I migliori gasatori di acqua del 2024

Confronta i migliori gasatori di acqua del 2024 e leggi la nostra guida all'acquisto.

amazon
99,90 €
missconvenienza
14,50 €
amazon
161,88 €
amazon
77,80 €
missconvenienza
14,50 €
unieuroit
99,99 €
hidrobrico
19,50 €
primashopping
181,29 €
amazon
14,99 €
mediaworld
99,99 €
assperr
23,90 €
hidrobrico
19,50 €
freeshop
108,90 €
freeshop
64,90 €
assperr
23,90 €
missconvenienza
109,00 €
amazon
90,51 €
madeincucina
24,55 €

Dati tecnici

Funzionamento

Manuale

Manuale

Manuale

Manuale

Elettrico

Capienza

1 l

1 l

1 l

1 l

1 l

Materiale bottiglia

1x vetro, 1x plastica

Plastica

Plastica

Plastica

Plastica

Senza BPA

6

Regolazione gasatura

Manuale

Manuale

Manuale

Manuale

Automatica

In dotazione

Ricarica, 2 bottiglie

2 bottiglie da 1 l, 1 bottiglia da 0,5 l

Bottiglia

Ricarica, bottiglia

Ricarica, bottiglia

Aromi compatibili

Altre bevande (succhi, vino etc.)

Punti forti

Nuova ricarica ad aggancio rapido

Con 2 bottiglie da litri e 1 da mezzo

Acciaio inox in 8 bellissime colorazioni

Design elegante

Diversi livelli di gasatura automatici

Doppia bottiglia in plastica e in vetro

Anche per succhi e cocktail

Compatibile con le ricariche Sodastream

Livello di gasatura personalizzabile

Corpo macchina compatto e maneggevole

Design compatto

Sistema di sicurezza avanzato

Compatibile con le ricariche Sodastream

Compatibile i ricambi Sodastream

Materiali di qualità

Punti deboli

Non utilizzabile con vecchie ricariche Sodastream

Ricarica non inclusa

Prezzo elevato

Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa

Come scegliere il gasatore d’acqua

L’acqua gassata, fresca e dissetante, è sempre più diffusa sulle tavole degli italiani. Per molti, però, l’acquisto continuo di bottiglie di plastica non è sostenibile. Da un lato la spesa economica risulta decisamente eccessiva, dall’altro il consumo esagerato di plastica è dannoso per l’ambiente che ci circonda. gasatore acquaCome fare allora a preparare l’acqua gassata in casa? Fortunatamente il progresso tecnologico ci viene in aiuto: da qualche anno, infatti, sono stati lanciati sul mercato i gasatori d’acqua adatti ad un uso domestico, prodotti pratici, mediamente economici e decisamente facili da utilizzare. Vediamo in questa guida all’acquisto come scegliere il gasatore d’acqua giusto per sé.

Alimentazione

Dato il grande successo di pubblico che questo apparecchio ha riscontrato in breve tempo, sono state commercializzate diverse tipologie di gasatore d’acqua così da rispondere alle diverse esigenze dei consumatori. Le differenze tra i modelli non sono soltanto di natura strutturale, ma anche tecnica, e nello specifico sono legate al tipo di alimentazione dell’apparecchio, in base alla quale è possibile distinguere tre diverse tipologie di gasatori.
Prima di entrare nel dettaglio ricordiamo che tutti i gasatori agiscono aggiungendo anidride carbonica all’acqua: è proprio questo gas, infatti, a creare le bollicine.

Gasatore d’acqua manuale

La tipologia più economica e diffusa è quella dei gasatori d’acqua che funzionano manualmente, ovvero senza bisogno di corrente elettrica o di batterie. Si tratta di modelli molto semplici che possono avere una struttura diversa, più o meno ingombrante. Il successo di questa tipologia è sicuramente collegato al fatto che, non essendoci costi aggiuntivi di elettricità o di batterie, il risparmio è notevole.

Gasatore d’acqua elettrico

Anche questa tipologia di gasatore risulta mediamente economica e abbastanza diffusa. La struttura del corpo macchina è solitamente compatta e maneggevole, come si vede nella foto sottostante, e l’azione gasante avviene tramite corrente elettrica. Gasatore acqua elettricoQuesto tipo di gasatore risulta un po’ più efficiente del gasatore manuale e può avere anche funzioni aggiuntive.

