Le migliori colombe del 2021

Confronta le migliori colombe del 2021 e leggi la nostra guida all'acquisto.

Tre Marie La colomba tradizionale

La migliore

TipoClassica
Canditi
Mandorle3,3%
Lievitazione72 ore
Valore energetico (100 g)409 kcal
Peso1 kg
Punti forti
  • Impasto realizzato con tuorli d'uovo fresco da allevamento a terra
  • Con mandorle intere e arance siciliane
  • Lievitata 72 ore

Balocco La colomba classica

Il miglior rapporto qualità prezzo

TipoClassica
Canditi
Mandorle2,3%
Lievitazionen.d.
Valore energetico (100 g)385 kcal
Peso1 kg
Punti forti
  • Buon rapporto qualità-prezzo
  • Contiene solo ingredienti non OGM
Punti deboli
  • Durata della lievitazione non specificata

Vergani Colomba al pistacchio e ciocc...

TipoAl pistacchio
Canditi
Mandorle
Lievitazionen.d.
Valore energetico (100 g)n.d.
Peso750 gr
Punti forti
  • Ricoperta di cioccolato fondente e granella al pistacchio
  • Adatta a chi non ama i canditi
Punti deboli
  • Durata della lievitazione non specificata

Bauli La colomba di Verona Zero candi...

TipoClassica
Canditi
Mandorle3,7%
Lievitazione30 ore
Valore energetico (100 g)408 kcal
Peso1 kg
Punti forti
  • Buona percentuale di mandorle
  • Adatta a chi non ama i canditi
  • Lievitata per 30 ore
Punti deboli
  • Percentuale di uova non specificata

Melegatti Colomba al cioccolato

Guarda prodotti simili su
TipoAl cioccolato
Canditi
Mandorle2%
Lievitazionen.d.
Valore energetico (100 g)403 kcal
Peso750 gr
Punti forti
  • Con gocce di cioccolato fondente e glassa al cacao
Punti deboli
  • Durata della lievitazione non specificata
Novella.dematteis
Autore
Novella

Come scegliere la colomba

La colomba è sicuramente tra i simboli per eccellenza delle festività pasquali assieme al classico uovo di cioccolato. Da Nord a Sud, questo dolce soffice e gustoso non può mai mancare sulle tavole degli italiani per concludere al meglio il pranzo pasquale, trasformandosi nei giorni successivi in un’ottima merenda o un’alternativa al cornetto da consumare a colazione.
Come ogni anno, l’industria dolciaria propone tantissime alternative per accontentare sia chi ama la colomba tradizionale con i canditi, sia chi preferisce le varianti più golose con farciture particolari. Se siete alla ricerca di una colomba pasquale da regalare ad amici e parenti oppure da consumare con la vostra famiglia, in questa pagina vi aiuteremo a fare chiarezza sugli aspetti a cui fare attenzione quando si acquistano colombe non artigianali, cioè prodotte dai marchi della grande distribuzione.colomba

Origini della colomba

Prima di addentrarci nell’analisi degli ingredienti della colomba e della sua preparazione, parliamo brevemente delle origini di questo celebre prodotto da forno. Forse non tutti sanno che l’Italia è l’unico paese in cui viene prodotta e consumata la colomba pasquale, nonché l’unico paese in cui questa ricetta è regolamentata da un decreto ministeriale. Come il panettone, anche il famoso dolce pasquale nasce in Lombardia: la prima colomba fu infatti confezionata negli stabilimenti Motta a Milano negli anni ’30 del secolo scorso, per continuare a utilizzare i macchinari destinati alla produzione del panettone. La ricetta di quella colomba prevedeva un impasto molto simile a quello della sua controparte natalizia, a cui fu poi aggiunta una glassa mandorlata.colomba mottaPer quanto riguarda la forma, esistono invece diverse leggende che fanno risalire le origini di questo dolce addirittura all’Alto Medioevo. Una prima versione racconta che questa torta fu preparata per la prima volta nel VI secolo per il re longobardo Alboino, al quale una ragazza regalò un pane a forma di colomba nella speranza di mettere fine all’assedio di Pavia. Secondo un’altra versione, la forma di colomba doveva invece simboleggiare la vittoria dei longobardi sul Sacro Romano Impero avvenuta nel 1176, quando due colombe apparvero miracolosamente sul campo di battaglia.
Non si sa quindi con certezza cosa abbia ispirato Dino Villani, direttore pubblicità di Motta e inventore della colomba, a dare al dolce pasquale la sua caratteristica forma. Qualunque sia il motivo, il risultato di quell’esperimento fu molto apprezzato dagli italiani, diventando nei decenni successivi una pietra miliare della tradizione gastronomica italiana.

