Le migliori macchine per la pasta del 2019

Confronta le migliori macchine per la pasta del 2019 e leggi la nostra guida all'acquisto.
Qualescegliere.it
Autore
Redazione

5 Fattori decisivi per la scelta della macchina per la pasta

1. Struttura

Mattarello, macchina manuale e macchina elettrica: queste sono le tre modalità che abbiamo oggi a disposizione per realizzare la pasta fresca fatta in casa.
Macchina per la pasta automatica
Chi ha tempo e pazienza potrà seguire tranquillamente la tradizione adoperando il classico mattarello, o la macchina manuale. Invece, per tutti coloro che hanno i tempi stretti, ma che non vogliono rinunciare alla pasta fresca, consigliamo l’utilizzo della macchina elettrica.
Il successo di questi utensili è indice di quanto la pasta fatta in casa sia il filo rosso della cucina casereccia italiana attraverso le generazioni. Nonostante esistano oramai tanti tipi di pasta già pronta di buona qualità, molte persone si dilettano ancora oggi a seguire le vecchie ricette della nonna. Fare la pasta in casa è un’attività relegata principalmente all'idea del pranzo in famiglia della domenica, e, anche se ciò avviene sporadicamente, rimane pur sempre presente nel nostro immaginario.
Motore macchina elettrica per la pasta
La macchina elettrica è una versione aggiornata della macchina tradizionale e rappresenta un’alternativa più facile e veloce. Vi sono almeno due tipologie principali e svariati modelli in commercio.
In questa pagina vi presenteremo i cinque fattori decisivi per la scelta della macchina elettrica per uso privato e non professionale. Vi aiuteremo a prendere coscienza degli aspetti che dovrete valutare per una scelta consona alle vostre esigenze.
Vi sarà capitato di voler migliorare la qualità della sfoglia che fate in casa, oppure di voler realizzare un tipo di pasta fresca che non avete mai fatto e chiedervi come si fa. Proprio partendo da questo quesito, inizieremo prima ad analizzare i tipi di macchine elettriche disponibili nelle vetrine online del mercato italiano e poi lo spessore e le forme della pasta che consentono di realizzare.
La pasta è un alimento importante presente non solo nella cultura culinaria italiana, ma anche in quella di altri paesi. Oramai si trovano anche macchine elettriche prodotte da aziende nordeuropee ed americane che allegano ricettari con piatti veramente internazionali: dalle rinomate varietà di pasta italiana fino agli spaghetti soba giapponesi. Per restringere il campo, precisiamo che in questa pagina faremo riferimento al contesto culinario italiano, ma non escludiamo che anche una buona macchina per la pasta italiana “made in Italy” possa contribuire alla realizzazione di piatti asiatici.
I tipi di pasta italiana che si possono realizzare con la macchinetta elettrica sono molti: basti pensare alla semplice sfoglia per le lasagne, i tagliolini e le pappardelle, ma anche i ravioli e pasta corta come le pennette.
In base alla pasta che vorrete realizzare, dovrete orientare la selezione e la scelta della macchina per la pasta.
Procediamo quindi con ordine: innanzitutto è indispensabile considerare la struttura delle macchine elettriche, perché è proprio questa a determinare la qualità e la forma della pasta. Infatti, come vedremo, vi è una prima distinzione strutturale tra le due principali tipologie di macchina elettrica per fare la pasta: una funziona con coppie di rulli e una ad estrusione con dischi per la trafilatura.
Nei prossimi paragrafi spieghiamo appunto le differenze strutturali tra i due tipi di macchina per la pasta.

Macchina elettrica con rulli

La macchina elettrica dotata di rulli ha le sembianze di una classica macchina manuale, con l’aggiunta però di un motore, che può essere removibile o meno, di cui parleremo approfonditamente più avanti, visto che lo consideriamo il quarto fattore decisivo nella scelta. Molto spesso la macchina per la pasta con rulli può prevedere anche il funzionamento manuale con la manovella.

