Le migliori fotocamere subacquee del 2021

Confronta le migliori fotocamere subacquee del 2021 e leggi la nostra guida all'acquisto.
Nikon Coolpix W300

La migliore

City com
Photospecialist
2 Emme Foto
Immersione fino a 30 m
Resistente fino a -10°
Display LCD, 3"
Sensore CMOS da 16 MP
Zoom ottico 5x
Video 4K UHD
Wi-Fi e Bluetooth
Punti forti
  • Struttura molto resistente
  • Tantissime modalità di scatto
  • Buona qualità fotografica
  • Video in 4K
Fujifilm FinePix XP140

Il miglior rapporto qualità prezzo

Amazon
2 Emme Foto
Immersione fino a 25 m
Resistente fino a -10°
Display LCD, 3"
Sensore CMOS da 16 MP
Zoom ottico 5x
Video 4K UHD
Wi-Fi e Bluetooth
Punti forti
  • Buona qualità fotografica
  • Moltissimi filtri artistici
  • Controllabile da remoto tramite app
Punti deboli
  • Senza GPS
  • Senza ulteriori sensori
Olympus Stylus Tough TG-6
Amazon
fotospina
Olympus
Immersione fino a 15 m
Resistente fino a -10°
Display LCD, 3"
Sensore CMOS retroilluminato da 12 MP
Zoom ottico 4x
Video 4K UHD
Wi-Fi
Punti forti
  • Ottima qualità fotografica
  • Tantissimi effetti artistici
  • Video in slow motion
Punti deboli
  • Autonomia non dichiarata
Olympus Tough TG-5
Amazon
Immersione fino a 15 m
Resistente fino a -10°
Display LCD, 3"
Sensore CMOS da 12 MP
ISO 100 - 12800
Velocità otturatore: 100 - 12800
Video 4K UHD
Wi-Fi
Slot per scheda Micro SD
Punti forti
  • Ottime resistenza alle cadute
  • Modalità manuale
  • Ottima risoluzione video
Punti deboli
  • Capacità di immersione limitata
iSunFun Macchina fotografica subacquea
Amazon
Immersione fino a 3 m
Senza protezione antigelo
Display LCD, anteriore 1,8", posteriore 2,7"
Sensore CMOS da 48 MP
Zoom digitale 17x
Video 4K UHD
Senza connettività wireless
Punti forti
  • Display anteriore per selfie
Punti deboli
  • Nessuna funzione di scatto
  • Piuttosto fragile
Elena.gallina
Autore
Elena

Come scegliere una fotocamera subacquea

Durante le vacanze ci troviamo spesso in località di mare, esotiche e nostrane, che meritano di essere esplorate e immortalate: le fotocamere subacquee possono essere utilizzate agilmente dentro e fuori dall’acqua proprio a questo scopo. I vari modelli sono molto versatili e hanno preset classici molto buoni, utili a fare fotografie a pesci così come a paesaggi e dettagli.Fotocamera subacquea Chi si diletta con la fotografia sa quanto sia utile questa versatilità, specialmente se si si vuole ricordare un viaggio importante o si è appassionati di snorkeling. In questa pagina parleremo delle fotocamere subacquee, perlopiù i modelli compatti, senza soffermarci su prodotti professionali dal prezzo molto elevato o particolare competenza d’uso. Quasi tutte le marche di macchine fotografiche più famosi, come Nikon, Canon, Fujifilm, Panasonic e altre hanno nel loro catalogo dei prodotti completi che potranno interessare molti consumatori alla ricerca di un prodotto di qualità e di facile utilizzo.

1. Protezioni e struttura

Prima di addentrarci nella discussione di quali siano i fattori decisivi da valutare in una fotocamera subacquea, sottolineiamo che ci occupiamo qui unicamente di macchine fotografiche progettate per l’immersione. Ciò premesso, chi cerca una fotocamera subacquea deve innanzi tutto fare delle importanti considerazioni circa la struttura stessa della macchina: valutarne il grado di protezione, quindi quanto in profondità possa andare; se sia resistente anche al gelo, agli urti, ecc. e in secondo luogo anche altri aspetti, quali dimensioni, peso e misure del display.fotocamera subacquea protezioni

