I migliori ferri da stiro con caldaia del 2019

Confronta i migliori ferri da stiro con caldaia del 2019 e leggi la nostra guida all'acquisto.
Elena.gallina
Autore
Elena Gallina

5 Fattori decisivi per la scelta del ferro da stiro con caldaia

1. Struttura

Il primo fattore a nostro avviso decisivo nella scelta di un ferro da stiro è quello relativo ai suoi aspetti strutturali, che ne influenzano le potenzialità e le effettive capacità durante la stiratura.

Aspetti strutturali da considerare

Il ferro da stiro con caldaia, in molti casi chiamato anche "a caldaia separata", è, come abbiamo detto, più ingombrante rispetto all'altra tipologia di ferro da stiro, quella con serbatoio integrato. Tuttavia ci sono alcuni aspetti strutturali che possono rendere un ferro con caldaia più agile e maneggevole rispetto a un altro e che, considerando che i ferri di questo tipo vengono usati per lunghe sessioni di lavoro, è fondamentale considerare per affrontare nel modo più comodo possibile le nostre lunghe sessioni di stiratura. Vediamo quali sono queste caratteristiche.


I migliori due prodotti della categoria

8 persone su 10 approfittano di queste offerte

Dimensioni

I ferri da stiro con caldaia sono solitamente piuttosto ingombranti, tuttavia questa non è necessariamente una caratteristica negativa, in quanto dimensioni maggiori corrispondono solitamente ad una maggiore capacità del serbatoio e quindi ad una più lunga autonomia di lavoro. Da questo punto di vista, quindi, il nostro consiglio è quello di cercare un compromesso tra l'autonomia di lavoro di cui avete bisogno e lo spazio che avete a disposizione per custodire il ferro da stiro.
Ferro da stiro con caldaia ingombroPer quanto riguarda invece il peso, solitamente il ferro in sé non è molto pesante, anzi, i ferri con caldaia sono tipicamente più leggeri di quelli con serbatoio, dal momento che l'acqua è contenuta separatamente nella caldaia e non nel ferro stesso. Manovrare il ferro con caldaia separata può dunque essere anche più facile rispetto al ferro con serbatoio.

Impugnatura

Considerando che dovrete utilizzare il ferro da stiro anche per un'ora continuativa, un'impugnatura particolarmente comoda ed ergonomica può fare davvero una grande differenza, in termini di affaticamento e di facilità di movimento. Ferro da stiro con caldaia impugnaturaLa presenza poi di un rivestimento in materiale antiscivolo, sia esso il tradizionale sughero oppure la più moderna gomma morbida, è invece importante per due ragioni. Da un lato aiuta infatti ad assorbire e asciugare il sudore che può formarsi sul palmo della mano, dall'altro aiuta ad avere una presa sicura sul ferro e dunque a prevenire spiacevoli incidenti.

Stazionamento

Vi sono alcuni aspetti importanti da considerare anche per quanto riguarda la base di appoggio del ferro da stiro, ovvero quella piattaforma su cui si poggia il ferro negli intervalli durante la stiratura e quando è spento. Preferibilmente questa dovrebbe essere rivestita anch'essa di un materiale antiscivolo e ovviamente termoresistente, solitamente una plastica resistente gommata.
Ferro da stiro con caldaia piedini e base pianaÈ infatti importante che il ferro rimanga esattamente dove lo appoggiamo senza scivolare, e che non cada dalla sua base al minimo urto o spostamento.
Ferro da stiro con caldaia base di appoggioLa base di appoggio può essere più o meno inclinata oppure piana: questo può fare una differenza durante le sessioni di stiratura più lunghe, anche se molto dipende da dove collochiamo la caldaia. In generale possiamo dire che appoggiare e riprendere il ferro risulta più comodo e meno stancante per il nostro braccio quando la base di appoggio è inclinata.
Appoggio piastraInfine, la base d'appoggio può essere dotata di un sistema di fissaggio e ancoraggio del ferro da stiro che consigliamo di inserire sempre ogni volta che il ferro è a riposo o deve venire spostato. Fissare la piastra sulla sua base serve infatti ad evitare la caduta accidentale del ferro, che può danneggiare i vostri arredi, i pavimenti, il ferro stesso per non parlare dei vostri piedi. Se ci sono bambini in casa, poi, è una buona idea fissare il ferro sulla piastra anche soltanto quando ci si allontana temporaneamente durante la stiratura, ad esempio per prendere altri panni o rispondere al citofono.Ferro da stiro con caldaia ancoraggio ferro


I migliori due prodotti della categoria

8 persone su 10 approfittano di queste offerte

Piedini

Al di sotto della caldaia si trovano solitamente quattro o più piedini antiscivolo. Nei modelli di fascia bassa questi possono mancare, e secondo noi questa è una mancanza più seria di quanto si possa pensare. Ferro da stiro con caldaia piedini antiscivoloPensate ad una caldaia in funzione poggiata su un pavimento molto liscio o su un tappeto, senza piedini antiscivolo: può bastare un urto accidentale col piede per calciare via la caldaia, col rischio che trascini il ferro con sé. Meglio dunque eccedere in sicurezza e scegliere un ferro da stiro con caldaia dotato di piedini antiscivolo.

Avvolgicavo

Molto spesso sul corpo della caldaia si trova un vano raccoglicavo o comunque un sistema per l'avvolgimento in buon ordine del cavo che collega la caldaia al ferro, attraverso cui passa il vapore. Ferro da stiro con caldaia avvolgimento cavoPoter mantenere il cavo in buon ordine è importante per diversi motivi: oltre a banalmente mantenere l'ordine ed evitare fastidiosi ingarbugliamenti, il cavo ben avvolto si mantiene più a lungo senza sviluppare pieghe "croniche", sfaldature del rivestimento e attorcigliamenti che rendono difficoltoso l'uso del ferro.

2. Vapore

Il secondo fattore che consideriamo decisivo nella scelta del ferro da stiro con caldaia è quello relativo alla produzione e all'erogazione di vapore: da queste infatti dipendono la velocità e l'efficacia del ferro da stiro al lavoro.
Impostazioni vapore ferro da stiro con caldaiaSegnaliamo che è proprio nelle prestazioni relative al vapore che si concretizzano le principali differenze tra i ferri da stiro a caldaia separata e quelli con serbatoio integrato. Ci sono, in particolare, alcuni parametri che vi suggeriamo di tenere in considerazione e che riassumiamo in questa tabella:

Prestazione
Pressione
Erogazione continua
Colpo vapore
Sufficiente
3,5 bar
50 g/min
< 200 g/min
Buona
5 bar
70-90 g/min
200-300 g/min
Ottima
7 bar
120-130 g/min
400 g/min

Spieghiamo meglio di che valori si tratta e perché sono importanti.


I migliori due prodotti della categoria

8 persone su 10 approfittano di queste offerte

Pressione

La pressione che si genera all'interno della caldaia determina in modo decisivo l'erogazione del vapore, dal momento che una pressione maggiore riesce a spingere con più forza una maggiore quantità di vapore. Un valore minimo, che permette di ottenere risultati solo in parte soddisfacenti, è quello di 3,5 bar. I ferri migliori in assoluto raggiungono anche i 7 bar, ma già a 5 bar si possono ottenere risultati soddisfacenti.Impostazioni manuali

Che cosa sono i bar?

Non è un caso che le case produttrici cerchino di evidenziare questo aspetto, poiché è uno dei più utili per comprendere le reali qualità di un apparecchio. I bar sono infatti l'unità di misura della pressione, ed è proprio da quest'ultima che dipende in buona parte la potenza di emissione del vapore. Dunque non è difficile comprendere l'importanza, in termini di qualità della stiratura, di una caldaia efficiente e capace di raggiungere un alto livello di pressione. Ma a questo punto la domanda più importante è: quanti bar deve avere un buon ferro da stiro?
Che cosa sono i bar

Cosa dobbiamo stirare, quanto spesso e con che qualità

Per capire cosa si intende per un buon ferro da stiro, occorre prima valutare il tipo di utilizzo che si vuole farne. D'altra parte non tutti hanno l'esigenza di stirare parecchi capi e molto frequentemente, dato che alcuni hanno bisogno di un prodotto relativamente semplice che possa comunque garantire prestazioni di buon livello. Dunque per rispondere alla domanda è necessario porsi ulteriori questioni: che cosa dobbiamo stirare? Quanto spesso adoperiamo il ferro da stiro? Qual è la qualità di stiratura che vogliamo ottenere? Da queste domande è possibile comprendere se è opportuno puntare su un modello di fascia alta, media o bassa e di conseguenza quanti bar dovrebbe avere il modello che si vuole acquistare.
Utilizzo ferro da stiro


I migliori due prodotti della categoria

8 persone su 10 approfittano di queste offerte

Il numero di bar

Vediamo ora nel dettaglio qualche numero relativo alle differenti fasce di prezzo. In commercio si possono trovare ferri da stiro con caldaia di diverso genere, dotati di caratteristiche tecniche variabili sia dal punto di vista della struttura che delle funzioni e della potenza. In linea generale possiamo dire che i modelli di fascia alta pensati per un uso domestico possono vantare una caldaia con una pressione fino a 6 bar. Naturalmente questo non può essere l'unico criterio per valutare un ferro da stiro, ma di norma i prodotti di qualità elevata non scendono sotto i 5 bar.
Numero di bar
Questa caratteristica permette non soltanto di effettuare una stiratura molto efficace su ogni tipo di tessuto ma anche di stirare in verticale i capi più delicati in modo da non rovinarli. I ferri da stiro con caldaia di fascia media presentano generalmente caratteristiche tecniche inferiori dal punto di vista dell'emissione del vapore e quindi anche per quel che riguarda la pressione massima raggiungibile dalla caldaia. Generalmente questo tipo di prodotti non supera quasi mai i 5 bar e raramente scende al di sotto dei 3,5 bar. Come abbiamo detto, tuttavia, non è questo l'unico aspetto per giudicare un ferro da stiro, dunque è probabile che un modello di fascia media presenti dati tecnici molto positivi per effettuare una stiratura della qualità desiderata in base alle proprie personali esigenze. Per quanto riguarda invece i prodotti di fascia bassa, possiamo dire che talvolta il dato relativo ai bar non è specificato dalla casa produttrice, oppure non viene messo in particolare rilievo.
Barometro ferro da stiro
È possibile che questo avvenga perché il modello in questione non è particolarmente performante, perciò sarebbe sempre meglio scegliere un apparecchio conoscendo preventivamente questo dato. In conclusione, quindi, un buon ferro da stiro non deve necessariamente avere un numero di bar molto elevato per effettuare una stiratura di qualità, ma certamente un modello da 6 bar risulterà avere una maggiore potenza di uno di fascia bassa in termini di emissione del vapore.
Stiratura getto di vapore

Erogazione continua

Questa è l'erogazione senza sosta del vapore e dipende direttamente dalla pressione generata nella caldaia. Questo valore, espresso in grammi al minuto, può andare dai 50 g/min dei ferri da stiro con caldaia economici ai 120-130 g/min dei modelli di più alto livello. Noi consigliamo in ogni caso di considerare 70 g/min come valore utile minimo, al di sotto del quale è possibile avere qualche problema di scorrimento sui tessuti più rigidi (come il jeans).