Macchina per la pasta con funzione elettrica e manuale
Il corpo centrale è costituito solitamente da una struttura metallica, dotata spesso di perno anch'esso metallico che consente di fissare la macchina al piano di lavoro, esattamente come i modelli di macchina tradizionale. Il corpo centrale è dotato di pulsante di accensione, pomello per la regolazione dello spessore della pasta e, se anche il funzionamento manuale è previsto, di un foro per applicare la manovella.
La pasta viene lavorata per mezzo di coppie di rulli paralleli in materiale antiaderente, che dovrebbero essere almeno di 3 tipi:

  • Rulli lisci per la sfoglia: si tratta di rulli completamente lisci. Sono i più importanti, perché servono per lavorare la pasta e ridurla in spessori sempre più sottili ed elastici. I rulli dovrebbero permettere di realizzare sfoglie della larghezza non inferiore ai 14 cm: misura adeguata per la creazione delle lasagne
  • Rulli tagliatori per le fettuccine: tagliano la sfoglia precedentemente ottenuta creando fettuccine (ca. 6 mm)
  • Rulli tagliatori per i tagliolini: hanno fessure ancora più strette, per tagliare la sfoglia in tagliolini sottili (ca. 1,5 mm)

Le macchine migliori permettono l'applicazione di ulteriori componenti per la creazione di altre forme di pasta. Questa possibilità verrà presentata sotto il terzo fattore.

Macchina ad estrusione

Questa tipologia di macchina è ancora poco diffusa nelle cucine delle famiglie degli italiani e rappresenta ancora una novità, mentre sembra essere più diffusa all'estero.
Macchina per la pasta funzionamento ad estrusione
La macchina ad estrusione ricorda per struttura e funzionamento le macchine professionali dei pastifici. Per via della sua stessa natura di funzionamento, come potete anche intuire guardando la foto a lato, le macchine di questo tipo non sono indicate per la realizzazione della sfoglia per le lasagne, ma permettono la facile realizzazione della pasta corta.
La struttura esterna dei modelli più commerciali di solito è di plastica.
La struttura di una buona macchina ad estrusione per uso domestico dovrebbe comprendere le seguenti parti:

  • Corpo centrale, ovvero la struttura dotata di motore incorporato
  • Pannello anteriore e dischi intercambiabili, con i quali si potrà stabilire la trafilatura adatta alla forma della pasta prescelta, come spaghetti e fettuccine, oltre che pasta corta come pennette, nonché sfoglia per le lasagne
  • Pulsanti, che possono essere di vario tipo in base al grado di sofisticazione della macchina. Potrete trovare il classico pulsante di accensione e spegnimento, così come quello di avvio, pausa e selezione del programma
  • Display, nei modelli più moderni la sua presenza permetterà di visualizzare le funzioni selezionateMacchina pasta automatica tasti e display
  • Vano per accessori, per contenere i dischi e gli strumenti per la pulizia
  • Vano per impastare gli ingredienti, solitamente removibile e lavabile in acqua

Ingombro, peso e materiali

Macchina a rulli con motore internoLa struttura della macchina per fare la pasta fresca ha ingombro e peso leggermente differenti, a seconda che sia con rulli o ad estrusione.
Per quanto riguarda la macchina a rulli, le sue misure dovrebbero essere compatte e di solito si aggirano intorno ai 20 x 15 x 30 cm, per un peso che non dovrebbe superare i 5 kg.
La macchina ad estrusione invece avrà una struttura più ingombrante, per un massimo di ca. 7,5 kg.
Peso e dimensioni maggiori potranno essere riscontrati nel caso delle macchine professionali, impiegate nei ristoranti e nelle piccole manifatture di pasta artigianale.
Sarà importante considerare anche i materiali di cui sono fatti i diversi componenti, che dovranno garantire sicurezza e resistenza nel tempo. È evidente che da questo punto di vista le macchine con rulli in acciaio, se opportunamente mantenute, possono avere una durata molto lunga. Tenete però presente che le alcune guarnizioni della macchina con rulli possono essere di plastica, così come i componenti della macchina ad estrusione.
Considerazioni approfondite sui materiali costitutivi saranno esposte alla fine di questa guida sotto la domanda “I materiali sono importanti?”.