Protezioni

L’aspetto di maggiore rilievo è senza dubbio quello delle protezioni, che sono essenziali nel determinare quanto la fotocamera subacquea possa effettivamente resistere a condizioni estreme. Sono quattro le caratteristiche da considerare a questo proposito: la profondità d’immersione, la protezione antiurto, la protezione antigelo e la protezione dalle infiltrazioni di polvere. Presentiamo qui di seguito alcuni dati di riferimento per ciascuno di questi aspetti:

  • Profondità: l’immersione generalmente va dai 6 ai 30 m;
  • Protezione antigelo: non è sempre presente, quando c’è permette di sopportare temperature fino a -10 °C;
  • Protezione antiurto: è indicata con l’altezza della caduta che la macchina può sopportare, e può andare da 1,5 a 2 m;
  • Protezione polvere: non è sempre presente, quando c’è assicura che polvere e sabbia non possano penetrare nella macchina.

È dunque evidente che, a seconda delle attività più o meno “estreme” in cui vogliamo portarci la fotocamera subacquea, dovremo valutare con cura quale modello ci potrà accompagnare.Fotocamera subacquea in immersione

Struttura

Sebbene siano meno rilevanti, vale la pena soffermarsi anche a valutare le rimanenti caratteristiche strutturali di una fotocamera subacquea, dunque le sue dimensioni, il suo peso e le caratteristiche del display. Bisogna dire che la variabilità in termini di dimensioni e peso è poca: quasi tutte le fotocamere subacquee per uso privato misurano intorno ai 12 x 7 x 3 cm, per un peso che va dai 120 ai 250 g. Esistono alcuni modelli mini che occupano circa un terzo in meno e sono estremamente maneggevoli, con display molto piccolo e tasti ben visibili, alcune con scafandro a scocca.fotocamera subacquea mini Se invece si cerca un prodotto realmente piccolo, è bene orientarsi su una action cam, di forma quadrangolare, solitamente sui 3 cm per lato, ma con funzionalità diverse.

Display

Riguardo al display, osserviamo il tipo di tecnologia che esso adotta, se LCD o OLED: la differenza tra le due, al di là del prezzo (gli schermi OLED sono più cari), sta nel fatto che i display LCD possono essere difficili da vedere in piena luce, mentre i display OLED sono sempre perfettamente visibili in tutte le condizioni. In secondo luogo il display può essere più o meno ampio, con una variabilità che va da 2 a 3,5″: chiaramente risulta più comodo uno schermo più ampio, sia per vedere bene cosa si sta inquadrando, sia per consultare più comodamente i menù.Fotocamera subacquea display In qualche caso al monitor posteriore se ne aggiunge anche uno anteriore, più piccolo, per inquadrare gli autoscatti, ma va detto che la presenza di un secondo schermo può incidere negativamente sull’autonomia della batteria, come vedremo più avanti.

2. Qualità fotografica

In secondo luogo, appurato che la fotocamera subacquea che abbiamo scelto è sufficientemente robusta per le nostre attività sportive, dobbiamo naturalmente verificare che faccia buone foto. Vi sono una serie di caratteristiche squisitamente tecniche da considerare a questo proposito, e cercheremo di trattarle una per una in maniera sufficientemente chiara.

Sensore

In primo luogo è il tipo di sensore ad avere conseguenze dirette sulla qualità fotografica. Bisogna sottolineare che praticamente tutte le fotocamere subacquee sono dotate di sensori di piccole dimensioni (1/2,3″), quasi sempre di tipo CMOS. Come spesso accade per le fotocamere digitali, si tratta di sensori che mostrano evidenti limiti in condizioni di luce scarsa e ad alti ISO. Va un po’ meglio nei casi in cui il sensore è retroilluminato e riesce così a limitare il “rumore” nelle foto scure. In fotografia quando si parla di rumore si intende la generazione di sgranature e di pixel disomogenei nell’immagine, in modo particolare nelle aree più scure della foto. Qui sotto un esempio di foto scattata con una fotocamera subacquea Canon:
Fotocamera subacquea foto esempioI megapixel del sensore sono importanti, anche se bisogna dire che non necessariamente più pixel equivalgono in automatico a foto migliori. Più denso è il conteggio dei pixel, infatti, maggiore è il rischio che si generi rumore, e che dunque le foto risultino di bassa qualità nonostante un elevato numero di pixel ci faccia supporre il contrario. Per ovviare a problemi di scarsa luminosità relativa alle ISO e se si hanno ambizioni fotografiche di livello più alto ci si può dotare di una luce esterna aggiuntiva che può essere montata sul corpo macchina.fotocamera subacquea luce Questo tipo di accessorio è generalmente rivolto a prodotti professionali, ma esistono sul mercato prodotti di fascia media e unità indipendenti simili a torce, ma impermeabili. Buone macchine fotografiche hanno solitamente un numero alto di megapixel unito a lenti di qualità e in alcuni casi, anche per modelli di fascia media, si arriva a 16 megapixel, ma anche numeri di poco più bassi consentono comunque di scattare foto gradevoli e definite.