Colpo vapore

Chiamato a volte anche "supervapore", questo è il getto di vapore speciale che possiamo "sparare" a volontà per mezzo di un'apposito grilletto, e che serve a dare un aiuto in più quando dobbiamo appianare pieghe particolarmente profonde e difficili. Ferro da stiro con caldaia grilletto colpo vaporeCome valori di riferimento diciamo che già intorno ai 200 g/min siamo su una buona erogazione, ma i modelli migliori in assoluto arrivano anche a 400 g/min.

Vapore verticale

In aggiunta a queste caratteristiche tecniche fondamentali ve ne è una quarta che può risultare utile in alcune occasioni, ovvero la possibilità di erogare vapore anche quando il ferro è sollevato in verticale. Questa possibilità non è sempre presente, di solito è associata a valori buoni di pressione in caldaia. Poter erogare vapore in verticale ci permette ad esempio di stirare o anche solo rinfrescare le tende appese al loro bastone, o abiti e giacche appesi sulla loro stampella.
A chi è particolarmente interessato a questa funzione consigliamo però, prima di acquistare un ferro da stiro con caldaia, di valutare anche l'opportunità di scegliere un ferro da stiro verticale.

3. Acqua

Il fattore relativo all'acqua è fondamentale nella scelta del ferro da stiro con caldaia, infatti quello che distingue questa tipologia di ferro da stiro è proprio la possibilità di immagazzinare grandi quantità di acqua, che garantiscono un'autonomia di lavoro molto maggiore rispetto a quella dei modelli con serbatoio integrato.

Quale acqua usare?

Prima di utilizzare il ferro da stiro è molto importante sapere quale tipo di acqua è il più adatto alla tipologia di ferro in questione. A tale scopo è necessario conoscere il grado di durezza dell'acqua della propria abitazione, ma ad ogni modo è comunque possibile acquistare l'acqua demineralizzata per ferri da stiro o l'acqua minerale in bottiglia.
Modello utilizzabile con acqua del rubinettoQueste ultime due scelte sono sicuramente adatte per i ferri da stiro di fascia di prezzo bassa, del tutto privi di efficienti sistemi anticalcare. Al contrario, nel caso si tratti di un modello più sofisticato, potrete utilizzare anche l'acqua del rubinetto, a patto però che non sia estremamente dura (non dovrebbe superare i 20 °f, gradi francesi, misurabili mediante appositi accessori e reagenti). Nel caso in cui l'acqua di casa vostra superasse i 20 °f, invece, il libretto di istruzioni consiglia molto spesso una miscela di acqua del rubinetto e acqua demineralizzata.

Capienza

La capienza della caldaia è infatti il primo e più importante aspetto da considerare quando si valutano gli aspetti relativi all'uso e alla gestione dell'acqua da parte di un ferro da stiro con caldaia. Ferro da stiro con caldaia capacità serbatoioL'autonomia di stiratura, naturalmente, non dipende soltanto dalla capienza, ma anche dalla quantità di vapore che viene erogata, che determina un consumo più o meno rapido della scorta idrica. Tuttavia possiamo indicare approssimativamente così la corrispondenza tra capacità e autonomia:

  • Meno di 1 l: non più di 2 ore. Questi modelli non si contraddistinguono mai per valori di pressione particolarmente alti, e hanno di conseguenza un'erogazione continua non superiore ai 100 g/min
  • Circa 1 l: una capienza di 1 l circa garantisce due ore e più di autonomia
  • Tra 1,5 e 2 l: i modelli di fascia alta si contraddistinguono per avere caldaie in questo ordine di grandezza, tali da permettere un utilizzo continuativo anche per 3/4 ore

Molti ferri da stiro con caldaia offrono anche la possibilità di aggiungere acqua nel serbatoio mentre il ferro è in funzione: questa caratteristica, che si chiama "rabbocco continuo" o anche "carica continua", permette di estendere l'autonomia di lavoro virtualmente all'infinito, dal momento che non serve aspettare che il serbatoio sia vuoto e la pressione annullata per riempirlo nuovamente.
Serbatoio

Manutenzione

Per avere una piastra scorrevole e che non sgoccioli bisogna fronteggiare regolarmente e con cura il problema calcare. Utilizzare un'acqua troppo dura senza un'adeguata protezione è senz'altro la prima causa del malfunzionamento di un ferro da stiro con caldaia e dei generatori di vapore. Per questo motivo tanti apparecchi, per lo meno i modelli più validi e di fascia di prezzo alta, sono dotati di veri e propri sistemi anticalcare per mantenere sempre alte le prestazioni del ferro da stiro.
Piastra ricca di fori e scorrevole

Come decalcificare il ferro da stiro con caldaia: rimedi casalinghi

Se il vostro ferro da stiro non è dotato di un sistema automatico di pulizia della caldaia in grado di eliminare il calcare in eccesso, esistono numerosi rimedi per adempiere a tale scopo. Possiamo chiamarli rimedi casalinghi o "della nonna", spesso non consigliati ufficialmente dalle aziende produttrici, ma per lo più comprovati dal punto di vista empirico.
La pulizia della caldaia
Per la pulizia della caldaia, dunque, le casalinghe più esperte consigliano di procedere in questa sequenza:

  1. Creare una soluzione di acqua e aceto pari a 50% e 50%;
  2. Versare il tutto all'interno della caldaia;
  3. Accendere e far scaldare il ferro da stiro;
  4. Una volta scaldato il ferro, emettere vapore finché l'acqua non sia del tutto evaporata;
  5. Lasciare che il ferro si raffreddi;
  6. Ripetere l'operazione cambiando le proporzioni della soluzione, utilizzando una quantità di aceto pari al 10%;
  7. Se necessario, procedere nuovamente con l'ultimo passaggio.
I sistemi anticalcare

In base alla qualità del ferro da stiro con caldaia, esistono diversi sistemi per fronteggiare la lotta al calcare. A seguire vi elencheremo le proposte più diffuse in commercio, ovvero le soluzioni tecniche descritte sul libretto di istruzioni del ferro acquistato. Prima di illustrare le varie soluzioni, è utile spiegare che non tutti i modelli con serbatoio esterno sono dotati di una vera e propria caldaia. In particolare facciamo riferimento ai cosiddetti generatori di vapore della Philips, che necessitano comunque di una pulizia interna, proprio come i più comuni ferri da stiro con caldaia.
Risciacquo veloce della caldaia
Questo sistema è molto semplice e si tratta di una funzione anticalcare presente soprattutto nei modelli di fascia media o medio-bassa. Per eliminare le scaglie di calcare con questa funzione bisogna prima di tutto aspettare che il ferro da stiro si sia completamente raffreddato. Dopodiché bisogna aprire un apposito tappo e inserire acqua pulita nella caldaia, per poi smuoverla in modo da favorire il distacco delle scaglie dalle pareti interne.
Tappo per la pulizia con risciacquo internoInfine sarà necessario aprire di nuovo la chiusura ermetica e lasciare che l'acqua inserita poc'anzi esca del tutto. Per eliminare definitivamente il calcare interno, è probabile che quest'operazione debba essere ripetuta più volte.
Espulsione del calcare tramite contenitore esterno
Un altro pratico sistema, a nostro avviso più semplice ed efficiente, è quello che sfrutta un contenitore esterno. Questa soluzione è frequente nei modelli di fascia di prezzo media, ovvero quelli che permettono di utilizzare anche acqua del rubinetto.
Contenitore esterno per eliminare il calcarePer eliminare il calcare tramite contenitore esterno si procede così: si seleziona tale funzione sul sistema comandi (solitamente collocato sulla base del ferro), si posiziona la piastra del ferro da stiro con caldaia su un recipiente in dotazione e si attiva l'espulsione del calcare tramite un apposito tasto.
Eliminazione del calcare con contenitore esternoA questo punto non bisogna fare altro che attendere che il calcare venga espulso tramite i fori della piastra. I residui di calcare, infatti, ristagnano nel recipiente, che può essere svuotato quando un segnale acustico indica la fine del processo.
Dettaglio su fori per espulsione calcare tramite vaporeEspulsione diretta del calcare
I modelli di fascia superiore hanno funzioni ancora più efficienti. Il calcare viene, infatti, eliminato direttamente dalla caldaia, senza alcun bisogno di risciacquo interno.
Valvola di chiusura per espulsione calcareQuesto sistema funziona in maniera piuttosto semplice ed intuitiva. Un segnale acustico e/o visivo avvisa quando è necessario eliminare il calcare; successivamente non bisogna fare altro che posizionare un contenitore qualunque sotto la valvola di chiusura da cui, una volta aperta, fuoriescono le scaglie interne.
Valvola espulsione calcare aperta
Pannello di controllo che gestisce la pulizia internaLe pasticche o le fiale contro il calcare
Un altro pratico sistema utilizzato sia dai modelli di fascia media che da quelli di fascia alta prevede l'utilizzo di elementi chimici all'interno della caldaia per sbarazzarsi dei residui di calcare. Il libretto d'istruzioni di ogni ferro da stiro è in genere molto chiaro, e spiega dove e come inserire il liquido anticalcare o la pasticca.

4. Potenza e consumi

Il quarto fattore decisivo nella scelta del ferro da stiro con caldaia è quello relativo alla potenza assorbita e ai relativi consumi energetici. Consideriamo separatamente questi due aspetti.