Ingredienti della colomba

La colomba pasquale è un dolce dal gusto ricco ed aromatico, la cui realizzazione prevede una lista di ingredienti ben precisi.
Come per panettoni, pandori e altri prodotti dolciari tipici, anche per quanto riguarda la denominazione e la composizione della colomba esiste un decreto ministeriale volto a tutelare le caratteristiche del tradizionale dolce pasquale. Secondo questo decreto, varato nel 2005, per ottenere la denominazione di colomba il prodotto deve essere un dolce a pasta morbida ottenuto tramite lievitazione naturale utilizzando specifici ingredienti.colomba ingredienti

Impasto

Per quanto riguarda l’impasto della colomba classica, questo deve contenere: farina di frumento (non viene però specificato un livello di raffinazione preciso), zucchero, uova di gallina intere di classe A oppure tuorlo d’uovo (con una quantità di tuorlo non inferiore al 4% del totale), materia grassa butirrica (almeno il 16%), scorze di agrumi candite (in quantità non inferiore al 15%), lievito naturale e sale.
Oltre a questi, è consentito l’utilizzo di ingredienti aggiuntivi come latte e derivati, miele, malto, burro di cacao, altri tipi di lievito, zuccheri, emulsionanti, aromi naturali e due tipi di conservanti (l’acido sorbico e il sorbato di potassio).
Se siete indecisi su quale colomba pasquale scegliere, vi consigliamo di confrontare la lista degli ingredienti e preferire il prodotto la cui ricetta contenga il minor numero possibile di additivi oltre agli ingredienti essenziali. Privilegiate inoltre i prodotti per cui sono specificate le percentuali di uova, canditi e materia grassa butirrica (burro o margarina).

Glassa

La glassa della colomba tradizionale è realizzata con un numero inferiore di ingredienti rispetto all’impasto, ma anche in questo caso devono essere sempre gli stessi: una base di albume d’uovo e zucchero guarnita con almeno il 2% di mandorle e granella di zucchero. Gli ingredienti che possono essere aggiunti alla glassatura a discrezione del produttore sono invece: nocciole o anacardi, armelline, farina (di riso, mais o frumento), zuccheri, amidi, cacao, oli vegetali, aromi naturali, emulsionanti e i due conservanti già citati in precedenza.
Anche per quanto riguarda la glassa, consigliamo di preferire i prodotti la cui etichetta indichi con precisione la quantità di mandorle contenute.colomba glassa

Varianti

Gli ingredienti fin qui elencati sono necessari per ottenere la denominazione di colomba, tuttavia lo stesso decreto contiene una deroga che ammette alcune eccezioni, purché queste siano indicate nell’etichettatura del prodotto e questo contenga almeno il 50% dell’impasto base. È perciò possibile trovare in commercio colombe il cui impasto non contiene scorze di agrumi canditi (sulla cui confezione si troverà la dicitura “Colomba senza canditi“), molto apprezzate da chi non ama questo tipo di preparato. Ai produttori è inoltre concesso di aggiungere all’impasto farciture o bagne particolari, e di sostituire la glassa mandorlata croccante con altri tipi di coperture o decorazioni a base di frutta o altri ingredienti, anche per venire incontro ai consumatori allergici alla frutta a guscio.colomba al cioccolatoI tipi di ripieno non tradizionali sono davvero tantissimi e prevedono perlopiù l’aggiunta di creme particolari, tra cui le più diffuse sono quelle al cioccolato (di diversi tipi), al limoncello e al pistacchio. Chi non ama la colomba classica ha quindi l’imbarazzo della scelta.

