Le migliori cuffie del 2018

Confronta le migliori cuffie del 2018 e leggi la nostra guida all'acquisto.
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa

5 Fattori decisivi per la scelta delle cuffie

1. Prestazioni

Le cuffie over-ear o circumaurali coprono interamente l’orecchio (incluso il padiglione auricolare) e si appoggiano sui lati della testa con ampie imbottiture. Sono più grandi e pesanti rispetto alle on-ear, ma permettono un migliore isolamento dai rumori esterni e quindi un comfort maggiore nell’ascolto.
esempio cuffie over ear
Trattandosi di strumenti pensati soprattutto per permettere un ascolto musicale di qualità, il primo fattore che suggeriamo di prendere in considerazione nella scelta è senza dubbio quello relativo alle prestazioni. Nella valutazione delle prestazioni di un modello suggeriamo di considerare alcuni parametri, che sono il range di frequenze coperte, il valore dell’impedenza, la sensibilità e la dimensione del driver. Vediamoli nel dettaglio uno per uno.

Frequenza

L’orecchio umano può percepire suoni nell’intervallo di frequenze comprese all'incirca tra i 20 Hz e i 20 KHz, anche se ricordiamo sempre che la sensibilità acustica è soggettiva e può subire dei cali causati da traumi acustici, malattie e dal progressivo avanzare dell’età.
Le cuffie in commercio coprono lo spettro delle frequenze percepibili dall’orecchio umano, ma possono avere un range ancora maggiore. Infatti vi sono cuffie che producono onde acustiche a frequenze come infrasuoni e ultrasuoni: tali suoni, pur non essendo udibili, garantiscono una maggiore fedeltà di riproduzione e quindi giocano un ruolo importante nel definire la qualità del suono.
Delle cuffie di discreta qualità in linea di massima hanno una risposta in frequenza compresa tra 5 e 30 KHz.

Impedenza

Anche l’impedenza è un parametro molto importante da considerare, perché è un valore indicativo di quanto risulta “pulito” il suono riprodotto: in termini tecnici esprime la resistenza di una bobina nell’essere attraversata da un campo elettromagnetico a corrente alternata, e nel caso particolare delle cuffie si tratta della resistenza incontrata dal segnale elettrico prima di essere convertito in onda sonora.
Il valore dell'impedenza varia molto da prodotto a prodotto: i valori di riferimento delle cuffie over-ear sono superiori rispetto a quelle di altre tipologie, e vanno infatti da un minimo di 24 Ohm fino anche ad un massimo di 600 Ohm.
Maggiore sarà il valore dell’impedenza, cioè  inferiori saranno le distorsioni del suono, e dunque più precisa e pulita sarà la resa.
D'altra parte, a parità di volume di uscita dalla sorgente, le cuffie con impedenza maggiore riprodurranno un suono più attenuato, ma di qualità nettamente superiore perché filtrato maggiormente dal circuito delle cuffie. Per questo motivo le cuffie ad elevata impedenza possono essere potenziate con un amplificatore che consenta di alzare il volume. Al contrario, con una impedenza minore, sarà possibile un ascolto anche a volumi alti, a scapito però della fedeltà e della qualità del suono.

Driver

Il driver è il piccolo altoparlante contenuto del padiglione delle cuffie. Normalmente nelle cuffie comuni i driver sono al massimo due, uno per lato. Nelle cuffie di fascia molto alta si possono trovare anche due driver per lato: uno dedicato ai toni bassi e uno per i toni medi e alti.
L’aspetto a cui prestare attenzione per il driver è la loro dimensione: maggiore è il diametro, migliore sarà la qualità di riproduzione. Il diametro consigliato dei driver per le cuffie over-ear è compreso tra un minimo di 30 a un massimo di 50 mm.
Nella foto qui sotto vediamo un particolare dell'interno della cuffia, e al centro è visibile il driver.
interno padiglione

Sensibilità

Ulteriore aspetto significativo per valutare le prestazioni delle cuffie è la sensibilità: essa indica il volume di uscita del suono in decibel (dB). I valori più comuni per le cuffie over-ear in commercio sono intorno ai 100 dB, una media quindi non particolarmente alta ma compensata dall'isolamento acustico che questo tipo di cuffia solitamente garantisce.

