I migliori camini del 2022

Confronta i migliori camini del 2022 e leggi la nostra guida all'acquisto.

Braccioni
5.505,01 €
Braccioni
1.484,13 €
Ferlegno Commerce
2.600,00 €
Amazon
2.199,99 €
MondoTop
2.863,00 €
Elettroincassodoc
2.482,98 €
ePRICE
2.615,54 €
Ferlegno Commerce
2.900,00 €
Yeppon
4.801,89 €

Tipologia

Monoblocco, ventilato, canalizzabile

Inserto, ventilato, canalizzabile

Inserto, ventilato, canalizzato

Inserto, ventilato

Inserto, ventilato, canalizzabile

Alimentazione

Legna

Legna

Pellet

Pellet

Legna

Potenza termica

25,5 kW

9,6 kW

8 kW

12 kW

16 kW

Volume massimo consigliato

638 m³

250 m³

230 m³

344 m³

n.d.

Rendimento termico

89%

89,5 %

91,4%

92%

70%

Consumo orario

6,5 kg/h

2,3 kg/h

1,77 kg/h

2,8 kg/h

n.d.

Dimensioni (LxPxA)

87,1 x 71,8 x 152,6

70 x 45 x 55,5 cm

73,5 x 51,2 x 50,8 cm

81,4 x 63,3 x 55 cm

80 x 56 x 52 cm

Materiali

n.d.

Ghisa

Ghisa

Ghisa

Acciaio

Punti forti

Può sostituire la caldaia a gas

Ottima resa termica

Eccellente resa termica

Eccellente resa termica

Made in Italy

Installazione muraria

Usufruisce del Conto Termico

Con telecomando e controllo del calore

Classe Aria Pulita A

Buona potenza termica in rapporto alle dimensioni

Ottimo rendimento termico

Consumo contenuto

Serbatoio da 11 kg

Termostato settimanale

Classe ambientale 5 stelle

Integrazione Alexa opzionale

Serbatoio da 16 kg

Beneficia di tutti i bonus fiscali

Cassetto caricamento pellet opzionale

Installazione facilitata

Punti deboli

Prezzo elevato

Non canalizzabile

Resa termica < 80%

Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa

Come scegliere il camino

Sono in molti ad amare, d’inverno, il fascino della fiamma viva del camino. Il camino ha una forza riscaldante molto elevata rispetto ai termosifoni e può essere installato sia in villette autonome, sia in appartamenti, se ci sono le dovute condizioni. Negli ultimi anni si sono affacciati sul mercato molti prodotti che cercano di emulare la bellezza e le caratteristiche dei camini, primi fra tutti le stufe a legna e a pellet, che in alcuni casi possono avere anche un design piacevole adatto ad un arredamento rustico o molto moderno. Il camino è però incassato nel muro e necessita di una canna fumaria in muratura, a differenza delle stufe che possono avere una canna fumaria esterna in tubatura che si monta in modo relativamente semplice. CaminoSe quindi volete acquistare un camino o un termocamino a biomassa (alimentato a legna o a pellet) dovete essere consapevoli che avrete bisogno di svolgere dei lavori edili nella vostra casa. Nei casi in cui questa abbia già un camino, potrete usare la canna fumaria già esistente e inserire un nuovo camino metallico, un cosiddetto “inserto”, che viene incassato nella vecchia struttura. Questi camini sono tutti camini chiusi, ovvero con una porta in vetro. In questa guida all’acquisto illustreremo le diverse tipologie di camini a biomassa per guidarvi all’acquisto, ma vi ricordiamo che l’alternativa meno complicata da installare è quella del camino elettrico.
Ricordate che il camino deve essere montato da un installatore accreditato, che potrà anche guidarvi alla selezione del modello migliore. Non confondete poi i camini a biomassa con i camini a bioetanolo, che riscaldano molto poco, ma sono piacevolmente decorativi.

Tipologie di camino

Anzitutto vediamo i tipi di camini presenti sul mercato per capire quale prodotto faccia effettivamente al caso vostro.