Sensibilità

Di un sensore è importante considerare anche la sensibilità, poiché questa permette di scattare foto in condizioni di luce diverse. La cosa interessante è l’ampiezza del ventaglio di ISO che una fotocamera subacquea offre, poiché un’escursione più ampia può essere indice di maggiore versatilità. Il ventaglio tipico va da 125 a 6400 ISO, ma è possibile incontrare combinazioni diverse nella scala che va da un minimo di 80 ISO a un massimo di 12800 ISO che si trovano su qualche raro modello. In considerazione di quanto abbiamo detto poco sopra sul rumore generato ad altri ISO, ricordiamo che è comunque poco utile avere un esteso ventaglio ISO se il sensore non è di buona qualità: per ottenere risultati buoni anche con poca luce è necessario dunque un sensore retroilluminato con un numero non eccessivo di pixel (12 cominciano già ad essere molti).

Velocità dell’otturatore

La velocità dell’otturatore, o tempo di esposizione, è interessante in relazione al tipo di soggetto che vogliamo fotografare. Per fotografare un paesaggio illuminato dalla luna, ad esempio, servirà un tempo di esposizione lungo, soprattutto se non vogliamo alzare troppo gli ISO rischiando di ottenere un’immagine molto disturbata. Al contrario, per fotografare soggetti in movimento rapido sono necessari tempi di esposizione molto bassi. Nell’esempio qui sotto un altro scatto con macchina Canon:
Fotocamera subacquea scatto subacqueoAnche in questo caso è interessante notare quali siano le velocità minime e massime che una fotocamera subacquea offre: le combinazioni più comuni sono quella da 1 a 1/1500 s e quella da 1 a 1/2000 s. Non si trovano in generale macchine di questo tipo con tempi di esposizione molto lunghi: il massimo cui si arriva sono 8 s. Anche per le velocità più alte si incontrano poche eccezioni, con picchi di 1/4000 s.

Apertura

L’apertura dell’obiettivo è interessante perché da essa dipende la possibilità di effettuare scatti di diverso tipo. Ad esempio per i panorami e per le scene completamente a fuoco in generale è necessaria un’apertura piccola, mentre per i ritratti e altri scatti con sfondo sfocato serve un’apertura grande.fotocamera subacquea aperturaLe fotocamere subacquee di solito non sono particolarmente versatili su questo fronte, ciononostante l’apertura massima può variare da modello a modello: si va da f/2.0 a f/4.9, un’escursione dunque di quasi tre f che può fare una certa differenza.

Ingrandimenti

Una caratteristica delle fotocamere subacquee che le distingue dalle normali fotocamere digitali è il basso numero degli ingrandimenti. Da una parte, per mantenere l’impermeabilità, una fotocamera subacquea non può avere un obiettivo dalla grande lunghezza focale; dall’altra, la densità dell’acqua aumenta di molto la rifrazione. Per questo motivo non è possibile guardare e quindi zoomare troppo in distanza. Sott’acqua, anche a occhio nudo (con una maschera) gli oggetti non immediatamente in prossimità e non illuminati appaiono infatti “sfocati” e virati in colore azzurro.fotocamera subacquea ingrandimenti Laddove quindi le fotocamere tradizionali superano quasi sempre gli 8 ingrandimenti, una fotocamera subacquea raramente si spinge oltre ai 5, e solo in pochissimi casi raggiunge i 10. Ci riferiamo sia agli ingrandimenti ottici che agli ingrandimenti digitali; questi ultimi, per i motivi di cui sopra, non vanno di norma oltre i 4.

3. Funzioni

A seguire, una fotocamera subacquea è sempre dotata di un numero di funzioni che la rendono più o meno versatile e più o meno semplice da usare. Poiché queste funzioni riguardano caratteristiche diverse della macchina, le abbiamo raggruppate in quattro insiemi: funzioni riguardanti propriamente le foto, funzioni video, funzioni relative alla connessione con altri dispositivi e funzioni relative a sensori e ricevitori integrati sulla fotocamera.

