I migliori estrattori di succo del 2017

Confronta i migliori estrattori di succo del 2017 e leggi la nostra guida all'acquisto.
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa

5 Fattori decisivi per la scelta dell'estrattore di succo

1. Struttura

La struttura è il primo fattore da considerare nella scelta del vostro estrattore di succo, e si riferisce a diversi aspetti del prodotto, che sono la forma vera e propria e il suo relativo ingombro, ma anche l’ampiezza del tubo d’inserimento degli alimenti e la capienza del contenitore esterno per la raccolta degli scarti. Questi aspetti strutturali influenzano l'uso pratico dell'estrattore di succo. Nei paragrafi a seguire analizziamo questi elementi più nello specifico.
Estrattore di succo

Due tipologie di estrattore

In commercio potete trovare estrattori di succo di tipo verticale che, per intenderci, si sviluppano in altezza, o di tipo orizzontale, che invece si espandono in larghezza. I primi sono decisamente più diffusi, soprattutto per motivi logistici: occupano meno spazio e sono più semplici da pulire e da utilizzare.
Quelli di tipo orizzontale hanno infatti un design un po’ meno accattivante degli estrattori di succo verticale e risultano sicuramente più ingombranti, ma non hanno niente da invidiare in termini funzionali alla tipologia verticale.
Due tipologie di estrattore di succo
Esistono anche dei modelli recenti che sono da considerarsi come degli “ibridi”: sono infatti sviluppati in altezza ma più larghi dei modelli precedenti perché dotati di una coclea (un componente dell’estrattore di cui ci occuperemo nel paragrafo relativo alle prestazioni) stretta e lunga, e non più larga e tondeggiante come quelle montate nei modelli verticali tradizionali.

Dimensioni e maneggevolezza

Oltre alla forma stessa dell’estrattore di succo, bisogna valutare alcuni parametri quali le misure vere e proprie e il peso, in modo da assicurarsi l’acquisto di un prodotto che abbia poi abbastanza spazio in cucina, sia in termini di superficie di lavoro disponibile che di spazio all’interno dei mobili dove si andrà poi a riporre l’apparecchio.
Un altro elemento da considerare è il peso (che in genere oscilla tra i 3 e i 6 kg): se, ad esempio, volete utilizzare l’estrattore di succo ogni giorno, e dovrete ogni volta prendere e riporre il prodotto o spostarlo, è importante scegliere un modello abbastanza leggero che si lasci maneggiare con facilità.
Tubo inserimento cibi
Attenzione, infine, alle misure del tubo d’inserimento dei cibi e del “vassoio” che di solito è montato all’estremità di tale tubo: dimensioni più strette rendono necessario pre-tagliare in maniera particolarmente piccola i frutti o la verdura da cui si vuole estrarre del succo.
Tubo inserimento cibi e vassoio all'estremità

Capacità di estrazione

Con "capacità di estrazione" ci si riferisce alla quantità massima di scarto che il contenitore in dotazione può raccogliere: una volta terminato lo spazio a disposizione per gli scarti, dovrete interrompere il lavoro per liberarvi dei residui. Un contenitore grande vi permette dunque di produrre una maggiore quantità di succo senza interrompere il funzionamento della macchina.

2. Prestazioni

Questo fattore valuta le performance dell’estrattore di succo, ed è importante da considerare perché influenza il tipo di succo prodotto, gli alimenti più facilmente trattabili e la durata massima possibile di ogni sessione di estrazione di succo.
Bisogna premettere che, a differenza di altri apparecchi da cucina, quali ad esempio la centrifuga e il frullatore, l’estrattore di succo non sfrutta l’alta velocità per sminuzzare o frullare la frutta e la verdura, ma piuttosto “mastica” gli alimenti, grazie ad un componente chiamato “coclea”, la cui forma ricorda quella di una vite, posizionato all’interno della struttura. Inserendo all’interno dell’estrattore un frutto (che dev’essere solitamente pretagliato in piccoli pezzi), questo viene schiacciato e masticato dalla coclea, e il succo prodotto viene erogato in un apposito contenitore, mentre al contempo gli scarti sono espulsi in un altro contenitore dedicato a tale funzione.

Come potete vedere nella foto seguente, la coclea può essere di differenti forme e dimensioni, il che influenza la struttura vera e propria dell'estrattore (i modelli con la coclea più grossa, infatti, sono di solito estrattori verticali mentre, al contrario, quelli con la coclea più snella ma lunga, corrispondono a modelli orizzontali).
Due tipi di coclea
Le prestazioni di un estrattore di succo sono valutabili tenendo presente il numero di giri al minuto che il suo motore compie, la sua capacità di ruotare in uno o due versi e il tempo continuo di lavorazione: tutti aspetti conseguenti alla qualità generale del motore e delle altri componenti interne dell'estrattore. Nei prossimi paragrafi andiamo a vedere ognuno di questi elementi nel dettaglio.