2. Design acustico

Il secondo fattore che riteniamo importante da considerare nella valutazione delle cuffie è quello relativo al loro design acustico.
In particolare, per la valutazione del design acustico delle cuffie ha particolare rilevanza la dinamica, perché influenza la qualità della riproduzione musicale ma anche il tipo di situazione in cui è possibile fare uso delle cuffie.
Le cuffie a dinamica chiusa non presentano fori sul retro dei padiglioni e sono quindi completamente chiuse: permettono quindi di isolare molto bene dai rumori esterni (a livello di isolamento questa è senza dubbio la tipologia migliore), e allo stesso tempo limitano l’uscita del suono in senso opposto. Sono quindi particolarmente adatte all’uso in ambienti dove è necessario non disturbare o in ambienti rumorosi.
Al contrario le cuffie a dinamica aperta sono dotate di aperture sul retro dei padiglioni e consentono così una maggiore naturalezza di ascolto: di norma sono considerate di qualità superiore, dal momento che non si crea una "camera acustica" in cui il suono può in qualche misura rimbombare. Facciamo però notare che i suoni possono essere percepiti da chi vi circonda. Le cuffie a dinamica aperta sono maggiormente indicate per l’uso domestico, se avete un ottimo impianto e desiderate una riproduzione musicale ad alta fedeltà.
Esiste poi un terzo tipo di dinamica, quella semiaperta, che, come suggerisce il nome stesso, è una sorta di via di mezzo tra le altre due: cuffie di questo tipo lasciano quindi penetrare in parte rumori esterni ma non quanto le cuffie di tipo aperto.

3. Struttura

Passiamo ora al terzo fattore da considerare nella scelta, quello relativo agli aspetti strutturali delle cuffie.
Come anticipato in precedenza, la struttura delle cuffie over-ear si distingue dalle altre tipologie per le dimensioni importanti dei padiglioni che coprono interamente l’orecchio esterno, e che sono rivestiti con un ampio e morbido cuscinetto che garantisce un miglior comfort e isolamento acustico rispetto, per esempio, alle cuffie on-ear.
La struttura delle cuffie over-ear risulta piuttosto semplice e robusta: infatti i costruttori privilegiano la qualità di riproduzione del suono rispetto a particolarità strutturali come eventuali controlli e pulsanti per le funzioni aggiuntive (regolazione del volume, accensione, spegnimento...), così come di accessori quali custodie e parti di ricambio.
In particolare suggeriamo di valutare l’archetto. Il modo in cui l'archetto può adattarsi e calzare teste di diverse dimensioni sarà trattato in un'altra sezione, qui ci occupiamo invece dei vantaggi che può offrire un archetto quando le cuffie non vengono utilizzate. In alcuni casi infatti l'archetto è particolarmente flessibile, o presenta degli snodi tramite i quali le cuffie sono ripiegabili e quindi risultano meno ingombranti da conservare o trasportare.
Anche il sistema di uscita del cavo va valutato: il cavo può uscire da entrambi i padiglioni delle cuffie (in questo caso si chiama bilaterale) o da uno solo. Se si intende usare le cuffie durante spostamenti in città o in viaggio, sarà consigliabile la seconda variante con il cavo su un lato solo, perché risulta più comodo e facile da gestire in movimento.
Solitamente le cuffie in commercio presentano un cavo fisso, ma si possono trovare dei modelli, come quello in foto qui sotto, il cui cavo può essere rimosso ed eventualmente sostituito con uno di diversa qualità o lunghezza. In certi casi, a proposito, si trovano anche cavi di ricambio annessi.
cavo rimovibile

4. Comfort

Poiché le cuffie over-ear sono particolarmente pesanti e ingombranti, il comfort risulta di grande importanza per la scelta. Con questo termine intendiamo quindi tutti gli accorgimenti ergonomici e anche alcune funzioni aggiuntive accessorie che rendono appunto l'uso pratico delle cuffie confortevole anche per periodi prolungati. La caratteristiche ergonomiche principali riguardano il peso e le dimensioni delle cuffie, il tipo di imbottiture, le regolazioni disponibili e il tipo di cavo. Vediamo ora questi elementi nel dettaglio.

