Le migliori multicooker del 2018

Confronta le migliori multicooker del 2018 e leggi la nostra guida all'acquisto.
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa

I 4 fattori decisivi per la scelta della multicooker

1. Struttura

La pentola multicooker è un elettrodomestico davvero molto utile. A metà tra una slow cooker ed un robot da cucina multifunzione, questo particolare apparecchio nasce per semplificare le preparazioni quotidiane.
Il suo funzionamento elettrico e le sue caratteristiche strutturali la rendono simile ad una friggitrice ad aria, con la differenza che nella multicooker sarà possibile cucinare praticamente qualsiasi piatto: dai fritti agli stufati, dalle verdure al vapore agli arrosti di carne.
Multicooker
Il funzionamento della multicooker è molto semplice: all'interno della macchina sono presenti una o più resistenze elettriche che consentono al prodotto di raggiungere le temperature adatte alla realizzazione di varie preparazioni.
Alcuni modelli sono inoltre dotati di ventole che consentono di effettuare anche cotture ventilate. Ciò risulta molto utile per la realizzazione di piatti, come risotti o polenta, che necessitano di un calore costante ma non elevato. Analizzeremo in modo più dettagliato le tipologie di cottura realizzabili e i programmi automatici nei paragrafi successivi.
Il primo elemento da valutare quando si cerca una multicooker, infatti, non riguarda le caratteristiche tecniche, ma piuttosto le caratteristiche strutturali che rendono il prodotto più o meno adatto alle vostre esigenze. Vediamo nello specifico quali differenze si possono riscontrare tra i vari modelli relativamente a questi elementi.

Ingombro

L'ingombro complessivo di una multicooker non è generalmente particolarmente elevato, anche se non si può certo affermare che si tratta di un elettrodomestico compatto. Anche i modelli meno capienti hanno una struttura mediamente ampia.
Il design esterno può essere molto diverso da un modello all'altro, ma la maggior parte delle multicooker ha comunque una forma che potremmo definire "cubica", in quanto ha approssimativamente le stesse misure sia in altezza che in larghezza. I modelli più grandi avranno una base larga circa 50 cm ed un'altezza che non supererà i 40 cm.
Sicuramente a un ingombro maggiore corrisponde una maggiore capienza, ma, nonostante ciò, le caratteristiche tecniche possono essere le stesse in modelli di diverse dimensioni.

Caratteristiche del cestello

Il cestello è il componente principale delle multicooker poiché al suo interno sarà possibile preparare le varie pietanze.
Multicooker cestello
Le caratteristiche da valutare per individuare il cestello più idoneo alle vostre necessità sono molteplici:

  • Capienza: si tratta del primo elemento da prendere in considerazione poiché da questo dipende il numero di porzioni che sarà possibile realizzare in una sola volta. I modelli più grandi sono dotati di un cestello dalla capienza che va dai 4,5 ai 6 litri. Queste multicooker consentono la preparazione simultanea di circa 5/6 porzioni e risultano quindi adatti alle esigenze delle famiglie più numerose. I modelli più compatti sono invece dotati di un cestello dalla capienza di circa 3/4 litri, che consente la realizzazione di 2/4 porzioni. Ricordiamo che il numero di porzioni realizzabile è sempre approssimativo, in quanto dipende dal tipo di alimento cucinato;
  • Materiali: i materiali con cui viene realizzato il cestello sono molto importanti in quanto da essi dipendono sia la qualità della macchina che la necessità di aggiungere o meno grassi durante la cottura. La maggior parte dei cestelli è realizzata in materiali antiaderenti come il teflon, che consentono una diffusione del calore abbastanza omogenea e risultano adatti a cucinare senza grassi aggiunti. Il rivestimento interno dei cestelli potrà essere anche realizzato in ceramica, più resistente ai graffi e al deterioramento, o in alluminio pressofuso, un materiale leggero e molto resistente al calore;
  • Numero di cestelli: le multicooker possono presentare un numero variabile di cestelli, da usare però in modo alternato. Ad oggi, infatti, non esistono sul mercato prodotti per uso domestico che consentono di cuocere simultaneamente due preparazioni in due cestelli diversi. Avere due cestelli è comunque un vantaggio poiché potranno essere utilizzati alternativamente in base alle preparazioni, alla quantità di alimenti ed al tipo di cottura;
  • Presenza della pala mantecatrice: il cestello può infine essere provvisto di una pala mantecatrice che consente di girare continuamente la pietanza in modo automatico durante tutta la preparazione. Questo elemento risulta fondamentale per la buona riuscita di alcuni piatti come risotti o polenta, mentre potrebbe essere inutile per altre ricette come dolci o cotture a vapore. Proprio per questo motivo in molti modelli questo accessorio può essere rimosso in base alle necessità.

Display e comandi

L'ultimo elemento strutturale da valutare riguarda la facilità di impostazione dei vari programmi. I modelli migliori sono dotati di un display retroilluminato corredato da pulsanti, i quali possono essere dedicati ai vari programmi o possono fungere da menù di navigazione.
Multicooker display In generale possiamo affermare che maggiore è il numero di pulsanti dedicati alle varie funzioni di cottura più agevole sarà l'utilizzo della macchina. La stessa regola vale per il display, che dev'essere ben illuminato e chiaramente leggibile.

