I migliori termoventilatori da parete del 2022

Confronta i migliori termoventilatori da parete del 2022 e leggi la nostra guida all'acquisto.

Il migliore

Amazon
Carpe diem store
Manomano
Fercolor
Clap Trade
Potenza max2000 W
Livelli potenza2
ResistenzaCeramica
TimerSettimanale
Protezione IPIP X2
Telecomando
Basculante
Montaggio a parete
Funzione antigelo
Punti forti
  • Adatto anche alla stanza da bagno
  • Timer per la programmazione di tutta la settimana
  • Due livelli di potenza
  • Funzione mantenimento temperatura
  • Telecomando in dotazione

Il miglior rapporto qualità prezzo

Amazon
Coop Online
Potenza max2000 W
Livelli potenza2
ResistenzaCeramica
TimerSettimanale
Protezione IPIP 22
Telecomando
Basculante
Montaggio a parete
Funzione antigelo
Punti forti
  • Adatto anche alla stanza da bagno
  • Timer per la programmazione di tutta la settimana
  • Due livelli di potenza
  • Comodo telecomando
Punti deboli
  • Niente termostato
Amazon
onlinestore
Prezzo Forte
Sg1shop
Gm termoidraulica
Potenza max2000 W
Livelli potenza2
ResistenzaCeramica
Timer8 h
Protezione IP
Telecomando
Basculante
Montaggio a parete
Funzione antigelo
Punti forti
  • Display LCD per monitorare la temperatura
  • Funzione Eco per mantenere il calore e consumare meno
  • Anche ventilazione estiva per i mesi più caldi
  • Telecomando in dotazione
  • TImer per spegnimento automatico
Punti deboli
  • Un po' rumoroso
  • Display piccolo
Amazon
Klik italia
Manomano
Essemme Forniture
Comet
Potenza max1500 W
Livelli potenza3
ResistenzaMetallica
TimerSettimanale
Protezione IPIP X4
Telecomando
Basculante
Montaggio a parete
Funzione antigelo
Punti forti
  • Adatto anche alla stanza da bagno
  • Timer per la programmazione di tutta la settimana
  • Tre livelli di potenza
  • Funzione antigelo programmabile
Punti deboli
  • Non si può installare in alto
Amazon
Prezzo Forte
MondoTop
Manomano
Murri Patrizia
Potenza max2000 W
Livelli potenza2
ResistenzaCeramica
TimerSettimanale
Protezione IP
Telecomando
Basculante
Montaggio a parete
Funzione antigelo
Punti forti
  • Programmabile per tutta la settimana
  • Telecomando in dotazione
  • Display LED per monitorare la temperatura
  • Anche ventilazione estiva per i mesi caldi
Punti deboli
  • Ventola a velocità fissa
  • Inadatto al bagno
Elena.gallina
Autore
Elena

I termoventilatori da parete

In molte abitazioni non è infrequente che vi sia almeno una stanza cronicamente fredda, o perché esposta a Nord o perché particolarmente umida. Una possibile soluzione a basso costo a questo problema è l’installazione in questi locali di un termoventilatore da parete: questi apparecchi presentano caratteristiche tecniche e funzionalità del tutto analoghe a quelle dei normali modelli “da tavolo” che possiamo spostare di stanza in stanza, ma possono essere installati a muro (e nella maggior parte dei casi esclusivamente a muro) e comandati con un telecomando.Termoventilatore da pareteAltre soluzioni possibili per il riscaldamento dei locali sono il termoconvettore, la stufa alogena, il termosifone elettrico o, in alcuni casi, il condizionatore con pompa di calore. Se il problema fosse principalmente l’umidità, allora un prezioso alleato potrebbe essere il deumidificatore.
In questa pagina ci occupiamo esclusivamente dei termoventilatori da parete, evidenziandone le differenze rispetto ai termoventilatori da tavolo così da aiutarvi a decidere quale delle due tipologie faccia più al caso vostro.

