I migliori forni per pizza a gas del 2024

Confronta i migliori forni per pizza a gas del 2024 e leggi la nostra guida all'acquisto.

paniate
529,00 €
amazon
292,50 €
daltoscano
379,00 €
amazon
199,00 €
metro
199,48 €
daltoscano
529,00 €
vivaiovalpescaragarden
395,00 €
amazon
199,90 €
vivaiovalpescaragarden
569,00 €
thekingofbarbecue
412,90 €
semshop
219,00 €
hidrobrico
599,00 €
attrezzatureprofessionalicom
420,90 €
fratellimugnaini
222,00 €
comet
599,00 €
amazon
429,00 €

Dati tecnici

Alimentazione

Gas

Gas

Multicombustibile

Gas

Gas

Diametro max pizza consigliato

Ø 35 cm

Ø 25 cm

30 cm

Ø 25/28 cm

Ø 30,5 cm

Temperatura massima (nominale)

500 °C

500 °C

500 °C

400 °C

450 °C

Tempo di riscaldamento

20 minuti

20 minuti

15 minuti

20 minuti

n.d.

Tempo di cottura

60 secondi

90 secondi

1 min

90 secondi

n.d.

Termometro integrato

Accessori

Pietra refrattaria

Nessuno

Pietra refrattaria

Pietra refrattaria

Pietra refrattaria, pala per pizza

Peso

27 kg

9 kg

15,5 kg

15 kg

14 kg

Punti forti

Fiamma a L per una cottura più uniforme

Bruciatore a L

Pietra in cordierite 15 mm

Molto compatto

Pala per pizza inclusa

Tempi di cottura ultra rapidi

Facile da usare

Con porta a vetro

Disponibile anche con camera da 42,5 cm

Prezzo contenuto

Per pizze di grande diametro

Con regolatore di pressione

Utilizzabile con legna, carbone, gas

Molto semplice da usare

Diametro pizza abbastanza elevato

Buona ritenzione del calore

Molto leggero

Maniglia che si mantiene fredda

Possibilità di regolare la temperatura

Punti deboli

Accessori da acquistare a parte

Camera di cottura stretta

Apertura frontale molto stretta

Ritenzione del calore non eccellente

Versatilità limitata

Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa

I forni per pizza a gas

I forni per pizza sono uno dei prodotti più desiderati del momento grazie alla ritrovata passione degli italiani per la preparazione della pizza in casa. I forni per pizza a gas, tra tutti i forni da esterno, sono quelli che meglio coniugano prezzo e qualità dei risultati: se si pensa che anche pizzerie molto rinomate hanno scelto di utilizzare forni a gas si può facilmente intuire come i forni alimentati con questo combustibile non abbiano ormai niente da invidiare a quelli alimentati a legna o a carbone.forno per pizza a gasIn questa pagina vedremo tutte le caratteristiche dei forni per pizza a gas, identificando quali sono gli aspetti fondamentali da valutare per trovare il modello più adatto alle proprie esigenze. Vedremo inoltre i vantaggi e gli svantaggi dei forni a gas rispetto alle altre tipologie, risponderemo alle domande più frequenti su questi prodotti e osserveremo nel dettaglio i cinque migliori modelli di forno per pizza a gas attualmente disponibili online. Per maggiori informazioni sulle altre tipologie di forni per pizza consigliamo di consultare le nostre pagine dedicate ai forni per pizza elettrici e ai forni per pizza a legna e multicombustibile.

