I migliori cappuccinatori del 2023

Confronta i migliori cappuccinatori del 2023 e leggi la nostra guida all'acquisto.

Amazon
80,35 €
Carpe diem store
69,00 €
Bytecno
48,75 €
freeshop
58,90 €
Dal Toscano
59,90 €
Amazon
72,54 €
Amazon
51,32 €
LF LAVAZZA
58,99 €
Amazon
85,35 €
Dagimarket
73,24 €
Monclick
54,89 €
Bytecno
59,99 €
Oraizen
114,36 €
Overly
73,49 €
Pskmegastore
56,62 €
Amazon
60,50 €
Salvadori
79,00 €
ePRICE
59,15 €
ePRICE
65,24 €

Dati tecnici

Tipologia

Elettrico

Elettrico

Elettrico

Elettrico

Elettrico

Potenza

500 W

n.d.

500 W

420 W

500 W

Capacità latte

700 ml

100 ml

250 ml

180 ml

240 ml

Capacità schiuma

350 ml

250 ml

140 ml

120 ml

115 ml

Schiuma di latte freddo

Cioccolata calda

Selezione temperatura

Spegnimento automatico

Punti forti

Molto capiente

Design molto elegante

Accattivante design vintage

Design compatto

Tempi di preparazione della schiuma molto ridotti

Monta anche a freddo

Anche per schiuma fredda

Disponibile in tre gradevoli colorazioni pastello

Molto semplice da usare grazie al pulsante multifunzione

Struttura interamente in acciaio inox

Selezione temperatura su 4 livelli

Per cioccolata calda

Rivestimento antiaderente facile da pulire

Coperchio trasparente per monitorare la preparazione

Rivestimento antiaderente per facilitare la pulizia

Coperchio trasparente per monitorare la preparazione

Punti deboli

L'assenza del manico lo rende leggermente scomodo da impugnare

Capacità ridotta

Non permette di ottenere schiuma di latte freddo

Senza manico

Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa

Come scegliere il cappuccinatore

Il cappuccinatore, o montalatte, è uno strumento che trasforma il latte caldo o freddo in una morbida schiuma per cappuccini, caffè macchiati e altre specialità a base di latte. Esistono tre grandi tipologie di cappuccinatori: i montalatte elettrici, i modelli ricaricabili (a pile o con cavo USB) e i modelli manuali (con stantuffo). cappuccinatore elettricoIn questa guida all’acquisto esamineremo principalmente i modelli elettrici, la cui scelta è meno immediata rispetto agli altri tipi per via della complessità delle loro caratteristiche e dei prezzi abbastanza sostenuti. Tuttavia vale la pena osservare i principali vantaggi e svantaggi delle varie tipologie di cappuccinatore in commercio per capire se il montalatte elettrico sia davvero quello più adatto alle vostre esigenze.

Cappuccinatore elettrico

Questo tipo di cappuccinatore ha l’aspetto di un piccolo bollitore ed è particolarmente raccomandato per chi ama realizzare molti cappuccini in una sola volta. È più costoso rispetto alle altre tipologie, ma è più rapido. Inoltre, permette di riscaldare il latte durante il processo di schiumatura senza doverlo fare in precedenza sul fornello o nel forno a microonde. Per finire, questo dispositivo può essere utilizzato per realizzare facilmente altre bevande oltre alle classiche preparazioni a base di caffè: si possono ad esempio preparare frullati, matcha e cioccolata calda.
Oltre al prezzo, l’altro elemento che può essere considerato uno svantaggio è l’ingombro di questo apparecchio rispetto ai modelli manuali, che occupano meno spazio sia sul piano di lavoro, sia in un cassetto o dispensa.

Cappuccinatore manuale

Questi montalatte hanno uno stantuffo posizionato all’interno di una caraffa in acciaio inox o vetro, simile a quello delle french press. I montalatte manuali sono piuttosto facili da utilizzare, tuttavia richiedono uno sforzo molto maggiore per ottenere una buona schiuma, dal momento che il latte va montato spingendo e sollevando velocemente lo stantuffo. cappuccinatore manualeQuesta procedura può durare infatti anche diversi minuti, a seconda della consistenza che si vuole ottenere e della quantità di latte che si sta lavorando. D’altra parte questi modelli richiedono un investimento ridotto (massimo 20 € per i modelli più capienti) e possono essere puliti facilmente.