Caratteristiche dei termoventilatori da parete

Come già accennato, le caratteristiche tecniche non differiscono in maniera sostanziale tra le due tipologie di termoventilatori. Vediamo nel dettaglio cosa possiamo aspettarci da un termoventilatore da parete.

Potenza

La potenza di un termoventilatore da parte o da tavolo influenza la rapidità con cui questo riesce a riscaldare l’ambiente, ma anche la grandezza dei locali che può riscaldare efficacemente. Indicativamente dovete tenere presente che per riscaldare un metro quadrato sono necessari circa 90 W di potenza: dunque se volete scaldare un ambiente da 10 m² vi servirà una potenza di 900 W, per uno da 20 m² una potenza di 1800 W mentre un termoventilatore da 2000 W può scaldare fino a 22 m².
Livelli di potenza
La maggior parte dei termoventilatori, da parete e non, ha due impostazioni di potenza, una da 1000 W e una da 2000 W, ma vi sono anche modelli con un livello intermedio da 1500 W o che, al contrario, non superano questa soglia. Tra i modelli più economici è possibile trovarne alcuni a potenza fissa, solitamente non molto alta (1000 W).Termoventilatore da parete livelli potenzaAvere a disposizione più impostazioni è utile per calibrare la potenza in base al bisogno: se vogliamo guadagnare solo un grado o due potrà bastare il livello di potenza inferiore, mentre se abbiamo bisogno di alzare la temperatura in tempi rapidi potremo usare il livello di potenza superiore.
Velocità
Insieme alla potenza a volte è possibile regolare anche la velocità della ventilazione, un modo per ottenere un riscaldamento più o meno rapido. Anche in questo caso i modelli economici e moltissimi di quelli di fascia media non offrono alcuna possibilità di regolazione e funzionano dunque a velocità fissa. Nel caso di modelli più sofisticati, e dunque anche più costosi, si possono trovare due o più impostazioni di velocità della ventola. Chi cercasse un termoventilatore da parete da installare in una camera da letto potrebbe preferire un modello con più velocità selezionabili: utilizzare quella più lenta permette infatti di ridurre anche il rumore prodotto dall’apparecchio.

Tipi di resistenza

Il funzionamento di un termoventilatore da parete è identico a quello di un modello da tavolo: una resistenza all’interno dell’apparecchio viene attraversata dalla corrente elettrica, riscaldandosi, e una ventola diffonde nell’ambiente il calore così generato. Come nei modelli da tavolo, vi possono essere resistenze metalliche e resistenze ceramiche.
Tra i due tipi le prestazioni sono piuttosto diverse: le resistenze metalliche sono quelle più obsolete, si scaldano più lentamente e si raffreddano più in fredda, richiedendo complessivamente una maggiore quantità di energia rispetto alle resistenze ceramiche. Termoventilatore da parete resistenza ceramicaLe resistenze in ceramica, simili a quelle in foto qui sopra, si scaldano molto più rapidamente e trattengono il calore più a lungo. Va detto che, in generale, un modello con resistenza in ceramica ha un costo sensibilmente maggiore rispetto a uno con resistenza in metallo.

