I migliori marchi di tonno in scatola del 2020

Confronta i migliori marchi di tonno in scatola del 2020 e leggi la nostra guida all'acquisto.

Asdomar Tonno trancio intero

Il migliore

VarietàSott'olio di oliva
SpeciePinne gialle
TagliDorso
ContenitoreLatta
SostenibilitàAlta
Punti forti
  • Trancio intero
  • Lavorato in Italia
  • Pescato responsabilmente
Punti deboli
    Nessuno

Rio Mare Tonno all’olio di oliv...

Il miglior rapporto qualità prezzo

VarietàSott'olio di oliva
SpecieTonnetto striato
TagliDorso
ContenitoreLatta
SostenibilitàMedia
Punti forti
  • Pescato senza l'uso di reti
  • Pregiato tonnetto striato
Punti deboli
    Nessuno

Coalma Trancio di tonno in olio di ol...

VarietàSott'olio di oliva
SpeciePinne gialle
TagliDorso
ContenitoreLatta
SostenibilitàMedia
Punti forti
  • Cotto in acqua e sale
  • Lavorato sul luogo di pesca
  • Pescato responsabilmente
Punti deboli
    Nessuno

Auriga Tonno all’olio di oliva

VarietàSott'olio di oliva
SpeciePinne gialle
TagliDorso
ContenitoreLatta
SostenibilitàMedia
Punti forti
  • Cotto a vapore
  • Con olio di oliva e sale di Trapani
  • Lavorato in Italia
Punti deboli
    Nessuno

Rio Mare Tonno al naturale

VarietàAl naturale
SpeciePinne gialle
TagliDorso
ContenitoreLatta
SostenibilitàMedia
Punti forti
  • Ideale nelle diete dimagranti
  • Indicato anche per gli sportivi
  • Disponibile in pacco convenienza
Punti deboli
  • Tagli di qualità bassa
Qualescegliere.it
Autore
Redazione

I fattori decisivi per la scelta del tonno in scatola

Il tonno in scatola è uno degli alimenti ittici a lunga conservazione più prodotti e consumati in Italia. Nel 2017 si è calcolato che ne sono state consumate ben 155.000 tonnellate e prodotte circa 78.000, facendo diventare il nostro Paese uno dei maggiori produttori in Europa dopo la Spagna. Il consumo pro capite è di circa 2,5 kg. Questi dati riflettono soprattutto la grandissima versatilità del tonno in scatola, che può difatti essere utilizzato nelle ricette più variegate come nelle insalate verdi, di pasta e di riso, ma anche nei risotti, in un gustoso tramezzino o panino o anche da solo. Insomma, esistono veramente tantissime possibilità per introdurre il tonno in scatola nella dieta quotidiana.tonno in scatola insalataIl tonno, inoltre, è un alimento molto nutritivo: 100 g di questo prodotto apportano circa 190 calorie suddivise in un 52% di proteine e il resto di lipidi. Alcuni medici sostengono che il tonno in scatola sia nutritivo quasi quanto quello fresco, ma ovviamente molto dipende dalla qualità, dall’origine del pesce e dal metodo di conservazione utilizzato.
Solitamente, prima di essere inscatolato, il tonno viene pulito ed eviscerato, tagliato a pezzi e cotto con eventuali aromi. Dopodiché viene messo nelle scatole di latta o in barattoli di vetro a seconda della tipologia, compresso e coperto di olio o, nel caso del tonno al naturale, con acqua di cottura filtrata. Le confezioni verranno poi chiuse ermeticamente e sterilizzate.
Le varietà di tonno in scatola in commercio sono innumerevoli, ecco perché abbiamo deciso di aiutarvi nella scelta definitiva, individuando e approfondendo tutti gli aspetti più importanti del famoso pesce in scatola.

