Le migliori farine di riso del 2022

Confronta le migliori farine di riso del 2022 e leggi la nostra guida all'acquisto.

Amazon
5,50 €
GranFarma
3,20 €
Amazon
23,90 €
Amazon
3,92 €
Amazon
13,98 €
Amazon
4,00 €
Farmacia Loreto
6,91 €
Doc Peter
6,97 €
1000 Farmacie
7,58 €

Tipo

Farina di riso

Farina di riso

Farina di riso

Farina di riso

Farina di riso

Raffinatezza

n.a.

n.a.

n.a.

n.a.

n.a.

Regione di produzione

Emilia-Romagna

Campania

n.d.

Piemonte

Molise

Proteine per 100 g

7,5 g

7 g

n.d.

8,21 g

n.d.

Senza glutine

Punti forti

Da agricoltura biologica

Da riso 100% italiano

Da agricoltura biologica

Da riso biologico italiano

Ideale per tutti i tipi di ricette

Da riso integrale coltivato in Italia

Confezione richiudibile

Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa

La farina di riso

Sul mercato, al giorno d’oggi, sono disponibili numerose tipologie di farine, ognuna destinata a un uso diverso. Tra quelle più richieste ricordiamo la classica 00 di grano tenero, come anche quella di farro, di castagne o di ceci. Insomma le possibilità sono talmente tante che sarà possibile accontentare tutti. Per poter approfondire tutti gli aspetti che riguardano l’alimento alla base della preparazione di così tanti piatti, consigliamo la lettura della nostra guida all’acquisto dedicata alla farina, che si trova in questo link.
farina di riso
In questa pagina invece ci soffermeremo sulla descrizione delle numerose caratteristiche di una tipologia molto apprezzata negli ultimi anni, soprattutto perché priva di glutine, ovvero la farina di riso. Vediamo insieme in cosa si differenzia dal resto di farine presenti in commercio e quali sono gli aspetti da considerare in vista di un eventuale acquisto.

Coltivazione e lavorazione della farina di riso

La farina di riso, così come indica il suo nome, viene prodotta dal riso, uno dei cereali più diffusi al mondo e tra i più impiegati per quanto riguarda l’uso alimentare. Il riso cresce nelle risaie, dei campi sommersi da acqua, e verso il periodo autunnale, quando è maturo, viene raccolto mediante particolari macchinari. In questa prima fase di raccolta il riso ancora non è pronto per essere consumato perché avvolto dagli invogli. In una seconda fase del processo di lavorazione, gli invogli vengono eliminati ottenendo così chicchi di riso integrale che verranno poi sottoposti a processi di brillatura, che eliminerà la parte più esterna del chicco lasciando soltanto il cuore. A questo punto si esegue la macinatura del riso brillato, ottenendo così la farina. Generalmente la grana è molto fine e può essere utilizzata sia per confezionare farina di riso destinata alla vendita diretta per il consumatore che per la produzione di pasta di riso.

farina di riso lavorazione

Valori nutrizionali della farina di riso

La farina di riso è un alimento di gran lunga più utilizzato nella cucina orientale rispetto a quella occidentale, anche se negli ultimi anni è stata sempre più introdotta per l’assenza di glutine che la rende particolarmente adatta alle persone celiache. Da un punto di vista nutrizionale non ci sono grandi ed evidenti differenze con la farina di frumento, salvo per l’assenza di glutine, come già accennato in precedenza, e una maggiore presenza di amidi. Per quanto riguarda la fibra, questa è quasi nulla, perché si perde durante tutti i processi di lavorazione a cui è sottoposto il cereale. In linea di massima, per 100 g di farina di riso sono presenti:

  • Acqua: per circa 13 g, così come anche in altri tipi di farine. Si tratta di un contenuto molto basso perché il riso per essere conservato viene essiccato perdendo così gran parte dell’acqua;
  • Proteine: circa 7 g, si tratta di una quantità molto più bassa rispetto ad altre farine, inoltre il glutine, come già ripetuto, non è presente;
  • Carboidrati: circa 87 g di cui 79 g sono rappresentati dall’amido. La presenza così elevata di amido nella composizione della farina di riso lo rende molto più calorico rispetto ad altre varietà di farine presenti sul mercato;
  • Grassi: circa 0,5 g, una quantità davvero minima;
  • Sali minerali: così come i grassi anche i sali minerali, fatta eccezione per il potassio, sono davvero molto pochi a causa delle diverse lavorazioni che il riso subisce prima di essere macinato e trasformato in farina.

