I migliori portacellulare moto del 2022

Confronta i migliori portacellulare moto del 2022 e leggi la nostra guida all'acquisto.

Amazon
94,01 €
Amazon
29,95 €
Amazon
88,95 €
Amazon
17,90 €
Amazon
22,00 €
Prezzo Forte
42,38 €

Tipologia

Per moto, per bici

Per moto

Per moto

Per moto

Per moto, per bici

Dimensione minima smartphone

5,8 cm (larghezza)

14,7 cm (altezza)

4,4 cm (larghezza)

n.d.

n.d.

Dimensione massima smartphone

8,5 cm (larghezza)

17,2 cm (altezza)

11,4 cm (larghezza)

7,5"

6,7"

Materiali

Plastica, alluminio

Silicone

‎Gomma, alluminio, zinco

Nylon

n.d.

Accesso facile per la ricarica

n.d.

Punti forti

Aggancio/sgancio facile

Compatibile con tutti i marchi di smartphone

Compatibile con smartphone di diversi marchi

Design antipioggia

Parasole per usare lo smartphone anche con molta luce

Solido e affidabile

Disponibile in tre misure

Stabile e robusto

Compatibile con tutti i marchi di smartphone

Compatibile con tutti i marchi di smartphone

Compatibile con tutti i marchi di smartphone

Per manubri con diametro fino a 50 mm

Poche vibrazioni

Protezione con doppia cerniera

Protegge dalla pioggia mantenendo la reattività del touchscreen

Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa

Come scegliere il portacellulare moto

Per i motociclisti esperti è essenziale dotarsi di alcuni accessori che migliorano la qualità della vita su strada. Una delle esigenze più comuni quando si è alla guida è quella di dover seguire un itinerario preciso, trovare una via sulla mappa o semplicemente rispondere al telefono. Da molti anni ormai, i navigatori satellitari o TomTom sono presenti su molti veicoli, motociclette incluse, a volte anche di serie. Spesso però risulta più pratico e sicuramente economico l’utilizzo del proprio smartphone, ormai dotato di moltissime app per orientarsi su strada e seguire percorsi, primi fra tutti l’usatissimo Google Maps.Portacellulare moto Con il nostro smartphone possiamo ovviamente anche chiamare e ricevere chiamate, in modo comodo e immediato se si è dotati di interfono per casco. Rispetto al navigatore, che è un prodotto sicuramente utile, il proprio smartphone è un accessorio unico con diverse funzioni, lo teniamo sempre con noi e lo possiamo mettere direttamente in tasca una volta scesi dal veicolo. Per questo motivo esistono sul mercato molti supporti e sostegni per smartphone, dei veri portacellulari, ma pensati per la motocicletta. In questo articolo cercheremo di capire come funzionano e quali funzioni offrono, offrendo una panoramica su alcuni modelli particolari.

Come sono fatti i portacellulare per moto?

Il portacellulare per moto è costituito da due, tre o più parti diverse. Anzitutto c’è un sostegno, che va attaccato al manubrio, allo specchietto o alla carena della propria motocicletta. Il sostegno può anche essere composto da un braccetto snodato in materiale plastico abbastanza duro, oppure in metallo. La parte inferiore, che va attaccata alla moto, presenta un anello o una pinza, a volte gommata, da stringere con una brugola al tubolare del manubrio. Altre volte invece il braccio viene bloccato con un sistema con viti o altri sistemi di blocco. La parte superiore del braccetto presenta invece una placca di aggancio piatta, che cambia in base alla marca. Questa placca si inserisce perfettamente nel case rigido, una cover del tutto simile al quelle classiche dei nostri cellulari. Al posto della cover possiamo avere un contenitore di altro tipo: aperto tipo leggio che blocca il telefono, o completamente chiuso, una specie di pochette con una finestra che mostra lo schermo del telefono. Sono poi presenti altri moduli, generalmente acquistabili a parte, per esempio sistemi anti-vibrazione per vedere meglio lo schermo e non danneggiare le fotocamere del proprio smartphone, e altri dispositivi che forniscono alimentazione, in alcuni casi anche wireless. Esistono poi cover aggiuntive o buste antipioggia per proteggere il telefono anche dalle intemperie e dalle infiltrazioni d’acqua. Ricapitolando abbiamo:

  • Sostegno a braccio attaccato al manubrio;
  • Modulo anti-vibrazione, acquistabile a parte;
  • Modulo di alimentazione, acquistabile a parte;
  • Case duro o morbido in cui inserire il telefono;
  • Copertura antipioggia, acquistabile a parte.

Quale portacellulare si adatta alla mia moto?

