I migliori notebook del 2022

Confronta i migliori notebook del 2022 e leggi la nostra guida all'acquisto.

Euronics
2.358,90 €
Amazon
469,00 €
Asgoodasnew
1.145,00 €
Mondoshop
953,93 €
Amazon
349,90 €
Asgoodasnew
2.361,00 €
Market2go
571,77 €
Mondoshop
1.261,22 €
informatica2008
983,00 €
Galagross
480,52 €
informatica2008
2.363,00 €
Showprice
669,86 €
informatica2008
1.263,00 €
Tehman
994,00 €
A & G Store
2.363,00 €
BEST DIGIT
669,99 €
Bpm power
1.316,66 €
Bpm power
994,56 €
Amazon
2.885,00 €
onlinestore
743,89 €
Amazon
1.492,00 €
Amazon
1.009,00 €

Chipset

Apple M1 Pro

AMD A4

Apple M2

Apple M1

AMD Ryzen 3 3250U

Core processore

Deca-core

Dual-core

Octa-core

Octa-core

Dual-core

Frequenza max processore

n.d.

2,6 GHz

n.d.

3,8 GHz

3,5 GHz

Tipo RAM

n.d.

DDR4-SDRAM

n.d.

LPDDR4X

DDR4-SDRAM

RAM

16 GB

8 GB

8 GB

8 GB

8 GB

Scheda grafica

Apple GPU 16-core

AMD Radeon R3

Apple GPU 10-core

Apple GPU 7-core

AMD Radeon Graphics

Memoria video

0 GB

n.d.

0 GB

0 GB

n.d.

Memoria SSD

1.000 GB

500 GB

256 GB

256 GB

256 GB

Memoria HDD

0 GB

0 GB

0 GB

0 GB

n.d.

Giri HDD

n.d.

n.d.

n.d.

n.d.

n.d.

Lettori

Schede SD, Impronte digitali

Schede SD, DVD/Bluray

n.d.

Impronte digitali

Schede SD

Porte audio/video

HDMI, DisplayPort, Jack 3,5 mm, Thunderbolt 4, MagSafe 3

HDMI

Thunderbolt 3, Thunderbolt 4

DisplayPort, Jack 3,5 mm, Thunderbolt 3

AUX, HDMI 1.4

Porte USB 2.0

0

1

0

0

1

Porte USB 3.0

0

2

0

0

2

Porte USB 3.1

0

n.d.

0

0

n.d.

Porte USB 3.2

0

n.d.

1

1

n.d.

Porte USB 4

1

n.d.

1

0

n.d.

Standard Wi-Fi

Wi-Fi 6

Wi-Fi 4

Wi-Fi 6

Wi-Fi 5

Wi-Fi 5

Versione Bluetooth

5.0

4.1

5.0

5.0

5.0

Tipo display

IPS

n.d.

IPS

IPS

TN

Diagonale display

16,2 ''

15,6 ''

13 ''

13 ''

15,6 ''

Risoluzione schermo

3.456 x 2.234 px

HD

2.560 x 1.600 px

2.560 x 1.600 px

Full HD

Refresh rate massimo

120 Hz

n.d.

60 Hz

60 Hz

60 Hz

Sistema operativo

MacOS Monterey

Windows 10 Home S

MacOS

MacOS Big Sur

Windows 10 Home

Autonomia max batteria

21 h

5 h

20 h

18 h

6 h

Certificazioni

Energy Star

Energy Star

Energy Star

Energy Star

n.d.

Dimensioni

1,55 x 31,26 x 22,12 cm

37,6 x 24,6 x 2,25 cm

n.d.

1,61 x 30,41 x 21,24 cm

36,2 x 25,2 x 2 cm

Peso

2,1 kg

1,78 kg

1,4 kg

1,29 kg

1,85 kg

Punti forti

Estremamente rapido e potente

Lettore ottico e masterizzatore CD/DVD

Potenza di calcolo

Leggero e compatto

Ottimo prezzo

Autonomia, velocità migliorate

Tutti i programmi preinstallati

Autonomia della batteria

Nuovo processore M1 rapido e potente

Schermo antiriflesso

Prodotto con alluminio "carbon-free"

Touch Bar con sensore Touch ID integrato

Webcam e altoparlanti stereo

Schermo ampio e di alta qualità

Silenzioso

Memoria espandibile

Ottimo audio

Standard connettività recenti

Punti deboli

Prezzo molto elevato

Batteria non estraibile

Software non sempre compatibile con le app meno recenti

Chip grafico integrato

Minore potenza rispetto a Macbook Pro con Chip Apple M1 Max

CPU poco performante

Manca porta Ethernet

Prestazioni vicine al MacBook da 14"

Manca USB-A

Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa

Come scegliere il notebook

Scegliere quale computer portatile comprare è una decisione che vi porterete dietro almeno sei anni, tanto è la durata media di un laptop. Si tratta di una spesa minima di qualche centinaio di Euro, anche se il prezzo dei notebook varia molto in base alle potenzialità di ciascun modello. In questa guida all’acquisto vi parleremo dei fattori che dovreste tenere in considerazione prima di decidere quale notebook comprare e delle odierne alternative all’acquisto di un laptop (tablet e smartphone), in base alle vostre esigenze lavorative e al vostro budget.notebook

Quale notebook scegliere in base alle esigenze

Le aziende che producono notebook creano i computer tenendo in considerazione i principali usi che il pubblico potrebbe farne, che riassumiamo in questo schema e spiegheremo meglio nei paragrafi che seguono.