Come funziona un forno per pizza a gas

Il funzionamento dei forni per pizza a gas è molto semplice. All’interno della camera di cottura, di dimensioni variabili, si trovano uno o più bruciatori che, una volta accesi, permettono che all’interno della camera si raggiunga la temperatura ideale per la cottura della pizza. Il gas arriva ai bruciatori tramite un sistema di tubi che collegano la bombola (esterna) ai bruciatori; per quanto riguarda il tipo di bombola da usare, nella maggior parte dei modelli è possibile utilizzare le classiche bombole di gas metano o GPL/propano. In alcuni casi viene fornito in dotazione tutto il necessario per connettere la bombola al forno, mentre in altri casi è necessario comprare separatamente un regolatore di pressione, che permetterà al gas di fuoriuscire dalla bombola e raggiungere il bruciatore rispettando la pressione massima consigliata dalla casa produttrice. La base della camera di cottura è solitamente realizzata in pietra di tipo refrattario, che immagazzina il calore e lo eroga alla base della pizza durante la cottura. forno per pizza a gas funzionamentoDopo aver acceso i bruciatori bisogna attendere un tempo variabile in base al modello per il raggiungimento della temperatura giusta per la cottura; quando il forno è abbastanza caldo si può portare la pizza nel forno, utilizzando una pala, e procedere alla cottura. Il tempo di cottura varia in base ai modelli, ma è solitamente tra un minuto e un minuto e mezzo. Anche il numero di pizze che si possono cuocere contemporaneamente varia, ma solitamente nei forni per pizza a gas per uso domestico lo spazio è sufficiente per una sola pizza per volta. Quando avrete cotto tutte le pizze che desiderate, potrete spegnere il forno, disconnettere la bombola e attendere che si raffreddi prima di riporlo.

Caratteristiche del forno per pizza a gas

Anche se ogni modello presenta peculiarità specifiche, possiamo identificare delle caratteristiche comuni a tutti i forni per pizza a gas che li distinguono dai forni a legna e dai multicombustibile:

  • Utilizzo solo all’esterno: non esistono sul mercato forni per pizza a gas che possano essere utilizzati all’interno della propria abitazione per ragioni di sicurezza;
  • Bruciatori: come anticipato, all’interno della camera di cottura sono presenti uno o più bruciatori che permettono di avere fiamme vive di intensità regolabile direttamente all’interno della camera;
  • Camera di cottura bassa: per una migliore distribuzione del calore durante la cottura, la maggior parte dei forni per pizza a gas ha una camera di cottura più bassa rispetto ai modelli multicombustibile;
  • Fiamma regolabile: regolare l’intensità della fiamma nei forni per pizza a gas è molto più semplice rispetto ai modelli alimentati da altri combustibili, perché basta ruotare una manopola per diminuire o aumentare la fiamma;
  • Camera di cottura aperta: la maggior parte dei modelli per uso domestico ha una camera di cottura aperta, ovvero senza sportello frontale;
  • Base in pietra: tutti i forni per pizza a gas hanno una camera di cottura con base in pietra; la pietra e lo spessore possono variare, ma il tipo di base no: non si trovano ad esempio modelli con base in acciaio, ferro o mattoni;
  • Facilità di utilizzo: i forni per pizza a gas sono i più facili da utilizzare tra i forni da esterno e per questo sono i più adatti a chi voglia imparare, perché la gestione della temperatura è molto più semplice;
  • Facilità di pulizia: i forni per pizza a gas sono molto più semplici da pulire rispetto ai modelli a legna; il gas infatti non lascia cenere o altri residui come la legna e quindi la pulizia della camera di cottura è davvero immediata.

I vantaggi di un forno per pizza a gas

Rispetto alle altre tipologie di forni per pizza, i modelli a gas presentano sia vantaggi, sia svantaggi.
Per quanto riguarda le differenze con i forni elettrici per pizza, la cottura nei modelli a gas avviene in modo più rapido e il calore distribuito in modo diverso permette all’impasto di asciugarsi di meno. Questo è particolarmente evidente se si guarda ai cornicioni, che nei forni per pizza elettrici appaiono leggermente più secchi. Anche la cottura uniforme del cornicione è più facile da ottenere perché i bruciatori sono solitamente posizionati all’altezza della pietra, e ruotando la pizza all’interno della camera si ottiene un cornicione cotto alla perfezione anche sui lati.
Lo svantaggio principale rispetto ai modelli elettrici è invece l’obbligo di utilizzo all’esterno: da questo punto di vista i forni elettrici sono più versatili, perché possono essere usati indifferentemente all’interno o all’esterno e possono essere acquistati anche da chi ha poco spazio a disposizione e non ha né giardino, né balcone.forno per pizza a gas vantaggiPer quanto riguarda invece il confronto tra i forni per pizza a gas e i modelli a legna o multicombustibile, i vantaggi principali sono tendenzialmente due: le dimensioni più compatte, almeno per quanto riguarda i modelli per uso domestico, e la facilità di pulizia e di utilizzo. Lo svantaggio invece è che la cottura con il gas non attribuisce aromi particolari alla pizza, come invece avviene con la cottura a legna, che lascia un retrogusto più particolare.

