Le migliori stampanti fotografiche del 2022

Confronta le migliori stampanti fotografiche del 2022 e leggi la nostra guida all'acquisto.

Amazon
749,99 €
Unieuro
99,99 €
Computer Milano
136,90 €
Amazon
125,00 €
Amazon
119,99 €
Photospecialist
106,99 €
Amazon
157,40 €
Photospecialist
136,99 €
Bpm power
160,84 €
Bpm power
115,16 €
Oraizen
161,32 €
Foto Colombo
144,94 €
Amazon
115,90 €
Aed Gaming
164,50 €
Bpm power
150,39 €
2 Emme Foto
116,79 €
Bpm power
167,13 €

Uso

Sporadico

Sporadico

Sporadico

Sporadico

Sporadico

Funzioni

Stampa, Stampa foto

Stampa foto

Stampa, Scansione, Copie, Stampa foto, Copie colore

Stampa foto

Stampa foto

Tecnologia

Inkjet serbatoi

Termica diretta

Inkjet cartucce

Termica Zink

Termica diretta

Risoluzione

9.600 x 2.400 DPI

300 DPI

stampa 5.760 x 1.440 DPI, scanner 1.200 x 4.800 DPI

314 x 400 DPI

n.d.

Velocità

ISO B/N 15 ipm, colore 10 ipm

1 / 27-47 sec

ISO B/N 9,5 ppm, colore 9 ppm

1 / 50 sec

1 ppm

Fronte-retro

Automatico

Manuale

Automatico

Impossibile

Impossibile

Compatibilità

Windows, IOS, Android, MacOS

Windows, IOS, Android, Fire OS (Kindle)

Windows, MacOS

IOS, Android

IOS, Android

Formati di stampa

A4, LTR, LGL, A5, B5, Smart card non standard, Documenti (ICAO), 10 x 15 cm, Cartolina non standard

A6, Etichette, Documenti (ICAO), 10 x 15 cm, Quadrata non standard, Mini

A4, LTR, LGL, A6, Buste, A5, B5, Smart card non standard, 10 x 15 cm, Cartolina non standard

Smart card non standard

10 x 15 cm

Grammatura max

300 g/m²

n.d.

300 g/m²

n.d.

n.d.

Cartuccia

C/M/Y, BK

Kit toner + carta chimica

BK, Anche alto rendimento, C/c/M/m/Y/K

Carta chimica

Carta chimica

Resa

300-5.530 pp

36-1.080 pp

300-740 pp

10-50 pp

10-120 pp

Ciclo max mensile

n.d.

n.d.

n.d.

n.d.

n.d.

Connettività

USB, Wi-Fi, Wi-Fi Direct, Cloud

USB, Wi-Fi, Memoria SD, Memoria USB

USB, Wi-Fi, Wi-Fi Direct, Cloud, Memoria SD

Bluetooth

Bluetooth, Docking station

Consumi

uso 24 W, standby 2,1 W

uso 60 W, standby 4 W

uso 20 W, standby 0,7 W

n.d.

n.d.

Computer interno

n.d.

n.d.

n.d.

n.d.

n.d.

Batteria

No

54-72 scatti

No

20 scatti

No

Dimensioni

45,1 x 36,8 x 12,8 cm

18,6 x 13,59 x 6,33 cm

34,9‎ x 34 x 14,2 cm

11,83 x 8,24 x 1,87 cm

10 x 17 x 69 cm

Peso

6,6 kg

0,86 kg

6,8 kg

0,16 kg

0,76 kg

Punti forti

Ottima qualità di stampa, anche frameless

Ultra portatile

Qualità foto professionale ma veloce

Sensore di rilevamento carta automatico

Stampa senza bordi

Anche stampa su CD

Durata foto 100 anni

Stampa da memoria esterna

Carta retroadesiva

App per collage, adesivi, bordi ed editing

Supporta AirPrint

Stampe framed/frameless e mini fotolibro

Stampa su CD/DVD

App Canon Mini Print

Ricariche di diverse taglie

PC e smartphone

Con stampa puzzle foto più grandi (composite)

Durata foto 100 anni

Canon Print, Apple AirPrint (iOS), Mopria (Android)

Punti deboli

Percorso carta a gomito

Stampe di piccole dimensioni

Inchiostri durevoli (300 anni) ma costosi

Ricarica del 50% in 45 min

Scarsità di specifiche tecniche

Consumi elettrici

Cassetto formato smart card non incluso

Carta costosa

Solo formato cartolina

Batteria non inclusa

Solo wireless

Consumo elettrico elevato, alimentatore ingombrante

Bluetooth non sempre efficiente

Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa

Le stampanti fotografiche

Le stampanti fotografiche trasferiscono su carta fotografica i nostri scatti, in qualità elevata che duri per anni (anche per secoli!) e in tempi accettabili. Abbiamo creato questa pagina per aiutarvi a capire le differenze tra le viarie stampanti fotografiche e decidere quale stampante fotografica comprare.