Quale notebook scegliereNavigazione/didattica
La prima utenza è rappresentata da coloro che studiano via computer (didattica a distanza, DAD), che per uso personale eseguono per lo più applicazioni non impegnative e il salvataggio di file su cloud. I software più frequentemente usati sono il browser Internet (Chrome, Safari, Firefox, ecc.), quelli per le videochiamate, lo streaming YouTube in HD e il pacchetto software per creare e modificare fogli di calcolo e documenti di testo, ad esempio Microsoft Office nei PC Windows. Non c’è bisogno di molta memoria per salvare i file, la batteria può avere autonomia limitata, la potenza necessaria è minima. In questi casi potrebbe essere sufficiente addirittura una spesa di solo 300 € circa per l’acquisto di un tablet o addirittura uno smartphone, ma comprando un notebook si ottiene un computer portatile più longevo. Anche a studenti universitari che non dovessero avere l’esigenza di installare particolari programmi, come quelli della facoltà di Farmacia, può bastare semplicemente questo tipo di laptop, che è il più economico. In quest’ottica il mercato ha creato i netbook, i notebook economici e i Chromebook.Università telematica notebook

Produttività
Quando il notebook viene usato per lavoro si hanno bisogni maggiori e il budget si alza. Nello specifico, pensiamo a liberi professionisti, lavoratori da remoto ecc. I software più frequentemente usati nei computer portatili per la produttività sono tutti i precedenti, le chiamate avverranno anche con 30 utenti collegati, più ci sono i programmi utili per creare presentazioni formali e quelli per guardare video in alta risoluzione in streaming, stile cinema. I tablet di oggi sono sempre più potenti e adatti anche per l’uso in ambito lavorativo, per cui vale la pena farci un pensiero. Il prezzo di questi dispositivi si aggira sui 1.300 € e arriva anche ai 2.000 €. 

Multimediale e gaming
Quando l’uso professionale riguarda ritocco foto, audio e video, e rendering in generale, la spesa cresce. Quale notebook comprare a uno studente universitario di facoltà come Architettura, Informatica o Arti Multimediali (fotografia, animazione 3D, videoproduzione)? Scegliere un laptop economico significa sprecare i vostri soldi. Idem se l’uso riguarda il gaming, dato che i videogiochi stressano molto le macchine, dovendo elaborare grafica fotorealistica in 3D in tempo reale. Tra i software tipici usati da questi utenti elenchiamo tutti i precedenti, più quelli impegnativi, come ad esempio Archicad, AutoCAD, Adobe Photoshop. Questi richiedono potenza e prestazioni tali da rappresentare la nicchia di specializzazione di alcuni produttori, come Apple e Alienware (acquisita da Dell nel 2006), o da dare vita a linee specifiche, come la Predator di Acer. Il prezzo di un computer per gaming arriva anche a superare i 4.000 €. Bisogna dire che il mercato dei tablet sta crescendo per arrivare anche a questo tipo di utenza, basti pensare che esistono tablet con diagonale tra gli 8 e i 13″, con chip sempre più prestanti e l’autonomia della batteria è arrivata alle 7-10 ore, con una ricarica rapida del 50% in circa mezz’ora.Notebook Gaming
Prendiamo ora in esame un fattore soggettivo: il design del portatile.

Design

Il design non è soltanto un fattore di eleganza e gradevolezza del computer portatile. Alcuni notebook offrono particolari caratteristiche che possono renderli sia più funzionali per determinate nicchie di utenti che inutilmente più costosi per coloro che non sarebbero interessati a quelle particolarità. Vediamo allora le caratteristiche di design da esaminare prima di scegliere quale notebook comprare.

Notebook-tablet
Nei notebook-tablet, o portatili convertibili, la cerniera su cui si piega il laptop arriva a un angolo di 360°, con il pieno ribaltamento del portatile.

Notebook convertibileComunemente vengono indicati come 2-in-1 o laptop ibridi e consigliati a chi ritiene indispensabile avere lo schermo touch sul suo portatile, come chi disegna o usa parecchio il pennino. Forse per alcuni utenti sarà invece sufficiente comprare a minor prezzo un tablet, magari insieme a una tastiera wireless

2-in-1 staccabile
Come quelli appena visti, sono notebook-tablet, ma schermo e tastiera possono essere completamente staccati e usati autonomamente. Possono essere intesi come tablet (schermo touch), con capacità multitasking e tastiera ai livelli dei computer portatili. L’anno della pandemia il mercato di questi laptop ha visto il suo boom, con grandi guadagni per le aziende, come Lenovo. L’acquisto è consigliato a chi potrebbe essere felice in certi casi di lasciare la tastiera a casa ed è certo che un tablet normale non sarebbe abbastanza potente per i propri bisogni. Ad ogni modo, è utile anche valutare l’acquisto di un Tablet Windows di Microsoft.Notebook 2-in-1 staccabile Microsoft Surface

Ultrabook
Ultrabook è un termine inventato e registrato da Intel negli anni 2010 per identificare un laptop sottile 20 mm, con display di almeno 14″ e batteria dalla durata di almeno 6 ore di riproduzione video HD. Al giorno d’oggi ha assunto il significato comune di portatile ad alta potenza ultraleggero, ma con il progresso della nanotecnologia non è più identificativo di un particolare notebook.

Pieghevole
I computer portatili pieghevoli sono stati introdotti nel mercato a partire dal 2020 per avere in un unico prodotto un notebook, uno schermo touch e un tablet:

  • Notebook: quando poggiati “a L” sulla scrivania, per cui è possibile usare metà dello schermo touch per digitare, anche con il pennino, e l’altra metà come schermo;
  • Monitor: quando mantenuto in piena apertura grazie a un supporto; volendo si può collegare una tastiera Bluetooth;
  • Tablet: quando tenuto aperto, ad esempio seduti sul divano mentre lo usiamo in modalità touch o con il pennino per disegnare.

Notebook pieghevole

Capacità di raffreddamento
Anch’essa dipende dal design, oltre che dal numero di ventole in dotazione, e diventa vitale per l’uso multimediale che mette a dura prova la capacità di calcolo del notebook, scaldandolo parecchio.

Portabilità
Se viaggiate molto, un computer portatile troppo ingombrante potrebbe essere scomodo da trasportare tutti i giorni. Se invece passate molto tempo a casa o non spostate mai il computer se non alla casa al mare, allora potreste orientarvi su qualsiasi modello, anche di dimensioni notevoli. Se gli spostamenti sono effettivamente giornalieri e il notebook ha un certo prezzo, evitate a tutti i costi gli urti e dotatevi anche di uno zaino da PC, pensato appositamente per proteggere questi dispositivi.