Funzioni fotografiche

Le funzioni fotografiche più interessanti da valutare sono le “scene” predefinite tra cui è possibile scegliere e gli effetti che è possibile applicare agli scatti che abbiamo effettuato.fotocamera subacquea funzioni Le fotocamere subacquee sono macchine automatiche, dunque selezionano automaticamente le migliori impostazioni di ISO, apertura ed esposizione in base al tipo di scatto che dobbiamo fare. Tipicamente il selettore offre una scelta tra modalità completamente automatica, in cui dobbiamo solo scattare, e modalità “scene selection”, in cui siamo noi a dire alla macchina che tipo di foto stiamo per scattare. Le scene selezionabili possono essere in numero variabile, e tante più ne abbiamo a disposizione, tanto più versatile sarà la fotocamera. Alcuni tra i più comuni tipi di scene che possiamo trovare sono i seguenti:

  • Ritratto: per i primi piani, tiene sfocato lo sfondo;
  • Panorama: per i panorami diurni, tiene tutta la scena a fuoco;
  • Sport: scatto veloce per soggetti in movimento;
  • Ritratto notturno: per i primi piani con poca luce;
  • Indoor: per le foto scattate tra le mura domestiche;
  • Spiaggia: adatto agli scatti sulla sabbia, da usare per contrastare il riverbero del sole;
  • Neve: per gli scatti sulla neve, in cui il riverbero del sole è fortissimo;
  • Tramonto: per gli scatti con luce fioca o crepuscolare;
  • Paesaggio notturno: per gli scatti al buio completo;
  • Miniatura: scatti da distanza estremamente ravvicinata;
  • Cibo: un settaggio ideale per scattare foto succulente ai vostri manicaretti;
  • Fuochi d’artificio: per riprendere specificamente i fuochi d’artificio;
  • Controluce: illumina il soggetto per compensare la luce alle sue spalle;
  • Panoramica: una modalità di scatto per realizzare panorami amplissimi;
  • Ritratto animali: segue e tiene a fuoco gli animali che volete immortalare;
  • Subacquea: ovviamente non manca la modalità apposita per le foto subacquee.

Agli scatti è poi solitamente possibile applicare un filtro o un effetto, a volte prima dello scatto, altre volte dopo che è stato già realizzato. Anche in questo caso maggiore il numero degli effetti a disposizione, più creativi possiamo essere con le nostre foto, scegliendo ad esempio tra bianco e nero, seppia, colori fluo, effetto miniatura, effetto “fish-eye”, effetto vintage e altri ancora.

Funzioni video

Tutte le fotocamere subacquee sono in grado, oltre che di scattare foto, anche di riprendere video. È interessante allora valutare a che risoluzione massima si possa arrivare nelle riprese: quasi tutte le macchine arrivano ormai senza problemi a 1080 e a 2160p (4K UHD), spesso con un paio di impostazioni fps a disposizione (tipicamente 25 e 30 per i modelli di fascia media, fino a 60 e 120 per i modelli più avanzati e costosi), con la possibilità di scegliere anche una risoluzione inferiore (720 o 480p) per realizzare filmati meno ingombranti per la memoria della fotocamera. In tanti casi è possibile creare anche filmati in time-lapse, composti cioè da una sequenza di foto scattate ad intervalli regolari lungo un lasso di tempo, con possibilità di scegliere a che intervallo scattare. È poi molto importante verificare che una fotocamera subacquea sia dotata di stabilizzatore d’immagine: questo serve ad attutire le vibrazioni durante le riprese e a rendere dunque più fluido da guardare il filmato realizzato.

Connessioni

Tra le attuali fotocamere subacquee di gamma medio-alta è diffuso l’uso di tecnologie di connessione wireless per facilitare la condivisione di foto e filmati tra la macchina e altri dispositivi, come cellulari, tablet e computer.fotocamera subacquea wifi Queste tecnologie sono più comunemente quella Wi-Fi, spesso associata anche alla NFC per la connessione semplificata con i dispositivi Android, o in qualche caso la tecnologia Bluetooth, che però è un po’ più dispendiosa in termini di batteria. Sfruttando le stesse tecnologie alcuni modelli permettono anche il comando remoto usando il tablet o il cellulare come telecomando.