Perché una stampante per foto?

Le maggiori aziende attive nel settore della fotografia e della stampa, come Canon, Epson e Sony, hanno iniziato a produrre questi apparecchi soprattutto perché con le fotocamere digitali prima, con gli smartphone e i tablet poi, capita continuamente di immortalare momenti divertenti o indimenticabili e si finisce per averne le schede di memoria o gli account cloud pieni. La verità è che senza una stampante per foto raramente ci si preoccupa di stampare i propri ricordi, che rischiano di andare persi per sempre.
Come sempre con queste macchine, anche per le stampanti per foto è importante chiarirsi le idee sui bisogni legati alla struttura della macchina, perché questo incide sulla sua praticità d’uso.
Iniziamo dagli elementi più importanti.Stampante fotografica - Struttura

Stampante fotografica A4 oppure portatile?

Rispetto a quelle tradizionali, le differenze tra stampanti fotografiche in termini di struttura possono essere rilevanti. Molti modelli, infatti, sono compatti per soddisfare il bisogno di poter avere subito a disposizione i ricordi di una vacanza, quindi rientrano nella tipologia delle stampanti fotografiche portatili, che rispetto alle portatili generiche spicca per l’elevata qualità di stampa (eccessiva per i documenti), la capacità di stampare nei formati mini (tipici delle foto) e il supporto di carta fotografica. In altri casi, invece, si possono trovare dei modelli da scrivania, stampanti fotografiche A4 maggiormente accessoriate, ad esempio con cassetti per la raccolta della carta, multifunzione, etc., ma con un peso maggiore e una struttura che esclude del tutto l’eventualità di portarle con sé agilmente.Stampanti fotografiche professionali

Stampante fotografica per smartphone

Una tipologia particolare che sta avendo una buona diffusione commerciale è quella delle stampanti fotografiche per smartphone, apparecchi tascabili pensati principalmente per essere connessi con facilità ai cellulari di ultima generazione, a volte consentendo anche l’applicazione sugli scatti di filtri spiritosi. Di fatto, rendono i device simili a delle macchine fotografiche istantanee, tanto che fra i produttori figura anche la rinomata azienda Polaroid, che ha brevettato la macchina fotografica a pellicole auto sviluppanti che vide il suo boom negli anni ’70. Tuttavia, è bene mettere in evidenza che al giorno d’oggi qualsiasi stampante (anche non tascabile) di qualità elevata, dotata di connettività wireless e compatibilità con iOS e Android può essere considerata come una stampante fotografica per smartphone.Stampante fotografica - Modelli portatili

Tecnologia di stampa

La tecnologia di stampa più idonea a ottenere l’ottima qualità necessaria in campo fotografico è senza dubbio quella a getto d’inchiostro, ma essa porta con sé anche i contro che abbiamo approfondito nella guida all’acquisto della stampante.
Ecco perché forse avrete sentito parlare della stampa termica a sublimazione o stampa termica diretta, una metodologia basata su una tecnologia piuttosto pratica da sempre sfruttata nella produzione di stampanti portatili. Questa impiega il calore per interagire con una carta di tipo chimico, adesiva o meno, per dare origine all’immagine in bianco e nero. Ad esempio, viene usata nel caso delle etichettatrici presenti nei supermercati. Alcune stampanti che offrono questa tecnica di stampa costringono a comprare dei kit proprietari contenenti la carta speciale e un toner contenente i pigmenti da fissare su di essa. Tendenzialmente sono più cari e inquinano maggiormente rispetto alla tecnologia più recente brevettata da Zink e indicata da subito con lo slogan di stampante fotografica senza cartucce, dal momento che la differenza nelle stampanti fotografiche Zink è proprio l’assenza del toner nel kit.

