I migliori giradischi vintage del 2021

Confronta i migliori giradischi vintage del 2021 e leggi la nostra guida all'acquisto.

Il migliore

Il miglior rapporto qualità prezzo

Guarda prodotti simili su
And.pe
Autore
Andrea

I nostri consigli per l’acquisto di un giradischi vintage

La digitalizzazione ha portato la maggior parte di noi a usare lettori MP3 e sistemi di streaming come YouTube o Spotify, che hanno ridotto sensibilmente le vendite di CD. Se i compact disc sono rimasti ormai dei prodotti da audiofili, praticamente scomparsi dagli scaffali dei negozi, la diffusione dei vinili è al contrario notevolmente aumentata negli ultimi anni. Sono infatti moltissimi gli artisti che immettono sul mercato riedizioni di vinili ormai fuori catalogo da tempo, o addirittura pubblicano per la prima volta in vinile album storici.Giradischi Vintage I dischi in vinile rappresentano sicuramente un caposaldo del mondo della musica: senza i vinili non esisterebbero le copertine quadrate o il concetto di disco piatto e tondo così come lo conosciamo. La stessa idea di “album” deriva dalle esigenze di spazio dei dischi in vinile, così come il verbo “incidere” un disco.

Che differenze ci sono tra i giradischi vintage e i giradischi moderni?

Attualmente sono presenti sul mercato tantissimi giradischi vintage che strizzano l’occhio allo stile modernista degli anni ’50 e ’60. Il piatto è posto di solito all’interno di una valigetta in legno o in materiale plastico trattato su cui appoggiare il disco. Spesso, il disco vero e proprio sporge dai bordi della valigetta, conferendo all’intero setting un sapore d’altri tempi.Giradischi Vintage da tavolo Questo tipo di giradischi vintage è molto facile da usare e ha le uscite audio incorporate. Inoltre, è spesso possibile collegare altri dispositivi audio alle uscite per ascoltare altra musica.
La differenza sostanziale rispetto ai giradischi standard è che questi vanno collegati a un’uscita audio e spesso vanno anche collegati a un vero e proprio sistema stereo. Esistono sul mercato diversi modelli di giradischi moderni, quelli da DJ tutti in metallo, per esempio, o i piatti con base in materiali pregiati che hanno una qualità audio molto alta e dei componenti di prim’ordine. Altri modelli più semplici invece possono essere collegati direttamente a delle casse. I giradischi vintage sono invece in molti casi dei dispositivi dall’utilizzo immediato che hanno bisogno di pochissime fasi di installazione.

Quando comprare un giradischi vintage?

Un giradischi vintage è una scelta molto comoda sicuramente per molte persone che vogliono un prodotto casual, e questa peculiarità ne ha fatto anche dei prodotti di successo. Molte persone amano il feeling nostalgico di questo tipo di dispositivi, anche riguardo al suono caldo del vinile, invogliati anche dalle riedizioni in vinile dei propri dischi del cuore. C’è da specificare però che i giradischi vintage non sono dei prodotti per audiofili: la maggior parte delle aziende sul mercato dota infatti i prodotti di testine e braccia molto semplici che su alcuni modelli non possono neanche essere sostituite. Anche riguardo alla velocità, sia questa a 33 o a 44 giri al minuto, non ha dei valori costanti e precisi come dei prodotti Hi-Fi. Si aggiungono dei problemi abbastanza generalizzati di speaker deboli con casse di risonanza molto piccole. Uno degli aspetti positivi di questi prodotti è però sicuramente il prezzo, infatti un giradischi vintage a valigetta può costare anche solo 50 €, e il prezzo medio si aggira comunque sempre sui 100 €. Alcuni marchi, come Crosley, hanno dispositivi dalla componentistica migliore a prezzi un po’ più alti. Se siete amanti dello stile rètro o volete fare un regalo originale, un giradischi vintage è sicuramente una buona idea.Giradischi Vintage valigetta Se al contrario amate la qualità audio o volete ascoltare un disco degli anni ’70 così come era stato pensato, vi sconsigliamo questo tipo di prodotto. Potrete però orientarvi su dei piatti con struttura in legno che ricordano comunque lo stile modernista: necessitano di più fasi di installazione ma vi regaleranno il suono caldo del vinile che ricordavate.