Integrazioni

Infine, le migliori fotocamere subacquee possono essere equipaggiate anche di altre tecnologie molto interessanti. Ad esempio, la presenza di un ricevitore GPS permette di geolocalizzare le foto e i filmati fatti, compilando le informazioni di latitudine e longitudine direttamente nelle proprietà dei file, ma anche di caricarle su una mappa che a volte è già a disposizione nella memoria della fotocamera. Quando è presente anche una bussola elettronica la fotocamera si arricchisce di una funzione molto utile quando ci si impegna negli sport a contatto con la natura. Nei modelli migliori è possibile a volte trovare anche un barometro, un altimetro e un profondimetro, utili per monitorare la propria attività e per completare le informazioni relative ai nostri scatti.

4. Batteria e memoria

Le ultime considerazioni da fare non riguardano più le prestazioni video e fotografiche della fotocamera subacquea, bensì la sua autonomia e capacità: queste due caratteristiche infatti influenzano entrambe il tempo che avremo a disposizione prima di doverci fermare a ricaricare la batteria o a scaricare le foto.

Batteria

Le fotocamere subacquee hanno quasi senza eccezione una batteria ricaricabile agli ioni di litio, leggera, compatta e relativamente veloce da ricaricare. La loro autonomia viene solitamente espressa sia con il numero di foto che è possibile scattare prima dell’esaurimento, sia in minuti di filmato che è possibile realizzare. Le migliori fotocamere possono arrivare a oltre 300 scatti e più di 80 minuti di filmato, mentre l’estremo opposto delle macchine meno performanti si attesta a 210 scatti e 50 minuti di filmato.
Fotocamera subacquea batteriaPer la ricarica è solitamente incluso nella confezione un cavo USB o altro connettore, e i tempi necessari per la ricarica completa possono andare dalle due ore in su.

Memoria

La maggior parte delle fotocamere subacquee è dotata di una memoria interna per il salvataggio delle foto e dei filmati. Normalmente non si tratta di una memoria molto grande, per cui permette di salvare solo un numero molto limitato di scatti. Nel migliore dei casi la memoria interna può arrivare a circa 500 MB, mentre nel peggiore dei casi è inferiore ai 50 MB o addirittura assente.
Fotocamera subacquea schede di memoriaÈ sempre disponibile, senza eccezioni, uno slot per l’espansione della memoria: questo è più comunemente adatto a schede di memoria SD, in casi più rari MicroSD, la cui capacità massima è però variabile. Si va dai soli 16 GB dei modelli di fotocamera subacquea un po’ più vecchi a 1 TB nei modelli più moderni che supportano i formati di archiviazione delle schede SDHC e SDXC. È evidente comunque che si tratti di un’espansione notevole in confronto con l’esigua memoria interna, dunque è sempre raccomandabile acquistare insieme alla fotocamera subacquea anche una scheda di memoria.

Le domande più frequenti sulle fotocamere subacquee

Quali sono le principali marche di fotocamere subacquee?

Anche la marca è degna di considerazione per un motivo molto semplice: la qualità fotografica. I leader di mercato sono, non sorprendentemente, gli stessi che dominano il mercato delle normali fotocamere digitali, ovvero Nikon e Canon. Questi marchi sono senza dubbio i migliori, sia per la qualità degli obiettivi e dei sensori utilizzati, in particolare nei rispettivi modelli top di gamma, sia per la qualità dei menù e delle funzioni offerte. Anche altri famosi marchi si sono cimentati nella realizzazione di fotocamere subacquee, ad esempio Fujifilm con ottimi prodotti, Panasonic (con la nota serie Lumix) e Olympus, ottenendo buoni risultati. Altri brand minori ma specializzati, come ad esempio Sealife, creano prodotti specifici per le immersioni, offrendo anche moltissimi accessori acquistabili a parte, un elemento da non sottovalutare quando si effettua un acquisto in ambito fotografico.fotocamera subacquea marca Raccomandiamo di scegliere una fotocamera subacquea da produttori noti o marchi emergenti che siate sicuri offrano assistenza, magari cercando il sito aziendale, sia per avere garanzia di qualità e durevolezza, sia per eventuale assistenza post-vendita. Marchi “minori” sono sì più economici, ma offrono meno garanzie e andrebbero considerati solo se si intende spendere cifre basse.

Quanto costa una fotocamera subacquea?

