I migliori tostapane del 2022

Confronta i migliori tostapane del 2022 e leggi la nostra guida all'acquisto.

ePRICE
61,28 €
TekWorld
47,59 €
Mood concept store
152,10 €
Amazon
24,99 €
Amazon
38,90 €
Amazon
64,98 €
Galagross
48,23 €
Amazon
165,99 €
Euronics
29,89 €
Amazon
49,99 €
Feeldesign
169,00 €
ePRICE
44,42 €
Supermedia
50,99 €
Opportunity commerce
169,00 €
Veryshop
52,31 €
Ferlegno Commerce
169,00 €

Tipologia

Verticale

Verticale

Verticale

Verticale

Sandwich maker

Fette

4

2

2

2

2

Potenza

1600 W

950 W

950 W

850 W

700 W

Temperature

6

7

6

6

1

Scongelamento

Cassetto raccoglibriciole

Dimensioni

31,9 x 28,9 x 20,5 cm

30 x 17,2 x 20,1 cm

31 x 19,5 x 19,8 cm

19,5 x 27,5 x 18,2

26,8 x 12,2 x 26 cm

Peso

2,5 kg

1,49 kg

2,39 kg

1,25 kg

1 kg

Punti forti

Bel design rétro

Potenza elevata

Bel design vintage

Fessure extra large

Ultracompatto

Molto potente

Spegnimento automatico

Ampie camere di cottura

Pinza per rimuovere il pane

Facile da pulire

Fino a 4 fette

Fessure extra large

Funzione bagel

Con fermo di chiusura e vano avvolgicavo

Design moderno ed elegante

Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa

Come scegliere il tostapane

Il tostapane è un piccolo elettrodomestico che da qualche anno è sempre più diffuso nelle cucine degli italiani. Non sempre si ha infatti la possibilità di acquistare del pane fresco o attendere le lunghe tempistiche di un fornetto elettrico per grigliare le  fette di pane, ed è proprio in queste circostanze che il tostapane si rivela uno strumento indispensabile.tostapaneSul mercato si trovano tantissimi modelli che si distinguono non solo per il design, ma anche per una serie di caratteristiche tecniche che vi invitiamo a considerare prima di effettuare il vostro acquisto.

Tipologia

Quando si vuole acquistare un tostapane la tipologia è il primo fattore da valutare, poiché è da questo elemento che dipendono altre caratteristiche dell’apparecchio, quali le funzioni, l’ingombro, la manutenzione necessaria e le prestazioni (tutti aspetti di cui ci occuperemo nel dettaglio nei paragrafi a seguire). Volete preparare dei sandwich farciti e tostarli direttamente per intero oppure desiderate tostare del pane in fette e spalmarci sopra della marmellata o cioccolata? Il primo passo da compiere prima di individuare quale tostapane scegliere è comprendere quale utilizzo si voglia fare di questo strumento. Vediamo le due tipologie di tostapane esistenti.

Tostapane verticale

Il tostapane verticale ha una struttura a parallelepipedo e si chiama così perché prevede l’inserimento in verticale delle fette di pane nell’apparecchio. Questo genere di tostapane è preferito da chi voglia prevalentemente tostare fette di pane singole per poi assemblarle in un sandwich oppure mangiarle da sole con qualche condimento.tostapane pinzeÈ anche quello che richiede un intervento minore, dato che in molti casi si deve semplicemente inserire il pane in fette all’interno del tostapane e aspettare che questo le tosti e le espella da solo a cottura ultimata. Questo tostapane si può utilizzare anche come tostiera vera e propria acquistando un modello con pinze per sandwich farciti (ovvero una sorta di griglia che permette di inserire dei toast assemblati all’interno della macchina) oppure acquistandole, se disponibili, separatamente. In questo caso la pulizia è però leggermente più complicata rispetto a quella di un vero sandwich maker.

Sandwich maker

Questa tipologia può anche prendere il nome di piastra tostapane, tostiera o piastra per toast e si sviluppa invece in orizzontale. Consiste in una doppia piastra da utilizzare per riscaldare panini, preparare toast o anche per la cottura di verdure grigliate, würstel e altri pezzi di carne (visto che somiglia ad una bistecchiera). Le tostiere di questo tipo possono avere delle piastre interne lisce, grigliate oppure con una forma già studiata per alloggiarvi i toast (che possono poi essere tagliati in due triangoli).tostapane sandwich makerLa tipologia non è giudicabile in maniera assoluta in quanto nessuna delle due è inferiore o superiore all’altra. Entrambi i modelli sono validi ed efficaci e la scelta varia piuttosto in base alle vostre esigenze: ad esempio, se avete solo bisogno di grigliare le singole fette di pane per fare le bruschette i modelli verticali sono l’ideale, mentre per i panini farciti sono da preferire i sandwich maker.

