I migliori controller Nintendo Switch del 2024

Confronta i migliori controller Nintendo Switch del 2024 e leggi la nostra guida all'acquisto.

amazon
76,50 €
amazon
54,99 €
amazon
29,90 €
elettrocasa
45,49 €
amazon
29,98 €
mediaworld
29,99 €
amazon
60,02 €

Dati tecnici

Compatibilità

Nintendo Switch, Steam Deck, dispositivi Windows, Raspberry Pi, Android e Apple

Nintendo Switch, Steam Deck, dispositivi Windows, Raspberry Pi, Android e Apple

Nintendo Switch

Nintendo Switch

Nintendo Switch

Connessione

Bluetooth, USB

Bluetooth

n.d.

Cavo

Raggio di azione (m)

n.d.

10

Solo modalità manuale

Solo modalità manuale

3

Alimentazione

Batteria ricaricabile

Batteria ricaricabile, 2 pile AA

Batteria ricaricabile

n.a.

n.a.

Autonomia (h)

25

20

n.d.

Ricarica non necessaria

Ricarica non necessaria

Feature

Feedback aptico, controllo di movimento, stick anti-drift, tasto macro, NFC per amiibo, turbo, tasto multipiattaforma

Vibrazione, controllo di movimento, tasto profili di gioco, tasti mappabili, tasto multipiattaforma

n.d.

Turbo, tasti mappabili

Illuminazione LED, tasto screenshot

Personalizzazione

Tasti mappabii, sensibilità stick, vibrazione

Tasti posteriori, vibrazione, sensibilità

n.d.

Tasti posteriori

Tasti posteriori

Porte

USB Type-C

USB Type-C

USB-C

USB Type-C, jack 3,5 mm

Peso (g)

558

228

153

80 x 2

240

Punti forti

Levette anti-drift con tecnologia brevettata

Ricorda i controller di inizio anni '90

Il cavo ricarica anche la console

Si adattano alla forma del dock

LED luminosi in 8 colori

Sensore tattile rumble HD e supporto amiibo

Autentico D-Pad

Ricarica e gioca contemporaneamente

Migliore ergonomia rispetto ai Joy-Con

Licenza ufficiale Nintendo

Tantissime opzioni di personalizzazione

Memorizzazione di tre profili di gioco

Funzione turbo per accelerare input di pressioni

Jack per cuffie

Funziona sia in modalità wireless che cablata

Personalizzazione anche tramite app

Licenza ufficiale Nintendo

Solido, resistente e confortevole

Punti deboli

Cavo incluso di lunghezza limitata

Funzionano solo in modalità portatile

Senza rumble e controllo di movimento

Manca adattatore

Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa

I controller per Nintendo Switch

Da quando Nintendo ha lanciato Switch nel 2017, questa è diventata la console più venduta tra quelle attualmente in commercio, nonché la terza più venduta di sempre. Il suo successo è legato alla varietà di giochi sviluppati esclusivamente per questa piattaforma, ma soprattutto a una versatilità senza precedenti, visto che può essere utilizzata sia in modalità portatile, sia fissa.
Tutto questo si deve all’invenzione del Joy-Con, un rivoluzionario doppio controller che può essere collegato ai lati dello schermo in modalità handheld oppure tenuto in mano quando la console è collegata alla TV.controller nintendo switchI Joy-Con però non sono gli unici controller utilizzabili con Nintendo Switch: esistono infatti altri modelli prodotti da Nintendo, marchi autorizzati e non.
Scopriamo insieme quali sono gli aspetti da valutare quando si acquista un controller per Nintendo Switch e i migliori modelli in circolazione.

Come scegliere i controller per Switch

Ogni Nintendo Switch viene venduto in dotazione con una coppia di Joy-Con (il modello base ne ha uno blu e uno rosso) e un supporto chiamato Comfort Grip in cui alloggiare i due controller e trasformarli in un’unita più grande, simile a un gamepad. Questi piccoli controller, però, non sono adatti a tutti i tipi di giochi o di giocatore, perciò è molto probabile che vorrete acquistare un modello diverso.

Oltre all’estetica, che consideriamo un aspetto soggettivo, esistono alcuni fattori oggettivi che sono importanti da valutare. Vediamoli insieme.