2. Programmi

Il secondo fattore da prendere in considerazione riguarda i programmi integrati all'apparecchio. Abbiamo già detto che la funzione principale della multicooker è quella di cuocere in modo automatico diversi alimenti, semplificando così il processo di preparazione delle varie pietanze.
Proprio per questo motivo questi elettrodomestici sono dotati di programmi preimpostati dedicati alle ricette più comunemente realizzate. Il numero di programmi che è possibile trovare nelle multicooker è variabile: i modelli più sofisticati dispongono di oltre 30 programmi automatici, mentre quelli più semplici possono avere sui 10 programmi automatici.
Multicooker programmi
A seguire trovate un elenco di tutti i programmi preimpostati che si possono trovare in una multicooker:

  • Dolci e lievitati: in base ai modelli sarà possibile trovare prodotti che separano gli impasti lievitati duri, come pane o pizza, dagli impasti morbidi come dolci e torte;
  • Zuppe e stufati: i modelli più sofisticati permetteranno la scelta tra zuppe di verdure come il minestrone, zuppe di carne come gli spezzatini e zuppe di pesce;
  • Carne in padella: questi programmi permettono di cuocere diversi tagli di carne in modo automatico simulando la cottura alla piastra o in padella;
  • Pesce in padella: simili a quelli per la carne, questi programmi sono però dedicati ai principali tipi di pesce;
  • Verdure in padella: si tratta di un programma dedicato alla preparazione di verdure soffritte;
  • Yogurt: un vantaggio delle multicooker più sofisticate è proprio quello di consentire la preparazione artigianale dello yogurt;
  • Patate fritte: serve ad ottenere delle patate fritte croccanti sia usando un prodotto fresco che uno congelato. In base all'apparecchio potrete avere anche la possibilità di realizzare una frittura ad aria, senza grassi.

Come abbiamo già detto questo è solo un elenco esemplificativo. Ogni modello dispone infatti di uno specifico numero di programmi che corrispondono a ricette preimpostate.

3. Funzioni

Anche questo paragrafo è suddiviso in due parti, poiché le multicooker sono dotate sia di modalità di cottura che consentono la realizzazione automatica di varie ricette che di altre funzioni che aiutano ad ottimizzare tempi e modalità di preparazione.Multicooker funzioni

Modalità di cottura

Anche questo aspetto è da valutare attentamente per trovare il modello più adatto a voi, in quanto un apparecchio che dispone di numerose modalità di cottura potrà essere sfruttato quotidianamente e rappresenterà un'ottima alternativa ai tradizionali forni o fornelli.
Le modalità di cottura consentite sono strettamente connesse alle caratteristiche tecniche delle multicooker. I prodotti con due resistenze, ad esempio, consentono spesso sia la cottura tradizionale che la cottura grill, mentre i prodotti dotati di ventola potranno fungere da forno, da pentola elettrica e da friggitrice ad aria. Ecco un altro breve elenco delle principali modalità di cottura delle multicooker:

  • Forno classico: questa cottura, adatta a dolci, lievitati e piatti solitamente realizzati al forno, consente la realizzazione delle pietanze grazie al calore emanato dalle resistenze presenti nell'apparecchio;
  • Ventilata: questa cottura è adatta a diverse preparazioni e sfrutta il calore generato dalla rotazione della ventola interna. Risulta adatta per risotti, polenta, patate e fritti leggeri. In alcuni prodotti può essere combinata a quella classica;
  • A vapore: anche questa modalità sfrutta la ventola, ma per cuocere a vapore sarà comunque necessario disporre dell'apposito cestello, frequentemente fornito in dotazione;
  • Grill: questa modalità sfrutta il calore massimo della resistenza superiore;
  • Frittura: trasforma la multicooker in una friggitrice vera e propria. Anche per questa modalità di cottura viene spesso fornito un apposito cestello forato con maniglia;
  • Lenta: questa modalità serve per cuocere a temperatura costante diversi tipi di alimenti che necessitano di tempistiche più lunghe;
  • Espressa: per cuocere in modo rapido alimenti semplici come patate congelate o verdure.

Altre funzioni

Le altre funzioni che si possono trovare nella multicooker permettono di aumentarne la versatilità, incidendo sul grado di personalizzazione di tempi e temperature di cottura. Le più comuni sono:

  • Timer: per programmare in anticipo l'avvio della preparazione. Il tempo di programmazione è variabile in base ai modelli;
  • Riscaldamento: per scaldare pietanze preparate in precedenza, sfruttando il calore della ventola o delle resistenze, in base al tipo di alimento;
  • Mantenimento in caldo: per tenere in caldo la pietanza dopo la preparazione. Anche in questo caso i tempi variano in base ai modelli;
  • Regolazione manuale della temperatura: per impostare la temperatura di cottura preferita per quella specifica pietanza;
  • Regolazione manuale dei tempi di cottura: quest'ultima funzione permette l'impostazione manuale dei tempi di cottura.

