I migliori antifurto casa del 2018

Confronta i migliori antifurto casa del 2018 e leggi la nostra guida all'acquisto.

Il migliore in assoluto

AMC C24 GSM Plus

Migliori offerte
Spedizione inclusa
TipologiaFilare
Sensori inclusi2 sirene, 2 sensori di movimento
GSM
App
ComandoTastiera
Punti forti
  • Incluse sirene per interno ed esterno
  • Ideale sia per la casa che per l'ufficio
Punti deboli
    Nessuno

Il miglior rapporto qualità-prezzo

Italian Alarm IA13 Basic

Migliori offerte
Spedizione inclusa
TipologiaWireless
Sensori inclusi2 sensori porta, 1 sensore movimento, 1 mini sirena da interno
GSM
App
ComandoTastiera e telecomando
Punti forti
  • Kit espandibile con altri sensori
  • Applicazione gratuita per Android e iOS
Punti deboli
    Nessuno

Il più venduto

Mapishop LKM-ANTE5BK

Migliori offerte
Spedizione inclusa
TipologiaMisto
Sensori inclusiCentralina, 1 sensore porta, 1 sensore a infrarossi passivo, 1 sirena
GSM
App
ComandoTastiera e telecomando
Punti forti
  • Supporta fino a 100 sensori wireless e 4 zone cablate
  • Perfetto per case di grandi dimensioni
Punti deboli
    Nessuno

Il più economico

Tiiwee Home Alarm Starter Kit

Migliori offerte
Spedizione inclusa
TipologiaWireless
Sensori inclusiAllarme, 2 sensori per porte e finestre
GSM
App
ComandoTelecomando
Punti forti
  • Kit di base espandibile con altri sensori
  • Prezzo molto contenuto
Punti deboli
    Nessuno

Da scoprire

Eminent EM8605

Migliori offerte
Spedizione inclusa
TipologiaWireless
Sensori inclusiCentralina con sirena, 1 sensore di movimento, 1 sensore per porte/finestre
GSM
App
ComandoTelecomando
Punti forti
  • Supporta fino a 50 sensori wireless
  • 3 profili di allarme programmabili
Punti deboli
    Nessuno

I fattori decisivi per la scelta di un antifurto casa

A che cosa serve un antifurto per la casa?

La sicurezza nella propria casa è una delle preoccupazioni maggiori per una larga fetta della popolazione. La funzione principale di un antifurto è proprio quella di scoraggiare possibili intrusioni dall'esterno sia durante la notte che quando la casa è vuota e, qualora queste avvenissero, segnalarle con una serie di modalità diverse che vedremo in modo più approfondito in questa pagina. Sul mercato sono oggi presenti moltissimi modelli diversi, sia per l'interno della casa che per il perimetro esterno, con caratteristiche che possono sembrare simili, ma che possono fare la differenza quando si cerca una protezione veramente efficace e un intervento immediato nel caso si verificassero irruzioni da parte di ladri o malintenzionati. A seconda delle proprie esigenze, dunque, andranno tenuti in considerazione diversi fattori prima dell'acquisto di un particolare antifurto per la casa. Vediamoli nel dettaglio.Antifurto casa allarme

Tipologie di antifurto

Anche se da un punto di vista puramente estetico la grande maggioranza degli antifurto può sembrare identica, esistono diverse tipologie che possono adattarsi a case con strutture diverse e a utenti con esigenze differenti.

  • Filare: indica un impianto d'allarme cablato, in cui tutte le varie parti che compongono l'antifurto vengono connesse tramite cavi. Questo sistema è più sicuro rispetto a quelli wireless, che come vedremo possono essere soggetti più facilmente a manipolazione da parte di terzi, oppure subire interferenze e ritardi nell'attivazione. Tuttavia, l'utilizzo di un impianto cablato può richiedere lavori di una certa portata nella propria casa, proprio per portare i cavi in tutti i punti necessari. Può inoltre rivelarsi problematico quando si vogliono connettere sensori esterni, che possono trovarsi anche a diversi metri dalla casa e dalla centralina principale;
  • Wireless: i sistemi senza fili hanno conosciuto una grandissima espansione negli ultimi anni, da quando le tecnologie wireless sono state implementate ampiamente in tutti gli aspetti della vita quotidiana. Permettono un'installazione molto rapida e agevole, dato che non richiedono alcun particolare intervento murario sulla casa, ma sono generalmente meno sicuri rispetto a quelli cablati. Basandosi infatti su onde radio, possono essere soggetti a disturbi del segnale che potenzialmente si traducono in malfunzionamenti o in ritardi nell'attivazione dell'allarme stesso. Inoltre possono essere più facilmente violati ed eventualmente disattivati da parti terze;