Peso
Controllate l’effettivo peso del dispositivo, magari visionandolo dal vivo in negozio o leggendo bene la scheda tecnica del computer portatile. Per capire meglio il peso non basatevi solo sui grammi, ma magari confrontatelo con oggetti simili, come tablet, libri o altri portatili che avete in casa. Scordatevi di avere estrema leggerezza in un portatile destinato all’uso multimediale.

Materiali
Tra i materiali utilizzati per l’assemblaggio di un notebook figurano per lo più plastica e vetro, oltre alla circuiteria interna. I portatili più costosi presentano uno chassis in alluminio, una scelta che favorisce una più efficace dispersione del calore, offrendo al contempo un involucro più resistente agli urti. Alcune aziende attente all’ambiente prediligono materiali riciclati, soprattutto nel caso di quelli altamente inquinanti, fino a raggiungere il 100% del materiale costitutivo del portatile, il che ci porta a proseguire con una riflessione sulla sostenibilità dei notebook.

Sostenibilità

Sono gli studi del European Environmental Bureau (EEB) che hanno stimato essere di 6 anni la vita media di un notebook e la causa principale di questo limite è l’obsolescenza programmata. Fino ad anni recenti, i produttori si sono scarsamente impegnati a rendere i computer portatili duraturi, perché l’acquisto ricorrente rappresentava per loro una fonte di guadagno importante. Oggi quasi tutte le aziende si dicono attente alla sostenibilità, si impegnano nell’allungamento della vita media dei notebook e nel rendere facile la riparazione delle componenti chiave che si rompono strada facendo, come lo schermo. Questo perché la produzione continua di nuovi laptop per sostituire quelli vecchi nuoce alle tasche dei consumatori, ma contribuisce anche all’esaurimento delle risorse naturali non rinnovabili (terre rare) e al cambiamento climatico. notebook sostenibilità ambientaleNelle nostre valutazioni teniamo in considerazione la presenza o meno delle seguenti certificazioni internazionali di sostenibilità:

  • Certificazione TCO per la sostenibilità sociale e ambientale del computer portatile, emessa dall’ente svizzero leader nella sostenibilità dei prodotti IT, TCO development, a norma ISO 14024;
  • Certificazione Energy Star per l’alta efficienza energetica, messa in campo dall’Agenzia per la protezione ambientale e dal Dipartimento dell’energia degli Stati Uniti, verificata da enti indipendenti autorizzati.

Sistema operativo

Il software che troverete ad animare il vostro notebook è il sistema operativo e si caratterizza per facilità d’installazione, intuitività di uso e compatibilità con i software più comuni, come i driver delle stampanti
Solitamente è uno dei seguenti, in ordine di popolarità:

  • Windows di Microsoft;
  • macOS di Apple, non sempre compatibile con tutti i programmi;
  • ChromeOS di Google.

Tutti questi sono potenzialmente validi per tutte le fasce d’utenza. Alcuni utenti, soprattutto professionisti del settore informatico, prediligono invece Linux, sistema operativo open source con oltre 600 distribuzioni, le più comuni delle quali sono Ubuntu, Debian e CentOS. In particolare, Linux è l’unico sconsigliabile a utenti inesperti, perché è quello più penalizzante per semplicità d’installazione, uso e compatibilità con software comuni.

Aggiornamenti software

Per quel che riguarda gli aggiornamenti, il sistema operativo occupa sempre più spazio negli anni, da qui l’importanza della memoria di archiviazione, che vedremo più avanti. Google si impegna a fornire aggiornamenti per ChromeOS per 9 anni, Apple solitamente 7-10 anni.
Microsoft rilascia una nuova versione di Windows approssimativamente ogni 3 anni, anche se Windows 10 è uscito nel 2015 e Windows 11 nel 2021. Con Microsoft è possibile avere una versione del sistema operativo per la produttività (Professional) e una per l’uso casalingo (Home). All’uscita di Windows 11, non tutti i PC Windows sono stati in grado di aggiornare il sistema operativo, perché l’aggiornamento da una versione alla successiva è possibile solo se l’hardware riesce a gestire l’impegnativo salto anche in termini di prestazioni, che cerchiamo di comprendere meglio nel primo fattore della nostra valutazione.

1. Prestazioni

Il primo fattore da considerare nell’acquisto di un nuovo notebook è quello relativo alle prestazioni, che in sostanza vengono condizionate totalmente da potenza, velocità (che incidono sulla longevità) e batteria.
Parliamo di potenza come capacità di calcolo e di velocità intesa nell’eseguire programmi e comandi, come anche la possibilità di eseguire fluidamente più compiti in contemporanea (multitasking). Questi due fattori vengono totalmente influenzati da processore e memoria RAM. Riguardo alla batteria, una lunga autonomia e una ricarica rapida possono consentirci di spendere la giornata in produttività senza collegare il notebook alla corrente o a una powerbank, oppure di ricaricare la batteria sfruttando le nostre pause per attaccarlo alla corrente. 

Processore

Anche chiamato CPU (Central Processing Unit), il processore è il cuore pulsante del computer, l’unità che si occupa di eseguire ogni operazione attingendo alle risorse proprie e dell’hardware circostante.
Elenchiamo almeno due caratteristiche del processore che troverete sempre menzionate nelle specifiche tecniche di un notebook e che possono essere importanti a seconda dell’uso che dovete fare del vostro computer: il numero di “core” del processore e la sua frequenza massima espressa in GHz.Notebook processore

Core
Oggi la CPU è composta da più chip accorpati in un unico insieme, ognuno dei quali è chiamato “core” (nucleo) e comunica con gli altri per eseguire ogni operazione il più velocemente possibile.
L’utilità di avere un processore con tanti core è relativa: per la navigazione e la didattica un processore Dual Core non è soltanto sufficiente, ma spesso più veloce ed efficiente rispetto ad un Quad Core, mentre quest’ultimo è particolarmente utile per l’uso multimediale del notebook. Da alcuni anni si è diffuso l’Octa Core.
Vanno inoltre distinti i core fisici e quelli logici: i primi sono componenti hardware effettivamente presenti nel processore, mentre i secondi sono sostanzialmente digitali. Grazie alla tecnologia Hyper-Threading, infatti, un processore può duplicare virtualmente una o più unità di elaborazione, a cui vengono assegnati compiti diversi, anche detti thread. Molti computer portatili moderni, soprattutto quelli pensati per il gaming, sfruttano questa tecnologia fino a offrire anche 32 core logici a fronte di 16 core fisici.