Varietà di tonno in scatola

Basta entrare in un supermercato per notare le tantissime varietà di tonno in scatola messe a disposizione dell’acquirente, diverse tra loro non soltanto per la marca, ma anche per il tipo di tonno contenuto. Tra le principali distinzioni che possiamo fare sul tonno in scatola abbiamo selezionato le seguenti.

Tonno in scatola sott’olio

Il tonno in scatola sott’olio è senza dubbio una delle varietà più consumate in questo settore. A sua volta questa varietà può essere suddivisa in:

  • Tonno all’olio di oliva: in alcuni casi anche olio extra vergine d’oliva, entrambi sicuramente di maggiore qualità rispetto all’olio vegetale;
  • Tonno all’olio vegetale: altra possibilità facilmente reperibile in qualsiasi negozio di alimentari o supermercato. In questo caso è preferibile evitare l’olio di girasole poiché è particolarmente instabile se cotto ad alte temperature.

Tonno in scatola al naturale

Come abbiamo già visto nell’introduzione, se il tonno viene inscatolato con l’acqua di cottura filtrata otteniamo il tonno al naturale, meno calorico di quello all’olio e quindi più leggero da un punto di vista dei grassi contenuti. tonno in scatola al naturaleIl tonno al naturale viene utilizzato molto durante le diete, soprattutto per gli sportivi che praticano bodybuilding, poiché è un’ottima fonte proteica di pronto uso. Il tonno al naturale può anche essere a basso contenuto di sale, fino all’80% in meno rispetto al tonno sott’olio, anch’esso molto consigliato e introdotto nelle diete per perdere peso.

Tonno in scatola speziato

Esiste poi il tonno in scatola speziato, sebbene questo sia molto più diffuso all’estero. Tra le spezie più apprezzate troviamo il peperoncino, la salsa di pomodoro, le cipolle e altri aromi. In Italia si preferisce il gusto classico, quindi senza l’aggiunta di altri ingredienti o sapori.

Specie di tonno

Cerchiamo di capire adesso quali sono le specie di tonno più utilizzate per la trasformazione in tonno in scatola. Un tempo veniva utilizzato il Thunnus thynnus, detto anche tonno rosso o tonno pinna blu. Oggi, invece, la specie più impiegata è il tonno a pinne gialle, conosciuto anche con il nome di Thunnus albacares. Questa specie di tonno è oceanica ed è diventata molto popolare per il suo prezzo abbastanza basso. tonno in scatola specieUn’altra specie è il tonnetto striato, conosciuto come Katsuwonus pelamis, che presenta una carne più tenera e chiara e ha costi di produzioni maggiori a causa delle piccole dimensioni del pesce.

Parti di tonno utilizzate

La parte utilizzata per la conservazione del pesce definisce la qualità del tonno in scatola. Quella in assoluto più utilizzata è la parte dorsale, che è molto più magra rispetto alle altre. Solitamente, quando invece si compra il tonno fresco, la parte dorsale è la meno apprezzata. tonno in scatola ventrescaI veri intenditori di tonno in scatola però sanno benissimo che è la ventresca la parte più pregiata, poiché è il pezzo di carne più morbido e saporito del tonno. Inoltre, per preservarne la qualità, viene separata a mano dal resto del pesce con un lavoro molto più accurato e scrupoloso.

Valori nutrizionali

Come già anticipato precedentemente, il tonno in scatola è un alimento altamente nutritivo. Per circa 100 g di prodotto sgocciolato possiamo conteggiare 60 g di acqua, 25 g di proteine, 8 g di lipidi e 65 g di colesterolo. tonno in scatola valori nutritiviPer quanto riguarda invece i minerali e le vitamine, il tonno in scatola è ricco di sodio, fosforo, potassio e in quantità minore anche di calcio, vitamina A e tiamina (vitamina B1). Si tratta quindi di un alimento abbastanza equilibrato e nutriente da poter inserire nella propria dieta settimanale.