Giri al minuto

Come anticipato nel paragrafo precedente, l'estrattore di succo sfrutta la "forza della lentezza" con cui la sua coclea ruota per schiacciare per bene l'alimento inserito al suo interno ed estrarne quanto più succo possibile. Più lentamente avviene questa rotazione e, quindi, più basso sarà il numero di giri al minuto compiuti dalla coclea, più intensa ed efficace sarà da considerare la spremitura. Il numero di giri al minuto che questo tipo di prodotti possono compiere è variabile tra i 40 circa per i prodotti di fascia alta e gli 80 per i prodotti di fascia inferiore, che sono comunque validi. Nel mezzo, ci sono i prodotti da circa 60 giri al minuto, che hanno prestazioni e costo di livello medio.

Attenzione: i prodotti che compiono 80 giri al minuto fanno comunque il loro dovere ed estraggono i succhi in maniera molto più lenta di come farebbe ad esempio una centrifuga, ma lo fanno in maniera meno accurata dei modelli più lenti e costosi.
Un'altra cosa che bisogna specificare è che non è vera la credenza per cui più lento è l'estrattore, maggiore è la quantità di sostanze nutritive che saranno mantenute nel succo, mentre è vero che la lentezza di produzione del succo lo espone ad un rischio di ossidazione minore. Il processo, infatti, non crea molta schiuma (o non la produce affatto) e il succo estratto si mantiene più a lungo senza perdere colore come invece accade a quello prodotto da apparecchi che sfruttano elevate velocità, come, ad esempio, le centrifughe. Ad oggi però non esistono degli studi che dimostrino che la quantità di nutrienti presenti in succhi estratti velocemente sia significativamente inferiore, anzi, per alcuni la differenza sarebbe inesistente o minima.

Tempi di lavoro

In commercio troverete modelli dotati di motori altamente performanti, che rendono l'estrattore di succo in grado di lavorare per oltre 30 minuti consecutivamente. Questo è possibile grazie ad una generale robustezza dell'apparecchio e ad una certa qualità dei componenti interni.
I modelli più economici e semplici,
invece, hanno un'autonomia di lavoro che arriva al massimo a 10 minuti e che rendono necessari altri 20 minuti circa di riposo tra una ripresa e l'altra. Per questo motivo, questi modelli sono decisamente sconsigliati per chi voglia produrre abbondanti quantità di succo, come magari potrebbe accadere in nucleo familiare numeroso o per coloro che consumano abitualmente molti succhi di frutta e verdura e producono regolarmente il latte vegetale in casa. Per tutti questi utilizzi, è meglio orientarsi su modelli più costosi e potenti.

Verso di rotazione

Sempre riguardo al meccanismo di funzionamento del motore dell’estrattore, questo di solito ha una sola velocità di lavorazione, mentre è selezionabile il verso di rotazione. Nello specifico, si può azionare la rotazione in una direzione, che è quella standard per lavorare gli alimenti e, in caso si rendesse necessario, è possibile interromperla e variare la direzione di rotazione in senso inverso, una funzione molto comoda, ad esempio, qualora si incastrassero dei pezzi di frutta o di verdura nella della coclea.
Selezione verso di rotazione motore estrattore di succo

3. Praticità d’uso

La praticità d’uso è un fattore decisivo nella scelta di un estrattore di succo perché condiziona la comodità d’utilizzo concreto e quotidiano del prodotto, nonché i tempi di funzionamento e le attenzioni che è necessario prestare quando l’apaprecchio è in funzione.
Ci sono, infatti, alcuni elementi che influiscono in maniera anche notevole sulla maggiore o minore praticità d’uso di un estrattore di succo, e sono i seguenti:

  • Facilità di assemblaggio: la semplicità con cui l’estrattore può essere montato e smontato incide sulla sua praticità d’uso in maniera dominante. Pezzi dall’assemblaggio oscuro e/o difficili da impilare o inserire uno nell’altro sono sicuramente un ostacolo alla velocità e comodità di utilizzo
  • Beccuccio e tappo antigoccia: il piccolo tappo che chiude l’estremità da cui esce il succo estratto è utile per due motivi. Innanzitutto, quando il tappo viene rimosso, il beccuccio permette di evitare che le gocce fuoriescano dall'apparecchio quando il succo viene versato in un bicchiere o in un contenitore, aiutandovi a mantenere superfici e abiti puliti. Inoltre, quando il tappo viene richiuso, permette anche di mantenere il gusto del succo estratto più intenso, visto che tutto il succo viene mantenuto all’interno dell’estrattore durante la lavorazioneEstrattore di succo beccuccio antigocciaEstrattore di succo tappo
  • Rumorosità del motore: se paragonato ad un frullatore o ad una centrifuga, l’estrattore di succo è sicuramente un apparecchio dalla rumorosità ridotta. All’interno della gamma di estrattori di succo disponibili sul mercato, però, possiamo trovare diversi valori espressi in decibel, anche se non tutti i produttori li indicano nelle schede tecniche. Tra i prodotti meno rumorosi, troviamo quelli da circa 30 dB e. Questo è un aspetto da tenere in considerazione nella scelta perché, com’è facile immaginare, i modelli più silenziosi permettono una più ampia libertà di utilizzo, anche nelle ore notturne e alle prime ore del mattino
  • Piedini antiscivolo: l'estrattore di succo non è un elettrodomestico che si muove molto sul piano di lavoro, e il suo peso fa sì che non sia particolarmente instabile o soggetto a perdite di equilibrio, tuttavia la presenza dei piedini è un'ulteriore garanzia di sicurezza e tutela dell'estrattore

Estrattore di succo con piedini antiscivolo

4. Manutenzione

Il fattore manutenzione prende in considerazione tutte quelle operazioni che sono necessarie per tenere il proprio estrattore di succo pulito ed in ordine, in modo che sia sempre funzionante e si mantenga efficiente nel tempo.
Visto che l'estrattore di succo viene utilizzato con una frequenza abbastanza elevata o anche su base quotidiana, riteniamo fondamentale valutare questo fattore, affinché si acquisti un modello che non richieda una manutenzione eccessivamente impegnativa.