Forma

Per scegliere il controller migliore per le vostre esigenze, dovrete innanzitutto decidere se preferite una forma più simile a quella di un controller PlayStation o Xbox, qualcosa di simile ai Joy-Con forniti con lo Switch o qualcosa di completamente diverso. La scelta dipende, oltre che da una questione di abitudine, dal tipo di giochi a cui siete abituati a giocare. I Joy-Con sono perfetti per i co-op, perché con una sola coppia si può giocare in due. I gamepad tipo Pro Controller, prodotti sempre da Nintendo, sono adatti ai giochi con un gameplay piuttosto classico, ma lo sono di meno per i generi di gioco più particolari: ad esempio, se vi piacciono i picchiaduro come Mortal Kombat, è meglio un arcade stick (con levetta direzionale), per i giochi di corsa sono più indicati i volanti, mentre i giocatori di retrogame sono generalmente alla ricerca di controller che si avvicinino il più possibile agli originali, se non proprio di riedizioni di quei controller.

Connessione

La domanda successiva è: con o senza cavo. Lo Switch consente sia la connessione Bluetooth (senza fili), sia quella USB (cablata), ma se lo si utilizza lontano dalla docking station si è limitati dalla lunghezza del cavo, e se si possiede uno Switch Lite senza dock si ha a disposizione solo una porta USB-C. controller nintendo switch modalità handheldSe vi piace usare lo Switch fuori casa oppure il vostro divano è lontano dalla TV, il Bluetooth è probabilmente l’opzione migliore per voi. Se invece non volete dipendere dalla durata della batteria e volete assicurarvi tempi di risposta più rapidi, meglio preferire i modelli cablati, nonostante siano più rari.

Compatibilità

I controller originali Nintendo sono compatibili solo con tutte le console della famiglia Switch (Original, Lite e OLED, ma possono anche essere sincronizzati con i dispositivi Windows, Apple e Android. Se pensate di acquistare un prodotto non originale, invece, vi consigliamo di optare per quelli pensati espressamente per Switch e non per PC o altre console, altrimenti c’è il rischio che non siano interamente compatibili con le caratteristiche dello Switch oppure che smettano di esserlo dopo un aggiornamento della console (è il caso dei controlli wireless più che di quelli cablati).

Funzioni

Per finire, dovete domandarvi se avete bisogno delle funzioni speciali dei controller di base per Switch. Vediamo quali sono:

  • Rumble HD: è un sistema di feedback tattile basato sulla vibrazione del controller per migliorare l’esperienza immersiva di gioco;
  • Telecamera IR: posizionata sul Joy-Con destro, è un sensore di rilevamento a infrarossi da usare con i giochi compatibili;
  • Sensore NFC: serve per attivare gli amiibo in alcuni giochi e sbloccare nuovi oggetti o addirittura personaggi;
  • Accensione remota: è possibile accendere la console puntando il sensore a infrarossi del Joy-Con verso di essa e tenendo premuto il tasto Home.

Non riteniamo che queste funzioni siano indispensabili per giocare su Switch, a meno che non abbiate degli amiibo o giochiate a dei giochi che richiedano i sensori di movimento (ad esempio 1-2-Switch).controller nintendo switch amiibo

I migliori controller per Nintendo Switch

Miglior qualità/prezzo: Nintendo Switch Pro Controller

Il Pro Controller di Nintendo è stato lanciato assieme alla console nel 2017 ed è ancora il migliore in circolazione. Come nei Joy-Con, troviamo anche qui il rumble HD, il supporto per i movimenti giroscopici e il lettore NFC per le carte o le statuette amiibo, inoltre è in grado di accendere la console da remoto.
Il Nintendo Switch Pro Controller è veramente molto comodo da impugnare e ha una qualità costruttiva che rivaleggia con i controller delle console Microsoft e Sony. Risulta infatti estremamente solido e la durata della batteria è così lunga che a volte sembra che non si esaurisca mai. Nintendo afferma che l’autonomia sia di circa 40 ore per carica, quindi i giocatori occasionali impiegheranno davvero molto tempo per scaricarla.

Sin dalle sue origini, Nintendo ha sempre progettato periferiche di gioco eccellenti e il Pro Controller non fa eccezione, con i suoi grandi pulsanti frontali (soprattutto rispetto a quelli dei Joy-Con), i robusti grilletti tattili e un vero D-Pad, marchio di fabbrica Nintendo che farà felici i retrogamer. L’unica pecca è che forse i bambini più piccoli (da sempre uno dei target delle console Nintendo) potrebbero trovarlo troppo grande.
Proprio come la console, il controller si ricarica tramite USB-C ed è inoltre compatibile con una serie di dispositivi, tra cui PC, Android e Apple (inclusa Apple TV).
Dato il prezzo, fisso a 70 € sin dal momento del lancio, sarebbe bello se avesse caratteristiche extra, come i pulsanti programmabili o un jack per cuffie da 3,5 mm, ma almeno è possibile collegare le cuffie alla console via Bluetooth se non si hanno più di due controller collegati contemporaneamente. Ricordiamo infine che, se volete acquistarlo in edizione speciale (ad esempio per l’uscita del nuovo capitolo di Zelda), il prezzo è leggermente più alto.

