I migliori topper del 2024

Confronta i migliori topper del 2024 e leggi la nostra guida all'acquisto.

Sponsorizzato

Sponsorizzato

emma
309,98 €
amazon
62,47 €
emma
99,99 €
amazon
81,88 €
amazon
54,90 €
miasuite
99,95 €

Dati tecnici

Imbottitura

Memory foam

Memory foam

Schiuma

Memory foam

Memory foam

Spessore

8 cm

5 cm

6 cm

5 cm

5 cm

Rivestimento

Poliestere

Poliestere e aloe vera

Poliestere

Poliestere

Poliestere e aloe vera

Dimensioni

160x190, 160x200, 180x200

80x190, 120x190, 160x190, 180x190, 80x200, 120x200, 160x200, 180x200

80x190, 160x190, 160x200

90x190, 140x190, 90x200, 140x200, 160x200, 180x200

Da 80x190 a 200x200

Fissaggio

Elastici angolari

Elastici angolari

Elastici angolari

Certificazioni

Oeko-Tex Standard 100

Oeko Tex Standard 100

Oeko-Tex Standard 100

Oeko-Tex Standard 100

Oeko-Tex Standard 100 (fodera)

Lavaggio

Max 40 °C (fodera)

Max 40 °C (fodera)

Max 40 °C (fodera)

Max 30 °C

Max 40 °C (fodera)

Asciugatura

Asciugatura delicata

Asciugatura delicata

Asciugatura delicata

Asciugatura delicata

Asciugatura delicata

Punti forti

Schiuma e fodera traspiranti

Sfoderabile completamente

Double face morbido/duro

Interamente lavabile a freddo

Lastra bugnata a traspirazione accresciuta

Spesso ben 8 cm

Rivestimento igienico all'aloe vera

Traspirante

Reversibile

Fodera con certificazione atossica

Sfoderabile

Completamente atossico

Correttivo

Tantissime misure disponibili

Garantito 15 anni

Disponibile in tre misure

Made in Italy

Punti deboli

Nessun sistema di ancoraggio

Nessun sistema di fissaggio

Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa

Come scegliere il topper

La qualità del riposo notturno è data da un numero di fattori, sia esterni, sia per così dire interni (pensiamo solo a quanto il livello di stress influisca sul sonno). Se parliamo di oggetti responsabili del nostro buon riposo, l’unità fondamentale è costituita dal letto e da tutti i suoi componenti: doghe, materassi, lenzuola, cuscini, piumoni, trapunte ecc. TopperCiascuno di questi elementi ha una sua funzione: vogliamo occuparci qui nello specifico del topper, un articolo da letto originario del Nord Europa che sta acquisendo sempre più popolarità negli ultimi anni anche nel nostro Paese.

Che cos’è e a cosa serve il topper

Il topper è un particolare tipo di coprimaterasso che, oltre a proteggere il materasso dalla polvere, dal sudore e dai residui che naturalmente il nostro corpo produce, aggiunge un livello di morbidezza, comfort e calore al nostro letto. Il topper si usa principalmente per ammorbidire un materasso molto rigido, così da guadagnare in comodità senza perdere i benefici dati dalla rigidità, oppure per guadagnare in calore a seconda dell’imbottitura utilizzata per riempire il topper.Topper correttoreL’uso del topper non esclude quello del coprimaterasso tradizionale: può infatti essere steso direttamente sopra il materasso e ricoperto poi con un coprimaterasso normale. In questo modo, se vi fossero necessità particolari come il bisogno di un coprimaterasso in spugna per assorbire la sudorazione eccessiva o di un coprimaterasso impermeabile per contenere eventuali perdite notturne, non ci sarà bisogno di rinunciare al comfort del topper.
A seconda di quello che desideriamo per il nostro materasso e per il nostro riposo dobbiamo quindi scegliere con cura il nostro nuovo topper. Vediamo a che cosa fare attenzione in base alle diverse esigenze.

