I migliori termoconvettori del 2019

Confronta i migliori termoconvettori del 2019 e leggi la nostra guida all'acquisto.
Roberto.sassi
Autore
Roberto

I 4 fattori decisivi per la scelta del termoconvettore

Che cos'è un termoconvettore?

In inverno è sempre piacevole avere una casa ben riscaldata in ogni stanza. Sono in particolare gli ambienti più ampi a essere spesso piuttosto freddi e le ragioni possono essere molto varie: da un sistema di riscaldamento inefficiente agli infissi poco isolanti. Per questo sarebbe preferibile trovare un rimedio possibilmente non troppo dispendioso, ma che garantisca buoni risultati e permetta di avere una temperatura adeguata anche nelle giornate più fredde. In commercio si possono trovare sicuramente molti prodotti in grado di emanare calore, ma non tutti sono uguali dal punto di vista dell'efficienza e dei consumi. Una soluzione interessante per chi è alla ricerca di un apparecchio ideale per il proprio ambiente domestico è senza dubbio il termoconvettore. In questa pagina vedremo insieme quali sono i fattori principali da prendere in considerazione quando si intende acquistare questo genere di prodotto, affinché possiate effettuare una scelta consapevole e perfetta per la vostra casa.
Per prima cosa è fondamentale capire cos'è un termoconvettore. In commercio si possono trovare moltissimi apparecchi con una funzione di riscaldamento: dai termosifoni elettrici alle stufe, dai termoventilatori ai condizionatori d'aria. Un termoconvettore è uno specifico elettrodomestico in grado di produrre calore attraverso diversi tipi di fonti di energia. Esistono infatti tre grandi tipologie di termoconvettori: quelli ad acqua, quelli a gas e quelli elettrici.
I modelli ad acqua, chiamati anche "a vapore", utilizzano un meccanismo molto semplice basato sul passaggio di acqua calda, per l'appunto, all'interno di tubi metallici.Termoconvettore elettrico
In questo modo si avrà una circolazione d'aria calda all'esterno, che può avvenire per convezione naturale, ovvero senza alcun elemento che la spinga fuori, oppure per convezione forzata, cioè attraverso l'uso di una ventola.
Nei modelli a gas la stessa operazione viene svolta grazie all'utilizzo di metano, che viene bruciato all'interno del prodotto riscaldando l'aria circostante. Il funzionamento dei termoconvettori elettrici, invece, si fonda su un sistema di resistenze elettriche al posto dei tubi di cui sono dotati quelli ad acqua.
Essendo solitamente di dimensioni ridotte rispetto a questi ultimi, i termoconvettori elettrici sono quindi decisamente più adatti per essere utilizzati in ambiente domestico. Per questa ragione, d'ora in avanti, quando parleremo di termoconvettori ci riferiremo esclusivamente ai modelli elettrici, esaminando i fattori decisivi da considerare nel momento in cui si intende acquistarne uno.

1. Struttura

Il primo aspetto che è importante valutare quando si desidera procedere all'acquisto di un prodotto di questo genere è sicuramente quello relativo alla sua struttura. In particolare vi consigliamo di considerare con attenzione le dimensioni e il peso dell'apparecchio, poiché incidono in maniera notevole sulla praticità d'uso. Inoltre stiamo parlando di un elettrodomestico che andrà a occupare un certo spazio all'interno di una particolare stanza della nostra casa, dunque è bene capire in anticipo se può essere un problema dal punto di vista della mobilità e dell'arredamento. Lo stesso discorso vale anche nel caso si tratti di termoconvettori che si possono appendere alla parete: è fondamentale avere il giusto spazio per evitare di sovraffollare il muro oppure di installarlo in un punto in cui rischia di risultare antiestetico per via delle sue dimensioni eccessive. In linea generale possiamo dire che un termoconvettore elettrico presenta delle dimensioni non troppo distanti da quelle di un tradizionale termosifone.
Termoconvettore dimensioni
Molto rilevante, come dicevamo, è anche il peso dell'apparecchio. I termoconvettori che si possono trovare sul mercato presentano un peso medio tra i 4 e i 6 kg, ma, naturalmente, a seconda della tipologia e della struttura, possono pesare in modo inferiore o superiore rispetto a questi valori. Vi consigliamo di verificare il peso del prodotto specialmente qualora esso non sia dotato di rotelle oppure lo si voglia appendere al muro. Un apparecchio troppo pesante sarà infatti difficile sia da trasportare da una stanza all'altra o da un piano all'altro della casa sia da installare alla parete in modo rapido ed efficace.