Cappuccinatore ricaricabile

Questo tipo di cappuccinatore si presenta come un frustino azionato per mezzo di pile o di una batteria ricaricabile. All’estremità della frusta si trova un frullino che, una volta immerso nel latte, produce bolle e permette che il liquido si gonfi. Lo svantaggio principale di questi modelli è che, non essendo utilizzati all’interno di un contenitore chiuso, la schiuma tende a fuoriuscire dal bricco o dalla tazza in cui si trova il latte. Se da un lato la pulizia dell’apparecchio in sé è molto semplice, dall’altro potrebbe dunque essere necessario pulire il ripiano su cui si sta lavorando o il bordo esterno del bricco o della tazza.
I frustini hanno i prezzi più accessibili di tutti (massimo 15 €) e sono i modelli più piccoli e leggeri, perciò più facili da trasportare e da conservare in un cassetto.cappuccinatore ricaricabilePer quanto riguarda la qualità della schiuma, gli apparecchi elettrici, dotati di un motore spesso molto potente, consentono di ottenere una schiuma compatta più in fretta. Tuttavia, anche i modelli manuali e quelli ricaricabili permettono di ottenere risultati soddisfacenti e di realizzare una schiuma cremosa, seppure con uno sforzo maggiore e con tempistiche più lunghe.

Capienza

Quando si acquista un montalatte elettrico, il primo elemento da valutare è la sua capacità massima, poiché questa va ad influenzare la quantità di latte che l’apparecchio è in grado di lavorare in una sola sessione.
Considerare tale caratteristica è particolarmente importante laddove ci sia la necessità di ottenere, magari per velocizzare la preparazione della colazione al mattino, una quantità di schiuma adatta alla preparazione di più di un cappuccino tutta in una volta, senza dover necessariamente effettuare più di una sessione consecutiva.
I cappuccinatori attualmente diffusi in commercio riportano solitamente due capacità: la prima, più abbondante, riguarda il latte da riscaldare e non da trasformare in soffice crema per cappuccini e caffè macchiati, mentre la seconda è una capacità ridotta ed è quella indicativa per il latte da montare, visto che durante tale operazione il volume del liquido cresce molto e potrebbe perciò fuoriuscire dal contenitore.
cappuccinatore capienzaPer intenderci meglio, un modello che, ad esempio, sia in grado di contenere fino a 500 ml di latte da scaldare può contenerne circa la metà, ovvero fino a 250 ml, da montare.
Abbiamo considerato il quantitativo standard di latte necessario per la preparazione di un cappuccino, ovvero 100 ml circa, e abbiamo stilato una piccola guida alla capienza del montalatte per capire quale scegliere in base al numero di bevande che desiderate preparare:

  • Capienza ridotta: in questo gruppo rientrano i modelli che permettono di riscaldare massimo 200 ml di latte e di montarne 100 ml, per preparare un cappuccino alla volta;
  • Capienza media: con i montalatte che contengono 400 ml circa di latte da scaldare e 200 ml circa di latte da trasformare in schiuma è possibile preparare anche due cappuccini;
  • Capienza elevata: i modelli più capienti contengono fino a 700 ml di latte da scaldare e 350 ml da montare. Questa quantità corrisponde a tre-quattro cappuccini standard.

Struttura

Tutti i montalatte elettrici sono caratterizzati da una base su cui è appoggiata una brocca o un bicchiere dalle dimensioni e dai materiali variabili, che è la vera e propria “camera di cottura” all’interno della quale avviene il riscaldamento del latte o la creazione della schiuma.
Le tipologie di struttura illustrate nei paragrafi a seguire corrispondono a due diversi sistemi di riscaldamento: a induzione (più efficiente) e tramite resistenza.

Struttura ad incastro

I cappuccinatori appartenenti a questo gruppo sono composti da una base piuttosto alta, che potremmo definire come uno zoccolo su cui si va ad incastrare la brocchetta o il bicchiere con manico all’interno del quale si inserisce il latte.
cappuccinatore ad incastroIl contenitore dove si scalda o monta il latte si sviluppa principalmente in larghezza più che in altezza, così come la base stessa, motivo per cui questo tipo di struttura è un po’ più ingombrante rispetto all’altra. D’altra parte segnaliamo però che i modelli di questo tipo sono solitamente quelli più sofisticati e ricchi di funzioni, oltre che molto capienti, ideali per famiglie numerose e per chiunque voglia realizzare una buona quantità di schiuma di latte.

Struttura con base rotante

Questa tipologia di struttura è composta da una base rotante a 360° che permette di alloggiarvi la brocca montalatte in qualsiasi posizione, senza dover prestare troppa attenzione ad agganciarla correttamente. È inoltre una struttura più compatta e poco ingombrante, ideale per chi voglia lasciare il prodotto in bella vista in cucina, ma non abbia troppo spazio a disposizione.