Pulizia ordinaria

Non sono necessari degli interventi di manutenzione troppo impegnativi per un estrattore, ma bisogna dedicarsi accuratamente all’operazione di lavaggio di tutti i suoi componenti dopo ogni uso, per avere un apparecchio sempre in condizioni ottimali per ogni nuovo utilizzo (anche per non mischiare i sapori o gli eventuali residui di alimenti). Una caratteristica che rende semplice e veloce la pulizia dell'estrattore è ad esempio la possibilità di estrarre facilmente e lavare in lavastoviglie tutti i componenti.
Inoltre, sappiate che alcuni modelli sono strutturati in modo da evitare quanto più possibile che grandi quantità di residui di frutta e di verdura si incastrino all’interno del filtro e della coclea, così da ridurre al minimo ogni intervento di pulizia manuale ed evitare di perdere tempo a rimuovere eventuali accumuli di polpa.
Filtro estrattore di succo
Una funzione interessante, di cui non tutti gli estrattori di succo dispongono, è quella di pre-lavaggio, ovvero un funzionamento “a vuoto” dell’apparecchio solo con acqua, in modo da sciacquarlo prima di iniziare a lavorare la frutta e la verdura al suo interno, utile soprattutto per non mischiare i sapori quando vogliate preparare succhi a base di alimenti diversi uno dopo l’altro.

5. Accessori

Nonostante gli accessori non siano sicuramente il primo dei fattori da considerare nella scelta dell’estrattore di succo, questi rappresentano comunque un comodo extra che impreziosisce l’apparecchio, ne rendono l’uso pratico più agevole e, in alcuni casi, anche più semplice.

La gamma degli accessori di un estrattore di succo non è enorme. Vediamo qui sotto un elenco di tutti gli accessori che possono essere inclusi nella confezione di un estrattore:

  • Beccuccio antigoccia: come anticipato nel paragrafo dedicato al fattore praticità d’uso, questo beccuccio si attacca all’estremità da cui fuoriescono i succhi, per versarli in modo da non sporcare la superficie circostanteTappo antigoccia estrattore di succo
  • Contenitori: sono di solito due, ovvero quello per la raccolta degli scarti e quello per la raccolta del liquido estratto, e possono avere una grandezza variabile da meno di 1 l fino a circa 2 l. I contenitori più comodi sono senz’altro quelli trasparenti che permettono di monitorare lo stato di lavorazione ed espulsione dei cibi, e lavabili in lavastoviglie
  • Filtri: rappresentano l’accessorio più importante per un estrattore, visto che dalla qualità e tipologia di filtro dipende anche il succo che verrà prodotto. Questi possono essere a grana fine (cioè con fori molto piccoli: questo tipo di filtro è ideale per succhi più liquidi) oppure a grana grossa (con fori più ampi, in grado di estrarre succhi più densi, ma anche marmellate, sorbetti e altro). I filtri possono sempre essere sostituiti o acquistati separatamente, e possono essere in diversi materiali, come l’acciaio o l'ultemFiltro per sorbetti e per succhi
  • Ricettario: libretti che raccolgono ricette di succhi di frutta e di verdura possono essere inclusi nella confezione dell’estrattore. I modelli dotati di filtri specifici per i sorbetti possono ovviamente contenere anche ricettari per questo genere di prodottiEstrattore di succo ricettarioRicettario estrattore di succo aperto
  • Spazzolino: può essere incluso anche uno spazzolino per velocizzare il processo di pulizia manuale della macchina

Altri fattori da tenere in mente per la scelta dell'estrattore di succo

I materiali sono importanti?

I materiali sono l’elemento che contribuisce alla principale differenziazione tra estrattori di succo di fascia di prezzo economica e costosa: soprattutto la coclea e il filtro, ma anche la struttura esterna della macchina, offrono delle prestazioni che risentono molto della qualità dei materiali impiegati per produrli. Il materiale utilizzato per il filtro e per la coclea nei prodotti più economici è generalmente l’acciaio inox, un’opzione allo stesso tempo economica ed efficace, mentre altri estrattori utilizzano l’ultem, che è una resina molto resistente che in molti preferiscono all’acciaio. Per quanto riguarda invece i contenitori, questi possono essere in plastica, che rischia inevitabilmente con il tempo di opacizzarsi e che è più soggetta all’usura, oppure in vetro, un’opzione di qualità sicuramente superiore, ma anche molto più costosa.

La marca è importante?