Potenza

Un ferro che assorbe una quantità elevata di Watt è veloce a scaldarsi, a portare l'acqua in temperatura ed è quindi subito pronto ad erogare vapore. Indicativamente, un ferro da stiro con un assorbimento di 1000 W necessita di non meno di 5 minuti per essere pronto all'uso, ma potrebbe anche impiegare di più, a seconda dei casi, mentre ad un modello da 2000 W bastano solitamente circa 2 minuti. Ferro da stiro con caldaia potenzaL'assorbimento di un ferro da stiro si ripercuote anche sulla pressione che viene generata nella caldaia, sul getto di vapore erogato e, soprattutto, sui consumi energetici.

Consumi

Da questo punto di vista, molte case produttrici stanno immettendo sul mercato ferri dotati di una funzione "Eco" che, quando attivata, permette di tagliare di una percentuale solitamente tra il 20 e il 40% i consumi in bolletta.
Ferro da stiro con caldaia funzione EcoD'altra parte, bisogna segnalare che i ferri da stiro dotati di funzione Eco sono solitamente più costosi di quelli che ne sono sprovvisti, e che l'attivazione della funzione Eco comporta un inevitabile calo delle prestazioni del ferro da stiro.
Ferro da stiro con caldaia funzione EcoUn'altra funzione pensata per evitare inutili sprechi di energia è quella di autospegnimento: i ferri che ne sono dotati si spengono automaticamente dopo alcuni minuti che il ferro non viene utilizzato.
Ferro da stiro con caldaia temperatura ottimaleInfine, alcuni ferri da stiro dispongono di particolari funzioni legate alla selezione della temperatura, che viene effettuata in modo automatico in base ai tessuti da stirare o, in alcuni casi, non viene effettuata del tutto (questi ferri stirano cioè ogni capo alla medesima temperatura). Ferro da stiro con caldaia selettore temperaturaIn questo modo sia i tempi di riscaldamento del ferro che quelli della stiratura vengono un po' ridotti, con un conseguente alleggerimento anche dei consumi in bolletta.
A questo proposito, potrebbe interessarvi anche la nostra rubrica sui diversi tipi di tessuto e sulle temperature adatte a stirarli.

5. Piastra

Ultimo fattore, ma non per importanza, da tenere in considerazione nella scelta del ferro da stiro con caldaia è quello relativo alla piastra: a seconda del materiale, della forma e della quantità e distribuzione dei fori che si trovano su di essa, un ferro può essere più adatto al lavoro su un tipo di capo o su un altro. Nei prossimi paragrafi ci occupiamo di queste caratteristiche in modo più approfondito, e altre informazioni ancora le potete trovare nella nostra pagina dedicata alle piastre dei ferri da stiro.
Piastra con pochi fori

Materiale

I materiali utilizzati per realizzare la piastra di un ferro da stiro con caldaia sono sostanzialmente quattro, ciascuno con diverse peculiarità:

  • Acciaio: è il più resistente tra i quattro, garantisce una distribuzione uniforme del calore e un lavoro scorrevole, ma solitamente le piastre in acciaio non sono molto precise nei dettagli, come gli spazi tra i bottoni o i polsini
  • Teflon: meno resistente dell'acciaio, distribuisce però il calore in modo ancora più uniforme, e grazie alle sue proprietà antiaderenti permette la massima scorrevolezza sui tessuti
  • Alluminio: meno scorrevole nel lavoro rispetto all'acciaio e al teflon, solitamente è utilizzato per quelle piastre dalla forma allungata e ricche di fori in punta che garantiscono un lavoro al massimo della precisione tra i bottoni e sui colletti
  • Ceramica: delicata sulle fibre e caratterizzata da una distribuzione omogenea del calore, è perfetta sui tessuti più delicati, ma è dei quattro materiali quello più fragile

Piastra ricca di fori nella punta

Forma

Il peso e le dimensioni della piastra sono variabili da ferro a ferro. In generale una piastra sottile, con una punta allungata, riesce ad infilarsi con maggiore facilità e precisione tra i bottoni di una camicia o in punti difficili da stirare come colletti e polsini. Ferro da stiro con caldaia forma piastraAl contrario, una piastra larga permette la stiratura scorrevole e veloce dei capi semplici come magliette di cotone o jeans, dove non è richiesta una particolare cura nei dettagli.

Fori

Oltre a quanto visto in precedenza, è bene prendere in considerazione anche la quantità di fori presenti sulla piastra e il loro posizionamento. Ad esempio, una piastra sulla quale i fori sono distribuiti in modo omogeneo su tutta la superficie sarà caratterizzata da una migliore distribuzione del vapore e quindi permetterà un lavoro veloce, mentre una piastra dove i fori sono concentrati principalmente sulla punta può essere più indicata per lavori di precisione.
Piastre

Come pulire la piastra del ferro da stiro con caldaia

La pulizia della piastra non differisce molto dalla pulizia della caldaia, e ancora una volta bisogna tenere a mente che i consigli tecnici dei marchi produttori e quelli delle casalinghe esperte spesso non coincidono. Ad ogni modo, vediamo quali sono i passaggi spiegati da chi utilizza ed effettua la manutenzione di un ferro da stiro su base quotidiana:

  1. Preparare una soluzione con aceto e sale grosso;
  2. Lasciare a riposo il composto per qualche minuto;
  3. Prendere un panno non abrasivo e inumidirlo con la soluzione ottenuta;
  4. Passare il panno sulla piastra strofinando con energia;
  5. Prendere un panno asciutto, sempre non abrasivo, e pulire bene la piastra per eliminare potenziali residui di sale.

Ferro da stiro con caldaia con serbatoio estraibile

Altri fattori da tenere in mente per la scelta del ferro da stiro con caldaia

I materiali sono importanti?

Abbiamo visto che il materiale di cui è costituita la piastra è uno degli aspetti in base a cui consigliamo di effettuare la scelta, per cui la risposta a questa domanda è necessariamente si. Inoltre aggiungiamo che anche i materiali di cui è composta la struttura esterna del ferro da stiro con caldaia riveste una grande importanza. Il ferro a caldaia separata è infatti un elettrodomestico composto di parti plastiche e metalliche assemblate tra loro, ed è consigliabile scegliere prodotti le cui plastiche non siano troppo leggere e fragili, dal momento che le alte temperature che il ferro raggiunge potrebbero danneggiare questo tipo di materiale. La scelta dei materiali però può essere anche soggettiva, soprattutto per quanto riguarda il manico. C’è chi ad esempio non può rinunciare ad un manico in sughero, che aderisce meglio con la pelle sudata, cosa che può accadere durante una sessione di stiratura. Ma ricordiamo anche che in molti preferiscono un’impugnatura ergonomica, rivestita da materiale antiscivolo.

La marca è importante?

La marca è importante sempre e comunque quando si acquista un ferro da stiro con caldaia, vuoi per la possibilità di trovare i pezzi di ricambio che per l’assistenza, senza contare poi l’esperienza che può vantare una marca conosciuta rispetto a quelle in “prova”. Oltre a questo, vale la pena ricordare che alcune case di produzione si sono specializzate in particolari tecnologie: ad esempio, la Philips ha sviluppato quelle relative alla selezione della temperatura, mentre la Rowenta si è concentrata sulla produzione di piastre molto precise. Alcune marche hanno invece preferito sviluppare caratteristiche peculiari dal punto di vista del design: è il caso della Polti, che produce modelli con il manico in sughero.
Spesso sul mercato si possono trovare anche prodotti di marche sconosciute, a buon prezzo e con dati tecnici interessanti: il nostro consiglio è di diffidare, dal momento che una marca nota è anche garanzia di affidabilità e qualità dei materiali e di efficienza del servizio di assistenza clienti.

Il prezzo è importante?

Nel caso dei ferri da stiro con caldaia, è il caso di dire che la qualità ha un prezzo. Un ferro che garantisca dati di buon livello dal punto di vista di tutti e cinque i fattori che abbiamo indicato come decisivi nell'acquisto ha necessariamente un prezzo elevato, diciamo superiore ai 150 euro. È possibile, naturalmente, acquistare modelli con capienze inferiori, meno potenti, in grado di erogare minori quantità di vapore, ma dovreste prima valutarne l'utilità, considerando anche, ad esempio, che con meno di 100 euro potreste aggiudicarvi un modello con sebatoio integrato tra quelli che consideriamo "i migliori in assoluto", che offre prestazioni equiparabili ad un modello con caldaia separata poco prestante, e probabilmente un'autonomia non molto inferiore.
Per quanto riguarda le fasce di prezzo dei ferri da stiro con caldaia, se intorno ai 150 euro possiamo parlare di fascia media, in cui potete trovare dei buoni modelli, per aggiudicarvi un "migliore in assoluto" potreste dover spendere cifre intorno ai 300 euro.

Domande frequenti

Come si usa il ferro da stiro a caldaia?

Prima di iniziare ricordiamo che non tutti i ferri da stiro con serbatoio esterno hanno al loro interno una vera e propria caldaia, ma nonostante questo abbiamo deciso di includere le due tipologie nella stessa macro-categoria di prodotti.
Ferro da stiro con caldaiaNella foto sottostante, ad esempio, vi mostriamo quello che a prima vista sembrerebbe un ferro da stiro a caldaia, benché sia definito dalla stessa azienda produttrice come un generatore di vapore. Dal punto di vista pratico, però, non esistono reali differenze, pertanto abbiamo deciso catalogare in un'unica tipologia tutti i ferro da stiro con serbatoio esterno.
Ferro da stiro con serbatoio esterno ma senza caldaia

L'impostazione della temperatura

Autoregolazione

Il ferro da stiro con caldaia offre il più duraturo, veloce e preciso sistema di stiratura esistente al momento in commercio. Tuttavia, prima di spiegare i vari passaggi del suo utilizzo, ricordiamo che tra le ultime funzioni lanciate sul mercato per questa tipologia di ferri da stiro c'è quella dell'autoregolazione della temperatura, che contribuisce a farvi risparmiare tempo non separando i capi di abbigliamento in base al tessuto ed evitando quindi passaggi inutili. Oltre a ciò, scongiurando errori di selezione del calore, questa funzione rende assolutamente impossibile bruciare accidentalmente gli indumenti.
Funzione di autoregolazione della temperatura

Selezione in base al tessuto

Su ogni capo d'abbigliamento trovate un'etichetta che indica a quale temperatura questo deve essere stirato. La simbologia è molto semplice: sulla targhetta è indicato un ferro da stiro accompagnato da un minimo di un pallino ad un massimo di tre pallini, che ritrovate poi anche sul selettore del ferro da stiro con caldaia per la scelta della temperatura.
Selezione della temperatura in base al tessuto

La preparazione e la tecnica di stiratura

Prima di iniziare a stirare bisogna organizzare il lavoro e munirsi di tutto il necessario:

  • Raccogliere il bucato e separarlo in base al tessuto, sempre che il ferro da stiro con caldaia non abbia la funzione di autoregolazione del vapore;
  • Sistemare l'asse da stiro in una zona comoda e spaziosa, ma non troppo distante dalla presa di corrente;
  • Riempire d'acqua la caldaia e posizionare il ferro sull'asse da stiro;
  • Accendere il ferro da stiro con caldaia e attendere che sia pronto all'uso. Sarete avvertiti da una spia luminosa fra i 2 e i 5 minuti dopo l'accensione, a seconda del modello.

