I migliori conti correnti del 2018

Confronta i migliori conti correnti del 2018 e leggi la nostra guida all'acquisto.

Come scegliere il conto corrente: i fattori decisivi nella scelta

Aprire o cambiare il conto corrente può sembrare un'operazione complicata, con tutti i dettagli che bisogna conoscere prima della sottoscrizione e il notevole volume di informazioni che ogni banca è tenuta a dare ai propri correntisti.
Proprio perché le norme in merito alla trasparenza bancaria sono diventate più rigorose negli ultimi anni, però, gli istituti di credito offrono oggi molti più dettagli sui costi di ciascun prodotto bancario, di conseguenza è diventato molto più semplice comparare le offerte delle diverse banche e individuare il conto corrente più adatto alle proprie esigenze.
Conto corrente sportelloUn'altra tendenza recente, poi, è la corsa ai conti correnti online: sempre più banche, in risposta a un crescente interesse dei clienti, offrono oggi conti correnti interamente gestibili online, senza nessun bisogno di recarsi in filiale per le operazioni ordinarie.
Questa tendenza non si manifesta solo tra gli istituti di credito "storici", ma sono nate e nasceranno anche sempre più banche unicamente online, del tutto prive cioè di una rete di filiali sul territorio italiano.
I conti e le banche online si propongono come notevolmente più economici rispetto alle offerte più tradizionali, ma bisogna conoscere bene il contenuto di ogni proposta per sapere se questa è davvero vantaggiosa per sé.
Se è vero infatti che per le aziende e per gli esercizi commerciali un rapporto diretto con la filiale di riferimento è ancora di fondamentale importanza, per i privati, siano essi single, famiglie o pensionati, un conto "a distanza" può risultare perfettamente soddisfacente a un costo irrisorio.
Vediamo allora quali sono le voci contrattuali, riassunte nel foglio informativo di qualunque conto corrente, cui prestare attenzione nella scelta del vostro nuovo istituto bancario.

Tipo di conto

Nella terminologia bancaria si individuano diverse tipologie di conto corrente in base ai costi e ai servizi relativi a ciascuna proposta. Ognuno di questi tipi, per le sue caratteristiche, è adatto ad una tipologia diversa di correntista, e spesso si incontra una certa sovrapposizione tra la terminologia tecnica bancaria e quella commerciale usata nella pubblicità. Cerchiamo di fare un po' di chiarezza e di spiegare le differenze tra i vari tipi di conto.

Conto corrente di base

Il conto corrente di base è un tipo di conto offerto da tutte le banche allo scopo di favorire la tracciabilità del denaro e l'accesso ai servizi bancari a tutte quelle persone che spesso vi rinunciano per ragioni economiche.
Queste sono le caratteristiche principali del conto corrente di base:

  • Non ha costi di apertura
  • Non ha un canone annuo
  • I correntisti con reddito ISEE inferiore a 8.000 €/anno e i pensionati con pensione inferiore ai 18.000 €/anno non pagano l'imposta di bollo
  • Ha un numero massimo di operazioni effettuabili all'anno, superato il quale si paga la singola operazione
  • Include i servizi di base: versamenti, prelievi, bonifici, addebito utenze, accredito stipendio/pensione, carta di debito (Bancomat)
  • Non include assegni, carte di credito, finanziamenti, deposito titoli e affidamenti

Come è evidente, dunque, si tratta di un conto corrente rivolto a privati dal reddito ridotto e con esigenze bancarie minimali. Sottolineiamo che le operazioni con Bancomat sono illimitate, mentre i bonifici sia in entrata sia in uscita no.

Conto corrente ordinario

Il conto corrente ordinario è IL conto corrente, quello che può comprendere tutti i servizi bancari che desiderate e venire presentato in tantissime formulazioni diverse. La varietà tra i conti correnti ordinari è tanta, di conseguenza sono tanti e diversi anche i profili cui si rivolge. Ci sono quattro tipi principali di conto ordinario:

  • A costo fisso: il canone annuale del conto comprende operazioni illimitate, senza costi aggiuntivi
  • A consumo: non c'è un canone annuale ma si paga ogni singola operazione effettuata
  • Con franchigia: il canone annuo comprende un numero di operazioni gratuite, superato il quale si paga ogni singola operazione
  • A pacchetto: il canone comprende anche altri servizi, ad esempio cassette di sicurezza, assicurazioni, gestione titoli ecc.

