I migliori ferri da stiro del 2019

Confronta i migliori ferri da stiro del 2019 e leggi la nostra guida all'acquisto.
Elena.gallina
Autore
Elena Gallina

5 Fattori decisivi per la scelta del ferro da stiro

1. Struttura

Il primo fattore che consideriamo decisivo nella scelta del ferro da stiro è quello relativo ai suoi aspetti strutturali, dal momento che questi possono influenzare il tipo di lavoro che è possibile effettuare, ma anche la praticità e comodità dell'uso che se ne può fare.

ferro da stiro strutturaDal momento che il mondo dei ferri da stiro si divide in due grandi famiglie, quella dei ferri con serbatoio interno e quella dei modelli a caldaia separata (considera la nostra sezione sui ferri da stiro con caldaia per maggiori informazioni), andiamo prima di tutto a vedere quali sono i principali vantaggi e svantaggi della prima rispetto alla seconda, per poi approfondire gli aspetti che dovrete tenere in considerazione nella scelta del modello che più fa al caso vostro.

ferro da stiro senza caldaia

Vantaggi del ferro a serbatoio interno

I ferri da stiro a serbatoio interno hanno, rispetto all'altra tipologia di ferro da stiro, il vantaggio di essere più maneggevoli e più pratici da utilizzare e da riporre, viste le dimensioni ridotte.
Inoltre i ferri a serbatoio interno sono solitamente più silenziosi e veloci a portare l'acqua a temperatura.

Regolazione della temperatura

Svantaggi

D'altra parte, lo svantaggio principale dei modelli senza caldaia è quello di offrire un'autonomia di lavoro inferiore, per cui un ferro di questo tipo risulterà inadeguato a chi ha molti capi da stirare nelle proprie sessioni di lavoro.
serbatoio interno
Da questo punto di vista, infatti, ricordiamo che la capienza del serbatoio interno di un ferro da stiro si attesta mediamente intorno ai 300 ml, mentre i ferri a caldaia hanno solitamente capienze superiori a 1 l, in grado di garantire più di un'ora di lavoro continuativo.

Ferro da stiro serbatoio

Gli altri svantaggi del ferro a serbatoio interno sono prestazioni solitamente inferiori dal punto di vista del vapore erogato (quindi il lavoro risulta un po' più impegnativo rispetto a quello con modelli con caldaia) e un peso maggiore (dal momento che al peso del ferro si aggiunge quello dell'acqua contenuta nel serbatoio interno).

Praticità d'uso

Il ferro da stiro con serbatoio interno è, già per sua natura, particolarmente maneggevole, dal momento che è proprio questa caratteristica il suo principale pregio e tratto distintivo.

Ferro da stiro tasto vapore
Non tutti i ferri da stiro sono però uguali: alcuni possono presentare caratteristiche che li rendono ancora più pratici e comodi da usare, e che dovrete tenere in considerazione per essere sicuri che il ferro che andrete ad acquistare vi soddisfi pienamente da questo punto di vista. Vediamo quali sono queste particolari caratteristiche:

  • Peso: è importante valutare il peso del ferro in sé, perché utilizzare un ferro troppo pesante, anche se per brevi sessioni di stiratura, può risultare faticoso
  • Impugnatura ergonomica/antiscivolo: un'impugnatura ergonomica può rendere più agevole l'uso del ferro, e il rivestimento antiscivolo può evitare spiacevoli incidenti quando si maneggia il ferro con mani sudate
  • Cavo girevole/pivotante: permette una maggiore libertà di movimentoFerro stiro cavo flessibile
  • Funzionamento cordless: sempre a proposito della libertà di movimento, alcuni modelli sono dotati di una base di ricarica. Quando il ferro è collegato alla base, si genera il vapore, poi è possibile scollegarlo per iniziare le operazioni vere e proprie di stiratura senza il vincolo del cavoferro da stiro normale e cordless
    Qui sotto un esempio di base di ricarica cordless:
    base per ferro da stiro cordless
  • Custodia da viaggio in dotazione: se acquistate un modello senza serbatoio, potreste volerlo portare in viaggio con voi, e in questo caso una custodia rende il trasporto molto più comodo, oltre a proteggere il ferro da danni accidentali. Inoltre, anche se non portate il ferro in vacanza, la custodia è comoda anche per custodirlo al riparo dalla polvere

