I migliori smart ring del 2024

Confronta i migliori smart ring del 2024 e leggi la nostra guida all'acquisto.

amazon
67,22 €
amazon
129,19 €
amazon
37,00 €

Dati tecnici

Connettività wireless

Bluetooth

Bluetooth

Bluetooth 5.2

Bluetooth

Bluetooth, NFC

Funzioni fitness

Contapassi, Conta calorie, Cardio­frequenzimetro ottico

Contapassi, Cardio­frequenzimetro ottico

Contapassi, Cardio­frequenzimetro ottico

Contapassi, Cardio­frequenzimetro ottico

n.d.

Funzioni salute

Monitoraggio SpO2, Qualità sonno, Temperatura cutanea

Monitoraggio SpO2, Qualità sonno, Temperatura cutanea

Monitoraggio SpO2, Qualità sonno, Temperatura cutanea

Monitoraggio SpO2, Qualità sonno, Temperatura cutanea

n.d.

Certificazione IP

n.d.

IPX8

IPX8

IPX8

IP56

Durata batteria

4-6 giorni

3-5 giorni

3-5 giorni

3-5 giorni

n.d.

Ricarica

1,5-2 ore

45 min

45 min

45 min

Non ha batteria

Peso

2,4 g

n.d.

n.d.

n.d.

9 g

Punti forti

Algoritmi abbastanza sofisticati e notifiche

Prezzo conveniente

Bluetooth 5.2

Rilevazione automatica a cadenza regolare

Molto popolare

Fitness tracker

Connettività NFC

Ottima scorciatoia per app smartphone

Cavo USB-C e ricarica wireless

USB-C

Memoria da 128 GB

Immersione fino a 100 m

Funzioni legate alla domotica Xiaomi

Archivia 6 smart card RFI

Punti deboli

App non disponibile in italiano

Cavo di ricarica proprietario

Cavo di ricarica proprietario

Pagamenti non disponibili

Mancano funzioni di domotica e comunicazione

Alcune possibilità solo teoriche

Mancano funzioni base fitness e salute

Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa

Come scegliere lo smart ring

Prima e durante la pandemia gli smart ring hanno creato un’interessante nuova nicchia nel mercato mondiale dei wearable, oltre il 50% del quale concentrato nelle mani delle europee Oura, azienda finlandese che opera nel settore della salute, e Kerv, azienda di soluzioni cloud con sede a Londra. Nell’ultimo caso il lancio del prodotto è avvenuto in seguito a una campagna Kickstarter di successo.Smart ringIl brand Gucci ha lanciato il suo primo smart ring qualche anno fa (oggi non è più sul mercato) proprio con Oura, diventando la prima casa di moda di lusso a proporre questo accessorio tecnologico e glamour. Con questa guida all’acquisto vogliamo rispondere a tutte le vostre curiosità sugli smart ring e passare in rassegna i migliori sul mercato.

Cos’è uno smart ring

Gli smart ring sono anelli hi-tech che pesano intorno ai 5 g e si collegano allo smartphone. A livello di funzionalità sono analoghi a un fitness tracker, con qualche restrizione data dalle dimensioni ridotte.

Non possono avere le funzionalità all’avanguardia degli smartwatch semplicemente perché (oltre a non avere il display) una volta che una funzione è stata perfezionata per gli orologi intelligenti, bisogna aspettare che la nanotecnologia riesca a riprodurre le stesse capacità in sensori e chip più piccoli. Se vogliamo fare un paragone tecnologico, è la stessa ragione per cui un cameraphone non avrà mai le stesse possibilità fotografiche di una mirrorless uscita nello stesso anno. Come vedremo esaminando le caratteristiche comuni, gli anelli intelligenti hanno tuttavia alcune marce in più, come sul fronte dell’autonomia e della portabilità.

Caratteristiche comuni

Vediamo funzioni, connettività, batteria e design che caratterizzano uno smart ring.

Funzioni

Come per qualunque wareable, sarebbe opportuno verificare la compatibilità software con il sistema operativo del vostro smartphone, insieme alla longevità degli aggiornamenti, ma non tutti gli anelli sono accompagnati da informazioni chiare in proposito. Smart ring funzioni appVediamo quali sono le funzionalità, una volta infilato l’anello al dito.

Fitness e salute

Come negli smartwatch e fitness tracker, le funzionalità fitness e salute dipendono dai sensori. Ad esempio, si trova solitamente un contapassi, il tracciamento degli allenamenti sportivi e il monitoraggio del ciclo mestruale. Esistono smart ring con il sensore ottico per la frequenza cardiaca, il monitoraggio del sonno, la saturazione dell’ossigeno (SpO2) e per la temperatura corporea.Smart ring controllo sonnoIn presenza di tutti questi sensori, un software sufficientemente avanzato può rintracciare sintomi di stress, anche se questa non è ancora una funzione molto attendibile.

Domotica e auto

Un’ulteriore possibilità offerta dagli smart ring è quella di controller remoto, cioè telecomando senza fili per gestire altri dispositivi tecnologici, ma tutto questo non è possibile in assenza di connettività NFC, come vedremo più avanti.

Comunicazione e pagamenti

Mancando uno schermo, le più penalizzate sono le funzioni legate alla comunicazione (WhatsApp, controllo e-mail, risposta agli SMS), ma gli anelli più avanzati offrono alcune scorciatoie per accedere al proprio smartphone (ad esempio con un gesto) oppure per fruire di contenuti audio, collegando l’anello alle cuffie Bluetooth.
Per sapere se si possono anche eseguire i pagamenti è bene verificare sulle specifiche del prodotto che questa funzione sia disponibile in Italia, perché non è assolutamente sufficiente che la confezione lo prometta. Purtroppo, nella nostra indagine non abbiamo trovato nessun modello affidabile da questo punto di vista.