Antifurto casa wireless

  • Sistemi misti: una soluzione particolarmente utile per chi ha una casa di grandi dimensioni che vuole proteggere non solo dall'interno, ma anche dall'esterno, è rappresentata da impianti che utilizzano collegamenti sia cablati che wireless. In particolare, la centralina viene connessa tramite cavi ai sensori che si trovano in casa, permettendo una risposta rapida e sicura nel caso di intrusioni, mentre per i componenti che si trovano all'esterno (per esempio a un cancello d'ingresso o in alcuni punti del giardino) si preferisce una connessione wireless, che solitamente si basa su una frequenza doppia e protetta a 433 MHz e 866 MHz. In questo modo è possibile evitare la posa di decine di metri di cavi, mantenendo anche i costi dell'impianto più contenuti;
  • Sistemi di allarme finti: una menzione va fatta anche a questi impianti che in realtà non hanno alcuna reale funzione, se non quella di scoraggiare potenziali intrusi. Si tratta di riproduzioni, solitamente molto fedeli e realistiche, di sensori d'allarme, dal costo molto ridotto, che spesso vengono utilizzati in concomitanza con un vero impianto per dare l'impressione che la casa sia molto più protetta e sorvegliata di quanto non sia realmente. In molti casi questa tecnica è efficace per prevenire in una certa misura furti e intrusioni.

Antifurto casa finto

Componenti

Ogni antifurto per la casa è composto da più parti, ognuna delle quali assolve a una diversa funzione. Alcuni componenti sono fondamentali per l'uso di un impianto d'allarme efficace, mentre altri possono essere aggiunti a piacimento a seconda delle proprie esigenze e del budget a disposizione. Vediamo quali sono le componenti più importanti:

  • Centralina: è il cuore dell'impianto antifurto. Dalla centralina si possono controllare tutti gli altri dispositivi connessi, monitorarne l'autonomia nel caso siano wireless, e suddividere la casa in zone diverse, che possono così essere gestite separatamente. l numero di zone dipende dal modello prescelto, così come la presenza di eventuali funzioni aggiuntive, come per esempio la connessione a Internet, che permette la gestione in remoto dal proprio smartphone tramite apposite applicazioni, o la presenza di un combinatore GSM integrato, che vedremo nello specifico più sotto;
  • Sensori: esistono molti tipi diversi di sensore, con una copertura che spazia dai 90° ai 360°, e ciascuno di essi può essere utilizzato per scopi diversi. I sensori perimetrali vengono utilizzati per proteggere le zone di ingresso alla casa e, in generale, di comunicazione con l'esterno. Possono essere magnetici (utilizzati soprattutto per porte e finestre, fanno scattare l'allarme quando le due parti che li compongono vengono staccati), oppure a tenda, che permettono di monitorare una porzione di spazio limitata rilevando i movimenti unicamente di esseri umani, dato che sono in grado di distinguerli da animali o oggetti grazie alla tecnologia a infrarossi o a microonde. Esistono poi i sensori volumetrici, detti anche di movimento, che rilevano il passaggio di persone nella zona in cui vengono installati, i sensori con video verifica, che scattano singole immagini solo in caso di allarme, e i sensori che rilevano fumo o gas. Tutte queste tipologie possono essere combinate insieme per controllare in modo differenziato i vari ambienti della propria casa, a seconda delle esigenze di ogni utente;

Antifurto casa sensori

  • Attuatori: si tratta semplicemente dei componenti che emettono fisicamente il segnale d'allarme, generalmente rappresentato da una sirena ad alto volume;
  • Combinatore telefonico GSM: per poter essere veramente utile ed efficace, un sistema antifurto necessita di poter comunicare con un servizio di sicurezza prescelto, che normalmente è a sua volta in diretto contatto con le Forze dell'Ordine. Per questo un modulo telefonico è particolarmente importante, e il GSM permette di sfruttare la rete mobile proprio come un cellulare, senza necessità di un collegamento con la rete fissa, che può essere facilmente disattivata dai malintenzionati. In alcuni modelli di antifurto questo componente è integrato nella centralina, non richiedendo l'installazione di un modulo separato;
  • Controlli di attivazione e disattivazione: come si può facilmente intuire, questi comandi servono ad attivare o disattivare l'impianto a proprio piacimento. Il più delle volte vengono utilizzate delle piccole tastiere, di solito situate nell'ingresso, in modo che siano facilmente raggiungibili dalla porta principale, che richiedono l'inserimento di un codice numerico o alfanumerico la cui complessità può essere decisa dall'utente stesso. È un metodo molto sicuro visto il grandissimo numero di combinazioni disponibili e il breve tempo concesso per inserire il codice esatto. In alternativa esistono anche chiavi elettroniche o telecomandi, entrambi molto pratici ma con difetti importanti, come la facilità con cui possono essere smarriti, viste le piccole dimensioni, o la possibilità di malfunzionamenti dovuti, per esempio, a interferenze con altri dispositivi utilizzati in casa.