Il prezzo di una fotocamera subacquea è importante perché può darci un’idea immediata di che cosa potrà fare una macchina. Non cambia moltissimo in termini di resistenza, non è infatti scontato che i modelli più cari possano scendere a profondità maggiori, quanto in funzioni e integrazioni. Il maggior prezzo dei modelli top di gamma si giustifica perché questi sono dotati di connettività Wi-Fi, di ricevitore GPS e in qualche caso dei sensori aggiuntivi di pressione, altitudine e profondità. Inoltre, i modelli migliori hanno un maggior numero di impostazioni fotografiche: un ventaglio più nutrito di “scene” preimpostate tra cui scegliere, un maggior numero di effetti da applicare, più combinazioni di risoluzione e fps per i nostri video.
Possiamo individuare tre fasce di prezzo per le fotocamere subacquee:

  • Circa 150 €: fascia di prezzo bassa. Qui troviamo macchine completamente automatiche, senza integrazione Wi-Fi, con un sensore sui 10-16 MP;
  • 160-250 €: fascia di prezzo media. Le macchine in questa fascia sono automatiche, con integrazione Wi-Fi o Bluetooth e un sensore tra i 16 e i 20 MP;
  • Circa 400 €: fascia di prezzo alta. Qui si trovano le macchine più complete, con selezione anche manuale dell’immagine, integrazione Wi-Fi e GPS e un sensore da 20 fino a 40 MP.

Esistono fotocamere subacquee per bambini?

Negli ultimi anni c’è sempre una maggiore attenzione ai prodotti elettronici per bambini, sia perché i genitori ci tengono a creare un ambiente stimolante per i piccoli, sia perché la tecnologia degli ultimi anni ha fatto molti passi in avanti e prodotti elettronici semplici sono oggi accessibili a prezzi decisamente bassi. Le fotocamere subacquee per bambini sono generalmente dei dispositivi entry-level, simili ai prodotti di fascia medio-bassa di qualche anno fa, ma decorate sulla scocca per essere accattivanti, con colori pastello e animali stilizzati.fotocamera subacquea per bambini Non hanno lenti di pregio né le ottimizzazioni pensate per i prodotti per adulti, ma offrono comunque una risoluzione accettabile, anche FULL HD con un numero elevato di pixel, 16 per i modelli base, 40 per quelli più costosi. Va comunque detto che il prezzo oscilla tra i 60 e i 90 €, una spesa non troppo alta ma che potrebbe convincere qualche genitore all’acquisto di un prodotto più completo per bambini oltre gli 8 anni. Queste fotocamere possono ovviamente essere usate anche fuori dall’acqua e resistono alla sabbia, sono dotate di laccetto da polso per non perderle e hanno spesso dei case in silicone che le proteggono dagli urti. Bambini un po’ più grandi che sanno già nuotare bene potrebbero usarle anche a profondità oltre quelle consentite, che generalmente sono di circa due-tre metri. Vogliamo avvertire i genitori e gli adulti di sorvegliare sempre i bambini quando usano questi dispositivi, dato che possono essere un elemento di eccessiva distrazione in acqua.

Quale fotocamera subacquea scegliere per lo snorkeling?

Lo snorkeling è un hobby affascinante e complesso che necessita di attrezzatura specifica e preparazione atletica. In questa pagina abbiamo coperto per lo più prodotti generalisti, il cui prezzo orbita intorno ai 300 € e non necessita di competenze elevate per l’utilizzo. Come abbiamo visto, tutte queste fotocamere subacquee sono utilizzabili tranquillamente anche fuori dall’acqua, sulla spiaggia o all’aria aperta. Tutte le tipologie di prodotto elencate possono essere utilizzate per lo snorkeling, badando con attenzione alla profondità a cui si utilizzano i dispositivi. La profondità, come probabilmente avrete notato, è serigrafata sulla scocca dei prodotti, anche perché i sistemi di resistenza all’acqua sono ormai invisibili e potrebbe essere difficile capire se un prodotto può immergersi o meno.fotocamera subacquea snorkeling Se avete bisogno però di effettuare fotografie di alto livello, ovviamente avrete bisogno di una strumentazione adeguata e addirittura di un sistema di illuminazione a immersione. Sono disponibili sul mercato degli scafandri su misura e delle buste universali per fotocamere reflex, con cui è possibile realizzare foto di alto livello con le proprie lenti preferite. Se invece non avete particolari ambizioni, ricordate che la fotografia moderna ha fatto passi da gigante ed è possibile ottenere ottimi risultati anche con fotocamere subacquee compatte. Vogliamo aggiungere che, a differenza delle foto naturalistiche, che spesso necessitano di obiettivi estremamente costosi per riprendere dettagli molto lontani, la rifrazione dell’acqua, molto più densa dell’aria, non consente questo tipo di scatto. Gli scatti sott’acqua saranno il più delle volte ravvicinati, rivolti a pesci ed altri animali ripresi a distanza ridotta. Con le dovute differenze rispetto alle macchine professionali, specialmente se usate con luci a parte, le compatte possono prestarsi bene a questa tipologia di immagini.