I materiali costitutivi dei topper

Va da sé che la prima cosa a cui dovremmo prestare attenzione nello scegliere un topper sono i materiali in cui questo è realizzato, sia per quanto riguarda l’imbottitura, sia per quanto concerne il rivestimento. Questo è particolarmente importante se soffriamo di allergie, siano esse respiratorie o cutanee, e se dobbiamo badare a mal di schiena e altri dolori muscolo-scheletrici.

Imbottitura

L’imbottitura di un topper può essere realizzata in svariati materiali, sia di origine naturale, sia sintetici.Topper in piumaTra le fibre naturali figurano lana, cotone, composizioni miste di questi due, ma anche piuma e piumino d’oca. In generale, le imbottiture di origine naturale sono accomunate da ottime proprietà traspiranti che favoriscono la naturale termoregolazione del corpo ed evitano pertanto l’eccessiva sudorazione notturna. D’altro canto sono però tutte piuttosto soffici ed offrono meno supporto al corpo.Topper in poliestereTra le fibre sintetiche figura in maniera prominente il poliestere che, sebbene sia anch’esso un’imbottitura soffice, non possiede le stesse proprietà traspiranti dei materiali naturali summenzionati. Si può trovare spesso mischiato a lana o cotone.Topper in memory foamMeritano un discorso a parte invece le imbottiture in memory foam e in lattice, due materiali più rigidi rispetto alle fibre e da prediligere qualora il topper ci serva per correggere la durezza o alcuni avvallamenti del materasso. Sia la memory foam, sia il lattice si adattano infatti alle curve del corpo fornendo supporto ed evitando lo sprofondamento.

Rivestimento

Il rivestimento di un topper può essere anche questo realizzato in fibra naturale o sintetica. Si tratta perlopiù di cotone, poliestere o un mix dei due, fermo restando che le caratteristiche rimangono le stesse sopra elencate: il cotone è più traspirante, il poliestere è meno soggetto all’accumulo di allergeni.

Igiene

Tanto le imbottiture, quanto i rivestimenti, indipendentemente dal materiale di cui sono composti, possono ricevere trattamenti antiallergici ed igienizzanti: le piume, ad esempio, possono venire sterilizzate e oliate, mentre tutte le altre fibre possono venire trattate con aloe vera, un antibatterico naturale.Topper in bambùHanno fatto la loro comparsa negli anni recenti anche topper realizzati interamente in fibra di bambù, tanto nelle imbottiture, quanto nei rivestimenti: il bambù è dotato naturalmente di proprietà antibatteriche, pertanto il semplice uso di queste fibre, senza trattamenti aggiuntivi, garantisce un buon livello di igiene.

Le misure dei topper

A differenza di altri articoli “da letto”, quali lo scaldaletto o la traversa igienica, il topper deve combaciare perfettamente con le dimensioni del materasso.
I topper sono disponibili nelle più comuni misure: vi sono modelli a una piazza, due e una piazza e mezza. Poiché le misure non sono perfettamente standardizzate, però, raccomandiamo sempre di misurare preventivamente il proprio materasso al fine di acquistare un topper della misura giusta, evitando di affidarsi unicamente al conteggio delle “piazze”.

Lo spessore

Lo spessore di un topper può andare dai 2 ai 7 cm circa e dipende in primo luogo dal materiale dell’imbottitura e dalla tipologia del topper: i modelli più “correttivi” sono tendenzialmente più spessi e “sodi”, i modelli più orientati al comfort sono in molti casi i più sottili.Topper spesso Sono un’eccezione alla regola i topper in piuma e/o piumino, che rimangono molto cedevoli anche quando il loro spessore è considerevole.

Sistema di fissaggio

È importante che il topper rimanga al suo posto mentre dormiamo, così da garantirci effettivamente il massimo beneficio. Vale allora la pena di considerare come il topper si fissi al materasso, posto che abbia un sistema di ancoraggio: i modelli più pesanti, simili a materassini sottili, si appoggiano semplicemente sopra il materasso e lì rimangono più o meno fermi, in funzione del loro peso e della nostra agitazione notturna.Topper sistema ancoraggioUn topper leggero, orientato più al comfort che alla correzione del materasso, dovrebbe di preferenza avere delle bande elastiche che ne permettano il fissaggio agli angoli del letto. In mancanza di queste raccomandiamo l’uso di un coprimaterasso, magari con zip, per racchiudere materasso e topper in un unico involucro e guadagnare un minimo di stabilità.