Struttura

Passiamo quindi ad analizzare i diversi elementi che, sommati, rendono un tostapane più o meno adatto allo spazio che si ha a disposizione in cucina, ma non solo. Nella scelta di un tostapane, infatti, si deve senz’altro valutare la sua misura in base ai seguenti criteri.

Numero di fette

Per quanto riguarda i tostapane di tipo verticale, questi prevedono perlopiù l’inserimento di due fette di pane mentre altri, dalle dimensioni ovviamente più impegnative (e anche più cari!) permettono di inserire anche quattro fette alla volta, caratteristica comoda soprattutto per chi voglia preparare una quantità più abbondante di pane in un’unica sessione. Questa caratteristica diventa particolarmente importante per l’utilizzo in famiglia oppure per chi abbia poco tempo da dedicare alla preparazione.tostapane 4 fetteI modelli per quattro fette possono avere due camere di cottura più lunghe del normale, oppure quattro di lunghezza standard: nel secondo caso, si può scegliere di utilizzarne solo due per risparmiare sui consumi.
Le tostiere sono invece pensate solitamente per due o tre toast e un panino o due.

Superficie di cottura

I tostapane verticali si differenziano in base alla larghezza dell’apertura dove infilare le fette, detta appunto camera di cottura. Questa infatti può essere standard (nella maggior parte dei modelli economici e di prezzo medio), ma può anche farsi via via più abbondante, fino a diventare regolabile con un’apposita levetta e in grado di ospitare anche i bagel o altri tipi di pane (nei modelli più costosi).tostapane camere di cotturaNelle tostiere orizzontali le piastre hanno una superficie di cottura di dimensioni piuttosto standard (poco più o poco meno di 25 x 15 cm), a meno che non si tratti di speciali modelli per quattro toast. Le piastre possono essere fisse, ovvero agganciate alla struttura tramite doppia cerniera, o come nella bistecchiera si può avere una piastra superiore basculante, che si adatta meglio ai panini più spessi.
Alcuni modelli permettono anche un’apertura a 180° per raddoppiare la superficie di cottura, ma così facendo si rinuncia a grigliare i panini su entrambi i lati.

Ingombro

Per i modelli verticali da quattro fette l’ingombro cambia se sono presenti quattro camere di cottura parallele (una accanto all’altra) oppure due più lunghe. Questo comporta ovviamente una diversa struttura dell’apparecchio che nel primo caso si sviluppa principalmente in larghezza, mentre nel secondo in profondità.
I sandwich maker tendono a occupare più spazio sul banco di lavoro, ma la maggior parte dei modelli può essere alloggiata in posizione verticale dopo l’uso. Si deve poi considerare che, per utilizzare un apparecchio con apertura a 180°, bisogna avere una superficie abbastanza ampia da consentire il movimento di apertura delle piastre.
Infine, nel caso in cui decideste di non collocare il vostro tostapane (sia che sia un modello con struttura verticale, sia orizzontale) in una posizione fissa, dovrete accertarvi che il suo peso vi consenta di prendere e riporre in maniera agevole l’apparecchio dopo l’utilizzo. Il peso è da tener presente anche per rendere più semplice l’operazione di pulizia.

Materiali

Consigliamo inoltre di non sottovalutare l’aspetto relativo ai materiali di un prodotto come un tostapane, soprattutto per quanto riguarda le tostiere, che sono ricoperte da un rivestimento antiaderente. Quando la resistenza interna del tostapane si riscalda, se a contatto con materiali di scarsa qualità può facilmente danneggiarli e, cosa ancor più grave, sprigionare delle sostanze potenzialmente nocive. Online si trovano moltissime recensioni di consumatori che si lamentano del fatto che il rivestimento antiaderente della loro tostiera si sia staccato, e questo è molto più frequente con i prodotti di fascia bassa. È sempre meglio, quando possibile, accertarsi della qualità dei materiali leggendo il parere di altre persone e affidandosi a marche conosciute.

Funzioni

Le funzioni che i tostapane possono offrire non sono numerosissime, ma questo fattore è importante da tenere in conto perché condiziona non solo il prezzo finale a cui il prodotto viene venduto, ma anche l’utilizzo pratico che farete del vostro apparecchio. tostapane funzioniPer i tostapane vale la regola generale per cui ad un maggior numero di funzioni corrisponde un prodotto più sofisticato, completo e, inevitabilmente, anche più costoso. Queste funzioni, infine, sono differenti se si tratta di un modello di tipo verticale o della piastra tostiera.