Oggigiorno sono numerosi i marchi che si occupano della produzione di estrattori di succo di diverse fasce di prezzo, che si differenziano per lo stile, per gli accessori in dotazione e per la qualità dei materiali impiegati per produrli. Sul mercato attuale spicca la Hurom, che è stata tra le prime aziende a produrre estrattori di succo di alta qualità, e i cui modelli sono ancora oggi molto richiesti. Seguono la Philips e la Panasonic, con una buona varietà di prodotti di diverse fasce di prezzo, ed altre aziende quali, per citarne qualcuna, Clatronic, Petra e RGV. A prescindere dal vostro budget e dalle preferenze per un brand in particolare, il nostro consiglio è quello di rivolgersi a marchi conosciuti in quanto questa è una garanzia di affidabilità del prodotto, ma soprattutto di sicurezza e qualità dei materiali impiegati.

Il prezzo è importante?

Gli estrattori di succo sono dei piccoli elettrodomestici venduti tendenzialmente ad un prezzo parecchio elevato: in commercio troviamo infatti modelli che partono da circa 100 € fino a superare i 500 €, facendo di questo strumento un prodotto abbastanza d’elite. Se avete delle particolari esigenze di budget da rispettare, non temete: non necessariamente i prodotti più economici sono poco validi e scadenti ma, piuttosto, possono essere ideali per un utilizzo saltuario, richiedendo magari qualche accortezza in più per non sovraccaricare la macchina. I modelli di fascia di prezzo medio-alta e alta, invece, sono l’opzione ideale e, anzi, necessaria, per tutti coloro che vogliano produrre succhi freschi su base quotidiana o con una certa frequenza e che non vogliano limitazioni nel lavorare semi, verdura a foglie, frutti duri oppure nel preparare sorbetti e simili. Tenete inoltre presente che anche i materiali impegati influiscono in maniera considerevole sul costo finale: l’acciaio per la struttura esterna e l’ultem per la coclea, ad esempio, rientrano tra i materiali più pregiati, longevi e costosi.

Quali sono i migliori estrattori di succo del 2017?

La tabella dei migliori estrattori di succo del 2017 scelti dalla redazione di QualeScegliere.it

Prodotto Voto finale Recensione
Hurom HU-700 8,7 Recensione
Philips HR1882/31 Avance Collection 8,1 Recensione
RGV 110600 6,6 Recensione
Petra FG 20.07 6,1 Recensione
Philips HR1897/30 Avance Collection 8,2 Recensione

Estrattori di succo: tutti i prodotti recensiti

Domande e risposte su Estrattore di succo

  1. 2
    Domanda di sanson urbano | 4 agosto 2016 at 13:55

    Dopo l’uso si spegne automaticamente e totalmente l’apparecchio? grazie per la risposta

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 9 agosto 2016 at 09:42

      Tra i modelli che abbiamo fino ad oggi recensito non ci risultano degli estrattori di succo che si spengano da soli dopo l’utilizzo.

  2. 2
    Domanda di rossano | 12 luglio 2016 at 15:15

    Salve, vorrei tanto sapere: gli estrattori eliminano la parte fibrosa dell’alimento ?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 13 luglio 2016 at 10:02

      Cosa intendi con “parte fibrosa”? Se ci si riferisce alle fibre vere e proprie contenute negli alimenti, con l’utilizzo dell’estrattore non si registra nessuna perdita. Se, invece, il riferimento è alla quantità di polpa che resta nel succo, questa dipende dal tipo di filtro che si va ad utilizzare (a grana sottile o più larga).

  3. 1
    Domanda di brini luciana | 22 marzo 2017 at 15:55

    Buonasera, vorrei sapere se è importante che tutti i pezzi interni dell’estrattore siano in acciaio invece che in plastica.

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 23 marzo 2017 at 16:50

      No, non è importante e anzi, molto spesso la colcea non è in acciaio.

  4. 1
    Domanda di Antonella | 14 dicembre 2016 at 11:10

    Vorrei sapere qual è il migliore per rapporto qualità-prezzo tra quelli in commercio,per un prezzo max di €200. Quale mi consigliate si acquistare?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 14 dicembre 2016 at 12:43

      L’Imetec Succo vivo è una buona scelta perché, ad un prezzo che rientra nel tuo budget, offre il vantaggio di avere ben tre filtri in dotazione (due per succhi e uno per sorbetti).

  5. 1
    Domanda di Azzurra | 31 ottobre 2016 at 11:21

    Salve, in casa siamo 2 adulti 2 bambini, vorrei un estrattore per uso giornaliero e per qualsiasi alimento. Non mi interessa fare sorbetti. Grazie.

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 1 novembre 2016 at 17:00

      Il Philips HR1882/31 Avance Collection è una buona opzione visto che riesce a trattare cibi sia duri che molli. Se, invece, preferisci per praticità un modello con apertura più ampia per ridurre la fase di pre-taglio degli alimenti, potresti valutare l’Imetec Succo Vivo SJ 1000.

  6. 1
    Domanda di luisa drudi | 10 luglio 2016 at 09:39

    Che tipo di estrattore x melagrane? Che non sia ingombrante e nella media con il prezzo… attendo risposta…Grazie

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 11 luglio 2016 at 10:55

      Possiamo consigliarti il Panasonic MJ-L500: è molto compatto e poco ingombrante e diversi utenti lo utilizzano regolarmente con melagrane ottenendo risultati soddisfacenti.