2. Tipi di pasta

Fatte queste premesse, scenderemo nel dettaglio ed analizzeremo il secondo fattore, inerente ai tipi di pasta che potrete realizzare, per cui sono rilevanti aspetti come la modalità di lavorazione, lo spessore e il taglio della pasta: li vedremo tutti separatamente nelle prossime sezioni.
Tipi di pasta realizzabili con una macchina ad estrusione

Preparazione e lavorazione della massa

Indubbiamente, per ottenere buoni risultati in fatto di consistenza, sarà necessario avere pieno controllo della qualità degli ingredienti e delle procedure di preparazione della massa.
Le macchine ad estrusione dotate di funzione impastatrice richiedono particolare attenzione in fatto di dosi e ordine di miscelatura degli ingredienti, ma non richiedono alcuna fatica manuale nel creare la matrice della pasta. Da questo punto di vista una macchina ad estrusione con impastatrice può veramente risultare più comoda della macchina elettrica dotata di rulli.
Tipi di pasta

Invece nel caso delle macchine con rulli, o magari delle macchine a estrusione non dotate di impastatrice, saranno richieste esperienza e manualità maggiori. Per avere un preparato ideale, sarà necessario seguire poche ma fondamentali indicazioni. Poniamo come esempio la preparazione della pasta all'uovo.
La lavorazione della pasta si può dividere in 3 fasi:

  • Preparazione dell’impasto con ingredienti freschi: la lavorazione della massa potrà durare ca. 20 minuti, fino a quando non si otterrà una massa elastica ed uniforme. Ottenuta la palla di pasta, dovrà essere avvolta in una pellicola di plastica trasparente e messa a riposo nel frigo per almeno mezz'ora
  • Lavorazione della massa: per ca. 15 minuti, usando il rullo liscio impostato inizialmente sull'apertura massima, per poi ripiegare la pasta e rilavorarla assottigliando lo spessore, operazione da ripetere fino al raggiungimento dello spessore desiderato
  • Taglio e forma: si potrà procedere a tagliare le sfoglie in varie forme, avendo l’accortezza di conservare la parte rimanente sempre nella pellicola, evitando così di farla seccare

Spessore della pasta

È ovviamente importante considerare lo spessore della pasta che la macchina permette di realizzare.
Una macchina elettrica con rulli avrà la possibilità di regolare lo spessore del rullo liscio: come anticipato poco sopra, da un massimo di ca. 2 cm, fino a un minimo di ca. 0,3 mm. Questo è possibile sia con i modelli elettrici che con quelli manuali, o con quelli che prevedono entrambi i funzionamenti.
Per quanto riguarda le macchine ad estrusione invece, facciamo notare che lo spessore della sfoglia sarà determinato dal disco che impiegheremo: dal punto di vista della regolazione dello spessore, possiamo affermare che le macchine dotate di rulli sono più versatili, perché permettono di regolare lo spessore a piacere.
Inoltre una buona macchina elettrica a rulli permetterà di diminuire lo spessore gradualmente: una macchina dotata di un maggior numero di livelli per la regolazione dello spessore potrà produrre sfoglia di diversi spessori, in modo da soddisfare le aspettative dei cuochi più precisi.
Naturalmente sarete voi, secondo il vostro gusto personale, a preferire uno spessore piuttosto che un altro, ma innegabilmente una sfoglia molto sottile di ca. mezzo millimetro risulterà più consona alla creazione di pasta ripiena, come tortellini e ravioli.
Tra le migliori macchine troviamo modelli che consentono una regolazione dello spessore da 6 a 10 livelli diversi. La maggior parte delle macchine permette 6 livelli di regolazione della sfoglia, ma ciò che vi interessa osservare, indipendentemente dal numero di livelli previsti, è sopratutto lo spessore mimino della sfoglia che il livello n.1 può realizzare.
Segnaliamo che nelle schede tecniche e sui siti ufficiali delle case produttrici troverete infatti indicato lo spessore massimo e minimo, ma non i valori dei livelli intermedi.

Forma della pasta

Una volta raggiunto lo spessore desiderato, la terza fase della lavorazione prevede il taglio della pasta. Infatti adesso valuteremo le forme principali che si possono realizzare. Vediamo che tipo di pasta si può realizzare rispettivamente con la macchina a rulli e con la macchina a estrusione.

Con la macchina a rulli

In base alle vostre abitudini e preferenze potrete scegliere tra vari tagli, come la semplice sfoglia per le lasagne, le fettuccine e i tagliolini: queste sono le forme principali che si possono preparare con la stragrande maggioranza delle macchine italiane che funzionano con rulli.
Per completezza d’informazione, vi facciamo qualche esempio delle tipologie di pasta che una macchina a rulli può realizzare.
Indicativamente, da una sfoglia di uno spessore di ca. 0,5 mm, potrete ottenere:

  • Pappardelle della larghezza compresa tra 1 e 2 cm
  • Tagliatelle di 5-6 mm
  • Tagliolini di 1,5-2 mm

Sempre con la sfoglia “base”, potrete realizzare della pastina quadrata per il brodo, opportunamente tagliata a mano, e le farfalle.
Non possono mancare le lasagne, per le quali dovreste usare come riferimento le misure della vostra teglia,e i cannelloni.