Tostapane verticale

Il tostapane di tipo verticale può avere le seguenti funzioni:

  • Espulsione automatica della fetta: è una possibilità offerta ormai da quasi tutti i tostapane attualmente in commercio, assente invece nei modelli più economici e obsoleti che si limitano ad interrompere la cottura;
  • Scongelamento: detta anche funzione “defrost”, consente di inserire fette di pane congelate e di scongelarle in pochi minuti senza bruciarle;
  • Riscaldamento: grazie a un’apposita griglia integrata nel tostapane, la funzione “scalda-brioches” consente di riscaldare un panino (o cibi che non entrerebbero all’interno dell’apparecchio) sui vani cottura del tostapane;
  • Regolazione spessore: i modelli migliori presentano una leva che permette di regolare la distanza tra le due griglie di cottura per grigliare uniformemente sia fette sottili, sia fette più spesse;
  • Sollevamento della fetta: questo meccanismo permette di sollevare ulteriormente la fetta appena grigliata per evitare di scottarsi le dita quando la si estrae dalla camera di cottura;
  • Sistema di centratura: è un dispositivo interno al tostapane che fa in modo che la fetta di pane infilata nelle camere di cottura mantenga sempre una posizione centrale, per consentire una doratura uniforme.

Sandwich maker

Le tostiere possono caratterizzarsi per le seguenti funzioni:

  • Tasto on/off: previene di lasciare l’apparecchio inavvertitamente acceso dopo l’uso, oltre ad essere più comodo rispetto all’inserimento manuale della presa;
  • Piastre intercambiabili: è una caratteristica di tipo meccanico più che tecnico e prevede la possibilità di utilizzare piastre di tipo diverso (panini, sandwich, waffle etc.);
  • Autospegnimento: consente al tostapane orizzontale di arrestare da solo il suo funzionamento dopo un lasso di tempo in cui non viene utilizzato.

tostapane tasto spegnimento

Potenza

Il fattore potenza dev’essere tenuto in conto prima dell’acquisto di un tostapane, ma non rientra probabilmente tra i criteri principali con cui si sceglie un modello. Valutando questo fattore bisogna tenere presenti due elementi, che sono il wattaggio e i livelli di regolazione della temperatura.

Wattaggio

Il wattaggio può variare molto: per i modelli verticali a due fette si va da circa 500 a 1000 W, mentre i modelli con quattro camere di cottura hanno un range due volte superiore. Le tostiere sono mediamente più potenti e possono avere un wattaggio da 700 a 1200 W. tostapane potenzaAll’aumentare della potenza aumenta la velocità di tostatura delle fette di pane, aspetto importante da considerare soprattutto per i sandwich maker, che se troppo potenti potrebbero non essere in grado di riscaldare adeguatamente il condimento dei panini (soprattutto il formaggio da fondere) prima che il pane si bruci.

Temperature selezionabili

L’altro elemento che influenza le prestazioni del tostapane (in particolare quello verticale) è costituito dalla possibilità di selezionare diversi livelli di temperatura, in modo da adattarla allo spessore del pane da cuocere, ma anche al grado di tostatura che si vuole ottenere. A seconda dei modelli, i livelli disponibili vanno da 5 a 7.

Pulizia

Questo elemento risulta importante nell’acquisto di un prodotto poiché ne influenza la praticità d’uso. In molti infatti hanno l’abitudine di utilizzare questo piccolo elettrodomestico su base quotidiana o, a volte, anche in più riprese durante la stessa giornata e, inoltre, il pane è un alimento che per sua natura tende a perdere briciole che non sono sempre semplici da rimuovere dall’interno del tostapane. La pulizia varia principalmente in base alla tipologia di tostapane acquistato.

Pulizia del tostapane verticale

Per una pulizia agevole e veloce di questo genere di prodotto, la caratteristica più utile è la presenza di un vano raccogli-briciole estraibile come quello mostrato nella foto sottostante, dettaglio che facilita l’operazione di rimozione dei vari residui di pane che inevitabilmente si accumulano, dopo una serie di utilizzi, sul fondo dell’apparecchio. I modelli molto economici ed essenziali ne sono spesso sprovvisti, il che rende la pulizia un po’ più complessa e meno efficace.tostapane puliziaPer pulire il tostapane verticale, staccate sempre la spina e lasciatelo raffreddare. Cominciate svuotando il vassoio delle briciole nel cestino e poi lavatelo con acqua calda e sapone, eliminando le briciole rimaste con una spazzola. Ricordate che non è assolutamente possibile mettere il tostapane in lavastoviglie o immergerlo in acqua, né usare prodotti chimici per pulire l’interno.

