I migliori ripetitori WiFi del 2024

Confronta i migliori ripetitori WiFi del 2024 e leggi la nostra guida all'acquisto.

amazon
151,35 €
redgaming
47,00 €
amazon
64,99 €
amazon
28,99 €
pskmegastore
13,12 €
computermilano
167,25 €
onekillerprice
48,36 €
senetic
65,42 €
pskmegastore
35,52 €
senetic
14,38 €
hitechonline
187,00 €
galagross
48,40 €
redgaming
66,60 €
toneramico
35,79 €
3gweb
14,48 €
senetic
195,69 €
ewide
48,67 €
pskmegastore
73,22 €
galagross
37,61 €
amazon
14,99 €
sferaufficio
204,40 €
amazon
49,99 €
omnitekstoreit
49,50 €
toneramico
16,78 €

Dati tecnici

Standard Wi-Fi

Wi-Fi 6

Wi-Fi 5

Wi-Fi 6

Wi-Fi 4

Wi-Fi 4

Banda

Dual band

Dual band

Dual band

Single band

Single band

Velocità nominale

1.800 Mbps

1.750 Mbps

1.776 Mbps

300 Mbps

300 Mbps

Mesh

WPS

Access point

QoS

Tipo antenne

Interne

Esterne

Esterne

Interne

Esterne

Numero antenne

2

3

2

n.d.

3

Porte LAN

4xGigabit

1xGigabit

1xGigabit

1xFast

1xFast

Utilizzabile all'esterno

Punti forti

Crittografia WPA-PSK (AES)

Si può usare anche come access point

Tecnologia Wi-FI 6

Certificazione IP65

Ottimo prezzo

Compatibile con quasi tutti i modem/router attuali

Fino a 1.201 Mbps su 5 GHz

Ben 500 metri di raggio

Consuma solo 3 W

Gestisce elevato traffico dati

Supporta OneMesh (a differenza del RE505X)

Ottimo prezzo

Certificato di sostenibilità RoHS

Facile da installare

Ripetitore Wi-Fi senza corrente elettrica (PD PoE)

Punti deboli

Non supporta la crittografia WPA3

Configurazione poco intuitiva

Idoneo per usi molto limitati

Istruzioni in lingua inglese

Adattatore PoE non incluso

Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa

Come scegliere il ripetitore Wi-Fi

Benvenuti nella nostra guida all’acquisto che vi aiuterà a decidere quale ripetitore Wi-Fi scegliere per migliorare la rete di casa vostra o del vostro ufficio. Partiamo subito dalle basi.

Come funziona un ripetitore Wi-Fi

Il funzionamento di un ripetitore è abbastanza semplice. Questa periferica si connette al router come un qualunque altro dispositivo, ne riceve il segnale e lo amplifica, permettendo così anche ad altri device di collegarsi alla rete anche in punti che non sono normalmente raggiunti dal router. Ripetitore WiFiIn alternativa al ripetitore ci sono le powerline, che per estendere la Wi-Fi sfruttano i cavi della rete elettrica, anziché cavi di rete o segnali radio. Se pensate una powerline possa essere una soluzione migliore per voi, consultate la nostra guida all’acquisto dedicata:

Design

Al di là delle componenti elettroniche, l’involucro esterno dei ripetitori Wi-Fi è sempre in plastica e sono dello stesso materiale anche le antenne. Quello che cambia sono ovviamente il design e le dimensioni del ripetitore Wi-Fi, che può essere sostanzialmente di due tipologie:

  • Modelli più semplici, compatti ed economici, che si possono attaccare direttamente a una presa di corrente;
  • Modelli più complessi, che ricordano nell’aspetto un router o modem Wi-Fi, e sono dunque più ingombranti e devono essere installati su un ripiano o fissati alla parete.

Fatte queste necessarie premesse, procediamo a trattare gli aspetti fondamentali da considerare per scegliere quale ripetitore Wi-Fi comprare.

