Le migliori bistecchiere del 2019

Confronta le migliori bistecchiere del 2019 e leggi la nostra guida all'acquisto.
Qualescegliere.it
Autore
Redazione

4 Fattori decisivi per la scelta della bistecchiera

1. Struttura

La bistecchiera, per la precisione la bistecchiera elettrica, è un elettrodomestico da cucina di media grandezza che vi permetterà di preparare velocemente la vostra bistecca e altri piatti a base di carne e non solo senza usare i fornelli.
Bistecchiera
Innanzitutto, prima di procedere con l’analisi dei fattori decisivi per la scelta da noi individuati, introduciamo questo elettrodomestico, che potrà aiutarvi nella preparazione di cene gustose senza particolare sforzo, se non l'attenzione di comprare la carne fresca dal vostro macellaio di fiducia.
La bistecchiera è un elemento abbastanza comune nelle cucine degli italiani, e permette di preparare le pietanze in modo sano, senza l’aggiunta di grassi.
La bistecchiera elettrica presenta altri vantaggi, tra cui la riduzione dei tempi di cottura, e talvolta, se la bistecchiera è dotata di vaschetta di raccolta per i grassi, maggiore facilità di pulizia.
D’altra parte però non dobbiamo trascurare che questo oggetto potrà risultare un po’ ingombrante, per cui dovrete pensare bene dove poterlo predisporre nella vostra cucina. Queste e altre considerazioni verranno meglio approfondite in seguito.
La bistecchiera elettrica nasce appunto per preparare la bistecca e differisce da una griglia elettrica o barbecue elettrico principalmente per via della sua struttura dotata di due piastre riscaldanti, una inferiore e una superiore, congiunte tramite una cerniera.
Il primo fattore da considerare per la scelta della bistecchiera riguarda la struttura, in particolare le sue dimensioni e quindi l'ingombro, così come il tipo di piastre presenti.

Dimensioni

Come abbiamo poc’anzi anticipato, le migliori bistecchiere elettriche sono dotate di una piastra doppia, una superiore ed una inferiore, come ad esempio quella ritratta nella foto seguente.
Bistecchiera struttura
Per questa particolare caratteristica le dimensioni della bistecchiera elettrica sono abbastanza grosse, non solo in lunghezza e profondità, ma anche in altezza. Chiaramente se siete una famiglia numerosa o se volte usare la bistecchiera elettrica per le vostre cene in compagnia, vi consigliamo di optare per una bistecchiera abbastanza grande, anche se inevitabilmente occuperà molto spazio.
Ricordiamo infatti che per la cottura di bistecche e alte pietanze è importante che tutto il cibo sia pronto allo stesso momento, in modo che tutti i commensali possano iniziare a mangiare assieme, evitando così inutili attese e che il cibo si raffreddi.
Al contrario, se non avete questa esigenza, sarà meglio orientare la scelta su una bistecchiera elettrica che abbia dimensioni contenute.

A questo proposito una buona bistecchiera elettrica può avere le dimensioni, indicativamente, di circa 40 x 25 cm, e in alcuni casi raggiungere un peso anche di 5 kg. Il peso dipende non solo dalle dimensioni dell’oggetto ma anche dai materiali costitutivi, che se di buona qualità come la ghisa hanno un peso specifico abbastanza elevato.

Piastre

Tenete inoltre presente che molte delle migliori bistecchiere prevedono diverse piastre in dotazione.
Osserviamo infatti che alcuni modelli delle marche più prestigiose offrono la possibilità di cucinare usando delle piastre intercambiabili: ovvero piastre lisce per una cottura veloce a contatto e piastre ondulate.
La preferenza tra le due è soggettiva, segnaliamo solo che quelle completamente lisce sono chiaramente più facili da pulire, perché il grasso sarà più facile da rimuovere e quindi l'insorgere delle incrostazioni sarà limitato.