Frequenza
Chiamata in inglese clock speed o clock rate, la frequenza è la misura dei cicli al secondo che il processore è in grado di compiere. È un’unità di misura della velocità di calcolo in piena regola, espressa solitamente in GHz: più è elevato il valore in GHz, più il processore è veloce nell’eseguire le operazioni.
Va però detto che la velocità del processore non è il più determinante dei fattori che influenzano la performance del computer, soprattutto se si confrontano modelli con processori di base: a parità di tutte le altre specifiche di sistema, infatti, la differenza in velocità tra un processore ad esempio da 1,3 GHz e uno da 1,5 GHz è impercettibile all’utente medio. Le cose cambiano invece quando si cerca un notebook molto performante per uso multimediale e gaming, dato che in questo caso sarà fondamentale cercare un modello che offra una velocità di almeno 3,6 GHz, arrivando anche ai 5,1 GHz. Va notato inoltre che molto spesso la clock rate di un processore viene indicata con due diversi valori: questo è dovuto alla possibilità di utilizzare una modalità Turbo per i processi più complessi, per cui la CPU utilizzerà una maggiore quantità di energia, aumentando contemporaneamente i cicli compiuti ogni secondo.

RAM

La RAM (Random Access Memory) è la memoria ad uso temporaneo utilizzata dal processore come deposito di informazioni necessarie ad eseguire ogni operazione. Sulla RAM le informazioni vengono scritte per esserne estratte rapidamente, senza che rimangano salvate in modo permanente. Anche per quanto riguarda la RAM, le informazioni che troverete specificate tra le caratteristiche tecniche di un notebook sono la capacità dell’unità di memoria e la velocità con cui i dati possono essere scritti o estratti.Notebook memoria RAM

Capacità
È espressa in GB (gigabyte) e determina il numero e la complessità dei dati che possono essere scritti temporaneamente su questa unità di memoria. La quantità di RAM è il principale fattore che determina le prestazioni del sistema, di conseguenza è facile intuire che più RAM il sistema ha a disposizione, più veloce sarà nell’eseguire le operazioni.
Per l’utente medio, che non usa programmi professionali o videogiochi di ultima generazione, 8 GB di RAM sono più che sufficienti per avere prestazioni fluide. Va tuttavia notato che per ottenere prestazioni adatte a software di grafica o di videoediting, così come al gaming, è preferibile orientarsi su modelli che offrano 16-32 GB di RAM. È inoltre consigliabile verificare quale sia la capacità di RAM massima supportata dal proprio computer, nel caso in cui si volesse ampliarla per migliorare le prestazioni generali del notebook. Oggi si trovano ancora in vendita laptop con RAM di 4 GB, ma ne sconsigliamo l’acquisto non essendo computer portatili particolarmente performanti.Notebook schermo 17 pollici

Velocità
La velocità della RAM è un compromesso tra due ulteriori caratteristiche, la frequenza e la latenza:

  • Frequenza: espressa in MHz, rappresenta la quantità di dati che possono essere scritti o estratti sulla RAM al secondo. Più alto il valore, maggiore la quantità di dati scritti o estratti al secondo;
  • Latenza: viene normalmente indicata con la sigla CL seguita da un numero, che rappresenta il tempo (in nanosecondi) tra il momento in cui la RAM riceve l’istruzione di estrarre un dato memorizzato e il momento in cui il dato viene effettivamente richiamato. Più basso il numero di CL, quindi, più veloce la risposta della RAM.

Il rapporto tra queste due grandezze è diretto: una maggiore frequenza comporta una maggiore latenza, cosicché i due fattori tendono a bilanciarsi a vicenda. Le differenze in velocità tra un banco RAM ad alta frequenza (3.000 MHz) e uno a frequenza inferiore (1.088 MHz) sono meno significative di quanto ci si potrebbe aspettare, e la velocità della RAM non risulta essere la caratteristica che determina maggiormente le prestazioni complessive del sistema.

Batteria

La batteria del vostro portatile sarà indicata in milliampere/ora (mAh) come capacità, mentre l’autonomia viene indicata in ore in relazione al tipo di uso che viene fatto del notebook, ma non sempre i dati forniti dai produttori risultano attendibili. Spesso queste autodichiarazioni vengono smentite dai risultati nei test tecnici effettuati dalle riviste specializzate. I tempi di ricarica, invece, sono così come indicati dai produttori.

2. Schede

Il secondo fattore che dovreste considerare nella scelta del notebook è quello relativo alle schede in esso montate. Tutti i sistemi hanno una scheda madre che ospita processore e RAM, quello che cambia è la presenza di una scheda video integrata o separata, una differenza che per alcuni utenti può determinare un significativa salto a livello di prestazioni. Vediamo le caratteristiche di ciascuno dei due tipi di scheda video.Notebook scheda video

Scheda integrata

Per eseguire le sue mansioni, il processore grafico (GPU) integrato si appoggia alla stessa RAM utilizzata dalla CPU. Questa soluzione è comunque più che sufficiente per le esigenze dell’utilizzatore medio, anche qualora volesse fruire di film e videogiochi in HD, se la RAM di sistema è di almeno 8 GB.