A questo punto è possibile iniziare la stiratura vera e propria. Attenzione, però, perché in base alle caratteristiche dell'indumento si possono utilizzare tecniche e strumenti diversi: ad esempio per una camicia può tornarvi utile uno stiramaniche, mentre per stirare il velluto è quasi sempre consigliato il solo utilizzo del vapore senza contatto diretto del tessuto con la piastra.
Per una stiratura più efficace consigliamo un ferro da stiro con caldaia che abbia le seguenti caratteristiche:

  • Un manico ergonomico per migliorare la presa e avere maggiore comodità di utilizzo, ideale per stirare a lungo;Manico ergonomico
  • Una piastra ricca di fori e una punta affusolata, che migliorano sia la fluidità di lavoro che la precisione, specialmente su polsini e colletti.Punta affusolata e piastra ricca di fori

Ora, invece, vi illustriamo i passaggi principali da effettuare quando si utilizza un ferro con caldaia:

  1. Stirare inizialmente una piccola parte dell'indumento, per capire come reagiscono le fibre a contatto con il ferro da stiro;
  2. Nel caso le grinze siano troppo ostinate, spruzzare un po' d'acqua o usare il colpo di vapore;
  3. Iniziare la stiratura vera e propria dalle cuciture e dalle pieghe più difficili;
  4. Non lasciare mai il ferro a sostare su una zona dell'indumento, ma tenerlo in continuo movimento;
  5. Man mano che si stira una zona dell'abito è necessario ruotarlo riportandolo sempre nella posizione migliore, per avere la parte da stirare mancante perfettamente posizionata sull'asse da stiro;
  6. Se avete capi d'abbigliamento delicati o con stampe, è meglio stirarli prima al rovescio e poi fare una seconda passata veloce, sempre cercando di evitare la parte stampata;
  7. Una volta stirati gli indumenti, è sempre meglio piegarli. Nel caso di giacche e camicie si consiglia di appenderle subito sulle grucce.

Le modalità appena descritte sono quelle più classiche, ma ricordiamo che un ferro da stiro con caldaia può essere utilizzato anche a secco o con vapore verticale, procedura molto utile per tendaggi o per rinfrescare una camicia raggrinzita direttamente sulla stampella.

Come pulire la caldaia del ferro da stiro?

Pulire regolarmente la caldaia del ferro da stiro è un'operazione necessaria per evitare la formazione di incrostazioni di calcare che, a lungo andare, possono danneggiare il ferro da stiro e impedirne il corretto funzionamento.
La metodologia per la pulizia è solitamente indicata nel libretto d'istruzioni di ciascun modello, e spesso comporta l'uso di appositi prodotti decalcificanti. Un possibile metodo alternativo e fai-da-te prevede invece l'uso di acqua e aceto bianco: abbiamo approntato una apposita guida in 6 passaggi per effettuare questa operazione risparmiando.

Quale acqua usare con il ferro da stiro con caldaia?

Scegliere l'acqua giusta per il vostro ferro da stiro è importante per diverse ragioni, in primo luogo perché si tratta di un apparecchio che produce vapore e quindi basa il suo funzionamento proprio sull'acqua. Ciò significa che la qualità di quest'ultima finisce con l'incidere sulle prestazioni e sulla longevità del ferro. Per questa ragione è fondamentale verificare che il prodotto che state utilizzando consenta di adoperare della normale acqua di rubinetto oppure richieda un'acqua demineralizzata. Solitamente potete trovare questa informazione nel manuale d'istruzioni del ferro da stiro. Tuttavia possiamo dire che, tranne qualche raro caso, la maggior parte dei modelli che si possono trovare attualmente in commercio permette di utilizzare della semplice acqua corrente.

Il calcare

Come è noto, il principale nemico di un ferro da stiro è il calcare. Per questo è fondamentale effettuare una manutenzione frequente e accurata dell'apparecchio. Delle buone abitudini sono sicuramente pulire la piastra, dove si può accumulare del calcare residuo, e il serbatoio. Prevenire è però molto meglio che curare: scegliere l'acqua più appropriata per ridurre il rischio di formazione del calcare è perciò di notevole importanza. Nel caso di un ferro da stiro utilizzabile con acqua del rubinetto il nostro consiglio è di verificare il grado di durezza di quella della vostra zona geografica.
Sistema anticalcareNon tutte le acque correnti sono infatti uguali: alcune, specialmente nelle zone costiere, possono presentare un grado di durezza particolarmente elevato che alla lunga può compromettere in modo significativo le prestazioni del vostro ferro da stiro. Una soluzione può senz'altro essere quella di evitare l'uso di acqua corrente, preferendo invece dell'acqua demineralizzata, oppure fare un mix delle due. Nel caso di un ferro da stiro utilizzabile esclusivamente con acqua demineralizzata (in linea di massima accade solo con modelli abbastanza datati) è sempre bene seguire alla lettera le indicazioni fornite dall'azienda produttrice.

Acqua da utilizzare

Acqua del rubinetto
La maggior parte dei ferri da stiro che si può trovare in commercio è progettata in modo tale da consentire l'uso della normale acqua del rubinetto. Questo perché i modelli di ultima generazione sono dotati di un sistema anticalcare che permette di contrastare la formazione di calcare all'interno della caldaia e quindi di preservare l'apparecchio da possibili danneggiamenti sul lungo periodo. Se invece possedete un modello piuttosto datato che non dispone di un sistema anticalcare, è preferibile non utilizzare acqua del rubinetto, specialmente se nella vostra zona il grado di durezza è molto elevato.
Acqua del rubinetto riempimentoAcqua distillata o demineralizzata mescolata a quella del rubinetto
Qualora nella zona in cui abitate il grado di durezza dell'acqua corrente sia piuttosto elevato, il rischio che si formi calcare nel serbatoio e sulla piastra del ferro da stiro è più alto. È perciò essenziale ricorrere a un piccolo rimedio per rendere l'acqua più "leggera" e far sì che il proprio apparecchio funzioni sempre al meglio e abbia una lunga vita. Questo semplice rimedio consiste nel mescolare dell'acqua distillata o demineralizzata con della normale acqua del rubinetto. La quantità delle rispettive sostanze può essere variabile a seconda del grado di durezza dell'acqua corrente, ma in linea di massima è sufficiente utilizzare delle percentuali uguali per avere un risultato adeguato.
Acqua demineralizzata bottigliaAcqua distillata o demineralizzata
Una terza possibilità è quella di utilizzare interamente dell'acqua distillata o demineralizzata. Queste tipologie sono infatti ideali per qualsiasi genere di ferro da stiro, poiché sono quasi del tutto prive di impurità. Potete trovare questo tipo di acqua abbastanza facilmente nei supermercati o nei negozi specializzati in prodotti per la casa. Il nostro consiglio è di acquistarne una quantità consistente (di solito è possibile trovare taniche da 5 litri), cosicché sia a disposizione in qualsiasi momento.
Acqua demineralizzata

Acqua e altri liquidi da non utilizzare mai

Se è vero che ci sono acque preferibili rispetto ad altre, è altrettanto vero che ci sono delle tipologie di acqua e altri liquidi che non andrebbero mai utilizzati per stirare. Tra questi vi sconsigliamo vivamente l'acqua profumata, quella accumulata dopo un lavaggio in asciugatrice, l'amido, l'acqua decalcificata chimicamente o altri tipi di sostanze chimiche. È infatti molto probabile che questi liquidi provochino danni più o meno gravi sia al ferro da stiro che ai capi d'abbigliamento che state stirando. Inoltre, in seguito, sarete costretti a ripulire in modo accurato il serbatoio, affinché durante le successive stirature non si verifichino inconvenienti quali la formazione di macchie sugli indumenti e di calcare sulla piastra.
Livello acqua serbatoio

Qual è il migliore ferro da stiro con caldaia?

Dire quale sia il miglior modello non è semplice, perché questo dipende dalle particolari esigenze che ciascuno può avere. Questo lo sanno bene anche le case di produzione, che immettono sul mercato continuamente nuovi apparecchi per accontentare tutte le richieste possibili.
Vi sono indubbiamente alcuni brand che, oltre ad offrire modelli per le più svariate esigenze, offrono anche una certa garanzia di qualità e durevolezza del prodotto. Pensiamo ad esempio ai ferri da stiro con caldaia Rowenta, uno dei marchi forse più riconosciuti in questo settore, ma anche Bosch, Philips o Polti.
Per chi ha un budget contenuto da investire in un ferro di questo tipo possiamo invece consigliare i ferri da stiro con caldaia Imetec, che ad un prezzo abbordabile offrono discrete prestazioni.

Quanto consuma un ferro da stiro con caldaia?

