Le migliori macchine da caffè macinato del 2024

Confronta le migliori macchine da caffè macinato del 2024 e leggi la nostra guida all'acquisto.

missconvenienza
160,00 €
amazon
176,07 €
ferramentavanoli
337,94 €
missconvenienza
122,00 €
comet
98,09 €
prezzodigitale
169,18 €
amazon
369,00 €
amazon
129,99 €
unieuroit
108,30 €
amazon
178,99 €
elettrocasa
369,00 €
yeppon
129,99 €
bytecno
115,00 €
idaap
187,09 €
pasottistore
369,00 €
supermedia
116,12 €
freeshop
190,90 €
comet
369,00 €
amazon
137,02 €

Dati tecnici

Capienza serbatoio acqua

1 l

1,5 l

1 l

1,4 l

1 l

Pressione

15 bar

20 bar

15 bar

15 bar

15 bar

Polvere

Grani

Cialde

Capsule

Tipo di capsule

Nessuno

Bialetti

Nessuno

Nessuno

Nessuno

Cappuccinatore

Manuale

Manuale

Manuale

Manuale

Manuale

Bevande a base di caffè

Espresso, Espresso doppio

Espresso

Espresso, Espresso doppio

Espresso, Espresso doppio

Espresso

Bevande a base di latte

Solo schiuma

Solo schiuma

Solo schiuma

Solo schiuma

Solo schiuma

Capienza contenitore scarti

non applicabile

non applicabile

non applicabile

non applicabile

non applicabile

Regolazioni

Temperatura acqua, Lunghezza caffè

Lunghezza caffè

Temperatura acqua, Lunghezza caffè

Lunghezza caffè

Lunghezza caffè

Funzioni

Autospegnimento, Allarme decalcificazione

Autospegnimento

Autospegnimento, Allarme decalcificazione

Autospegnimento

Autospegnimento

Accessori

Filtro cialde E.S.E. 44, Filtro polvere 1-2 tazze, Misurino

Filtro cialde E.S.E. 44, Filtro polvere 1-2 tazze, Misurino

Filtro cialde E.S.E. 44, Filtro polvere 1-2 tazze, Misurino

Filtro cialde E.S.E. 44, Filtro polvere 1-2 tazze, Misurino

n.d.

Dimensioni (A x L x P)

33 x 14,9 x 30,3 cm

41 x 32 x 22 cm

33 x 14,9 x 32,9 cm

31,5 x 15 x 32,5 cm

34,3 x 20,5 x 28.5 cm

Punti forti

Erogazione di caffè singola o doppia

Design originale

Per gli amanti del design

Riscaldamento rapido in 30 secondi

Buon rapporto qualità-prezzo

Prepara anche cappuccini, tè e tisane

Serbatoio capiente

Dimensioni compatte

Funzione mantenimento temperatura per 30 minuti

Vassoio scaldatazze

Design compatto e moderno

Utilizza anche caffè in capsule

Riscaldamento rapido

Termometro integrato

Dimensioni compatte

Funzionamento con cialde E.S.E.

Temperatura e lunghezza del caffè regolabili

Struttura compatta

Vassoio per scaldare tazze

Possibilità di regolare temperatura acqua

Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa

Le macchine da caffè macinato

Il mercato propone tantissimi modelli di macchine da caffè a prezzi diversi. In particolare, quando si parla di macchina per espresso si tende a fare confusione tra le varie tipologie di apparecchi che si sono diffuse negli anni. Questa pagina è dedicata alle macchine da caffè macinato, apparecchi che sfruttano una pompa elettrica per raggiungere un livello di pressione ottimale, ma che richiedono l’intervento di un “operatore” per riempire il filtro, pressare il caffè e agganciare il portafiltro. Il caffè utilizzabile è quello in polvere, ma come vedremo nella maggior parte dei modelli si possono usare anche le cialde.
macchina da caffè elettricaNei modelli automatici (chiamati da alcuni produttori “superautomatici”) basta invece premere un tasto perché sia la macchina a macinare il caffè in grani inserito nel serbatoio ed erogarlo nella tazzina. Un principio simile si applica alle macchine a capsule e a quelle a cialde di più recente introduzione: ogni singolo filtro contiene una dose di caffè predefinita e la quantità di acqua è impostata automaticamente. In entrambi i casi manca dunque l’aspetto manuale della preparazione del caffè.
D’altra parte, gli amanti del caffè sostengono che siano le macchine semiautomatiche a dare i migliori risultati, perché controllando tutte le parti del processo di preparazione si può ottenere un espresso migliore.
In questa sede cercheremo di analizzare tutti gli aspetti da considerare prima di acquistare una macchina da caffè macinato e vi consiglieremo i modelli più interessanti sul mercato. Se siete interessanti a un approfondimento sui diversi tipi di macchina da caffè, vi suggeriamo di consultare la nostra guida all’acquisto dedicata.