Come riconoscere una colomba di qualità

Come abbiamo potuto vedere, la lista di ingredienti delle colombe può essere molto lunga e, di fronte ad un’offerta così variegata, può essere difficile capire quale prodotto sia veramente migliore dell’altro. Per aiutarvi nella scelta vogliamo quindi riassumere le caratteristiche a cui prestare maggiore attenzione, precisando ancora una volta che in questa pagina non ci occupiamo delle colombe artigianali, ovvero quelle prodotte nei laboratori di pasticceria, bensì delle colombe reperibili sugli scaffali dei supermercati e in molti casi anche presso i rivenditori online.
Sulla base delle indicazioni fornite dal decreto ministeriale e delle nostre competenze pratiche legate alla pasticceria, vediamo dunque quali aspetti considerare (o meno) per riconoscere una colomba di qualità:

  • Lista degli ingredienti: è utile per capire se vengono utilizzati ingredienti di qualità (ad esempio, uova da allevamento a terra o in gabbia, uova intere o tuorli d’uovo, aromi artificiali o naturali) e le percentuali in cui questi sono presenti nell’impasto;
  • Consistenza dell’impasto: l’impasto dovrà presentare un’alveolatura (la dimensione delle “bolle”) ben allungata e all’assaggio dovrà risultare soffice;colomba alveolatura
  • Processo di lievitazione: per la colomba classica è necessaria una lievitazione lunga (almeno 8 ore, ma in alcuni casi si superano anche le 30 ore) realizzata in modo naturale;
  • Qualità della crosta: la glassa dovrà apparire dorata e risultare croccante, omogenea e aderente all’impasto;
  • Prezzo: non è necessariamente un parametro indicativo della qualità del prodotto, perché può dipendere dalla notorietà del marchio, dal peso della colomba e dalle offerte applicate dal punto vendita, che possono variare di settimana in settimana;
  • Luogo di produzione: spesso colombe con marchi diversi sono realizzate nello stesso stabilimento. Ad esempio, le colombe Coop ed Esselunga sono prodotte negli stabilimenti Maina, mentre quelle Carrefour e Conad sono fatte negli stabilimenti Paluani. Tuttavia, la composizione dei prodotti non è mai uguale, né tantomeno le tempistiche della lievitazione e della lavorazione complessiva, perciò si tratta di un elemento trascurabile;
  • Gusto: si tratta di un parametro decisamente soggettivo, ma possiamo comunque affermare che le colombe che contengono diversi tipi di grassi oltre al burro risultano più pesanti e oleose, anche se rimangono soffici più a lungo dopo l’apertura. Anche per quanto riguarda la quantità di scorze candite e di mandorle, se da un lato è preferibile una colomba con una percentuale maggiore di questi due ingredienti, dall’altro non tutti apprezzano i canditi o la frutta secca.

Le domande più frequenti sulla colomba

Si può fare la colomba pasquale in casa?

Nonostante sia possibile trovare colombe per tutti i gusti sia nei supermercati che in pasticceria, sono molte le persone che preferiscono preparare questo dolce in casa perché appassionate di pasticceria o per evitare la presenza di allergeni come le mandorle o il lattosio. Sicuramente la colomba fatta in casa richiede molta dimestichezza con i prodotti da forno, dal momento che la sua preparazione prevede ben tre lievitazioni diverse, perciò sconsigliamo ai pasticcieri alle prime armi di cimentarsi con questa ricetta.
Su internet si trovano tantissime ricette diverse, perciò vi invitiamo a scegliere semplicemente quella che preferite in termini di ripieno e glassa. Ricordate solo che, oltre ad acquistare gli ingredienti necessari a realizzare questa preparazione, dovrete dotarvi di uno stampo a forma di colomba: si tratta di una teglia antiaderente in alluminio o di uno stampo di carta resistente al calore; quest’ultimo può inoltre essere utilizzato per contenere la colomba dopo averla cotta.colomba stampo Visto che la preparazione prevede tre operazioni di impasto, consigliamo inoltre di utilizzare una planetaria per realizzare un’incordatura perfetta, cioè la formazione della maglia glutinica che rende l’impasto compatto e idratato.