Cerchiamo di capire nel dettaglio quanto può costare l'utilizzo di un ferro da stiro a caldaia, di un generatore di vapore e, per comparazione, quello di un ferro compatto. Per amor di chiarezza, vogliamo ricordare che un ferro da stiro più costoso e con maggiori prestazioni - pur avendo quasi sempre un consumo energetico più alto - permette anche di velocizzare il lavoro. Di contro, proprio perché pensati per le sessioni più durature, ricordiamo che i ferri da stiro a caldaia e i generatori di vapore hanno in proporzione un consumo energetico inferiore rispetto ai modelli compatti.
Ferro da stiro compatto

Tipo di ferro da stiroFascia di prezzoPotenzaVapore regolabileColpo vaporeConsumo in 60 minCamicie in un'ora
Generatore di vaporeMedio-bassa2000 W95 g/minSpesso assente0,5 euro4-6
Generatore di vaporeMedia2400 W120 g/min150-200 g/min0,6 euro7-9
Generatore di vaporeAlta2400 W150 g/min200-500 g/min0,5 euro10-12
Ferro a caldaiaBassa1800 W70 g/minspesso assente0,45 euro4-6
Ferro a caldaiaMedia2400 W120 g/min150-200 g/min0,6 euro7-9
Ferro a caldaiaAlta2400 W120 g/min200-500 g/min0,5 euro10-12
Ferro compatto Bassa2000 W25 g/min80 g/min0,5 euro3-4
Ferro compatto Media2400 W40 g/min150 g/min0,65 euro4-5
Ferro compatto Alta2600 W60 g/min200 g/min0,65 euro4-6

Come si evince dai valori medi inseriti, il numero di Watt per i tre tipi di ferri da stiro varia in base al costo del prodotto. Un ferro da stiro con maggiore potenza ci metterà meno a scaldarsi, consumerà più energia al minuto, ma sarà anche più rapido nelle operazioni di stiratura.
Detto ciò, e considerando che l'autonomia media di un ferro da stiro compatto è di circa un'ora contro le due ore dei modelli con serbatoio esterno, dobbiamo tenere in considerazione il numero di indumenti da stirare, come mostrano gli esempi qui sotto:

  • un ferro da stiro a caldaia di fascia bassa può stirare circa 5 camicie in 1 ora
  • un ferro da stiro a caldaia di fascia alta può stirare circa 10 camicie in 1 ora
  • un ferro da stiro generatore di vapore di fascia medio-bassa può stirare circa 5 camicie in 1 ora
  • un ferro da stiro generatore di vapore di fascia alta può stirare circa 10 camicie in 1 ora
  • un ferro da stiro compatto di fascia bassa può stirare circa 3 camicie in 1 ora
  • un ferro da stiro compatto di fascia alta può stirare circa 5 camicie in 1 ora

Naturalmente le variabili sulle tempistiche sono tante, perché bisogna sempre tenere presenti l'esperienza di chi stira e il risultato che si vuole ottenere; in linea di massima, però, è importante ricordare che un ferro più potente prevede sì un maggior consumo energetico, ma anche una maggiore rapidità. Detto ciò, è facile arrivare alla conclusione che acquistare un ferro da stiro a caldaia o un generatore di vapore di fascia alta è senza dubbio un enorme vantaggio per chi stira molto.
Ferro da stiro con serbatoio esterno

Quanti euro costa stirare?

Per verificare l'effettivo costo in bolletta, bisogna prima di tutto controllare il tariffario dell'azienda che dispensa energia elettrica, ma anche il giorno e l'orario in cui usate più spesso il ferro da stiro. Infatti, parlando di tariffa "bioraria", il prezzo dell'energia varia a seconda dell'orario e del giorno in cui viene consumata.
La tariffa bioraria segue i seguenti orari:

  • F1 (ore di punta): dalle ore 8.00 alle ore 19.00 dal lunedì al venerdì
  • F2 (ore intermedie): dalle ore 7.00 alle ore 8.00 e dalle ore 19.00 alle ore 23.00 dal lunedì al venerdì e dalle ore 7.00 alle ore 23.00 del sabato
  • F3 (ore fuori punta): dalle ore 00.00 alle ore 7.00 e dalle ore 23.00 alle ore 24.00 dal lunedì al sabato e tutte le ore della domenica e dei giorni festivi

Ad ogni modo, semplificando il più possibile, possiamo comunque calcolare quanto costa stirare tramite questa formula matematica:
Watt x ore di utilizzo = Wh (wattora)
Quindi, considerando un costo di 0,25 €/kWh (1000 Watt = 1 kWh), possiamo fare calcoli approssimativi in relazione ai costi:

  • ferro da stiro compatto da 2000 Watt: 2 x 0,25 = 0,50 € in un'ora di lavoro
  • ferro da stiro compatto da 2500 Watt: 2,5 x 0,25 = 0,65 € in un'ora di lavoro
  • ferro da stiro a caldaia o generatore di vapore da 1800 Watt: 1,8 x 0,25 = 0,45 € in un'ora di lavoro
  • ferro da stiro a caldaia o generatore di vapore da 2400 Watt: 2,4 x 0,25 = 0,60 € in un'ora di lavoro

Ovviamente il calcolo non tiene conto delle varie pause, ma solo dell'eventuale utilizzo costante del prodotto per 60 minuti. Considerate quindi che in due ore complessive di lavoro il tempo effettivo sarà circa la metà, dunque se stirate 6 ore alla settimana è lecito fare un calcolo del genere:
Utilizzando il ferro da stiro da 2500 Watt x 3 ore alla settimana avrete un costo in bolletta di 1,87 euro che, considerando le pause, scenderà a circa 0,9 euro, per un totale di 3,7 euro mensili
Molti esperti del settore indicano infatti che il costo medio annuo dell'utilizzo del ferro da stiro ammonta di circa 30/40 euro.
Ferro da stiro con funzione OptimalTemp

Le funzioni speciali per risparmiare

Parlando di funzioni speciali facciamo riferimento soprattutto alla funzione ECO, che permette di ridurre i consumi durante la sessione di stiratura. Questa funzione (che secondo le aziende produttrici può far risparmiare dal 10 al 30% circa sui consumi a seconda del modello) permette di abbassare la potenza del ferro da stiro laddove fosse possibile; molto spesso, leggendo un libretto di istruzioni, viene appunto consigliato di usare la funzione ECO per cotoni leggeri, o comunque per indumenti molto facili da stirare. Molto interessante è anche l'autoregolazione della temperatura del ferro, come ad esempio la OptimalTemp della Philips, che aiuta ad utilizzare meno calore, e quindi meno energia, qualora non fosse necessario.

Vale la pena di spendere di più per un ferro da stiro con caldaia?

In commercio possiamo trovare ferri da stiro dai prezzi più disparati e spesso non riusciamo a capire cosa giustifichi il valore di un determinato modello rispetto ad un altro. Di sicuro il prezzo del ferro da stiro con caldaia riflette le molteplici caratteristiche tecniche che abbiamo indicato e, in genere, possiamo confermare che a dispositivi più potenti e meglio realizzati corrispondono prezzi più alti.ferro da stiro con caldaia fascia di prezzoDi conseguenza, prodotti di fascia di prezzo alta saranno sicuramente dotati di tecnologie avanzate che permettono di rendere l'operazione di stiratura più semplice e veloce. I prezzi per questo tipo di apparecchi sono molto eterogenei e partono dai 60 € circa per i modelli più economici fino a superare i 300 € per i modelli di fascia alta.
Proviamo adesso ad entrare nello specifico ed individuare le caratteristiche distintive di ogni modello, in relazione alla fascia di prezzo di appartenenza.

Fascia di prezzo bassa

I prodotti di questa fascia di prezzo possono orientativamente costare dai 50 ai 100 €. Questi presentano spesso caratteristiche strutturali meno curate che in alcuni casi potrebbero rendere il ferro poco pratico da usare. Per esempio, un ferro da stiro di fascia bassa potrebbe essere troppo pesante e risultare quindi faticoso da utilizzare a lungo. Sempre per quel che riguarda la struttura, i prodotti di fascia bassa potrebbero risultare scomodi all'impugnatura oppure avere un pannello di controllo non propriamente chiaro ed intuitivo.ferro da stiro con caldaia fascia bassaDal punto di vista del vapore, il ferro di fascia bassa potrebbe offrire prestazioni non eccellenti, erogando un quantitativo di vapore non sufficiente. Questo aspetto non è secondario: il vapore, se erogato in grande quantità, facilita e velocizza notevolmente l'operazione di stiratura.
Un altro elemento che spesso non è presente in ferri da stiro particolarmente economici è la funzione Eco per un'emissione di vapore ridotta e dunque un minor consumo di energia elettrica, il che si traduce in un elevato costo in bolletta.

Fascia di prezzo media

Questo gruppo di prodotti è forse il più variegato. Fra i modelli di fascia media è facile trovare ferri da stiro affidabili e potenti, motivo per cui un dispositivo dal prezzo che va dai 100 ai 170 € potrebbe fare al caso vostro. ferro da stiro con caldaia fascia mediaFra questi potete trovare anche marchi noti e di fiducia la cui popolarità è senza dubbio indice di affidabilità e sicurezza, nonché di un efficiente servizio di assistenza e di una sicura e veloce reperibilità di eventuali pezzi di ricambio.

Fascia di prezzo alta

I ferri da stiro di fascia di prezzo alta, il cui prezzo va dai 170 € in su, sono di sicuro quelli tecnologicamente più avanzati, progettati per semplificare al massimo l'operazione di stiratura e per garantire i più alti standard di sicurezza.
Per cominciare, le basi di appoggio dei ferri da stiro con caldaia di fascia alta rispettano tutti gli standard massimi di sicurezza per evitare spiacevoli incidenti in casa. Nello specifico, possiedono un blocco di sicurezza per assicurare il ferro alla base d'appoggio, un manico dall'impugnatura confortevole e, talvolta, anche un pannello di controllo semplice e moderno. È il caso, ad esempio, dei ferri da stiro Braun di ultima generazione, il cui display permette di monitorare lo stato del vapore e del serbatoio. ferro da stiro con caldaia fascia altaIl colpo di vapore di un ferro di fascia alta è in genere molto potente e permette di appianare anche le pieghe più ostinate con pochissime passate, permettendo in questo modo di risparmiare tempo. Spesso questi dispositivi presentano anche sistemi di manutenzione particolarmente efficaci che garantiscono longevità all'apparecchio e scongiurano l'accumulo di residui di calcare in prossimità dei fori della piastra.
Il peso e le dimensioni della piastra possono variare di ferro in ferro; il più delle volte queste sono dettagli studiati con particolare attenzione da parte dei produttori, che sviluppano tecnologie sempre più avanzate e sperimentano l'utilizzo di materiali innovativi. Se non avete molti panni da stirare, un ferro troppo costoso potrebbe rivelarsi uno spreco di denaro, mentre se avete la cesta dei panni sempre piena un ferro potente, veloce e quindi dal costo più alto sarà quasi necessario. Da questo punto di vista, la scelta è legata alla frequenza di utilizzo del dispositivo.

Perché il ferro da stiro con caldaia perde acqua?