Gasatore d’acqua con attacco alla rete idrica

La tipologia di gasatori d’acqua con attacco diretto alla rete idrica è sicuramente la più costosa, poiché implica l’installazione di un impianto fisso e di una bombola di anidride carbonica. Dato il prezzo mediamente alto questo tipo di gasatori è un po’ meno diffuso, pur consentendo ottime prestazioni e presentando quasi sempre un sistema di filtraggio integrato. Se non potete rinunciare all’acqua gassata e avete una famiglia numerosa, questa tipologia è sicuramente un’ottima scelta.

Funzioni

Il secondo aspetto da prendere in considerazione quando si sceglie il gasatore d’acqua riguarda le funzioni integrate all’apparecchio. Trattandosi di un prodotto abbastanza semplice, anche le funzioni integrate che è possibile trovare sono abbastanza limitate, tuttavia per alcuni consumatori possono risultare molto utili.

Livello di gasatura

La prima funzione è la regolazione del livello di gasatura. Solitamente nei modelli manuali il contenuto di anidride carbonica viene regolato manualmente premendo un pulsante o una leva, il che può portare involontariamente ad eccedere con il dosaggio e avere un’acqua troppo frizzante. I modelli elettrici, invece, consentono un dosaggio più preciso grazie ai tasti di erogazione automatica. Questo elemento risulta molto utile per i nuclei familiari poiché consente di assecondare i desideri di tutti i membri della famiglia, assicurando di volta in volta la quantità di gas desiderata.

Depurazione

La seconda funzione è il sistema di filtraggio, ovvero un filtro aggiuntivo, come quello mostrato nella foto sottostante, che permette di depurare l’acqua prima di effettuare il processo di gasatura. Gasatore acqua filtroQuesta funzione, sebbene molto rara, è molto importante per chi vuole utilizzare l’acqua del rubinetto e non è certo della sua potabilità.

Struttura

Un altro aspetto che dovrete considerare prima di scegliere il gasatore d’acqua più adatto alle vostre esigenze riguarda le caratteristiche strutturali dell’apparecchio. Esistono infatti sostanziali differenze tra i vari modelli.
Per semplificare possiamo identificare tre macro-tipologie di gasatori d’acqua: le bottiglie autogasanti, i modelli con corpo macchina e bottiglia integrata e quelli che permettono di utilizzare le classiche bottiglie in vetro. Tralasciamo i gasatori che si attaccano direttamente alla rete idrica: la maggior parte infatti dev’essere installata direttamente sotto il vostro rubinetto da operai specializzati in questo genere di lavori.

Bottiglie autogasanti

Questi sono i gasatori più semplici, che non hanno un corpo macchina, ma si presentano come una normale bottiglia con uno speciale tappo all’interno del quale devono essere inserite le ricariche di anidride carbonica. La dimensione di questi gasatori varia a seconda del modello: solitamente possono contenere tra 750 ml e 1,5 l. Gasatore acqua autogasanteIl funzionamento è molto semplice: basta inserire l’acqua all’interno della bottiglia e, muovendo la leva presente sul tappo speciale, si dà l’avvio alla gasatura. In alcuni casi è possibile inoltre anche regolare il livello di gasatura. Questa tipologia di gasatori è decisamente la più compatta e maneggevole, tuttavia risulta adatta essenzialmente a chi ha un bisogno individuale: utilizzare la bottiglia autogasante per tutta la famiglia risulterebbe infatti scomodo e molto dispendioso.

Corpo macchina con bottiglia integrata

Anche questa tipologia di gasatori risulta decisamente compatta e maneggevole. Questi modelli hanno un corpo macchina (di dimensioni variabili) e una bottiglia integrata, che dev’essere riempita prima della gasatura. Nella parte alta del corpo macchina sono solitamente presenti dei pulsanti o una leva che permettono di attivare l’apparecchio e selezionare le eventuali funzioni integrate. Questa tipologia di gasatori può essere alimentata sia elettricamente, sia a mano: in base alla tecnologia e alle funzioni variano sia la fascia di prezzo, sia l’ingombro. gasatore acqua bottigliaI gasatori con bottiglia integrata risultano abbastanza efficienti e pratici: l’unico aspetto che potrebbe essere valutato negativamente è l’impossibilità di utilizzare le normali bottiglie in vetro. Solitamente infatti la macchina ha una parte superiore troppo bassa, pensata appositamente per la bottiglia integrata, che può essere sostituita con un’altra dello stesso brand acquistabile separatamente (nella foto sopra un esempio di bottiglia di ricambio). Da ricordare che per evitare l’accumulo di impurità o la formazione di batteri è necessario lavare questo contenitore abbastanza frequentemente.