2. Vapore

Il secondo fattore decisivo da tenere in considerazione nella scelta del ferro da stiro adatto riguarda la produzione e l’erogazione di vapore, che influenza la velocità e l'efficacia del ferro nell'appianare le pieghe.
pulsanti per vapore
I parametri da valutare in questo ambito sono:

  • Erogazione continua: diretta conseguenza della pressione è la quantità di vapore erogato in modalità continua, che si misura in grammi al minuto. Il valore minimo che vi suggeriamo è quello di 30 g/min, al di sotto del quale potreste riscontrare alcune difficoltà da punto di vista della fluidità del lavoro, dal momento che una buona erogazione costante rende il ferro scorrevole. Questo parametro può essere designato con termini diversi a seconda del marchio del ferro da stiro: potreste trovarlo indicato, ad esempio, anche come "vapore variabile"
  • Colpo vapore/supervapore: questo parametro rappresenta il getto massimo erogabile ad intervalli (non continuo quindi), che serve in situazioni particolari come per appianare le pieghe più difficili. Un ottimo valore, per un ferro con serbatoio interno, è intorno ai 200 g/min, ma potrebbe essere tranquillamente sufficiente anche un colpo vapore inferiore
  • Vapore verticale: permette di vaporizzare capi solitamente difficili o poco pratici da lavorare, ad esempio i tendaggi di grandi dimensioni oppure le camicie in stampella. Se intendete stirare molti capi simili, accertatevi che il vostro ferro da stiro disponga di questa funzione! Se la quantità di capi di questo tipo è veramente grande, potete prendere in considerazione anche l'acquisto di un più pratico ferro da stiro verticale

Spruzzino

3. Acqua

Abbiamo riunito sotto questo fattore tutta una serie di caratteristiche legate all'utilizzo dell'acqua da parte del ferro da stiro, che influenzano le sue prestazioni e che quindi, a nostro avviso, dovrete tenere in considerazione nella valutazione del modello da acquistare.Vediamo quali sono:

Capienza del serbatoio: da questa dipende l'autonomia di lavoro del ferro da stiro. Il valore più diffuso, e che consigliamo, dal momento che offre una buona autonomia e allo stesso tempo non rende il ferro particolarmente scomodo da maneggiare (ricordiamo che un serbatoio grande, oltre ad occupare spazio, rende anche il ferro pesante, quando è pieno!), è quello di 300 ml. Naturalmente, però, altre valutazioni possono influire nella scelta: ad esempio, se vi serve un prodotto da usare come secondo ferro di casa, per stirare qualche maglietta in situazioni d'emergenza, un prodotto meno capiente va benissimo.
Funzione anti-calcare: quasi tutti i ferri da stiro più recenti possono essere utilizzati con semplice acqua del rubinetto al posto di acqua distillata. La funzione anti-calcare serve per evitare che il calcare che si accumula nel serbatoio, con il tempo, danneggi il prodotto acquistato. Ci sono diversi sistemi, che più o meno funzionano in simil modo, solitamente si deve scaldare il ferro al massimo e attivare la funzione tramite un pulsante.

Ferro da stiro con sistema anticalcare

La fuoriuscita del calcare avviene spesso attraverso una fessura del ferro come nell'esempio nella foto sotto.
vano per fuoriuscita calcare
Funzione anti-goccia: i ferri da stiro con questa particolarità evitano quel fastidioso stillare che inumidisce i panni durante la stiratura. Questa funzione è particolarmente utile quando si lavora a basse temperature (con dei capi delicati, ad esempio) perché in quel caso è più facile che il liquido non si trasformi in vapore.
Accessori: alcuni ferri da stiro offrono in dotazione accessori utili, come il bicchiere graduato, per misurare l'acqua che viene inserita nel serbatoio, o il contenitore in cui svuotare il serbatoio quando si attiva la funzione anti-calcare.