Le migliori macchine da caffè macinato

De’Longhi La Specialista Arte EC9155

La migliore di questa lista è una macchina semiprofessionale che, a differenza della stragrande maggioranza dei modelli, ha una macina integrata e permette così di macinare i chicchi sul momento, proprio come al bar. Oltre ad avere un design molto particolare, la De’Longhi Specialista Arte ha diverse opzioni di personalizzazione assenti nelle altre macchine: presenta infatti 8 livelli di macinatura per adattarsi a tutti i chicchi di caffè e permette di impostare 3 diversi livelli di temperatura dell’acqua. Oltre all’espresso singolo e doppio fa anche il caffè americano, inoltre il sistema MyLatte Art consente di realizzare una schiuma setosa come al bar. Sono inclusi in dotazione un bricco in metallo per montare il latte e un robusto pressacaffè.

G3 Ferrari Amarcord

Da qualche tempo G3Ferrari ha ampliato la sua linea di elettrodomestici con risultati decisamente positivi. Non fa eccezione la macchina da caffè Amarcord, nome dovuto al design vintage. È un modello molto compatto che convince in virtù di alcuni elementi che spesso mancano su questi apparecchi. In particolare apprezziamo il manometro, che permette di controllare la pressione, e la funzione di mantenimento della temperatura dell’acqua per 30 minuti. Tutte le altre caratteristiche sono piuttosto standard (pressione da 15 bar, funzione di autospegnimento), ad esclusione del serbatoio da 1,4 l, più capiente della media.

Ariete 1381 Espresso Slim Metal

Un altro modello molto compatto è l’Ariete Espresso Slim Metal, che ha una larghezza di soli 14 cm. Rimuovendo la griglia poggiatazze si aumenta però lo spazio tra il beccuccio erogatore e la base, permettendo di inserire anche tazze alte da cappuccino. Molto bella la struttura in acciaio inox, che la rende adatta sia alle cucine classiche, sia a quelle più moderne. Sul pannello frontale troviamo un manometro per tenere la pressione a un livello ottimale e i tre classici tasti per erogare un espresso singolo, doppio e il vapore.

De’Longhi Icona ECO 311

Tra i modelli più venduti del catalogo De’Longhi spicca l’Icona Eco, che si contraddistingue per il design rétro e le belle colorazioni disponibili. Non è tra i modelli più potenti del marchio, infatti raggiunge solo i 1.100 W, ma questo vuol dire semplicemente che bisogna aspettare qualche secondo in più perché l’acqua venga portata alla temperatura giusta. Presenta un utile vano scaldatazze sulla parte superiore e le classiche funzioni di autospegnimento e allarme decalcificazione. Utilizzabile con caffè in polvere e in cialde, può preparare una o due tazze di espresso ed è dotata di pannarello.

Bialetti Mokona

Il modello più economico tra quelli visti finora è anche uno dei più apprezzati dai consumatori per via del suo design originale. Bialetti è il marchio di riferimento per la produzione delle moka e infatti anche questa macchina, pur essendo elettrica, ha la forma di una caffettiera. La Mokona Bialetti il modello più versatile tra quelli visti finora, dal momento che consente di utilizzare il caffè macinato, le cialde E.S.E. e anche le capsule, purché siano compatibili con il sistema Bialetti. Disponibile in tre colorazioni, ha una pressione elevata di 20 bar e un serbatoio da ben 1,5 l.