Come si può farcire la colomba?

Un altro modo per personalizzare questo dolce pasquale è quello di preparare in casa una crema da spalmare sulle fette della colomba classica per renderla ancora più gustosa. Le opzioni sono davvero infinite e, se si taglia la colomba orizzontalmente, è anche possibile creare strati con gusti diversi, scegliendo ad esempio tra crema al limone, panna e fragole, Nutella e mascarpone, crema al caffè e tante altre ancora. La nostra farcia preferita per la colomba è la crema pasticciera.
Montate 6 tuorli d’uovo con 130 gr di zucchero, preferibilmente utilizzando uno sbattitore elettrico per ottenere un composto più omogeneo. Aggiungete 60 gr di farina 00 e mescolate di nuovo con le fruste elettriche. Fate sobbollire 500 ml di latte intero con i semi ricavati da un baccello di vaniglia (oppure con la scorza di mezzo limone) per circa 5 minuti, quindi rimuovete la vaniglia e aggiungete rapidamente il composto di uova e farina. Continuate a far sobbollire mescolando lentamente, per evitare che si formino dei grumi.
Quando il composto si sarà addensato, fate raffreddare la crema e tagliate la vostra colomba orizzontalmente per formare due strati, quindi farcitela con la crema pasticciera.

Per quanto tempo si può conservare la colomba?

Generalmente la data di scadenza delle colombe è fissata a circa tre o quattro mesi dopo le festività pasquali (solitamente luglio o agosto) ma si riferisce al prodotto ancora confezionato, che andrà conservato in un luogo fresco e asciutto. Una volta che la colomba è stata aperta, bisognerà invece consumarla entro un paio di settimane e conservarla correttamente all’interno del suo sacchetto di plastica per evitare che si secchi eccessivamente. Se invece volete conservare una colomba farcita, consigliamo di consumarla entro 3 o 4 giorni dall’apertura.

Cosa fare con gli avanzi della colomba?

Riciclare la colomba o le colombe avanzate dal pranzo di Pasqua è un ottimo modo per evitare gli sprechi. Come abbiamo visto, è possibile preparare diversi tipi di crema per personalizzare il gusto di questo dolce a nostro piacimento, ma proprio come si fa con il pandoro e il panettone, si può dare nuova vita alla colomba trasformandola in una ricetta ancora più golosa. Spezzettatela e utilizzatela come base per un tiramisù al posto dei savoiardi, in un crumble di mele al posto del mix di farina e burro, e persino in un millefoglie al posto della pasta sfoglia. O perché no, preparate una merenda veloce per i bambini tostando dei cubetti di colomba in padella, da servire con panna montata o gocce di Nutella. In poche parole, la colomba pasquale vi permette di rivisitare in modo creativo la ricetta del dolce che più preferite!


Copyright Klikkapromo srl – È vietato ogni sfruttamento non autorizzato

Quali sono le migliori colombe del 2021?

La tabella delle migliori colombe del 2021 scelte dalla redazione di QualeScegliere.it

Il migliore
Tre Marie La colomba tradizionale
Miglior prezzo
19,90 €
Miglior qualità/prezzo
Balocco La colomba classica
Miglior prezzo
12,00 €
Vergani Colomba al pistacchio e cioccolato Miglior prezzo
27,90 €
Bauli La colomba di Verona Zero canditi Miglior prezzo
8,80 €
Melegatti Colomba al cioccolato
Nessuna offerta al momento
La migliore

Tre Marie La colomba tradizionale

Migliore offerta:19,90€

Il miglior rapporto qualità prezzo

Balocco La colomba classica

Migliore offerta:12,00€