Brocca con manico

Il contenitore dove si riscalda o monta il latte può essere essenzialmente di due tipi. Il primo ricorda molto la forma di una qualsiasi brocca tradizionale visto che ha un manico che permette di afferrarla e di versare il latte riscaldato o la schiuma di latte in maniera molto semplice e comoda. cappuccinatore base rotante con manicoA questi modelli corrispondono i montalatte dal design più semplice e attualmente più diffusi in commercio.

Brocca a cilindro

Caratterizzato da un design più moderno e minimale, questo contenitore, sebbene possa essere afferrato senza scottarsi, non è particolarmente popolare, visto che molti preferiscono comunque la presenza di un manico che faciliti l’impugnatura. È ad esempio il motivo per cui Nespresso ha aggiunto il manico al suo Aeroccino nella versione numero 4.

Frullini

Tutti i montalatte permettono di lavorare latte sia a freddo, sia a caldo e, grazie a due appositi frullini, consentono di scaldare il latte solamente, oppure di montarlo in soffice schiuma.cappuccinatore frulliniQuesti frullini vengono inseriti su un perno all’interno della brocca e con il loro movimento rotatorio permettono rispettivamente il primo di muovere il latte mentre si scalda in modo che non si attacchi, e il secondo di creare la schiuma.

Funzioni

Nonostante il montalatte sia nell’immaginario di molti un piccolo elettrodomestico dal funzionamento estremamente semplice, può comunque avere alcune funzioni che non vanno sottovalutate poiché possono condizionare l’utilizzo concreto del prodotto.
Ecco qui di seguito un elenco completo delle funzioni che possono caratterizzare un montalatte.

Selezione della temperatura

Questa possibilità è offerta solo dai modelli a partire da una fascia di prezzo medio-alta e consente di scegliere tra diverse temperature quella a cui si desidera portare il latte caldo o la schiuma di latte. Quante volte, infatti, si desidererebbe un caffè macchiato caldo ma non bollente o, al contrario, si vorrebbe gustare un cappuccino cremoso e molto caldo? Grazie a questa funzione è possibile personalizzare al massimo la propria bevanda, scegliendo tra un numero di impostazioni variabile che va dalla lavorazione a freddo alla selezione tra i 45 e i 65 °C circa.cappuccinatore temperaturaAncora una volta, i modelli più costosi permettono di selezionare una specifica temperatura ruotando una ghiera, mentre quelli di fascia media e meno sofisticati consentono di scegliere, ad esempio, tra due pulsanti che corrispondono ad un calore medio o alto, senza specificare la corrispondenza in gradi di ogni impostazione.

Spegnimento automatico

Alcuni modelli arrestano autonomamente il proprio funzionamento una volta concluso il ciclo di riscaldamento del latte o di creazione della crema, scongiurando il rischio di dimenticare il montalatte in funzione o causare altri spiacevoli incidenti.

LED

Nonostante non rappresentino una vera e propria funzione, la presenza di alcuni indicatori luminosi è utile per comprendere quando la macchina sia in funzione oppure quali opzioni siano state selezionate, come nel caso della scelta tra ciclo a caldo o a freddo, oppure dei prodotti che permettono di selezionare la temperatura.

Praticità d’uso

La praticità d’uso non è tra i primi elementi che abbiamo preso in considerazione come decisivi per la scelta del cappuccinatore, ma è tuttavia un aspetto interessante da valutare. È infatti importante andare a verificare la presenza di una serie di elementi che rendono l’utilizzo pratico del proprio apparecchio più semplice, comodo e funzionale soprattutto qualora si desideri preparare della schiuma di latte su base quotidiana o comunque con una certa frequenza.
Qui di seguito troviamo un elenco completo delle caratteristiche che rendono il cappuccinatore molto pratico da usare.

Lavaggio in lavastoviglie

L’operazione di pulizia di qualsiasi accessorio per la cucina è resa sicuramente più rapida e facile da eseguire se è possibile inserirlo in lavastoviglie invece di lavarlo a mano. Per quanto riguarda i montalatte elettrici, questa operazione è possibile con i modelli ad incastro, mentre per quelli con base rotante bisogna verificare questo dato sul libretto d’istruzioni.

Lunghezza del cavo

Bisogna verificare la lunghezza del cavo qualora si abbiano particolari esigenze di collocazione dell’apparecchio. Un cavo lungo, infatti, lascia più libertà di movimento e indipendenza dalla presa della corrente.

