi più diffusi sono:

Blocco automatico delle lame

Questo dispositivo consente il blocco automatico delle lame dopo qualche secondo di inutilizzo del tagliasiepi. Ciò risulta molto utile in lunghe sessioni di lavoro poiché vi consente di non dover spegnere e riaccendere il prodotto ogni volta che volete fare una pausa, ma soprattutto evita che il tagliasiepi arrechi danno all’ambiente circostante se inutilizzato.

Protezione per le mani

Con questo termine s’intende un componente in plastica posizionato tra il corpo macchina e la spada. La sua presenza consente di impugnare più agevolmente il tagliasiepi senza rischiare di toccare inavvertitamente le lame in movimento e fornisce inoltre un’utile protezione contro pezzetti di rami e fogliame. In alcuni casi questo componente aggiuntivo si presenta come un pezzo di plastica trasparente: ciò consente di vedere la siepe con precisione e rappresenta sicuramente un vantaggio. In alcuni casi è fatto in plastica morbida, e ciò non rappresenta un problema, perché fornisce comunque la protezione necessaria all’utilizzatore.
Tagliasiepi elettrico griglia

Accessori aggiuntivi per la sicurezza

Come menzionato, l’uso dei DPI veri e propri sarebbe l’ideale per l’utilizzo di un elettroutensile. Va però detto che questi accorgimenti sono obbligatori per l’uso professionale, con macchine di una certa potenza che comportano rischi più alti. Pur non essendo dispositivi di sicurezza a norma di legge, alcuni accessori aggiuntivi, in alcuni casi forniti in dotazione, aiutano a prevenire spiacevoli incidenti. Parliamo nello specifico di:

  • Coprilama: in plastica o in acciaio, quasi sempre incluso nella confezione;
  • Mascherina protettiva: per evitare di respirare pulviscolo del tagliato e in alcuni casi per proteggere tutto il viso;
  • Occhiali protettivi: per proteggere gli occhi da schegge e pezzi di legno che volano via durante il lavoro;
  • Guanti da lavoro: consigliamo di acquistarli separatamente e di qualità perché siano effettivamente antitaglio;
  • Fascia di supporto: per assicurare la macchina al nostro corpo ed evitare di caricare il peso sulle braccia.

Vogliamo precisare che il coprilama, oltre a essere quasi sempre incluso nella confezione del tagliasiepi, risulta un accessorio utile sia per evitare il deterioramento della spada che per riporre il tagliasiepi in completa sicurezza. Occhiali, mascherina e guanti sono spesso venduti separatamente: se siete amanti del fai da te probabilmente avrete già questi accessori, in caso contrario vi consigliamo di acquistarli poiché il loro utilizzo risulta quasi fondamentale. Sono spesso presenti in prodotti di fascia molto bassa e di scarsa qualità, che si riflette anche in questi accessori.

Materiali

La maggior parte dei tagliasiepi sono realizzati con gli stessi materiali: il corpo macchina è solitamente in plastica dura mentre la spada e le lame sono in acciaio inox. Bisogna porre attenzione a come le lame sono state realizzate, i modelli migliori presentano infatti una particolarità: le lame sono tagliate al laser e rettificate al diamante. Ciò permette un’ottima resistenza di questi componenti al deterioramento e alle condizioni atmosferiche avverse. Con questo tipo di lame risulterà inoltre molto più agevole lavorare rovi o siepi molto intricate.

Praticità d’uso

L’ultimo elemento da considerare quando si sceglie un tagliasiepi riguarda la praticità d’uso del prodotto: questo aspetto è fondamentale poiché questo attrezzo dev’essere tenuto a tracolla per lungo tempo. È necessario quindi cercare un tagliasiepi che sia facile e comodo da utilizzare, fattore da mettere in relazione con la potenza e con la qualità complessiva del prodotto. Guardiamo nel dettaglio quali sono gli elementi che compongono questo fattore e che rendono un tagliasiepi più o meno pratico.

Peso

Il peso del prodotto è un aspetto importante da tenere presente. Un tagliasiepi molto pesante sarà difficile da utilizzare per molto tempo e non potrà essere sollevato o mosso con agevolezza, al contrario un tagliasiepi leggero vi permetterà una maggiore precisione nel taglio e un minore sforzo. Da tenere presente inoltre che non c’è una correlazione diretta tra peso e qualità: grazie all’evoluzione tecnologica infatti i prodotti migliori riescono a combinare potenza elevata e leggerezza.Tagliasiepi elettrico peso

Lunghezza del cavo

Questo elemento va considerato per i tagliasiepi elettrici, come abbiamo visto. Il loro funzionamento infatti è legato alla corrente. La maggior parte dei modelli dispone di cavi non troppo lunghi, massimo di qualche metro, e per lavorare all’esterno, specialmente nei grandi spazi aperti, sarà quindi necessario acquistare una prolunga aggiuntiva. La lunghezza del cavo, fattore non secondario se acquistate un modello elettrico, può essere controllata assieme ad altri dettagli tecnici nelle schede prodotto dei siti di e-commerce da cui il nostro sito raccoglie e propone le offerte migliori.