  7. 0
    Domanda di elena | 7 maggio 2017 at 21:36

    vorrei acquistare un estrattore per fare sorbetti latte vegetale(riso) e gelati vorrei spendere non oltre euro 200

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 8 maggio 2017 at 09:11

      purtroppo non abbiamo ancora avuto la possibilità di recensire modelli con le caratteristiche da te indicate.

  8. 0
    Domanda di Paola | 7 maggio 2017 at 16:46

    Salve,
    Meglio hurom hp o hot point sj15xlip0?
    Davvero grazie mille!

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 8 maggio 2017 at 09:13

      conosciamo solo il primo modello da te indicato e lo reputiamo un ottimo estrattore di succo!

  9. 0
    Domanda di Maria | 1 maggio 2017 at 16:05

    Posso fare anche la passata di pomodoro per il sugo della pastasciutta ?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 2 maggio 2017 at 10:25

      Sì, con gli estrattori di succo è possibile anche fare la passata di pomodoro.

  10. 0
    Domanda di Maura | 14 aprile 2017 at 18:37

    Volevo informazioni sull’estrattore Kuvings. Lo conoscete?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 19 aprile 2017 at 10:24

      Puoi leggere la nostra opinione sul modello Kuvings B6000S che abbiamo recensito.

  11. 0
    Domanda di Giovanni | 9 aprile 2017 at 19:27

    Miinteressava sapere che estrattore posso usare con carote e altri alimenti tutt’altro che morbidi, come prezzo non voglio superare i 150 € grazie!

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 10 aprile 2017 at 09:35

      Ti consigliamo l’Imetec Succovivo Compact SJ 700 che, come puoi vedere nella nostra recensione, abbiamo testato proprio con alimenti duri come le carote.

  12. 0
    Domanda di Diidonna Maria | 24 marzo 2017 at 18:34

    Vorrei sapere se esistono estrattori che ottengono il succo dalle mandorle senza pelle. Se ci sono quali caratteristiche devono avere? Grazie!

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 27 marzo 2017 at 11:19

      La maggior parte degli estrattori in commercio permette di preparare il latte vegetale, a patto di mettere in ammollo le mandorle (o altra frutta secca) per molte ore prima della lavorazione. Uno dei modelli più convenienti che possiamo indicarti è il Philips HR1882/31 Avance Collection.

  13. 0
    Domanda di sabrina nappi | 28 febbraio 2017 at 19:34

    Salve, il nutrizionista mi ha detto di comprare un estrattore per preparare un estratto con 10 carote, limone e 2 frutti. Cosa mi consigliate? Grazie mille

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 2 marzo 2017 at 12:42

      Ti consigliamo di valutare il Philips HR1882/31 Avance Collection, adatto ai cibi da te elencati e anche per essere utilizzato fino a 30 minuti consecutivi.

  14. 0
    Domanda di Andrea | 14 febbraio 2017 at 17:38

    Buonasera vorrei sapere estrattore di frutta e verdura il migliore in assoluto!! Non mi interessa il prezzo!!! (macchina professionale) giri bassi

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 16 febbraio 2017 at 12:55

      L’Hurom HU-700 è sicuramente uno tra i migliori modelli in circolazione, anche se di tipo domestico. Quelli di tipo professionale, infatti, costano anche il triplo di questo e sono pensati per utilizzi intensi (magari per 7-10 ore di seguito) per cui probabilmente non varrebbe la pena investire tali somme per un utilizzo domestico.

  15. 0
    Domanda di Elisa | 12 febbraio 2017 at 17:14

    Quale, verticale, con buon rapporto qualità prezzo, per fare latte di semi?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 16 febbraio 2017 at 10:53

      Il Philips HR1882/31 Avance Collection è un estrattore caratterizzato a nostro avviso da un ottimo rapporto qualità-prezzo, adatto anche alla produzione di latte vegetale.

  16. 0
    Domanda di giulia | 11 febbraio 2017 at 14:52

    Salve! Vorrei un modello funzionale per la pulizia, ho in casa una persona disabile che dovrebbe usarlo. Prezzo max 120€, grazie.

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 16 febbraio 2017 at 10:40

      Possiamo consigliarti il Petra FG 20.07 che rientra nel tuo budget ma la cui pulizia non è particolarmente facilitata da nessuna funzione o caratteristica studiata ad hoc.

  17. 0
    Domanda di scala giulio | 29 gennaio 2017 at 11:48

    Sono confuso, qual è meglio centrifuga o estrattore di succo? Non voglio superare 50/80 Euro. Grazie per la risposta!

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 30 gennaio 2017 at 12:25

      Per comprendere al meglio le differenze tra questi prodotti, ti rimandiamo alla nostra rubrica sul confronto tra centrifuga ed estrattore di succo.