farina di riso valori nutrizionali

Benefici della farina di riso

La farina di riso, grazie ai valori nutritivi da cui è caratterizzata, presenta diverse proprietà che sono senza dubbio vantaggiose per la salute del consumatore. Tra i vari benefici di cui è possibile giovare introducendola nella dieta quotidiana abbiamo:

  • Alta digeribilità: la farina di riso rispetto ad altre farine è altamente digeribile, questo perché la struttura dell’amido presente in grande quantità è di dimensioni molto più piccole, quindi è più facilmente “preda” degli enzimi digestivi, di conseguenza la digeribilità migliora tantissimo;
  • Gluten-free: altro vantaggio di questa speciale farina è l’assenza di glutine, che la rende particolarmente adatta a celiaci o persone con intolleranze alla nota proteina. Le persone affette da celiachia dovranno verificare che il prodotto acquistato sia gluten-free grazie all’apposita dicitura riportata sulla confezione;
  • Fonte di vitamina B: un beneficio non da poco è la presenza di vitamine del gruppo B, utilissime nell’aiuto delle funzioni metaboliche. Tra queste ricordiamo la tiamina e la riboflavina, importanti nel metabolismo energetico dei carboidrati, e la niacina che invece dà supporto alla circolazione sanguigna e al sistema nervoso;
  • Ricca di potassio: un vantaggio non da poco della farina di riso è la presenza in grandi quantità di potassio, minerale coinvolto nella regolazione della pressione. Inoltre, essendo povera di sodio, può aiutare ad abbassare la pressione arteriosa.

farina di riso benefici

Come scegliere la farina di riso

Gli aspetti osservati finora si riferiscono soprattutto alle caratteristiche generali della farina di riso, come la sua lavorazione, i valori nutrizionali o anche le proprietà e vantaggi per il nostro organismo. Ma durante l’acquisto di una farina è necessario conoscere e approfondire anche altri parametri che riguardano le diverse tipologie e qualità presenti sul mercato. Soltanto in questo modo sarà possibile fare una scelta mirata e consapevole, che soddisfi appieno le proprie reali esigenze.

Tipologie

Così come per la farina di frumento anche per quella di riso sarà possibile scegliere tra diverse tipologie. Nello specifico vi potrete trovare dinanzi a tre varietà tutte prive di glutine:

  • Farina di riso: si tratta della varietà classica, definita spesso farina di riso glutinoso, anche se in realtà non presenta glutine. Questo appellativo le è stato attribuito per descrivere la sua consistenza e viscosità;
  • Amido di riso: quando si parla di amido di riso si è soliti cadere nell’errore di credere che si tratti di semplice farina di riso. In realtà non sono la stessa cosa. Quest’ultimo infatti viene ottenuto mediante un ulteriore processo di scomposizione delle polveri che rende il composto ottenuto ancora più addensante e solubile. L’amido di riso è ideale per la preparazione di zuppe e dolci;
  • Farina di riso integrale: com’è facile immaginare, la farina di riso integrale proviene dalla macinazione del riso non sottoposto a brillatura.

farina di riso senza glutine

Qualità

Quelle descritte nel paragrafo precedente sono le diverse tipologie di farine di riso presenti in commercio, che però a loro volta si possono ulteriormente distinguere per la qualità. Negli ultimi anni infatti è sempre più diffusa, soprattutto per questo tipo di alimento, la produzione di prodotti biologici, pertanto sarà facile acquistare della farina di riso bio presso qualsiasi negozio sia online che fisico specializzato. Si tratta certamente di una maggiore garanzia per il consumatore, che in questo modo sarà sicuro di acquistare un prodotto derivante da agricoltura priva di uso di pesticidi o altri prodotti chimici.

farina di riso biologica

Usi alimentari e non

L’uso principale della farina di riso è senza dubbio quello alimentare. Bisogna sottolineare che questo tipo di farina non è adatta alla lievitazione, quindi spesso viene utilizzata insieme ad altre varietà; si tratterebbe però di ricette non adatte ai celiaci. Allo stesso tempo può essere utilizzata per preparare dolci che non abbiano bisogno di lievitazione o anche per fare dei golosi biscotti, torte, besciamella, gnocchi o crackers. La farina di riso può essere anche una valida alternativa al burro per mantecare il risotto a fine cottura o come impanatura per le fritture. Altro utilizzo della farina di riso è quello cosmetico, infatti può essere utilizzata come deodorante naturale, come cipria insieme all’amido di mais o anche per realizzare una nutriente maschera del viso.