1. Standard Wi-Fi

Quando si vuole acquistare un ripetitore Wi-Fi per migliorare la copertura del router è fondamentale come primo passo verificare proprio a che standard Wi-Fi sia aggiornato il router stesso. Questo è particolarmente importante poiché, se lo standard del vostro router non è supportato anche dal ripetitore di vostra scelta, i due dispositivi non riusciranno a dialogare tra di loro allo stesso livello e avrete fatto un acquisto inutile.Ripetitore Wi-Fi standardFortunatamente, molti dei modelli di amplificatore Wi-Fi più recenti supportano un ventaglio di standard di rete abbastanza ampio da poter essere considerati universali, compatibili cioè con qualunque router. Prestate comunque attenzione: i ripetitori Wi-Fi aggiornati allo standard Wi-Fi 4 e inferiori (802.11a/b/g/n) non comunicano, ad esempio, con un router Wi-Fi 5 (802.11ac) che non supporti anche gli standard precedenti. Se cercate un ripetitore davvero universale, pronto a dialogare con qualunque dispositivo abbiate in casa, accertatevi che il ventaglio di standard sia completo, dunque almeno dal Wi-Fi 5 in giù, il che significa 802.11a/b/g/n/ac.
Allo stesso modo, se nella vostra casa avete già adottato un modem router aggiornato all’ultimo standard, il Wi-Fi 6 (802.11ax), sarà necessario che anche i vostri ripetitori adottino l’ultima tecnologia. In questo caso, però, viste le potenzialità di questo nuovo standard, potreste optare anche per un kit mesh: vediamo in una tabella i pro e i contro delle due soluzioni.

  Rete Mesh Rete tradizionale
Gerarchia N erogatori
cooperanti
Router erogatore
+ N ripetitori
Architettura 1 rete
(1 SSID)
N reti
(N SSID)
Accesso Automatico
dal punto più potente
Manuale
dal ripetitore più potente
Router scollegato Collegamento ad altro punto Disattivazione della rete

Ripetitore WiFi copertura

Compatibilità con il modem router

Allo stesso modo è importante acquistare un ripetitore Wi-Fi che riceva e trasmetta dati sulle stesse frequenze utilizzate dal router. Le frequenze utilizzate dipendono sempre dagli standard Wi-Fi supportati, per cui anche in questo caso con un ripetitore universale sarete già sicuri di avere un apparecchio compatibile. Se il vostro router ad esempio è Dual Band, e sfrutta dunque sia la banda dei 2,4, sia quella dei 5 GHz, sarà necessario che anche il ripetitore Wi-Fi sia Dual Band, pena la perdita di una delle due frequenze, solitamente quella più veloce da 5 GHz. Ripetitore WiFi Dual BandAllo stesso modo, se avete un router Single Band, che trasmette cioè solamente sui 2,4 GHz, non vi servirà un ripetitore Dual Band, perciò potrete acquistare un modello più economico Single Band e rimanerne perfettamente soddisfatti.