Con la macchina a estrusione

Se invece desiderate preparare pasta corta come pennette e maccheroni, vi consigliamo di orientare la scelta su un tipo di macchina ad estrusione che con appositi dischi intercambiabili vi permetterà di realizzare anche questo tipo particolare di pasta, oltre ovviamente a tagliatelle e tagliolini.
Macchina ad estrusione preparazione spaghetti
Per darvi una panoramica quanto più ampia possibile, vi presenteremo la possibilità di realizzare anche altri tipi di pasta, applicando, ai modelli che prevedono questa possibilità, che sono solitamente quelli a rulli, degli appositi componenti aggiuntivi, come l'accessorio per realizzare i ravioli. Tali parti aggiuntive saranno analizzate nella sezione immediatamente successiva.
Accessori per estrusione pasta

3. Componenti aggiuntivi

Sotto le precedenti sezioni abbiamo esposto l’importanza della struttura della macchina per la pasta e i tipi di pasta che è possibile realizzare. Di conseguenza in questa sezione approfondiremo l’argomento trattando i componenti aggiuntivi che si possono applicare alla macchina a rulli e a quella ad estrusione per la realizzazione di altre forme più complesse, come i ravioli e gli gnocchi.

Accessori per macchine a rulli

Le migliori case produttrici di macchine a rulli mettono a disposizione diversi accessori applicabili alla macchina base per realizzare altri tipi di pasta. Fate però attenzione a leggere bene le indicazioni, perché spesso questi componenti accessori funzionano solo manualmente, e non con la funzione motore attivata.
Passeremo adesso in rassegna le parti accessorie più significative che potete acquistare per la vostra macchina elettrica con rulli:

  • Rulli tagliatori aggiuntivi per gli spaghetti di ca. 2 mm di larghezza
  • Rulli tagliatori aggiuntivi per i cappelletti di ca. 1,5 mm di larghezza
  • Rulli tagliatori aggiuntivi per le trenette di ca. 4 mm di larghezza
  • Accessorio per fare i ravioli
  • Accessorio per fare gli gnocchi

Componente accessorio per i ravioli

Accessori per macchine ad estrusione

Invece, come abbiamo già avuto modo di sottolineare, le macchine che funzionano ad estrusione prevedono l’applicazione di dischi intercambiabili attraverso cui far passare l'impasto, che possono permettere di realizzare anche pasta corta come le pennette, i cannelloni, e anche fusilli, conchiglie, radiatori, pipe, casarecci, ma non permettono la realizzazione ad esempio di pasta per ravioli.
Nel caso delle macchine ad estrusione sarà presente una spatola per tagliare la pasta alla lunghezza desiderata man mano che viene estrusa.

4. Tipo di motore

Non possono mancare alcune informazioni relative alla qualità del motore, perché stiamo prendendo in esame proprio la tipologia di macchina per la pasta dotata di motore. Ciò che ci interessa principalmente, è che il motore sia efficace, resistente e che, se removibile, sia di facile e solida applicazione.

Motore integrato o removibile?

Una distinzione preliminare che dobbiamo effettuare, per valutarne la qualità e le prestazioni, riguarda la posizione del motore: vi sono modelli con motore integrato nella macchina stessa e modelli che permettono l’uso automatico con un motore esterno removibile. Vediamo vantaggi e svantaggi di entrambe queste opzioni.

Motore integrato

Un motore di questa tipologia avrà meno possibilità di essere esposto ad agenti esterni e quindi di essere soggetto a rotture. Per questo motivo è da preferire rispetto ai motori della seconda tipologia. Tuttavia tenete presente che in questo caso la garanzia della macchina sarà unica, quindi nel male augurato caso in cui il motore si rompa fuori garanzia e non sia riparabile, la macchina dovrà essere completamente sostituita con una nuova.