La scelta del modello da acquistare va fatta con una certa attenzione. Anzitutto dovete capire il tipo di manubrio che ha il vostro veicolo. Vi consigliamo, se non siete assolutamente sicuri, di chiedere al vostro meccanico di fiducia o al rivenditore del veicolo, per ottenere dei consigli pratici su quale prodotto acquistare. La maggior parte dei modelli di motocicletta e manubrio compatibili sono quasi sempre indicati sulle confezioni e nelle schede di acquisto, che potete visionare tranquillamente sui vari negozi online. Ricordate inoltre che alcuni modelli possono anche essere montati su mountain bike o hanno un attacco abbastanza grande che va bene anche per i tubolari della barca.Portacellulare moto modelli Potreste quindi acquistare dei sostegni della stessa marca e avere un unico case compatibile da portare sempre con voi. Generalmente, i manubri presenti sulle motociclette possono essere: tradizionale con tubolare, quello con traversino più sottile e quello con foro o attacco centrale. Se non avete spazio sul manubrio per qualsiasi motivo (ad esempio avete già montato un navigatore o una Go-pro) potrete montare il supporto sugli specchietti laterali o addirittura sulla carena della moto. Altri modelli di manubrio particolari richiedono spesso dei portacellulari appositi che siano compatibili, che potrete comunque trovare abbastanza facilmente digitando il modello della vostra moto e la keyword “portacellulare” sui vari aggregatori di e-commerce.

Modelli più comuni

Come menzionato, le tipologie di attacco possono essere molteplici. Le più comuni rimangono l’attacco standard, lungo o corto, l’attacco per traversino e per specchietti, e quello con viti centrali. Ogni centauro però ha diverse esigenze e non sempre ha abbastanza spazio sul manubrio, vediamo di seguito i modelli più comuni in commercio:

Manubrio tradizionale tubolare

Quasi tutti i sistemi, come menzionato, presentano un anello/pinza, gommato o meno, che si fissa con una brugola, sempre inclusa in confezione, all’asta del manubrio.Portacellulare moto manubrio tubolare Questo anello può anche avere degli spaziatori che creano volume, per adattarsi a calibri specifici. La scelta del modello che fa per voi il più delle volte dipenderà anche dalla piega del manubrio, che può essere di diversi modelli e angolazioni:

  • Attacco standard, in base alla piega del manubrio;
  • Attacco corto, se avete poco spazio sull’asta o una piega particolare;
  • Attacco con doppio supporto, solitamente per mountain bike, per sistemare smartphone e Go-Pro.

Manubrio con traversino

I sistemi con traversino presentano un anello/pinza di dimensioni più piccole, sempre incluso di spaziatori per adattarsi con precisione al traversino, oppure una scatolina in plastica che si fissa tramite 4 o più viti.

  • Attacco per traversino, da 9 a 18 millimetri, con diversi adattatori in confezione;
  • Attacco per specchietti, da 9 a 14 mm, con adattatori in confezione;
  • Attacco per freno e frizione, accanto agli strumenti;
  • Attacco per traversino per enduro, da posizionare sopra gli strumenti.

L’attacco per traversino e per i gambi degli specchietti sono spesso sovrapponibili come prodotto, ma ciò non avviene per tutte le marche, che potrebbero aver creato prodotti specifici per l’uno e per gli altri.Portacellulare moto specchietto Spesso questi attacchi sono simili a dei mollettoni, e non presentano braccetti che rialzano il telefono dalla superficie della moto. Inoltre, su alcuni modelli di motocicletta è possibile installare delle staffe per poter montare questo tipo di oggetto.

Manubrio con dado centrale

Alcuni manubri per motociclette sportive o di grossa cilindrata presentano un dado centrale, quello del cosiddetto canotto di sterzo. In questo dado può essere bloccata una vite centrale in plastica. Questa si allarga e rimane completamente fissata una volta girata la relativa brugola.Portacellulare moto manubrio sportivo In base ai modelli di motocicletta, esistono diversi tipi di viti che possono essere fissate, e dovrete controllare personalmente che effettivamente l’installazione sia possibile senza problemi. Ne riportiamo i prodotti in vendita più comuni:

  • Attacco per il dado del canotto dello sterzo;
  • Attacco per le viti, da 6 mm e 8 mm;
  • Attacco per le viti dei comandi 6 mm e 8 mm;
  • Attacco per la base degli specchietti.