Le certificazioni

La certificazione di tessuti e imbottiture utilizzati nella realizzazione di un topper costituisce un valore aggiunto per l’acquirente: vi sono diversi enti di certificazione che garantiscono talune caratteristiche dell’articolo che si va acquistando.

Oeko-Tex

Oeko-Tex è un ente che emette un ventaglio di certificazioni diverse concernenti diversi ambiti della produzione di tessili e pelli. Dall’impatto ambientale alla tossicità dei prodotti utilizzati nella produzione, le certificazioni Oeko-Tex sono riconosciute come blasone di qualità.Topper Oeko-TexUn topper di buona qualità farà sfoggio della certificazione Oeko-Tex Standard 100, che certifica la totale assenza di sostanze tossiche nel prodotto finito.

Certificazioni biologiche

Sono due le principali certificazioni che garantiscono l’uso nella produzione di sole fibre ricavate da coltura organica (parliamo di coltivazione organica del cotone, nel caso dei topper): quella del Global Organic Textile Standard e la certificazione OCS 100 Organic Content Standard.

Materiali riciclati

Le fibre di poliestere e le piume d’oca sono materiali riciclabili e rigenerabili, e le industrie tessili che fanno ricorso a questi materiali dalla “seconda vita” possono sfoggiare alcune certificazioni. Topper Global Recycle StandardQuella del Global Recycle Standard certifica ad esempio l’impiego massiccio di materiali riciclati, non importa che siano sintetici o naturali.

La manutenzione del topper

Non sarà probabilmente un fattore di grande peso nell’orientare la nostra scelta di acquisto, ma è sempre bene prendere atto di come lavare e asciugare un topper. A seconda del tipo di topper saranno diverse le indicazioni per il lavaggio e l’asciugatura, che troverete sempre specificate nell’apposita etichetta.

Lavaggio

Una differenza vistosa tra i topper più leggeri e quelli più pesanti è la possibilità di sfoderare l’imbottitura per lavare separatamente il rivestimento esterno, caratteristica che accomuna diversi dei topper “correttivi” in memory foam o in lattice. Al contrario, i modelli più leggeri e morbidi riempiti di fibra o piuma non sono sfoderabili, ma possono comunque essere lavati a mano o in lavatrice.Topper in lanaIn generale, la temperatura dell’acqua non deve essere alta, a 30 o massimo 40 °C. Le fodere da sole, invece, possono solitamente sopportare temperature più alte (fino a 60 °C), soprattutto se sono in cotone. Nel caso dei topper imbottiti in piuma o piumino si raccomanda di solito l’uso di un ciclo di lavaggio delicato, con centrifuga molto veloce o meglio doppia per estrarre la maggior quantità d’acqua possibile dalle piume.

Asciugatura

Quasi sempre il topper si può asciugare anche in asciugatrice, oltre che naturalmente steso all’aria aperta. In generale, a meno che non si tratti di un articolo realizzato interamente in cotone (imbottitura e rivestimento), è richiesto un ciclo di asciugatura delicato a temperature moderate (in particolare per le fibre sintetiche e per la piuma d’oca).

Le domande più frequenti sul topper

Meglio il topper o il coprimaterasso?

La preferenza per topper o coprimaterasso deve essere dettata naturalmente dai propri desideri e necessità. Se il nostro materasso è in buone condizioni, senza avvallamenti né “bozzi”, ed il suo grado di durezza è quello giusto, allora non abbiamo grandi motivi per prediligere un topper: basterà un coprimaterasso tradizionale per garantire maggiore igiene al nostro sonno.
Se però vogliamo “trattarci bene” aggiungendo calore e morbidezza al nostro materasso, oppure se abbiamo bisogno di “aggiustare” un materasso magari un po’ invecchiato o semplicemente troppo rigido, allora un topper potrà fare sicuramente al caso nostro. L’importante, come già ricordato, è scegliere un topper della misura giusta e dalle caratteristiche adeguate ai nostri desideri: più spesso e “sodo” per correggere un vecchio materasso, più morbido e sottile per aumentare il comfort.