Il migliore: GuliKit KingKong 2 Pro

È difficile superare il Pro Controller in fatto di solidità e prestazioni, ma il KingKong 2 Pro di GuliKit riesce per molti versi a tenere testa alla periferica di Nintendo e la arricchisce di alcune feature che faranno felici i gamer più esigenti. L’aspetto e la sensazione al tatto sono molto simili a quelli del prodotto Nintendo, ma il prezzo è leggermente superiore.
Questo controller offre pulsanti tattili e intercambiabili, grilletti facili da premere e un ampio D-Pad, inoltre è dotato di una serie di funzioni che migliorano l’esperienza di gioco e funzionano perfettamente con lo Switch. C’è il rumble HD e il controllo del movimento per un’esperienza di gioco più coinvolgente, ma il vero punto di forza sono sono gli stick anti-drift, dotati di una tecnologia elettromagnetica brevettata che risolve l’annoso problema presente sui controller originali Nintendo e che tuttora imbarazza l’azienda nipponica.

Oltre ai classici pulsanti del Pro Controller ne troviamo di nuovi: uno per le macro, uno per la personalizzazione “pro” dei vari tasti e uno che consente di passare da un dispositivo all’altro, visto che il GuliKit KingKong 2 Pro può essere associato anche con PC, smartphone e tablet tramite Bluetooth. Questo controller può anche accendere la console e nella nuova versione supporta persino gli amiibo.
Può essere usato sia senza fili tramite Bluetooth, sia in modalità cablata (opzione non sempre permessa), ha un’ottima autonomia di 25 ore e tasti e grilletti ultra-resistenti con 50 milioni di pressioni assicurate.

Miglior portatile: Hori Split Pad Pro

Le dimensioni dei Joy-Con Nintendo vanno bene per molti, ma diversi giocatori preferiscono dei controlli più ergonomici per giocare in modalità handheld. L’Hori Split Pad Pro ha un prezzo inferiore rispetto ai Joy-Con ed è concesso in licenza ufficiale da Nintendo, pur non avendo le caratteristiche speciali dei controller ufficiali viste in precedenza (rumble HD, motion control etc.).

Presenta una superficie molto più ampia dei Joy-Con per aiutarvi a tenere una presa salda mentre giocate in movimento, ma i miglioramenti nell’ergonomia non finiscono qui: tutti i pulsanti sono più grandi, sono presenti dei grilletti posteriori posizionati a portata di dito medio o anulare e il set è dotato di funzione turbo per accelerare l’input di pressioni al secondo di un tasto a scelta (utile ad esempio per saltare i dialoghi o per il grinding negli strategici a turni). Quest’ultima è tra le feature più interessanti e, assieme alla possibilità di programmare i grilletti posteriori, rende lo Split Pad Pro il miglior controller per giocare in modalità portatile.
Veniamo al vero punto debole dell’Hori: questi Joy-Con alternativi funzionano solo quando sono collegati allo Switch, dal momento che non hanno batteria interna o sensori. Si ha comunque la possibilità di acquistare la versione con adattatore per giocare in modalità cablata, che ha un ingresso per cuffie e microfono, ma anche un prezzo superiore a quello del Pro Controller.

Migliore per retrogamer: 8BitDo Pro 2

8BitDo produce alcuni dei migliori controller retro (ovvero che richiamano altri modelli storici) disponibili sul mercato. L’estetica “primi anni ’90” e la sensibilità moderna dell’8BitDo Pro 2 sembrano fatte su misura per l’ampio catalogo di giochi classici riproposti sullo store online di Nintendo Switch.
I pulsanti, il pad direzionale e i tasti posteriori hanno tutti un “clic” e un feedback molto simile a quello del controller originale del Super Nintendo, tuttavia le impugnature allungate e le levette centrali assomigliano molto a quelle dello storico DualShock della PlayStation 1.
8BitDo Pro 2 è dotato di supporto rumble (anche se non HD) e di controllo del movimento per giochi come Fortnite e Splatoon 3, che consentono la mira giroscopica. Sul retro è presente un interruttore che permette di passare dalla modalità Nintendo Switch ad Android, D-input e X-input, ciascuna con le proprie personalizzazioni di controllo e il proprio profilo Bluetooth.