Conto corrente online

Il conto corrente online è una evoluzione recente del conto ordinario. Nella maggior parte dei casi è un conto a costo zero, vale a dire senza canone, o tutt'al più a costo fisso. Conto corrente onlineIl conto corrente online tipico offre operazioni online illimitate e operazioni allo sportello a pagamento, e di solito offre anche carte di debito e di credito senza costi aggiuntivi.

Conto deposito

Il conto deposito è un prodotto bancario leggermente diverso dal conto corrente: come suggerisce il nome stesso, si tratta di un conto destinato esclusivamente al deposito di denaro, lasciato in giacenza a maturare interessi (il conto deposito ha infatti un tasso di interesse molto più corposo rispetto a un conto corrente). Le sole operazioni che è possibile fare su un conto deposito sono versamenti e prelievi, tutti gli altri servizi sono esclusi. Si tratta dunque di un conto per la gestione del risparmio: un esempio di uso tipico è l'apertura di conti deposito specifici per i minorenni, su cui i genitori possono versare i primi risparmi per i loro figli.

Vedremo meglio tra poco, parlando dei servizi, quale tipo di conto ordinario si addice di più a ciascun correntista.

Servizi

Ad eccezione del conto di base, che presenta le restrizioni elencate sopra, i servizi associati a un conto corrente sono piuttosto standardizzati.
Il nucleo "di base" include sempre i servizi che vedete elencati nella colonna a sinistra qui sotto: come abbiamo visto l'erogazione di questi servizi può essere illimitata e compresa nel canone annuale, oppure a consumo, oppure a franchigia. Vi sono poi altri servizi che quasi mai sono inclusi nel canone e vengono pagati per singola prestazione, e sono i servizi elencati a destra.

 Servizi di baseServizi a pagamento
PrelieviEmissione assegni
VersamentiEmissione assegni circolari
Bonifici in entrata e uscitaEmissione vaglia bancari
Addebito utenze domesticheIncasso assegni e vaglia
Accredito stipendio/pensione
Estratto conto
Comunicazioni trasparenza bancaria

Un discorso a parte meritano le carte di debito (i Bancomat) e di credito: quasi sempre infatti i conti correnti ordinari includono l'emissione di almeno una carta di debito, spesso anche di una carta di credito, ma questo non è universalmente valido.
Vi sono casi in cui l'attivazione delle carte comporta un canone annuale a parte, per cui è bene non dare per scontato che basti aprire un conto corrente qualunque per avere anche il Bancomat e la carta di credito senza costi aggiuntivi.
Per chiudere la panoramica sui servizi ne menzioniamo altri due che sono praticamente sempre opzionali, e quindi da pagare in aggiunta alle spese ordinarie: l'attivazione del fido e del trading online.Conto corrente trading online
Il fido o affidamento consiste nell'attivazione di una linea di credito da parte della banca che sostanzialmente permette al correntista di andare in rosso fino a un massimo stabilito nel contratto, senza che questo blocchi l'operatività del conto corrente, come altrimenti accadrebbe. Il costo dell'affidamento è determinato da un tasso annuo fisso oltre a una percentuale sugli sconfinamenti.
Con il trading online invece è possibile acquistare e vendere strumenti finanziari online. Gli strumenti finanziari includono sia le azioni quotate in borsa, sia altri prodotti come titoli di stato, obbligazioni, futures ecc.
Il canone per questo servizio può però essere molto salato, nelle nostre ricerche abbiamo trovato esempi anche a 50 € al mese, e l'attività stessa non è priva di rischi in termini di perdita economica.