Scheda video indipendente

I notebook più costosi prevedono spesso una scheda grafica distinta dalla scheda madre, su cui è alloggiato il processore grafico insieme a un banco RAM interamente dedicato. In questo modo il processore grafico non “ruba” la RAM di sistema, ma opera in totale autonomia, senza appesantire i processi della CPU. Lavoratori professionisti del settore multimediale e gamer dovrebbero optare per questa scelta. Come la CPU, anche il processore grafico guadagna in velocità quanta più RAM ha a disposizione per operare: una scheda video con 8 GB di RAM è ampiamente sufficiente per utilizzare la maggior parte dei programmi di grafica professionale su monitor Full HD, mentre per eseguire i videogiochi di ultima generazione, a risoluzione superiore al Full HD, può essere più indicata una RAM video da 16 GB.
La tipologia di RAM dedicata influisce sulle prestazioni: le più aggiornate sono le GDDR5, GDDR5x e la GDDR6. L’architettura di quest’ultima ottimizza l’uso dei bus a disposizione, a fronte dello stesso consumo elettrico.

Scheda audio

Una menzione va fatta anche alle schede audio, solitamente un elemento fondamentale da considerare per tutti coloro che lavorano con file musicali in alta qualità, dai DJ ai produttori. Anche queste possono essere interne o esterne, collegate al PC portatile tramite USB, e sono particolarmente utili per chi cerca un modo per collegare al proprio PC impianti Hi-Fi esterni, casse, amplificatori o microfoni.

3. Archiviazione

Un ulteriore fattore da valutare nella scelta di un notebook è quello relativo alla memoria di archiviazione del sistema, anche se la direzione del mercato è quella di spingere l’utente all’uso dei cloud per salvare file come fogli di calcolo, documenti di testo, immagini e video. Resta il fatto che la memoria è il supporto fisico su cui vengono installati il sistema operativo, i programmi utili e i relativi pacchetti di aggiornamento che scaricherete per tutto l’arco di vita del vostro notebook e che possono pesare anche qualche Gigabyte l’uno. Per quanto concerne la memoria, ecco le caratteristiche principali di cui tenere conto.Notebook archiviazione

Dimensioni

Trattandosi di un archivio, la capienza della memoria fissa è il fattore più importante da considerare. Essa è espressa in GB (Gigabyte) o nel suo multiplo TB (Terabyte) e, naturalmente, più è elevato il numero, più capiente è la memoria. Windows 11 ha un ingombro di circa 18 GB, ma se avete comprato un notebook dotato di Windows 10 vi sarete trovati a non poter aggiornare il sistema operativo, a meno che non siate riusciti a ricavare 64 GB di memoria. Vediamo quanto spazio di memoria indicativamente è necessario per i diversi usi di un notebook:

  • Per la navigazione su Internet e DAD, indicativamente una memoria da 64 GB può risultare idonea a ospitare sistema operativo, programmi più generici e documenti e foto leggeri salvati;
  • Nel caso della produttività, 256 GB sono una buona scelta, ma maggiore spazio, maggiore archiviazione;
  • Per l’uso professionale in ambito multimediale o gaming è necessaria una memoria più capiente, fino a 1 TB o più.

Tipologia

Sono tre le tipologie di memoria fissa disponibili al momento: HDD (Hard Disk Drive, il disco rigido di vecchia generazione), SSD (Solid State Drive, la memoria flash fissa di più recente introduzione) e le eMMC, cioè le schedine di memoria dei dispositivi più elementari e compatti. Tutte e tre hanno punti di forza e di debolezza di cui tenere conto: vediamoli insieme.

SSD
La tecnologia SSD (Solid State Drive) ha sostituito i vecchi dischi rigidi; è una memoria flash fissa diventata lo standard sulla maggior parte dei notebook in commercio. Le memorie SSD non contengono parti meccaniche, ma si avvalgono piuttosto di circuiti integrati per la lettura e scrittura dei dati sui semiconduttori di cui la memoria è composta. Di conseguenza, c’è una serie di vantaggi:

  • Velocità: la velocità di lettura e scrittura è molto elevata, tra i 200 e i 300 Mbps;
  • Peso: la memoria SSD è molto leggera, pesa mediamente meno di 100 grammi;
  • Robustezza: non avendo parti meccaniche, la memoria SSD resiste bene a urti e vibrazioni;
  • Silenziosità: l’assenza di parti meccaniche fa sì che la memoria SSD non produca praticamente nessun rumore.

Notebook SSD

HDD
Questa tecnologia è sostanzialmente la stessa dagli albori dell’informatica, e consiste in un vero e proprio disco magnetico su cui i dati vengono scritti attraverso un braccio meccanico dotato di testina di scrittura e lettura. Si tratta di una tecnologia che sta scomparendo, surclassata dalle nuove memorie a stato solido, ma è ancora possibile trovare HDD molto capienti installati su sistemi ad alte prestazioni come ulteriore risorsa di archiviazione.
I vantaggi di questa tecnologie sono:

  • Capacità: gli HDD possono contenere anche più di 2 TB di dati;
  • Prezzo: ormai perfino per gli HDD più grandi costano molto poco.

Gli svantaggi invece sono:

  • Fragilità: sensibili a urti e vibrazioni a causa delle parti meccaniche interne;
  • Peso: un HDD pesa tra i 500 e i 700 grammi;
  • Rumorosità: a causa delle parti meccaniche, gli HDD producono rumore che può aumentare con l’uso;
  • Velocità: la velocità di scrittura e lettura di un HDD può andare dai 50 ai 150 Mbps circa, in funzione anche dei giri al minuto del disco (5400 o 7200).

Notebook HDD

eMMC
Sono anche disponibili alcuni notebook con memoria eMMC: si tratta di una tipologia di memoria solitamente utilizzata per i dispositivi di prezzo molto basso. La tecnologia MMC, Multi-Media Card, è molto simile a quella delle memorie SSD, quindi anche in questo caso non si tratta di dischi meccanici. La “e” davanti a MMC significa “embedded”, ovvero “incorporata”, perché queste memorie sono attaccate con del materiale plastico alla CPU e non possono essere modificate. Vengono installate su notebook semplici non particolarmente potenti, ad esempio sui Chromebook, che hanno funzionalità limitate e si appoggiano alla rete per salvare praticamente tutti i dati, e ovviamente sui dispositivi di formato ancora più piccolo come tablet e smartphone.
I vantaggi di queste memorie sono:

  • Sono generalmente memorie dalla tecnologia moderna e di buona qualità;
  • Sono veloci, fino a 40 MB al secondo su file di piccole dimensioni;
  • Sono molto piccole a livello hardware;
  • Sono resistenti agli urti.

