I migliori tostapane del 2017

Confronta i migliori tostapane del 2017 e leggi la nostra guida all'acquisto.
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa

5 Fattori decisivi per la scelta del tostapane

1. Tipologia

Quando si vuole acquistare un tostapane, il fattore tipologia è quello primario da valutare poiché è da questo elemento che dipendono altre caratteristiche del piccolo elettrodomestico, quali le funzioni, l’ingombro, la manutenzione necessaria e le prestazioni (tutti fattori di cui ci occuperemo nel dettaglio nei paragrafi a seguire). Il tostapane è un piccolo elettrodomestico molto diffuso nelle cucine italiane e prende anche il nome di piastra tostapane, tostiera o piastra per toast, a seconda della struttura che caratterizza questo strumento. Volete preparare dei sandwich e tostarli direttamente per intero oppure desiderate tostare del pane in fette e spalmarci sopra della marmellata o cioccolata? Il primo passo da compiere prima di individuare quale tostapane scegliere è comprendere quale utilizzo si vuole fare del proprio strumento. Vediamo le due tipologie di tostapane esistenti.

Tostapane verticale

Tostapane verticale

Un tostapane verticale

Il tostapane verticale ha una struttura a parallelepipedo e si chiama così perché prevede l’inserimento in maniera verticale delle fette di pane nell’apparecchio. Questo genere di tostapane è preferito da chi voglia prevalentemente tostare fette di pane singole per poi assemblarle in un sandwich oppure mangiarle da sole. È anche quello che richiede un intervento minore da parte dell’utente che, in molti casi, dovrà semplicemente inserire il pane in fette all’interno del tostapane e aspettare che questo le tosti e le espella da solo a cottura ultimata. Questo tostapane si può utilizzare anche come toastiera vera e propria, acquistando un modello dotato di pinze (ovvero una sorta di griglia che permette di inserire dei toast assemblati all’interno della macchina) oppure acquistandole, se disponibili, separatamente.

Tostiera orizzontale

Tostiera orizzontale

Una tostiera orizzontale

Questa struttura si sviluppa invece in maniera appunto orizzontale e consiste in una vera e propria piastra per toast, che viene molto utilizzata, ad esempio, per riscaldare panini, preparare sandwich o anche per la cottura di verdure grigliate, wurstel e altri pezzi di carne (visto che la forma di questa tostiera somiglia ad una vera e propria bistecchiera). Le tostiere di questo tipo possono avere delle piastre interne lisce, grigliate oppure con una forma già studiata per alloggiarvi toast (a cui è possibile imprimere anche qualche forma particolare).
Il fattore tipologia non è giudicabile in maniera assoluta in quanto nessuno dei due tipi di tostapane esistenti è inferiore o superiore all’altro: questi modelli sono validi ed efficaci e la scelta varia piuttosto in base alle esigenze dell’utente quali, ad esempio, lo spazio a disposizione in cucina e le preparazioni che si intende cucinare con questi strumenti.

2. Dimensioni

Il fattore dimensioni si riferisce a diversi elementi che, sommati, rendono la struttura fisica del tostapane più o meno adatta allo spazio che si ha a disposizione in cucina, ma non solo. Nella scelta di un tostapane, infatti, si dovrà senz’altro valutare la sua misura in base ai seguenti criteri:

  • Tostapane grande

    Questo tostapane permette l'inserimento di quattro fette

    Numero di fette da inserire: alcuni tostapane di tipo verticale prevedono l’inserimento di due fette di pane mentre altri, dalle dimensioni ovviamente più impegnative (e anche più cari!) permettono di inserire quattro fette alla volta (caratteristica comoda soprattutto per chi voglia preparare una dose più abbondante di pane in un’unica lavorazione). Questa caratteristica diventa particolarmente importante per l’utilizzo in famiglia oppure per chi abbia poco tempo da dedicare alla preparazione
  • Grandezza delle camere di cottura: i tostapane verticali si differenziano in base alla grandezza dell’apertura dove infilare le fette, detta appunto camera di cottura. Questa infatti può essere standard (nella maggior parte dei modelli economici e di prezzo medio) ma può anche farsi via via più abbondante, fino a diventare regolabile con un’apposita levetta e in grado di ospitare anche i bagel o altri tipi di pane (nei modelli più cari). Nei modelli orizzontali invece le piastre possono essere fisse oppure mobili in diverse posizioni e adattarsi a spessori differenti degli alimenti, fino ad aprirsi totalmente e trasformarsi in una piccola ma vera e propria piastra per grigliare
  • Ingombro della struttura: alcuni modelli verticali comprendono due (o quattro) vani per inserire le fette di pane che sono adiacenti (uno dietro l’altro, per intenderci meglio) mentre altri hanno i vani paralleli (ovvero uno accanto all’altro). Questo comporta ovviamente una diversa tipologia di struttura dell’apparecchio che nel primo caso si sviluppa principalmente in larghezza, mentre nel secondo in profondità. Per quanto riguarda, invece, i modelli orizzontali, questi hanno spazio a sufficienza almeno per due toast uno accanto all’altro quando sono di dimensioni standard mentre, l’ampiezza delle piastre sale nei modelli più cari (adatti anche a grigliare altri alimenti). Chiaramente, con una struttura come quella della toastiera orizzontale, c’è bisogno di considerare che bisogna utilizzare l’apparecchio su una superficie che consenta di effettuare il movimento di apertura e chiusura delle piastre con comodità
  • Peso dell’apparecchio: nel caso in cui decideste di non collocare il vostro tostapane (sia che sia un modello con struttura verticale che orizzontale) in una posizione fissa, dovrete accertarvi che il suo peso vi consenta di prendere e riporre in maniera agevole l’apparecchio dopo l’utilizzo. Il peso è da tener presente anche per rendere più semplice l’operazione di pulizia

3. Funzioni

Le funzioni che i tostapane possono offrire non sono numerosissime ma questo fattore è importante da tenere in conto perché condiziona non solo il prezzo finale a cui il prodotto viene venduto, ma anche l’utilizzo pratico che l’utente farà del proprio apparecchio. Per i tostapane vale la regola generale per cui ad un maggior numero di funzioni corrisponde un prodotto più sofisticato, completo e, inevitabilmente, anche più costoso. Queste funzioni, infine, sono differenti in base a se si tratti di un modello di tipo verticale o della piastra toastiera.

Tostapane verticale

Il tostapane di tipo verticale può essere dotato delle seguenti funzioni:

  • Espulsione automatica della fetta: è una possibilità offerta da quasi tutti i tostapane attualmente in commercio, assente nei modelli più economici ed essenziali che si limitano ad interrompere la cottura senza far saltare le fette di pane fuori dal vano riscaldato
  • Scongelamento: detta anche funzione “defrost”, è una caratteristica dei prodotti a partire da una fascia di prezzo media a salire. Questa funzione consente di inserire all’interno dell’apparecchio delle fette di pane congelate e di scongelarle in pochi minuti senza bruciarle o seccarle (come accade con i tostapane che non prevedono questa funzione)
  • Tostapane brioches

    Un tostapane con accessorio per scaldare le brioches

    Riscaldamento: questa funzione è anche conosciuta come “scalda-brioches” e, grazie ad un’apposita struttura inserita in dotazione al tostapane, consente di poggiare un panino o magari un croissant (che non entrerebbero all’interno dell’apparecchio) al di sopra dei vani di cottura del tostapane, in modo da poterli riscaldare e servire caldi e fumanti
  • Sistema di centratura: un dispositivo interno al tostapane che fa in modo che la fetta di pane infilata nelle camere di cottura mantenga sempre una posizione centrata, in modo da consentire una doratura uniforme della superficie
  • Pinze: i modelli già dotati di questo attrezzo (o quelli che prevedono il loro acquisto in un secondo momento) permettono di tostare anche dei sandwich già assemblati

Tostiera orizzontale

Le toastiere di tipo orizzontale possono caratterizzarsi per le seguenti funzioni:

  • Piastre intercambiabili: la possibilità cioè di inserire all’interno dell’apparecchio delle piastre dalle forme diverse. Ad esempio per grigliare o lisce, dedicate alla realizzazione di toast dalla superficie liscia o con delle decorazioni, di waffle e altro ancora
  • Riscaldamento veloce: grazie a questa funzione la toastiera sarà pronta in tempi brevissimi e non sarà necessario aspettare più di un minuto prima di iniziare ad utilizzarla. In generale l’arrivo a temperatura dell’apparecchio è sempre segnalato da un led luminoso, anche nei prodotti senza l’opzione di riscaldamento rapido
  • Autospegnimento: consente al tostapane orizzontale di arrestare da solo il suo funzionamento dopo un lasso di tempo in cui non viene utilizzato. Questa caratteristica è tipica dei prodotti molto cari ed è utile per evitare danni accidentali qualora ci si dimenticasse l’apparecchio collegato alla corrente elettrica