Vano raccoglicavo

Permette di riporre ordinatamente il montalatte e di non lasciare antiestetiche porzioni di cavo in vista sul piano di lavoro quando il prodotto non è in uso.cappuccinatore vano avvolgicavo

Trasparenza del coperchio

La presenza di un coperchio totalmente o parzialmente trasparente permette di monitorare lo svolgimento della preparazione in ogni momento.cappuccinatore coperchio trasparente

Ricettario

Alcuni modelli integrano all’interno del libretto d’istruzioni oppure in un opuscolo separato alcune ricette per la realizzazione delle principali preparazioni a base di crema di latte. Troviamo, ad esempio, le giuste dosi di ingredienti per realizzare un mocaccino, un cappuccino o una cioccolata calda.

In linea di massima, i prodotti più semplici ed economici sono quasi sempre caratterizzati da poche o nessuna di queste caratteristiche, proprio per conservare un prezzo più ridotto e consentire un utilizzo che, pur essendo molto essenziale, sia comunque efficace. Al contrario, i modelli di fascia di prezzo media e alta includono quasi tutti o tutti gli elementi citati, in modo da offrire il massimo delle prestazioni e della comodità d’utilizzo.

Prestazioni

Troviamo poi le prestazioni come ultimo aspetto da tenere in considerazione nella scelta del cappuccinatore: la potenza dell’apparecchio, infatti, anche se non in maniera clamorosa, va comunque ad incidere sui tempi necessari per la preparazione del latte caldo e della crema di latte e va per questo valutata, soprattutto alla luce del prezzo di un prodotto.
Il valore della potenza viene espresso in Watt e, in linea generale, possiamo dire che, similmente ad un bollitore d’acqua, anche il montalatte segue la regola per cui più alto è il wattaggio, minori sono i tempi necessari per riscaldare la bevanda desiderata.cappuccinatore potenzaBisogna fare comunque alcune considerazioni: la prima è che non necessariamente ad un modello economico corrisponde un wattaggio basso, anzi esistono montalatte dal costo molto basso che vantano lo stesso numero di Watt di prodotti più cari (ma magari sono privi di una struttura comoda, di funzioni extra o non sono fatti con i materiali più robusti ed affidabili).
La seconda considerazione da fare è che il ventaglio di Watt disponibili per i montalatte non è molto ampio: andiamo dai 400 W circa dei modelli meno potenti e che richiedono un po’ più di tempo per la preparazione della schiuma di latte ai 650 W circa dei modelli più prestanti, che impiegano invece di meno a riscaldare il latte o a trasformarlo in morbida crema.

Funzionamento

Sempre a proposito delle prestazioni, bisogna specificare che i modelli con base rotante sono sempre a resistenza, mentre quelli con struttura ad incastro sono basati sul principio di riscaldamento ad induzione, un sistema più moderno che si rivela anche più rapido nel riscaldamento e in grado di offrire una più precisa selezione della potenza erogata (questo tipo di apparecchi, infatti, consente di selezionare esattamente la temperatura che si desidera raggiungere).
Un altro elemento da considerare è che non tutti i modelli permettono di ottenere buoni risultati montando la schiuma di latte freddo. Come potete vedere dalla nostra tabella di confronto, alcuni modelli non sono infatti adatti per questo scopo e sarà il produttore stesso a specificare se con il modello in questione sia possibile realizzare la schiuma di latte freddo. Se perciò vi piacciono le bevande come i frappè o i cappuccini freddi, questa è un’altra caratteristica da tenere presente.

Le domande più frequenti sul cappuccinatore

Come si pulisce il montalatte elettrico?

La regola più importante da tenere a mente è che bisogna pulire il cappuccinatore dopo ogni utilizzo. Non deve essere necessariamente un lavaggio rigoroso, purché si impedisca che il latte si solidifichi e formi una patina sul fondo dell’apparecchio, evitando così che dopo qualche utilizzo il fondo risulti bruciato. Consigliamo perciò di rimuovere lo strato di latte residuo dal cappuccinatore con un panno caldo e umido non appena questo si è raffreddato.
Una pulizia più approfondita inizia con una buona conoscenza dell’attrezzatura stessa. Anche se ogni marca e modello di montalatte elettrico presenta alcune lievi differenze, gli elementi essenziali sono sempre gli stessi: la brocca del latte, il coperchio e il frullino. Il primo passo per la pulizia è smontare la macchina in modo da poter raggiungere ogni angolo e fessura, quindi lavarla con acqua calda, una spugna morbida e un detergente non abrasivo, infine risciacquarla e asciugarla delicatamente, oppure lasciare asciugare i componenti all’aria.
Ovviamente, qualsiasi componente collegato al cavo di alimentazione (ad esempio la base rotante di alcuni modelli) non dovrebbe mai venire a contatto con l’acqua, mentre i pezzi rimovibili potranno essere lavati a mano e, se il manuale lo specifica, persino in lavastoviglie.