Pulizia della tostiera

È bene assicurarsi, se si desidera privilegiare una pulizia veloce e comoda, che le piastre di una tostiera orizzontale siano estraibili e lavabili in lavastoviglie, visto che con questo genere di prodotto si preparano spesso dei sandwich già assemblati e ripieni di salse o formaggi che con il calore si sciolgono e depositano sulle piastre.tostapane piastre intercambiabiliInoltre, come già visto in precedenza, queste piastre possono anche essere utilizzate per grigliare verdure, würstel o carne, motivo per cui si fa ancor più importante verificare quanto semplicemente questi componenti siano estraibili e lavabili. I modelli di tostapane orizzontali più economici prevedono di solito delle piastre non estraibili: in questo caso per pulirle dovrete utilizzare un panno bagnato o una spugnetta quando le piastre si sono raffreddate.

Le domande più frequenti sul tostapane

Quali sono i migliori tostapane?

Sono diversi i brand disponibili sul mercato che si occupano della produzione di tostapane sia di tipo verticale, sia orizzontale. Nella scelta del proprio modello è importante rivolgersi ad un’azienda produttrice conosciuta ed affidabile, per avere la garanzia d’acquisto di un prodotto non solo efficiente, ma anche sicuro da utilizzare e di qualità: una marca rinomata è garanzia di qualità anche nella scelta dei materiali.
Per quanto riguarda la produzione di tostapane verticali, troviamo tra le principali marche Philips, Braun, Russell Hobbs e tutti gli altri brand conosciuti nel settore dei piccoli elettrodomestici da cucina.
Per le tostiere orizzontali consigliamo Tefal, Severin e De’Longhi.
Chi invece preferisse un modello dal design rétro dovrebbe invece orientarsi verso un tostapane Smeg, KitchenAid o, in una fascia di prezzo più bassa, uno appartenente alla linea Vintage di Ariete.

Quanto costa un tostapane?

Il prezzo dei tostapane oscilla da circa 15 fino a oltre 150 €: una variazione davvero considerevole di cui è importante comprendere le ragioni. Spendere poco non significa necessariamente acquistare un prodotto scadente o, al contrario, spendere una cifra alta non assicura il prodotto più soddisfacente in assoluto. Bisogna capire cosa renda un tostapane molto più costoso di un altro. La variazione è dovuta a diversi fattori legati innanzitutto al tipo di materiali utilizzati, ma non solo: sul prezzo finale incidono le funzioni, il design e anche la grandezza stessa del tostapane. Il prezzo è quindi un valore indicativo della tipologia stessa di prodotto che è importante selezionare alla luce delle proprie esigenze e non esclusivamente del costo in modo da non restare delusi dalle prestazioni del tostapane acquistato.

Dove si butta il tostapane?

Gli apparecchi elettrici, compreso il tostapane, non dovrebbero mai essere semplicemente smaltiti nei rifiuti domestici. Da un lato, i rifiuti elettrici contengono spesso metalli preziosi che possono essere riciclati se smaltiti correttamente, dall’altro si protegge l’ambiente dalle sostanze tossiche se si porta il tostapane in disuso al centro di raccolta del proprio comune invece di gettarlo nella spazzatura.
L’isola ecologica non è l’unica opzione: anche i rivenditori specializzati e online sono autorizzati a ritirare i vecchi elettrodomestici anche se non si compra un nuovo tostapane.

Esiste un tostapane senza fili?

Chi ama andare in campeggio è sempre alla ricerca di nuovi strumenti portatili che aumentino il più possibile il proprio comfort. Tra questi rientra sicuramente il tostapane, infatti molti si domandano se esista sul mercato un modello senza fili e quindi ricaricabile. Come è facile immaginare, però, questo prodotto non esiste, dal momento che un tostapane richiede molta energia per poter funzionare correttamente.


Copyright Klikkapromo srl – È vietato ogni sfruttamento non autorizzato

Domande e risposte su Tostapane

  1. Domanda di Maria Zanchi | 19.08.2016 23:30

    Salve,a proposito di tostapane verticale, non so decidermi se sia meglio uno con le pinze o no, e quanto sia +/- utile la griglia scaldapanini. Grazie

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 23.08.2016 09:37

      Dipende dall’uso che intendi fare.
      Le pinze possono essere molto utili se pensi di scaldare toast già farciti.
      La griglia della piastra può scaldare anche vari tipi di panini, focacce farcite e pizzette.
      Per la scelta, potresti osservare anche le modalità di pulizia del tostapane.

  2. Domanda di francesca | 01.05.2016 12:26

    migliore tostiera con piastre intercambiabili anche per waffel

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 02.05.2016 11:21

      La tostiera Domo è un modello professionale con tre piastre intercambiabili, mentre la Princess Compact Pro è un prodotto più semplice, economico e dalle piastre più piccoline.

Il migliore
Ariete Vintage 156

Ariete Vintage 156

Migliore offerta: 64,98€

Il miglior rapporto qualità prezzo
Philips HD2637/90

Philips HD2637/90

Migliore offerta: 49,99€