Corpo macchina senza bottiglia integrata

Le caratteristiche strutturali di questa tipologia di gasatori sono molto simili a quelle dei gasatori con bottiglia integrata: l’unica differenza sensibile è proprio la possibilità di utilizzare diversi tipi di bottiglie. Gasatore acqua senza bottiglia integrataBisogna comunque tenere presente che l’acqua preparata con il gasatore non può essere conservata molto a lungo: le case produttrici solitamente indicano che il livello di gasatura scelto si mantiene per circa un giorno. Trascorso questo tempo l’anidride carbonica potrebbe evaporare, nonostante la bottiglia sia ermeticamente chiusa e tenuta in frigorifero.

Materiali e pulizia

Per le bottiglie i materiali più diffusi sono il vetro e la plastica dura, mentre il corpo macchina può essere in plastica o in acciaio. L’unica accortezza da tenere presente rispetto ai materiali è assicurarsi che siano resistenti e solidi e che la bottiglia sia priva di sostanze tossiche come il BPA.gasatore acqua bottiglia plasticaIl tipo di materiale con cui è realizzata la bottiglia può influire inoltre sulla facilità di pulizia: se da una parte le bottiglie in plastica sono infrangibili, più leggere e quindi comode da trasportare, non possono essere lavate con acqua troppo calda oppure in lavastoviglie. È tuttavia sufficiente lavarle con acqua tiepida e detersivo per piatti, e dotarsi di uno scovolino per raggiungere il fondo della bottiglia.

Ricariche e gusti

L’ultimo aspetto da considerare per la scelta del gasatore d’acqua è strettamente connesso alla praticità di utilizzo. Non vogliamo riferirci alla facilità di attivare l’apparecchio: ci interessa piuttosto osservare la possibilità di reperire facilmente le ricariche di anidride carbonica e di utilizzare aromi particolari per creare non solo acqua gassata, ma anche bibite varie.
Abbiamo già visto come in tutte le tipologie di gasatori, a prescindere dalle differenze strutturali o tecnologiche, la gasatura avvenga mediante anidride carbonica: le ricariche devono essere acquistate periodicamente. Una ricarica di anidride carbonica consente in media di gasare tra gli 80 e i 150 l d’acqua: la quantità precisa dipende quasi esclusivamete dalle dimensioni della ricarica e del gasatore. In fase di acquisto è importante considerare che tipo di ricarica possa essere usato: per alcuni modelli infatti è obbligatorio acquistarne una dello stesso brand, come mostrato qui sotto, mentre in altri casi è possibile utilizzare anche quelle universali, solitamente più economiche.

Il secondo aspetto che potrebbe incidere sulla praticità dell’apparecchio è la possibilità di realizzare non solo acqua frizzante, ma anche bibite di vario genere. Questo potrebbe risultare molto utile, specialmente per chi ama le bibite gassate: in commercio sono infatti disponibili moltissimi concentrati, naturali e non, che se inseriti nel gasatore consentono di ricreare diversi tipi di bevande. SodaStream, ad esempio, offre un’ampia gamma di additivi per i suoi gasatori d’acqua, che permettono di realizzare limonate, cola e altre bibite aromatizzate. Avere a disposizione un gasatore che consenta di realizzare questo tipo di bibite rappresenta sicuramente un ulteriore risparmio: il nostro consiglio è quindi quello di valutare attentamente questo aspetto, così da ottimizzare la spesa e acquistare un prodotto davvero completo.

Le domande più frequenti sul gasatore d’acqua

Quali sono le migliori marche di gasatori d’acqua?

Il primo brand da citare è sicuramente SodaStream: questa azienda inglese nata nel 1903 è la maggiore produttrice di gasatori in tutto il mondo, proprio per questo i suoi prodotti sono molto competitivi sia rispetto al prezzo, sia rispetto alla qualità. Recentemente si sono comunque imposti sul mercato anche altre marche, che propongono diverse linee di prodotti: è il caso dell’italiana Laica o di Philips, brand molto affermati che assicurano qualità e assistenza al consumatore. Per chi ama i prodotti di design, segnaliamo anche i gasatori realizzati da Aarke, azienda svedese specializzata in modelli di fascia alta che utilizza materiali robusti, come acciaio e vetro. Sconsigliamo infine di acquistare modelli di marche sconosciute, specialmente se non è possibile reperire informazioni sui prodotti in italiano: potreste infatti avere la brutta sorpresa di acquistare un gasatore di scarsa qualità.