4. Potenza e consumi

Il quarto fattore decisivo nella scelta del ferro da stiro è quello legato alla sua potenza e ai relativi consumi. Chi è alla ricerca di un modello con delle ottime prestazioni, che cioè si scaldi velocemente, che garantisca una maggiore e più veloce produzione di vapore e che di conseguenza permetta un lavoro di stiratura veloce e di qualità, deve fare attenzione alla potenza (espressa in Watt). Indicativamente, un ferro con un assorbimento di 2000 W può essere considerato piuttosto potente e veloce nello scaldarsi.
Alla potenza assorbita, ricordiamo, è legato anche il consumo energetico del ferro da stiro. Alcuni modelli sono dotati di funzione Eco, che permette di ridurre il consumo energetico, riducendo però in parte le prestazioni in termini di velocità di riscaldamento e di vapore erogato. Il costo di questi ultimi modelli è leggermente più elevato e conviene quindi a chi stira abbastanza frequentemente e per periodi medio-lunghi.
funzione eco

Infine alcuni ferri da stiro possiedono una funzione auto-spegnimento che si attiva automaticamente quando si lascia il ferro da stiro acceso senza utilizzarlo (alcuni ferri da stiro si auto-spengono ad esempio quando messi in posizione verticale). Questa funzione non riduce soltanto i consumi, ma svolge anche un importante ruolo per la sicurezza in casa.

Autospegnimento di sicurezza
Alcuni ferri da stiro, poi, dispongono di particolari funzioni legate alla selezione della temperatura, che viene effettuata in modo automatico (o, in alcuni casi, non viene effettuata affatto, dal momento che questi ferri permettono di stirare tutti i tipi di tessuti alla medesima temperatura), che permettono di accorciare i tempi di preparazione (ma anche quelli della stiratura vera e propria), con conseguente risparmio anche sui consumi in bolletta.
Sotto un esempio di ghiera di selezione della temperatura con le indicazioni dei tessuti:

Ferro da stiro selezione temperatura

Qui invece un esempio di ghiera senza indicazioni, solo con la temperatura:

ferro da stiro senza temperatura

5. Piastra

L'ultimo dei fattori che vi suggeriamo di considerare nella scelta del ferro da stiro più adatto alle vostre esigenze è quello che riguarda le caratteristiche della piastra: il suo materiale, la sua forma e la posizione dei fori da cui viene erogato il vapore. Andiamo a vedere nello specifico tutti questi elementi.

Ferro da stiro piastra

Materiale

Il materiale della piastra incide sulle prestazioni del ferro dal punto di vista della velocità nel riscaldamento e della scorrevolezza. Inoltre ci sono materiali più o meno resistenti all'usura e soggetti a graffi, macchie o incrostazioni. I materiali di cui una piastra può essere composta sono:

  • Acciaio: molto resistente, si pulisce facilmente e garantisce una distribuzione uniforme del calore. Ideale per garantire un'ottima fluidità di lavoro, ma fornirà meno precisione nei dettagli
  • Teflon: come l'acciaio è caratterizzato da una distribuzione uniforme del calore, è però meno resistente. Il suo punto di forza sono le ottime proprietà anti-aderenti, che rendono questo materiale estremamente scorrevole sui tessuti
  • Alluminio: è perfetto per i lavori di precisione (solitamente i modelli con punta perforante ed alta concentrazione dei fori è proprio in alluminio), ma probabilmente permette un lavoro meno fluido dell’acciaio e del teflon
  • Ceramica: materiale molto efficace con i capi più delicati ma meno solido e resistente dei materiali precedenti

Forma

Il peso e le dimensioni della piastra possono variare di ferro in ferro, in base sia al materiale di cui è composta, sia al particolare design scelto dal produttore. In particolare, una piastra larga con punta corta è ottima per stirare velocemente capi semplici come magliette o jeans, mentre una piastra con una punta allungata e sottile permette una maggiore precisione su abiti ricchi di bottoni, come le camicie, o su parti particolari come colletti e polsini.

Fori

Il numero e la collocazione dei fori, che servono per distribuire il calore dalla piastra al tessuto, può variare a seconda del modello. In linea generale si può scegliere tra due filosofie: la prima prevede una distribuzione omogenea di fori per avere una maggiore scorrevolezza, mentre la seconda concentra la fuoriuscita del vapore in punta, in modo tale che si possa ottenere maggiore precisione negli spazi stretti.
Nell'esempio sotto trovate una piastra ricca di fori in punta:

Punta della piastra ricca di fori

Qui sotto invece un esempio di una piastra con pochi fori in punta:

Ferro da stiro punta con pochi fori

Altri fattori da tenere in mente per la scelta del ferro da stiro

I materiali sono importanti?

