Le migliori pentole a pressione del 2022

Confronta le migliori pentole a pressione del 2022 e leggi la nostra guida all'acquisto.

Amazon
190,28 €
Amazon
39,99 €
Amazon
89,90 €
Elettro casa
115,48 €
Amazon
76,99 €
Colombo di Maresso
119,90 €
Cossuto
119,90 €
Roccobimbo
127,42 €
Amazon
170,10 €

Tipologia

Tradizionale

Tradizionale

Tradizionale

Tradizionale

Tradizionale

Capienza

7 l

5 l

5 l

3,5 l

6,5 l

Funzioni

Selezione modalità di cottura

Selezione modalità di cottura

Selettore livello di pressione

Accessori extra

Dosatore, cestello per cottura a vapore

Dosatore, cestello per cottura a vapore

Ricettario

Per induzione

Punti forti

Valvola a 2 livelli di pressione

Fondo a 3 strati ad alto spessore

Si apre con una sola mano

Fondo a 3 strati ad alto spessore

Molto capiente

Funzione Vitamin per preservare vitamine e sali minerali

La valvola permette di controllare la fuoriuscita del vapore

6 sistemi di sicurezza

Garantita 25 anni

Due livelli di pressione selezionabili

Si apre con una sola mano

La valvola permette di controllare la fuoriuscita del vapore

Design elegante

Comodo manico a forbice

Fondo a 3 strati ad alto spessore

Fondo a 3 strati ad alto spessore

Manici ergonomici

Garantita 25 anni

Garantita 25 anni

Punti deboli

Nessun accessorio in dotazione

Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa

Come scegliere la pentola a pressione

La pentola a pressione è uno strumento molto utile in cucina. Questo accessorio consente, infatti, di realizzare diversi tipi di cottura in modo rapido e salutare.
Sono tante le caratteristiche che differenziano la pentola a pressione dalle normali pentole da cucina: da un lato il suo funzionamento, che sfrutta l’accumulo di pressione all’interno per la cottura dei cibi, dall’altro la sua struttura decisamente più complessa.
In commercio è possibile trovare molti modelli di pentola a pressione. Le principali differenze tra i vari tipi riguardano le caratteristiche strutturali e il funzionamento, aspetti che prenderemo in considerazione in questa guida all’acquisto, aiutandovi a scegliere il modello di pentola a pressione più adatto alle vostre esigenze.
pentola a pressionePrima di osservare questi aspetti, però, è necessario fare alcune precisazioni sul meccanismo di funzionamento della pentola a pressione. Trattandosi di un prodotto dal costo medio-alto, infatti, è fondamentale avere un’idea precisa delle sue potenzialità e dei suoi difetti.

Come funziona la pentola a pressione

Il funzionamento della pentola a pressione è abbastanza intuitivo poiché, come si evince dal nome, essa sfrutta l’accumulo di pressione che si crea all’interno per cuocere i cibi.
Ciò significa che la preparazione delle varie pietanze non avviene tramite la bollitura degli ingredienti, ma mediante il vapore: una modalità di cottura che consente di mantenere intatte le proprietà organolettiche di verdure, carne o pesce ottimizzando i tempi.
Al contrario delle pentole tradizionali, la pentola a pressione necessita dell’aggiunta di un piccolo quantitativo di acqua per la preparazione dei cibi. Dopo aver chiuso il coperchio, l’aria e il vapore non possono più fuoriuscire: questo fa aumentare la pressione interna nonché il punto di ebollizione dell’acqua (fino a 120 °C anziché 100), permettendo così di cuocere gli alimenti in tempi più brevi. Dal momento che l’evaporazione dei liquidi è limitata, i succhi degli alimenti rimangono intrappolati all’interno, consentendo alle pietanze di mantenere il loro aroma.

