I migliori ciucci del 2018

Confronta i migliori ciucci del 2018 e leggi la nostra guida all'acquisto.

Voto: 9

Chicco Physio Soft

Migliori offerte
Spedizione inclusa
MaterialeCaucciù
Fascia d'etàDa 4 mesi in poi
FormaAnatomica
Materiale mascherinaCaucciù
Forma mascherinaTonda
Accessori in dotazione
ColoreGiallo ambrato
Punti forti
  • Mascherina sagomata, non schiaccia il nasino
  • Rilievi sulla tettarella che riproducono le rughe palatine per favorire la deglutazione
Punti deboli
  • Nessun accessorio in dotazione
Vai all'offerta!

Voto: 8,5

Philips Avent SCF194/01

Migliori offerte
Spedizione inclusa
MaterialeSilicone morbido
Fascia d'età0-2 mesi
FormaCiliegina
Materiale mascherinaSilicone morbido
Forma mascherinaTonda
Accessori in dotazione
ColoreColori assortiti
Punti forti
  • Interamente in morbido silicone, adattabile e leggero
  • Tettarella a ciliegina favorisce naturale suzione
Punti deboli
  • Non dispone di anello per attaccare la catenella

Voto: 8

MAM Original I Love Mummy

Migliori offerte
Spedizione inclusa
MaterialeSilicone
Fascia d'età0-6 mesi
FormaAnatomica
Materiale mascherinaSilicone e plastica
Forma mascherinaFarfalla
Accessori in dotazione
ColoreColori assortiti
Punti forti
  • Superficie interna della mascherina con micro ondulazioni per far respirare meglio la pelle
Punti deboli
  • Nessun accessorio in dotazione
  • Non dispone di anello per attaccare la catenella
Vai all'offerta!

Voto: 7,5

Philips Avent SCF180/24 Airflow Conte...

Migliori offerte
Spedizione inclusa
MaterialeSilicone
Fascia d'età6-18 mesi
FormaAnatomica
Materiale mascherinaPlastica
Forma mascherinaTonda
Accessori in dotazioneCappuccio a scatto
ColoreColori assortiti
Punti forti
  • 6 aperture sulla mascherina che permettono una migliore respirazione cutanea
Punti deboli
  • Non adatto ai neonati
Vai all'offerta!

Voto: 7

MAM Original Health 16+

Migliori offerte
Spedizione inclusa
MaterialeSilicone
Fascia d'etàDa 16 mesi in poi
FormaAnatomica
Materiale mascherinaPlastica
Forma mascherinaRotonda
Accessori in dotazione
ColoreColori assortiti
Punti forti
  • Ben 14 buchi sulla mascherina per un'ottima traspirazione cutanea
  • Il bottone frontale piatto rende il ciuccio confortevole anche di notte
Punti deboli
  • Nessun accessorio in dotazione
  • Non dispone di anello per attaccare la catenella
Vai all'offerta!

I fattori decisivi per la scelta del ciuccio

1. Età di utilizzo

Il ciuccio è un accessorio indispensabile per tutte le famiglie con bambini piccoli e viene considerato un vero e proprio pacificatore nella routine familiare: non a caso il termine inglese per indicare questo prodotto è pacifier, che letteralmente significa appunto "portatore di pace".
Ciuccio forma tettarella
Nonostante il ciuccio sia un prodotto molto comune, è sempre più difficile orientarsi tra i moltissimi modelli presenti in commercio e capire qual è quello più adatto alle esigenze dei propri bambini. Il primo fattore da prendere in considerazione nella scelta è sicuramente l'età di utilizzo: questo elemento rappresenta un importante punto di partenza per identificare il gruppo di prodotti tra i quali cercare il modello che fa al caso vostro. Vediamo quindi nel dettaglio quali sono le principali fasce d'età consigliate dalle case produttrici:

  • 0-2 mesi: i ciucci appartenenti a questa fascia d'età sono appositamente indicati per i neonati. I materiali utilizzati per questi prodotti e le forme della tettarella (di cui parleremo più avanti) possono variare, mentre le caratteristiche comuni a questi modelli di solito sono le dimensioni molto piccole e la forma della mascherina, che deve adattarsi alle dimensioni del viso di un neonato

Ciuccio fascia età 0-2 mesi

  • 0-3 mesi: i prodotti che coprono questa fascia d'età non sono molti, tuttavia è possibile trovare alcuni marchi che la utilizzano. I modelli che rientrano in questa categoria sono solitamente in silicone e sono consigliati per favorire il naturale sviluppo di denti e gengive

Ciuccio fascia età 0-3 mesi

  • 0-6 mesi: i ciucci che appartengono a questo gruppo hanno una mascherina e una tettarella leggermente più grandi. Anche in questo caso i materiali e la forma della tetta dipendono dal modello