Caratteristiche dei giradischi vintage

Testina

La tecnologia dei dischi in vinile ha più di un secolo: a fine ‘800 Edison inventò il primo “fonografo”, diventato poi ufficialmente “grammofono” all’inizio del ‘900. La tecnologia utilizzata è semplice: un disco di PVC viene inciso con una rotazione continua e i solchi lasciati sul disco vibrano in base a una sorgente audio. Passando sui solchi una testina collegata a un amplificatore, l’audio inciso viene quindi restituito in maniera molto fedele. Le testine di un giradischi sono quindi i componenti più importanti e delicati, vanno pulite regolarmente o cambiate nel corso degli anni. I giradischi vintage hanno quasi tutti installati dei componenti di produzione cinese che integrano il piatto e la testina nello stesso elemento in plastica, inserito poi in un case generalmente in legno.Giradischi Vintage braccio Sul mercato esistono prodotti cinesi di altissima qualità, ma questo tipo di componentistica non è sicuramente tra le migliori, considerando anche il prezzo finale molto basso di questi prodotti. Tutti i modelli di giradischi vintage hanno inoltre tre velocità standard per leggere i dischi a 33, 45 e 78 giri.

Casse integrate

Tra i vantaggi di questo tipo di prodotto è sicuramente la possibilità di ascoltare direttamente il vostro vinile preferito senza dover collegare l’unità piatto a delle casse o a un impianto di amplificazione o preamplificazione che elabori l’uscita audio. Considerate anche che gli stereo classici, sebbene in disuso, garantiscono una qualità audio molto alta ma alcuni vanno anche montati in modo adeguato, anche con i classici cavi RCA o PHONO. Avere quindi delle casse integrate consente sicuramente un uso immediato e anche molto casual che gli utenti meno esigenti apprezzeranno notevolmente. Va specificato che queste casse non sono di alta qualità, quindi non potrete ricercare un suono high fidelity nei modelli di giradischi vintage. Esistono però sul mercato alcuni modelli più elaborati e dal prezzo più elevato che hanno anche casse esterne di facile connessione.

Connettività

I giradischi vintage hanno molti tipi diversi di connessioni, che li rendono dei prodotti tecnologici e versatili:Giradischi vintage connettività

  • Uscita AUX con jack da 3,5 mm: per collegare il vostro dispositivo a delle cuffie;
  • Uscita RCA: vi consente di collegare il dispositivo a delle casse classiche;
  • USB: potrete sia ascoltare brani salvati in MP3 sia registrare il vinile in MP3;
  • Bluetooth: per collegare il giradischi ad altri dispositivi come cuffie Bluetooth, speaker Bluetooth o ascoltare una playlist del vostro smartphone;

Funzionalità aggiuntive

Seguendo il filone della nostalgia, alcuni giradischi vintage, specialmente quelli più costosi, hanno a disposizione una varietà di funzioni che accontenta tutti. Questo tipo di modelli sono più ingombranti e somigliano a dei veri e propri mobiletti, con case in legno o laminato dall’effetto anticato. Ecco le funzioni extra più comuni:

  • Radio FM: la radio AM/FM integrata è sicuramente un bella idea, in un’epoca di podcast e tutorial su YouTube;
  • Lettore e masterizzatore CD: iniziano a sparire nelle case e dai computer, quindi diventa un accessorio molto utile per ascoltare le vecchie collezioni. A maggior ragione, masterizzare un intero vinile o una cassetta su Compact Disc è una funzionalità utilissima;

Giradischi Vintage Lettore CD

  • Lettore cassetta: molti di noi hanno ancora molte cassette che vorrebbero ascoltare, e sebbene sia anche questo un mercato che è tornato in voga negli ultimi anni, avere un lettore a disposizione non è facilissimo.