Ci possono essere diverse ragioni per cui un ferro con caldaia perda acqua dai fori della piastra.
La motivazione più banale è anche quella più semplice da risolvere: si verificano perdite ogni volta che proviamo ad erogare vapore quando questo non è ancora pronto. Basterà allora in questi casi aspettare il segnale di vapore pronto prima di provare a svaporare.
Le altre possibili cause sono più serie e richiedono l'intervento dell'assistenza tecnica: il gocciolamento può infatti dipendere da un malfunzionamento della caldaia, che non riesce a preparare il vapore, oppure può esserci un difetto nelle guarnizioni della piastra. In entrambi i casi l'intervento fai-da-te è sconsigliato, meglio rivolgersi al servizio clienti del produttore e mandare il ferro in assistenza.

Che differenze ci sono tra i vari tipi di ferro da stiro?

Capire le potenzialità tecniche dei ferri da stiro presenti sul mercato è molto importante ai fini di un buon acquisto, perché ciascuno di questi apparecchi è in grado di venire incontro a una particolare esigenza e rivelarsi il prodotto ideale sulla base delle sue caratteristiche. Alcuni ferri da stiro, infatti, sono pensati per le operazioni più veloci, altri invece per le lunghe sessioni di lavoro. Altri ancora, più semplicemente, per entrare comodamente in valigia ed essere portati anche in viaggio. Prima di catalogare le diverse tecnologie, però, ricordiamo che ogni tipologia di ferro da stiro può essere suddivisa in varie fasce di prezzo e presentare modelli di qualità tecnica differente.
Ferro da stiro PhilipsPer darvi una panoramica più chiara, elenchiamo a seguire tutte le tipologie di ferro da stiro e le loro caratteristiche peculiari. Sulla base della nostra descrizione potrete decidere quale categoria risponde maggiormente alle vostre necessità, escludendo un acquisto sbagliato in partenza e comprando invece il prodotto che può soddisfare realmente le esigenze del vostro ménage domestico.

Il ferro da stiro con serbatoio interno

Il ferro da stiro con serbatoio interno, anche noto come ferro da stiro compatto e ferro da stiro a vapore, è molto probabilmente il modello più tradizionale e quello più venduto. Questo apparecchio ha un serbatoio interno da 300 ml circa, una capienza che consente di stirare pressappoco per la durata di un'ora. Il ferro da stiro compatto, quindi, è da considerarsi come la soluzione ideale per chi non deve fare lunghe sessioni di stiratura. La fascia di prezzo di questa tipologia oscilla tra i 20 e i 100 euro circa, laddove i prodotti di qualità più alta possono anche vantare caratteristiche superiori: una maggiore quantità di vapore, una piastra più scorrevole, una punta più affusolata per i dettagli e un buon sistema anticalcare. Oltre a ciò, i ferri da stiro più costosi possono offrire particolari funzioni come l'autoregolazione della temperatura, ma anche un sistema di alimentazione privo di cavo.
Ferro da stiro compattoEcco le caratteristiche fondamentali del ferro da stiro compatto in base alla fascia di prezzo d'appartenenza:

  • I modelli di fascia economica hanno un costo di circa 20-30 euro, sono caratterizzati da una bassa erogazione del vapore continuo da 20-25 g/min e un serbatoio tra i 250 e i 300 ml. Sono consigliabili, quindi, per chi ha pochi indumenti da stirare, meglio se non siano camicie o capi particolari;
  • I modelli di fascia media si possono acquistare con una spesa di 30-60 euro circa, sono quasi sempre sono dotati di un serbatoio da 300 ml e una funzione vapore continuo da 40 g/min. Sono dunque più scorrevoli e veloci dei modelli sopra descritti, ma ugualmente poco adatti per le lunghe sessioni di stiratura;
  • I modelli di fascia alta presentano un range di prezzi fra i 60 e i 100 euro. Questi ferro da stiro hanno un serbatoio che solitamente supera i 300 e arriva massimo a 400 ml, vapore continuo da 50 g/min, materiali di alta qualità e ottime funzioni per eliminare il calcare residuo nel serbatoio. Anche questi apparecchi non sono adatti per le lunghe sessioni lavorative, ma possono stirare più velocemente grazie alla quantità maggiore di vapore erogato.

Ferro da stiro con serbatoio interno

Il ferro da stiro con serbatoio esterno

Il ferro da stiro con serbatoio esterno o a caldaia nasce per chi ha necessità di stirare a lungo: può infatti contenere una cospicua quantità d'acqua nel serbatoio ed arriva ad erogare fino a 130 g/min di vapore continuo. La famiglia dei ferri da stiro con serbatoio esterno può essere suddivisa in due distinte tipologie: i ferri da stiro con caldaia e i ferri da stiro senza caldaia, spesso definiti semplicemente come generatori di vapore. Dal punto di vista delle prestazioni non presentano reali differenze, ma dal punto di vista dei costi i generatori di vapore sono in genere prodotti di fascia media ed alta.
Ferro da stiro con serbatoio esterno generatore di vaporeA tal proposito, riassumendo anche questa volta i dati più significativi, vediamo le diverse fasce di prezzo di un ferro da stiro con caldaia:
Ferro da stiro con serbatoio esterno a caldaia

  • Nella fascia di prezzo bassa troviamo solo i ferri da stiro con serbatoio esterno a caldaia (modelli con un serbatoio fisso che raramente raggiunge un litro di capienza), che hanno comunque un'autonomia superiore ai 60 minuti e possono sfiorare le 2 ore di utilizzo, con una funzione di vapore continuo entro gli 80 g/min. Il costo di questi apparecchi va dai 60 ai 100 euro;

Serbatoio di un ferro da stiro a caldaia

  • La fascia di prezzo media comprende sia i generatori di vapore che i modelli a caldaia, acquistabili in un range di prezzo compreso tra un minimo di 100 euro ed un massimo di 150 euro. Solitamente questi ferri da stiro hanno un serbatoio di circa 1 litro e in alcuni casi anche estraibile, in modo di poter stirare senza dover spegnere il ferro da stiro. L'erogazione continua del vapore, nel migliore dei casi, può raggiungere i 120 g/min, garantendo quindi una stiratura molto rapida;
  • Nella fascia di prezzo più alta troviamo solo apparecchi con eccezionali dati tecnici: un serbatoio di almeno 1,5 litri e con ricarica continua, erogazione del vapore continuo di 120-140 g/min e un colpo vapore che può raggiungere anche i 400 g/min per appianare velocemente anche le pieghe più difficili. I modelli di fascia superiore hanno inoltre le migliori funzioni possibili: sistemi anticalcare molto evoluti, opzione per consumare meno energia con i tessuti leggeri e spesso anche l'autoregolazione della temperatura. In questa fascia di prezzo anche i materiali sono migliori, soprattutto quelli della piastra, che è sempre molto scorrevole e ha una punta affusolata in grado di stirare colletti, polsini, bottoni e dettagli che necessitano di maggiore precisione. I prezzi di un ferro da stiro con serbatoio esterno di fascia alta partono da 150 euro e possono anche raggiungere i 400 euro.

Piastra con punta di precisione di un ferro da stiro con serbatoio esterno

A chi consigliamo il ferro da stiro con caldaia

Scegliere un ferro da stiro con caldaia anziché uno con serbatoio può essere un'idea intelligente per alcune categorie di persone e di famiglie. Dato che questa tipologia di ferri da stiro infatti è caratterizzata principalmente da un'autonomia molto superiore e da una maggiore potenza di erogazione del vapore, l'uso è consigliato in particolare a chi ha grandi volumi di panni da stirare in una singola sessione. Ecco allora che un ferro da stiro con caldaia è consigliato a:

  • Piccoli laboratori di sartoria
  • Famiglie numerose che hanno regolarmente molti capi da stirare
  • Coloro che hanno sportivi agonisti in casa, che ogni giorno hanno bisogno di panni e biancheria pulita e stirata
  • Coloro che fanno lavori a contatto con lo sporco aggressivo, come i meccanici per esempio
  • Coloro che necessitano di un’erogazione del vapore molto alta (vedremo nel paragrafo dedicato al vapore il perché)

I ferri da stiro verticali

Un'altra tipologia di ferro da stiro è quella verticale, basata su una tecnologia del tutto diversa rispetto a quelle finora descritte: con questi apparecchi non serve alcun piano orizzontale su cui poggiare l'indumento, che viene fissato direttamente sulla stampella dell'asse estraibile.
Stampella di un ferro da stiro verticaleIl serbatoio di un ferro da stiro verticale ha sempre una capienza di almeno un litro, e in molti casi può anche essere estratto e riempito direttamente sotto il rubinetto.
Serbatoio estraibile di un ferro da stiro verticaleUn'autonomia adatta, quindi, a lunghe sessioni di lavoro, con un'erogazione del vapore che però raramente supera i 50 g/min. Non è possibile quindi pensare di stirare velocemente come con un ferro da stiro con serbatoio esterno, tanto meno di eguagliare la precisione della punta di una piastra dalla forma affusolata. Il ferro da stiro verticale nasce principalmente per la sua estrema comodità d'uso e per il vantaggio di occupare poco spazio durante il lavoro. La fascia di prezzo di questi modelli, che può variare in base ai dati tecnici e alle funzioni, oscilla tra i 150 e i 300 euro.

I ferri da stiro verticali portatili

Parlando di ferri da stiro verticali bisogna annoverare anche i modelli portatili che, com'è facilmente intuibile, sono l'ideale soprattutto in situazioni particolari o quando si è in viaggio.
Ferro da stiro verticale portatile a spazzolaQuesti apparecchi hanno un serbatoio interno e dimensioni molto contenute, proprio per entrare comodamente in valigia o in borsa. Le loro prestazioni, però, sono piuttosto limitate e solitamente non permettono di stirare per più di 10-15 minuti, il tempo necessario ad eliminare pieghe leggere su abiti raggrinziti. Considerate infatti che questi ferri hanno un vapore continuo di circa 25 g/min, dunque inappropriato a stirare indumenti con precisione e nel dettaglio. In commercio esistono due tipi di ferro da stiro verticale portatile: la tipologia a spazzola e quella con manico, che si differenziano per la modalità d'impiego. I modelli a spazzola sono più pratici e rientrano in un range di prezzo compreso fra i 30 e gli 80 euro, mentre i modelli con manico costano fra i 20 e i 50 euro circa.
Erogatore vapore di un ferro da stiro verticale portatile


Copyright Reviewlution GmbH – È vietato ogni sfruttamento non autorizzato

Quali sono i migliori ferri da stiro con caldaia del 2019?