Collocazione

È sostanzialmente questo il grande punto di divergenza tra termoventilatori da parete e i modelli da tavolo. Mentre, come dicevamo, questi ultimi possono essere spostati a piacimento dall’una all’altra stanza (e solo alcuni modelli sono predisposti anche per il fissaggio a muro), i modelli da parete possono essere usati esclusivamente appesi al muro.
Sono sostanzialmente due le tipologie di termoventilatori da parete: quelli a collocazione in alto e quelli a collocazione in basso. Esistono anche termoventilatori da parete specifici per il bagno dotati di portasciugamano, che si installano solitamente ad altezza media.Termoventilatore da parete collocato in altoI termoventilatori da parete a collocazione in alto, come quello illustrato qui sopra, sono i più diffusi e ricordano nella forma i condizionatori d’aria: sono dunque oblunghi, a sviluppo orizzontale e vanno installati in alto sul muro, molto vicino al soffitto. Sono spesso dotati, esattamente come i condizionatori, di una bocchetta basculante per la distribuzione omogenea del calore.Termoventilatore da parete collocato in bassoI termoventilatori da parete a collocazione in basso, di cui vedete un esempio nella foto sopra, sono molto più rari e vengono facilmente confusi con i termoconvettori. Sono più simili ai normali radiatori: si installano nella parte bassa della parete, a pochi centimetri dal pavimento, ed emettono il calore dalla faccia superiore e/o laterale.
Protezione dall’acqua
Come per i modelli da tavolo, chi volesse un termoventilatore da parete da installare in bagno dovrà assolutamente badare alla certificazione IP dell’apparecchio scelto, che idealmente dovrebbe essere o IP 21 oppure IP X4. La protezione IP 21 impedisce l’ingresso nel termoventilatore agli oggetti solidi più grandi di 12,5 mm (più o meno corrispondenti allo spessore di un dito) e assicura che le gocce che cadono in verticale sul termoventilatore non facciano danni. La protezione IP X4, invece, non offre garanzie sull’ingresso di materiali solidi, ma protegge efficacemente l’apparecchio dagli spruzzi d’acqua provenienti da qualunque direzione.

Funzioni

Il parallelo con i modelli da tavolo torna ad essere pressoché perfetto se andiamo a considerare le funzioni che si possono trovare su un termoventilatore da parete. Quelle più comuni riguardano la programmazione del funzionamento dell’apparecchio, e sono le seguenti:

  • Timer: può permettere la programmazione giornaliera o settimanale dell’accensione e spegnimento, oppure il solo spegnimento;
  • Termostato: permette di impostare la temperatura che si desidera raggiungere e mantenenere nell’ambiente;
  • Mantenimento/funzione Eco: il termoventilatore si spegne al raggiungimento della temperatura impostata e si riaccende per mantenerla non appena comincia a calare.

Termoventilatore da parete timer e selettore ventolaNella foto sopra vediamo un termoventilatore con termostato orario (il selettore in basso), un selettore di velocità di ventilazione (quello intermedio) e uno per la potenza utilizzata (quello in alto).
Vi possono poi essere altre funzioni sui modelli più sofisticati:

  • Funzionamento silenzioso: abbatte le emissioni sonore così da permettere il riposo notturno. In generale le emissioni acustiche di un termoventilatore non sono comunque particolarmente forti né penetranti;
  • Funzione antigelo: utile soprattutto se dovete collocare il termoventilatore da parete in un ambiente privo di riscaldamento; questa funzione accende l’apparecchio quando la temperatura dell’ambiente scende sotto i 5 o 7 °C;
  • Ventilazione estiva: aziona la sola ventola senza l’accensione della resistenza, così da far ricircolare l’aria a temperatura ambiente e creare una lieve brezza per i giorni estivi.

Telecomando
Laddove la presenza di un telecomando è per i modelli da tavolo decisamente rara, questo accessorio è pressoché indispensabile per il controllo dei termoventilatori che richiedono la collocazione in alto sulla parete: una volta installati questi non sono infatti facili da raggiungere, per cui la presenza di un comando remoto è imprescindibile.Termoventilatore da parete display sempliceAttenzione dunque a verificare la presenza di un telecomando al momento dell’acquisto. Rimane sempre comunque possibile utilizzare tutte o parte delle funzioni del termoventilatore da parete anche attraverso la pulsantiera sulla scocca.

I principali produttori di termoventilatori da parete

La marca di un termoventilatore da parete merita sicuramente alcune considerazioni. Affidarsi ad un brand conosciuto come Argo, Vortice o De’Longhi, presenti in diversi punti vendita e centri assistenza sul territorio italiano, è generalmente preferibile, dato che sarà semplice entrare in contatto con l’azienda produttrice in caso di guasti o richieste di vario tipo. Non necessariamente i termoventilatori di marche minori funzionano peggio, semplicemente può essere molto più complicato richiedere eventualmente assistenza. Tenete anche presente che, in generale, le marche più famose sono le prime ad introdurre novità sul mercato, per cui è a queste che bisogna rivolgersi se interessano le ultime novità in fatto di tecnologia.