Conti e correntisti

Dunque, qual è il conto giusto per voi? A seconda del vostro profilo, e senza inoltrarci a parlare dei conti correnti per imprese e commercianti, nella maggior parte dei casi per le vostre necessità andranno bene o i conti correnti di base o quelli ordinari. Il conto di base è perfetto se:

  • Avete un reddito da lavoro o pensione molto basso
  • Fate pochissime operazioni bancarie l'anno
  • Non avete bisogno di carte di credito

Per tutte le esigenze appena più complesse sarà però meglio un conto ordinario. Abbiamo detto che le offerte sono infinite e i servizi inclusi anche, quindi proviamo a tracciare a grandi linee tre profili di correntisti e vediamo cosa potrebbe servire loro.

 GiovaniSingleFamiglie
Addebito utenzeAccredito stipendioAccredito stipendio
Bonifici entrata/uscitaAddebito utenzeAddebito utenze
Bancomat/carta prepagataBonifici entrata/uscitaAddebito rate mutuo
Online bankingBancomatBonifici entrata/uscita
Carta di creditoBancomat multipli
Online bankingCarte di credito multiple
Ev. gestione titoliEv. gestione titoli
Ev. affidamento

Conto corrente per studentiCominciamo col profilo del correntista giovane: si intende normalmente per "giovane" una persona tipicamente al di sotto dei 26 anni, impegnata negli studi universitari e non ancora lavoratrice.
A questo tipo di profilo serve un conto corrente per la gestione delle spese fuori sede, quindi per il pagamento dell'affitto ed eventuali utenze correlate, per la ricezione dei fondi di una borsa di studio o della diaria dai genitori, per pagare la retta e per poter prelevare agli sportelli Bancomat.
Trattandosi inoltre di persone giovani, la possibilità di gestire il conto interamente online e/o da smartphone è di fondamentale rilevanza. I conti correnti indirizzati ai giovani sono in molti casi ad operatività ridotta e a canone zero.
Conto corrente per singlePer le persone autosufficienti, che vivono da sole o che comunque scelgono di mantenere un conto corrente individuale, le necessità sono leggermente più complesse. Subentra infatti il bisogno di una maggiore libertà nella gestione del conto, soddisfatta non soltanto dalla possibilità di effettuare tutte le operazioni online, ma anche dall'avere appunto operatività illimitata, almeno per quanto riguarda i bonifici, le operazioni con Bancomat e gli addebiti/accrediti diretti in conto.
Chi vive da solo è in molti casi anche un buon risparmiatore, non incorrendo nelle considerevoli spese di un nucleo famigliare, per cui è importante che un conto corrente per questo tipo di profilo preveda anche la possibilità di gestire dei titoli di risparmio.
Conto corrente per famiglieInfine, il terzo profilo è naturalmente quello del nucleo famigliare: in questo caso le necessità sono particolarmente complesse poiché i conti cointestati per la gestione dei risparmi famigliari sono generalmente molto attivi.
Basti pensare ad esempio che essi ricevono non uno, ma due stipendi in accredito automatico, oltre a tutti gli addebiti delle utenze domestiche e personali dei componenti del nucleo famigliare.
Sul conto di famiglia possono appoggiarsi anche le rate di un eventuale mutuo, e in molti casi possono essere compresi almeno due Bancomat e fino a due carte di credito.
Difficilmente un conto "per famiglie" sarà a costo zero, ma l'operatività illimitata, la possibilità di richiedere un affidamento per coprirsi le spalle in caso di spese impreviste e di gestire anche dei titoli di risparmio valgono il prezzo del canone annuo.

Costi

Del costo di un conto corrente abbiamo finora parlato solamente in termini generici, senza scendere nello specifico del loro ammontare esatto. Fatta la dovuta premessa che i costi possono variare sensibilmente da istituto a istituto, possiamo fare una distinzione tra costi fissi e costi variabili.
I costi fissi si riducono sostanzialmente a due voci:

  • Canone annuo: è il canone dovuto alla banca per la gestione del conto corrente. La variabilità in questo caso è enorme, e va da 0 a oltre 100 € l'anno a seconda dell'istituto di credito e dei servizi inclusi nel conto corrente
  • Imposta di bollo: l'imposta di bollo è una tassa su tutti i conti correnti, per cui il suo importo è uguale per tutti i conti. Si tratta di 34,20 € che possono essere pagati a rate o una volta l'anno, e che non sono dovuti qualora la vostra giacenza media in conto corrente sia inferiore a 5.000 €

