Le migliori telecamere di sorveglianza del 2018

Confronta le migliori telecamere di sorveglianza del 2018 e leggi la nostra guida all'acquisto.
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa

5 Fattori decisivi per la scelta della telecamera di sorveglianza

1. Tipologia

Il primo fattore da considerare quando si valuta l’acquisto di una telecamera di sorveglianza riguarda la sua tipologia: a seconda dell'uso che intendete fare della telecamera, e in particolare di dove intendete installarla, dovrete orientarvi su una tipologia oppure sull'altra.
Le telecamere di sorveglianza si suddividono infatti in due categorie, quelle idonee a venire installate all’esterno e quelle pensate per funzionare tra le mura domestiche. Tra le due tipologie ci sono importanti differenze dal punto di vista innanzitutto, ovviamente, della resistenza all’acqua e alle intemperie, poi delle modalità di installazione e del tipo e quantità di cavi necessari per il collegamento. Vediamo in cosa consistono queste differenze nel dettaglio.

Isolamento

Telecamera di sorveglianza da esterno

Una telecamera da esterno deve resistere agli agenti atmosferici

La principale differenza tra le due tipologie riguarda la resistenza alle intemperie, anche pesanti, e il funzionamento anche a temperature estreme. Per una telecamera da esterni è infatti indispensabile poter resistere alla pioggia anche intensa, alla grandine e al deposito della neve. Una telecamera di sorveglianza da esterni deve inoltre essere in grado di funzionare anche a temperature sotto lo zero e sopra i 40 °C.
Gli stessi requisiti non sono altrettanto importanti per una videocamera da interni, che dagli elementi e dalle temperature estreme risulta già protetta dall’ambiente casalingo. Questi modelli, infatti, quasi mai sono impermeabili e hanno un range di temperatura di funzionamento più limitato. Da questo punto di vista, dunque, se è teoricamente possibile installare in casa una telecamera da esterni, è invece assolutamente sconsigliato installarne fuori casa una non strutturata per resistere ad agenti atmosferici e temperature estreme.

Installazione

Telecamera supporto muro

Una telecamera con supporto per attacco a muro

Non secondariamente, è necessario considerare dove e come si può installare la telecamera: le due tipologie di telecamera differiscono anche da questo punto di vista. Gli apparecchi da esterni sono infatti normalmente dotati di una staffa che ne consente il fissaggio a muro attraverso viti e tasselli, e non è previsto altro modo di fissare l’apparecchio ad altre superfici.
Le telecamere per interni, invece, possono essere semplicemente appoggiate su una superficie piana e non sempre hanno in dotazione supporti per il fissaggio a parete o soffitto. Soprattutto nel caso optiate per l’acquisto di una telecamera da interni, quindi, è bene che vi accertiate del tipo di supporti di cui dispone, per essere certi di poterla installare esattamente dove ne avete la necessità.

Cavi

Per questioni di praticità e sicurezza, vorrete anche prendere in considerazione quali e quanti cavi usciranno dalla telecamera. Va detto che la tecnologia moderna ha pressoché cancellato la necessità di dover tirare cavi video, infatti quasi tutte le videocamere di sorveglianza trasmettono i dati attraverso un collegamento WiFi, senza fili, al router di casa o a una centralina, in caso si sia installato un sistema completo.
Discorso diverso invece per i cavi di alimentazione: sono ancora poche le videocamere alimentate a batteria, e quasi tutti i modelli, sia per interni sia per esterni, si affidano ancora all’alimentazione da rete domestica. Il motivo è semplice: l’alimentazione da rete elettrica garantisce la continuità della sorveglianza, mentre le batterie possono lasciare un momento di mancata copertura tra lo scaricamento e la sostituzione.

2. Connettività

Telecamera di sorveglianza software

Software per la gestione remota della telecamera

Il secondo fattore da tenere in considerazione nella scelta di una telecamera di sorveglianza è quello relativo alle funzioni remote che sono rese disponibili dalla connessione, sia questa WiFi o via cavo. A differenza delle telecamere della generazione precedente, infatti, quelle attuali si appoggiano a internet per un numero di funzioni fondamentali precedentemente affidate, nella loro versione meno evoluta, a videoregistratori e centraline di controllo, come il salvataggio in remoto dei filmati registrati e la gestione della telecamera attraverso un portale web o applicazione mobile dedicati. Si tratta di servizi più o meno estesi a seconda del modello e del produttore, e che possono essere gratuiti o a pagamento.
Tra le funzionalità rese possibili dalla connessione a internet, quelle più comuni sono:

  • Salvataggio filmati: molto spesso, le telecamere di sorveglianza offrono la possibilità di salvare le riprese effettuate su un servizio cloud, vale a dire su uno spazio dedicato su un server remoto, in aggiunta o in alternativa al salvataggio in locale, su computer o su scheda Micro SD
  • Accessibilità: molti produttori mettono a disposizione un portale dedicato online attraverso il quale accedere da qualunque località e dispositivo ai propri filmati salvati e/o direttamente alla telecamera, con la possibilità di vedere le riprese in tempo reale e controllare i movimenti della videocamera (se previsti)
  • Applicazioni smart: in tanti casi, è possibile effettuare le stesse operazioni, anziché da portale web, attraverso un’applicazione gratuita per dispositivi mobili
  • Controllo remoto: molto spesso, da portale e/o da app, è possibile anche gestire e programmare l’attività della telecamera, pianificando l’avvio delle riprese a orari determinati e scegliendo se e quando ricevere notifiche, come vedremo meglio tra poco

3. Funzionamento

Il terzo fattore che abbiamo individuato come decisivo nella scelta della telecamera di sorveglianza è quello relativo al suo funzionamento, che riguarda due aspetti distinti: da un lato, la quantità e ampiezza di movimenti che la videocamera può effettuare, da cui dipendono le dimensioni della superficie controllabile, dall’altro, la possibilità offerta all’utente di gestire l’attivazione della videocamera.

Campo visivo

Telecamera di sorveglianza campo visivo

È fondamentale considerare il campo visivo di una telecamera, in base a dove volete installarla

I movimenti di cui è capace o meno la telecamera di sorveglianza determinano quale copertura visiva essa è in grado di offrire. I modelli più semplici sono fissi, senza la possibilità né di effettuare panoramiche, né di alzare o abbassare il punto di vista: in questi casi, l’ampiezza di visuale è di solito affidata ad un obiettivo grandangolare, che può arrivare ad avere un angolo di visuale di 75°.
I modelli di videocamera più avanzati, però, consentono di spaziare su una più ampia porzione di campo grazie al movimento motorizzato sui due assi, orizzontale e verticale. In panoramica, le telecamere migliori sono in grado di offrire una copertura quasi totale, ruotando fino a 355° sull'asse orizzontale, mentre l’escursione sull’asse verticale si attesta al massimo sui 120°.

Zoom

Le capacità di zoom delle telecamere di sorveglianza sono in generale piuttosto limitate, e raramente gli ingrandimenti sono ottenuti per mezzo del gruppo ottico, e molto più spesso per intervento digitale. La messa a fuoco ottica è qualitativamente superiore a quella digitale, che comporta una perdita di nitidezza dell’immagine che la messa a fuoco ottica non subisce.
Indicativamente, i migliori modelli possono arrivare a 8x ingrandimenti, mentre i più economici ne sono completamente privi e fanno affidamento su un fuoco fisso con buona profondità di campo.

Attivazione

All’utilizzatore della telecamera di sorveglianza è affidato un certo livello di controllo su come e quando questa debba effettuare riprese. Pressoché tutte le videocamere in commercio prevedono come minimo l’attivazione automatica delle riprese ogniqualvolta viene rilevato un movimento all’interno dell’inquadratura, mentre i modelli più avanzati prevedono anche altre opzioni, come l’attivazione delle riprese ad orari programmati della giornata o la ripresa in continuo attivata manualmente da pannello di controllo.

4. Allarmi

Il tipo di allarmi e di indicazioni che si possono ricevere da una telecamera di sorveglianza varia molto a seconda del modello prescelto, ed è fondamentale tenere in considerazione anche questo aspetto quando se ne valuta l’acquisto.
Infatti, tra le potenzialità più interessanti delle telecamere di sorveglianza vi è la possibilità di monitorare in tempo reale gli avvenimenti ripresi dalla videocamera. Ciò avviene non soltanto, come abbiamo già visto, con l’accesso remoto alla videocamera, ma anche attraverso un ventaglio di avvisi che è possibile ricevere in tempo reale.
Andiamo a vedere quali sono i principali tipi di avviso che una telecamera di sorveglianza può inviare.

Allerta email

Un servizio offerto da praticamente tutti i modelli, anche i più economici, è l’invio di notifiche email ogni volta che un movimento sospetto viene registrato dalla telecamera. Come abbiamo visto, infatti, l’attivazione tramite sensore di movimento è una feature comune a tutte le telecamere moderne. Nell’email inviata sono tipicamente contenuti data e ora del rilevamento e tre o più fotogrammi scattati dalla videocamera. Alcuni modelli possono prevedere anche l’invio di una breve clip filmata.