Ciuccio fascia età 0-6 mesi

  • 6-18 mesi: questi prodotti sono specificatamente pensati per bambini più grandi e sono caratterizzati da una mascherina e da una tettarella di dimensioni abbastanza ampie. In molti casi inoltre la mascherina è disegnata in modo da stimolare le funzioni ludiche del bambino

Ciuccio fascia età 6-18 mesi

2. Forma

La forma della tettarella rappresenta un fattore fondamentale nella scelta del ciuccio. Questo elemento è collegato da un lato all'età del piccolo, dall'altro alle sensazioni che i diversi tipi di tettarella offrono. Nonostante il vostro impegno infatti, è il bambino a scegliere il tipo di ciuccio che preferisce: ciò dipende da una serie di fattori come, ad esempio, la somiglianza con il capezzolo materno, il bisogno di succhiare e mordicchiare per alleviare il fastidio dei denti che nascono o semplicemente il fattore ludico. Vediamo più approfonditamente quali sono le forme disponibili in commercio e le loro caratteristiche principali.

  • Forma a ciliegina: questo tipo di ciuccio è consigliato sopratutto per i neonati poiché la forma a ciliegina ricorda quasi perfettamente quella del capezzolo materno. Si consiglia di usare ciucci con la tettarella a forma di ciliegina in particolare per i bambini che vengono ancora allattati: questa particolare forma infatti dovrebbe impedire che il bimbo si abitui al ciuccio e non riesca più ad attaccarsi al seno materno

Ciuccio tettarella ciliegina

  • Forma a goccia: questo tipo di tettarella ha un corpo leggermente allungato ed una punta che tende a curvare verso il basso: ciò dovrebbe permettere al ciuccio di incastrarsi perfettamente tra lingua e palato e di esercitare una pressione uniforme su quest'ultimo, in modo da scongiurarne la deformazione.

Ciuccio tettarella goccia

  • Forma anatomica: anche questo tipo di ciucci hanno una tettarella allungata, tuttavia in questo caso la punta è curva e rivolta verso il palato

Ciuccio tettarella anatomica
Precisiamo che queste tre diverse forme sono tutte considerate ortodontiche, ovvero sono state testate e approvate dagli esperti del settore e sono studiate per non condizionare la forma del palato o deformare l'arcata dentaria.

3. Materiali

I materiali utilizzati dalle case produttrici sono un aspetto importantissimo da tenere in considerazione nella scelta del ciuccio: da questo fattore dipende infatti la frequenza di sostituzione, la morbidezza, la gommosità e anche la tenuta igienica. Un tempo in commercio era possibile trovare quasi solo ciucci in gomma: oggi i materiali più utilizzati sono il silicone, il caucciù ed il lattice: ogni materiale ha delle caratteristiche proprie che rendono quel particolare modello più o meno adatto alle esigenze del bimbo. Vediamo nel dettaglio questi materiali ed i loro utilizzi consigliati.
Ciuccio pezzo unico

Ciucci in caucciù

Il caucciù è una gomma naturale che si ottiene da alcune specifiche piante. Questo materiale risulta poroso, resistente ed elastico, e proprio per questo è molto utilizzato nella fabbricazione di articoli per bambini. Fra i lati positivi dei ciucci in caucciù segnaliamo l'elevata resistenza ai piccoli morsi dei bimbi, mentre gli aspetti negativi sono sopratutto legati all'igiene: il caucciù infatti, proprio per la sua porosità, assorbe facilmente germi e batteri, per cui i ciucci di questo materiale non sono consigliati per i neonati, mentre sono un'ottima soluzione per i bimbi dai sei mesi in su, che hanno già i denti e necessitano di un prodotto che non si rompa facilmente.

Ciucci in lattice

Il lattice è un prodotto semi-naturale poiché viene sì estratto da diversi tipi di piante, ma viene lavorato e raffinato da aziende specializzate ed utilizzato per diverse tipologie di prodotti. Nonostante molti pensino che caucciù e lattice siano la stessa cosa, si tratta invece di due materiali differenti, anche se entrambi hanno solitamente un colore giallo/ambrato. Come il caucciù anche il lattice si caratterizza per un'elevata resistenza e porosità: le indicazioni d'uso sono quindi le stesse di quelle fornite per il caucciù.

Ciucci in silicone

Il silicone è molto diffuso nella fabbricazione di ciucci per tutte le fasce d'età: ciò è dovuto al fatto che questo materiale, derivante dal silicio, risulta inodore, insapore e adatto ad essere sottoposto alla sterilizzazione. Anche il silicone presenta però degli aspetti negativi, primo tra tutti il fatto di non essere particolarmente resistente ai morsetti dei bambini, molto frequenti nella fase in cui vengono messi i denti. Questo elemento è molto importante poiché, in caso di rotture anche minime, potrebbe accadere che il bambino ingerisca piccoli pezzetti di plastica. Proprio per questo motivo i ciucci in silicone si consigliano principalmente per neonati e bambini ancora non dotati di denti.