Bistecchiera aperta

Inoltre, come si intuisce dalla foto qui sopra, molte bistecchiere elettriche sono così versatili che prevedono la completa apertura del piano cottura sul lato della cerniera, quindi la parte superiore potrà essere ribaltata raddoppiando la superficie di cottura.
Se prevedete l'uso della bistecchiera elettrica per un numero molto variabile di persone, consigliamo un modello di questo tipo, perché, anche se dovrete voi stessi provvedere a girare le bistecche sui due lati, perlomeno potrete cuocere tutto nello stesso momento e quindi iniziare a mangiare tutti assieme.

Cerniera mobile e altezza regolabile

Inoltre, se la bistecchiera sarà dotata di cerniera mobile, questa permetterà di cuocere in modo uniforme anche alimenti di spessori differenti, perché si adatterà allo spessore della bistecca o del panino imbottito che volete riscaldare. Osservando la foto qui sotto potete facilmente capire di cosa stiamo parlando.

Bistecchiera con cerniera regolabile

2. Prestazioni e tipi di cottura

Prima di affrontare nello specifico le varie funzioni presenti sulle bistecchiere, vediamo e consideriamo quali prestazioni e tipi di cottura possono offrire le migliori bistecchiere presenti in commercio: secondo noi questo è il secondo fattore decisivo nella scelta della bistecchiera.

Prestazioni

Innanzitutto vi segnaliamo che una bistecchiera elettrica per uso domestico potrà avere una potenza compresa tra 1000 e 2400 Watt: come nel caso di altri elettrodomestici affini, la potenza sarà relazionata anche con le dimensioni della superficie di cottura. Tale rapporto influenzerà notevolmente i tempi di riscaldamento delle piastre, per cui un buon rapporto superficie/potenza garantirà un riscaldamento veloce.
Verosimilmente una bistecchiera per uso domestico con una grandezza abbastanza importante di 45 x 25 cm potrà avere una potenza di 2400 Watt, mente una bistecchiera dalle dimensioni più piccole normalmente potrà raggiungere una potenza inferiore, ad esempio una bistecchiera con le dimensioni di 35 x 35 cm potrà raggiungere una potenza massima di 1500 Watt.
Segnaliamo però che in alcuni casi grazie a particolari caratteristiche anche le piastre con un wattaggio contenuto come 1000 Watt riescono a riscaldare in tempi accettabili piastre di media grandezza.
Cottura bisteccaIn generale tenete presente che una potenza elevata non solo permetterà di raggiungere in breve tempo la temperatura desiderata, ma garantirà anche di mantenerla costante ed uniforme: questo aspetto è molto importante soprattutto se considerate che la cottura della bistecca richiede una piastra a temperature elevate.

Molecola della carne arrostita bis-2me-3-furyl-disulfideSenza dilungarci troppo è importante a questo punto aprire una breve parentesi, che forse potrà essere preziosa per gli amanti della bistecca.
La reazione chimica che durante la cottura permette l'imbrunimento della bistecca è quella di Maillard, che avviene tra gli amminoacidi delle proteine e gli zuccheri a temperature elevate comprese tra i 140 e i 180 °C. Tale reazione permette alla bistecca alla fiorentina di assumere il tipico sapore di carne arrosto. A seconda della temperatura a cui avviene la reazione, e del tipo di zuccheri e di amminoacidi del cibo si formano composti diversi e quindi gusti e aromi diversi.
La condizione necessaria perché questo processo avvenga con i migliori risultati è che la temperatura sia di almeno 140 °C: l'imbrunimento avverrà solo sulla superficie, mentre internamente la bistecca sarà più morbida, perché l’acqua contenuta le impedirà di superare i 100 °C. Per questo motivo è fondamentale che la bistecchiera sia in grado di raggiungere e mantenere temperature elevate in modo costante.

Una buona piastra dovrebbe inoltre scaldarsi in pochi minuti e non dovrebbe farvi attendere troppo prima di poter metter la vostra bistecca sulla piastra, riteniamo che attendere 5-10 minuti possa essere un tempo del tutto accettabile.
Tenete tuttavia presente che il raggiungimento di alte temperature comporta un maggiore consumo energetico, purtroppo per questo tipo di elettrodomestici non è prevista l'etichetta energetica come nel caso dei grandi elettrodomestici, per cui sarete voi a dovervi regolare nell'uso più o meno intensivo della bistecchiera elettrica.