La tabella dei migliori ferri da stiro con caldaia del 2019 scelti dalla redazione di QualeScegliere.it

Prodotto Migliore
offerta
Rowenta DG8960 199,99 €
Rowenta DG8520 Perfect Eco 136,00 €
Philips GC9650/80 PerfectCare Elite Silence 380,29 €
Polti Vaporella 2h Professional 112,00 €
Philips PerfectCare GC9324/20 129,99 €

Ferri da stiro con caldaia: tutti i prodotti recensiti

Domande e risposte su Ferro da stiro con caldaia

  1. 3
    Domanda di Rossella | 3 luglio 2017 at 13:05

    Ciao,
    indeciso tra Rowenta DG8580 o Rowenta DG8960 il 1° sembra più potente e di recente costruzione, l’altra ha più recensioni positive, Che faccio?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 3 luglio 2017 at 13:26

      Entrambi i modelli possono soddisfare le seguenti esigenze: lunghe sessioni di stiratura, precisione con colletti e polsini e velocità di esecuzione. Insomma, sono ottimi prodotti, nell’uno o nell’altro caso siamo certi che ne sarai comunque soddisfatta.

  2. 1
    Domanda di Paolo | 20 febbraio 2018 at 15:11

    Vorrei un vostro giudizio su un ferro con caldaia della LELIT, in particolare Lelit PS05/B

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 21 febbraio 2018 at 09:58

      Il ferro da stiro di cui parli è un modello semiprofessionale adatto per effettuare stirature di ottimo livello. Tuttavia non abbiamo testato l’apparecchio e non possiamo dare un giudizio più preciso.

  3. 1
    Domanda di Francesca | 17 settembre 2017 at 19:17

    Salve. Vorrei un vostro consiglio per scegliere il ferro da comprare. Preferisco un ferro a caldaia ed avendo letto le vostre recensioni sarei orientata su un Rowenta. Stiro un poco tutto, ma in prevalenza camicie e sono decisamente pignola per un risultato perfetto, le sessioni di stiro di circa 2 ore. Lo stiro verticale mi pare di capire lo abbiano tutti oramai. Vorrei poter usare l’acqua del rubinetto eventualmente con il Kalstop. Mi è capitato di dimenticare il ferro acceso per cui l’autospegnimento sarebbe importante. Mi sembrano interessanti questi due modelli, ma il DG8520 non mi è chiaro se abbia l’autospegnimento. Rowenta DG7520
    Rowenta DG8520 Perfect Eco
    Quale scegliere? Grazie

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 18 settembre 2017 at 09:53

      I modelli che hai menzionato sono entrambi tra i migliori apprecchi che abbiamo recensito. In base alle tue esigenze di stiratura ti consigliamo il Rowenta DG7520: un prodotto dalle prestazioni molto elevate e in grado, grazie alle funzioni Eco e autospegnimento, di limitare i consumi energetici.

  4. 1
    Domanda di rolando grandini | 12 settembre 2016 at 21:35

    il prodotto che devo acquistare è IMETEC IRON MAX PROVESSIONAL 2500 è buon prodotto?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 14 settembre 2016 at 11:02

      Lo consideriamo un ottimo rapporto qualità-prezzo, ma bisogna sempre considerare di cosa hai bisogno tu, puoi leggere la recensione fatta dal nostro team.

  5. 0
    Domanda di Bruna Consonni | 23 aprile 2019 at 13:25

    Buongiorno, dovrei acquistare un ferro con caldaia semi professionale ma per motivi fisici deve avere un ferro il più leggero possibile? Grazie

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 24 aprile 2019 at 08:46

      Un modello con vapore potente e ferro molto leggero (solo 800 g) è il Philips GC9660/30 PerfectCare Elite Plus.

  6. 0
    Domanda di Marina | 31 gennaio 2019 at 15:06

    Vorrei un ferro leggero, con impugnatura di sughero, la possibilità di aggiungere l’acqua e tanto vapore continuo. Non ho limiti di spesa. Grazie

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 1 febbraio 2019 at 09:17

      Con rabbocco continuo e buon vapore puoi guardare la De’Longhi Stirella Dual PRO1847.

  7. 0
    Domanda di laura | 13 settembre 2018 at 11:32

    Buongiorno.Ho un budget max di 130(nucleo di 4persone) e cerco Un ferro da stiro con caldaia leggero ma potente con ricarica continua.Avete consigli?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 14 settembre 2018 at 17:52

      Ti consigliamo il Braun CareStyle 5 IS 5043.

  8. 0
    Domanda di Maria | 19 luglio 2018 at 23:25

    Salve che.ne.pensate del.ferro.da.stiro Bosch tds8080?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 23 luglio 2018 at 17:06

      Non abbiamo ancora recensito questo modello, non possiamo dare al momento una valutazione.

  9. 0
    Domanda di MARy | 4 giugno 2018 at 07:55

    un vostro giudizio su ferro da stiro foppapedretti titanic

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 4 giugno 2018 at 10:25

      Purtroppo non abbiamo avuto modo di recensire questo prodotto, speriamo di poterlo fare in futuro.

  10. 0
    Domanda di Maristella Marini | 25 ottobre 2017 at 23:15

    Marca philips gc 9405/80 oppure Rowenta dg 8996 oppure Braun is5056 o marca MB che produce Ferri anche professionali? Grazie attendo consigli

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 27 ottobre 2017 at 09:45

      La scelta di un ferro da stiro con caldaia andrebbe fatta in base alle proprie esigenze di stiratura e di budget. Ti consigliamo di valutare attentamente i diversi modelli che abbiamo inserito nella tabella in alto a questa pagina.

  11. 0
    Domanda di Giulia | 17 ottobre 2017 at 07:01

    Buongiorno, dopo aver avuto un fedele servitore per 6 anni come l’Imetec No Stop Professional Eco, cosa mi consigliate? Max 160/170€.

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 23 ottobre 2017 at 11:42

      In quella fascia di prezzo ti consigliamo il Rowenta DG8520 Perfect Eco e il Philips GC7610/20 PerfectCare Pure.

  12. 0
    Domanda di franco miglietti | 15 luglio 2017 at 11:54

    quale giudizio potete dare al ferro da stiro con caldaia : IMETEX, grazie.

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 17 luglio 2017 at 10:14

      Non troviamo modelli con questo nome, dovresti indicarci un link dove ci sono le caratteristiche del prodotto, e darci anche maggiori informazioni sulle tue necessità, in questo modo capiremo se il modello da scelto è adatto o meno.

  13. 0
    Domanda di Alice | 26 giugno 2017 at 19:17

    Quale ferro consigliate ad una stiratrice seriale di camicie da uomo?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 27 giugno 2017 at 17:00

      Ci sono diversi modelli adatti a te, potresti vedere il modello Philips GC9222/02 PerfectCare Expert, che grazie alla punta prominente è perfettamente adatto a stirare bene colletti e polsini.

  14. 0
    Domanda di Giuseppina | 22 maggio 2017 at 23:00

    Devo acquistare ferro con caldaia, carica continua. Mi hanno consigliato Polti per facilità reperimento pezzi ricambio. E’ così? E’ buono di qualità?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 23 maggio 2017 at 16:52

      Ogni marchio offre prodotti di diverse fasce di prezzo e qualità, se vuoi un apparecchio della Polti puoi vedere il Polti Vaporella Silence Eco Friendly 14.45 , uno dei migliori di questo marchio e che sta avendo un ottimo successo di feedback post acquisto.

  15. 0
    Domanda di Miriam | 11 maggio 2017 at 14:55

    Buon giorno ma il ferro PHILIPS PERFECT CARE PURE non è un ferro a caldaia, come mai lo confrontate con i ferri a caldaia?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 12 maggio 2017 at 13:07

      Il nostro confronto è fatto tra modelli con serbatoio esterno, con la finalità di avere una lunga sessione operativa.

  16. 0
    Domanda di Agata Franceschini | 22 marzo 2017 at 09:21

    Ho un laboratorio di sartoria e devo comprare un altro ferro di solito lo lascio sempre accesonon posso spendere molto quale mi consigliate??? Grazie

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 22 marzo 2017 at 17:36

      Sarebbe meglio che ci indicassi il prezzo che vuoi spendere massimo, ma consideriamo il Rowenta DG8520 Perfect Eco come miglior rapporto qualità-prezzo.

  17. 0
    Domanda di lucia | 22 gennaio 2017 at 19:33

    devo acquistare un buon ferro da stiro con caldaia e vorrei uno che abbia la piastra antilucido

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 23 gennaio 2017 at 14:53

      Consideriamo il modello Rowenta DG8960 come uno dei migliori in commercio, la piastra offre una perfetta scorrevolezza ed è indicata per ogni tipo di tessuto e tipologia di capo.

  18. 0
    Domanda di anna | 22 novembre 2016 at 10:36

    come posso valutare il peso del ferro? potete consigliarmene uno leggero e con manico antiscivolo nella fascia fino a 100 € ?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 23 novembre 2016 at 15:58

      I Philips producono ferri molto leggeri, ma hanno costi elevati, considera che ci sono pochi modelli di ferri da stiro a caldaia sotto i 100 euro. Se non vuoi spendere tanto vedi il modello Imetec Iron Max Eco Professional 2500, che in relazione al costo offre ottimi dati tecnici.

  19. 0
    Domanda di carlo | 15 novembre 2016 at 13:38

    i philips solitamente non compaiono nenache nelle classifiche dei migliori ferri, ma leggendo le caratteristiche a me sembrano uguali se non migliori

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 15 novembre 2016 at 17:31

      Ci sono ottimi Philips e ottimi Rowenta, e anche altri marchi sono particolarmente validi. Se sei affezionato hai modelli Philips vedi il Philips GC9650/80 PerfectCare Elite Silence, un modello con ottime caratteristiche sotto ogni punto di vista.

  20. 0
    Domanda di carlo | 15 novembre 2016 at 13:37

    Buon giorno io devo sostituire la mia vaporella e stavo pensando a un philips il 9620, ma vedo sempre solorowenta come migliori come mai?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 15 novembre 2016 at 17:18

      La classifica può cambiare, spesso i modelli sono simili e la scelta è difficile, se potessi indicarci le caratteristiche che ti servono possiamo indicarti anche altri marchi, puoi comunque vedere tutte le recensioni qui: Recensioni Ferri da stiro con caldaia.

