I migliori bollitori del 2023

Confronta i migliori bollitori del 2023 e leggi la nostra guida all'acquisto.

Amazon
75,84 €
Amazon
19,90 €
Amazon
76,72 €
Mood concept store
152,10 €
Amazon
22,99 €
mediaworld
81,98 €
Bhi store
167,00 €
Toro caffe
29,89 €
ePRICE
84,85 €
Ferlegno Commerce
168,99 €
onlinestore
102,89 €
Amazon
169,00 €
BbmShop
169,00 €

Dati tecnici

Capacità

1,7 l

1,2 l

1,7 l

1,7 l

1,7 l

Potenza

2200 W

1630 W

2400 W

2400 W

2200 W

Filtro rimovibile

Indicatore livello acqua

Indicatore temperatura

Altre funzioni

Selezione temperatura, mantenimento in caldo, spegnimento a secco, spegnimento automatico

Spegnimento automatico

Spegnimento automatico

Spegnimento automatico, spegnimento a secco

Spegnimento automatico, luci LED

Peso

1,33 kg

0,6 kg

1,18 kg

1,6 kg

1,26 kg

Punti forti

Possibilità di regolare la temperatura

Base rotante a 360°

Molto capiente

Inconfondibile design rétro

Utilizzo semplicissimo e spegnimento automatico

Funzione di mantenimento in caldo

Spegnimento automatico

Design accattivante

Abbinabile con altri prodotti del catalogo Smeg

Cavo avvolgibile sotto la base

Filtro micro-trama per trattenere il calcare

Struttura in acciaio inox

Ottima qualità dei materiali

Si spegne se non c'è abbastanza acqua

Illuminazione a LED

Coperchio con ampia apertura

Bollitura dell'acqua in tempi rapidissimi

Punti deboli

Non dispone di funzioni

Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa

Come scegliere il bollitore

Il bollitore elettrico è uno strumento utilissimo in cucina perché aiuta a ridurre notevolmente i tempi necessari per riscaldare l’acqua e preparare così  o tisane, una borsa dell’acqua calda oppure far bollire la pasta. Sul mercato l’offerta di bollitori è molto ampia perché, pur trattandosi di un apparecchio molto essenziale, le case produttrici cercano di andare incontro ad esigenze molto diverse in termini di prezzo, capienza e anche design. In questa guida all’acquisto vi illustreremo perciò gli aspetti più importanti da prendere in considerazione quando si acquista un nuovo bollitore.

Capacità

La capacità è da noi considerata il primo elemento decisivo nell’acquisto di un bollitore elettrico, in quanto da essa dipendono le possibilità d’uso del prodotto e, di conseguenza, la sua idoneità alle vostre esigenze.
Bollitore capienzaAlcuni, infatti, utilizzano il bollitore soltanto per la preparazione del o magari del caffè lungo (che è l’uso primario per cui questo apparecchio è stato ideato), mentre altri lo utilizzano per portare a 100 °C l’acqua per la pasta in maniera più veloce di quanto accadrebbe facendola bollire sul piano cottura. Di seguito, un elenco delle diverse capienze dei bollitori elettrici, con una stima del numero di persone e dei tipi di utilizzo per cui sono adeguate:

  • Fino a 500 ml: questi modelli sono ideali per la preparazione di tè ed altre bevande calde per circa 2 persone;
  • Da 500 ml a 1,2 l: i bollitori medi possono essere utilizzati sia per la preparazione di bevande (fino a 5-6 tazze), sia per portare ad ebollizione l’acqua per la pasta;
  • Oltre 1,2 l: questi bollitori sono indicati per un utilizzo famigliare, per chi voglia bollire quantità d’acqua più grandi per la pasta o utilizza le boule d’acqua calda in inverno.

Bollitore livello massimo riempimento

Struttura

La struttura di un bollitore rappresenta uno dei fattori più importanti quando bisogna scegliere quale modello acquistare, sia per ragioni estetiche, sia di uso pratico dell’apparecchio. 
Bollitore design

Materiali

I materiali che vengono impiegati per i bollitori sono l’acciaio (per le pareti interne ed esterne), le plastiche (solo per le pareti esterne) e, meno frequentemente, il pyrex, un vetro che non soffre gli sbalzi termici. I modelli con scocca in plastica sono i più economici, ma anche i più leggeri. Bisogna controllare che, a prescindere dal materiale del corpo macchina, il manico sia ben isolato termicamente in modo da evitare scottature ed incidenti vari. Non necessariamente un bollitore in plastica è scadente ma, ovviamente, essendo l’acciaio una lega inossidabile, sicuramente gli apparecchi prodotti con questo materiale hanno una longevità maggiore.
Bollitore termometro analogico

