Le migliori paste senza glutine del 2022

Confronta le migliori paste senza glutine del 2022 e leggi la nostra guida all'acquisto.

La spesa senza glutine
2,97 €
Amazon
2,89 €
Amazon
1,99 €
Farmacia Loreto
6,31 €
Amazon
1,77 €
Doc Peter
6,38 €
Farmacia Loreto
7,31 €
Farmacia pago poco
6,32 €
GranFarma
1,79 €
Linfafarmacie
6,52 €
Farmacia pago poco
7,32 €
Doc Peter
6,49 €
Farmacia pago poco
5,82 €
Farmacia Loreto
6,64 €
Farmacia Ferreri dal 1973
6,50 €
Doc Peter
5,96 €
Farmacia pago poco
6,65 €
Farmacia Leone Online
6,86 €
Farmacia Loreto
6,14 €

Origine

Grana saraceno

Ceci

Mais e riso integrale

Riso integrale, mais e quinoa

Mais e riso integrale

Formato

Penne rigate

Caserecce

Fusilli

400 g

Tortiglioni

Regione di produzione

Puglia

Puglia

Campania

Puglia

n.d.

Trafilata al bronzo

Senza glutine

kcal / 100 gr

347 kcal

348 kcal

341 kcal

356 kcal

363 kcal

Carboidrati / 100 gr

67 g

45,1 g

73,2 g

75,9 g

79,6 g

Cottura

7 minuti

7-9 minuti

13 minuti

10 min

10 minuti

Punti forti

Da agricoltura biologica

Pochi carboidrati

Trafilata al bronzo

Trafilata al bronzo

Buon rapporto qualità-prezzo

Ricca di sali minerali

Ricca di proteine

Senza OGM

Con quinoa

Completamente allergen-free

Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa

La pasta senza glutine

La pasta è un alimento irrinunciabile per molte persone, soprattutto per la sua incredibile versatilità, infatti basta un semplice condimento con sugo di pomodoro per renderla un piatto in grado di mettere tutti d’accordo a tavola. Gli intenditori lo sanno, non esiste una sola tipologia di pasta: oggi la si può trovare in più di 200 formati e oltretutto realizzata con diversi tipi di farine come la pasta integrale o di kamut per esempio. Conoscere i vari aspetti che caratterizzano questo alimento è indispensabile soprattutto per avere maggiore consapevolezza durante la fase di acquisto. In questo link troverete tutti gli approfondimenti al riguardo.
pasta senza glutine
Oggi invece ci occuperemo di un particolare tipo di pasta che negli ultimi anni ha preso sempre più piede nelle cucine di diverse culture, ma specialmente tra le persone affette da celiachia: stiamo parlando della pasta senza glutine.

Cos’è la pasta senza glutine

Prima di capire cos’è e quali sono le principali caratteristiche che definiscono questo particolare tipo di pasta, cerchiamo di capire meglio cos’è il glutine e perché è spesso causa di intolleranze o allergie. Il glutine è un complesso proteico contenuto in diversi cereali come il grano, la segale o il farro, e che in alcuni soggetti può provocare una reazione immunitaria che col tempo può trasformarsi in un’infiammazione in grado di provocare danno al rivestimento dell’intestino tenue. Questo disturbo è definito celiachia, una malattia che costringe chi ne soffre a consumare esclusivamente pasta senza glutine. Questo tipo di pasta infatti viene prodotta sostituendo le farine contenenti il glutine con altre che invece ne sono prive, garantendo un risultato dal sapore molto delicato e in alcuni casi piuttosto simile alla pasta tradizionale. Le farine più utilizzate per la pasta senza glutine sono quella di riso, mais, amaranto, grano saraceno, quinoa e legumi. Dando un’occhiata sugli scaffali riservati a questa speciale pasta vi renderete subito conto che queste sono le principali farine utilizzate. Ovviamente la pasta senza glutine può essere anche un’ottima scelta anche per chi non soffre di questa spiacevole intolleranza alimentare.

pasta senza glutine celiachia

Valori nutrizionali della pasta senza glutine

Da un punto di vista nutrizionale la pasta senza glutine non differisce molto da quella tradizionale a base di semola di grano duro. Vediamo, dunque, quali sono i principali valori da considerare e soprattutto come si comportano la pasta di mais e riso rispetto alla pasta tradizionale considerando 100 g di prodotto:

  • Carboidrati: i carboidrati fanno parte dei macronutrienti e nella pasta senza glutine sono presenti dai 71 ai 78 g a seconda del tipo di farina utilizzata per la produzione. Questo valore nella pasta con glutine si aggira intorno ai 71 g;
  • Proteine: altro macronutriente importante per il fabbisogno giornaliero del nostro organismo sono le proteine. In questo caso si nota un’importante diminuzione; mentre per la pasta con glutine questo valore supera 12 g, nella pasta gluten-free diminuisce fino a 7/8 g per 100 g di prodotto, fatta eccezione per la farina di mais (la pasta realizzata con questa farina presenta un livello di proteine simile a quello della pasta tradizionale);
  • Fibre: così come per i carboidrati anche per le fibre non si notano grandi differenze. La pasta senza glutine ne contiene circa 2/3 g così come quella tradizionale a base di frumento;
  • Vitamine: un grande vantaggio della pasta senza glutine, soprattutto quella fatta con farina di riso o mais, sono le vitamine, con un valore di gran lunga maggiore rispetto a quella di semola. Ad esempio la vitamina B3 è presente per un valore variabile dai 1400 ai 1900 mg rispetto ai 700 mg della pasta di semola;
  • Sali minerali: tra i sali minerali sono presenti calcio, fosforo, magnesio, potassio, sodio e ferro. Un aumento significativo, soprattutto nella pasta senza glutine realizzata con farina di mais, è osservabile con il fosforo e il magnesio, rispettivamente 250 mg e 47 mg rispetto ai 74 e 20 mg della pasta di semola;
  • Calorie: molto spesso i consumatori sono indotti a credere che la pasta senza glutine sia meno calorica, perché condizionati dalla dicitura ‘prodotto dietetico’ che compare su alcune confezioni. In realtà questa definizione indica che si tratta di un prodotto destinato a una dieta celiaca e non per dimagrire. Le calorie sono molto simili alla pasta a base di frumento, tra le 350 e le 360 kcal.

Bisogna inoltre considerare che la pasta senza glutine, anche se a volte è più povera di carboidrati, presenta maggiori livelli di amido e zuccheri semplici, quindi è poco indicata per persone con problemi di glicemia alta.

pasta senza glutine valori nutrizionali

Benefici della pasta senza glutine

Una dieta gluten-free, quindi che comprende la pasta senza glutine, è certamente un enorme vantaggio per coloro a cui è stata diagnosticata la celiachia. Abbiamo già accennato nell’introduzione di cosa si tratta e cosa provoca il glutine all’interno dell’organismo delle persone che ne soffrono. Eliminando quindi la proteina dalla propria dieta ci saranno dei vantaggi abbastanza evidenti, non soltanto per i celiaci ma anche per gli intolleranti al glutine. Tra i principali benefici queste persone noteranno:

  • Rigenerazione della mucosa dell’intestino tenue: abbiamo infatti visto che il glutine tende ad infiammarlo impedendo l’assorbimento di alcuni nutrienti. In questo modo tutto torna a funzionare regolarmente;
  • Diminuzione degli effetti collaterali: se la celiachia non viene assecondata con una dieta gluten-free potrebbe portare disturbi come gonfiori, cefalea e malessere generale associato a debolezza fisica;
  • Normalizzazione del valore degli anticorpi: questo valore è scompensato per la reazione immunitaria scatenata dal glutine.

È però importante sottolineare che per iniziare una dieta totalmente gluten-free è importante essere seguiti dal proprio medico o nutrizionista, il quale, dopo un’accurata diagnosi, vi consiglierà il regime alimentare più adatto alle vostre necessità.

pasta senza glutine benefici

Come scegliere la pasta senza glutine

Dopo aver descritto la pasta senza glutine osservandone tutti gli aspetti nutritivi e i conseguenti benefici, possiamo adesso fare una breve panoramica delle diverse tipologie disponibili in commercio caratterizzate da altri criteri che è indispensabile conoscere in vista di un eventuale acquisto, come gli ingredienti, la cottura o anche possibili ricette.

Tipologie

Oggi la pasta senza glutine è molto richiesta non soltanto dai celiaci e intolleranti al glutine, ma anche da consumatori senza alcun disturbo che però vogliono eliminare in parte o totalmente il glutine dalle loro diete. Per venire incontro a questa esigenza sempre crescente, sul mercato sono state lanciate nuove tipologie di pasta gluten-free, una volta reperibile soltanto a base di farina di riso o mais. Vediamo quali sono le altre principali categorie:

  • Pasta a base di quinoa: oltre a essere priva di glutine è anche ricca di proteine e fibre e, grazie alla presenza di due amminoacidi essenziali, lisina e metionina, aiuta l’assorbimento dell’insulina;
  • Pasta a base di amaranto: è un tipo di pasta che mantiene bene la cottura e si adatta a molti tipi di condimento;
  • Pasta a base di soia: fino a qualche tempo fa la si poteva mangiare soltanto al ristorante cinese, oggi invece questo tipo di pasta è disponibile presso negozi specializzati in regimi dietetici alternativi e in diversi formati;
  • Pasta a base di grano saraceno: il grano saraceno non è un cereale ma deriva da una pianta erbacea il cui frutto però è molto simile a un cereale ma totalmente privo di glutine, quindi perfetto per un regime dietetico gluten-free;
  • Pasta a base di legumi: non soltanto cereali, anche con i legumi oggi è possibile realizzare pasta senza glutine. Degli esempi sono quella di lenticchie, ceci o anche piselli;
  • Farine miste: molto spesso nella lista degli ingredienti è possibile notare che la pasta in questione è stata fatta mischiando i diversi tipi di farine gluten-free visti finora.