Peso e dimensioni

Abbiamo già detto che le cuffie over-ear sono cuffie che puntano ad offrire una buona qualità del suono, a scapito però di peso e dimensioni: talvolta possono essere meno pratiche rispetto alle cuffie on-ear, in particolare nell’uso prolungato e fuori casa. Vi segnaliamo infatti che una buona cuffia over-ear relativamente leggera può avere un peso di circa 200 g.

Imbottiture

L’imbottitura può essere presente sia sui padiglioni che sull’archetto, ed è ovviamente fondamentale per determinare la vestibilità delle cuffie.
L’imbottitura sui padiglioni svolge un ruolo fondamentale per attutire la pressione esercitata dalla cuffia sui lati della testa, per questo è necessario che i materiali impiegati a contatto con la pelle siano veramente morbidi, confortevoli e che, possibilmente, non facciano sudare. A questo proposito segnaliamo che per chi porta gli occhiali le cuffie over ear potrebbero risultare scomode, esercitando una pressione sulle stanghette dietro le orecchie che alla lunga può dare fastidio.
L’imbottitura può essere presente anche sull’archetto: costituisce un elemento di peso ed ingombro in più, ma contribuisce ad alleviare la pressione della cuffia, e la sua presenza è particolarmente rilevante per chi ha pochi capelli.
In alcuni casi le imbottiture, sia quelle dei padiglioni che quella dell'archetto, possono essere rimosse e lavate o sostituite con altre.
Nella foto sottostante potete vedere un esempio di cuffia con imbottitura su archetto e su padiglioni.
cuffie imbottitura

Regolazione

Per regolazione si intende la possibilità di adattare le cuffie alla forma della vostra testa: è un aspetto importante, soprattutto per coloro che fanno un uso prolungato delle cuffie. Consigliamo quindi di fare attenzione alla possibilità e al tipo di regolazione delle cuffie: in particolare all’ampiezza dell’archetto e alla presenza di padiglioni tiltanti. Questi ultimi in particolare sono in grado di muoversi e seguire perfettamente la forma del capo, così da fare aderire perfettamente l'imbottitura alla testa e garantire la massima comodità.
Qui di seguito potete vedere un esempio di archetto allungato:
archetto aperto
Mentre in questa foto l'archetto è chiuso:
archetto chiuso

Cavo

Per quanto riguarda il tipo di cavo, gli aspetti essenziali da considerare dal punto di vista del comfort sono la lunghezza e se il cavo è antigroviglio.
Nella valutazione della lunghezza del cavo consigliamo di considerare ancora una volta il luogo in cui prevedete di utilizzare le cuffie e la distanza a cui pensate di mantenervi rispetto al dispositivo a cui le volete collegare: in alcuni casi, come per l’ascolto musicale domestico, sarà infatti preferibile scegliere delle cuffie con un cavo relativamente lungo o, in alternativa, considerare la possibilità di una prolunga.
Al contrario, se si ascolta la musica fuori casa o in viaggio, sarà preferibile un cavo meno ingombrante e più corto, di lunghezza approssimativa di 1 m. Nel caso particolare in cui prevediate di usare le cuffie fuori casa, poi, consigliamo di scegliere delle cuffie dotate di un cavo piatto antigroviglio.
lunghezza cavo
Esempio di cavo piatto:
particolare del cavo

Funzioni aggiuntive

Per la tipologia di cuffie over-ear, restano leggermente in secondo piano le funzioni aggiuntive accessorie, che sono infatti da valutare a discrezione dei gusti personali dell’utente: facciamo notare ancora una volta che le migliori cuffie over-ear sono progettate esclusivamente per far bene il loro lavoro, senza offrire particolari funzioni aggiuntive.
Per quanto riguarda le funzioni aggiuntive che è possibile trovare sulle cuffie, segnaliamo la presenza di eventuali comandi (per esempio regolazione volume, play, pausa, ricerca traccia), e può essere interessante valutare il loro posizionamento, visto che possono trovarsi direttamente sui padiglioni delle cuffie o sul cavo.