Notifiche push

In alcuni casi, per quei modelli che prevedono l’integrazione con un’applicazione mobile apposita, è possibile ricevere lo stesso tipo di avviso attraverso l’app anziché l’email, con l’invio di una notifica push simile a quelle che vengono ricevute, ad esempio, quando viene ricevuta un’email o un messaggio di testo.

5. Qualità di ripresa

Telecamera qualità immagine

Una buona qualità dell'immagine rende visibili i dettagli

Infine, l’ultimo fattore che vi suggeriamo di considerare, che a nostro avviso merita attenzione, è la qualità delle riprese che una telecamera di sorveglianza è in grado di offrire. Sono diversi i fattori che incidono sulla qualità dell’immagine: si va dalla risoluzione delle riprese, alla gestione dei colori, all’angolo di visuale e altro ancora.
Vediamo ogni punto più nel dettaglio:

  • Risoluzione: tutti i modelli offrono un ventaglio di risoluzioni tra cui scegliere. I migliori arrivano fino ad una risoluzione Full HD (1920 x 1080 p), mentre tra i modelli di media fascia è molto comune una risoluzione massima di 1280 x 720 p. Le telecamere di fascia più bassa si fermano invece alla risoluzione VGA (640 x 480 p)
  • Luminosità: i migliori modelli, in particolare quelli per esterni, bilanciano in automatico l’esposizione in base alla luminosità dell’ambiente, affinché le immagini restino sempre chiare e leggibili. In molti casi è presente anche un filtro chiamato IR-Cut che blocca le radiazioni infrarosse durante il giorno, per far sì che la resa cromatica dell’immagine sia veritera
  • Angolo visuale: l’ampiezza dell’angolo visuale dipende dall’obiettivo della telecamera, e può andare da 45° circa fino a 75° nei modelli indicati come “wide angle”. Questo dato esprime la porzione di campo visivo inquadrato dalla telecamera e non, come abbiamo visto sopra, la porzione complessiva che la videocamera può coprire eseguendo una panoramica
  • Infrarossi: la maggior parte dei modelli in commercio è provvisto di LED a infrarossi che permettono la visione e registrazione anche in totale assenza di luce, fino a una distanza massima di 40 m nei modelli più avanzati

A tutte queste considerazioni bisogna inoltre aggiungere una menzione sull’audio: tutte le telecamere di sorveglianza sono infatti dotate di un microfono che aggiunge una registrazione audio alle riprese video, ma solo in alcuni modelli il microfono è bidirezionale. In questi casi, la presenza di un altoparlante sulla videocamera consente a chi ne ha il controllo di comunicare con chi si trovasse nei pressi dell’apparecchio.

Altri fattori da tenere in mente per la scelta della telecamera di sorveglianza

I materiali sono importanti?

Per quanto riguarda le telecamere da interni, che non necessitano di resistere a particolari condizioni atmosferiche, i materiali non sono particolarmente importanti: queste sono infatti normalmente di semplice plastica. Discorso leggermente diverso per quanto riguarda le telecamere da esterni: anch'esse sono prevalentemente in plastica, ma non è raro trovare anche modelli con parti in metallo. In ogni caso, se valutate l'acquisto di una videocamera di sorveglianza da esterni, più che il materiale in sé dovreste valutare il fattore di protezione, che indica a quali agenti atmosferici e quali temperature l’apparecchio può resistere.

La marca è importante?

Nel caso delle telecamere di sorveglianza, la marca è particolarmente importante. Vi sono infatti un numero ristretto di produttori specializzati che possono garantire non soltanto la qualità e la durabilità dei loro prodotti, ma anche un servizio assistenza efficace e celere. È quindi particolarmente importante valutare tutti i servizi offerti da ciascun brand e verificarne l’affidabilità prima di procedere all’acquisto. Allo stato attuale, il ventaglio di servizi offerti da D-Link e Foscam, in particolare quelli in remoto, è particolarmente ampio.

Il prezzo è importante?