I migliori due prodotti della categoria

8 persone su 10 approfittano di queste offerte

2. Potenza e consumi

Un altro fattore determinante per la scelta del termoconvettore ideale è quello che riguarda la potenza elettrica e i consumi energetici dell'apparecchio. Per quanto riguarda la potenza possiamo dire che essa incide significativamente sulle prestazioni del termoconvettore, essendo questo un prodotto che, come abbiamo detto in precedenza, si basa proprio su resistenze elettriche che emanano calore all'esterno. Gran parte dei modelli in commercio ha una potenza elettrica variabile tra i 750 e i 2000 watt. Generalmente i termoconvettori di fascia alta possono vantare 2000 watt, talvolta anche di più, mentre quelli di fascia bassa possono non andare oltre i 500 watt. È perciò evidente quanto sia importante considerare la potenza del prodotto per riuscire a trovarne uno il più possibile adatto all'ambiente in cui si desidera collocarlo. Un termoconvettore da 2000 watt sarà sicuramente appropriato per stanze di dimensioni medio-grandi, mentre un modello da 500 watt sarà preferibile per una stanza piccola. Questo non può certamente essere l'unico criterio per scegliere l'apparecchio migliore, ma è comunque un'ottima indicazione rispetto alla sua capacità di riscaldamento.
Termoconvettore con funzione EcoIl valore relativo alla potenza elettrica influenza ovviamente anche il consumo energetico. D'altra parte il termoconvettore è un apparecchio destinato a essere utilizzato per diverse ore al giorno e che dunque rischia di pesare in modo considerevole sulla bolletta. Per questa ragione alcuni modelli sono dotati di una tecnologia a basso consumo che permette di ridurre l'utilizzo di elettricità, evitando inutili sprechi. Di solito questa funzione permette di abbassare la potenza elettrica fino a 1000-1200 watt invece dei normali 2000 watt in fase di attività standard. In questo modo il consumo può ridursi fino al 40%. Alcuni termoconvettori, soprattutto quelli di fascia alta, sono in grado di ridurre automaticamente i consumi nel momento in cui la stanza ha raggiunto la temperatura prescelta, mentre altri dispongono di uno specifico tasto per attivare la funzione Eco. Gran parte dei modelli che si possono trovare sul mercato permette di selezionare diversi livelli di potenza.

3. Funzioni e modalità

Passiamo ora a un altro fattore decisivo, quello relativo alle diverse funzioni e modalità che possono rendere un termoconvettore più efficiente e adatto alle proprie esigenze. Un elemento importante per questo genere di prodotti è senz'altro il termostato, che consente di misurare la temperatura interna della casa e poter così procedere a impostare al meglio l'apparecchio. Spesso è presente una rotella oppure un selettore per impostare la temperatura più opportuna in base alla stagione e alle condizioni climatiche esterne e interne alla casa. Altre volte questa operazione avviene automaticamente e questo aspetto può rivelarsi davvero determinante, specialmente per chi è alla ricerca di un termoconvettore molto adattabile e "smart", ovvero capace di reagire direttamente ai cambiamenti di temperatura che avvengono all'interno della stanza. Termoconvettore telecomando e displayIn alcuni casi i modelli fascia alta dispongono persino di un rilevatore di finestra aperta.
Un'altra funzione interessante e più comune è il timer. Questo serve per impostare il termoconvettore in modo tale da evitare che resti acceso anche quando non occorre durante il giorno o nelle ore notturne. Vi sono poi modelli (soprattutto quelli a parete di fascia alta) che hanno in dotazione un telecomando per controllare il funzionamento e impostare le varie modalità comodamente a distanza. Un ulteriore punto di forza può essere la presenza di un display LCD sul quale si possono monitorare e scegliere le funzioni preferite. Questo è però una peculiarità quasi esclusiva dei modelli a parete, solitamente più complessi dal punto di vista tecnologico e perciò anche più costosi. Segnaliamo anche che alcuni termoconvettori offrono la possibilità di selezionare una funzione turbo ventilata, che consente di riscaldare anche ambienti grandi in tempi più brevi rispetto alla modalità standard.

4. Sicurezza e accessori

Termoconvettore con antisurriscaldamento
Quando si ha a che fare con gli elettrodomestici e, in particolare, con apparecchi progettati per funzionare anche quando non si è in casa, è molto importante che questi siano dotati di un sistema di sicurezza che eviti spiacevoli incidenti. Tra le funzioni di cui sono dotati i termoconvettori elettrici c'è anche quella di autospegnimento in caso di ribaltamento. Un interruttore spegne all'istante il prodotto qualora questo cada in terra accidentalmente, rischiando di provocare danni alla casa. Molto importante è anche la funzione antisurriscaldamento, che spegne automaticamente il termoconvettore nel caso in cui abbia raggiunto una temperatura troppo elevata che potrebbe mettere a rischio il suo corretto funzionamento. Per quanto riguarda gli accessori, è piuttosto raro che un termoconvettore abbia in dotazione altri elementi aggiuntivi. È però molto comune che un prodotto da pavimento si possa anche appendere alla parete. In questo caso è normale trovare nella confezione dei supporti per effettuare l'operazione. Generalmente si tratta di staffe in plastica o in metallo in grado di sostenere adeguatamente il prodotto una volta applicato al muro.


I migliori due prodotti della categoria

8 persone su 10 approfittano di queste offerte

Altri fattori da tenere a mente per la scelta del termoconvettore

I materiali sono importanti?