Valvole

Per evitare che si crei un livello di pressione troppo elevato, sul coperchio ermetico sono presenti due valvole: quella di esercizio (o di controllo) e quella di sicurezza. Al raggiungimento della pressione massima (2 bar), la valvola di esercizio si alza automaticamente, emettendo il tipico fischio che caratterizza questi prodotti e permettendo la fuoriuscita del vapore in eccesso.
La valvola di sicurezza, invece, entra in funzione al superamento della pressione massima, cioè se la valvola di controllo non funziona correttamente. Questo meccanismo crea un’ulteriore possibilità di fuoriuscita per il vapore. La maggior parte delle pentole a pressione ha una sola valvola di sicurezza, ma esistono anche modelli con doppia valvola di sicurezza.
La fiamma sotto la pentola a pressione deve essere inizialmente alta, per consentire che il liquido inserito all’interno arrivi a bollore il prima possibile, dopodiché, non appena la valvola di esercizio si alza, la fiamma può essere abbassata al minimo.pentola a pressione valvole

Capienza

Dopo la breve panoramica sul funzionamento e sulle possibilità di utilizzo della pentola a pressione, passiamo ad osservare i veri e propri fattori decisivi per acquistare il prodotto più consono alle proprie esigenze.
Il primo di questi fattori è sicuramente la capienza. La grandezza della pentola a pressione è, da un lato, strettamente connessa alle quantità massime di ingredienti che è possibile preparare e, dall’altro, alla fascia di prezzo in cui si colloca il modello.
I modelli più compatti sono solitamente più economici rispetto a quelli molto capienti. Tuttavia, se si ha una famiglia numerosa è necessario orientarsi sui modelli più grandi.
In base alla capienza possiamo distinguere due sottotipologie di pentole a pressione, ognuna adatta ad esigenze specifiche: le pentole a pressione piccole, con una capienza che va da 3 a 5 l, e le pentole a pressione grandi, con una capienza da 7 a 12 l.
Le prime sono particolarmente adatta alle esigenze dei single, delle coppie e delle famiglie composte da massimo tre persone, mentre le seconde sono invece più indicate per famiglie numerose o per chi ha l’abitudine di cucinare in grandi quantità.pentola a pressione cotture

Tipi di pentole a pressione

Il secondo aspetto che è necessario prendere in considerazione quando si cerca una pentola a pressione riguarda la tipologia, infatti questo strumento si è evoluto negli anni, offrendo oggi diverse possibilità.
Abbiamo già descritto il funzionamento della pentola a pressione, ma relativamente a questo aspetto è necessaria un’ulteriore precisazione. In commercio è possibile trovare pentole a pressione che, pur avendo lo stesso meccanismo di funzionamento, hanno particolari funzioni che le rendono più o meno avanzate dal punto di vista tecnologico.

Pentole a pressione tradizionali

Si tratta delle classiche pentole a pressione con coperchio ermetico e doppia valvola. I modelli più essenziali non presentano alcuna funzione aggiuntiva, ma risultano adatti a tutti i metodi di cottura precedentemente descritti. Tuttavia, negli ultimi anni i produttori hanno realizzato modelli sempre più complessi, che permettono di facilitare le operazioni di cottura o di adeguarsi alle nuove esigenze dei consumatori.
Ad esempio, alcuni modelli di fascia alta permettono di adattare la cottura al tipo di alimento: questo è permesso da una speciale valvola di esercizio che può essere regolata su più livelli di pressione, ad esempio uno per la cottura di alimenti delicati, come le verdure, e un altro per la cottura più rapida di carne e pesce.pentola a pressione livelli di cotturaEsistono inoltre delle pentole a pressione con un piccolo display da cui impostare un timer, che si attiva quando la pentola entra in pressione e suona o lampeggia allo scadere del tempo.
Infine, con la diffusione dei piani cottura a induzione anche le pentole a pressione possono avere uno speciale fondo compatibile con questo tipo di piastre.

Pentole a pressione elettriche

Si tratta di modelli meno diffusi di quelli tradizionali, che non possono essere utilizzati su fonti di calore tradizionali, ma necessitano invece di un attacco alla rete elettrica. Questi modelli stanno man mano scomparendo, soprattutto perché da qualche anno sono stati soppiantati da elettrodomestici più versatili come le multicooker, che permettono di realizzare altri tipi di cottura oltre a quella a pressione.