4. Potenza

Il fattore potenza dev’essere tenuto in conto prima dell’acquisto di un tostapane ma non rientra probabilmente tra i criteri principali con cui si sceglie un modello. Valutando questo fattore, bisogna tenere presenti due elementi, che sono il wattaggio e i livelli di regolazione della temperatura.

Wattaggio

Il wattaggio può variare molto, da circa 500 W dei modelli meno potenti ai circa 1800 W dei più sofisticati; questo dato si traduce in una maggiore velocità di tostatura delle fette di pane e, in generale, in una cottura più rapida ed efficace degli alimenti, oltre ad una maggiore versatilità (si pensi alle tostiere orizzontali che possono essere utilizzate anche, ad esempio, per le verdure, per il petto di pollo oppure per i wurstel).

Temperature selezionabili

L’altro elemento che influenza le prestazioni del tostapane (sia verticale che orizzontale) è costituito dalla possibilità di selezionare diversi livelli di temperatura, in modo da adattarla allo spessore del pane da cuocere, ma anche alla velocità con cui lo si vuole tostare. Questi livelli sono assenti nei modelli più essenziali e dal costo più ridotto di tutti, ma negli altri tostapane variano solitamente da 4 a 6 diverse impostazioni.

5. Pulizia

Questo fattore risulta decisivo nell’acquisto di un prodotto poiché essere consapevoli di quanto tempo andrà dedicato alla manutenzione e alla corretta pulizia del proprio tostapane è molto importante visto che ne influenza la praticità d’uso. In molti infatti hanno l’abitudine di utilizzare questo piccolo elettrodomestico su base quotidiana o, a volte, anche in più riprese durante la stessa giornata e, inoltre, il pane è un alimento che per sua natura tende a perdere briciole che non sono sempre semplici da rimuovere dall’interno del proprio tostapane. La pulizia varia principalmente in base alla tipologia di tostapane acquistato:

Pulizia del tostapane verticale

Tostapane vano raccogli briciole

Il vano raccogli-briciole rende la pulizia semplice e veloce

Per una pulizia agevole e veloce di questo genere di prodotto, la caratteristica più utile sarebbe la presenza di un vano raccogli-briciole estraibile, dettaglio che facilita l’operazione di rimozione dei vari residui di pane che inevitabilmente si accumulano, dopo una serie di utilizzi, sul fondo dell’apparecchio. I modelli molto economici ed essenziali ne sono spesso sprovvisti, il che rende la pulizia un po’ più complessa e meno efficace.

Pulizia della piastra tostiera

È bene assicurarsi, se si desidera privilegiare nella scelta una pulizia veloce e comoda, che le piastre di una tostiera orizzontale siano estraibili e lavabili in lavastoviglie, visto che con questo genere di prodotto si preparano spesso dei sandwich già assemblati e spesso ripieni di salse o formaggi solidi e spalmabili che con il calore si sciolgono e depositano sulle piastre. Inoltre, come già visto in precedenza, questa piastre possono anche essere utilizzate per grigliare verdure, wurstel o carne, motivo per cui si fa ancor più importante verificare quanto semplicemente questi componenti siano estraibili e lavabili. I modelli di tostapane orizzontali più economici prevedono di solito delle piastre non estraibili: in questo caso per pulirle dovrete utilizzare un panno bagnato o una spugnetta con detersivo.

Altri fattori da tenere in mente per la scelta del tostapane

I materiali sono importanti?