Velocità di trasferimento dati

Infine, dovete considerare anche la velocità di trasferimento dati complessiva di un ripetitore Wi-Fi. Dobbiamo subito precisare alcune cose: innanzitutto (discorso che vale anche per i router e modem router Wi-Fi) la velocità complessiva che troverete indicata tra le specifiche tecniche di un ripetitore Wi-Fi non corrisponde alla velocità di trasferimento dati massima che il dispositivo può raggiungere. Questo dipende dal fatto che la velocità dichiarata dai produttori indica piuttosto il volume di dati complessivo che un ripetitore può gestire simultaneamente, sfruttando le frequenze che ha a disposizione e in base agli standard Wi-Fi che supporta. Per questo, ad esempio, su un ripetitore Dual o Tri Band troverete indicato il volume di traffico sostenibile per ciascuna frequenza, che sommati danno la velocità complessiva.Ripetitore Wi-Fi velocitàIn secondo luogo, bisogna ricordare che un ripetitore Wi-Fi utilizza una metà circa della banda che ha a disposizione per la ricezione del segnale Wi-Fi e l’altra metà per ritrasmetterlo: per questo la velocità effettiva è sempre più bassa di quella dichiarata e sempre inferiore a quella che si raggiunge quando si è coperti dal segnale proveniente direttamente dal router. Questo dettaglio va considerato se, ad esempio, il vostro ripetitore Wi-Fi vi deve permettere di giocare online o guardare film in streaming: in questo caso vi converrà optare per un modello di fascia alta, ad alta velocità e Dual Band.
Non dimentichiamo poi che il punto in cui si installa il ripetitore Wi-Fi è fondamentale ai fini di una corretta e soddisfacente estensione del segnale: dovete tenere presente infatti che il ripetitore raccoglie e ritrasmette il segnale così come lo riceve. Vale a dire che, se collocate il vostro ripetitore in un’area della casa in cui il segnale del router è già molto debole, quello che l’amplificatore Wi-Fi trasmetterà sarà a sua volta un segnale debole. Per questo l’ideale è installare i ripetitori Wi-Fi in un’area in cui il segnale del router sia almeno di media potenza.

2. Funzioni

In secondo luogo è opportuno considerare le funzioni di cui un ripetitore Wi-Fi è dotato, poiché queste si possono rivelare più o meno utili a seconda del tipo di traffico dati che producete e delle caratteristiche della vostra rete domestica. Praticamente tutti i ripetitori Wi-Fi sono dotati di funzione WPS (Wi-Fi Protected Setup), una procedura di connessione semplificata con il router di casa e con i dispositivi senza fili. Per quanto questa funzione faciliti di molto l’installazione di un ripetitore Wi-Fi, la sua sicurezza non è delle migliori, per questo (a meno che non viviate in una zona isolata) vi raccomandiamo di connettere sempre manualmente il dispositivo al router, servendovi del pannello di controllo.
Detto ciò, i ripetitori Wi-Fi possono funzionare in diverse modalità, a seconda del modello e della fascia di prezzo.

Solo ripetitore

I più semplici modelli di ripetitore Wi-Fi sono studiati per svolgere unicamente questo compito: raccogliere via wireless il segnale del router Wi-Fi e ritrasmetterlo sempre via radio, così da ampliarne la portata. Questo tipo di amplificatore del segnale Wi-Fi è solitamente molto piccolo ed economico e si può installare semplicemente infilandolo direttamente in una presa di corrente. La scelta è quella giusta se tutto quello che vi serve è l’estensione della copertura Wi-Fi in casa. In questo caso dovete posizionare il ripetitore dove il segnale Wi-Fi arriva forte e chiaro e non sono richieste grandi competenze. Il nostro consiglio è di prediligere un ripetitore della stessa marca del router.

Tuttavia, un ripetitore consuma una buona porzione della banda a disposizione del router, perché il processo di ricezione e trasmissione dei dati viene di fatto ripetuto due volte, il che comporta che l’effettiva velocità possa venire notevolmente ridotta. Inoltre, a meno che non optiate per una rete mesh, si creeranno due reti con nomi differenti, il che riduce la fluidità di circolazione dei dati. Per questo se avete bisogni più complessi è preferibile usare il ripetitore in modalità Access point.