5. Accessori e ricambi

L’ultimo fattore che suggeriamo di considerare è quello inerente agli accessori e ai ricambi, facendo un dovuto distinguo tra gli aspetti che li caratterizzano.

Accessori

Indubbiamente gli accessori possono apportare un valore aggiunto, ma non costituiscono un elemento indispensabile per la qualità intrinseca delle cuffie.
Alcuni degli accessori più comuni che si possono trovare in dotazione (o che sono acquistabili separatamente) sono ad esempio custodie rigide o morbide e adattatori jack:

  • Custodia: se portate le cuffie fuori casa, può essere di grande comodità, perché permette di proteggerle da eventuali urti e dall’usura a contatto con altri oggetti nella borsa qualora voleste riporvele. Se da una parte le custodie rigide garantiscono una migliore protezione, quelle morbide sono meno ingombranti
  • Adattatore jack: se volete usare le vostre cuffie over-ear con tutti i dispositivi in vostro possesso, gli adattatori jack possono essere la soluzione migliore, in particolare quelli placcati in oro, che assicurano una connessione di alta qualità

Jack da 3,5 mm e adattatore da 6,3 mm

Parti di ricambio

Al contrario, la possibilità di reperire ed acquistare parti di ricambio contribuisce a definire la qualità di un prodotto, dal momento che è così possibile provvedere efficacemente alla manutenzione delle cuffie e a garantirne una lunga durata nel tempo. Parliamo in questo caso di imbottiture e cavi di ricambio. Vediamo perché li consideriamo importanti:

  • Imbottiture di ricambio: alcuni produttori le mettono a disposizione, sia per i padiglioni che per l’archetto, sono particolarmente utili se le imbottiture standard presentano segni di usura tali da compromettere la comodità, se non addirittura il corretto funzionamento delle cuffie (ci riferiamo in particolare all'isolamento acustico)
  • Cavi di ricambio: anche la presenza in dotazione di cavi di ricambio può essere decisiva nella scelta delle cuffie. Per esempio vi sono modelli che hanno la possibilità di rimuovere il cavo e di sostituirlo con uno di lunghezza diversa: quindi le stesse cuffie potranno essere usate sia a casa, con un cavo più lungo, che fuori casa, con un cavo più corto e quindi più comodo per gli spostamenti. Vi sono poi cuffie che hanno in dotazione anche un cavo a spirale: questa tipologia garantisce il minor ingombro, pur senza compromettere la lunghezza

Alla luce di quanto visto, possiamo dire che gli accessori e le parti di ricambio permettono quindi di personalizzare le vostre cuffie in base alle vostre particolari esigenze.

Altri fattori da tenere in mente per la scelta delle cuffie

I materiali sono importanti?

Nella scelta delle cuffie anche i materiali meritano una particolare considerazione. Facciamo innanzitutto notare che le cuffie si usano a contatto con la pelle e sulla testa, parte del corpo particolarmente delicata e talvolta soggetta a disturbi come emicranie, che possono essere causate anche da un'eccessiva pressione esercitata, appunto, dalle cuffie. Per questo motivo richiamiamo nuovamente l’attenzione sul ruolo svolto dalle imbottiture in termini di comfort. Nello specifico dei materiali impiegati per le imbottiture, potrete trovare la similpelle, la pelle e tessuti sintetici. Le imbottiture in similpelle sono soggette più facilmente ad usura e possono risultare fastidiose soprattutto in estate e se usate a lungo. L’alternativa più durevole è la pelle, ma questo materiale ha solitamente costi molto elevati. Un buon compromesso tra qualità e prezzo è invece costituito dal tessuto sintetico, sia per la durata che per la comodità a contatto con la pelle.
Inoltre i materiali utilizzati influiscono notevolmente anche sulla robustezza e durevolezza dei vari componenti. Nella maggior parte dei casi il telaio delle cuffie è costruito in materiali plastici, che possono risultare molto più leggeri, ma anche più fragili dei metalli. Riteniamo che la soluzione migliore sia un telaio in plastica con inserti o componenti metallici nei punti critici come ad esempio gli attacchi ai padiglioni.