Come si fanno le bibite aromatizzate con il gasatore?

Innanzitutto è necessario assicurarsi che il proprio gasatore d’acqua permetta l’aggiunta di sciroppi per ottenere bibite aromatiche e che questi siano compatibili con il vostro modello. Solitamente questa informazione è contenuta sul manuale del prodotto, sul sito del produttore o può essere fornita dal servizio clienti. Fatta questa verifica, acquistate lo sciroppo di vostra preferenza e, quando sarete pronti a utilizzarlo, per prima cosa gasate la bottiglia d’acqua che intendete aromatizzare (fredda o a temperatura ambiente). Ricordate che questo passaggio deve necessariamente essere effettuato prima di aggiungere il concentrato di vostra scelta. Inclinate quindi la bottiglia di acqua frizzante e aggiungete il concentrato nelle dosi consigliate dal produttore. Per finire, chiudete la bottiglia e agitatela delicatamente. La vostra bibita è pronta!

Quanto dura una ricarica dei gasatori d’acqua?

La durata delle ricariche di CO² dipende da diversi fattori. Normalmente, una ricarica standard da 425 g può essere usata per gasare dai 60 ai 100 l d’acqua, a seconda del livello di gasatura selezionato e, in minima parte, anche della durezza dell’acqua. È bene inoltre sapere che più è fredda l’acqua, meno gas si consuma.

Come si capisce se il gasatore è scarico?

Se notate che il getto di CO² è meno potente del solito o fuoriesce a spruzzi, potrebbe essere ora di sostituire la vostra bombola. Se il pulsante dosatore non funziona, richiede poca pressione o fa un rumore strano, probabilmente è anche quello un segno che il vostro gasatore si sta scaricando.

Dove si buttano le bombole scariche?

I cilindri di CO² non possono essere smaltiti attraverso la normale raccolta dei rifiuti, ma per fortuna le principali marche di gasatori offrono la possibilità di rendere i cilindri vuoti gratuitamente (per posta o nei punti vendita convenzionati) e ricaricarli, oppure di scambiarli con un nuovo cilindro. Per questo motivo raccomandiamo di acquistare il vostro gasatore da un brand conosciuto e affidabile e di informarvi sulle opzioni disponibili per lo smaltimento delle ricariche e l’acquisto di nuove bombole.

Quanto costa un gasatore d'acqua?

I più economici sono le bottiglie autogasanti: il loro prezzo oscilla tra i 20 e i 40 €.
I gasatori più costosi invece sono gli impianti che si attaccano direttamente alla rete idrica: considerando il costo della manodopera necessaria per l’installazione e la tecnologia più sofisticata, la spesa cresce notevolmente.
I modelli più comuni di gasatore d’acqua, quelli con corpo macchina in cui si inserisce una bottiglia, si posizionano in una fascia di prezzo media: il loro costo è tra i 50 e i 150 €.

Cosa si può gasare col gasatore d'acqua?

La maggior parte dei modelli di gasatori d’acqua possono essere usati esclusivamente per rendere frizzante l’acqua, mentre un numero ridotto di modelli possono anche essere usati per gasare altre bevande non frizzanti, come il vino o i cocktail, oppure bevande gasate che abbiano perso la loro frizzantezza, come la birra o la stessa acqua gassata.
Se cercate un gasatore per questo tipo di uso accertatevi che sia compatibile con bevande diverse dall’acqua, visto che i modelli in commercio in grado di svolgere questa funzione sono ancora pochi. Vi invitiamo inoltre a consultare la nostra tabella dei migliori gasatori d’acqua, dove troverete questo parametro indicato tra le caratteristiche tecniche.


Copyright Klikkapromo srl – È vietato ogni sfruttamento non autorizzato

Domande e risposte su Gasatore acqua

  1. Domanda di Teresa | 23.07.2019 14:47

    Se si collega l’apparecchio alla corrente si deve utiizzare anche la bombola di anidride carbonica? Grazie

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 24.07.2019 09:44

      Si non è necessaria la bombola.

  2. Domanda di Dianora Pea | 07.01.2019 12:02

    Desidero conoscere la vostra opinione su happy frizz giulietta. Grazie

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 08.01.2019 17:24

      Non abbiamo ancora recensito questo prodotto.