Gli svantaggi invece sono:

  • Sono incassate sulla scheda madre, quindi non potrete cambiarle in seguito;
  • Non adatte alla produttività e al gaming, vista la lentezza su file grandi;
  • Non particolarmente capienti.Notebook memoria eMMC

4. Connettività

Un altro fattore importante per stabilire quale notebook comprare è il ventaglio di porte, ingressi e uscite di cui il computer è dotato, la presenza o meno di lettori ottici, le possibilità di connetterlo ad altri device senza fili. Vediamo della presenza di quali porte e lettori dovrete sincerarvi nella scelta del vostro computer portatile.

Porte

È importante considerare sia la quantità, sia la tipologia di porte presenti sul computer. Va considerato che negli ultimi anni la tendenza è quella di eliminare sempre di più le porte fisiche, così da poter realizzare computer di dimensioni sempre più ridotte, dal peso inferiore e dal design accattivante, affidandosi piuttosto alle tecnologie radio per connettere dispositivi esterni al proprio notebook. Tuttavia, per molti utenti è ancora importante poter contare su connessioni cablate per collegare supporti di archiviazione esterni, periferiche audio, stampanti, monitor esterni e altro ancora. Vediamo quali porte rivestono una grande utilità per un computer portatile di fascia media.

Ethernet
Nonostante ormai praticamente qualunque modello di notebook possieda un’antenna Wi-Fi integrata, spesso avere la possibilità di eseguire un collegamento cablato con il proprio modem router è di grande importanza, per esempio al momento della configurazione del modem, in caso di problemi di rete oppure semplicemente per velocizzare operazioni di download o upload di file pesanti. Le porte Ethernet possono essere da 10 Mbps (Ethernet), 100 Mbps (Fast Ethernet), oppure da 1/10 Gbps (Gigabit Ethernet). Naturalmente, quest’ultima opzione è preferibile.
Chi non avesse il Wi-Fi potrebbe acquistare una chiavetta Wi-Fi e rendere il proprio computer wireless con una spesa contenuta.

Uscita video HDMI
Questa porta audio-video è necessaria per tutti coloro che utilizzino un monitor esterno dalla buona risoluzione, sia per lavoro che per intrattenimento. I modelli ad alte prestazioni prediletti da professionisti del multimediale e giocatori hanno una porta HDMI 2.1 che consente di processare frame e dimensioni molto grandi.

Uscita/ingresso audio 
L’uscita audio per jack da 3,5 mm è presente in tutti i notebook di ultima generazione, assieme a un microfono integrato. Consente di connettere cuffie oppure casse esterne. In alcuni modelli è possibile trovare anche l’ingresso audio.

Porte USB
Le porte USB stanno via via evolvendosi, aggiornandosi ogni stagione verso tecnologie più performanti. Attualmente si possono trovare porte USB 3.2, type-A e type-C che utilizzano tecnologia Thunderbolt. I dispositivi hanno ormai diversi tipi di porte USB montati sulla macchina.

Slot per schede di memoria SD
Non richiede molto spazio e dunque è spesso integrato anche nei notebook più sottili, permettendo una rapida lettura delle schede SD o Micro SD, che devono ovviamente disporre di un adattatore.Notebook porte fisiche

Lettori ottici

Ormai lettori ottici (DVD e Blu-ray) sono quasi completamente scomparsi dai portatili in favore dei soli lettori per schede di memoria flash, molto più leggeri e compatti. Qualora riteneste necessaria la presenza di un lettore ottico per vedere film dal vostro notebook, giocare o installare programmi per cui è necessaria la lettura di un DVD di installazione, potete valutare di acquistare un lettore esterno, che si collega tramite una porta USB.Lettore ottico esterno

Connessioni wireless

Infine, sarà importante anche prendere in considerazione la connettività radio del dispositivo. Ecco a cosa prestare attenzione a questo proposito.

Wi-Fi
Gli standard più recenti sono Wi-Fi 4, 5 e 6, talvolta indicati come 802.11n, ac e ax. Solitamente i notebook in commercio hanno almeno il Wi-Fi 5, retrocompatibile con gli standard precedenti. Il Wi-Fi 6 tra tutti è il più recente, dal più ampio raggio di copertura, maggiore larghezza di banda, maggiore sicurezza e ottimizzazione del consumo energetico. Perché funzioni, anche il router o il device con cui il vostro computer portatile sarà in collegamento deve integrare lo stesso standard. Inoltre, il Wi-Fi 6 stabilisce una comunicazione più stabile e dalle prestazioni elevate anche in caso ci siano tanti dispositivi connessi contemporaneamente.

Bluetooth

La connettività a corto raggio Bluetooth è utile per il trasferimento rapido di dati tra il vostro laptop e altri dispositivi. I diversi standard sono indicativi della capacità e della velocità di trasmissione. Ad esempio, dalla versione 5.0 è possibile il trasferimento audio senza compressioni, posto che i due device che comunicano tra loro abbiano i software necessari per l’elaborazione (codec).

Ricarica wireless
Come accade per gli smartphone, anche per i computer portatili sono arrivate la ricarica rapida e la ricarica wireless. Ad esempio, avere in dotazione con il vostro notebook un trackpad che sia anche caricabatterie wireless può essere utile per ricaricare il proprio smartphone o i propri wearable mentre si usa il computer. 