La stampante fotografica Zink

Cerchiamo di chiarire come mai non serva il toner con la stampa basata su tecnologia Zink, anticipando che quest’ultima è stata elaborata appositamente per le stampanti fotografiche portatili.Stampante fotografica ZinkZink deriva dall’inglese zero ink, zero inchiostro, un nome brevettato alla fine degli anni ’90 dall’omonima azienda statunitense che ancora oggi produce le carte chimiche di cui si alimentano i diversi modelli di stampanti fotografiche termiche con tecnologia Zink prodotte da Polaroid, LG e HP. Nelle stampanti Zink la carta è impermeabile, piuttosto resistente e adesiva. Si compone di tre livelli, ognuno dei quali contiene uno dei tre colori necessari alla stampa fotografica (C, M, Y), ognuno dei quali è anche caratterizzato da una diversa temperatura di attivazione e da un diverso tempo di fissaggio. Bisogna tenere in considerazione che la carta è più costosa, anche perché deve garantire la durabilità delle foto, e il consumo elettrico è più elevato rispetto alle stampanti fotografiche a getto di inchiostro.
Dopo Zink, altre aziende del settore hanno elaborato una tecnologia simile sempre basata sulla sublimazione termica a colori, rinominandola con diciture diverse, come la D2T2 nel caso di Kodak, ma nessuna è riuscita a imporsi sul mercato tanto quanto Zink.

Stampante fotografica a batteria

Il sistema di alimentazione è un altro elemento strutturale di cui si dovrebbe assolutamente tenere conto mentre si decide quale stampante fotografica comprare. Come per tutte le stampanti fotografiche portatili, in mancanza del cavo di alimentazione bisogna necessariamente far caso anche alla batteria. Normalmente è presente una comoda batteria al litio, ovvero una tipologia che garantisce tempi di ricarica e livelli di autonomia piuttosto buoni. Quest’ultima è indicata dai produttori di un determinato modello facendo riferimento al numero di scatti che è possibile stampare con una ricarica completa, a fianco dei tempi di ricarica necessari per ricominciare a stampare. 

Qualità di stampa

Se avete letto la nostra guida all’acquisto della stampante avrete già chiari i concetti di risoluzione e DPI (Dots-per-Inch, punti per pollice), indispensabili per valutare la qualità di stampa di un certo modello. Naturalmente bisogna aspettarsi che la qualità di stampa sia minore tanto più piccola è la stampante fotografica, per cui un modello tascabile avrà una risoluzione intorno ai 300 DPI, mentre una compatta che offra la possibilità di stampare anche formati cartolina si aggirerà intorno ai 1.200 DPI, fino ad arrivare alle stampanti da scrivania capaci di stampare su carta fotografica in formato A4, che sfondano, con l’ausilio delle tecniche di ottimizzazione della risoluzione, i 1.200 e anche i 5.000 DPI.
Stampante fotografica - Qualità della stampa

Velocità di stampa per le foto

Nel caso della stampa di foto, se si parla di una serie o di un intero album di fotografie bisogna controllare la velocità e la frequenza di stampa del modello a cui si è interessati. Scordatevi di effettuare un’operazione del genere con le stampanti fotografiche per smartphone tascabili: l’efficienza nei tempi di lavoro necessari per la stampa di tante fotografie tutte insieme cambia notevolmente. Di norma, una stampante fotografica tascabile consente di stampare una fotografia in circa 30-60 secondi, il dato cambia in base al formato che si manda in stampa.Stampante fotografica - Velocità di stampa

Consumi di una stampante fotografica

Veniamo ai consumi della stampante fotografica. Come al solito, il fronte-retro automatico aiuta a non sprecare la carta, ma questo è disponibile solo nei modelli più ingombranti.

Risparmio energetico

Un elemento che potreste trovare particolarmente utile è la dotazione di una modalità di risparmio energetico, ovvero l’opzione di programmare la stampante affinché si spenga automaticamente. In questa maniera avrete un abbattimento del consumo energetico della stampante. Su una stampante fotografica portatile, questo tipo di modalità potrebbe risultare di estrema importanza per non esaurire subito la batteria.