Come scegliere la macchina da caffè macinato

Funzionamento

Il sistema di funzionamento delle macchine da caffè, sia quelle da uso domestico, sia quelle professionali che si utilizzano al bar, è a pressione. Questo significa che all’interno di questi apparecchi troviamo una pompa che spinge l’acqua dal serbatoio nella caldaia, dove viene riscaldata fino a una temperatura di 90 °C e successivamente trasferita al filtro. L’acqua in pressione, attraversando il filtro, estrae dal caffè l’aroma e le sostanze che gli danno il suo caratteristico gusto intenso e corposo. Dopodiché l’acqua, che a questo punto non è più in pressione, attraversa il beccuccio e fuoriesce sotto forma di caffè caldo e pronto da bere.macchina da caffè funzionamentoSe il meccanismo di estrazione del caffè è sempre lo stesso, quello che invece cambia da modello a modello è il livello di pressione, il cui valore ottimale dovrebbe essere di circa 15 bar. Attenzione anche alla potenza: un wattaggio elevato permette di raggiungere la temperatura più rapidamente, perciò sconsigliamo i modelli con una potenza inferiore ai 1.000 W. Se non conoscete i dati relativi al wattaggio, potete perlomeno cercare informazioni sulla velocità di riscaldamento dell’apparecchio e confrontarle con quelle degli altri modelli a cui siete interessati.

Bevande

Salvo rare eccezioni, le macchine semiautomatiche sono in grado di preparare uno o due caffè, selezionabili tramite pulsanti come quelli mostrati nella foto sottostante.macchina da caffè tazzina espressoCome dicevamo, possono funzionare con caffè in polvere e molto spesso anche con cialde E.S.E., cioè monoporzioni preconfezionate da 7 g di caffè macinato, pressato e chiuso ermeticamente tra due strati di carta filtrante. Tuttavia, di recente hanno iniziato a diffondersi dei modelli ibridi (o 3 in 1) che permettono di utilizzare anche le capsule di caffè.macchina da caffe cialde e polvereMolto più rari sono invece i modelli che permettono di macinare il caffè sul momento. Sono anche modelli più costosi, perché di fatto si tratta della versione casalinga delle macchine da bar; la presenza della macina però garantisce una maggiore intensità dell’aroma.
Questo tipo di macchina da caffè non presenta mai un cappuccinatore integrato per preparare automaticamente bevande a base di latte. Tuttavia, nella maggior parte dei modelli potrete trovare il pannarello, che eroga il vapore necessario per produrre la schiuma di latte con cui realizzare cappuccini, caffellatte e caffè macchiati.
Per finire, tutte le macchine erogano anche acqua calda: basta semplicemente non inserire il caffè e lasciare che la macchina eroghi solo acqua da utilizzare per tisane, o infusi.

Struttura

Oltre alle dimensioni e al peso, un aspetto importante da considerare è la capacità del serbatoio dell’acqua, visto che più è capiente, meno frequentemente va riempito, ma più aumenta il volume della macchina. Un serbatoio da 1 l è un buon compromesso.
Bisogna inoltre tener presente lo spazio che separa il portafiltro dalla griglia poggiatazze, in quanto molto spesso le macchine da caffè possono ospitare una o due tazzine da espresso, ma non tazze più alte (da tè o cappuccino).macchina da caffè scalda tazzePotete infine valutare la possibilità offerta da alcuni modelli di usufruire di un vano scaldatazze, dove si possono appoggiare le tazzine e tenerle in caldo prima di preparare il caffè, proprio come al bar.

Funzioni

Le macchine da caffè macinato dispongono di meno funzioni rispetto alle macchine automatiche. Tuttavia, i migliori modelli permettono di regolare la lunghezza del caffè o la quantità di vapore erogata. Manca invece la possibilità di modificare l’intensità dell’aroma, tipica dei modelli automatici.macchina da caffè funzioni disponibiliIn riferimento, invece, al funzionamento della macchina da caffè, ci sono una serie di funzioni già integrate nell’apparecchio e quindi non selezionabili dall’utilizzatore. Le più comuni sono:

  • Autospegnimento: interrompe il funzionamento dopo un determinato periodo di inutilizzo (a volte personalizzabile) per evitare sprechi;
  • Riscaldamento veloce (o thermoblock): dopo l’accensione, rende l’apparecchio pronto all’uso in tempi molto brevi;
  • Stop automatico: la macchina interrompe da sola l’erogazione del caffè, in modo che non sia necessario farlo manualmente.