4. Accessori

Il quarto ed ultimo fattore è infine relativo agli accessori forniti in dotazione. Questo fattore è sicuramente connesso alle funzioni di cottura consentite. Abbiamo visto infatti che per alcune modalità è necessario utilizzare particolari accessori.Multicooker accessori
Vediamo brevemente quali sono gli accessori più frequentemente forniti in dotazione:

  • Cestello per cottura a vapore: quasi tutte le multicooker consentono le preparazioni a vapore. Questo cestello, di dimensioni variabili, serve a separare gli ingredienti dall'acqua, in modo da ottenere una cottura uniforme senza perdere alcuna proprietà nutritiva;
  • Pala mantecatrice: anche questo accessorio è molto diffuso. In base ai modelli sarà possibile trovare una pala mantecatrice removibile, fissa o un cestello extra con questo componente aggiuntivo;
  • Cestello per fritture: accessorio spesso opzionale, questo cestello trasforma la multicooker in una vera e propria friggitrice. Anch'esso ha una capacità variabile in base alle dimensioni del cestello principale;
  • Griglia: nelle multicooker più sofisticate sarà possibile effettuare anche cotture alla griglia e per effettuare queste preparazioni sarà necessario utilizzare l'accessorio dedicato;
  • Cucchiai e misurini: per dosare gli ingredienti o mescolare senza rigare la superficie interna del cestello;
  • Ricettario: per imparare nuovi modi di sfruttare la multicooker.

Altri fattori da tenere in mente per la scelta della multicooker

I materiali sono importanti?

I materiali che compongono la multicooker sono decisamente importanti. Come specificato nel paragrafo dedicato alla struttura di questi prodotti, è soprattutto il materiale del cestello interno a fare la differenza.
Il rivestimento migliore è sicuramente quello in ceramica poiché assicura una buona resistenza al deterioramento ed una diffusione uniforme del calore. Anche il rivestimento in altri materiali antiaderenti come il teflon è molto buono, ma è importante però ricordare che non sarà possibile lavare il cestello con spugne abrasive o mescolare con utensili in acciaio.
Sconsigliamo invece di acquistare multicooker che non dispongono di un cestello con rivestimento interno antiaderente: questi prodotti risultano più delicati e sarà sempre necessario aggiungere dei grassi per evitare che gli ingredienti si attacchino.

La marca è importante?

Come per tanti elettrodomestici da cucina, anche in questo caso troviamo dei marchi leader nel settore che per primi hanno lanciato questa particolare tipologia di prodotti sul mercato. Attualmente i brand più attivi nella produzione di multicooker sono De'Longhi, Moulinex, Russell Hobbs, Ariete e Redmond. I prodotti da loro realizzati sono adatti a diverse fasce di consumatori ed hanno un prezzo variabile.
Online e nei negozi specializzati in articoli da cucina è comunque possibile trovare multicooker prodotte da altri marchi. Se non si conosce l'azienda, prima di procedere all'acquisto consigliamo di controllare le recensioni degli altri utenti, le caratteristiche tecniche del modello e la presenza di una garanzia e di un centro di assistenza in lingua italiana. In questo modo potrete essere certi di avere un adeguato supporto in caso di guasto o malfunzionamento della multicooker.

Il prezzo è importante?

La multicooker è un prodotto leggermente complesso, sia dal punto di vista tecnologico che da quello strutturale. Proprio per questo motivo questa categoria di prodotti è piuttosto costosa.
In base alla capienza e alle funzioni di cottura sarà comunque possibile trovare articoli più o meno economici. In linea di massima possiamo affermare che le multicooker di fascia bassa hanno un prezzo che va dai 60 ai 100 euro mentre i modelli di fascia alta arrivano a circa 300 euro.
Trattandosi però di un elettrodomestico da cucina che può potenzialmente essere utilizzato ogni giorno consigliamo di orientarsi sempre su modelli di buona qualità. È meglio spendere qualcosa in più e assicurarsi una multicooker efficiente e multifunzionale piuttosto che optare per una spesa minore chiudendo un occhio sulla qualità.

Quali sono le migliori multicooker del 2018?

La tabella delle migliori multicooker del 2018 scelte dalla redazione di QualeScegliere.it

Prodotto Prezzo
migliore
Recensione
8,6 De’Longhi FH1396/1.BK 179,00 € Recensione
8 Redmond RMC-M4502E 89,00 € Recensione
7,9 Ariete 2941 54,40 € Recensione
7,6 Aigostar 30HGY 71,99 € Recensione
9,3 Moulinex Cookeo CE851100 249,99 € Recensione

Multicooker: tutti i prodotti recensiti

"Multicooker": hai dubbi? Facci una domanda!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecco i migliori tre prodotti della categoria.

8 visitatori su 10 approfittano di queste offerte.

La migliore

De’Longhi FH1396/1.BK

Miglior prezzo: 179,00€

Il miglior rapporto qualità prezzo

Redmond RMC-M4502E

Miglior prezzo: 89,00€

La più venduta

Ariete 2941

Miglior prezzo: 54,40€