pasta senza glutine ingredienti

Qualità

Oltre alla pasta gluten-free a base di farine bianche, quindi sottoposte a processo di raffinazione, è possibile acquistare anche pasta senza glutine realizzata con farine integrali, come nel caso della farina di riso integrale o di mais integrale. Queste particolari categorie subiscono meno processi di lavorazione conservando nutrienti che altrimenti verrebbero perduti. Altro modo per essere sicuri di portare a casa un prodotto di qualità è scegliere pasta senza glutine bio, realizzata con ingredienti derivanti da agricoltura biologica certificata. Sarà facile distinguerla dalle altre in commercio grazie all’apposito simbolo con la foglia verde. Infine, consigliamo di verificare che nella lista degli ingredienti siano presenti soltanto le farine, quindi senza addensanti o altre sostanze destinate a prodotti industriali.

Cottura

La pasta gluten-free, essendo priva della parte ‘collante’, cioè il glutine, ha bisogno di maggiori accortezze durante la fase di cottura. Prima di tutto è importante cuocerla in una pentola abbastanza grande e con abbondante acqua, circa 1 l per 100 g di pasta. Altro consiglio è di non fidarvi dei minuti di cottura indicati sulla confezione ma di assaggiare voi stessi la pasta per sapere se è pronta oppure no. Solitamente la pasta corta ha bisogno di più tempo rispetto a quella lunga e molto dipende anche dal tipo di farine senza glutine con cui è realizzata.

pasta senza glutine cottura

Condimenti

In generale la pasta senza glutine può essere condita così come la pasta tradizionale, ma è anche vero che il sapore di base è diverso a seconda del cereale impiegato per la produzione. Ad esempio la pasta gluten-free a base di farina di mais potrebbe avere un sapore di per sé già molto forte quindi andrebbe condito con sughi più corposi come un buon ragù, pesto o della besciamella (sempre che sia realizzata con farina gluten-free). Mentre nel caso della pasta senza glutine a base di legumi, si potranno preferire dei condimenti più semplici proprio per evitare di coprire troppo il sapore di lenticchie, ceci o piselli.

pasta senza glutine condimenti

Confezione

A differenza della pasta tradizionale che è facilmente reperibile nelle confezioni da 500 g, quella senza glutine è offerta dalle diverse marche in un formato leggermente più ridotto da 400 g. Probabilmente perché si tratta di un prodotto di nicchia e quindi più specifico. Altre confezioni disponibili sono quelle da 250 g e da 350 g, formato che cambia a seconda della marca scelta.

pasta senza glutine confezione

Le domande più frequenti sulla pasta senza glutine

Quanto costa la pasta senza glutine?

Il prezzo è forse una delle poche note dolenti della pasta senza glutine. Per un pacco da 400 g il costo base è di circa 1,30€ che aumenta anche fino a 3€ a seconda della marca selezionata o anche della qualità degli ingredienti, magari provenienti da agricoltura biologica. Certamente si tratta di un prodotto di nicchia che, anche se si sta diffondendo sempre di più, continua ad avere dei prezzi piuttosto alti.

Quali sono le migliori marche di pasta senza glutine?

Oggi per andare incontro alle richieste sempre maggiori dei consumatori, diverse marche specializzate in pasta tradizionale hanno deciso di diversificare la propria offerta, introducendo nella gamma di prodotti venduti anche quelli gluten-free. Tra le principali ricordiamo Barilla, La Molisana, Rummo, Scotti, Garofalo, Schär e Felicia.

pasta senza glutine marca

Dove acquistare la pasta senza glutine?

Sebbene fino a qualche anno fa acquistare un prodotto così specifico fosse davvero difficile, oggi, sia grazie agli acquisti in rete che alla richiesta sempre maggiore da parte dei consumatori, è possibile comprare pasta senza glutine sia online che presso negozi fisici. Nel primo caso potrete fare affidamento sui numerosi store specializzati in prodotti gluten-free o anche piattaforme di e-commerce più grandi. Mentre se preferite acquistarli personalmente potrete recarvi presso tutti i negozi specializzati in prodotti senza glutine o biologici o anche in alcuni supermercati della vostra città.


Copyright Klikkapromo srl – È vietato ogni sfruttamento non autorizzato