Installando il software Ultimate di 8BitDo su un dispositivo mobile o un computer Windows, è inoltre possibile personalizzare la mappatura dei tasti e la sensibilità dei grilletti e delle leve analogiche. È anche possibile salvare fino a tre profili di gioco e scorrerli con un pulsante posizionato tra gli stick analogici.
Questo controller offre molto per il prezzo a cui è venduto (è il più economico tra i controller wireless da noi scelti) ed è una delle soluzioni preferite dai gamer più nostalgici e da quelli abituati a maneggiare un DualShock o un DualSense.

Migliore cablato: PowerA Spectra Enhanced wired controller Nintendo Switch

Se alcuni giocatori preferiscono portare con sé il proprio Switch ovunque vadano, altri lo tolgono raramente dalla docking station. Se rientrate in quest’ultima categoria e preferite un gamepad che non debba essere ricaricato, lo Spectra Enhanced di PowerA può essere un buona soluzione.
Va notato che, come molti altri controller di terze parti, non offre il rumble HD o i controlli di movimento, quindi se prevedete di giocare a giochi che si basino su queste funzioni, lo Spectra non sarà così utile. Essendo un controller cablato, però, non dispone di una batteria interna ed è sempre pronto all’uso. Il cavo in dotazione dev’essere collegato alla porta USB del dock, ma la lunghezza di 3 m consente di utilizzarlo senza problemi anche dal divano. La scocca è nera, ma i bordi dei tasti e il profilo del gamepad sono illuminati con LED di otto colori diversi, un dettaglio che gli amanti degli accessori per gaming apprezzeranno sicuramente.

Oltre ai normali pulsanti e grilletti, questo controller presenta quattro pulsanti aggiuntivi sul retro: due tasti mappabili, uno di programmazione e uno per la scelta del colore dei LED. Infine, una particolarità dello Spectra è la presenza di un jack alla base per connettere le cuffie cablate durante il gioco.
In definitiva, PowerA Spectra Enhanced Wired Controller è una buona alternativa al Pro Controller, ma come abbiamo detto non ne riprende le funzioni uniche. Rappresenta piuttosto un buon controller di riserva quando si gioca con gruppi di amici o il controller principale è scarico.

Le domande più frequenti sui controller Nintendo Switch

Meglio Joy-Con o Pro Controller?

Entrambi offrono gli stessi pulsanti e le stesse funzioni, ma sono pensati per scopi diversi. I Joy-Con permettono di giocare sia in modalità portatile, sia fissa; sia da soli, sia con un altro giocatore. Sono perfetti per i minigame, i party game (soprattutto se si gioca con i bambini) e tutti quei giochi che richiedano movimenti da parte del giocatore (pensate a Just Dance!).
Il Pro Controller è più adatto a chi è abituato ai gamepad di Xbox e PlayStation: è pensato per i giochi meno “casual” e i single player, come gli sparatutto e i giochi d’azione. Inoltre è molto più ergonomico da usare quando la console è collegata alla docking station.
Considerate infine le prestazioni della batteria: i Joy-Con si ricaricano in circa 4 ore e hanno un’autonomia di 20, mentre il Pro Controller richiede 6 ore di ricarica e dura fino a 40 ore.

Quale Joy-Con non ha il drift?

Chi ha già un Nintendo Switch sa bene che, prima o poi, il proprio controller (sia questo un Joy-Con o un prodotto di terze parti) andrà incontro a problemi di drift che non si risolvono ricalibrando la periferica o pulendo la levetta direzionale. Il problema si verifica perché la console rileva un falso movimento delle leve direzionali (ovvero il personaggio si muove da solo), ed è così diffuso che da qualche tempo Nintendo ha iniziato a offrire agli utenti riparazioni gratuite.
Ad oggi, l’unico controller non affetto da drift non è un prodotto originale Nintendo, ma da un altro marchio: è il GuliKit KingKong 2 Pro, dotato di un’innovativa tecnologia elettromagnetica che impedisce l’insorgere di questo spiacevole problema nel tempo.


Copyright Klikkapromo srl – È vietato ogni sfruttamento non autorizzato