4. Mascherina

La mascherina del ciuccio è la parte ampia che funge da base per la tettarella. È un elemento molto importante poiché assume una duplice funzione: da un lato infatti la mascherina impedisce al bambino di ingoiare il ciuccio, dall'altro, grazie all'anello ad essa sovrapposto, consente di attaccare il ciuccio agli abiti del bambino o alle lenzuola. Oggi in commercio è possibile trovare ciucci dotati delle mascherine più disparate: non è solo la dimensione ed il materiare a variare, ma anche il design, i colori e la fantasia dei disegni.
Ciuccio mascherine
Tralasciando il dato puramente estetico che dipende molto dal gusto personale dei genitori, gli elementi da valutare riguardano soprattutto le dimensioni ed i materiali.
Per i neonati è ad esempio meglio orientarsi su ciucci con mascherine morbide e non troppo grandi, in quanto con i modelli che presentano la mascherina in plastica il bambino potrebbe inavvertitamente ferirsi o graffiarsi.
Con l'avanzare dei mesi si può invece scegliere più liberamente tra prodotti con mascherina a farfalla o con mascherina tonda: la prima è solitamente in plastica dura ed è dunque rigida e meno adattabile al volto del bimbo, la seconda invece è solitamente presente nei ciucci in caucciù o in lattice ed è generalmente dello stesso materiale della tettarella. Questi prodotti a pezzo unico sono più morbidi ed adattabili, tuttavia in alcuni casi la mascherina tonda potrebbe risultare troppo grande per il viso del bambino e schiacciare il nasino.
Infine ricordiamo che è fondamentale che la mascherina abbia delle aperture laterali, come mostrato nella foto sottostante: in questo modo eviterete che la pelle del vostro bambino si screpoli a causa dell'umidità prodotta dall'accumulo di saliva sotto la plastica.
Ciuccio aperture mascherina
Un tipo di ciuccio molto diffuso per cui valgono tutte le caratteristiche sopra citate è il ciuccio notturno: questo particolare prodotto presenta una mascherina realizzata solitamente in materiali più morbidi rispetto alla plastica dei modelli tradizionali e si differenzia dagli altri tipi perché dispone di un anello fluorescente che s'illumina al buio permettendo al bambino di ritrovare con semplicità il ciuccio durante la notte.
I ciucci notturni sono generalmente adatti ai bimbi dai 6 mesi in su, che riescono già a riconoscere l'oggetto e sono abituati ad identificarlo come sostituto del seno materno. Ciò nonostante in commercio è possibile trovare ciucci notturni per tutte le fasce d'età, così da venire incontro a qualsiasi esigenza. 
Ciuccio notturno

Altri fattori da tenere in mente per la scelta del ciuccio

La marca è importante?

In commercio è possibile trovare tantissimi ciucci prodotti dalle aziende più disparate. Essendo il ciuccio un articolo che appartiene ad una fascia di prezzo bassa, il nostro consiglio è quello di acquistare modelli realizzati da marchi leader nella fabbricazione di prodotti per l'infanzia. I brand più importanti in questo settore sono sicuramente Chicco, MAM, Nuby, Nuk e Philips. Acquistando articoli prodotti da marchi poco conosciuti si corre infatti il rischio di imbattersi in ciucci realizzati con materiali scadenti o addirittura dannosi per la salute del bambino, come ad esempio quelli che contengono BPA, una plastica tossica che, se ingerita, potrebbe provocare gravi conseguenze. È consigliabile quindi preferire prodotti sicuri con un prezzo leggermente più elevato piuttosto che mettere a rischio la salute dei propri bimbi.

Gli accessori sono importanti?

Molti ciucci in commercio vengono venduti insieme ad alcuni accessori: ciò costituisce sicuramente un valore aggiunto poiché permette di ottimizzare la spesa, tuttavia non riteniamo la presenza di extra una discriminante fondamentale. Gli accessori che è possibile trovare in dotazione insieme ad un ciuccio sono: l'apposita scatolina in plastica nella quale riporre il prodotto, la catenella con la clip da attaccare alla mascherina per impedire che il ciuccio cada a terra e, in alcuni casi, dei peluche o dei giochini per stimolare le attività ludiche del bambino. Tuttavia, se da un lato la presenza di questi accessori costituisce un valore aggiunto, dall'altro valutare un modello in base a questo elemento potrebbe andare a discapito della qualità complessiva del prodotto, che rimane il fattore più importante. Il nostro consiglio è quindi quello di scegliere il ciuccio in base ai fattori fondamentali da noi precedentemente identificati e verificare solamente in seguito l'eventuale presenza di accessori extra.

Il prezzo è importante?

