Come fare il latte di mandorla con l’estrattore di succo?

Come realizzare il latte di mandorla in casa in 3 semplici mosse

Il latte di mandorla è una bevanda davvero ottima, ricca di sostanze nutritive e povera di grassi.
I prodotti che si trovano in commercio sono spesso pieni di zuccheri aggiunti e conservanti, sostanze chimiche che rendono questa bibita molto meno salutare rispetto al latte di mandorla preparato in casa.
La vera ricchezza del latte di mandorla artigianale è quella di possedere una percentuale di calorie davvero esigua (circa 50 calorie ogni 100 ml). Questa bevanda è inoltre priva di lattosio e colesterolo, proprietà che la rende adatta a qualsiasi tipo di dieta o abitudine alimentare.latte di mandorla fatto in casa
Il latte di mandorla è inoltre ricco di fibre e vitamine. Al suo interno, infatti, si trovano calcio, zinco, potassio, fosforo, vitamina E, ferro e magnesio, tutte sostanze che favoriscono l'accelerazione del metabolismo e la corretta digestione.

Ma come si prepara il latte di mandorla nella propria cucina?

La risposta a questa domanda è molto semplice. Grazie a un utile elettrodomestico, l'estrattore di succo, preparare il latte di mandorla in casa sarà un processo davvero alla portata di tutti.come fare il latte di mandorla ingredienti
Tra i vari modelli di estrattore di succo disponibili sul mercato è necessario dotarsi di un prodotto che lavori a freddo per preparare il latte di mandorla. Ciò permette infatti di conservare al meglio le proprietà nutritive delle mandorle. Se volete avere un'idea più precisa delle caratteristiche da ricercare in un estrattore di succo vi consigliamo di dare un'occhiata alla nostra guida all'acquisto. Per chi, invece, ha già le idee chiare ecco un brevissimo elenco con 5 estrattori di succo adatti a tutte le esigenze, dal più economico al più costoso:

Tutti i passaggi per fare il latte di mandorla con l'estrattore di succo

1) Mettere le mandorle in ammollo

mandorle in ammollo

Il primo step per realizzare in casa il latte di mandorla è molto semplice. Si tratta di mettere le mandorle a bagno in acqua fredda, così da ammorbidirle e renderle idonee alla spremitura.
Il tempo di riposo delle mandorle nell'acqua può variare tra le 12 e le 24 ore: un maggiore o minore tempo di posa dipende soprattutto dalla quantità di mandorle che volete trattare.
Per realizzare il latte di mandorla si possono utilizzare sia mandorle sbucciate che mandorle con la buccia: la scelta dipende dai vostri gusti in quanto il latte di mandorla realizzato con mandorle con la buccia risulterà più scuro ed intenso.
Dopo l'ammollo rimuovere la buccia dai frutti sarà molto semplice: basterà esercitare una leggera pressione su ogni mandorla.

2) Inserire mandorle e acqua nell'estrattore di succo

inserire mandorle e acqua nell'estrattore

Trascorso il tempo di posa delle mandorle potete procedere con l'estrazione del succo. Per ottenere il latte di mandorla sarà necessario aggiungere ai frutti anche dell'acqua: soltanto in questo modo sarà possibile ottenere la tipica consistenza del latte di mandorla. La proporzione da seguire per regolarsi sul quantitativo di acqua va da 1:3 a 1:5. Ciò significa che per 100 g di mandorle potranno essere aggiunti dai 300 ai 500 ml di acqua a seconda delle preferenze, tenendo presente che a un minore quantitativo di acqua corrisponde una consistenza più densa.

3) Ripassare il latte ottenuto nell'estrattore

ripassare latte nell'estrattore

Questo passaggio è molto importante poiché permette di eliminare completamente i residui di polpa e ottenere una consistenza liscia e cremosa. La sua realizzazione è molto semplice: basterà inserire nuovamente il liquido realizzato all'interno dell'estrattore. La quantità di volte in cui è necessario ripassare il latte di mandorle varia in base all'efficienza del vostro estrattore di succo. In genere sono necessarie 3 passate per eliminare tutti i residui.
Una volta raggiunta la consistenza desiderata potrete scegliere se dolcificare il vostro latte di mandorla con qualche cucchiaio di zucchero o di lasciarlo al naturale. Per i più golosi consigliamo l'aggiunta di qualche goccia di sciroppo di glucosio.
Adesso il vostro latte di mandorla è davvero pronto: non vi resta che trasferirlo in una bottiglia in vetro e gustarlo!

Qualche consiglio per conservare il latte di mandorla ed utilizzare al meglio la polpa

Il latte di mandorla preparato in casa si conserva tranquillamente in frigorifero per un massimo di 2 giorni: trascorso questo tempo infatti la sostanza tende a perdere le sue proprietà nutritive.
Il nostro consiglio è comunque quello di bere il latte di mandorla appena preparato: avrà un sapore fresco ed intenso davvero irresistibile.
Con il latte di mandorla fatto in casa è poi possibile preparare gustose ricette. Le preparazioni possono essere realizzate sia con la bevanda che con gli scarti di polpa.latte di mandorla e polpa
Il latte di mandorla può essere inoltre un sostituto del latte vaccino in tutte le ricette che lo prevedono: creme, vellutate, dolci o contorni.
Con la polpa invece potrete preparare molti dolci diversi: biscotti, torte, semifreddi o gelati.
Basterà fare una piccola ricerca online ed in pochi minuti troverete tantissime ricette che prevedono l'utilizzo di questi ingredienti. Il latte di mandorla e gli scarti di polpa sono infatti molto utilizzati nella cucina vegana e nelle diete povere di lattosio e zuccheri.

Estrattore di succo: prodotti recensiti

Centrifuga: prodotti recensiti

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!
Ogni settimana informazioni preziose sui migliori prodotti ai migliori prezzi sul mercato. Inserisci la tua email qui sotto e clicca su iscriviti!