farina di riso uso alimentare

Conservazione e scadenza

Così come per le altre farine in commercio, anche la farina di riso, per mantenere nel tempo tutte le sue proprietà, nonché il suo aspetto, deve essere conservata in modo corretto. Il consiglio è di riporla in barattoli di vetro o di plastica con chiusura ermetica, lontani da fonti di luce o calore diretto. È molto importante anche che venga conservata in un luogo fresco e asciutto, per evitare che la sua composizione si alteri. Per quanto riguarda la scadenza è consigliabile consumare la farina di riso entro 6-8 mesi dall’apertura della confezione, e qualora fosse chiusa, è preferibile non consumarla oltre la data di scadenza indicata.

Confezione

La confezione classica di farina di riso è quella da 1 kg, quantità diffusa anche per tutte le altre tipologie di farine alimentari. Si tratta di un formato molto comodo poiché può essere facilmente consumato in poche settimane. Per alcune qualità più particolari come l’amido di riso, sarà facile reperire anche confezioni più piccole da 120 g o da 350 g, più adatte a chi non ne fa un grande uso. Mentre al contrario per chi invece abbia introdotto appieno la farina di riso nella propria dieta giornaliera sono presenti confezioni formato extra da 5 kg.

farina di riso confezione

Le domande più frequenti sulla farina di riso

Quanto costa la farina di riso?

Il prezzo della farina di riso è leggermente più alto rispetto a quello della farina di grano tenero, questo perché si tratta di un alimento più ricercato e specifico. Il costo medio di una confezione da un 1 kg varia dai 3€ ai 4€, valore che per le qualità biologiche può aumentare anche fino a 12€ al kg, a seconda della marca scelta. In alcuni casi per le confezioni più grandi, come quelle da 5 kg, il prezzo diventa più conveniente e vantaggioso, corrispondente a circa 14€.

Quali sono le migliori marche di farina di riso?

Oggi la farina di riso è proposta dalla maggior parte delle marche specializzate in prodotti di questo tipo. Tra le più note ricordiamo Molino Rossetto, Caputo, Le Farine Magiche, Bongiovanni Farine e bontà, Oltresole, Probios e Biosun. Come sempre, il nostro consiglio è di orientarvi verso un prodotto di qualità, a prescindere dalla notorietà della marca.

farina di riso marca

Dove acquistare la farina di riso?

I luoghi dove poter acquistare farina di riso sono molteplici e possono essere sia online che fisici. L’acquisto in rete della farina di riso è reso molto semplice dalla grande quantità di store online e di marketplace, dove sarà possibile reperire tutte le tipologie che abbiamo descritto. L’alternativa è l’acquisto presso supermercati o negozi specializzati in cibi biologici; in questi ultimi certamente sarà più facile trovare le varietà gluten-free.

Quali ricette si possono fare con la farina di riso?

Come abbiamo visto la farina di riso può avere sia uso alimentare che cosmetico. Ci occuperemo adesso di alcune delle principali ricette che è possibile realizzare con questo prodotto:

  • Tempura: la farina di riso può essere usata per preparare la pastella tipica della tempura giapponese, quindi per friggere verdure e quant’altro;
  • Pizza gluten-free: chi invece per motivi di salute non può consumare glutine ma non vuole rinunciare al sapore di una buona pizza, potrà utilizzare la farina di riso per preparare l’impasto. Alcune marche in realtà offrono preparati con farine miste senza glutine in grado di rendere l’impasto più elastico;
  • Crêpe: avete voglia di golose crêpe, dolci e salate ma siete intolleranti o allergici al glutine? Grazie alla farina di riso sarà possibile prepararle e gustarle in tutta tranquillità e sicurezza;
  • Pan di Spagna: è un’ottima base per preparare molti altri tipi di dolci e può essere realizzato sostituendo completamente la farina normale con quella di riso. Il risultato sarà un pan di Spagna alto, soffice e morbido, ma soprattutto gluten-free.

Copyright Klikkapromo srl – È vietato ogni sfruttamento non autorizzato