Filtro

I bollitori tendono inevitabilmente ad accumulare calcare sul fondo, soprattutto se non vengono puliti frequentemente. Vi consigliamo perciò di scegliere un modello dotato di un filtro per trattenere il calcare, che impedisce alle particelle di calcare di finire nelle nostre bevande o piatti. In alcuni modelli il filtro può essere rimosso e lavato adeguatamente.
Bollitore filtro anticalcare

Resistenza

Tutti i bollitori elettrici hanno una resistenza interna, che può essere di due tipologie. Esiste ancora la resistenza in vista, inizialmente tipica dei modelli dal prezzo basso, ma ormai divenuta desueta. Col tempo la serpentina tende ad accumulare calcare perché è più difficile da pulire, e questo viene rilasciato nell’acqua calda una volta bollita. Bollitore resistenza a serpentinaLa resistenza piatta, a differenza della serpentina in vista, è più nascosta e appare come una vera e propria piastra in acciaio inox alla base del bollitore. Questa tipologia è oggi più comune e garantisce una pulizia molto più semplice per evitare l’accumulo di calcare.Bollitore resistenza piatta

Funzioni

Per quanto il bollitore possa sembrare un elettrodomestico molto semplice, non bisogna in realtà sottovalutarne le diverse funzioni, visto che queste possono essere molteplici e condizionare l’uso pratico dell’apparecchio. Di seguito, un elenco di tutte le funzioni che è possibile trovare in un bollitore elettrico:

  • Spegnimento automatico: permette al bollitore di bloccarsi in automatico quando l’acqua è stata portata ad ebollizione. Si trova su tutti i modelli;
  • Indicatore della temperatura: alcuni modelli segnalano la temperatura dell’acqua. È una funzione molto utile quando si vuole far bollire l’acqua per preparazioni che richiedano temperature inferiori a 100 °C, come alcuni tè;
  • Programmi preimpostati: consistono in diverse impostazioni di temperatura automatica, che possono variare in numero e andare da 40 a 100 °C. Questa funzione è un’esclusiva dei modelli top di gamma;Bollitore selezione temperatura
  • Mantenimento in caldo: questa funzione permette di tenere in caldo l’acqua per un breve periodo dopo l’ebollizione per evitare di perdere calore qualora non venga utilizzata immediatamente;
  • Spie luminose: sono presenti in quasi tutti i bollitori e servono a simboleggiare, in maniera più o meno visibile e sofisticata in base al costo del prodotto, che l’apparecchio è in funzione;Bollitore pulsante LED
  • Sistemi di sicurezza: una caratteristica molto utile è l’interruzione del funzionamento del bollitore senza acqua al suo interno.

Potenza

L’ultimo elemento da tenere in considerazione nella scelta del bollitore è rappresentato dalla sua potenza. Questa viene sempre espressa in Watt e varia in base alla fascia di prezzo del prodotto: i modelli più economici tendono infatti ad avere wattaggi che si aggirano intorno ai 1000 W, il che si traduce in una bollitura efficace, ma che richiede più tempo.
Bollitore potenzaI bollitori collocati in una fascia di prezzo media, invece, hanno una potenza variabile dai 1300 ai 1700 W circa, mentre gli apparecchi considerati top di gamma possono superare tranquillamente i 2000 W. Sicuramente nessuno di questi apparecchi influisce in maniera eccessiva sui consumi elettrici visto che resta in funzione solo per il tempo necessario a far bollire l’acqua, tuttavia questo è un dato difficile da quantificare visto che è molto soggetto all’uso personale. Esistono comunque dei sistemi per risparmiare energia: è il caso, ad esempio, dell’indicatore di tazze che consente di far bollire solo l’esatta quantità d’acqua necessaria per le persone da servire. Anche l’accortezza di scegliere un prodotto che eviti il funzionamento a secco può contribuire ad evitare sprechi di corrente elettrica.

Le domande più frequenti sul bollitore

Quali sono le migliori marche di bollitori?

Le marche che oggigiorno si occupano della produzione di bollitori elettrici sono numerose e il nostro consiglio non è quello di preferire un brand nello specifico perché superiore ad altri, quanto piuttosto di rivolgersi ad un’azienda produttrice conosciuta ed affidabile per avere la garanzia d’acquisto di un prodotto non solo efficiente, ma anche sicuro da utilizzare e di qualità. Tra i marchi più rinomati che troviamo in commercio ricordiamo Philips, CuisinArt, Kenwood, De’Longhi, Severin, Russell Hobbs e Klarstein.