Antifurto casa telecomando

Servizi offerti

Al di là delle componenti fisiche con cui si può realizzare un sistema antifurto efficiente, è importante anche valutare quali servizi sono offerti dalle singole case produttrici. Va notato che non sempre c'è una correlazione diretta tra il modello di antifurto prescelto e la possibilità di usufruire di servizi aggiuntivi, dato che questi possono essere stipulati, per esempio, con società di sorveglianza, ma può essere vantaggioso per l'utente non dover cercare autonomamente soluzioni aggiuntive e affidarsi a un unico ente.Antifurto casa servizi

  • Allarme e videosorveglianza: alcuni modelli offrono un pacchetto completo che include anche delle videocamere da disporre in casa oppure all'esterno. Questo permette di evitare la ricerca di dispositivi aggiuntivi, nel caso si volesse una copertura a 360°;
  • Assistenza di istituti di vigilanza: la possibilità di avere un supporto da parte di un istituto di vigilanza nel caso in cui un allarme venga attivato può essere decisiva. Anche se questi servizi richiedono sempre il pagamento di un canone mensile, esistono alcuni marchi di antifurto che offrono convenzioni dirette. L'utente, in questo caso, non deve provvedere da solo a reperire chi installi l'impianto, a stipulare contratti e valutare quale sia l'opzione più conveniente, ma può semplicemente affidarsi a un unico professionista;
  • Vigilanza in loco: anche se un contatto con un istituto di sorveglianza è sicuramente molto utile, un intervento immediato non è sempre garantito (normalmente il tempo massimo entro cui deve avvenire è specificato nel contratto e può anche superare i 30 minuti), vista la grande quantità di interventi richiesti e la disponibilità a volte limitata del personale. Per questo alcuni marchi rendono anche possibile usufruire di un sistema di vigilanza locale che assicura sempre un intervento tempestivo, grazie a una ronda continua effettuata giorno e notte nelle varie zone della propria città;
  • Controllo in remoto: alcuni modelli di antifurto più moderni, la cui centralina può essere connessa a Internet, offrono anche la possibilità di essere controllati a distanza dal proprio computer o smartphone, grazie all'utilizzo di applicazioni normalmente gratuite sviluppate dalle stesse case produttrici. Questo permette di monitorare la situazione del proprio impianto antifurto in qualunque momento e da qualunque luogo, sia in caso di emergenza che per un semplice controllo.

Compatibilità

Un ultimo fattore da valutare con attenzione quando si acquista un antifurto per la casa è la possibilità di utilizzarlo in combinazione con componenti o dispositivi esterni realizzati da altri marchi. Questo è importante per diversi motivi: da un lato, si potrebbero preferire sensori realizzati da un particolare produttore di cui si conosce l'affidabilità, mantenendo però la propria centralina il cui funzionamento è ancora ottimo. Dall'altro, nel caso si verificassero guasti e si avesse bisogno di sostituire alcuni pezzi, poter utilizzare versioni più aggiornate dei vecchi componenti, oppure passare a un marchio diverso, sarebbe un requisito fondamentale per evitare di sostituire l'impianto intero e investire cifre molto consistenti per realizzarne uno nuovo.Antifurto casa compatibilità
Nel caso in cui poi si volessero integrare sensori che rilevano il fumo oppure eventuali fughe di gas, che contribuiscono in modo significativo ad aumentare la sicurezza in casa, è bene valutare in anticipo quali opzioni siano disponibili per essere certi di poter sfruttare un impianto integrato completo.

Altri fattori decisivi per la scelta dell'antifurto casa

Il prezzo è importante?

In generale, il prezzo di un antifurto per la casa dipende da diversi fattori, tra cui il numero di sensori inclusi e i tipi di tecnologie utilizzate. Si possono trovare prodotti di fascia economica intorno ai 50 €, che includono solo una sirena e un paio di sensori perimetrali magnetici, di fascia media, tra i 100 e i 200 €, adatti a case di dimensioni maggiori, e di fascia alta, che possono arrivare a diverse centinaia di Euro. In base al valore della propria casa e dei propri averi sarà bene valutare quale sia il sistema antifurto più adatto alle proprie esigenze.

La marca è importante?

Quando si parla di sicurezza, è ovviamente consigliabile affidarsi a marchi che hanno nel tempo dimostrato una buona affidabilità nel loro settore. Esistono molti marchi che offrono servizi completi di installazione e sorveglianza, oltre a produrre dispositivi di alto livello. Se si intende acquistare un kit online, ci si può affidare a produttori come Diagral, Elkron, Btcino e Bentel.

I materiali sono importanti?

Non esiste una grande varietà dal punto di vista dei materiali da costruzione, soprattutto per quanto riguarda le parti esterne, più facilmente valutabili dall'utente. Normalmente, infatti, i vari componenti di un antifurto sono in plastica, anche se la qualità e lo spessore della scocca possono variare in modo sensibile, rendendo più o meno resistente il dispositivo.

"Antifurto casa": hai dubbi? Facci una domanda!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecco i migliori tre prodotti della categoria.

8 visitatori su 10 approfittano di queste offerte.

Il migliore in assoluto

AMC C24 GSM Plus

Migliore offerta: 191,30€

Il miglior rapporto qualità-prezzo

Italian Alarm IA13 Basic

Migliore offerta: 109,00€

Il più venduto

Mapishop LKM-ANTE5BK

Migliore offerta: 95,26€