Cartucce

Le stampanti compatte e le super-compatte, ovvero quelle pensate per essere trasportate, hanno solamente due vani per l’inchiostro, uno per il nero e uno per la cartuccia tricroma che contiene ciano, magenta e giallo (C, M, Y). Questo rappresenta uno spreco, perché è impossibile che i colori vengano consumati tutti insieme allo stesso livello. Se si pensa di stampare volumi importanti sarebbe meglio in questo senso optare per un modello a serbatoi. Infine, se si sceglie una stampante fotografica Zink, nonostante ci sia lo svincolo dall’acquisto delle cartucce è bene comunque valutare il costo della carta e dell’energia elettrica.

Connettività

Ecco una tabella riassuntiva per chi ha già familiarità con le tecnologie di connettività dei dispositivi elettronici. Per avere qualche chiarimento in più basta proseguire la lettura.

Tipologia Descrizione
Wi-Fi Collegamento tramite rete Wi-Fi locale
Bluetooth Collegamento tra dispositivi senza il supporto di una rete Wi-Fi
NFC Collegamento tramite tocco di dispositivi abilitati
USB Collegamento fisico tra dispositivi
Slot SD Slot per schede di archiviazione microSD

Stampanti fotografiche wireless

La connettività wireless risulta particolarmente utile associata ai modelli pensati per essere trasportati, e incide molto sulla versatilità d’uso della stampante.
Stampante fotografica - Connettività della stampanteQuando cercate di capire quale stampante fotografica comprare, considerate l’insieme delle connessioni senza fili, con i pro e i contro di ognuna.

Wi-Fi
Perché possa funzionare avrete bisogno di una rete Wi-Fi a cui collegare i vostri dispositivi e la stampante, rimanendo all’interno del raggio d’azione del router. Si tratta di un tipo di connessione molto utile nella stampa per foto, perché può darsi che abbiate bisogno di elaborare le immagini che tenete sui vostri dispositivi domestici (notebook, tablet, PC, etc.).

Bluetooth
A differenza della connessione Wi-Fi, le stampanti fotografiche che utilizzano la connettività Bluetooth non hanno bisogno di una rete domestica (e quindi di un router) per collegarsi ad uno dei vostri dispositivi, dandovi così la possibilità di stampare le vostre foto e quelle degli amici anche all’esterno.

NFC
La connettività radio NFC (Near Field Communication) si stabilisce a stretta vicinanza fisica tra due dispositivi, è molto comune negli smartphone e nei dispositivi mobili che utilizzano i sistemi operativi Windows, Android e iOS. I punti di forza di questa tecnologia consistono nella facilità di collegamento, nella velocità di trasmissione e nella sicurezza, dal momento che è un collegamento radio parecchio stabile.

Connettività fisica

Le porte fisiche che si trovano normalmente sulle stampanti fotografiche sono sostanzialmente due, ovvero quelle USB e gli slot SD, oltre all’ingresso per il trasformatore. Questi due tipi si porte sono utili nella stampa per foto, perché permettono di inserire le cosiddette penne USB e le schede micro SD nella macchina per stampare i file direttamente, senza ricorrere all’intermediazione di altri dispositivi. Si tratta dunque di una dotazione molto utile che renderà ancor più versatile la stampante per foto.

Compatibilità con i dispositivi

Molte stampanti fotografiche sono concepite per funzionare in sincronia con PC, smartphone, tablet e i loro sistemi operativi, dunque Windows, Android e iOS. In questo senso, come detto, valutare i livelli di compatibilità può risultare molto importante se desiderate utilizzare lo smartphone in collegamento con la stampante per ottenere istantaneamente la stampa dei vostri scatti.Stampante fotografica - Compatibilità

Software o App proprietari

A completare il punto precedente, va considerato se siano presenti software o applicazioni sviluppati dal produttore, ad esempio per controllare da remoto la stampante fotografica (direttamente dallo smartphone o da altri dispositivi), oppure per gestire il cloud proprietario o il post editing. Questi programmi offrono il vantaggio di sfruttare tutte le caratteristiche della stampante per foto, spesso direttamente dal palmo della nostra mano: accensione/spegnimento, modalità risparmio, selezione delle immagini da mandare in stampa e molto altro ancora.

Le domande più frequenti sulle stampanti fotografiche

Che tipi di carta usare per stampare foto?