Le domande più frequenti sui termoventilatori da parete

Quanto costa un termoventilatore da parete?

Come spesso accade, anche nel caso dei termoventilatori da parete il prezzo può essere indice di maggiore o minore qualità. Indicativamente i prezzi vanno dai 45 ai 150 € per i termoventilatori da collocare in alto, che sono la maggior parte, e dai 160 ai 200 € invece per quelli meno comuni da collocare in basso.
Indicativamente possiamo dire che i modelli meno costosi abbiano due impostazioni di potenza e che in diversi casi la potenza massima non superi i 1500 W. Al contrario i modelli di fascia alta hanno tipicamente una potenza massima di 2000 W, ma vi sono anche casi in cui si raggiungono i 2400 W. I termoventilatori di fascia medio-alta si contraddistinguono anche per la presenza di un timer (spesso giornaliero, ma nei modelli più pregiati anche settimanale), di almeno due velocità di ventilazione e per la presenza di un display LED ampio e chiaramente leggibile.

Dove acquistare un termoventilatore da parete?

Un termoventilatore da parete si può acquistare o in un negozio di elettrodomestici, in particolare in quelli appartenenti alle principali catene specializzate, oppure online sui maggiori siti di e-commerce.
Ovunque lo acquistiate, dovete tenere presente che sarà poi necessario occuparsi anche dell’installazione: potete provvedere da soli se l’idea di forare un muro e montare un paio di tasselli non vi spaventa, oppure potete farvi aiutare da qualcuno. In alcuni casi, se acquisterete il termoventilatore da parete in negozio, potrete chiedere al rivenditore se sia possibile optare per la consegna con montaggio a domicilio.

Esiste un termoventilatore da parete silenzioso?

Come abbiamo accennato, in generale le emissioni sonore di un termoventilatore da parete sono piuttosto sommesse, si parla di un massimo di 40-45 dB. La preoccupazione per la silenziosità è però legittima nel caso in cui si voglia installare un termoventilatore da parete in camera da letto.
Va detto che in molti casi i produttori non specificano il livello di rumore prodotto da uno di questi apparecchi, per cui chi volesse acquistare un modello sicuramente silenzioso dovrà trovare modi alternativi per capire se un modello sia più o meno sommesso.
Il nostro consiglio è di optare per un modello di fascia medio-alta che abbia almeno due velocità di ventilazione: utilizzando quella più bassa durante la notte si abbatteranno le emissioni di rumore. Il secondo consiglio, un po’ più laborioso, è quello di acquistare il termoventilatore da parete presso un rivenditore online che abbia delle buone politiche di reso: in questo modo si potranno testare le emissioni sonore all’arrivo della macchina, senza neanche installarla, ed eventualmente restituirla al mittente se si verificasse che è troppo rumorosa.


Copyright Klikkapromo srl – È vietato ogni sfruttamento non autorizzato

Quali sono i migliori termoventilatori da parete del 2022?

La tabella dei migliori termoventilatori da parete del 2022 scelti dalla redazione di QualeScegliere.it

Il migliore
Black+Decker BXWSH2000E Black+Decker BXWSH2000E
Miglior prezzo
69,00 €
Miglior qualità/prezzo
Ardes Ardes Pareto Week 2 AR4W04P Ardes Ardes Pareto Week 2 AR4W04P
Miglior prezzo
55,80 €
Argo Chic Silver Argo Chic Silver Miglior prezzo
61,89 €
Vortice Microrapid T 1500-V0 70663 Vortice Microrapid T 1500-V0 70663 Miglior prezzo
203,74 €
Olimpia Splendid Caldo Up Olimpia Splendid Caldo Up Miglior prezzo
64,36 €

Termoventilatori: gli ultimi prodotti recensiti