Accessori

Le pentole a pressione sono strumenti molto semplici, che perciò non richiedono tanti accessori come avviene invece per diversi elettrodomestici. Tuttavia, in alcuni modelli è possibile trovare degli utili elementi aggiuntivi che contribuiscono a facilitarne l’uso. Tra questi ci sono il cestello per la cottura a vapore, il ricettario cartaceo (o su app) e il misurino per dosare gli ingredienti.
In linea di massima, le pentole a pressione più accessoriate sono più costose dei modelli base.pentola a pressione cestello vapore

Manutenzione

Per quanto non si possa considerare un criterio di scelta tra diversi modelli di pentole a pressione, dal momento che richiedono tutti le stesse attenzioni, questo aspetto è importante per decidere se la pentola a pressione sia davvero lo strumento adatto per voi. Vediamo nel dettaglio il tipo di manutenzione che richiedono i diversi componenti.

Pentola

In linea generale, la manutenzione della pentola a pressione è abbastanza semplice. Trattandosi di pentole speciali che devono reggere una forte pressione e delle temperature molto alte, questi prodotti sono solitamente realizzati con materiali molto resistenti. La maggior parte dei modelli tradizionali è realizzata in acciaio inox, un materiale che rappresenta una vera e propria sicurezza perché è in grado di trattenere il calore e la pressione in modo ottimale, è resistente alle alte temperature e al deterioramento ed è particolarmente semplice da pulire. La base della pentola può essere lavata a mano o in lavastoviglie, mentre per il coperchio consigliamo il solo lavaggio a mano.pentola a pressione coperchioQuelle elettriche possono essere invece realizzate con doppio materiale: esterno in acciaio inox e interno in materiale antiaderente. La manutenzione di questo tipo di pentole è solitamente abbastanza semplice, in quanto molti modelli hanno un corpo esterno e una pentola interna che può essere rimossa dopo l’utilizzo e lavata sia a mano che in lavastoviglie. La principale accortezza da tenere presente con questi modelli è quella di evitare l’utilizzo di spatole in acciaio, poiché potrebbero rigare la superficie interna della pentola, diminuendo l’effetto antiaderente.

Valvole

Una maggiore attenzione la meritano le valvole, per evitare che l’eventuale ostruzione impedisca la corretta fuoriuscita del vapore. Questi elementi richiedono comunque una manutenzione minima: è sufficiente svitare la valvola di esercizio e soffiarci dentro. In generale, è sufficiente non superare il livello di liquido consigliato dai produttori per evitare di intasare le due valvole.

Guarnizione

Questa è presente in tutti i modelli in commercio ed è posizionata sul coperchio nel punto di giunzione con la pentola, per garantire la tenuta del sistema alla pressione. Per preservare questo elemento è importante evitare lavaggi o detergenti aggressivi. Se si dovesse consumare o rompere, va sostituita per permettere alla pentola di trattenere al meglio la pressione.

Le domande più frequenti sulla pentola a pressione

Quali cotture si possono effettuare con la pentola a pressione?

Con la pentola a pressione è possibile effettuare diversi tipi di cotture, quindi non soltanto bollitura e cottura al vapore. Elenchiamo di seguito i vari tipi di preparazioni:

  • Brasati: si realizzano facendo prima dorare i pezzi di carne e poi aggiungendo brodo o vino;
  • Arrosti: con la stessa tecnica è possibile realizzare anche arrosti di carne;
  • Cartoccio: questa preparazione è ottimale per il pesce;
  • Stufati: di carne, di pesce o di verdure;
  • Cottura al vapore: se è presente il classico cestello, può essere realizzata la cottura al vapore tradizionale;
  • Cottura a bagnomaria: anche per questo metodo è necessario un apposito cestello;
  • Doratura: utilizzando la pentola senza coperchio è possibile rosolare o dorare i vari ingredienti.

Da questo breve elenco si evince che il grado di versatilità della pentola a pressione è davvero molto alto.

Che cosa si può cucinare con la pentola a pressione?