5. Schermo

L’ultimo fattore per ordine, ma non per importanza, è lo schermo. Al di là delle dimensioni, la cui rilevanza è soggettiva, bisogna osservare che i moderni computer portatili adottano tutti schermi in formato 16:9, e sono anche in questo caso sostanzialmente due le caratteristiche importanti di cui tenere conto: la risoluzione e la tecnologia adottata. Vediamo come valutarle.Notebook display

Dimensioni

Considerate il tipo di file su cui dovete operare con il notebook. Se avete fogli contabili con molte colonne uno schermo da 13″, sebbene pratico, potrebbe non essere l’ideale. Inoltre, alla lunga un font troppo piccolo potrebbe danneggiare la vista. Di contro, uno schermo da 17″ potrebbe essere sì comodo per lavorare, ma difficile da trasportare in borsa. Cercate una via di mezzo e analizzate bene il tipo di lavoro per cui vi serve la macchina. Lo stesso discorso vale se avete bisogno di lavorare con più finestre aperte allo stesso momento.

Risoluzione

La maggior parte dei notebook in commercio supporta o può supportare una risoluzione Full HD, vale a dire di 1.920 x 1.080 pixel. Non vi consigliamo di scendere al di sotto di questa risoluzione, ma semmai di salire nelle prestazioni. Uno schermo meno performante significherebbe oggi scegliere un computer portatile che abbia quasi le stesse potenzialità di un tablet, i cui prezzi sono attualmente molto accessibili in relazione alle prestazioni.
Per l’utilizzatore medio risulterà già soddisfacente la risoluzione Full HD, che permette di apprezzare in pieno la qualità di film e giochi in alta definizione.

Tecnologia

La tecnologia del pannello LCD è pure un fattore rilevante, anche se le differenze in termini di prestazioni interesseranno quasi esclusivamente i professionisti della grafica e i videogiocatori più esigenti. Le tecnologie costruttive in commercio sono sostanzialmente quattro: Twisted Nematic (TN), In-Plane Switching (IPS), Vertical Alignment (VA) e OLED (Organic Light-Emitting Diode). Le differenze sostanziali tra le diverse tecnologie riguardano la frequenza di aggiornamento e la gamma cromatica. Nel caso degli OLED, che hanno luce diffusa pixel per pixel e non retroilluminata, abbiamo miglior contrasto, brillantezza delle immagini e risoluzione a 4K.

  • Monitor TN: frequenza di aggiornamento fino a 144 Hz, 16,7 milioni di colori;
  • Monitor IPS: frequenza di aggiornamento fino a 60 Hz, 1,07 miliardi di colori;
  • Monitor VA: sono più lenti di entrambi gli standard precedenti, anche se offrono un contrasto più elevato;
  • Monitor OLED: sono gli ultimi arrivati sul mercato, con frequenza di aggiornamento standard a 120 Hz, 16,7 milioni di colori.

L’alta frequenza di aggiornamento degli schermi TN ne fa ancora la scelta preferita dai videogiocatori alla ricerca della massima fluidità di gioco, mentre la ricca gamma colori dei monitor IPS ne fa una scelta obbligata per i grafici.
Per un utente senza particolari esigenze la differenza non è molto importante, e può essere preferibile orientarsi su uno schermo TN per una questione di risparmio. Gli schermi OLED stanno iniziando lentamente a occupare fette di mercato sempre più grandi e sono presenti sui modelli di fascia alta.

Le domande più frequenti sui notebook

Quali sono le migliore marche di notebook?

Scegliere un grande marchio assicura solitamente maggiore capillarità ed efficienza del servizio di assistenza offerto, oltre a un catalogo di computer portatili più avanzati tecnologicamente. Un ulteriore motivo degno di considerazione, però, può essere quello dell’integrazione con le altre periferiche in vostro possesso: non è cosa nuova, per alcuni produttori, la promozione di sistemi di integrazione e riconoscimento intelligente tra computer e periferiche della stessa marca, per la creazione di un vero e proprio ecosistema che si guadagna la fedeltà dell’utente. In alcuni casi, possedere computer e periferiche di un unico brand può comportare qualche vantaggio. Lenovo, HP e Dell sono i leader del mercato Europeo e mondiale, seguiti da Apple, Acer e Asus. Sul mercato italiano hanno una loro nicchia anche gli Huawei e gli economici Teclast.

Quanto costa un notebook?

Come è spesso il caso per gli articoli di elettronica, anche per i notebook la progressione prezzo/qualità è abbastanza lineare: i laptop più avanzati sono destinati a professionisti nel multimediale e gamer e costano sensibilmente di più rispetto a modelli meno performanti o meno recenti tecnologicamente. Indicativamente, le fasce di prezzo e le relative caratteristiche dei computer portatili sono:

  • Fascia bassa: fino a circa 400 €, utili per gli utenti che navigano su Internet e DAD;
  • Fascia media: 400-700 €, notebook economici intermedi, utili ad alcuni professionisti;
  • Fascia alta: oltre 900 €, idonei per l’uso professionale.

Meglio un notebook o un tablet?

Se avete letto la nostra guida sapete rispondere alla domanda, dato che dipenderà dai vostri bisogni. Lo schema che segue mostra quanto oggi un tablet costoso e un notebook economico tendano a sovrapporsi. Riportiamo per ciascun prodotto i valori medi di mercato, premesso che ogni singolo articolo avrà le sue caratteristiche specifiche. Da notare che con l’arrivo degli schermi pieghevoli gli smartphone stanno sfondando i 7″, arrivando a competere con i tablet.

  Notebook Tablet
Dimensioni display 8-21″ 7-13″
Touchscreen
Pennino
Idoneità al lavoro
Idoneità al gaming
Durata batteria 5-22 h 8-10 h
Ricarica rapida 45-230 W 45-100 W
Tempi minimi di ricarica 50% in 30 min 50% in 30 min
Frequenza max processore 2-5 GHz 2-3,7 GHz
Memoria archiviazione 64-2.000 GB 16-256 GB
RAM 8-32 GB 1-8 GB
GPU con RAM dedicata
Longevità 3-20 anni 2-5 anni

Quali sono i notebook migliori per lavorare?