Fotocamera subacquea, smartphone o action cam?

Le fotocamere subacquee sono sempre state un prodotto di nicchia, vista anche la difficoltà, negli anni passati, a garantire dei parametri alti di protezione dai liquidi. Per questo motivo buona fetta del mercato è stata inglobata dalle action cam. Le action cam vengono spesso vendute già con custodie impermeabili in grado di resistere anche fino a grandi profondità. Se siete interessati a un modello di questo tipo vi consigliamo la lettura della relativa guida all’acquisto. Le action cam, come il nome suggerisce, sono indicate per filmare qualsiasi sport all’aperto o esplorazione, sono dei “blocchetti” di pochi centimetri di lato e hanno oggi dei prezzi abbastanza accessibili; si possono fissare su caschi, elmetti, biciclette e portare sott’acqua con estrema facilità, inoltre possono essere tenute accese per filmare durante tutta l’immersione. Ovviamente per chi vuole immergersi le action cam hanno anche dei lati negativi, come l’impossibilità di cambiare l’angolo di visione, per la maggior parte dei modelli fisso sul grandangolo a 170°.
Gli smartphone di ultima generazione, specialmente delle marche più blasonate e costose, come la serie iPhone di Apple e i flagship Galaxy di Samsung, offrono resistenza all’acqua e sono dotati di lenti e hardware di prim’ordine. Apple afferma che il suo iPhone 12 Pro Max può essere usato fino a 6 metri di profondità, mentre il Galaxy S21 di Samsung arriva a 1,5 metri in acqua dolce, entrambi per solo 30 minuti di tempo e con protezione IP68, delle tempistiche non proprio comodissime e delle restrizioni in condizioni abbastanza normali se si fanno immersioni. Sono disponibili sul mercato dai case specifici per le immersioni che rendono impermeabili questi smartphone, ad esempio quelli di Sealife o del brand coreano Diveroid, progettati per poter interagire con parti precise del touch screen e raggiungere comodamente i tasti meccanici che possono servire quando si è sott’acqua.fotocamera subacquea case smartphone La protezione di questi case è pensata proprio per lo snorkeling e i prezzi di vendita partono dai 450 € per arrivare fino ai 650 € per i modelli con luce aggiuntiva. Quindi non si tratta dei semplici case o buste antisabbia e antigoccia per smartphone o tablet che si vedono d’estate sulle nostre spiagge, ma di prodotti professionali. Vogliamo ricordare a chi si improvvisa fotografo subacqueo che questi telefonini di fascia alta sono dei prodotti decisamente cari, con prezzi che partono da circa 1.200 €, e rischiare di renderli inutilizzabili non è una buona idea. Inoltre, se dovesse entrare acqua nello smartphone, gli operatori potranno controllare immediatamente se il danno è stato causato da negligenza e la garanzia potrebbe non coprirvi i costi di riparazione o sostituzione. Per questi motivi l’investimento in una fotocamera subacquea potrebbe essere una scelta indicata, anche per modelli semplici se vi serve per un utilizzo sporadico. Inoltre, la maggior parte dei prodotti sul mercato può essere utilizzata senza problemi come una normale fotocamera digitale ed è perfetta per l’uso all’aria aperta, a contatto con polvere, sabbia ed elementi naturali.

Esistono le macchine fotografiche con scafandro?