Access point

Un ripetitore Access point è già più avanzato, perché è capace di creare lui stesso una rete Wi-Fi senza consumare la banda e di gestire il traffico di decine di client. Grazie alla porta LAN la rete wireless può continuare a funzionare anche se il router principale dovesse avere le antenne rotte. Quasi tutti i ripetitori oggi hanno la modalità Access point, che significa “punto di accesso”. Utilizzato in questa modalità, il ripetitore Wi-Fi crea un accesso Wi-Fi alla rete dove questo manca, ad esempio perché i dispositivi situati in una zona sconveniente non riescono a fruire bene della rete. Ripetitore Wi-Fi access pointCon la funzionalità Access point si possono collegare diversi dispositivi Wi-Fi a un router privo di funzionalità wireless per trasformarlo in un router Wi-Fi, oppure usare il ripetitore come “adattatore wireless” connettendo il dispositivo a una smart TV per dotarla di un trasmettitore Wi-Fi con il quale collegarla al modem/router di casa senza dover usare i fili.

Bridge

Le funzionalità bridge riguardano la connessione via cavo. La modalità di utilizzo “Bridge“, ovvero “ponte”, si ha quando il ripetitore eroga la connessione via cavo a dispositivi come smart TV o stampanti grazie a una o più porte di rete. I dispositivi così connessi vengono poi allacciati alla rete domestica tramite la connessione dell’amplificatore e diventano così accessibili anche al resto dei dispositivi di rete. Per la verità, il ruolo di Bridge può essere svolto anche in modalità AP, quando l’Access point combina due reti (quella del router e quella nell’area dove il router non arriva) usando la connessione wireless anziché quella via cavo.ripetitore wifi interfaccia softwareAddentrarci troppo nella teoria può confondere le idee, perciò ci limitiamo a consigliarvi, se state valutando un ripetitore economico con una sola porta LAN, di accertarvi che una volta impegnata la porta, ad esempio per collegare la console, questo sia capace di continuare a erogare contemporaneamente anche la rete Wi-Fi. Inoltre, sappiate che un ripetitore che abbia tutte e tre le funzioni elencate potrà essere configurato come ripetitore, AP o Bridge dall’interfaccia software.

Gestione e routing

Il pannello di controllo remoto del ripetitore Wi-Fi può essere molto simile a quello di un modem/router Wi-Fi e può dare accesso a un certo numero di funzioni, in particolare per quanto riguarda la gestione degli accessi alla rete domestica. Quasi sempre, questo tipo di dispositivo permette di visualizzare i dispositivi connessi alla rete. Le possibilità offerte includono normalmente l’inibizione dell’accesso ai dispositivi selezionati e, spesso, la programmazione di un orario di funzionamento dell’amplificatore Wi-Fi.Ripetitore Wi-Fi WPSIn qualche caso sono presenti anche funzioni QoS (Quality of Service) che consentono di stabilire, con un livello di dettaglio più o meno accurato, quale tipo di traffico debba ricevere la priorità di banda rispetto ad altri.

3. Antenne

Un ulteriore dettaglio cui fare attenzione all’acquisto di un ripetitore Wi-Fi sono le antenne di cui è dotato. Vi raccomandiamo infatti di fare caso a quante esse siano, più di dove le antenne siano collocate, se esternamente all’amplificatore oppure integrate al suo interno.
Ormai le antenne esterne non presentano più i vantaggi di un tempo: grazie alle nuove tecnologie che vengono integrate nella maggior parte dei dispositivi di fascia medio-alta, infatti, la distribuzione del segnale e la trasmissione e ricezione dei dati vengono ottimizzate in modo completamente automatico, senza necessità di orientare manualmente ogni singola antenna.Ripetitore Wi-Fi antenneTroverete sempre ripetitori con un minimo di due antenne (una in trasmissione, una in ricezione) e un massimo di dodici (nel caso di modelli con Wi-Fi 6). In futuro, il Wi-Fi 7 consentirà di arrivare anche oltre le 16 antenne. Il numero delle antenne è importante perché la loro funzione è ricetrasmittente: più antenne ci sono, maggiore è il numero di flussi di dati che un ripetitore Wi-Fi riesce a gestire simultaneamente, magari dedicandone uno esclusivamente alla connettività stabile con il router principale. Se tenete presente quanto abbiamo detto precedentemente, a proposito della velocità di trasferimento e dell’impiego di banda per la ricezione e ripetizione del segnale, ecco che l’importanza di avere un buon numero di antenne diventa evidente.