Tipi di cottura

Bistecchiera con regolazione indipendente delle due piastrePer quanto riguarda invece le modalità di cottura vi segnaliamo innanzitutto che vi sono bistecchiere elettriche che prevedono il riscaldamento indipendente della piastra superiore, ciò significa che potrete regolare la piastra superiore a livelli di calore diversi rispetto a quella inferiore.
Bistecchiera gratinLe bistecchiere possono permettere varie cotture che dipendono sia da come usate le piastre che dalle temperature o dai programmi preimpostati che volete usare.
Infatti possono essere impiegate sia per la vostra amata bistecca alla fiorentina, salsicce e altri tipi di carne, che per preparare altre pietanze, come pesce, zucchine e melanzane grigliate, o semplicemente per riscaldare il pane e i panini imbottiti, senza dover impiegare necessariamente il forno che comporta un consumo energetico ancora maggiore.
Qualcuno usa la bistecchiera elettrica anche per tostare velocemente il pane per la bruschetta da offrire come antipasto, prima di preparare altri piatti sulle piastre della bistecchiera, e qualcun altro ancora usa la bistecchiera addirittura per preparare le caldarroste nel periodo invernale: sta al vostro estro riuscire ad impiegare questo strumento da cucina nei modi più svariati!

In sintesi, le modalità di cottura possibili su una buona bistecchiera elettrica sono:

  • Cottura a contatto sopra e sotto: le bistecche sono cotte cotta su entrambi i lati a contatto con le piastre scanalate superiore e inferiore
  • Cottura con bistecchiera aperta: le bistecche sono appoggiate su tutta la superficie aperta e devono essere in questo caso rivoltate
  • Gratinare: la piastra superiore è sollevata e non entra in contatto con il cibo, questa modalità è ideale per gratinare pizzette e riscaldare ad esempio il pane o la bruschetta

3. Funzioni

Il terzo fattore riguarda invece le funzioni presenti sulla bistecchiera elettrica. Facciamo notare che le bistecchiere elettriche differiscono dalle bistecchiere tradizionali anche per questo aspetto, perché prevedono alcune regolazioni possibili. Vediamo adesso uno per uno i più importanti elementi funzionali che potete trovare su una bistecchiera elettrica.Bistcchiera funzioni

  • On/Off: si tratta della classica funzione di accensione e spegnimento che può essere attivata dopo aver inserito la spina nella corrente. Spesso si mette in funzione grazie a un pulsante luminoso oppure, in alternativa, l’accensione può essere segnalata con una spia luminosa
  • Regolazione della temperatura: tale funzione è molto importante perché influisce sulla versatilità dell’oggetto. Dovrete prestare particolare attenzione a questo aspetto soprattutto se pensate di poter usare la bistecchiera per preparare cibi che richiedono varie temperature per la cottura. La regolazione della temperatura influisce anche sui tempi di preparazione, e anche in questo caso sta a voi regolarvi e decidere quando prelevare il cibo dalla bistecchiera, a meno che essa non sia dotata anche di particolari sensori che indicano quando il cibo che state preparando è pronto, come avviene nei casi dei modelli più avanzati. La regolazione della temperatura si effettua di solito tramite una manopola (o una leva), e le temperature possono essere indicate con dei numeri che esprimono i diversi livelli selezionabili. Questo implica che voi conosciate orientativamente le temperature necessarie per cuocere le varie pietanze, ma grande margine viene dato anche ai vostri gusti personali, perché sarete voi a decidere se volere ad esempio una bistecca con cottura media, al sangue o ben cotta
  • Programmi preimpostati: con oppure in alternativa alla semplice regolazione della temperatura, potrete trovare dei modelli avanzati che presentano anche funzioni preimpostate. Ad esempio potrete trovare funzioni quali cottura di carne, pesce, verdure, pollo, hamburger e toast. In alcuni casi si trova anche un programma preimpostato per lo scongelamento degli alimenti. Per esempio se avete una fettina sottovuoto surgelata potete usare tale funzione prima di impostare la cottura che preferite
  • Indicatori: sempre sui modelli più avanzati potete trovare degli indicatori o delle spie luminose che vi indicano lo stato di cottura delle pietanze
  • Sensore: in alcuni casi è presente anche un sensore che misura lo spessore degli alimenti e che permette di ottimizzare e regolare la temperatura in base ad esso