Gli ingredienti che possono essere trattati con questo accessorio sono veramente molti. Ognuno ha tempi di cottura diversi, che dipendono sia dal metodo di preparazione scelto, sia dalla consistenza stessa dell’ingrediente.
Vediamo un breve elenco dei tempi di cottura e degli alimenti che vengono cotti più frequentemente con la pentola a pressione:

  • Legumi secchi: tra i 30 e i 40 minuti;
  • Legumi freschi: tra i 20 e i 30 minuti;
  • Riso: tra i 5 e i 7 minuti;
  • Stufati: tra i 20 e i 30 minuti;
  • Pesce: tra i 5 e i 10 minuti;
  • Verdura: tra i 4 e i 10 minuti;
  • Patate: tra i 15 e i 20 minuti;
  • Arrosti di carne: tra i 15 e i 30 minuti;
  • Bolliti di carne: tra i 20 e i 45 minuti;
  • Frutta fresca: tra i 2 e i 5 minuti.

Questo elenco è sicuramente molto generico, in quanto all’interno di ogni tipologia di ingrediente sono presenti alimenti dalla consistenza diversa, il che implica che i tempi di cottura varino in base a questo parametro.
Per aiutarvi ad avere un quadro più preciso molti prodotti includono un ricettario dettagliato in cui sono presenti i tempi di cottura di tutti gli alimenti.
pentola a pressione ricettario

La pentola a pressione è pericolosa?

Concludiamo la nostra guida all’acquisto della pentola a pressione affrontando un tema molto dibattuto: la pericolosità di questi apparecchi.
Molti consumatori sono erroneamente convinti che, se il processo di cottura non viene tenuto attentamente sotto controllo, la pressione accumulata potrebbe provocare vere e proprie esplosioni nella propria cucina. Questa idea è piuttosto errata: grazie alla presenza delle due valvole di sfiatamento, infatti, è quasi impossibile che il coperchio ceda alla pressione. La valvola di esercizio elimina progressivamente il vapore acqueo in eccesso, mantenendo la pressione interna ad un valore massimo di circa 2 bar.
Solo nel caso in cui entrambe le valvole fossero completamente otturate e si lasciasse la pentola sul fuoco per un tempo eccessivo la pressione interna potrebbe aumentare troppo. Lasciare la pentola sul fuoco troppo a lungo, d’altronde, potrebbe essere rischioso anche con altri tipi di tegame. Vi invitiamo tuttavia a controllare di tanto in tanto le valvole della vostra pentola (soprattutto se usate lo stesso modello da tanti anni) e assicurarvi che queste non siano intasate.
Dopo l’utilizzo è comunque necessario attendere qualche minuto prima di aprire il coperchio, così da evitare la fuoriuscita di un getto di vapore troppo intenso. Per sapere quando è il momento di aprire la pentola a pressione si possono seguire due metodi: il primo è attendere che la valvola di sicurezza si alzi e permetta di aprire il coperchio, la seconda è tenere per qualche minuto la pentola a pressione sotto l’acqua corrente. In questo modo il calore interno diminuisce in modo quasi istantaneo e potete gustare le pietanze realizzate quasi immediatamente.


Copyright Klikkapromo srl – È vietato ogni sfruttamento non autorizzato

Domande e risposte su Pentola a pressione

  1. Domanda di fusiello enza | 09.02.2020 17:10

    cerco una pentola a pressione da 1 lt o 1.5 lt

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 13.02.2020 09:45

      Le più piccole possono contenere 3 l.

  2. Domanda di Paola Aldinucci | 11.01.2020 07:37

    cerco pentola a pressione da 12/15 litri costo inferiore a 100,00

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 13.01.2020 11:41

      Purtroppo non abbiamo ancora avuto modo di trovare modelli che rispondono alle tue esigenze.

  3. Domanda di Aldo Valenti | 21.08.2018 08:48

    Vorrei sapere se esiste una pentola che può essere utilizzata in modo elettrico e sul fornello a gas?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 21.08.2018 08:57

      Purtroppo non ci risultano modelli di questo genere.

La migliore
Lagostina Domina Vitamin Lagoeasy'Up

Lagostina Domina Vitamin Lagoeasy'Up

Migliore offerta: 190,28€

Il miglior rapporto qualità prezzo
Barazzoni Cuociveloce

Barazzoni Cuociveloce

Migliore offerta: 39,99€