Quale latte usare nel cappuccinatore?

Originariamente i cappuccinatori sono nati allo scopo di montare il latte vaccino, che per le sue caratteristiche è ideale per ottenere una schiuma gonfia e soda. Chi preferisce le bevande a base vegetale deve quindi tenere presente che quelle di soia o ad esempio di mandorla hanno un contenuto di grassi e una consistenza diversi e, sfortunatamente, spesso richiedono più tempo per essere montate, aspetto importante soprattutto quando si opta per un montalatte manuale o ricaricabile. Per questo motivo consigliamo di preferire i modelli elettrici, in particolare quelli per cui il produttore abbia specificato che sono compatibili con le bevande a base vegetale e che quindi lavoreranno gli altri tipi di latte in maniera più efficiente.

Quali sono le migliori marche di cappuccinatore?

Tra i brand di elettrodomestici, i migliori montalatte elettrici sono prodotti da Severin (uno dei pochi marchi a offrire la selezione del livello di temperatura), mentre se cercate un modello dal design particolare consigliamo la linea Vintage di Ariete. Buoni cappuccinatori sono prodotti inoltre da marche specializzate nella produzione di macchine da caffè e cappuccino, come Lavazza e Nespresso.

Quanto costa un cappuccinatore elettrico?

Il prezzo minimo per acquistare un montalatte elettrico affidabile e di qualità discreta è di circa 30-40 €, una cifra che non corrisponde necessariamente a prodotti di bassa qualità, ma semplicemente ai modelli più essenziali in circolazione in termini di funzioni.
Al contrario, i montalatte top di gamma arrivano anche a superare gli 80 € e si configurano come modelli ideali per chi voglia un prodotto totalmente in acciaio inox e con funzioni quali la selezione della temperatura, che possono essere scelti se si effettuano molte preparazioni e con una certa frequenza.


Copyright Klikkapromo srl – È vietato ogni sfruttamento non autorizzato

Domande e risposte su Cappuccinatore

  1. Domanda di Tiziana | 19.10.2019 15:29

    Buongiorno.Latte di mandorla preparato su stile cappuccino x una persona uso quotidiano:per montarlo (bevuto caldo) va bene qualsiasi modello?Grazie!

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 22.10.2019 09:50

      Date le tue esigenze ti consigliamo di acquistare il Bialetti Milk Frother

  2. Domanda di aurelio santinello | 07.01.2019 15:24

    Vivo da solo e mi piacerebbe bere il caffè macchiato che prendo,al massimo 2 volte al giorno,con la panna che ti danno al bar.Avete un consiglio?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 08.01.2019 17:30

      Date le tue esigenze ti consigliamo l’acquisto del Clatronic MS 3326

  3. Domanda di ILARIA | 22.02.2017 21:32

    io bevo solo latte di soia e amo il cappuccino del bar per la sua crema e non la schiuma con bolle. quale il migliore per montare il latte soia?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 23.02.2017 09:20

      il miglior prodotto in commercio è il montalatte severin SM 9688, con questo articolo potrai montare alla perfezione sia il latte vaccino che il latte di soia, anche a freddo.

  4. Domanda di federica | 18.01.2017 09:36

    Vorrei sapere quale montalatte ha le pareti interne senza antiaderente.

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 18.01.2017 18:08

      Ci sono diversi modelli con la caraffa in acciaio: ad esempio i Severin SM 9688, SM 9495 e SM 9684.

  5. Domanda di katy | 27.12.2016 22:21

    Quale montalatte acquistare x montare il SOLO caffè (senza latte) a neve ferma (crema molto densa e persistente, nn schiumosa, tipo “panna montata”)?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 29.12.2016 11:22

      Non avendo testato il montalatte per questo uso specifico purtroppo non possiamo darti alcuna indicazione in merito.

Il migliore
Severin SM 3583

Severin SM 3583

Migliore offerta: 80,35€

Il miglior rapporto qualità prezzo
Illy Milk Frother

Illy Milk Frother

Migliore offerta: 72,54€