I migliori giradischi del 2018

Confronta i migliori giradischi del 2018 e leggi la nostra guida all'acquisto.
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa

5 Fattori decisivi per la scelta del giradischi

1. Qualità del suono

I giradischi sono dispositivi che continuano ad esercitare un fascino particolare su tutti gli appassionati della musica, perché permettono di godere un repertorio che spazia da registrazioni storiche ormai rarissime fino ad arrivare alle hit più recenti. Diversamente dai moderni supporti digitali, sempre più compatti e semplici da utilizzare anche per gli utenti meno esperti, i giradischi sono strumenti meccanici molto complessi, che da un lato richiedono una maggiore cura e attenzione, ma dall'altro offrono un'esperienza unica per i veri audiofili. Prima di analizzare i fattori da prendere in considerazione per l'acquisto di un giradischi, cerchiamo di comprenderne brevemente il funzionamento.Giradischi qualità suono

Come funziona un giradischi?

I giradischi non fanno altro che far ruotare un disco in vinile a velocità costante, trasformando in segnali elettrici i dati contenuti nei piccoli solchi presenti sulla superficie del disco. Ecco le principali componenti di questi dispositivi:

  • Base: è la struttura portante di tutto il giradischi. È fondamentale che sia solida, dato che da questa dipendono in una certa misura le vibrazioni a cui viene sottoposto il dispositivo, che potrebbero influire negativamente sulla qualità della riproduzione;
  • Piatto: è la parte su cui vengono posizionati i vinili, che ruota grazie a un motore;

Giradischi piatto

  • Tappetino (mat): costruito con materiali antiscivolo, viene appoggiato sul piatto e permette di diminuire le vibrazioni e le interferenze durante la riproduzione, oltre a garantire una maggiore stabilità alla velocità di rotazione del disco;
  • Perno di centraggio: è una piccola sporgenza al centro del piatto, che va inserita nel foro presente in tutti i dischi. Fa parte dell'albero motore e permette di mantenere il vinile perfettamente centrato rispetto al piatto stesso;
  • Braccio: è un'asta mobile, di norma in alluminio, che sostiene la testina del giradischi e viene posizionata sopra i vinili per permetterne la riproduzione. Ne esistono di diverse forme e lunghezze, che possono influenzare in parte anche il costo finale del prodotto;

Giradischi braccio

  • Portatestina (headshell): spesso confuso con la testina, è in realtà il suo supporto, che permette di connetterla al braccio del giradischi. Va notato che non è presente in tutti i modelli di giradischi;
  • Regolatore di velocità: a seconda del disco che si vuole ascoltare, la velocità del giradischi deve essere regolata correttamente. Di solito si tratta di un'operazione estremamente semplice, dato che è sufficiente premere un pulsante corrispondente al formato preferito (per esempio 33 o 45 giri).

A seconda del modello e della fascia di prezzo si possono ovviamente trovare svariate componenti aggiuntive, come l'antiskating o il pitch di controllo, la cui importanza è relativa a seconda dell'uso che si vuole fare del giradischi e dell'esperienza pregressa del singolo utente con dispositivi audio di alto livello.

Le specifiche tecniche più importanti

Molti ritengono che il vinile assicuri una qualità del suono di gran lunga superiore rispetto ai file digitali, dato che questi vengono compressi più volte per far sì che occupino meno spazio possibile. Questo è vero soprattutto per le tracce caricate su servizi di streaming online (come per esempio Spotify), ma va ricordato che non si tratta di una regola generale che vale per qualunque file digitale, così come non tutti i vinili vengono registrati seguendo standard qualitativi particolarmente alti.
Al di là della qualità dei singoli dischi, esistono comunque alcune caratteristiche tecniche di base che vanno prese in considerazione prima dell'acquisto di un giradischi, dato che possono offrire informazioni importanti sulla riproduzione del suono. Vediamo le principali.