Come nel caso di molti altri dispositivi elettronici, anche nel caso delle telecamere di sorveglianza la progressione qualità/prezzo procede in maniera lineare: i prodotti di qualità sono inevitabilmente più cari di quelli di fascia più bassa. Possiamo raccomandare particolare cautela nell’acquisto di una videocamera al di sotto dei 20 €: difficilmente questi modelli offriranno tutti i vantaggi e la semplicità d’uso di altri un po’ più costosi. Indicativamente, possiamo individuare le seguenti fasce di prezzo di riferimento:

  • Fascia di prezzo bassa: 40-80 €, telecamera da interni, wireless, campo visivo limitato, notifiche email
  • Fascia di prezzo media: 100-140 €, telecamera da interni o esterni, wireless, campo visivo ampio, notifiche email, controllo remoto, visione notturna
  • Fascia di prezzo alta: 200 € e oltre, telecamera da esterni, wireless, campo visivo ampissimo, notifiche email e/o push, controllo remoto, visione notturna

Quali sono le migliori telecamere di sorveglianza del 2018?

La tabella delle migliori telecamere di sorveglianza del 2018 scelte dalla redazione di QualeScegliere.it

Prodotto Prezzo
migliore
Recensione
Foscam FI9805W 146,00 € Recensione
D-Link DCS-5222L 119,99 € Recensione
D-Link DCS-5020L 73,64 € Recensione
D-Link DCS-932L 35,67 € Recensione
Myfox Security Camera BU4001 179,00 € Recensione

Telecamere di sorveglianza: tutti i prodotti recensiti

Domande e risposte su Telecamera di sorveglianza

  1. 1
    Domanda di francesco mirarco | 12 giugno 2018 at 15:34

    ho bisogno di una sorveglianza sia audio che video. fascia media come costo

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 13 giugno 2018 at 09:49

      La D-Link DCS-5020L, insieme al software D-ViewCam (incluso nella confezione), potrebbe rispondere alle tue esigenze.

  2. 1
    Domanda di Gian Franco Garella | 8 giugno 2018 at 15:52

    Un consiglio, una telecamera per esterni, visione notturna ,campo lungo(20/40 mt) per registrare via mail, internet e telefonino con sensore movimento

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 11 giugno 2018 at 09:32

      La Foscam FI9805W potrebbe essere adatta alle tue esigenze.

  3. 0
    Domanda di Ferruccio | 29 giugno 2018 at 13:01

    Buongiorno cercavo una telecamera da interno per controllare una stanza che registra almeno 12 ore anche al buio grazie

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 3 luglio 2018 at 11:46

      La D-Link DCS-5222L potrebbe rispondere alle tue esigenze.

  4. 0
    Domanda di Federico Potieri | 3 aprile 2018 at 13:33

    Mi serve una telecamera da esterno per riconoscere una persona anche di notte a 10 metri quale mi consigliate?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 9 aprile 2018 at 10:10

      La Foscam FI9805W offre una visione notturna in esterni fino a 20 m di distanza.

  5. -1
    Domanda di Paolo | 29 novembre 2017 at 11:12

    Salve. Volevo acquistare una telecamera Wi-Fi interna per controllare i cani.
    Attualmente ho Eolo. Quale modello mi consigliate?
    tra 50 e 100€. Grz

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 29 novembre 2017 at 16:56

      La D-Link DCS-5020L potrebbe rispondere alle tue esigenze.

  6. -1
    Domanda di Luca | 6 ottobre 2017 at 14:54

    Buongiorno cercavo una telecamera da interni che copra circa 20 metri con SD per registrare 24 h 24

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 9 ottobre 2017 at 09:18

      La maggior parte dei prodotti da interno copre fino a 8 metri in nottura, per cui se è necessaria una protezione professionale e costante consigliamo un kit con più telecamere che registri su hard disk interno (come per esempio il Foscam FN3108XE-B4).

  7. -1
    Domanda di Grazia | 17 febbraio 2017 at 01:19

    La fascia di prezzo: media.
    Qual è una videocamera di sorveglianza per interni di buona risoluzione che funziona senza Wi-Fi? Con la data delle registrazioni.

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 17 febbraio 2017 at 09:53

      Le telecamere di sorveglianza non professionali possono essere lasciate collegate fisicamente al router. Guarda ad esempio la D-Link DCS-5222L: funziona sia in WiFi sia con cavo. Per la registrazione dei filmati però le possibilità sono limitate: puoi installare nella videocamera una schedina di memoria (la dimensione massima è però solo 32 GB), oppure accoppiarla ad un server NAS dedicato su cui salvare i filmati.

"Telecamera di sorveglianza": hai dubbi? Facci una domanda!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecco i migliori tre prodotti della categoria.

8 visitatori su 10 approfittano di queste offerte.

La migliore

Foscam FI9805W

Migliore offerta: 214,90€

Il miglior rapporto qualità prezzo

D-Link DCS-5222L

Migliore offerta: 181,31€

La più venduta

D-Link DCS-5020L

Migliore offerta: 83,99€