Quando si tratta di acquistare un prodotto come un tostapane, che raggiunge delle temperature anche parecchio elevate, è veramente importante fare attenzione ai materiali con cui questo apparecchio è prodotto. Quando la resistenza interna del tostapane si riscalda, se a contatto con materiali di scarsa qualità, può facilmente danneggiarli e, cosa ancor più grave, sprigionare delle sostanze tossiche, pericolose da ingerire e respirare. È sempre meglio, quando possibile, accertarsi della qualità dei materiali, siano questi leghe metalliche o plastiche, di cui è fatto il tostapane che ci accingiamo ad acquistare. I materiali utilizzati per i tostapane non variano moltissimo: troviamo plastiche resistenti (nei prodotti più economici) oppure metalli di varie tipologie (nei modelli dal costo più elevato). Acquistare un prodotto in plastica resistente, però, non significa scegliere un prodotto scadente: la differenza risiede nelle prestazioni che il tostapane potrà sostenere e nella sua longevità, visto che una struttura in plastica potrà usurarsi più facilmente con il tempo e con il calore, mentre una in acciaio inox si conserverà sicuramente meglio e più a lungo.

La marca è importante?

Sono diversi i marchi disponibili sul mercato che si occupano della produzione di tostapane sia di tipo verticale che orizzontale. Nella scelta del proprio prodotto è importante rivolgersi ad un’azienda produttrice conosciuta ed affidabile, per avere la garanzia d’acquisto di un prodotto non solo efficiente ma anche sicuro da utilizzare e di qualità: una marca rinomata è garanzia di qualità anche nella scelta dei materiali. Scegliere un brand diffuso e rinomato conviene anche qualora si verificassero dei problemi nel funzionamento e ci fosse bisogno di assistenza. Per quanto riguarda la produzione di tostapane e tostiere, troviamo, tra i principali, marchi quali Philips, Kenwood, Russell Hobbs, De’Longhi, Severin e Klarstein.

Il prezzo è importante?

Il prezzo dei tostapane oscilla da circa 15€ fino a oltre 150€: una variazione davvero considerevole di cui è importante comprendere le ragioni. Spendere poco non significa necessariamente acquistare un prodotto scadente o, al contrario, spendere una cifra alta non assicura il prodotto più soddisfacente in assoluto. Bisogna capire cosa rende un tostapane molto più costoso di un altro. La variazione è dovuta a diversi fattori legati innanzitutto al tipo di materiali utilizzati ma non solo: sul prezzo finale incidono le funzioni, il design e anche la grandezza stessa del tostapane. Il prezzo è quindi un valore indicativo della tipologia stessa di prodotto che è importante selezionare alla luce delle proprie esigenze e non esclusivamente del costo in modo da non restare delusi dalle prestazioni del tostapane acquistato.

Quali sono i migliori tostapane del 2017?

La tabella dei migliori tostapane del 2017 scelti dalla redazione di QualeScegliere.it

Prodotto Voto finale Recensione
Cuisinart CPT180E 9,9 Recensione
Russell Hobbs 17888-56 7,8 Recensione
Ariete 1911 Toast & Grill Slim 8,1 Recensione
Philips HD2597/90 8 Recensione
Imetec Professional Serie TS 600 7,9 Recensione

Tostapane: tutti i prodotti recensiti

Domande e risposte su Tostapane

  1. -1
    Domanda di Maria Zanchi | 19 agosto 2016 at 23:30

    Salve,a proposito di tostapane verticale, non so decidermi se sia meglio uno con le pinze o no, e quanto sia +/- utile la griglia scaldapanini. Grazie

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 23 agosto 2016 at 09:37

      Dipende dall’uso che intendi fare.
      Le pinze possono essere molto utili se pensi di scaldare toast già farciti.
      La griglia della piastra può scaldare anche vari tipi di panini, focacce farcite e pizzette.
      Per la scelta, potresti osservare anche le modalità di pulizia del tostapane.

  2. -4
    Domanda di francesca | 1 maggio 2016 at 12:26

    migliore tostiera con piastre intercambiabili anche per waffel

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 2 maggio 2016 at 11:21

      La tostiera Domo è un modello professionale con tre piastre intercambiabili, mentre la Princess Compact Pro è un prodotto più semplice, economico e dalle piastre più piccoline.

"Tostapane": hai dubbi? Facci una domanda!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecco i migliori tre prodotti della categoria.

8 visitatori su 10 approfittano di queste offerte.

Il migliore in assoluto

Cuisinart CPT180E

Miglior prezzo: 71,78€

Il miglior rapporto qualità prezzo

Russell Hobbs 17888-56

Miglior prezzo: 30,85€

Il più venduto

Ariete 1911 Toast & Grill Slim

Miglior prezzo: 31,97€