I migliori forni per pizza a gas

Dopo aver illustrato le principali caratteristiche dei forni per pizza a gas e dopo aver spiegato il loro funzionamento e le differenze con gli altri forni per pizza possiamo proseguire passando in rassegna alcuni modelli disponibili online molto apprezzati ed acquistati dai consumatori. Segnaliamo che ci occuperemo solo di forni per pizza a gas per uso domestico, tralasciando i modelli ad uso professionale; prenderemo altresì in considerazione modelli disponibili nei principali shop online perché offrono un miglior rapporto qualità/prezzo e sono spesso venduti a prezzi molto più bassi rispetto ai modelli venduti solo tramite canali specializzati.

Il migliore forno per pizza a gas: Ooni Koda 16

Uno dei forni per pizza a gas più famosi tra quelli in commercio, prodotto da un brand pioniere nel mercato dei forni per pizza a uso domestico: stiamo parlando ovviamente dell’Ooni Koda 16, il forno a gas più performante di casa Ooni. La caratteristica che differenzia questo modello dagli altri forni per pizza in commercio è il grande bruciatore a “L” posizionato all’altezza della pietra. Questo copre tutta la parte posteriore della camera di cottura e il lato sinistro: grazie a questo è possibile una cottura della pizza rapida ed uniforme. Inoltre è necessario ruotare la pizza all’interno del forno solo una volta, a differenza dei modelli con un unico bruciatore posteriore nei quali per ottenere una cottura uniforme del cornicione la pizza va ruotata diverse volte. Un altro vantaggio di questo forno sono le dimensioni ampie della camera di cottura, circa 41 x 41 cm: grazie al maggiore spazio è possibile realizzare una più ampia varietà di stili di pizza (ad esempio la tradizionale napoletana dal diametro di circa 32 cm) ed è possibile concludere la cottura “a bocca di forno”. Una camera di dimensioni maggiori implica anche una struttura più ampia: se per voi l’ingombro eccessivo è un problema, sappiate che Ooni produce anche un modello simile, ma di dimensioni più compatte, l’Ooni Koda 12. Per saperne di più vi consigliamo di consultare la nostra pagina dedicata ai forni per pizza Ooni. Il tempo di riscaldamento è abbastanza breve, circa 15-20 minuti per raggiungere temperature di 450-500 °C; ricordiamo però che questo forno non ha il termometro integrato. Per controllare la temperatura bisogna quindi utilizzare un termometro laser, da acquistare separatamente.

Ci piace perché: ampia camera di cottura per maggiore versatilità, bruciatore a “L” per cottura più uniforme.

Il migliore qualità/prezzo: MasterPro Napoli

Possiamo considerare il MasterPro Napoli il forno per pizza a gas con il miglior rapporto qualità/prezzo principalmente per una ragione: la presenza di un bruciatore a “L” all’interno della camera di cottura. Si tratta di un modello molto più compatto rispetto all’Ooni Koda 16: le dimensioni infatti sono simili a quelle dell’Ooni Koda 12, con una camera di cottura di circa 30 x 30 cm. Le piccole dimensioni della camera da un lato lo rendono meno versatile, poiché è possibile solo realizzare pizze dal diametro non superiore ai 25 cm, dall’altro permettono di raggiungere temperature elevate in tempi brevi. La presenza del bruciatore a “L” è particolarmente utile per ottenere una cottura più uniforme, tuttavia, date le piccole dimensioni della camera, bisogna fare attenzione a regolare la fiamma in modo corretto per evitare che le parti della pizza più vicine al bruciatore si brucino. Per lo stesso motivo bisogna ruotare la pizza più frequentemente, perdendo uno dei vantaggi che un forno più grande con bruciatore “L” assicura. Un aspetto positivo di questo forno è che, essendo prodotto in Italia, viene venduto con il regolatore di pressione per le bombole del gas italiane: ciò implica che si possa iniziare ad usare il forno da subito e che l’assemblaggio e l’utilizzo siano più semplici. Un altro aspetto positivo è l’ingombro limitato, che vi permetterà di portare agevolmente questo forno anche fuori casa in contesti come picnic o grigliate.

Ci piace perché: bruciatore a “L”, facile da usare e montare, compatto.