  21. 0
    Domanda di Silvia | 14 novembre 2016 at 12:59

    La dicitura stiro vapore/secco indica la possibilità di una stiratura rapida,magari di un solo capo, senza dover riempire d’acqua la caldaia?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 18 novembre 2016 at 15:36

      In teoria si, ma sempre meglio verificare il singolo caso leggendo il libretto istruzioni.

  22. 0
    Domanda di Silvia | 14 novembre 2016 at 12:56

    Potete indicarmi un ferro+caldaia (fascia medio/alta)con:tasto vapore continuo,possibilità stiro senza riempire la caldaia,possibilità pulizia calcare

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 15 novembre 2016 at 17:11

      Uno dei migliori rapporti qualità prezzo, anche grazie all’ottima offerta del momento, è sicuramente il Rowenta DG8520 Perfect Eco. Questo modello vanta un facile sistema anti-calcare e la possibilità di stirare a secco.

  23. 0
    Domanda di Lorena | 4 novembre 2016 at 15:48

    Ho parecchia roba da stirare fra cui 5/7 camicie a settimana. Orientata fra Rowenta DG 8960 e 8961. Interessata a vapore verticale. Grazie.

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 7 novembre 2016 at 10:04

      Sono modelli molto simili, e perfettamente adatti sia per un lavoro duraturo che di precisione, quindi ideale anche per chi si occupa di camicie e giacche. Per saperne di più ti consigliamo la lettura della Rowenta DG8960, dove troverai anche le migliori offerta online.

  24. 0
    Domanda di Elena cammelli | 18 ottobre 2016 at 19:30

    Ho persone di servizio . Spesso non conoscono simboli ed inglese.
    Spesso non vuotano la caldaia e la manutenzione è a rischio.
    Il migliore + faci

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 19 ottobre 2016 at 17:15

      Difficile consigliarti, poiché i modelli che permettono una migliore manutenzione e facilità di utilizzo sono in realtà quelli che meritano un primo studio approfondito sul libretto istruzioni. Detto ciò pensiamo che sia una soluzione un ferro a secco: Rowenta FS3010.

  25. 0
    Domanda di sergio | 17 ottobre 2016 at 13:54

    vorrei un vostro giudizio sui ferri da stiro con caldaia di JAGUA D3 e D5 ,grazie

  26. 0
    Domanda di MASSINO MASSIMO | 13 ottobre 2016 at 18:23

    vorrei il vostro giudizio sul ferro caldaia PHILIPS GC 7705/30

    Grazie

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 14 ottobre 2016 at 12:38

      Non troviamo informazioni interessanti su quel prodotto, non ci dici neanche quale siano le tue esigenze, pertanto possiamo solamente consigliarti di vedere i modelli da noi recensiti, magari dopo aver letto la guida.

  27. 0
    Domanda di MASSINO MASSIMO | 13 ottobre 2016 at 12:14

    Vorremmo acquistare un ferro caldaia philips gc7705/30 venduto in promozione da oggi a 129 euro. Vorrei un vostro giudizio su questo prodotto grazie

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 14 ottobre 2016 at 12:46

      Puoi leggere la recensione del Philips GC7705/20 FastCare, dove troverai tutte le caratteristiche del prodotto, aggiungiamo che l’offerta è molto buona.

  28. 0
    Domanda di Giovanni | 13 ottobre 2016 at 08:21

    Cerco un ferro da stiro con queste caratteristiche,Voi quale mi consigliate:
    Con carica caldaia a freddo piastra di alluminio costo economico.
    Grazi

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 13 ottobre 2016 at 11:18

      Consideriamo il modello Imetec Iron Max Eco Professional 2500 come il migliore di fascia bassa.

  29. 0
    Domanda di Cinzia | 12 ottobre 2016 at 23:06

    Salve dovrei acquistare un ferro da stiro con caldaia stiro parecchie camice sono indecisa tra il Philips e il Rowenta voi cosa mi consigliate? Grazi

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 13 ottobre 2016 at 11:21

      Per chi ha molte camicie consideriamo il modello Philips GC9222/02 PerfectCare Expert come uno dei migliori, come vedrai la punta della piastra è molto penetrante anche nelle zone occluse.

  30. 0
    Domanda di alessia | 20 settembre 2016 at 15:57

    Sono indecisa fra 3: Rowenta 8520, Imetec no stop profess.eco e Philips GC7610/20 PerfectCare Pure, cosa consigliate in rapporto qualita prez?

    Grazie

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 21 settembre 2016 at 11:46

      Noi consideriamo il miglior rapporto qualità-prezzo Rowenta DG8520 Perfect Eco, ma non sapendo quali siano le tue priorità non possiamo darti nessuna spiegazione su questo o altri modelli.

  31. 0
    Domanda di giuditta | 19 settembre 2016 at 16:01

    Sono indecisa tra philips GC 7620/20 , rowenta 7520 (che dicono molto rumoroso) e polti forever 625 . Quale mi consigliate e perchè? Grazie è urgente

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 20 settembre 2016 at 12:25

      Tutti i modelli a caldaia sono rumorosi, se cerchi un apparecchio silenzioso possiamo indicarti il Philips GC9550/02 PerfectCare Silence, uno dei migliori modelli in commercio e particolarmente silenziosa.

  32. 0
    Domanda di Magda | 12 settembre 2016 at 11:46

    Buongiorno,
    quale acquistereste tra Polti Vaporella 535 Eco Pro e Polti Vaporella Forever 625 Pro allo stesso prezzo? Grazie

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 14 settembre 2016 at 11:09

      Le caratteristiche del Polti Vaporella Forever 625 Pro sono leggermente superiori, ad esempio vanta una potenza maggiore e la possibilità di ricarica continua.

  33. 0
    Domanda di Ren Maurizio | 30 agosto 2016 at 22:56

    Salve, mi è stato consigliato il modello Rowenta DG 7580 ed ho notato anche un Rowenta DG 8535. Cosa mi consigliate? Grazie

  34. 0
    Domanda di Chris | 7 agosto 2016 at 23:10

    Il rowenta dg8961 6,5 bar, 420 g/mincome lo considerate rispetto agli altri rowenta e ai philips?

    Grazie

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 8 agosto 2016 at 14:29

      I dati tecnici del Rowenta Silence Steam Extreme, come anche tu indichi, sono ottimi e pensiamo che abbia un alto potenziale. Lo consigliamo a chi stira molto, anche per chi cerca precisione, vista la punta penetrante della piastra.

  35. 0
    Domanda di mauro | 19 gennaio 2016 at 22:46

    salve volevo sapere fra tre modelli di ferro a caldaia della philips quale mi consigliate:
    gc8644/30, gc8650/80, gc8651/10 qual’è il più valido visto che le descrizioni sono simili.
    I modelli Elite rispetto a questi variano solo per quanto riguarda la potenza del vapore vero?
    per quanto riguarda la tecnologia che fa riconoscere i tessuti in automatico è la stessa vero?
    Grazie

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 25 aprile 2016 at 18:01

      I ferri da stiro con caldaia elite si distinguono per vari aspetti, uno di questi è sicuramente una maggiore erogazione di vapore, ma anche la possibilità di estrarre il serbatoio ad esempio. I modelli che hai scelto sono molto simili, ma di quella serie ti indichiamo il Philips GC8652/80 PerfectCare Aqua ECO, con dati tecnici di ottimo livello.

  36. 0
    Domanda di Lella | 3 dicembre 2015 at 09:38

    E importante anche sapere come poter tenere pulito il ferro dal calcare

    1. Risposta di admin (Redazione QualeScegliere.it) | 3 dicembre 2015 at 11:27

      Ciao Lella,

      prova a dare un’occhiata alla nostra pagina sulla manutenzione del ferro da stiro: https://www.qualescegliere.it/ferro-da-stiro/manutenzione/

      Facci sapere se ti è tornata utile.

      Ciao,

      La redazione di Qualescegliere.it

  37. -1
    Domanda di Anto | 16 agosto 2018 at 10:59

    Buongiorno vorrei avere recensioni su Rowenta 7260/61. Vorrei acquistare un ferro caldaia sui 100 euro che mi consenta di stirare molte camicie dauomo

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 27 agosto 2018 at 16:40

      Possiamo consigliarti il Braun CareStyle 5 IS 5043. Clicca qui per vedere l’offerta.

  38. -1
    Domanda di Emanuela | 22 ottobre 2017 at 19:05

    Cerco un ferro da stiro con serbatoio grande capacità, funz. Anticlcare, piastra con punta sottile ,manico e peso adeguati lunghe stirature. Max160€

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 23 ottobre 2017 at 11:44

      Ti consigliamo il Philips GC7610/20 PerfectCare Pure, un modello con serbatoio a riempimento continuo da 1,5 litri, piastra con punta sottile e un peso piuttosto contenuto.

  39. -1
    Domanda di danilo | 16 marzo 2017 at 13:41

    Salve,
    vorrei acquistare un ferro da stiro con caldaia per poter stirare al meglio le camicie da uomo. Max 130 euro non troppo ingombrante

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 16 marzo 2017 at 13:43

      Considerando quanto vuoi spendere ti segnaliamo il modello Rowenta DG7520 in promozione, la punta penetrante ti aiuterà a stirare colletti e polsini delle camicie.

  40. -2
    Domanda di Frida Maddalena | 14 settembre 2016 at 16:35

    Salve, devo sostituire un ferro da stiro Vaporella della Polti con caldaia secondo voi, ad oggi, è meglio un polti o un rowenta. Spesa tra gli 80-120.

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 16 settembre 2016 at 10:48

      Difficile darti una risposta, ci sono tantissime offerte online e spesso improvvise, se non vuoi spendere molto possiamo indicarti Rowenta DG7520, leggendo la recensione capirai se è il modello adatto a te.

"Ferro da stiro con caldaia": hai dubbi? Facci una domanda!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecco i migliori tre prodotti della categoria.

8 visitatori su 10 approfittano di queste offerte.

Il migliore

Rowenta DG8960

Migliore offerta: 199,99€

Il miglior rapporto qualità prezzo

Rowenta DG8520 Perfect Eco

Migliore offerta: 139,90€

Il più venduto

Philips GC9650/80 PerfectCare Elite Silence

Migliore offerta: 384,83€