Il tipo di carta aumenta il livello di versatilità della stampante fotografica. Un normale foglio da lavoro di carta in formato A4 ha un grammatura che si aggira tra i 60 e i 105 g/m², mentre supporti più spessi, come per l’appunto la carta fotografica, possono anche arrivare a raggiungere una grammatura massima di 300 g/m². Decidere di affidarsi esclusivamente alla carta proprietaria del brand, indicata come compatibile nelle specifiche tecniche, garantisce un risultato finale ottimizzato, ma vi lega ai prezzi decisi dal produttore, oltre al fatto che un giorno quella carta potrebbe finire fuori produzione. Potrebbe essere interessante poter usare la carta trasferibile, perché con il successivo impiego del ferro da stiro consente di trasferire la foto su supporti in tessuto, come le t-shirt di cotone. La massima longevità è assicurata se la stampante fotografica supporta formati standard (es. A4), insieme alla grammatura di carta fotografica massima tecnicamente possibile.Stampante fotografica - Grammatura

Quali sono i formati di stampa per le foto?

I tipi di formato che una stampante fotografica è in grado di supportare sono altrettanto importanti per comprendere la versatilità della macchina. Si tenga presente che questo elemento dipende fortemente dalle dimensioni e dalla struttura della stampante fotografica, perciò se avete scelto un modello tascabile Zink sarà piuttosto difficile che esso possa gestire formati che vadano oltre la fotografia 10 x 15.
Valutiamo l’utilità dei formati di foto:

  • Stampanti fotografiche formati Mini, nell’ordine degli 1-2 cm;
  • A norma ICAO, tra 4 e 4,5 x 3,2 e 3,5 cm, utile per documenti legali, inclusi passaporto italiano (3,5 x 4 cm) e carta d’identità italiana (3,5 x 4,5 cm);
  • Foto quadrata, 5,2 x 5,2 cm, utile per il passaporto USA;
  • Smart card, standard A8 7,4 x 5,2 cm, ma in alcuni casi può partire dai 5 cm e superare gli 8 cm di larghezza;
  • Cartolina, standard A6 da 10,5 x 14,8 cm. Variazioni non standard, ma comuni, sono quelle che seguono le tradizionali foto sviluppate da pellicola in rapporto 3:2 e inserite negli album di famiglia (10 x 15, 12 x 18 e 13 x 19);
  • A4 o superiori, con cui è possibile realizzare ritratti, grandi disegni per t-shirt, album sfogliabili e quadri.

Per concludere alcune stampanti consentono anche la stampa frameless (senza bordo), oltre a quella framed (con bordo) di alcuni millimetri, personalizzabili nei modelli più costosi.

Quali sono le principali marche di stampanti fotografiche?

Con una certa approssimazione è possibile affermare che in generale il brand è un criterio di scelta fondamentale.
La fama di un brand si lega a prodotti di alta qualità, al suo grado di efficienza e affidabilità su tutti i livelli, dalle prestazioni finali alla durata, alle componenti meccaniche, a quelle software e agli inchiostri usati per stampare. Decidere quale stampante fotografica comprare significa anche esaminare i produttori noti, che offrono sicurezza per quanto riguarda l’assistenza fornita al cliente, nei termini di servizi di centralino, di garanzia sul prodotto e di personale specializzato. Le maggiori case produttrici nel settore sono certamente Epson, Canon, Polaroid HP.

Quanto costa una stampante fotografica?

Il prezzo di una stampante fotografica varia rispetto alle sue caratteristiche strutturali e tecniche. I modelli dal prezzo più basso permettono la stampa solo con alcuni formati e con consumi (energetici e d’inchiostro) a volte troppo alti. Modelli super-compatti possono invece avere prezzi molto elevati, offrendo però prestazioni nella media. Per uso professionale è sempre meglio puntare su un modello fisso, anziché su una stampante fotografica portatile.
In genere sul mercato sono presenti due fasce di prezzo:

  • Fascia di prezzo d’entrata: con una spesa che si aggira intorno agli 80-100 € si può acquistare una stampante fotografica poco versatile, utile se avete un bisogno specifico definito, come quello di avere una semplice stampante fotografica per smartphone;
  • Fascia di prezzo alta: prodotti con un costo che va oltre i 130 € sono forniti, a seconda, di funzioni ulteriori alla stampa di foto, display touch screen, porte USB, slot SD, Bluetooth, NFC e app personalizzate.

Copyright Klikkapromo srl – È vietato ogni sfruttamento non autorizzato