Livelli di mercurio

Quando si parla di tonno in scatola è molto importante parlare anche dei livelli di mercurio contenuti. Il tonno è un pesce che, al pari di un sgombro o un pesce spada, essendo di dimensioni abbastanza grandi hanno più possibilità di accumulare metalli pesanti nelle proprie carni, come il mercurio. Questo è dovuto anche all’inquinamento ambientale prodotto dall’uomo che, attraverso gli scarichi a mare di produzioni industriali, pesticidi ecc., favorisce l’aumento dei livelli marini di questi metalli. A tal proposito la FDA (Food and Drug Administration) raccomanda di consumare non più di 340 g di tonno in scatola alla settimana per un adulto.

Altre caratteristiche del tonno in scatola

La scelta del tonno in scatola può dipendere anche da altri fattori che riguardano la quantità contenuta, il tipo di contenitore e anche la sostenibilità del prodotto nei confronti dell’ambiente. Di seguito alcuni approfondimenti per capire pro e contro di ogni opzione disponibile in commercio.

Contenitore

Un aspetto da valutare durante la scelta del tonno in scatola è il tipo di contenitore. Quello più comune è la scatola di latta, che può avere diverse dimensioni. Solitamente la latta è costituita da un coperchio con una linguetta che può essere realizzata sia nello stesso materiale, sia in alluminio. Un aspetto sfavorevole delle scatole di latta, data la tossicità di questo materiale, è senza dubbio il bisfenolo A, spesso contenuto nei materiali che ne costituiscono il rivestimento interno.tonno in scatola vetroUn’altra possibilità è il barattolo di vetro, più fragile come materiale, ma che offre il vantaggio di poter vedere il contenuto, quindi il tonno, e di solito i pezzi introdotti, essendo più grandi e meno sminuzzati, sono anche meno intrisi di olio. In questi casi la qualità è superiore.

Confezione

Come abbiamo visto, vetro e latta possono essere due possibili opzioni che a loro volta possono presentare diverse grandezze per un maggiore o minore contenuto di tonno. Vediamo insieme quali sono le grandezze delle confezioni disponibili sul mercato.
Nel caso della scatola in latta è possibile acquistare confezioni di scatole da 80 g di peso complessivo e circa 56 g di prodotto sgocciolato: solitamente queste scatole vengono vendute in pacchi tra 3 o 4 unità. C’è però anche la possibilità di acquistarle in pacco scorta contenente anche 7 lattine. Altra possibilità ancora sono il pacco da 3 o 4 unità da 120 g, le scatole da 160 g in pacchi da 3 o anche 240 g in confezioni da 2 unità. Per chi invece ne fa un grande uso è possibile acquistare formati di lattine da 500 g.tonno in scatola confezionePer coloro che preferiscono invece il vetro, è possibile acquistare barattoli da 120, 180, 200 o anche 500 g di prodotto. Solitamente in vetro è più facile trovare ventresca e filetto di tonno.

Ecosostenibilità del tonno in scatola

Parliamo adesso del tonno in scatola da un punto di vista ecosostenibile. La ONG ambientalista Greenpeace nel 2015 ha redatto uno studio per ogni Paese al fine di stabilire quali fossero i produttori di tonno in scatola più sostenibili. L’obiettivo principale era ed è quello di preservare gli oceani e i mari da una pesca distruttiva e di premiare coloro che praticano pesca sostenibile e con politiche trasparenti, inserendoli tra le marche di tonno in scatola più amiche dell’ambiente. Grazie all’azione di Greenpeace Thai Union, il maggior produttore di tonno in scatola al mondo, ha acconsentito ad impegnarsi per una maggiore sostenibilità della sua produzione.tonno in scatola sostenibilitàIn Italia la marca più sostenibile è risultata essere ASdoMAR, che ha messo nero su bianco il suo impegno alla responsabilità sui metodi di pesca utilizzati, sulle proprie politiche, sulle specie utilizzate e sulla trasparenza dell’etichetta.