Interruttore di avviamento

La presenza di un interruttore che regola l’accensione e lo spegnimento del tagliasiepi risulta molto utile per rallentare il deterioramento del motore integrato, poiché dà il tempo all’apparecchio di spegnersi gradualmente.

Impugnatura

Questo elemento è davvero importante per permettervi di lavorare con maggiore precisione e minore sforzo. In base al tipo di impugnatura infatti un tagliasiepi risulterà più o meno maneggevole. I modelli migliori presentano una doppia impugnatura ergonomica: un manico più piccolo posizionato dietro al corpo macchina ed un manico più ampio sul davanti dalla forma appositamente pensata per offrire una presa più sicura e stabile. Ciò consente di tenere il tagliasiepi con due mani, distribuendo il peso del prodotto su tutto il corpo e quindi consentendo un minore sforzo. Anche i materiali in cui questi manici sono realizzati risultano importanti: in molti casi questi componenti presentano un rivestimento antiscivolo che consente di afferrare più saldamente il tagliasiepi. Considerate inoltre che quando il prodotto è in funzione emette delle vibrazioni, ed è bene che la presa sia il più salda possibile.

Gancio fissa-cavo

Si tratta di un piccolo accorgimento funzionale dei tagliasiepi elettrici: un gancio, solitamente posizionato nella parte posteriore del corpo macchina, che vi permetterà di fissare il cavo elettrico o la prolunga all’apparecchio. In questo modo è possibile evitare che il filo si attorcigli o che vi finisca tra i piedi.Tagliasiepi elettrico gancio cavo

Rumorosità

Quest’ultimo elemento risulta abbastanza importante. Più il tagliasiepi è silenzioso, maggiori possibilità avete di utilizzarlo senza dover obbligatoriamente indossare cuffie protettive. Un rumore poco intenso vi consentirà inoltre di lavorare senza disturbare la vostra famiglia o i vostri vicini.

Domande frequenti sul tagliasiepi

Che differenza c’è tra un tagliasiepi elettrico e uno a scoppio?

I tagliasiepi elettrici sono più leggeri e hanno una lama generalmente più corta. Possono essere alimentati sia attraverso la corrente che a batterie. I modelli a batteria sono meno potenti, a meno che non si acquistino modelli molto costosi. Spesso le batterie sono intercambiabili con quelle di trapani e altri elettroutensili, se di uguale marca. I tagliasiepi a scoppio sono generalmente di ambito professionale, con motore a due o quattro tempi e lama più lunga. Sono più pesanti e hanno una manutenzione più complessa, ma la loro potenza li rende efficaci per lunghi lavori e per tagliare arbusti difficili e rovi. Generalmente i tagliasiepi con batterie fino ai 20V vanno bene per i lavori leggeri, quelle sui 40V possono affrontare lavori di media entità. I tagliasiepi elettrici hanno l’impedimento del filo ma sono decisamente più potenti e leggeri. Quelli a scoppio vanno bene per la campagna, per chi ha un grande giardino o per chi lavora professionalmente.

Quanto costa un tagliasiepi?

Data la vasta offerta di tagliasiepi, specialmente online, è possibile trovare prodotti che appartengono a fasce di prezzo diverse. Si parte da circa 70 € per prodotti entry-level fino a circa 150 € per prodotti già più potenti e affidabili.
Se avete già batterie di una stessa marca di prodotti potrete risparmiare notevolmente. Da circa 180-200 € in su, i prodotti iniziano a essere più performanti, ideali per lavori di media e alta entità. I prodotti professionali hanno un prezzo più alto, che supera i 600 €. Vari elementi incidono sul costo di questi prodotti: le caratteristiche tecniche come potenza e numero di giri al minuto, le caratteristiche strutturali come lunghezza della spada, distanza tra le lame e spessore di taglio, la qualità dei materiali e le funzioni aggiuntive.

Quali sono le migliori marche di tagliasiepi?

Le aziende più note per gli elettroutensili producono anche tagliasiepi e altri attrezzi per il giardino, come tagliaerba o decespugliatori. Citiamo Bosch, Black+Decker, Ryobi, DeWalt, Makita, Stihl, Einhell, Alpina, Oregon, Milwakee, McCulloch, Gardena e Ikra. I prodotti di queste aziende, specie dai prodotti di medio livello in su, sono generalmente potenti, affidabili e longevi. Quasi tutti i marchi citati, nei modelli a batteria, possono avere la possibilità di avere le batterie intercambiabili, a patto che siano per i prodotti della stessa marca oppure serie o potenza. I modelli a scoppio spesso montano motori di marca Honda, noti per la loro affidabilità.


Copyright Klikkapromo srl – È vietato ogni sfruttamento non autorizzato

Domande e risposte su Tagliasiepi

  1. Domanda di Alessandro | 15.03.2018 02:17

    Il tagliasiepi elettrico con prolunga, puo essete usato anche co
    tagliaerba

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 16.03.2018 08:49

      Non pensiamo che la morfologia del prodotto sia utilizzabile anche per tagliare l’erba.