Camino standard

Si tratta di un camino “semplice”, ovvero privo di tecnologie di ventilazione o della possibilità di canalizzazione. Solitamente una ricerca sugli store online vi presenterà questa tipologia di camino. La maggior parte della struttura è metallica, con un vetro per proteggere dalla fiamma.

Camino ventilato

La ventilazione nei camini permette di distribuire l’aria calda nell’ambiente in modo più efficiente. La maggior parte delle stufe è già dotata di questo tipo di sistema ed è abbastanza comune anche su molti modelli di camino. Camino ventilatoLa ventilazione può presentare un semplice interruttore per attivarla e interromperla. In alcuni casi i kit di ventilazione sono acquistabili a parte.

Camino canalizzato

Si tratta dei camini pensati non solo per una stanza, ma che possono distribuire il calore anche in camere adiacenti. Generalmente il camino viene posizionato nel salone e, in base alla grandezza di questo, è possibile calcolare il calore emesso anche per un altro ambiente. Il sistema di canalizzazione e condutture va installato attraverso lavori edili effettuati da personale installatore che abbia i regolari permessi.

Termocamino

Il termocamino può essere collegato al sistema idrico e scaldare l’acqua dei riscaldamenti e quella “sanitaria“, ovvero quella che fluisca dai rubinetti di casa. Si tratta ovviamente di prodotti tecnologicamente più elaborati e costosi. Anche questo tipo di impiantistica necessita di tecnici e installatori professionisti. I termocamini generalmente sono più potenti e sono pensati per saloni di dimensioni più grandi, per questo motivo necessitano anche di un apporto di combustibile maggiore.Camino termocamino Dovrete sempre tenere in considerazione il consumo di combustibile per l’uso del vostro camino, e soprattutto l’approvvigionamento: una casa che abbia bisogno di una buona quantità di legna, ad esempio, ha anche bisogno di uno spazio per lo stoccaggio, come un garage. Più semplice il discorso con il pellet, ma del confronto tra i due combustibili ci occuperemo più avanti.

Parametri tecnici

Un camino ha dei parametri specifici relativi al consumo e alla potenza. Ovviamente un camino più grande ha anche un potere termico riscaldante maggiore. Ecco a che cosa fare attenzione:

  • Potenza termica: indica l’effettivo calore in kW necessario per riscaldare un ambiente;
  • Consumo: indica la quantità di combustibile che consuma il camino, espressa in kg/h;
  • Rendimento: dato importante, indica l’effettivo calore prodotto dal camino. I modelli di buona qualità dovrebbero avere un rendimento almeno dell’80%.

Come scegliere le dimensioni del camino?

Le dimensioni del camino vanno selezionate con cura ed è necessario farsi guidare da un installatore esperto e da un tecnico fumista. Ovviamente se avete già un camino in muratura che andrà incassato dovete calcolare il lavoro in base a ciò che avete. Orientativamente le dimensioni sono quelle illustrate nella seguente tabella:

Area da riscaldare Dimensioni camino (LxAxP) Ø canna fumaria
15-20 m² 60 x 50 x 35 cm 20 cm
25-30 m² 70 x 60 x 35 cm 20 cm
50-65 m² 115 x 80 x 45 cm 38 cm

A questi valori vanno aggiunti i valori di coibentazione dell’appartamento e della stanza. Un’alta coibentazione ha un coefficiente di 0,04, una bassa coibentazione di 0,06. Questi valori vanno controllati da un tecnico e possono essere migliorati con rivestimenti appropriati alle pareti.

Tipologie di incasso

I camini possono avere incassi particolari. Questi cambiano notevolmente il tipo di installazione edile che dovrete andare a fare. In tutti i casi, vi sarà però necessario controllare con un tecnico fumista l’effettivo tiraggio della vostra canna fumaria.