Mesh Wi-Fi

Sempre più dispositivi oggi riportano sulla confezione la dicitura “Mesh Wi-Fi“, un avanzamento tecnologico importante nelle periferiche di rete i cui benefici, però, non sono ancora chiari a tutti i consumatori. La vera differenza sta nell’efficienza con cui il segnale viene distribuito e gestito da tutti i componenti della rete. Se nelle accoppiate router-ripetitore più datate il ripetitore rischia di rallentare le prestazioni del router perché il segnale wireless viene solo amplificato, una rete mesh pone tutti i dispositivi sullo stesso piano. In questo modo tutti i suoi componenti possono assicurare prestazioni di alto livello, permettendo una diffusione del segnale molto più omogenea. Inoltre, i dispositivi mesh possono anche gestire automaticamente il traffico dati, dando priorità alle operazioni più importanti e assicurando la massima efficienza.

Anche se sul mercato sono presenti diversi kit mesh, ormai sono sempre più i ripetitori compatibili con questa tecnologia, che permettono di creare in completa libertà l’impianto che più rispetti le proprie esigenze. Con la rete mesh, inoltre, non ci si deve disconnettere e riconnettere alle reti (con conseguente caduta delle prestazioni) quando si pass da una zona all’altra della casa, perché i dispositivi creano una rete unica continua.

4. Porte

Un ultimo fattore da considerare prima dell’acquisto sono le porte presenti sul ripetitore Wi-Fi, in particolare se ritenete vi possa servire anche come Bridge.Router Wi-Fi porteI modelli più semplici, infatti, sono privi sia di porte di rete (LAN), sia di porte USB, e questo è compatibile con il loro semplice utilizzo di ripetitori del segnale Wi-Fi. Oggi però moltissimi modelli, anche di fascia economica, hanno almeno una porta LAN.

Porte LAN

Come abbiamo detto, alle porte di rete possono venire collegati dispositivi cablati privi di connettività Wi-Fi integrata, così da introdurli nella rete di casa. Le porte di rete che si possono trovare sui ripetitori Wi-Fi possono essere anche 3 o 4, più o meno veloci. Tipicamente, i modelli economici montano porte Fast Ethernet, dalla velocità di trasferimento massima di 100 Mbps, mentre i modelli di fascia media e alta montano quasi esclusivamente porte Gigabit Ethernet, con velocità fino ai 2,5 Gbps.

Porte USB

Sui modelli di fascia molto alta più complessi è possibile trovare almeno una porta USB. Queste sono utili per l’uso in modalità Bridge per la connessione di dispositivi privi di un connettore Ethernet. È il caso ad esempio di alcune stampanti e degli hard disk esterni che si vogliano condividere in rete.Ripetitore Wi-Fi porta USBAnche in questi casi il tipo di porte USB può essere o del vecchio tipo 2.0 oppure del più moderno tipo 3.0, la cui velocità di trasferimento dati è più che decuplicata rispetto allo standard precedente. Solitamente i connettori hanno la parte in plastica in nero o grigio nel caso di USB 2.0, blu se si tratta di USB 3.0.

Le domande più frequenti sul ripetitore Wi-Fi

Quali sono le migliori marche di ripetitori Wi-Fi?

Nel caso dei prodotti informatici come i ripetitori Wi-Fi, la marca da sola può già far capire che tipo di prodotto si stia prendendo in considerazione. Marche come TP-Link o NetGear, ad esempio, sono note per la produzione di prodotti di fascia medio-bassa generalmente economici, ma estremamente semplici da usare. Altri brand come Asus puntano invece su prodotti più specializzati per il gaming, progettati quindi per la gestione di elevato traffico dati generato dallo streaming online. Un produttore rinomato per il suo software molto facile e ricco di opzioni di personalizzazione è il tedesco AVM, i cui prodotti sono caratterizzati da un prezzo in generale più elevato e dall’attenzione alle ultime tecnologie.