Come per tutti i prodotti, anche per questa categoria è possibile trovare prezzi differenti: non sempre però una cifra maggiore è sinonimo di migliore qualità. In generale il nostro consiglio è quello di non orientarsi in base al prezzo, bensì in base alle caratteristiche del modello. Scegliere un prodotto economico potrebbe voler dire fare un acquisto inadatto al proprio bambino, sia in termini di materiali che in termini di forma. Allo stesso tempo orientarsi su prodotti costosi immaginando di ottenere automaticamente il massimo della qualità non sempre risulta essere la scelta migliore: in molti articoli infatti è soprattutto la particolarità del design a far aumentare il prezzo. Come per gli accessori quindi, anche in questo caso il nostro consiglio è di valutare la qualità complessiva del prodotto e scegliere in base ai fattori sopra elencati il ciuccio più adatto alle esigenze del vostro bambino.

Domande e risposte su Ciuccio

  1. 1
    Domanda di Teresa | 5 giugno 2017 at 22:07

    Come faccio a cambiare il ciuccio al mio piccolo? Ha 13 mesi ma usiamo ancora i ciucci 0-6 mesi… con i 6-18 gli viene da vomitare.. È un problema?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 6 giugno 2017 at 09:37

      Non preoccuparti, ogni bambino sceglie il ciuccio che preferisce. Se non si trova bene con le tettarelle di dimensioni più grandi puoi tranquillamente usare i ciucci 0-6 mesi.

  2. 0
    Domanda di Marta | 21 luglio 2018 at 10:48

    Mio figlio 16 m ha sempre preso ciucci diversi. L’ultimo a goccia (nuk) in silicone. Cambiato per usura con mam a goccia 16+ ma lo rifiuta. Ke fare?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 24 luglio 2018 at 12:20

      Solitamente è il bambino a scegliere il ciuccio che preferisce. Se non si trova bene con una tettarella 16+, di dimensioni più grandi, puoi tranquillamente riproporgli il modello che era abituato a utilizzare precedentemente.

  3. 0
    Domanda di Mariagrazia | 16 agosto 2017 at 22:05

    Mio figlio a 4 mesi prende il pollice, il ciuccio lo rifiuta. Ho comprato il ciuccio dell’avent 0-6 mesi, ma lo prende poco e niente. Cosa mi consigliate?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 17 agosto 2017 at 10:24

      Solitamente è il bambino a scegliere il ciuccio che preferisce: tu puoi fargli provare diversi modelli e vedere quale prende più volentieri, soprattutto in base alla forma della tettarella. Ti consigliamo di provare il Chicco Physio Soft, un modello con tettarella anatomica in caucciù, utilizzabile dai 4 mesi in poi.

  4. 0
    Domanda di roberto cecchetti | 10 aprile 2017 at 03:14

    come faccio a sapere se i ciucci e le tettarelle per neonati sono stati sterilizzati con ossido di etilene?
    Paare che tale sostanza resti nel prodotto

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 10 aprile 2017 at 09:03

      Questo problema riguarda soltanto biberon e tettarelle venduti in confezioni monouso, quindi usa e getta. I prodotti commercializzati per un uso continuato non dovrebbero essere stati sterilizzati con questo gas.

  5. -1
    Domanda di Nadine | 6 febbraio 2018 at 23:54

    Il mio bimbo (8 m, 2 denti) rifiuta il ciuccio, trovando conforto solo al seno (la notte). Quale consigliate come più morbido e simile al seno materno?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 12 febbraio 2018 at 10:31

      Le tettarelle più simili al seno materno sono quelle a ciliegina: puoi provare a proporgli il Philips Avent SCF194/01 (è un modello 0-3 mesi ma pensato proprio per facilitare il passaggio dal seno al ciuccio), oppure il Philips Avent SCF192/05, che ha la stessa tettarella ma è pensato per bimbi dai 3 mesi in su.

  6. -1
    Domanda di Letizia | 8 maggio 2017 at 13:45

    Allatto la mia bimba di 2 mesi che però usa il mio seno come ciuccio. Ho provato a darle avent 0-2 ma lo rifiuta disgustata.Quale mi consigliate

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 9 maggio 2017 at 09:28

      Ogni bambino è diverso: ti consigliamo di acquistare diversi modelli con tettarella a ciliegina e lasciare che sia la tua piccola a scegliere il suo preferito. Prova i ciucci in caucciù o quelli interamente in silicone: la loro morbidezza potrebbe conquistarla!

"Ciuccio": hai dubbi? Facci una domanda!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecco i migliori tre prodotti della categoria.

8 visitatori su 10 approfittano di queste offerte.

9

Chicco Physio Soft

Miglior prezzo: 7,41€

8,5

Philips Avent SCF194/01

Miglior prezzo: 10,00€

8

MAM Original I Love Mummy

Miglior prezzo: 6,49€