Inserto per camino

Per inserto si intende una specie di cubo metallico che deve necessariamente essere inserito in una struttura dotata di canna fumaria in muratura. Oltre ai controlli con il tecnico fumista, dovrete comunque compiere alcuni lavori edili per l’installazione e rendere il camino a norma. Di solito i vecchi camini aperti necessitano oggi di un inserto per camino.Camino inserto

Focolare

Una volta incassato è indistinguibile da un inserto per camino, ovvero presenta un braciere e un vetro temperato. Il focolare serve a creare un camino ex novo, quindi piazzandolo su una base in muratura e poi rivestendolo con mattoni o cartongesso. Generalmente hanno una punta conica che va poi collegata alla canna fumaria.Camino focolare

Monoblocco

Il camino monoblocco ha funzioni simili a quelle di una stufa, può quindi anche essere posizionato autonomamente in un salone, collegandolo ovviamente a una canna fumaria. Il monoblocco è comunque pensato per essere successivamente incassato in muratura o in una struttura in cartongesso, ma è dotato di una base e di piedi in metallo che lo rendono autonomo.Camino monobloccoOvviamente una volta posizionato nel proprio alloggiamento anche il monoblocco è quasi indistinguibile dal focolare o dal camino a incasso. I monoblocco sono però in genere più grandi e più potenti, quindi adatti a stanze di dimensioni maggiori.

Combustibile: legna o pellet

I camini a legna e a pellet sono molto simili, ma il camino a pellet ha un serbatoio o un cassetto di alimentazione, quindi non solo necessita di meno manutenzione, ma permette anche di aggiungere combustibile senza aprire la porta e disperdere calore.
Inoltre, il pellet è più semplice da stoccare perché viene venduto in buste medie da 15 kg, ma è disponibile anche in tagli più piccoli. La legna, invece, è molto più ingombrante e necessita di molto spazio per l’immagazzinamento. Per chi non abita in una villetta indipendente, dunque, il camino a pellet può essere l’opzione migliore, mentre chi ha a disposizione un giardino con tettoia o un ampio garage può optare anche per un camino a legna.

Costi di legna e pellet

Diciamo subito che, in generale, la legna è più economica. La differenza è piuttosto sostanziale e si spiega molto semplicemente con il fatto che la legna sia una materia prima molto poco trattata rispetto al pellet, che deriva sì dalla legna stessa, ma subisce un processo di lavorazione più complesso per essere ridotto in “compresse”. Solo a titolo indicativo, il costo per MWh è intorno ai seguenti valori:

  • Pellet: circa 80 €/MWh (con pellet ENplus A1);
  • Legna: circa 51 €/MWh (con legna di bassa qualità, più umida).

Il vostro fabbisogno in MWh dipende, come già accennato, sia dalle dimensioni della vostra abitazione, sia dalla coibentazione. Il calcolo del fabbisogno non è immediato e va di preferenza effettuato con l’aiuto di personale specializzato. È molto importante stabilire il fabbisogno nella maniera più precisa possibile, così da scegliere poi il camino o termocamino più idoneo a riscaldare l’ambiente con il minor consumo di combustibile possibile.

Materiali

I camini sono sempre realizzati in materiali che resistono ad alte fonti di calore: acciaioghisa per quanto riguarda il braciere, la struttura e il cassetto (sia il portacenere, sia il cassetto di alimentazione nel caso dei camini a pellet). Vetro temperato o vetro ceramico vengono usati per lo sportello che protegge la fiamma. Da questo punto di vista tutte le marche abbastanza note presenti sul mercato hanno dei prodotti di qualità.Camino materiali cassetto Se vi rivolgete a prodotti di bassa qualità potreste trovare delle leghe non troppo buone, potenzialmente derivanti da materie prime di scarto. State quindi attenti ai prodotti che hanno un prezzo troppo esiguo e che sono di dubbia provenienza.

Materiali per l’installazione

Questi prodotti hanno tutti bisogno di installazione che, come abbiamo detto, necessita di lavori edili. I materiali usati per la costruzione di un camino devono essere anche in questo caso ignifughi. Si tratta quindi di coperture, cartongesso e verniciature che non reagiscono alle alte temperature. Un tecnico specializzato saprà guidarvi in questa fase e idealmente dovrebbe fornire lui stesso il materiale necessario.