Per lavoro e produttività non esitate a investire delle cifre più alte, almeno sopra i 1.000 €, perché queste verranno ammortizzate nel tempo e la vostra vita professionale sarà più semplice. Notebook MacBook AirComputer portatili particolarmente potenti sono i notebook per gaming, laptop di fascia alta che fino a tempi molto recenti erano pensati solo per il gioco, ma negli ultimi anni sono sempre più ideati anche per l’alternanza tra gioco e lavoro. Per ulteriori consigli su come creare la workstation perfetta consultate la nostra lista degli accessori indispensabili per lo smart working

Quali notebook sono più sostenibili?

Al di là delle diffuse promesse e autodichiarazioni volte a raccogliere l’approvazione del pubblico, l’azienda che per prima è arrivata a risultati importanti è Dell, che già nel 2019 ha portato a zero le sue emissioni di CO². HP ha dichiarato che stima di raggiungere lo stesso obiettivo entro il 2025, mentre Apple e Microsoft entro il 2030. Microsoft si è impegnata a “proteggere e ripristinare permanentemente” più risorse di quelle che utilizza entro il 2025, di fatto punta pubblicamente ad essere tra le aziende più sostenibili al mondo tra un decennio. I suoi notebook più sostenibili ad oggi sono Surface Pro 7, Surface Laptop Go e Surface Book. Tre Altri portatili che possiamo segnalare sono Dell XPS 13, Acer Swift 3 e 5 e le linee Lenovo Yoga e ThinkPad.


Copyright Klikkapromo srl – È vietato ogni sfruttamento non autorizzato

Domande e risposte su Notebook

  1. Domanda di Carmine | 25.01.2020 15:50

    Salve, scelta PC portatile: performante,ma che non scaldi troppo, fluido e veloce nonostante più programmi e pag internet aperte. Budget 1000€ max

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 27.01.2020 09:14

      Lo Huawei MateBook D W00D può essere un buon compromesso.

  2. Domanda di chiara | 16.01.2020 18:16

    Buongiorno,
    cerco un portatile per pacchetto office, libri digitali e programma gestionale che lavora in cloud. Video da 17″ prezzo entro i 1100 euro

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 22.01.2020 09:40

      Un modello come l’HP ProBook 450 G6 è più che sufficiente e può tranquillamente essere usato anche per attività più complesse.

  3. Domanda di Consuelo | 07.12.2019 12:09

    Vorrei comprare un pc Max 400€, mi serve per svago, guardo molti film,libri, musica. Sono una principiante ma vorrei un buon prodotto qualità/prezzo.

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 13.12.2019 13:36

      Per questo budget puoi orientarti sull’HP 250 G6 1XN28EA.

  4. Domanda di Francesco | 30.11.2019 11:33

    Salve, volevo un vostro parere su questo notebook “LENOVO – L340-15IRH GAMING 81LK006KIX”, comparandolo con l’ “Asus Vivobook N580VD-FI038T”?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 02.12.2019 10:05

      L’Asus Vivobook N580VD-FI038T ha più memoria ed è pensato anche per un uso lavorativo, mentre il Lenovo IdeaPad L340 ha una migliore scheda grafica ed è progettato soprattutto per il gaming, quindi molto dipende dall’utilizzo che vuoi fare del notebook.

  5. Domanda di Mara | 21.10.2019 16:52

    Buon giorno, cerco un notebook per utilizzo lavoro max 500 euro. Non devo mettere programmi pesanti ma usare Office. Importante il tastierino numerico

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 29.10.2019 09:52

      Puoi orientarti su un modello come l’Acer Aspire 3. Per avere il tastierino numerico è necessario scegliere un modello piuttosto ingombrante.

  6. Domanda di Giusi | 26.06.2019 08:52

    Utilizzo 10 ore al dì, lavoro multitasking: chrome, office, batteria con maggiore autonomia e prestazioni veloci. Fascia prezzo max 400 euro

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 26.06.2019 11:18

      Per questo budget difficilmente troverai una macchina con le prestazioni che cerchi. Se puoi aumentare un po’ il tuo investimento, dato che si tratta di lavoro, consigliamo almeno lo Huawei MateBook D W00D.

  7. Domanda di Mirco | 18.06.2019 17:52

    Buongiorno,
    Per un uso casalingo (office e web) di fascia economica (€300-400) quali consigliereste per affidabilità e longevità?
    grazie

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 19.06.2019 09:27

      Per un uso di base puoi orientarti sull’HP 255 G6 1WY13EA. Purtroppo la longevità di prodotti molto economici è sempre relativa e difficile da prevedere.

  8. Domanda di Salvo | 30.12.2018 13:09

    vorrei un notebook 17″Full HD processore i7 SSD da 256 HHD 1 TB 16 gb di ram con ram dedicata scheda video non oltre i 1000 € cosa mi consigliate?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 07.01.2019 18:29

      È difficile soddisfare tutte queste caratteristiche rimanendo entro il budget. Possiamo consigliarti l’Asus Vivobook N580VD-FI038T, leggermente più piccolo e più costoso, ma con ottime componenti interne.

  9. Domanda di Roberto | 01.11.2018 07:44

    Buongiorno dovrei acquistare un notebook uso gaming,disponibilità 1200€.

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 01.11.2018 08:29

      L’Asus Vivobook N580VD-FI038T può essere un buon compromesso, considerando che per avere componenti sempre aggiornate per il gaming la spesa richiesta è molto più alta.

  10. Domanda di Alberto | 17.09.2018 22:53

    Notebook per scuola informatica.Vorrei stare su un fascia media,
    Display 15,6 pollici FHD,ram 8GB,ssd 256 GB,prezzo max 700/750 €.
    Marche affidabili?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 24.09.2018 09:48

      Il Lenovo 320S-14IKB 80X400G9IX potrebbe rispondere alle tue esigenze.

Il migliore
Apple MacBook Pro 16″ (2021) GPU 16‑core 1TB

Apple MacBook Pro 16″ (2021) GPU 16‑core 1TB

Migliore offerta: 2.885,00€

Il miglior rapporto qualità prezzo
Hp 255 G7 SSD

Hp 255 G7 SSD

Migliore offerta: 469,00€