  18. 0
    Domanda di maura vincenzi | 28 gennaio 2017 at 15:37

    Nella recensione dell’estrattore Philips 1882/31 l’offerta ebay, rimanda in realtà ad un prodotto di marca Royalty Line…come mai? Prezzo top, ma…

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 30 gennaio 2017 at 12:27

      L’offerta è sbagliata e verrà corretta nei prossimi giorni, grazie per la segnalazione! Intanto, sappi che puoi acquistare lo stesso prodotto su Amazon a questo link.

  19. 0
    Domanda di Luciano Cacciani | 28 gennaio 2017 at 14:06

    Sono interessato all’acquisto di un estrattore di succo, ne vedo diversi in vendita e mi chiedo: chi fa l’eventuale assistenza?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 30 gennaio 2017 at 12:33

      Dell’assistenza si occupano gli appositi centri del marchio di cui si è scelto di acquistare l’estrattore di succo.

  20. 0
    Domanda di giovanni | 4 gennaio 2017 at 20:50

    Salve! Vorrei sapere se tutta la frutta si può inserire con la buccia, se gli scarti si possono mangiare e se tutta la verdura può essere lavorata.

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 9 gennaio 2017 at 10:28

      Nell’estrattore di succo è possibile inserire frutta con la buccia, ad eccezione di agrumi e altre bucce inadatte (come l’esterno della melagrana ad esempio). Gli scarti sono assolutamente commestibili e, anzi, possono essere riutilizzati con fantasia in vari modi. Infine, in base al tipo di modello è possibile lavorare verdure a foglia e alimenti duri come le carote. Per maggiori informazioni, ti rimandiamo alla nostra guida su come usare l’estrattore di succo.

  21. 0
    Domanda di Alessandro | 29 dicembre 2016 at 15:44

    Gradirei sapere qual è a vostro avviso il miglior estrattore tra:

    IMETEC SUCCO VIVO SJ 1000
    PHILIPS 1882/31
    PANASONIC 500

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 29 dicembre 2016 at 16:11

      Li abbiamo recensiti tutti e tre, ti consigliamo di confrontare le recensioni:
      Imetec Succovivo SJ 1000
      Panasonic MJ-L500
      Philips HR1882/31 Avance Collection

  22. 0
    Domanda di GIANNI | 5 dicembre 2016 at 15:38

    In un primo momento volevo acquistare una centrifuga ma parlando con amici mi hanno consigliato un estrattore , potete indicarmi la differenza

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 5 dicembre 2016 at 18:18

      Per approfondire di più l’argomento ti inviamo a leggere la nostra rubrica sulle differenze tra estrattore di succo e centrifuga.

  23. 0
    Domanda di Elisabetta | 2 dicembre 2016 at 15:32

    Vorrei acquistare un estrattore per frutta e verdura morbida e dura, senza tagliare in pezzi troppo piccoli potente e non superiore a 200 euro.

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 5 dicembre 2016 at 18:28

      Ti consigliamo l’Imetec Succovivo SJ 1000 perché ha un’apertura per l’inserimento dei cibi ampia (in modo da non dover pretagliare necessariamente) e supera di pochissimo il tuo budget.

  24. 0
    Domanda di Carmela | 28 novembre 2016 at 06:28

    Salve! Vorrei acquistare un estrattore a freddo per frutta con buccia,verdura e gusci che non sia cinese .Sono sola eccezionalmente siamo in tre.Quale mi comsiglia con in baget meno di cento euro? Grazie.

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 29 novembre 2016 at 15:58

      Non ci è molto chiaro cosa tu intenda per “gusci”, per cui ti ricordiamo che nell’estrattore di succo non è consigliabile lavorare cibi duri come l’esterno di una melagrana, la frutta secca o i semi. Un prodotto economico che possiamo consigliarti è il modello RGV 110600 che però è prodotto in Cina, come moltissimi altri apparecchi di questo genere.

  25. 0
    Domanda di Aurelio | 25 novembre 2016 at 09:31

    Vorrei acquistare un estrattore con uso non intenso con coclea in ultem e poco ingombrante. Budget 200-250 euro. Magari oggi per black-friday. Grazie

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 25 novembre 2016 at 16:10

      I modelli la cui coclea sia certi sia in Ultem non rientrano nel budget da te indicato, come nel caso del Kuvings B6000S. Un prodotto secondo noi valido ma il cui materiale della coclea non è ben specificato è il Philips HR1882/31 Avance Collection.

  26. 0
    Domanda di marco | 6 novembre 2016 at 10:18

    Quale estrattore è ideale per latte, olii e sorbetti con un’entrata tale da inserire frutta e verdura tagliata grossa? Ho un budget di 450 euro, grazie mille.

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 7 novembre 2016 at 10:47

      Il modello Imetec Succovivo SJ 1000 ci sembra adatto perché rispecchia le caratteristiche da te richieste (è dotato di filtri per realizzare succhi, latte vegetale, sorbetti e altro ancora e rientra abbondantemente nel tuo budget). Attenzione, però, che l’olio non ci sembra un tipo di alimento da trattare con l’estrattore di succo.