Altri attacchi

Esistono infine altri attacchi, anche abbastanza comuni, che dobbiamo menzionare, per chi non riesce a trovare una soluzione adatta al proprio manubrio:

  • Attacco adesivo da posizionare sulla carena, con marca 3M;
  • Laccetti e bande elastiche, che si stringono attorno alla moto con del velcro;
  • Attacco grande da tubolare, con sistema ad anello/pinza, pensato per la barca.

Come menzionato, ogni brand ha degli attacchi diversi con idee innovative che escono di tanto in tanto, spesso con prodotti di nicchia o pensati per modelli specifici di motociclette. Gli attacchi che abbiamo riportato sono quelli che si trovano in commercio più facilmente, ma capita che una marca possa unire insieme le caratteristiche di più prodotti, e produrre delle versioni particolari. La soluzione con laccetti e bande elastiche è abbastanza universale, ma col tempo può perdere di aderenza. Gli adesivi possono sicuramente risolvere un po’ di problemi, nei casi in cui davvero non si trovi altra soluzione e si decida di attaccare il braccetto alla carena. Ovviamente dovrete scegliere un prodotto di qualità, per essere sicuri che l’adesivo tenga e possa sopportare lo stress della corsa.

Case

I case in vendita sono di tipologie diverse, e bloccano e proteggono il telefono in modo più o meno sicuro. Vediamo brevemente le diverse tipologie:

  • Case per modello: case per gli ultimi modelli di iPhone, Galaxy e Huawei;
  • Placca universale adesiva: dotata di adesivo 3M molto solido, da attaccare alla propria cover;
  • Case morbidi a portafoglio: dotati di zip e finestra con cui usare il telefono, spesso contengono anche spazio per altri piccoli oggetti;
  • Case rigidi antiurto: simili alle cover da lavoro, di formato leggermente più grande;
  • Poncho: buste aggiuntive che si usano quando piove, con uso del touchscreen limitato;

Portacellulare moto case

  • Case con visiere: proteggono il telefono dal sole, possono essere duri o morbidi;
  • Case aperti: una specie di leggio/morsetto che tiene bloccato il proprio smartphone;
  • Case con elastici: il telefono viene tenuto in posizione da elastici ai 4 angoli.

Dobbiamo specificare che i case che hanno una membrana protettiva, specialmente quelli morbidi a portafoglio, quelli con visiere e i “poncho”, possono portare il telefono a surriscaldamento. Nei percorsi in moto, all’aperto, il cellulare rimane sotto il sole per molto tempo. Cellulari e tablet non hanno ventole e il calore interno dei microprocessori viene eliminato attraverso lo schermo, che funge da dissipatore. Per questo motivo questi modelli potrebbero essere sconsigliati, specialmente se fate viaggi molto lunghi. La membrana protettiva inoltre fa diminuire di molto la responsività dei touchscreen, uno scenario non ideale durante la guida. I modelli aperti, specialmente quelli con leggio, morsetto ed elastici, vanno assolutamente acquistati da un marchio affidabile. Prodotti molto economici potrebbero non avere abbastanza grip, situazione da evitare assolutamente.

Sistemi

In questa sezione vediamo brevemente alcuni sistemi molto comuni e amati dal pubblico, che si somigliano molto come funzionamento. Speriamo in questo modo di fornirvi quante più informazioni possibili.

Quad Lock e SGR SP Connect

Si tratta dei sistemi più usati e tra i più venduti, di livello medio-alto. Entrambi i sistemi si montano in molte delle modalità elencate in precedenza, sono quindi disponibili per i manubri più comuni e tubolari di varia grandezza. Sia Quad Lock che SGR SP Connect presentano poi diversi moduli aggiuntivi acquistabili separatamente. Nel caso di Quad Lock questi si sovrappongono l’uno sull’altro, formando una specie di sandwich, e vengono avvitati in fase di montaggio e bloccati con sistemi a griglia. Lo smartphone, in base al modello, può essere inserito in un case compatibile, che solitamente è disponibile per gli ultimi modelli di iPhone, Samsung Galaxy, Huawei e Pixel di Google. Se il proprio telefono è di una marca poco nota, viene venduto un attacco universale adesivo che incollerete sul vostro case personale. Anche SGR SP Connect ha dei sistemi universali che si bloccano a gancio. Su entrambi i prodotti, una volta dotato della sua placca di aggancio, lo smartphone viene posizionato sull’attacco del sostegno e fatto girare di 45°. Bloccato in posizione il telefono può essere usato sia in verticale che in orizzontale, girando facilmente in base alle proprie esigenze, ma si sblocca solo se tenuto nella posizione di 45°. I due sistemi sono abbastanza simili, così come quelli di molte altre marche, ma non sono compatibili tra loro.