Altri fattori da tenere a mente nella scelta del tonno in scatola

Il prezzo è importante?

Il prezzo del tonno in scatola varia sia in relazione alla grandezza della confezione sia per la marca in questione. Di solito una confezione da 4 lattine da 80 g ha un costo che oscilla tra i 2 e i 4 €. Il prezzo diventa vantaggioso se si preferiscono pacchi risparmio da 7 o 8 lattine da 80 g o anche formati più grandi come quelli da 240, 300 o 500 g: il prezzo in questi casi oscilla tra i 4 e gli 8 €. La qualità del tonno in vetro, soprattutto la ventresca, è più cara rispetto al tonno in scatola tradizionale, con un costo medio di circa 5 € per 180/200 g di prodotto. Ovviamente esistono delle marche più prestigiose che possono far aumentare il prezzo anche fino a 20 € per 500 g di tonnetto sott’olio.

La marca è importante?

Tra le marche più rinomate e conosciute troviamo Rio Mare, Nostromo, Mareblu e ASdoMAR, che da anni rappresentano un punto di riferimento sugli scaffali dei supermercati riservati al tonno in scatola. La marca in questi casi può essere importante a seconda degli aspetti che si ritengono prioritari, come ad esempio l’ecosostenibilità del prodotto. Come abbiamo già visto in questa guida, la AsdoMAR in Italia è la più sostenibile, seguita da Rio Mare, Nostromo e altre marche bianche appartenenti ai supermercati. Ovviamente se il prodotto è più sostenibile sarà anche di maggiore qualità.

Le domande più frequenti sul tonno in scatola

Da che età i bambini possono mangiare il tonno in scatola?

Come abbiamo già visto, il tonno, date le sue dimensioni, è uno dei pesci che accumula maggiori livelli di mercurio, ecco perché è consigliabile non consumarne quantità eccessive. Uno dei dibattiti più accesi sul tonno in scatola, però, riguarda il consumo da parte dei bambini. Non tutti i pediatri sono d’accordo su quest’argomento, ma in linea di massima si è giunti alla conclusione di evitare questo alimento almeno nei primi 2 anni di vita, evitando soprattutto di introdurlo durante lo svezzamento. Quindi possono mangiare tonno in scatola bambini a partire dai 2 o 3 anni. Queste sono soltanto indicazioni, il nostro consiglio è di parlarne sempre con il vostro pediatra di riferimento che saprà aiutarvi a fare una scelta più consapevole.

Le donne in gravidanza possono mangiare tonno in scatola?

Anche per le donne in gravidanza si pone lo stesso problema, soprattutto per evitare che il feto possa assorbire elevati livelli di mercurio che, se assunto in grosse quantità, potrebbe favorire problemi di ritardo cognitivo. tonno in scatola gravidanzaAnche in questo caso, quindi, è consigliabile limitare il consumo del tonno in scatola, sebbene sia molto nutriente. Allo stesso modo, alle donne in stato interessante è sconsigliato mangiare tonno fresco o altri tipi di pesce con le stesse caratteristiche, per lo stesso motivo. Anche in questo caso, vi consigliamo di rivolgervi al vostro ginecologo di fiducia affinché possa chiarire ogni vostro dubbio.


Copyright Klikkapromo srl – È vietato ogni sfruttamento non autorizzato

Quali sono i migliori marchi di tonno in scatola del 2020?

La tabella dei migliori marchi di tonno in scatola del 2020 scelti dalla redazione di QualeScegliere.it

"Tonno in scatola": hai dubbi? Facci una domanda!

Ecco i migliori due prodotti della categoria.

8 visitatori su 10 approfittano di queste offerte.

Il migliore

Asdomar Tonno trancio intero

Migliore offerta:3,85€

Il miglior rapporto qualità prezzo

Rio Mare Tonno all’olio di oliva pescato a canna

Migliore offerta:24,78€