Giradischi testina

S/N Ratio: il rapporto segnale-rumore

S/N Ratio è un'abbreviazione che sta per "signal to noise ratio", ovvero "rapporto segnale-rumore". In sostanza, questo valore misurato in decibel indica la proporzione che lega il livello del segnale audio e quello del rumore di sottofondo, traducendosi dunque in un dato fondamentale per comprendere la qualità della riproduzione musicale. In questo caso, più alto è il valore del rapporto segnale-rumore, migliore sarà la qualità del giradischi, dato che la musica risulterà prevalente rispetto a ronzii e interferenze del segnale. Per un risultato di alta qualità, si consigliano modelli con un S/N Ratio superiore ai 65 dB.

Wow and Flutter: la variazione di velocità

Wow and Flutter è un termine inglese correntemente utilizzato anche in italiano per indicare, nello specifico, quanto è accurata la rotazione del disco. Considerando che sono sufficienti delle minime variazioni di velocità per abbassare anche di molto la qualità della riproduzione audio, è fondamentale che il giradischi possa garantire la maggior precisione possibile. In questo caso, più basso è il dato del Wow and Flutter, migliore sarà il prodotto: consigliamo generalmente di scegliere dispositivi con un valore inferiore allo 0,25%.

2. Caratteristiche di riproduzione

Un secondo fattore da considerare nella scelta del giradischi ideale riguarda varie caratteristiche legate alla riproduzione dei vostri vinili. Ecco i dati principali a cui prestare attenzione:Giradischi riproduzione

  • Velocità: la velocità di riproduzione dipende dal singolo disco che si intende ascoltare. I più diffusi sono i 33 giri al minuto (o per essere più precisi 33 e 1/3), conosciuti anche come LP, e i 45 giri al minuto, utilizzati soprattutto per commercializzare i singoli discografici. Questi due formati sono generalmente supportati dalla grandissima maggioranza dei giradischi, anche di fascia economica. Più rari sono invece i modelli che offrono anche la possibilità di riprodurre i 78 giri al minuto, o EP, per cui di solito è necessario dotarsi di una particolare testina in grado di leggere correttamente le tracce di questo formato. È dunque importante verificare la propria collezione di vinili prima di scegliere un determinato prodotto;
  • Preamp (preamplificatore phono): per poter ascoltare un vinile non è sufficiente possedere un giradischi, ma è indispensabile anche un sistema di amplificazione che consenta di raggiungere un volume sufficiente per potersi godere l'ascolto. Alcuni modelli di giradischi dispongono di un piccolo amplificatore integrato, la cui qualità tuttavia non può essere comparata a dispositivi esterni dedicati specificamente a quella funzione. In generale, i prodotti di fascia economica consentono un ascolto immediato grazie a questa componente aggiuntiva, mentre quelli più costosi ne sono sprovvisti, permettendo all'utente di dotarsi del migliore equipaggiamento Hi-Fi possibile;
  • Riproduzione automatica o manuale: questa discriminazione è importante soprattutto per chi per la prima volta si avvicina al mondo dei giradischi. I modelli manuali, infatti, richiedono all'utente di posizionare il braccio meccanico sul vinile, un'operazione semplice che tuttavia richiede una certa delicatezza e dimestichezza con questo tipo di apparecchio, dato che un gesto troppo brusco potrebbe danneggiare il disco in riproduzione o la testina. I prodotti automatici, invece, dispongono di un pulsante proprio come i lettori CD, che permette di svolgere questa operazione in modo totalmente automatizzato, senza alcuna azione ulteriore da parte dell'utente. Nessun metodo ha particolari meriti rispetto all'altro, e la scelta dipende in larga parte da gusti e necessità personali;
  • Tipo di trazione: questa specifica indica il modo in cui il motore fa ruotare il piatto del giradischi, ed è possibile trovare modelli a trazione diretta oppure a cinghia. I primi offrono una velocità costante e una grande precisione del suono, e sono inoltre perfetti per i DJ, dato che permettono il mixaggio e hanno un tempo di risposta minimo. I giradischi a cinghia, preferiti generalmente dagli audiofili, assicurano invece minori vibrazioni, assorbite in buona parte da una fascia in gomma attraverso cui il motore trasmette il movimento al piatto. Va detto che si possono registrare prestazioni ottime con entrambi i sistemi, anche con prodotti di fascia media, a meno che non ci si trovi in condizioni o ambienti particolari che richiedono specificamente l'uso di uno specifico modello;
  • Arresto automatico: alcuni modelli, soprattutto di fascia medio-alta, dispongono di una funzione aggiuntiva che blocca automaticamente la rotazione del piatto una volta che la riproduzione del disco è conclusa. Questo può risultare estremamente comodo, dato che l'utente può tranquillamente allontanarsi dal dispositivo senza rischiare che il vinile subisca danni a causa di un prolungato funzionamento.