Connettività

Gli anelli si collegano allo smartphone tramite Wi-Fi oppure Bluetooth. Mentre la prima tecnologia wireless è utile anche per l’aggiornamento software, la seconda permette, ad esempio, il collegamento alle cuffie Bluetooth.
Queste tecnologie senza fili servono talvolta anche per il collegamento al cloud proprietario, che può essere gratis o a pagamento. Altri tipi di collegamenti sono quelli con le aziende di pagamento elettronico, come nel caso dei primi anelli prodotti da Kerv, collegati direttamente al conto virtuale prepagato Mastercard, senza necessità di acquisire i dati della carta di credito dallo smartphone.
Altro fattore da considerare, l’app che collega lo smart ring allo smartphone: in certi casi è proprietaria e in altri ci si appoggia a quelle più diffuse di Apple e Google (rispettivamente Salute e Google Fit). 
Infine, quando è presente la connettività NFC si può ipotizzare che da subito oppure un domani si possa pagare con un semplice gesto, poggiando l’anello al sensore contactless. Gli anelli dotati di questa tecnologia sono particolarmente interessanti anche se si pensa al campo della domotica, in riferimento alle porte elettroniche e all’avvio delle auto: può diventare la chiave di apertura e chiusura.

Batteria

Per quel che riguarda la batteria, grazie all’assenza di display quella degli anelli intelligenti già dai primi esemplari variava tra i tre giorni e la settimana, mentre gli smartwatch always-on non riuscivano a superare la giornata. Inoltre, se l’anello supporta la ricarica rapida possono bastare anche solo 20 minuti per raggiungere il 100% di carica, invece di attendere un’ora o più.Smart ring batteria e ricaricaLa confezione dello smart ring può o meno includere un cavo USB per l’alimentazione, che può essere anche collegato a power bank e notebook.
Un’evoluzione interessante potrebbe essere rappresentata dai brevetti registrati da Samsung, riguardanti studi su come convertire la gesticolazione o il calore emesso dalle mani in energia elettrica per alimentare lo smartphone o l’anello stesso.

Design

Di sicuro gli smart ring piaceranno a chi non tollera avere invadenti accessori al polso. I pulsanti, dove presenti, non sono analogici, ma touch; i materiali possono variare dalla plastica, alla ceramica, all’ossido di alluminio (corindone), all’oro e al titanio. L’impermeabilità è una caratteristica di design che noi valutiamo molto positivamente perché permette di non dover sfilare l’anello ogni volta che si è a contatto con l’acqua, con il rischio di perderlo oppure danneggiarlo per dimenticanza.Smart ring designIn fase di acquisto, oltre al vostro gradimento personale, quel che conta è capire bene come il produttore vi aiuti a individuare la taglia giusta dell’anello. Ad esempio, alcuni propongono di stampare un metro in carta per misurare la circonferenza del dito, oppure, per i modelli più costosi, di spedire a casa dei kit usa e getta (non proprio sostenibile, seppure efficace) contenenti esempi di taglie. Una volta verificato quale misura calzi meglio al vostro dito, potrete procedere alla selezione della taglia.

Le domande più frequenti sugli smart ring

Quanto costa uno smart ring?

Lo smart ring può costare tra i 30 e i 300 €, noi abbiamo selezionato per voi quelli che ci sembravano avere un prezzo adeguato. A seconda del tipo di anello, ce ne sono anche di più costosi: quello di Gucci era stato lanciato a 950 € e oggi non è più disponibile; quelli Oura possono essere comprati per centinaia di euro solo in USA, Canada e Giappone (che rappresentano per ora il mercato principale degli smart ring) e i pagamenti possono essere effettuati solo per chi risiede in quelle nazioni, tramite carte di credito o debito, PayPal, Apple e Google Pay.

Quando esce lo smart ring Samsung?

Ci sono segnali che lasciano presagire il lancio di un Galaxy Ring dall’inizio del 2024, dopo una decina d’anni di studio da parte di Samsung su questo tipo di wearable. Uno dei segnali è stata la comparsa di un’icona a forma di anello tra i contenuti Samsung legati al mondo degli indossabili hi-tech, tra cui l’app Samsung Health.

Quando esce l’Apple smart ring?

Non è prevista alcuna uscita. Ad oggi c’è solo un brevetto che Apple ha registrato, riguardante una coppia di anelli da indossare per raccogliere input di tipo gestuale.

Meglio smart ring o smartwatch?

Lo smartwatch al momento offre molte più funzionalità, soprattutto nel campo dei pagamenti e della comunicazione, perché ha un display che consente di leggere le anteprime dei messaggi ricevuti sullo smartphone. Lo smart ring è meno ingombrante, più elegante e racchiude in buona sostanza le stesse funzionalità di un fitness tracker.

Dove trovo uno smart ring per i pagamenti?

Bisognerebbe comprare uno smart ring dotato di connettività NFC e il cui produttore abbia siglato accordi con le banche o gli istituti di pagamento di vostro interesse (incluso PayPal). Il primo smart ring a offrire questa possibilità è stato il K ring di Kerv nel 2016, che si appoggiava su Mastercard, ma oggi non è più in commercio. Per il momento non ci sono modelli che consentano i pagamenti in Italia. Consulta la nostra classifica dei migliori anelli intelligenti del 2024 per valutare smart ring interessanti senza possibilità di pagamento.


Copyright Klikkapromo srl – È vietato ogni sfruttamento non autorizzato