Temperature

A proposito delle temperature: nelle bistecchiere per uso domestico di qualità potete trovare anche l’indicazione delle temperature, che dovrebbe raggiungere i 230 °C, considerate che però vi sono modelli semiprofessionali che arrivano a temperature anche di 300 °C con 4000 Watt di potenza. Se avete dubbi sulle temperature consigliamo di leggere attentamente le istruzioni informative dei singoli prodotti e magari di consultare uno dei tanti siti di ricette online.

4. Comfort

Gli elementi che contribuiscono a migliorare il comfort di utilizzo sono legati principalmente alla la sicurezza, alla pulizia e ad altri aspetti accessori.

Sicurezza

Un aspetto importante e quindi non secondario da considerare riguarda la sicurezza durante l'impiego. Per arginare il rischio di incidenti le bistecchiere sono dotata di manici termoisolanti. La maniglia per l'apertura della bistecchiera sarà anch'essa composta da materiali che isolano dal calore, così come la base di appoggio. Le basi delle migliori bistecchiere presenti attualmente in commercio sono dotate di piedini antiscivolo. Non sempre questo particolare è indicato dalle case produttrici, ma è un aspetto che si può dedurre talvolta dalle foto.
Ricordiamo infatti che la bistecchiera funziona ad alte temperature e che quindi è necessario per la vostra sicurezza appoggiare la bistecchiera su un ripiano stabile e sicuro e fare attenzione a maneggiarla con accortezza. Inoltre, anche se munita di manici per il trasporto, consigliamo di non spostare la bistecchiera quando è ancora calda.

Pulizia

Bistecchiera grasso colatoPer quanto riguarda la pulizia, fate attenzione che la bistecchiera sia composta da parti removibili che possano appunto essere staccate e nel migliore dei casi lavate in lavastoviglie o a mano, usando una spugnetta che non graffi la superficie e un detersivo delicato.
Segnaliamo che ci sono piastre che presentano un piano leggermente inclinato e con drenaggi che permettono di far colare il grasso in un contenitore, come potete vedere nell'esempio qui a fianco. Nel migliore dei casi la vaschetta removibile per la raccolta dei liquidi e del grasso fa parte della struttura stessa della bistecchiera, e può essere lavata in lavastoviglie come le piastre per la cottura.
Differentemente dal barbecue elettrico, di solito la vaschetta per l'acqua che riduce la produzione del fumo non è presente sulle bistecchiere per uso domestico, per cui se siete particolarmente sensibili agli odori, e non volete infestare la casa con l’odore di cucina, consigliamo allora di aprire la finestra e chiudere la porta, oppure di mettere in funzione la cappa aspirante della cucina.

Manuali e ricettari

Infine altri aspetti che vi potranno essere d'aiuto per usare al meglio la bistecchiera riguardano la presenza di un libretto delle istruzioni chiaro e sintetico ed eventualmente un ricettario allegato, soprattutto se non siete molto esperti in cucina.
Bistecchiera ricettarioRiteniamo che sia sempre interessante conoscere a quale temperatura corrisponde un determinato programma di cottura, e sopratutto sapere che vi sono temperature appropriate per ciascun tipo di cibo e per spessori differenti.
In ogni caso anche per gli esperti della bistecca ai ferri sarà d'aiuto conoscere bene lo strumento che si sta usando per migliorare le tecniche di cottura.

Altri fattori da tenere in mente per la scelta della bistecchiera

I materiali sono importanti?