Motore esterno removibile

Motore removibileNel secondo caso invece il motore è esterno, quindi è più esposto ad eventuali danni. Tuttavia, se necessario, potrete acquistare un eventuale ricambio in caso di guasto o usare la macchinetta semplicemente a mano. Altro aspetto positivo di questa tipologia è che in questo caso le garanzie dovrebbero essere due: una per la macchina (anche fino a 10 anni) e una per il motore esterno, che potrà essere garantito per 2 anni.
Potrebbe essere interessante osservare il sistema di aggancio del motore al corpo della macchina: la soluzione migliore prevede una meccanica a baionetta. Tuttavia segnaliamo che anche nei modelli migliori potrete trovare dei perni di plastica, che hanno una maggiore probabilità di rottura.

Wattaggio

In generale per questo tipo di elettrodomestico non professionale, il motore avrà una potenza molto contenuta, e quindi anche i consumi saranno molto bassi.
Infatti, se è vero che le macchine per la pasta professionali hanno potenze anche fino a 1000 Watt, nei modelli per uso domestico potrete trovare un wattaggio compreso tra 70 e 100 Watt per le macchine a rullo, e fino a ca. 200 Watt per le macchine ad estrusione dotate anche di impastatrice.

Rumorosità

A parte il wattaggio, segnaliamo che le informazioni fornite dalle case produttrici sul motore delle macchine per la pasta sono spesso lacunose. Ad esempio non vengono fornite indicazioni sulla rumorosità, ma in ogni caso una macchina per la pasta emetterà nella quasi totalità dei casi un suono sordo poco fastidioso.

Velocità

Anche per quanto riguarda la velocità non troverete indicazioni complete e standardizzate. Potrete trovare la velocità dei rulli o la quantità di pasta estrusa in un determinato lasso di tempo.
Sulle macchine con rulli potrà essere presente un pulsante per la regolazione della velocità su due livelli per la lavorazione della massa e per la realizzazione della forma.
Invece per le macchine ad estrusione potrà essere indicata la quantità di pasta estrusa al minuto.

5. Comfort

Siamo giunti al quinto e ultimo fattore. Per comfort intendiamo sia la praticità di impiego che di pulizia di una macchina per la pasta.

Praticità d’impiego

Una buona macchina dal punto di vista della comodità d’impiego sarà una macchina dalle funzioni semplici. Sarà inoltre dotata di un manuale per le istruzioni del montaggio e per l’utilizzo.
Tra gli accessori, risulta gradita la presenza di un ricettario all'interno della confezione, che dovrà essere quanto più preciso possibile, anche per l'uso appropriato dei componenti aggiuntivi di cui abbiamo parlato sopra.
Ricettario in dotazione macchina per la pasta
Infine sottolineiamo che sempre nel caso di una macchina ad estrusione di ultima generazione il display permetterà di visualizzare tutte le funzioni selezionate, rendendo l'uso in effetti molto pratico.
Macchina per la pasta con display
In commercio potrete trovare anche un accessorio supplementare per evitare che la pasta lunga si attacchi, come quello della foto seguente.

Stendipasta

Pulizia

Trattandosi di un elettrodomestico da cucina, gli aspetti igienici costituiscono un elemento importante da tenere presente. Le macchine dotate di rullo e quelle ad estrusione richiedono diverse operazioni di pulizia e manutenzione.
Quelle dotate di rulli dovranno essere pulite con un panno asciutto o con uno spazzolino morbido. Non dovranno mai essere lavate in acqua o con l’impiego di detergenti. Se la macchina ha rulli di buona qualità, saranno senz'altro in materiale antiaderente e quindi l'accumulo di residui all'interno della macchina sarà limitato. È assolutamente sconsigliato usare utensili di metallo per rimuovere i residui di pasta, perché questi potrebbero graffiare i rulli e rendere inutilizzabile la macchina per la pasta. Per i residui più ostinati consigliamo di far ruotare i rulli fino a quando essi non fuoriescono dal corpo della macchina.
Invece le macchine ad estrusione per uso privato dovrebbero essere costruite con parti in plastica removibili, lavabili in lavastoviglie.
Fatta questa considerazione, potranno risultare più comode le macchine ad estrusione che sono dotate di parti separabili in plastica e quindi lavabili tranquillamente in acqua e con l'uso di un comune detersivo per i piatti, a mano e in lavastoviglie.