  27. 0
    Domanda di Fabrizio | 24 ottobre 2016 at 17:37

    Ho visto che alcuni estrattori, anche di fascia bassa hanno una potenza di 120W mentre altri addirittura di 400w. Su cosa influisce questa differenza?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 25 ottobre 2016 at 10:00

      Il differente wattaggio di un motore influisce ad esempio sulla durata di utilizzo di un estrattore. I modelli più potenti, infatti, permettono di essere usati anche per 30 minuti consecutivi prima di rischiare il surriscaldamento, mentre altri devono essere tenuti in funzione per meno tempo e con più precauzioni per non sovraccaricarli.

  28. 0
    Domanda di laura gandolfi | 11 luglio 2016 at 16:35

    Per vivo terapia mi impongono:
    Hurom700sec. gen€570o B6000 Kuvings€460.
    Che ne pensate di Optimum500€229
    Chi estrae la piu’ enzimi

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 11 luglio 2016 at 17:10

      Non conosciamo il modello Optimum di cui parli, ma possiamo dirti che l’Hurom HU-700 è considerato il migliore estrattore da molti in quanto è tra i più lenti nell’azione di spremitura di frutta è verdura, che è il principio su cui si basano gli estrattori di succo. Anche il Kuvings B6000S è un estrattore a nostro avviso valido e, ad onor del vero, sappi che ad oggi non ci risultano degli esami di laboratorio che attestino scientificamente la minore o maggior presenza di enzimi o nutrienti in frutta e verdura.

  29. 0
    Domanda di Risanna | 10 luglio 2016 at 19:35

    Mi potete indicare la differenza tra estrattore essenzia ed estrattore hurom, quale è il migliore e magari meno caro ma che faccia le stesse cose? Gra

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 11 luglio 2016 at 17:11

      Un’alternativa economica all’estrattore Hurom può essere il Philips HR1882/31 Avance Collection che a nostro avviso è un buon prodotto visto che, come potrai vedere anche dalla nostra prova pratica video, funziona bene con cibi duri, morbidi e verdura a foglie.

  30. 0
    Domanda di Luca Norcella | 9 luglio 2016 at 00:47

    Grazie, ottime indicazioni, ma è vero che i prodotti cinesi tipo RGV o PETRA hanno solo 10% di Ultem e che il resto 90% è plastica pericolosa?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 11 luglio 2016 at 10:50

      In realtà sono diversi i brand che non forniscono informazioni dettagliate circa la tipologia di plastica impiegata (sui prodotti da te indicati non abbiamo infatti indicazioni al 100% affidabili). Ad ogni modo, l’estrattore di succo è un prodotto che non surriscalda come, ad esempio, può accadere con le vaporiere o altri piccoli elettrodomestici; per tale motivo la questione del BPA free è sicuramente per molti meno rilevante.

  31. 0
    Domanda di laura gandolfi | 7 luglio 2016 at 23:38

    Desideravo sapere se solo estrattori come HU700 seconda generazione B6000, piuttosto costosi, possano garantire la presenza di enzimi vivi e vitali .

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 8 luglio 2016 at 10:54

      No, non c’è bisogno di acquistare un modello specifico per ottenere i benefici di frutta e verdura visto che l’estrattore di succo in generale è uno strumento consigliabile per assumere in forma liquida le vitamine e le altre sostanze presenti negli alimenti. Ad oggi non ci risultano, tra l’altro, degli studi affidabili che dimostrino la perdita di sostanze nutritive quando si utilizzi un prodotto piuttosto che un altro.

  32. 0
    Domanda di Antonio | 27 giugno 2016 at 15:55

    Il migliore estrattore per un uso casalingo (2-3 volte a settimana) per estrarre succo da ogni alimento grazie

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 29 giugno 2016 at 12:16

      Tra i modelli secondo noi più convenienti, trovi il Philips HR1882/31 che include due filtri (uno a grana fine e uno doppia in base alla consistenza che desideri) ed è adatto sia per frutta e verdura morbida, dura e a foglie.

  33. 0
    Domanda di Cinzia | 18 giugno 2016 at 18:07

    Vorrei comprare un estrattore, siamo 3 persone e pensavo di usarlo 1/2 volte al giorno.Lo vorrei di dimensioni ridotte e molto facile da pulire.Grazie

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 29 giugno 2016 at 11:46

      Potresti valutare l’Hurom HU-700, ideale per utilizzi intensi (anche più volte al giorno) e la cui pulizia è parecchio rapida e semplice.

  34. 0
    Domanda di amedeo | 13 giugno 2016 at 13:45

    buona sera. Estrattori philips 1882/31 1897/30 coway joycepresso panasonic mj-l500 quale mi consigliate? e quale fa anche i sorbetti Grazie

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 14 giugno 2016 at 12:33

      Se sei interessato alla funzione sorbetto, puoi optare per il Philips HR1883/31 Avance Collection che include il filtro specifico, così come il Panasonic MJ-L500 che è più ridotto nelle dimensioni e non include un ricettario.

  35. 0
    Domanda di Mariagrazia Sorlini | 10 giugno 2016 at 19:35

    Desidero comperare un estrattore medio prezzo per frutta e verdura da usare senza togliere eventuale buccia

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 13 giugno 2016 at 11:12

      Un buon estrattore dal prezzo abbastanza contenuto che puoi utilizzare anche senza rimuovere la buccia è secondo noi il Panasonic MJ-L500.