Modulo di ricarica

Questo modulo serve per ricaricare il proprio telefono cellulare quando si è in cammino. Il modulo è di piccole dimensioni e si monta direttamente sul sistema. Viene quindi collegato tramite USB o tramite un piccolo impianto interno all’alimentazione della propria moto. L’impianto interno non è particolarmente difficile da eseguire, ma serve un po’ di esperienza, e nei casi in cui siate dei neofiti consigliamo di rivolgervi al vostro meccanico o elettrauto di fiducia. Sono anche disponibili dei moduli di ricarica wireless a contatto, che possono funzionare con i modelli di cellulare compatibili. I moduli wireless a contatto non sempre funzionano se si usa un adattatore universale adesivo, perché la scocca del telefono è coperta da troppo spessore.

Portacellulare moto moduli aggiuntivi

Modulo anti-vibrazione

Il modulo anti-vibrazioni protegge la fotocamera dei propri smartphone, specialmente quella degli iPhone. Gli stabilizzatori delle fotocamere sono infatti molto sofisticati e sensibili e non reagiscono bene alle vibrazioni intense e continuate dei viaggi in motocicletta. Il modulo anti-vibrazione si chiama semplicemente “Anti vibration module” su SGR SP Connect, mentre su Quad Lock prende il nome di “Vibration Dampener“. Il modulo anti-vibrazione aggiunge quindi un sostegno su molle non visibili, che protegge il telefono da questo stress. Funziona bene su asfalto e sterrato, ma se percorrete strade molto difficili è bene riporre il telefono in tasca per quelle porzioni di tragitto, ed evitare di danneggiarlo.

Altri accessori

Entrambe le aziende hanno in dotazione moltissimi accessori, custodie, protezioni per le intemperie, i già menzionati “poncho“, anelli per reggere il telefono, e molto altro. SGR SP Connect ha anche diversi prodotti pensati per il fitness, ad esempio per fissare il telefono al braccio durante la corsa usando sempre l’attacco apposito a piastra. Sono anche disponibili treppiedi per il telefono, che si collegano sempre tramite l’attacco unico, molto utili per chi ama scattare fotografie di qualità col proprio smartphone. I sistemi, come menzionato, non sono compatibili tra loro: se quindi selezionate un prodotto, dovrete acquistare tutti gli accessori della stessa marca. Sono inoltre disponibili adattatori di diversi colori per personalizzare i vari prodotti o da abbinare alla vostra moto.

Migliori marchi

Questi portacellulari vengono prodotti da molte marche. Oltre ai già citati sistemi Quad Lock e SGR SP Connect, ve ne sono infatti molti altri. Citiamo le note Cellular Line, con prodotti sempre di buona qualità a prezzi concorrenziali e Givi, con molti prodotti di qualità. I portacellulari Ram Mounts offrono molti pezzi diversi e possono essere usati anche per biciclette, barche e tanti altri mezzi: spesso sono in dotazione con i navigatori Garmin. Aggiungiamo alla lista i brand Interphone, Holder4Bikerse e la francese Shapeheart, con attacco con calamita, elastici o banda in silicone.

Prezzi

I sistemi Quad Lock e SGR SP Connect hanno prezzi simili, e costano sui 70 €, escluso il modulo anti-vibrazione che costa intorno ai 30-40 €. Il supporto di ricarica wireless delle due marche costa invece circa 70 €. Quindi calcolate un prezzo complessivo di oltre 200 € per l’intero sistema. Parte del successo di questi prodotti è proprio l’aver creato questo sistema impilabile che di volta in volta può essere migliorato. I prodotti SGR SP Connect in acciaio cromato possono avere prezzi più alti. I prodotti Cellular Line hanno costi più abbordabili, sono quasi sempre in plastica dura e di buona fattura. I prodotti Givi hanno molti supporti dedicati a modelli specifici, dove sono presenti anche tante parti in acciaio, che possono ovviamente avere un prezzo più alto. Sono presenti anche molti accessori, ed è bene controllarne la compatibilità. I Ram Mounts costano 110 € per il sistema completo, mentre Interphone e Shapehart hanno prezzi concorrenziali, sui 35-40 € per il sostegno. I sistemi Holder4Bikers costano sui 70 € per il sostegno più altre spese per i vari attacchi e accessori. Modelli in metallo costano ovviamente molto di più e si possono superare i 250 €. Prodotti molto economici, invece, di marche non note, costano anche solo 20 €, ma non li consigliamo, visto il rischio di poter perdere il telefono in corsa o rovinarne i componenti interni.


Copyright Klikkapromo srl – È vietato ogni sfruttamento non autorizzato