Design

Il punto di forza dei giradischi vintage è sicuramente il design rétro. Negli ultimi anni, complici anche serie televisive e film, lo stile modernista e mid-century modern, elegante, dalle linee semplici e dai molti legni scuri, è tornato di moda.Giradischi Vintage design Molti dei giradischi vintage sono disponibili in una grande varietà di case esterni: i giradischi con piedi sono dei veri mobiletti indipendenti e ricordano molto i tavolini degli anni ’60, i giradischi a valigetta hanno un sapore hipster e possono essere invece inseriti in qualsiasi ambiente, dalle brasserie di Montmartre a quelle della Swinging London. Le finiture interne in velluto e quelle esterne in finta pelle o legno in tinte calde e colori pastello li hanno resi nel tempo dei piccoli oggetti di culto, tra cui spiccano quelli di marca Crosley, molto belli da vedere ed esporre.Giradischi Vintage con gambe I giradischi vintage con mobile sono disponibili anche in versioni ironiche rockabilly, perfette per un diner stile americano. Esistono ovviamente in stile modernista o in declinazione anni ’20 à la Grande Gatsby.

Le domande più frequenti sui giradischi vintage

Di che manutenzione ha bisogno un giradischi vintage?

Come abbiamo detto, la testina dei giradischi è tra le parti più importanti e delicate, sia per la qualità audio ma anche per non rovinare i vostri vinili. Considerate che un vinile costa attualmente sui 20-25 €, mentre questi prodotti hanno un prezzo di anche solo 50 €. Queste sono le più comuni operazioni di manutenzione:

  • Pulire la testina: la testina può essere pulita con spazzole antistatiche che rimuovono la carica negativa che attrae la polvere che si inevitabilmente si appoggia col tempo sui solchi. I prodotti specifici e i panni per i vinili andranno bene anche per la pulizia della testina;
  • Sostituire la testina: operazione che può essere effettuata sulla maggior parte dei modelli di giradischi vintage ma non su tutti, è comunque consigliata dopo molti anni di utilizzo;

Giradischi Vintage testine

  • Calibrazione e allineamento: queste operazioni di manutenzione classica della testina non sono sempre possibili sui giradischi vintage, dovrete cercare di trattare il prodotto con la maggior cura possibile affinché il braccio rimanga nella corretta posizione nel tempo.

Come pulire un disco in vinile?

Esistono diversi metodi per pulire un disco in vinile, ricordate che il PVC è un materiale abbastanza delicato che si deforma col calore ed è sensibile ai troppi maneggiamenti e ai graffi. Inoltre, la pulizia del disco e della testina influenza direttamente la qualità del suono. Ecco quindi alcuni accorgimenti su come pulire al meglio i vostri vinili:

  • Panno antistatico: panni in microfibra antistatici che rimuovono la polvere e la carica negativa, quindi il materiale non attrarrà più il pulviscolo;
  • Spazzole antistatiche: per le pulizie periodiche, si poggiano sul disco e viene messo in moto il piatto;
  • Rulli adesivi: sono attrezzi specifici che fanno attaccare la polvere presente tra i solchi;
  • Detergenti specifici: in commercio ci sono diversi prodotti professionali pensati per pulire i dischi. Si tratta di soluzioni a base d’alcol, acqua distillata e agenti antistatici, sono spesso venduti in kit di pulizia con spazzola e panno. Consigliati per lo sporco più ostinato o per la semplice manutenzione;
  • Acqua tiepida e sapone: ricordate che i vinili sono molto delicati, si graffiano facilmente e naturalmente assorbono polvere, quindi ricorrete a questa opzione solo come extrema ratio. Fate attenzione a non bagnare l’etichetta e non utilizzate acqua calda, deformerebbe il PVC irrimediabilmente;
  • Pulizia con colla per legno: diventata virale in rete negli ultimi anni, solo per utenti realmente coraggiosi. Fate una prova su un vecchio vinile rovinato.

Inoltre, dotatevi di una lente di ingrandimento: vi tornerà utile per pulire con cura piccoli graffi o macchie di polvere tra i solchi.