Come si configura un ripetitore Wi-Fi?

Installare e configurare un ripetitore Wi-Fi è un’operazione semplicissima, che può essere svolta anche da chi non ha assolutamente alcuna esperienza con le periferiche di rete. Ci sono due metodi principali che possono essere seguiti a seconda del modello prescelto e, ovviamente, del router.

Configurazione via cavo

Questo tipo di installazione vale solo per i modelli di ripetitore Wi-Fi che dispongano di almeno una porta LAN. Sarà sufficiente collegare il ripetitore al router (a una presa della corrente) e aprire sul proprio browser un indirizzo dato dal produttore del ripetitore. In alternativa è anche possibile utilizzare gli indirizzi standard http://192.168.1.1 oppure http://192.168.0.1 per poter aprire il pannello di controllo del dispositivo. Ripetitore Wi-Fi installazioneSi tratta della configurazione più sicura ed è un metodo preferibile ogni qualvolta sia possibile sfruttare una porta LAN.

Configurazione via WPS

Quella WPS è una tecnologia senza fili che permette di eseguire l’installazione semplicemente premendo un pulsante. Va però ricordato che anche il router deve disporre di questa tecnologia e che il metodo via WPS viene considerato meno sicuro. Quando si attiva la connessione WPS sul proprio router, infatti, anche altri dispositivi vicini potrebbero avere accesso alla rete senza dover chiedere alcun permesso. È comunque una soluzione estremamente semplice e rapida.

Dove va posizionato il ripetitore Wi-Fi?

Una volta completata l’installazione, e dunque il collegamento con il router, sarà possibile spegnere il ripetitore Wi-Fi e posizionarlo nel punto della casa più adatto. Questa operazione può richiedere più tempo del previsto e, sfortunatamente, non esiste una soluzione universale che si adatti perfettamente a tutte le situazioni. Bisogna infatti verificare quali siano gli ostacoli che dividono il router e il ripetitore (come per esempio muri portanti o porte blindate) e considerare di conseguenza la potenza del segnale. In genere i ripetitori dispongono di un indicatore LED che permette di capire dove il segnale abbia una potenza ottimale per la ridistribuzione in altre zone della casa, per cui potrebbe essere necessario fare alcuni tentativi prima di trovare la posizione migliore per il ripetitore.

Si può usare un router come ripetitore Wi-Fi?

Anche se tecnicamente è possibile utilizzare un router secondario per estendere il segnale Wi-Fi, si tratta di un’operazione molto macchinosa e complessa, soprattutto per chi non ha particolare familiarità con la gestione delle periferiche di rete. Esistono diversi tutorial online per eseguire questo processo, ma ricordiamo che possono esserci variazioni a seconda dei modelli che si utilizzano e che è bene mettere mano alla configurazione di un router solo se si ha la certezza di poter correggere facilmente eventuali errori.

Cosa fare se il ripetitore Wi-Fi non funziona?

La prima cosa da fare è controllare che il modem-router a cui il ripetitore è collegato funzioni.
Controllate che tutti i cavi siano ben inseriti nelle prese: se dal controllo risulta tutto a posto, guida ufficiale alla mano, verificate lo stato dei LED del dispositivo. Questi vi segnaleranno se l’alimentazione elettrica è a posto, se il collegamento con il router è stabile, se il problema è del segnale Wi-Fi.
Nel caso ci siano collegamenti via LAN, se altri altri cavi uguali (anche in prestito dai vicini di casa) potete verificare che il cavo di rete non sia rotto.
Se tutti questi controlli sono andati a buon fine, provate a riavviare il ripetitore e a ri-eseguire la procedura di collegamento al router, così come indicata nelle istruzioni.