3. Connessioni

Come abbiamo visto nel paragrafo precedente, uno degli aspetti più importanti da considerare quando si acquista un giradischi è la presenza o meno di un preamplificatore. Anche nel momento in cui questo fosse equipaggiato nel modello da noi prescelto, tuttavia, valutare il numero e il tipo di connessioni disponibili è un passaggio fondamentale prima dell'acquisto. Solitamente in un giradischi, sia di fascia economica che medio-alta, è possibile trovare almeno un'uscita per cavo RCA, compatibile con la quasi totalità degli amplificatori e delle casse esterne e necessaria per chiunque volesse ottenere una riproduzione di buon livello. Talvolta è anche presente un ingresso per cuffie, con normale jack da 6,35 o 3,5 mm, adatto particolarmente ai DJ o a chi cerca un modello che permetta un ascolto continuativo senza limiti orari.

Giradischi connessioni

Digitalizzazione dei vinili tramite USB

Da diversi anni ormai sono in commercio giradischi dotati di una porta USB, che permette la connessione a un computer e la digitalizzazione dei propri vinili attraverso software spesso inclusi al momento dell'acquisto. Per molti utenti questa può sembrare un'aggiunta poco utile, dato che molti album moderni includono alla copia fisica un codice per il download della versione digitale del disco stesso. Tuttavia, per chi possedesse un buon numero di vinili più datati, contenenti registrazioni storiche di particolare valore, la possibilità di mantenerne una copia in formato digitale può rappresentare un vantaggio particolarmente interessante. Va però considerato che il processo di digitalizzazione può richiedere diverse ore, a seconda dei dischi selezionati, e che è dunque necessario un discreto investimento di tempo nel caso si volesse procedere con questo tipo di operazione.

Schede SD

Un'ulteriore funzione, che menzioniamo per completezza, riguarda la presenza di un ingresso per scheda SD. Questa è un'aggiunta presente unicamente nei modelli di fascia più economica, che dispongono di amplificatori interni e possono fungere anche da speaker. Non si tratta ovviamente di una caratteristica rilevante per chi cerca un prodotto di qualità dedicato esclusivamente al vinile, ma può essere apprezzata da utenti senza particolari pretese che preferiscono un dispositivo con più funzionalità.

4. Design e dimensioni

Nonostante il design di un prodotto venga considerato quasi sempre un fattore puramente estetico, nel caso dei giradischi questo aspetto assume un'importanza particolare, non solo perché si tratta di un oggetto generalmente di dimensioni abbastanza rilevanti, che può diventare parte integrante dell'arredamento, ma anche perché alcuni modelli non dispongono delle protezioni necessarie e potrebbero essere facilmente danneggiati. Solitamente, infatti, i giradischi sono dotati di un coperchio in plastica o in legno che ricopre completamente il piatto e il braccio, così da limitare al massimo l'intrusione di polvere e umidità. Anche se questa sembra un'aggiunta economica e decisamente poco avanzata, non tutti i modelli ne sono provvisti, mentre altri propongono una struttura simile a una valigia che però è più piccola rispetto alle dimensioni massime di un vinile. Se durante la riproduzione il coperchio dovesse richiudersi, potrebbe facilmente spezzare il disco o danneggiarlo in modo molto serio.

Giradischi design

Questo aspetto si ricollega anche alle dimensioni del giradischi, che da un lato possono sembrare più vantaggiose nel momento in cui risultassero più compatte, dall'altro però non dovrebbero mai risultare inferiori rispetto ai vinili.