Diversamente da quanto accade per altri tipi di prodotto, i materiali non incidono particolarmente sul funzionamento del termoconvettore: i rivestimenti esterni saranno tutti in materiali in grado di condurre il calore che permettano di diffonderlo velocemente.
Se quindi cercate un modello semplice da utilizzare per riscaldare una sala da pranzo, o da tenere vicino alle gambe mentre leggete in poltrona, non dovrete fare particolare attenzione ai materiali; se invece cercate un termoconvettore da utilizzare in bagno o in un altro ambiente umido, allora i materiali sono sicuramente un aspetto da valutare. È infatti una peculiarità di alcuni modelli di fascia alta avere un rivestimento in materiali come il vetro, in grado allo stesso tempo di diffondere il calore e di proteggere l'interno del termoconvettore dagli schizzi e dall'umidità, aspetto particolarmente importante qualora si tratti di termoconvettori elettrici.
Potrebbe poi essere interessante prestare attenzione alle finiture del termoconvettore, le quali sono prevalentemente in plastica o in alluminio. Sarebbe interessante valutarne soprattutto la robustezza e la potenziale resistenza, ma si tratta  di aspetti difficilmente valutabili quando si sceglie un prodotto online. Consigliamo, pertanto, di considerare come indicatori della longevità del termoconvettore gli altri aspetti di cui ci occuperemo qui sotto, ovvero la marca e il prezzo.

La marca è importante?

Se è vero che i termoconvettori sono in generale prodotti piuttosto semplici, bisogna anche ricordare che sono apparecchi che si collegano alla rete elettrica ed è bene pertanto accertarsi che siano totalmente affidabili e sicuri, e in questo senso, affidarsi a un marchio noto è quasi sempre sinonimo di garanzia. Tra i brand che si occupano di termoconvettori troviamo, tra gli altri, alcuni dei più importanti produttori di apparecchiature per il riscaldamento e la cura della casa, su tutti citiamo De'Longhi, Trotec, Argoclima e Klarstein, oltre a marchi più eclettici come Imetec e Rowenta.
Affidarsi a un marchio noto è, inoltre, come citavamo sopra, anche una garanzia dal punto di vista della longevità del termoconvettore, dal momento che potremo avere quasi la certezza che sia stata dedicata una tale attenzione ai dettagli e alle finiture da assicurare al prodotto una lunga vita.

Il prezzo è importante?

Premettiamo dicendo che non vi è una enorme differenza di prezzo tra i prodotti di fascia più alta e quelli economici. Ciò detto, possiamo tuttavia affermare che il prezzo del termoconvettore è indicativo della sua qualità e della potenziale durata della sua vita.
Naturalmente non è detto che per tutti gli utenti il prodotto migliore sia necessariamente quello più costoso: chi cerca un termoconvettore da usare saltuariamente e solo in ambienti asciutti, come un salotto o una stanza da letto, può tranquillamente accontentarsi di un prodotto di fascia economica, spendendo tra 20 e 30 €.
Con l'aumentare del prezzo aumenta la versatilità del prodotto. Intorno ai 50 €, in quella che potremmo definire come fascia media, si trovano prodotti che, ad esempio, possono essere utilizzati in modo intensivo senza gravare troppo sui consumi, grazie a caratteristiche quali la funzione di risparmio energetico e la possibilità di regolare la temperatura in base alle esigenze, che mancano nei prodotti più semplici.
Vi sono poi i prodotti di fascia alta, con prezzi che arrivano anche fino a 150 €, che offrono una versatilità ancora maggiore, con peculiarità come la protezione anti schizzi o la possibilità di essere fissati a parete.


I migliori due prodotti della categoria

8 persone su 10 approfittano di queste offerte


Copyright Reviewlution GmbH – È vietato ogni sfruttamento non autorizzato

Quali sono i migliori termoconvettori del 2019?

La tabella dei migliori termoconvettori del 2019 scelti dalla redazione di QualeScegliere.it

Prodotto Migliore
offerta
Rowenta CO3035 Vectissimo Turbo 73,09 €
Imetec Eco Rapid TH1-100 52,00 €
De’Longhi Slim Style HSX2320F 58,53 €
Master TC2000 26,90 €
Zephir ZCV2003TT 41,85 €

Termoconvettori: tutti i prodotti recensiti

Domande e risposte su Termoconvettore

  1. 1
    Domanda di antonio | 5 ottobre 2018 at 12:00

    vorrei acquistare un termoconvettore a parete a basso consumo per una serra di 10 mq, quale mi consigliate? grazie

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 5 ottobre 2018 at 12:43

      Ti consigliamo di optare per il De’Longhi Slim Style HSX2320F. Clicca qui per andare all’offerta!

"Termoconvettore": hai dubbi? Facci una domanda!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecco i migliori tre prodotti della categoria.

8 visitatori su 10 approfittano di queste offerte.

Il migliore

Rowenta CO3035 Vectissimo Turbo

Migliore offerta: 109,90€

Il miglior rapporto qualità prezzo

Imetec Eco Rapid TH1-100

Migliore offerta: 52,00€

Il più venduto

De’Longhi Slim Style HSX2320F

Migliore offerta: 60,89€