Sul mercato sono disponibili numerosi scafandri per macchine fotografiche, anche reflex, digitali e non. Questi prodotti sono per lo più rivolti a chi fa snorkeling e immersioni a un livello più alto, e i materiali e l’impermeabilità sono certamente più elevate. Sul mercato non si trovano più facilmente le macchine con corpo interno e case esterno trasparente, da quando la tecnologia di protezione da polvere e liquidi è diventata tutta interna all’hardware.fotocamera subacquea scafandro Esistono in commercio però molte tipologie di scafandri:

  • Scafandro universale a busta: si adatta solitamente a tutti i tipi di macchine, con ingresso e protezione per gli obiettivi nel caso delle fotografiche reflex. Ha un prezzo contenuto, sui 60-70 € per le reflex e meno di 20 € per le compatte non subacquee, ma va utilizzato con estrema cura per evitare infiltrazioni;
  • Scafandro a scocca su misura: sono pensati per modelli precisi di macchine fotografiche, generalmente disponibili solo per reflex, di prezzo elevato, dai 300 ai 650 €;
  • Scafandro per smartphone: pensati per attivare alcuni tasti dello smartphone anche sott’acqua, specialmente utili se si utilizzano app con GPS ed esplorative e non solo come fotocamera. Prodotti professionali, dal prezzo sui 450-650 €;
  • Scafandro per action cam e mini: di formato ridotto, quadrangolare, pensato per questo tipo di prodotti, a volte incluso nella confezione, se venduto a parte dai 20 € in su.

Copyright Klikkapromo srl – È vietato ogni sfruttamento non autorizzato

Quali sono le migliori fotocamere subacquee del 2021?

La tabella delle migliori fotocamere subacquee del 2021 scelte dalla redazione di QualeScegliere.it

Il migliore
Nikon Coolpix W300 Nikon Coolpix W300
Miglior prezzo
398,89 €
Miglior qualità/prezzo
Fujifilm FinePix XP140 Fujifilm FinePix XP140
Miglior prezzo
199,99 €
Olympus Stylus Tough TG-6 Olympus Stylus Tough TG-6 Miglior prezzo
428,50 €
Olympus Tough TG-5 Olympus Tough TG-5 Miglior prezzo
310,00 €
iSunFun Macchina fotografica subacquea iSunFun Macchina fotografica subacquea Miglior prezzo
83,78 €

Fotocamere subacquee: gli ultimi prodotti recensiti

Domande e risposte su Fotocamera subacquea

  1. Domanda di Milena | 18.11.2019 08:52

    che macchina fotografica mi consigliate per fare dei semplici video e foto mentre si fa snorkeling? grazie

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 22.11.2019 11:07

      Puoi orientarti sulla Fujifilm FinePix XP120, oppure su una action cam.

  2. Domanda di Roberto De Leo | 22.10.2019 17:21

    quale resiste fino ai 120 metri?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 29.10.2019 09:39

      Per prestazioni simili è necessario un equipaggiamento professionale da cercare presso rivenditori specializzati.

  3. Domanda di mary | 24.08.2017 17:08

    Tra la fujifilm xp120 e la nikon w100 cosa mi consigliate?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 08.09.2017 11:08

      Sono macchine di fascia leggermente diversa. Se non devi immergerti oltre i 10 m di profondità la Nikon Coolpix W100 assicura ottimi risultati.

  4. Domanda di Vincenzo | 19.07.2017 16:48

    Tra la fujifilm xp90 e la nikon w100 cosa mi consigliate? Inoltre, la fujifilm xp120 non è migliore della xp90?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 20.07.2017 09:57

      I modelli che hai menzionato sono entrambi di buon livello. Una delle differenze tra i due è la capacità di immersione: la Fujifilm FinePix XP90 può essere utilizzata fino a 15 metri di profondità, mentre la Nikon Coolpix W100 fino a 10 metri. D’altra parte la Nikon ha un’autonomia di 220 scatti / 1 h 30 min filmato, la Fujifilm solo di 210 scatti / 50 min filmato. Quindi dipende molto dall’utilizzo che ne intendi fare.

  5. Risposta di Qualescegliere.it | 18.07.2017 10:04

    In base alle tue esigenze e al tuo budget ti consigliamo la Fujifilm FinePix XP90, tra i modelli più venduti e affidabili in quella fascia di prezzo.

  6. Domanda di vicky | 25.05.2017 13:35

    Andrò alle cascate del Niagara e mi occorre una macchina fotografica che tenga l’acqua e faccia belle foto. Il prezzo sui 200-300. Cosa consigliate?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 30.05.2017 09:33

      A quel prezzo ti consigliamo la Nikon Coolpix AW130.

La migliore
Nikon Coolpix W300

Nikon Coolpix W300

Migliore offerta:398,89€

Il miglior rapporto qualità prezzo
Fujifilm FinePix XP140

Fujifilm FinePix XP140

Migliore offerta:199,99€