Miglior multicombustibile: Ooni Karu 12G

Questo modello è la versione multicombustibile del popolare Ooni Karu 12, che funziona solo con legna e carbonella e non con il gas. In questo caso, utilizzando il GPL si risparmierà più del 30% rispetto ai modelli precedenti. L’Ooni Karu 12G un forno che fa della compattezza e della versatilità i suoi punti di forza. È infatti leggero e facile da trasportare, inoltre come tutti i forni Ooni è costruito con materiali e tecnologie all’avanguardia che garantiscono risultati di cottura eccezionali.
Il sistema di gestione del flusso d’aria permette che il forno raggiunga 450 °C in un quarto d’ora e si spinga poi fino a 500 °C, oltretutto grazie ai materiali utilizzati il Karu 12G è in grado di mantenere queste temperature così alte per molto tempo, sia sulla pieta in cordierite che nella camera di cottura. Con queste temperature, una pizza cuoce in soli 60 secondi. La porta in vetro borosilicato coibentato consente di controllare la cottura senza disperdere calore, inoltre la tecnologia ClearView impedisce che si accumuli fuliggine sul vetro.
Ci piace perché: molto versatile grazie al doppio combustibile, prestazioni eccellenti.

Il più economico: H.Koenig Gino 440

Questo modello è consigliato a chi cerca un forno per pizza a gas ma non vuole spendere più di 200 €, quindi per chi prepara la pizza occasionalmente. H.Koenig Gino 440 permette di cuocere pizze dal diametro di 30,5 cm, una misura standard per questo tipo di prodotti.
Sulla carta può raggiungere i 450 °C, tuttavia non può vantare la stessa ritenzione del calore dei modelli top di gamma, perciò è possibile che durante l’uso non riesca a mantenere più di 350 °C. Comprende una pietra refrattaria e una pala per girare la pizza.
Ci piace perché: prezzo basso, pala inclusa.

Il più compatto: Millarco Cozze 13

Questo forno è uno dei nuovi arrivati sulla scena dei forni per pizza a gas: la struttura ricorda abbastanza l’Ooni Koda 12 e il MasterPro Napoli, e anche in questo caso, come nell’Ooni Koda 12, troviamo un unico bruciatore, che qui è posto sul lato destro del forno e non nella parte posteriore della camera. Si tratta di un modello dal prezzo decisamente competitivo, forse uno dei forni pizza a gas più economici sul mercato: il motivo è la versatilità limitata, poiché la struttura è davvero molto piccola. Pur avendo una pietra in corderite da 34 x 34 cm, la bocca del forno ha dimensioni molto piccole (36 x 8 cm): ciò significa che, per ottenere una cottura uniforme e ruotare agevolmente la pizza nel forno, non è consigliabile superare i 25-28 cm di diametro. Chi preferisce una maggiore versatilità può optare per la versione più ampia, con camera da 42,5 cm. Un vantaggio che apprezziamo in questo modello, oltre alle piccole dimensioni che lo rendono facile da trasportare e portare con sé, è il termometro integrato, posizionato nella parte superiore esterna del forno. A proposito di temperatura, segnaliamo che il Cozze 13 non supera i 400 °C, temperatura comunque adatta ad ottenere una buona cottura per diversi tipi di pizza: se vi interessa saperne di più sulle temperature di cottura consigliate per le diverse tipologie trovate un nostro articolo dedicato proprio alla giusta temperatura per cuocere le pizze.

Ci piace perché: compatto e maneggevole, con termometro integrato.

Altre curiosità sui forni per pizza a gas

Quanto consuma un forno per pizza a gas?

Per capire i consumi di un forno per pizza a gas in modo da avere un’idea più o meno precisa di quante pizze si possano realizzare con una bombola è necessario avere delle informazioni preliminari e fare alcuni calcoli.
Per prima cosa bisogna sapere quale tipo di gas si possa utilizzare con il vostro modello: le diverse tipologie di gas hanno infatti una resa termica diversa. Con il termine resa termica si intende l’energia, misurata in kWh, prodotta da un determinato quantitativo di gas.
Nelle schede tecniche dei forni viene quasi sempre indicato il dispendio energetico del forno in un’ora: per fare un esempio pratico, nell’Ooni Koda 16 viene indicato che il bruciatore ha un consumo di 7 kWh.
Dopo aver identificato il consumo in kWh del forno, per capire il quantitativo di gas corrispondente bisogna identificare a quanti kWh corrisponda 1 m³ di gas. Alcuni valori di riferimento sono:

  • 1 m³ gas metano = 10,69 kWh
  • 1 m³ GPL/propano = 12,80 kWh

Possiamo quindi procedere al calcolo, seguendo questa proporzione: 1 m³ : valore in kWh corrispondente al gas scelto = X : valore in kWh riportato dal produttore.
Facciamo un esempio pratico con l’Ooni Koda 16, che funziona con propano o GPL. Sappiamo che il consumo indicato dal produttore è di 7 kWh e che 1 m³ di GPL corrisponde a 12,80 kWh, quindi faremo questa proporzione: 1 : 12,80 = X : 7. Per identificare il valore della X, ovvero il consumo in m³ del forno, moltiplicheremo i due valori più esterni della proporzione e divideremo il risultato per 12,80. Il calcolo quindi sarà: 7 / 12,80.
Il risultato in questo caso è 0,55 m³: questo è il consumo di m³ di GPL in un’ora dell’Ooni Koda 16 che abbiamo preso come esempio. Ora basta capire quanti m³ di gas siano contenuti nella bombola che avete scelto per capire quante ore di lavoro si possano sostenere con una bombola.

Quali sono gli accessori fondamentali per i forni per pizza a gas?

Gli accessori indispensabili, a prescindere dal modello scelto, sono:

  • Regolatore per il gas: può essere anche fornito in dotazione. Permette di regolare la pressione della bombola adattandola a quella richiesta dal forno. Per capire quale comprare bisogna controllare la scheda tecnica del forno: quasi sempre viene specificato il regolatore necessario (fisso o variabile) e la pressione a cui attenersi;
  • Pala forata: indispensabile per girare la pizza nel forno, può essere fornita in dotazione. Prima di acquistarla controllate che le sue dimensioni siano compatibili con quelle della camera di cottura;
  • Palino: il palino serve a ruotare la pizza durante la cottura; è forato e ha un diametro più piccolo rispetto ad una pala, solitamente circa 10 cm. Non viene quasi mai fornito in dotazione;
  • Termometro laser: ove non sia presente un termometro integrato, è necessario usare un termometro laser per controllare il raggiungimento della temperatura all’interno della camera;
  • Borsa per il trasporto: fondamentale per riporre il forno mantenendolo in condizioni ottimali e per portarlo con sé in eventuali pizzate fuori casa;
  • Piano d’appoggio: i forni a gas per pizza devono essere poggiati su un piano stabile, che può essere un tavolo o un altro tipo di supporto.

Come scegliere il forno per pizza a gas?

Per scegliere il forno per pizza a gas si può fare riferimento a questi elementi:

  • Ampiezza della camera;
  • Tipo di combustibile;
  • Ingombro massimo;
  • Tipologia di bruciatore;
  • Temperatura massima raggiungibile;
  • Kit accessori in dotazione;
  • Accessori extra compatibili.

Quanto costa un forno per pizza a gas?

Possiamo identificare tre fasce di prezzo per i forni per pizza a gas:

  • Fascia bassa: tra 200 e 400 €, forni compatti e con camera di cottura di circa 32 x 32 cm;
  • Fascia media: tra 400 e 600 €, forni più versatili con tecnologie di riscaldamento più avanzate;
  • Fascia alta: tra 600 e 1.000 €, forni top di gamma, con camere di cottura più ampie, tecnologie di riscaldamento avanzate e kit accessori più ricco.

Quante pizze si possono cuocere in un forno per pizza a gas?

Nella maggior parte dei forni per pizza a gas pensati per uso domestico è possibile cuocere una sola pizza per volta. In commercio esistono comunque forni per pizza a gas con camere di cottura più ampie, nella quale si possono cuocere anche due pizze contemporaneamente: si tratta però di prodotti più costosi e destinati ad un utilizzo semiprofessionale. Se non siete ancora esperti di forni per pizza a gas è sconsigliabile acquistare prodotti di questo tipo, perché risultano più complessi da utilizzare e più ingombranti; inoltre hanno un consumo di gas superiore, perché più è ampia la camera, più gas serve per raggiungere e mantenere temperature elevate.


Copyright Klikkapromo srl – È vietato ogni sfruttamento non autorizzato