Tra le funzioni meno comuni troviamo invece il manometro integrato per tenere sotto controllo il livello di pressione.

Accessori

Gli accessori di cui può essere corredata una macchina da caffè macinato non sono molti, ma se l’apparecchio che pensate di acquistare prevede tutti gli extra qui elencati, non dovrete eventualmente acquistare a parte altri pezzi:

  • Filtro polvere (1 dose): questo pezzo, che va montato nel braccio portafiltro, permette di dosare il caffè già macinato per ottenere una tazzina di caffè espresso;
  • Filtro polvere (2 dosi): questo può invece essere riempito di caffè macinato fino alla quantità necessaria per la preparazione di due tazze di espresso;
  • Filtro per cialde E.S.E.: questo componente va montato all’interno del braccio portafiltro e permette di ospitare cialde di diverse marche di caffè;
  • Misurino/pressacaffè: questo accessorio presenta a un’estremità un cucchiaio per dosare il caffè macinato e dall’altra un “tamper” per pressare il macinato;
  • Decalcificante: alcuni modelli includono una speciale soluzione che serve per effettuare i cicli di decalcificazione della macchina da caffè.

macchina da caffè kit accessori

Le domande più frequenti sulla macchina da caffè macinato

Macchina da caffè semiautomatica o automatica?

Per i puristi del caffè, i modelli da caffè macinato o semiautomatici sono da preferire a quelli automatici perché l’atto di pressare il caffè e ruotare il portafiltro ricorda i gesti compiuti dai baristi durante la preparazione dell’espresso. Se parliamo però di criteri oggettivi per distinguere le due tipologie, possiamo riassumerli come segue:

  • Design: le semiautomatiche sono più compatte ed essenziali, e spesso presentano un design vintage che le rende veri e propri elementi di arredo;
  • Qualità del caffè: entrambe le tipologie sfruttano livelli simili di pressione, perciò in teoria non c’è alcuna differenza nella qualità della bevanda;
  • Prezzo: la differenza di prezzo tra i due tipi di macchine è abissale. Basti pensare che i modelli semiautomatici top di gamma costano all’incirca quanto le macchine automatiche più economiche (sui 300 €);
  • Pulizia: entrambe richiedono operazioni regolari di pulizia, ma nelle macchine semiautomatiche il filtro va svuotato dopo ogni uso, mentre nelle automatiche il serbatoio dei fondi può essere svuotato dopo una dozzina di caffè;
  • Praticità d’uso: le macchine automatiche macinano i chicchi sul momento, perciò non è necessario pressare la polvere all’interno del filtro;
  • Versatilità: molte macchine automatiche hanno un cappuccinatore integrato, mentre le semiautomatiche solo il pannarello. Permettono però di usare le cialde di caffè;
  • Personalizzazione delle bevande: la possibilità di regolare l’intensità dell’aroma, la temperatura o la lunghezza del caffè è tipica delle macchine automatiche.

Come si pulisce la macchina da caffè macinato?

La qualità del caffè dipende anche dalla cura che si dedica alla manutenzione della propria macchina, una pratica che, proprio come quella dell’espresso quotidiano, dovrebbe rientrare nella vostra routine al fine di evitare la formazione di calcare ma anche di muffa all’interno del gruppo caffè. Vediamo quali sono i passaggi da seguire per la pulizia ordinaria dei vari componenti:

  • Per prima cosa, ricordate di eseguire queste operazioni quando la macchina si è raffreddata e di scollegare l’apparecchio dalla rete elettrica;
  • Rimuovete il serbatoio dell’acqua e sciacquatelo sotto il rubinetto senza utilizzare spugne abrasive o detergenti aggressivi;
  • Riempite il serbatoio ed effettuate un ciclo completo (o due) di risciacquo senza utilizzare caffè, per permettere all’acqua calda di ripulire il meccanismo di erogazione.