  36. 0
    Domanda di Annamaria | 27 maggio 2016 at 08:10

    Salve un modello che produca il latte vegetale (mandorle), da usare frutta con buccia arance mele ecc, verdura in foglie, consumo giornaliero

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 3 giugno 2016 at 10:09

      Per un utilizzo intenso ti consiglieremmo di optare per l’Hurom HU-700, adatto ai cibi da te descritti.

  37. 0
    Domanda di Marta | 18 maggio 2016 at 10:05

    Sto cercando un estrattore in grado di aiutarmi a produrre in casa il latte vegetale (in particolare di mandorle). Siamo in 4 e non ho molto spazio

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 18 maggio 2016 at 11:15

      Ti consigliamo il Philips HR1897/30 Avance Collection perché è adatto per produrre latte vegetale (ricorda però di mettere sempre precedentemente in ammollo le mandorle, la soia o gli altri ingredienti duri) e può rappresentare una buona soluzione salva-spazio rispetto ad altri modelli visto che ha il contenitore per la raccolta del succo e della polpa già integrati al suo interno.

  38. 0
    Domanda di silvia giambrone | 12 maggio 2016 at 11:42

    salve, sto cercando un estrattore che si possa usare piu volte al giorno, capace di estrarre sia frutta che verdura come spinaci o altre simili..

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 13 maggio 2016 at 11:31

      Il Philips HR1897/30 Avance Collection è un buon estrattore di succo che può essere utilizzato anche con tutti i tipi di frutta e verdura, che sia morbida, dura oppure a foglia.

  39. 0
    Domanda di Dennis | 12 maggio 2016 at 01:35

    Salve, vorrei chiedere qual’ è il miglior estrattore per le arance con buccia, carote, mele con buccia e zenzero…il mio preferito

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 12 maggio 2016 at 10:44

      Ti consigliamo di valutare il Philips HR1882/31 Avance Collection che è indicato per tutti gli alimenti da te indicati, tra cui lo zenzero.

  40. 0
    Domanda di amedeo | 10 maggio 2016 at 10:54

    Buon giorno, avrei bisogno di un consiglio:cosa mi consigliate centrif. philips HR1871/70 o estratt. philips HR1882/31 visto che il prezzo é simile.

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 12 maggio 2016 at 10:38

      Si tratta di due prodotti di buona qualità ma dalla diversa natura di funzionamento e in grado di offrono risultati altrettanto diversi. Consulta la nostra rubrica d’approfondimento “centrifuga o estrattore?” per approfondire la questione.

  41. 0
    Domanda di Stefina | 1 maggio 2016 at 22:28

    Buonasera,
    Vorrei comprare un estrattore. In casa siamo due e mezzo…. :) e non abbiamo tanto spazio in cucina, vorrei usarlo spesso. Grazie mille.

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 2 maggio 2016 at 10:54

      Il modello Panasonic MJ-L500 può fare al caso vostro perché ha un ingombro davvero ridotto.

  42. 0
    Domanda di Donatella | 29 aprile 2016 at 15:46

    è vero che se la frutta non viene estratta a freddo non va bene? Grazie

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 2 maggio 2016 at 10:55

      La questione non è ancora del tutto chiarita: puoi saperne di più leggendo la nostra rubrica “Centrifuga o estrattore di succo?“.

  43. 0
    Domanda di rita | 27 aprile 2016 at 19:11

    Che differenza c’è tra un estrattore di succhi e una centrifuga?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 28 aprile 2016 at 13:37

      Puoi consultare la nostra rubrica dedicata al confronto tra centrifuga ed estrattore di succo, dove troverai tante informazioni utili per comprendere le reali differenze tra questi due prodotti.

  44. 0
    Domanda di sonia | 26 aprile 2016 at 19:15

    ho un bar sulla spiaggia e da questo anno vorrei offrire estratti di frutta e verdura . quale estrattore risponde alle mie necessità?
    grazie

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 28 aprile 2016 at 14:27

      Il Kuvings B6000S potrebbe fare al caso tuo perché è dotato di un ampio tubo di inserimento dei cibi che può velocizzare il lavoro rendendo possibile pretagliare di meno gli alimenti.

  45. 0
    Domanda di Rangio espedito | 23 aprile 2016 at 22:01

    Vorrei acquistare un estrattore di succo, faccio presente che in famiglia siamo in 4 e penso di poter farne un uso giornaliero. Quale scegliere?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 25 aprile 2016 at 13:33

      L’Hurom HU-700 può essere indicato per il tuo utilizzo su base quotidiana, facilitato anche dalla sua ridotta rumorosità. La fascia di prezzo è elevata (500€ circa) e trovi i migliori prezzi per acquistare online indicati in verde nel box accanto al prodotto all’inizio della pagina.

"Estrattore di succo": hai dubbi? Facci una domanda!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecco i migliori tre prodotti della categoria.

8 visitatori su 10 approfittano di queste offerte.

Il migliore in assoluto

Hurom HU-700

Miglior prezzo: 451,04€

Il miglior rapporto qualità-prezzo

Philips HR1882/31 Avance Collection

Miglior prezzo: 191,64€

Il più venduto

RGV 110600

Miglior prezzo: 96,89€