Documentazione per l’installazione

Ricordate che in alcuni casi è necessario richiedere una delibera del condominio per l’installazione, concordando che la canna fumaria non sia posizionata in un luogo sgradito o dannoso per la salute. Sia in condominio, sia in villetta indipendente è necessario inoltrare una richiesta al Comune di residenza, avere una relazione tecnica da parte di uno specialista accreditato e fornire una Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata, la cosiddetta “CILA“, firmata da un tecnico.

Le domande più frequenti sul camino

Quanto costa un camino?

Il prezzo dei camini è estremamente variabile. Modelli molto semplici possono avere un prezzo di circa 500 €, mentre si sale verso gli oltre 1.500 € per i modelli realizzati con materiali più di pregio. Per i termocamini i prezzi sono orientativamente dai 2.000 € a salire. A questi si aggiungono inoltre i prezzi dell’installazione a norma e dei materiali. Dovrete quindi chiedere un preventivo a una ditta che realizzi questo tipo di impiantistica, evitando a tutti i costi operai improvvisati per questo tipo di installazioni.
Ricordiamo che sono previste detrazioni fiscali e bonus per i camini che abbiano almeno il 70% di rendimento termico.

Quali sono le migliori marche di camini?

In Italia c’è una buona produzione di camini e stufe e noi vi consigliamo anzitutto di scegliere un prodotto locale.
Le marche più note sono La Nordica Extraflame, Italiana Camini, Edilkamin, MCZ, GirolamiF.lli Lerda; vi sono poi i modelli dal design molto moderno di Biokamino, e poi Faber, Atra, RavelliFocotto.
A livello europeo esistono moltissimi brand ed elencarli tutti è molto difficile, va però detto che si tratta di prodotti quasi sempre simili come livello e qualità costruttiva, il cui prezzo aumenta notevolmente quando si tratta di prodotti di dimensioni più grandi o con design particolari.

Quanto combustibile serve per riscaldare?

La quantità di combustibile necessario è difficile da determinare. Tra i fattori che entrano in gioco ci sono:

  • Le dimensioni del camino;
  • La grandezza della stanza;
  • La posizione geografica;
  • La distanza da specchi d’acqua;
  • Le condizioni meteorologiche.

Camino sacchi legnaInoltre la coibentazione incide di molto sul rendimento. Una stanza ben coibentata può far consumare meno della metà di combustibile rispetto a una con una bassa coibentazione.

Il camino inquina?

, il camino inquina, ma meno rispetto ad altri sistemi di riscaldamento, come ad esempio quelli a gas.
Anzitutto, la presenza dei camini è distribuita sul territorio e non è concentrata in zone cittadine. Inoltre, i camini sono suddivisi per Classificazione Ambientale, con una valutazione dei vari prodotti che va da 1 a 5 stelle. In alcune regioni, per decreto legislativo, non è possibile acquistare camini che abbiano una Classificazione Ambientale inferiore a 4 stelle, quindi che consumino e inquinino molto.

Come va pulito il camino?

Il camino va pulito regolarmente. I prodotti da usare posso essere anche i più classici, anche semplice acqua e aceto o sapone. Va sempre considerato che il camino va pulito anche giornalmente nei periodi di grande freddo. Esistono aspiratori per la cenere che facilitano il lavoro di pulizia di camini particolarmente profondi. Anche la canna fumaria va manutenuta in buon ordine, con pulizie periodiche realizzate da personale specializzato.


Copyright Klikkapromo srl – È vietato ogni sfruttamento non autorizzato
Il migliore
Carinci Evolution 4.0 System

Carinci Evolution 4.0 System

Migliore offerta: 5.505,01€

Il miglior rapporto qualità prezzo
Italiana Camini Kubicalor Sprint

Italiana Camini Kubicalor Sprint

Migliore offerta: 1.484,13€