Come si decalcifica la macchina da caffè macinato?

La decalcificazione può essere effettuata meno frequentemente rispetto al risciacquo dei vari elementi, tuttavia è fondamentale ricordarsi di eseguire questa operazione regolarmente oppure, se il vostro modello ha l’allarme decalcificazione, di farlo non appena la macchina ve lo segnala. I depositi di calcare all’interno della macchina possono infatti influire sulla qualità delle bevande e ridurre la longevità dell’apparecchio. Ecco come procedere per la decalcificazione:

  • Assicuratevi che l’apparecchio sia spento, che si sia raffreddato completamente e che non contenga cialde o polvere di caffè nel filtro;
  • Riempite il serbatoio di acqua e aggiungete il decalcificante fornito in dotazione o uno generico. Se preferite le alternative naturali consigliamo di utilizzare l’aceto (in proporzioni pari a 1/3 della quantità d’acqua);
  • Posizionate sul portatazze la tazza più grande che riusciate a infilare;
  • Svuotate completamente il serbatoio preparando diversi caffè “a vuoto”, cioè senza polvere;
  • Quando il serbatoio è vuoto, ripetete la stessa operazione utilizzando solo acqua per eliminare qualsiasi residuo di soluzione decalcificante.

Chi ha inventato la macchina da caffè?

L’invenzione della macchina per espresso si deve al torinese Angelo Moriondo, che ne ottenne il brevetto nel 1884 senza riuscire a trasformarla in un prodotto di successo, e a Luigi Bezzerra e Desiderio Pavoni, i quali vi apportarono numerose innovazioni, la maggior parte delle quali sono ancora presenti sulle moderne macchine da caffè espresso: molteplici gruppi erogatori, un portafiltro e una valvola di scarico della pressione (questa innovazione era pensata più per i baristi che non per i clienti, in quanto impediva loro di venire spruzzati dal caffè caldo).
Pavoni decise di commercializzare questo nuovo processo di preparazione come “espresso” per la rapidità con cui veniva eseguito (queste macchine erano in grado di produrre almeno 100 tazze di caffè ogni ora, quantità enorme rispetto ai vecchi metodi). Tuttavia, fu Achille Gaggia (fondatore dell’omonima azienda) ad inventare la prima macchina semiautomatica: si trattava di un apparecchio che, grazie all’aggiunta di una leva, riusciva a pompare acqua calda a una pressione ottimale per estrarre tutti gli aromi del caffè e ottenere la tipica crema dell’espresso.Macchina da caffè GaggiaCon l’aumento della popolarità della macchina Gaggia cominciarono a comparire in tutta Italia imitazioni ed evoluzioni del modello originale: le macchine per caffè espresso continuarono a diventare più piccole, più convenienti e soprattutto più efficienti, il che portò alla loro commercializzazione anche fuori dall’Italia.
A partire dagli anni Settanta questo apparecchio ha smesso di essere utilizzato solo nei bar e ha iniziato a imporsi come vero e proprio elettrodomestico, ma il principio di funzionamento della macchina è rimasto pressoché invariato.

Quali sono le migliori marche di macchine da caffè macinato?

Il leader nel mercato delle macchine semiautomatiche è senza dubbio De’Longhi, che ha un catalogo abbastanza ampio da soddisfare tutte le esigenze in termini di dimensioni e design. La fascia di prezzo di queste macchine è medio-alta, ma le prestazioni sono eccellenti. Altri brand che consigliamo sono Gaggia (che ha inventato le macchine da caffè) e Ariete (soprattutto per il design).

Quanto costa una macchina da caffè macinato?

In commercio troviamo modelli per uso domestico che partono da un prezzo di circa 70 € fino ad arrivare intorno ai 300 € per una macchina di fascia alta o di design.
La grande variazione di prezzo dipende da diversi fattori, sia strutturali, sia funzionali e possiamo considerare il prezzo come un valore indicativo della potenza, dei materiali utilizzati e delle funzioni extra di cui la macchina da caffè è dotata.


Copyright Klikkapromo srl – È vietato ogni sfruttamento non autorizzato