La marca è importante?

Le specifiche tecniche di una cuffia sono importanti, ma non sono sempre la condizione sufficiente per garantire la qualità del suono riprodotto. Molto spesso la lunga esperienza di un marchio nel campo di ricerca riesce veramente a fare la differenza. Le case più importanti e rinomate basano infatti la qualità dei loro prodotti sul progressivo e veloce perfezionamento delle tecnologie, dando ai clienti la possibilità di usufruire di prodotti sempre più perfezionati. Vi segnaliamo alcuni dei migliori produttori di cuffie over-ear di elevata qualità Sennheiser, Audio TechnicaSony, Pioneer. Naturalmente è possibile trovare buoni prodotti anche di marche minori e meno note, ma per le ragioni sopraelencate, e per la maggiore reperibilità di assistenza in caso di bisogno, suggeriamo di affidarsi sempre ad aziende note nel settore.

Il prezzo è importante?

Il prezzo può essere un fattore indicativo della qualità del prodotto, essendo le cuffie spesso il frutto di studi e ricerche tecnologiche. Al tempo stesso è però importante notare che i prezzi elevati di alcuni marchi di moda possono dipendere in varia misura anche da strategie di mercato e dal design proposto, più che dall'alta qualità della riproduzione musicale offerta. Se siete audiofili e quindi ritenete fondamentale l’alta qualità di ascolto, dovrete necessariamente orientarvi verso l'acquisto di un paio di cuffie di alta gamma, in caso contrario potrete accontentarvi di un prodotto più modesto, ma dai costi più contenuti. La combinazione tra consapevolezza delle vostre necessità e conoscenza delle specifiche tecniche delle cuffie vi aiuterà nella scelta. Vi indichiamo qui sotto le fasce di prezzo e le relative specifiche tecniche presenti sul mercato:

  • Fascia di prezzo bassa: massimo 35 €, senza dotazioni particolari, driver 30-40 mm, massimo 50 Ohm
  • Fascia di prezzo media: 50-150 €, driver 40-45 mm, circa 50 Ohm
  • Fascia di prezzo alta: più di 200 €, con eventuali parti di ricambio, 2 driver 40-50 mm, più di 50 Ohm

Quali sono le migliori cuffie del 2018?

La tabella delle migliori cuffie del 2018 scelte dalla redazione di QualeScegliere.it

Prodotto Prezzo
migliore
Recensione
8,8 Sennheiser HD650 333,00 € Recensione
8,1 Audio Technica Pro ATH-M50X 129,00 € Recensione
7 Sennheiser HD201 29,69 € Recensione
7,2 Pioneer SE-M631TV 28,10 € Recensione
8 Sony MDR-100AAP 88,00 € Recensione

Cuffie: tutti i prodotti recensiti

Domande e risposte su Cuffie

  1. 0
    Domanda di Dario | 12 agosto 2017 at 17:32

    Buongiorno..avrei bisogno di un paio di cuffie buone e allo stesso tempo di un oggetto con i padiglioni grandi.Sapreste darmi 2 o tre modelli buoni?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 11 settembre 2017 at 09:56

      Sia le Sennheiser HD650 che le Sennheiser HD201 hanno padiglioni di grandi dimensioni. Ovviamente sono prodotti di facia molto diversa: se cerchi un’ottima qualità del suono le Sennheiser HD650 sono una buona scelta.

"Cuffie": hai dubbi? Facci una domanda!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecco i migliori tre prodotti della categoria.

8 visitatori su 10 approfittano di queste offerte.

Le migliori

Sennheiser HD650

Miglior prezzo: 333,00€

Il miglior rapporto qualità prezzo

Audio Technica Pro ATH-M50X

Miglior prezzo: 129,00€

Le più vendute

Sennheiser HD201

Miglior prezzo: 29,69€