Dove comprare giradischi vintage e dischi in vinile?

Giradischi vintage

Sono facili da trovare ai link che vi abbiamo suggerito in cima alla pagina, e questo è forse il metodo più facile, dato che non tutti i negozi ne hanno a disposizione. I giradischi standard possono essere ordinati online, ma andare in un negozio di dischi o in un grande magazzino ad ascoltare direttamente la qualità audio della macchina o a chiedere consiglio può rivelarsi una buona idea.
Sappiate che modelli diversi si adattano meglio a generi musicali diversi: principalmente le due grandi categorie sono musica elettronica, e dovrete orientarvi verso dei piatti da DJ, e musica classica, che ha standard di ascolto elevati e generalmente molta attenzione verso gli alti. Considerate che se acquistate uno stereo standard con piatti, amplificatore e casse, vi verrà probabilmente installato a casa dal rivenditore della vostra città. Se invece già ve ne intendete o volete cimentarvi con qualche tutorial, potete tranquillamente ordinare online il vostro giradischi vintage.

Dischi in vinile

Potrete acquistare online moltissimi titoli, controllate però le pagine web dei vostri artisti preferiti, perché sicuramente avranno disponibili delle edizioni limitate dei vostri album preferiti, non sempre disponibili sugli aggregatori online. Inoltre, i vinili sono diventati quasi degli oggetti d’arredo, infatti vengono spesso incorniciati utilizzando apposite cornici su misura. I dischi in vinile si trovano nei negozi di musica, online, e ultimamente anche dai rivenditori di sneakers alla moda e nelle catene di abbigliamento fast fashion.Giradischi vintage dischi in vinile

Sono tre i “formati” che potrete trovare, a seconda della velocità necessaria alla riproduzione:

  • 33 giri: chiamati LP, ovvero Long Playing, sono gli album veri e propri. Di grosso formato, sono ormai abbastanza facili da reperire, anche in edizioni limitate colorate, trasparenti o illustrate chiamate picture disc;
  • 45 giri: ovvero i singoli, di formato più piccolo, oppure concept album in formato EP, Extended Play. I singoli contengono in genere due canzoni, una per lato, relegando la seconda canzone al ruolo di B-side, di solito non pubblicata sull’album. Per questo motivo sono molto ricercati dai collezionisti e vengono prodotti tutt’ora, ma in quantità molto limitate. Potete trovarli online o nei negozi di dischi;
  • 78 giri: sono i dischi prodotti fino al 1940, leggibili con i vecchi fonografi. Gli attuali giradischi vintage hanno fortunatamente anche questo setting di velocità. Sono quasi sempre dischi di musica classica o popolaresca, discorsi e musical, sono molto rari e difficili da trovare.

I dischi in vinile possono avere dei prezzi molto alti, specialmente nel mercato del collezionismo: potreste avere dei veri tesori nella vostra collezione senza neanche saperlo. Vista la semplicità di questo tipo di macchinari, evitatene l’uso con dischi antichi, preziosi o costosi: c’è il rischio di graffi e danni irreparabili a causa delle testine di bassa qualità e dei bracci poco precisi.


Copyright Klikkapromo srl – È vietato ogni sfruttamento non autorizzato

Quali sono i migliori giradischi vintage del 2021?

La tabella dei migliori giradischi vintage del 2021 scelti dalla redazione di QualeScegliere.it

Prodotto Prezzo
migliore
Recensione
Digitnow! M422 64,99 € Recensione
Majestic TT-27 BT USB REC 44,90 € Recensione
Voksun C200
nessuna offerta
Recensione
Victrola Empire 199,90 € Recensione
Crosley Bermuda 326,00 € Recensione

Giradischi: gli ultimi prodotti recensiti

Ecco i migliori due prodotti della categoria.

8 visitatori su 10 approfittano di queste offerte.

Il migliore

Sony PS-HX500

Migliore offerta:447,69€

Il miglior rapporto qualità prezzo

Pioneer PLX-500

Migliore offerta:299,99€