I materiali costitutivi sono ovviamente importanti, non solo perché si tratta di un oggetto che userete per cucinare, ma anche in termini di resistenza e durabilità nel tempo. I materiali quindi dovranno essere idonei per l'uso alimentare, in particolare le superfici di cottura, che potranno essere in alluminio pressofuso antiaderente, acciaio inox, vetroceramica, ghisa inossidabile o altre leghe capaci di distribuire bene il calore su tutta la superficie. Di solito le aziende produttrici migliori evidenziano la qualità dei materiali con dei loghi specifici. Tenete presente che di solito i materiali più comuni qualitativamente migliori come la ghisa sono anche quelli che hanno un alto peso specifico, quindi un peso elevato nei modelli più pregiati è del tutto normale.
In ultima istanza se i materiali saranno di buona qualità anche le operazioni di pulizia dovrebbero risultare più facili. Per ammorbidire eventuali incrostazioni potete far sciogliere del bicarbonato in acqua calda e distribuire la soluzione sulla superficie della bistecchiera, facendo riposare per circa un'ora.

La marca è importante?

Vi sono aziende specializzate che hanno maturato una lunga esperienza nella produzione di strumenti da cucina, di solito sono tali aziende a potersi permettere maggiori investimenti nel campo della ricerca e dello sviluppo di prodotti sempre migliori, anche se la bistecchiera elettrica di sicuro non presenta la complessità di un robot da cucina. Un'azienda affermata è spesso una maggiore garanzia di qualità, rispetto magari ad aziende prive di un sistema di qualità certificato. Ci sentiamo di consigliare alcune marche che sia a livello italiano che internazionale sono affermate nella produzione di questo tipo di elettrodomestici, come la Rowenta, Steba e De'Longhi.

Il prezzo è importante?

Sicuramente i materiali e le eventuali funzioni presenti influiscono notevolmente sul prezzo finale della bistecchiera, per cui una bistecchiera ben rifinita, costruita con materiali di qualità, che magari presenta funzioni preimpostate e che ha un wattaggio elevato sarà verosimilmente più costosa di un modello con meno pretese. Non dimenticate però che sta a voi scegliere quale acquistare a seconda delle caratteristiche che distinguono i vari modelli tra loro, come le dimensioni e le possibilità offerte. Se non avete molte aspettative non occorre che compriate un modello eccessivamente grande, potente e versatile, pensate sempre che dovete commisurare l'acquisto all'uso reale che volete farne. Indichiamo alcune fasce di prezzo riscontrate sulle maggiori vetrine di vendita online che propongono bistecchiere elettriche per uso domestico:

  • Fascia di prezzo bassa: max. 40 €, senza funzioni particolari, poche regolazioni presenti
  • Fascia di prezzo media: 40-80 €, con alcune funzioni, regolazioni possibili e cerniera mobile
  • Fascia di prezzo alta: a partire da 100 €, con molte funzioni, tra cui funzioni preimpostate e cerniera mobile

A nostro avviso, per avere dei buoni risultati, sarebbe meglio spendere qualche Euro in più ed acquistare un prodotto valido che sappia mantenere le alte temperature, e che non dia il classico risultato "lessato" tipico dei modelli più scadenti. Se proprio pensate di non voler investire molto nell'acquisto di una bistecchiera elettrica, allora consigliamo di valutare anche l'acquisto di una buona bistecchiera tradizionale da usare sui fornelli di casa.

Quali sono le migliori bistecchiere del 2019?

La tabella delle migliori bistecchiere del 2019 scelte dalla redazione di QualeScegliere.it

Prodotto Prezzo
migliore
Recensione
Rowenta GR6010 XL 800 118,99 € Recensione
Imetec Professional Serie GL 3000 69,90 € Recensione
Rowenta GR3060 76,31 € Recensione
Imetec Dolcevita GL5 35,99 € Recensione
Tefal GC712D12 Optigrill+ 143,80 € Recensione

Bistecchiere: tutti i prodotti recensiti

"Rowenta GR3060": hai dubbi? Facci una domanda!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecco i migliori tre prodotti della categoria.

8 visitatori su 10 approfittano di queste offerte.

La migliore

Rowenta GR6010 XL 800

Migliore offerta: 139,99€

Il miglior rapporto qualità prezzo

Imetec Professional Serie GL 3000

Migliore offerta: 69,90€

La più venduta

Rowenta GR3060

Migliore offerta: 76,31€