Esistono ripetitori Wi-Fi per esterno?

, esistono alcuni modelli di ripetitore Wi-Fi pensati per l’uso in ambienti aperti. Questo significa ovviamente che devono essere completamente protetti dalle intemperie (non solo pioggia, ma anche fulmini e temperature estreme) e dalla polvere, un dato che va verificato prima di effettuare l’acquisto. Alcuni modelli sono piuttosto ingombranti e sono pensati per essere fissati al muro, mentre altri hanno dimensioni molto ridotte e possono essere spostati a piacimento, utilizzandoli sia all’interno, sia all’esterno. Anche la copertura del segnale può cambiare radicalmente a seconda del modello e della fascia di prezzo: per coprire un giardino di grandi dimensioni sarà necessario investire cifre piuttosto alte (intorno ai 300 € per un singolo ripetitore), mentre chi ha esigenze meno importanti potrà trovare soluzioni molto più economiche, simili a quelle per interni.

Esiste un ripetitore Wi-Fi senza corrente elettrica?

, sono i ripetitori Wi-Fi con cavo LAN, preferiti da chi non vuole o non può gestire molti cavi. Sono Access point che non hanno bisogno di essere collegati alla corrente perché, appunto, sono alimentati tramite cavo LAN. Vengono chiamati anche Access point PoE oppure PoE+ (Power over Ethernet, standard IEEE 802.3af e 802.3at), perché corrente e connessione Internet viaggiano insieme lungo il cavo Ethernet. Perlopiù sono i ripetitori a soffitto quelli che sfruttano questa semplificazione pratica in termini di cablaggio. La versione più aggiornata a livello tecnologico è quella dei ripetitori PoE+, dove passa più energia elettrica.

Qual è il miglior ripetitore Wi-Fi per fibra?

I migliori ripetitori Wi-Fi per fibra, se volete conservare la grande velocità di banda che arriva a casa vostra, sono i ripetitori Wi-Fi più potenti. Sono tecnicamente come quelli per connessioni ADSL, ma le possibilità sono di fascia medio-alta. In questo modo avrete un segnale abbastanza potente da potervi dedicare alla fruizione, o magari all’erogazione, dei servizi streaming. 

Quanto costa un ripetitore Wi-Fi?

Il costo dei migliori ripetitori Wi-Fi può andare da circa 20 a oltre 200 € e naturalmente ai due estremi del ventaglio si trovano modelli molto diversi tra loro. I modelli economici sono infatti tipicamente ripetitori Wi-Fi da installare direttamente nella presa della corrente. Gli apparecchi più costosi sono invece più ingombranti, da installare a tavolo o a muro, con funzionalità Bridge e Access point. Hanno solitamente più antenne e offrono un maggior numero di controlli di gestione del traffico (routing).
Ricapitolando, ecco le fasce di prezzo e le relative caratteristiche dei ripetitori Wi-Fi:

  • Fascia di prezzo bassa: 20-30 €, velocità complessiva 300 Mbps o meno, Single Band, nessuna o 1 porta LAN, 2-3 antenne;
  • Fascia di prezzo media: 30-80 €, velocità complessiva 750-1.200 Mbps, Dual Band, 3-4 antenne, almeno 1 porta LAN;
  • Fascia di prezzo alta: > 100 €, velocità complessiva 1.900-6.000 Mbps, Dual Band, funzioni Bridge e di routing avanzate, fino a 4 porte LAN, fino a 12 antenne.


Copyright Klikkapromo srl – È vietato ogni sfruttamento non autorizzato

Domande e risposte su Ripetitore Wi-Fi

  1. Domanda di Salvatore Rendini | 24.06.2020 16:24

    Salve, ho un router TP Link 300M wireless N Gigabit (mod.TL-WR1043ND), vorrei ampliare il segnale in giardino a circa 50/60 metri dal Router:consigli?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 25.06.2020 09:22

      Per una distanza simile in esterno dovresti investire cifre molto alte (vedi il Netgear Orbi RBS50Y), ma considerando le prestazioni del tuo router potrebbe non valerne la pena.