Meglio un topper o un materasso nuovo?

L’azione correttiva del topper, con riferimento in particolare ai topper in memory foam o lattice più spessi, ha comunque i suoi limiti. Dovete capire se un topper possa essere sufficiente a migliorare la qualità del vostro sonno o se non sia semplicemente giunto il momento di cambiare materasso.
Un materasso semplicemente troppo rigido o con un lieve avvallamento può durare ancora qualche tempo semplicemente aggiungendo un topper, ma se si tratta di un materasso ormai molto deformato non ci si può aspettare che l’aggiunta di uno strato morbido metta a posto le cose: meglio evitare in questo caso l’acquisto di un topper e cercare direttamente un nuovo materasso.

Qual è il miglior topper per il mal di schiena?

Precisiamo prima di tutto che, se il vostro medico vi ha prescritto l’uso di un materasso ortopedico per contrastare un problema alla schiena, non vi basterà comprare un topper, ma dovrete acquistare un materasso adeguato (dispositivo medico di classe I). Se questo non è il vostro caso e volete semplicemente migliorare la qualità del vostro materasso senza cambiarlo, allora vi consigliamo di provare uno dei tantissimi topper in schiuma memory oggi disponibili. Grazie alla sua elasticità e deformabilità, infatti, la schiuma memory si adatta perfettamente al corpo e può donare quel tocco di sostegno in più che forse manca al vostro letto. Se volete fare la prova senza spendere molto vi consigliamo il topper correttore di Materassi Russo.

Qual è il miglior topper in piuma?

I topper imbottiti in vera piuma hanno eccellenti proprietà traspiranti e donano eccezionale morbidezza a un materasso eccessivamente rigido. D’altro canto, se migliorano la comodità del letto, non hanno le proprietà elastiche della schiuma memory, pertanto non sono la scelta migliore per appianare un materasso un po’ bitorzoluto. Se consapevoli di queste caratteristiche volete comunque optare per un topper in piuma, il nostro consiglio ricade sul topper Cortina.

Qual è il miglior topper in lattice?

I topper in lattice hanno qualità simili a quelli in schiuma, infatti anche questi sono generalmente schiumati e hanno proprietà viscoelastiche che permettono loro di adattarsi perfettamente al corpo. A differenza della schiuma memory, il lattice è un materiale di origine naturale (ma ne esiste anche una più economica versione sintetica), più traspirante e per sua natura anallergico. Il grande svantaggio, soprattutto per i modelli ad alto contenuto di lattice naturale, è il prezzo consistente. Se siete orientati comunque verso un topper in lattice, noi vi consigliamo lo Star Latex di Geemma.

Quanto costa un topper?

A incidere sul prezzo del topper, oltre alle dimensioni, sono i materiali in cui è realizzato e la presenza o meno di fodera e angoli di fissaggio. Molto indicativamente, questi sono i prezzi che potete trovare online:

  • <100 €: topper in schiuma (memory e non) senza angoli di fissaggio e talvolta senza fodera; topper morbidi in lana o poliestere;
  • 100-180 €: topper in memory foam correttivi, con fodera in fibra naturale e angoli di fissaggio;
  • >200 €: topper morbidi in piuma e piumino d’oca, con fodera in fibra naturale e angoli di fissaggio.

Dove comprare il topper?

Un topper si può acquistare o presso un negozio specializzato in biancheria per la casa, o ancora meglio specificamente per la camera da letto, oppure online, tanto presso i grandi e-store generalisti quanto presso i negozi virtuali delle maggiori marche.


Copyright Klikkapromo srl – È vietato ogni sfruttamento non autorizzato

Domande e risposte su Topper

  1. Domanda di Maria Carmela Di Bernardo | 13.02.2020 09:35

    Buongiorno gradirei sapere se per correggere il dislivello tra due materassi singoli usati come matrimoniale, sia utile il topper.

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 14.02.2020 13:27

      Dipende al dislivello: un topper dello spessore giusto messo sul materasso più basso potrebbe risolvere il problema.