Altri fattori da tenere in mente per la scelta della macchina per la pasta

I materiali sono importanti?

I materiali impiegati per la macchina sono molto importanti, non solo per la durata e la qualità di questo elettrodomestico, ma anche per una questione di tipo igienico-sanitario.
Le macchine elettriche per fare la pasta dovrebbero avere rulli in acciaio inox e potrebbero presentare alcuni componenti interni in plastica. Ricordiamo che l'acciaio inox non si arrugginisce. Al contrario i rulli in acciaio cromato, se graffiati e danneggiati in superficie possono arrugginirsi e divenire inutilizzabili.
Altro materiale che potrete trovare indicato è la lega di alluminio per alimenti: questo materiale garantisce l'assenza di metalli pesanti dannosi per la salute. Potrete trovare anche il particolare trattamento di anodizzazione, che aumenta la durezza superficiale della lega di alluminio e migliora la resistenza nel tempo. Inoltre potrete trovare anche un rivestimento in resina polimerica, che elimina il rilascio di polveri dovuto all'eventuale attrito che si crea e che permette alla pasta di staccarsi agevolmente dai rulli.
I migliori produttori, in ogni caso, garantiscono la sicurezza dei loro prodotti con svariate certificazioni che attestano la loro conformità a precise norme alimentari.

La marca è importante?

Le aziende che decidono di produrre macchine per la pasta sono sempre di più, anche a livello internazionale. Non escludiamo che case produttrici straniere siano capaci di produrre delle macchine valide, ma non possiamo esimerci dal consigliare marche italiane dall'esperienza quasi secolare. Per la scelta della marca non bisogna mai trascurare l’importanza di un buon servizio clienti e della garanzia del prodotto, che dovrebbe essere almeno di due anni.
Le case produttrici italiane che sicuramente garantiscono una rinomata qualità sono la Imperia e la Marcato, aziende che si sono affermate a partire dagli anni '30 e quindi hanno una lunga esperienza nel settore. Tuttavia non va trascurato che grandi aziende internazionali oggi producono buoni modelli e di solito permettono una facile reperibilità di accessori ed eventuali parti di ricambio.

Il prezzo è importante?

Il prezzo della macchina elettrica per fare la pasta fresca in casa può indicare la qualità del prodotto, tuttavia a nostro avviso non dovrebbe superare i 200 Euro. Infatti, trattandosi di un elettrodomestico semplice e non di un macchinario professionale, il suo costo dovrebbe essere contenuto, a meno che non desideriate mettere su un piccolo laboratorio di pasta fresca e quindi abbiate bisogno di una macchina in grado di garantire un'elevata mole di lavoro.
Le fasce di prezzo che abbiamo individuato per le macchine per la pasta elettriche sono: quella bassa, a partire da 50-60 Euro, quella intermedia, intorno ai 100 Euro e quella elevata, fino ai 200 Euro. Considerate che a questi costi potrebbero aggiungersi quelli di eventuali parti aggiuntive, come l'accessorio per realizzare i ravioli che può aver il costo di ca. 30 Euro.

Quali sono le migliori macchine per la pasta del 2019?

La tabella delle migliori macchine per la pasta del 2019 scelte dalla redazione di QualeScegliere.it

Prodotto Prezzo
migliore
Recensione
Philips HR2355/09 Avance Collection 155,99 € Recensione
Imperia Electric 650 83,86 € Recensione
Marcato Atlasmotor 94,30 € Recensione
Imperia 675 Titania Electric 69,99 € Recensione
Imperia PastaPresto 230V 157,64 € Recensione

Macchine per la pasta: tutti i prodotti recensiti

Domande e risposte su Marcato Atlasmotor

  1. 1
    Domanda di Rita | 12 marzo 2018 at 20:12

    Buonasera i rulli per le fettuccine etc. girano elettricamente?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 14 marzo 2018 at 10:10

      Si questa sfogliatrice è dotata di motore.

"Marcato Atlasmotor": hai dubbi? Facci una domanda!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecco i migliori tre prodotti della categoria.

8 visitatori su 10 approfittano di queste offerte.

La migliore

Philips HR2355/09 Avance Collection

Migliore offerta: 159,90€

Il miglior rapporto qualità prezzo

Imperia Electric 650

Migliore offerta: 83,86€

La più venduta

Marcato Atlasmotor

Migliore offerta: 99,18€