  2. Domanda di Zampolli Pierferdinando | 22.05.2020 12:29

    Buon giorno, volevo sapere se è possibile collegare un cavo ethernet a un ripetitore al posto di usare wifi?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 02.06.2020 09:07

      Sì, se il ripetitore è dotato di una porta Ethernet.

  3. Domanda di Pippi | 01.05.2020 20:29

    Quali ripetitori sono consigliati per una distanza di 600 metri?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 02.06.2020 09:17

      Normalmente un segnale Wi-Fi non supera una portata di circa 90 m, anche in condizioni ottimali (ovvero senza ostacoli o interferenze). Per una portata simile non puoi contare su prodotti pensati per un uso domestico e dovresti rivolgerti a ditte specializzate in questo settore.

  4. Domanda di Marika | 09.04.2020 19:51

    Salve, ho una casa su due piani, segnale in wifi 56mbps,meglio un ripetitore o powerline?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 16.04.2020 14:11

      Dipende molto da come è organizzato il tuo impianto elettrico. Se usi una powerline devi essere sicuro che questa possa comunicare con il modem router tramite la stessa linea dell’impianto, mentre con un ripetitore avrai più flessibilità.

  5. Domanda di Saverio | 08.04.2020 18:59

    Casa 200 mq con mura molto spesse Ho routerTPLinkAC750 e ripetitoreTPLinkRE200 Voglio cambiare ripetitore con Fritz2400 o Netger7000.Quale consiglio?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 16.04.2020 14:12

      Il nostro test ha dato ottimi risultati con l’AVM Fritz!Repeater 2400.

  6. Domanda di Fabiana | 06.04.2020 12:52

    Buongiorno ho Vodafone Power Station volevo aumentare la copertura di rete wifi dall’altra parte di casa e alla smat Tv cosa mi consigliate?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 08.04.2020 11:46

      Puoi avere ottime performance con l’AVM Fritz!Repeater 2400.

  7. Domanda di Giuseppe | 05.04.2020 12:46

    Ciao!
    Vorrei inserire un ripetit. WiFi per un netgear router dgn2200. Desidero solo ampliare il segnale per arrivare ad altre camere.Consigli?
    Grazie!

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 08.04.2020 11:44

      Per il tuo router attuale può bastare un modello di fascia economica come il TP-Link RE200, ma se vuoi fare un investimento più duraturo per il futuro puoi orientarti su un prodotto più performante come l’AVM Fritz!Repeater 1200.

  8. Domanda di Gerardo Galluccio | 31.03.2020 12:15

    Ho in dotazione un Modem FASTGate modello: DGA4131FWB.
    Cortesemente quale ripetitore da abbinare mi consigliate?
    Grazie

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 31.03.2020 15:25

      L’AVM Fritz!Wlan 1750E o se preferisci un modello di ultima generazione l’AVM Fritz!Repeater 2400.

  9. Domanda di maurizio barberini | 28.03.2020 17:22

    miglior abbinamento per router Wi-Fi (SSID)Fastweb modello Argo55
    Grazie
    Maurizio

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 31.03.2020 15:20

      Il router è abbastanza datato, tutti i ripetitori da noi segnalati sono compatibili anche con standard meno recenti, quindi puoi selezionare il modello che più rientra nel tuo budget (anche a seconda dello spazio in cui devi portare il segnale).

  10. Domanda di Giuseppe | 18.03.2020 19:45

    Buona sera, vorrei estendere la portata del modem router dell’Huawey E587con sim tim, che ripetitore potrei usare?
    Parlo di max una decina di metri.

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 20.03.2020 11:04

      Puoi orientarti su un modello di fascia media come l’AVM Fritz!Repeater 1200.