Abbiamo già detto che il canone può comprendere un numero variabile di operazioni l'anno, per questo è importante sapere quanto costino le singole operazioni che non sono incluse nel canone. Questo tipo di informazioni si trova sui fogli informativi che vi vengono consegnati in filiale prima della sottoscrizione del conto corrente oppure, se aprite il conto online, troverete sempre un link che vi permetterà di scaricare e consultare il documento.
I costi per le operazioni fuori canone non sono omogenei tra gli istituti di credito, anzi la variabilità può essere molto significativa. Cerchiamo allora di illustrare almeno a grandi linee di che genere di cifre stiamo parlando.

Singole operazioni

Sia che il canone del vostro conto includa operazioni "illimitate" sia che abbia un tetto massimo di operazioni annue, vi sono in ogni caso alcuni tipi di operazioni che produrranno sempre l'addebito di un costo in conto corrente. Conto corrente assegniSi tratta di operazioni effettuate perlopiù allo sportello, che risultano in molti casi gratuite se effettuate online. L'elenco è lungo, noi ci occupiamo solamente delle operazioni più comuni:

  • Bonifici allo sportello: da 1 a 5 €
  • Bonifici telefonici: da 1 a 5 €
  • Rilascio libretto assegni: da 0 a 3 €
  • Emissione assegni circolari: da 1 a 2 €
  • Imposta di bollo su assegni di qualunque tipo: costo fisso 1,50 €

Com'è evidente, dunque, questi costi sono particolarmente rilevanti per chi fa ampio uso dell'assegno come strumento di pagamento e incasso.

Carte di debito e credito

Sul conto corrente si possono appoggiare anche le carte di pagamento, siano esse di debito (il classico Bancomat) o di credito. La differenza tra i due tipi di carte è semplice: mentre spese e prelievi con Bancomat vengono immediatamente addebitate sul conto corrente, le spese e prelevamenti con carta di credito vengono addebitati in conto il mese successivo.
Conto corrente carta di creditoLa richiesta, attivazione e gestione annuale della carta Bancomat è inclusa nel canone annuale del conto corrente, con pochissime eccezioni, mentre la carta di credito in qualche caso può essere esclusa.
Chi la desidera deve in questi casi sostenere un canone annuale aggiuntivo per questo servizio: una carta di credito di base, con plafond (ovvero il limite di spesa mensile) piuttosto basso, ha un canone annuo di circa 25 €. La quota annuale sale con l'innalzamento del plafond.
Questi sono i massimali indicativi per le carte di pagamento più comuni:

Carte di credito
Massimale prelievo giornaliero250-500 €
Limite di spesa mensile750-1.500 €
Carte di debito
Massimale prelievo giornaliero500 €
Massimale prelievo mensile1.500 €
Limite di spesa giornaliero1.500 €
Limite di spesa mensile1.500 €

Chiusura conto

Infine vogliamo ricordare che, a termini di legge, la chiusura del conto corrente deve essere gratuita: la banca non può cioè farvi pagare una quota per la cessazione del rapporto. Raccomandiamo comunque di leggere bene tutti i fogli informativi prima di aprire il conto e di chiedere spiegazioni per qualunque voce di costo vi risulti poco chiara.

Domande e risposte su Conto corrente

  1. -5
    Domanda di ARMANDO | 7 novembre 2016 at 09:12

    Vorrei sapere se si può fare online.

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 7 novembre 2016 at 09:40

      Tutti i conti correnti che abbiamo selezionato si possono aprire online, anzi in molti casi è l’unica possibilità. Per farlo basta cliccare su “Vai al servizio”.

"Conto corrente": hai dubbi? Facci una domanda!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!
Ogni settimana informazioni preziose sui migliori prodotti ai migliori prezzi sul mercato. Inserisci la tua email qui sotto e clicca su iscriviti!