Quanto costa un bollitore elettrico?

Il prezzo di un bollitore elettrico può oscillare in maniera davvero ampia. In commercio, infatti, troviamo modelli a partire da un prezzo di circa 10 € fino ad arrivare intorno ai 100 €. La variazione di fascia di prezzo in cui si collocano i bollitori dipende da diversi fattori, sia strutturali, sia funzionali, e dunque il prezzo è importante perché è un valore indicativo, per esempio, dei materiali utilizzati e delle funzioni extra che il prodotto può vantare. La soluzione giusta è sempre quella di domandarsi quali siano le proprie esigenze d’uso ed aspettative, in modo da spendere una cifra adeguata alle proprie necessità.

Come si pulisce il bollitore?

A meno che non si utilizzi acqua in bottiglia o acqua precedentemente filtrata, il calcare contenuto nell’acqua del rubinetto tende ad accumularsi sul fondo del bollitore e poi a finire nelle nostre bevande. Per evitare la formazione di calcare è necessario effettuare circa ogni mese la pulizia dell’apparecchio. I metodi a disposizione sono molto semplici: realizzate una soluzione di acqua e aceto oppure di acqua e succo di limone, portatela ad ebollizione e svuotate il bollitore; dopodiché riempite il bollitore di acqua del rubinetto e fatela bollire nuovamente per eliminare l’odore della soluzione precedentemente utilizzata. In commercio esistono anche prodotti chimici un po’ più aggressivi pensati per le incrostazioni più difficili da eliminare, tuttavia consigliamo di preferire i due metodi naturali precedentemente descritti che, se ripetuti regolarmente, non rendono necessario l’uso di altri decalcificanti.

Si può cuocere la pasta nel bollitore?

Poiché il bollitore è ancora un elettrodomestico poco diffuso nelle cucine italiane spesso si tende a equiparare la sua funzione a quella di una normale pentola. Tuttavia, questo apparecchio è progettato solo per portare l’acqua a bollore più rapidamente e perciò non è assolutamente pensato per far cuocere la pasta o altri alimenti al suo interno. Da una parte questa operazione potrebbe danneggiare l’apparecchio, dall’altra è importante ricordare che il bollitore si spegne una volta raggiunti i 100 °C, mentre la cottura della pasta richiede una temperatura costante per diversi minuti. Per accelerare le operazioni di cottura della pasta fate bollire l’acqua in un bollitore e poi trasferitela all’interno della pentola in cui andrete a cuocere la pasta.

Si può scaldare il latte nel bollitore?

Tecnicamente il bollitore è in grado di riscaldare il latte, ma il liquido a contatto con l’elemento riscaldante rischia di bruciarsi e di formare sul fondo uno strato di latte bruciato difficile da rimuovere e che renderebbe il bollitore inutilizzabile per altri scopi. Se non avete la possibilità di usare un piano cottura o un forno a microonde, vi consigliamo di acquistare cappuccinatore che, oltre a preparare la schiuma di latte, permetta anche di riscaldare il latte freddo.

Si possono far bollire le uova nel bollitore?

Per le uova vale lo stesso discorso fatto per la pasta: oltre al rischio di danneggiare l’apparecchio, non è possibile mantenere la temperatura dell’acqua costante per circa 10 minuti, infatti una volta raggiunti i 100 °C il bollitore si spegne automaticamente e la temperatura diminuisce progressivamente. Consigliamo in alternativa l’acquisto di un cuociuova.

A che temperatura deve bollire l’acqua del tè?

Ogni tipo di tè richiede una temperatura diversa per sprigionare al meglio i suoi aromi. Per preparare il tè bianco si dovrebbe portare l’acqua a una temperatura di massimo 70° C, mentre per il tè verde la temperatura ideale è di 75-80 °C. Il tè nero e le tisane richiedono invece temperature molto alte, per cui si può far bollire l’acqua fino a 100 °C. A questo scopo, un bollitore con termometro integrato può essere più utile rispetto alla teiera tradizionale, che porta l’acqua a ebollizione senza poter scegliere la temperatura. 

Dove acquistare un bollitore?

Il bollitore è un piccolo elettrodomestico e, come tale, può essere acquistato presso tutti i negozi specializzati in questo tipo di prodotti, dalle grandi catene, che sicuramente hanno un’offerta più ampia, ai piccoli rivenditori. Acquistando invece un bollitore online, sia dai siti delle suddette catene di elettrodomestici, sia in uno dei tanti siti generalisti di e-commerce, l’offerta è ancora più ampia e, oltre alla comodità di non doversi recare in negozio, si potranno anche confrontare le opinioni di chi ha già acquistato il prodotto.