I materiali sono un elemento fondamentale nella scelta del ferro da stiro: come abbiamo visto, infatti, il materiale della piastra determina in modo decisivo il tipo di lavoro che è possibile effettuare. È quindi necessario considerare se privilegiare velocità nel riscaldamento e robustezza (acciaio), scorrevolezza (teflon), precisione (alluminio) o delicatezza (ceramica), e scegliere il ferro di conseguenza.
Passiamo invece all'aspetto meno pratico, ma non meno importante, che riguarda la struttura stessa del prodotto. Ovviamente la plastica è il materiale più utilizzato per il rivestimento di un ferro, ma vi consigliamo sempre di valutare il tipo di copertura, perché un rivestimento più solido garantisce un miglior fissaggio e quindi longevità del prodotto. Oltre al rivestimento, dovrete valutare l'impugnatura, se la desiderate per esempio in materiale antiscivolo o meno, o magari, a sconda del gusto seggettivo, in sughero. Importante è anche valutare la robustezza del cavo, soprattutto alla base, perché è lì che ha bisogno di maggiore protezione.

La marca è importante?

Ci sono molte marche produttrici di ferri da stiro, e noi suggeriamo di considerare sempre anche questo aspetto nella scelta del ferro da stiro. Il primo motivo, più ovvio, è che una casa produttrice conosciuta è garanzia di affidabilità e sicurezza del prodotto, nonché di un efficiente servizio di assistenza e di una certa e veloce reperibilità di eventuali pezzi di ricambio.
L'altra ragione è legata alle caratteristiche e alle particolari tecnologie sviluppate da ciascuna marca, che contraddistingue i propri ferri da stiro da quelli degli altri brand. Tra le altre case produttrici, citiamo ad esempio la Rowenta, che si è specializzata in modelli con piastre particolarmente precise , la Philips, che ha sviluppato una tecnologia che permette di non dover impostare manualmente la temperatura in base al capo stirato, Imetec, che si distingue per la particolare attenzione al risparmio energetico, e tante altre.

Il prezzo è importante?

Un marchio importante di solito utilizza materiali di qualità superiore, che ovviamente comportano un risultato migliore del prodotto e al contempo un prezzo maggiore. Può accadere anche che per andare incontro alle necessità economiche ci siano sul mercato nomi importanti con prodotti di fascia bassa. Quello che ci domandiamo è quanta differenza ci sia tra un apparecchio dai costi elevati e uno economico: sicuramente i materiali utilizzati e i dati tecnici sono di molto importanti. Ma è sempre necessario acquistare i migliori in commercio, oppure anche un apparecchio di fascia bassa può fare al caso nostro? Premesso che un marchio importante garantisce reperibilità dei ricambi e facile assistenza, possiamo dire che anche un ferro economico può essere un fedele amico in casa: questo perché il single che stira pochi panni a settimana non necessita del potente ferro che potrebbe stirare ore e ore senza stancarsi mai! Insomma, immaginiamo che ormai sia tutto ben chiaro, visto che è semplice capire il discorso fatto: a seconda delle vostre esigenze si può selezionare il modello in base al prezzo.

Quali sono i migliori ferri da stiro del 2019?

La tabella dei migliori ferri da stiro del 2019 scelti dalla redazione di QualeScegliere.it

Prodotto Prezzo
migliore
Recensione
Rowenta DW6010 Eco Intelligence 49,99 € Recensione
Rowenta DW6020 ECO Intelligence 59,99 € Recensione
Philips GC4930/10 Azur Advanced 84,99 € Recensione
Philips GC4527/00 Azur Performer Plus 69,77 € Recensione
Braun TexStyle 7 TS745 A 55,00 € Recensione

Ferri da stiro: tutti i prodotti recensiti

"Philips GC4930/10 Azur Advanced": hai dubbi? Facci una domanda!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecco i migliori tre prodotti della categoria.

8 visitatori su 10 approfittano di queste offerte.

Il migliore

Rowenta DW6010 Eco Intelligence

Migliore offerta: 49,99€

Il miglior rapporto qualità prezzo

Rowenta DW6020 ECO Intelligence

Migliore offerta: 59,99€

Il più venduto

Philips GC4930/10 Azur Advanced

Migliore offerta: 84,99€