Va infine considerata anche la lunghezza del braccio meccanico: nonostante non determini in modo esclusivo la qualità del braccio stesso, può influenzare in una certa misura la qualità della riproduzione. A un braccio più corto, infatti, corrisponde un maggior margine di errore di tangenza nel tracciamento della puntina, e di conseguenza un peggioramento nella qualità della riproduzione.

Il prezzo è importante?

Attualmente sul mercato è possibile trovare modelli di ogni fascia di prezzo, partendo addirittura da meno di 100 € per arrivare ben oltre i 1000 €.

  • I prodotti di fascia economica, fino ai 300 €, sono generalmente indicati per chi non ha particolare interesse nella qualità audio, ma è più che altro interessato all'oggetto in sé e alla possibilità di ascoltare, di tanto in tanto, vecchi dischi.
  • La fascia media, che spazia dai 300 agli 800 € circa, è invece adatta a chi vuole avvicinarsi più seriamente al mondo del vinile, con un prodotto in grado di durare nel tempo e di offrire una buona qualità di riproduzione.
  • La fascia più alta, dagli 800 € in su, è consigliata solo a chi ha già una vasta esperienza nel settore, possiede un ottimo impianto di amplificazione ed è in grado di apprezzare al massimo la qualità offerta da giradischi estremamente costosi.

La marca è importante?

Nel settore Hi-Fi, come in molti altri campi dell'elettronica, il marchio può fare una grande differenza. Nonostante negli ultimi anni si siano diffusi ampiamente prodotti di case praticamente sconosciute, popolari perché estremamente a buon mercato, i produttori che hanno fatto la storia del vinile rimangono i più affidabili, rappresentando ormai una garanzia per gli utenti che nel tempo hanno imparato ad apprezzare la qualità dei loro giradischi. Tra le più note ricordiamo Pioneer, Thorens e Audio Technica, i cui cataloghi comprendono modelli di diverse fasce di prezzo, in grado di soddisfare la grande maggioranza delle esigenze. A meno che non si voglia scendere sotto i 100 €, è consigliabile affidarsi a produttori di alto livello.

I materiali sono importanti?

Come abbiamo accennato nei paragrafi precedenti, uno dei fattori che più facilmente contribuiscono a peggiorare la qualità della riproduzione audio sono le vibrazioni causate dal motore e dalla rotazione del disco. In particolare, se la base, il braccio e il piatto del giradischi non sono costruiti con materiali solidi è probabile che durante l'ascolto si percepiscano fastidiosi ronzii di fondo, peggiorando notevolmente l'esperienza di ascolto. Va anche considerato che, in caso di danni o malfunzionamenti, molte componenti possono essere sostituite, ma il costo di questa operazione può essere giustificato solo nel momento in cui il giradischi presenta caratteristiche generali di medio o alto livello. Il consiglio è dunque di orientarsi su un modello solido e stabile, che garantisca non solo una maggiore durata nel tempo, ma anche una migliore qualità del suono.

Quali sono i migliori giradischi del 2018?

La tabella dei migliori giradischi del 2018 scelti dalla redazione di QualeScegliere.it

Prodotto Prezzo
migliore
Recensione
8,1 Audio Technica AT-LP1240-USB 409,00 € Recensione
8 Sony PS-HX500 336,00 € Recensione
7,1 Audio Technica AT-LP60-USB 146,99 € Recensione
7,3 Sony PS-LX300USB 116,99 € Recensione
7,6 Pioneer PLX-500 314,00 € Recensione

Giradischi: tutti i prodotti recensiti

"Giradischi": hai dubbi? Facci una domanda!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecco i migliori tre prodotti della categoria.

8 visitatori su 10 approfittano di queste offerte.

Il migliore

Audio Technica AT-LP1240-USB

Miglior prezzo: 409,00€

Il miglior rapporto qualità prezzo

Sony PS-HX500

Miglior prezzo: 336,00€

Il più venduto

Audio Technica AT-LP60-USB

Miglior prezzo: 146,99€