Dove si butta il bollitore?

Se il vostro bollitore è rotto e non può essere riparato oppure avete semplicemente voglia di acquistare un modello più performante, avete a disposizione due opzioni per disfarvi del vostro apparecchio, che non può essere smaltito tra i rifiuti domestici. La prima è quella di portarlo presso il centro di raccolta rifiuti più vicino a voi (questa informazione è solitamente reperibile sul sito del vostro comune di residenza), la seconda è quella di scambiarlo con un nuovo modello direttamente nel negozio di elettrodomestici di vostra scelta.


Copyright Klikkapromo srl – È vietato ogni sfruttamento non autorizzato

Domande e risposte su Bollitore

  1. Domanda di Andrea | 16.01.2019 14:11

    Ciao, sto cercando un bollitore dotato di wifi comandabile via app, Alexa od Homekit…esiste? Il prezzo non è un problema. Grazie mille

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 18.01.2019 14:11

      Date le tue esigenze ti consigliamo l’acquisto del Redmond RK-M170S E che è dotato della funzione di connettività.

  2. Domanda di Agata | 18.12.2018 21:16

    Qual e il bollitore in acciaio che ha temperature regolabile, apertura larga e resistenza nascosta? Grazie!

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 07.01.2019 10:06

      Date le tue esigenze ti consigliamo l’acquisto del CuisinArt CPK17E

  3. Domanda di Marchetti Loredana | 16.12.2018 20:57

    Vorrei sapere se c’e un bollitore con timer per programmare l’accensione

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 17.12.2018 08:25

      L’avvio ritardato purtroppo non è una funzione comune nei bollitori; fin’ora non abbiamo recensito alcun modello dotato di questo programma.

  4. Domanda di Cinzia Bulletti | 29.11.2018 18:47

    Ciao, appassionata di the, da poco ho una bimba a cui preparo latte in formula. Cerco un bollitore con temperature impostabili (70°per il latte) grazi

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 03.12.2018 10:37

      Date le tue esigenze ti consigliamo l’acquisto del Russell Hobbs 21150-70

  5. Domanda di Daniela | 28.06.2018 21:01

    Bollitore in plastica sicuro per salute anche se è scritto bpa free?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 02.07.2018 08:31

      Se l’assenza di bpa viene segnalata il prodotto dovrebbe essere sicuro.

  6. Domanda di Maria | 14.02.2018 14:00

    Salve unconsiglio tra l’ Electrolux EEWA7800 e l’ Aicok KE7466YJ-GS. Vale spendere di più per il Cuisinart? Conoscete il KItchenaid? Uso te e tisane

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 15.02.2018 09:29

      Sono entrambi due ottimi prodotti; ti consigliamo di leggere le nostre recensioni e valutare in base alle tue esigenze specifiche.

  7. Domanda di Marisa Schiattareggia | 04.02.2018 23:10

    la bollitura dell’acqua in un bollitore di vetro è preferibile qualitativamente,per una questione di onde elettromagnetiche od altro, all’inox?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 05.02.2018 09:26

      No da un punto di vista di sicurezza non c’è nessuna differenza tra i due materiali.

  8. Domanda di Elisa | 22.12.2017 21:47

    Vorrei sapere cosa ne pensate di un bollitore in vetro, con filtro anticalcare. È valido come uno in inox oppure no? Va pulito meno spesso ? Grazie

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 08.01.2018 10:25

      Consigliamo l’acquisto di bollitori in acciaio inox in quanto risultano più resistenti ed efficienti.

  9. Domanda di Eleonora | 11.12.2017 21:10

    Salve, cerco bollitore elettrico in acciaio. Capacità più di 1 litro, temp. regolabile fino a 40 gradi, filtro removibile, con mantenimento calore

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 12.12.2017 09:38

      tra i bollitori in acciaio ti consigliamo l’acquisto del CuisinArt CPK17E

  10. Domanda di Stefano | 04.05.2017 15:47

    Salve! Vorrei acquistare un bollitore che abbia la regolazione della temperatura e il suo controllo istante per istante, costo massimo 100 euro.

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 08.05.2017 09:29

      ti consigliamo il bollitore CuisinArt CPK17E un ottimo modello che permette di impostare la temperatura desiderata.

Il migliore
Philips HD9359/90

Philips HD9359/90

Migliore offerta: 75,84€

Il miglior rapporto qualità prezzo
H.Koenig BO12

H.Koenig BO12

Migliore offerta: 19,90€