I migliori ventilatori a soffitto del 2024

Confronta i migliori ventilatori a soffitto del 2024 e leggi la nostra guida all'acquisto.

amazon
394,95 €
amazon
36,89 €
colombodimaresso
108,90 €
eurobrico
119,90 €
elmaxweb
114,14 €
medialux
395,36 €
voltair
39,89 €
amazon
109,05 €
amazon
121,00 €
amazon
126,90 €
epriceit
523,63 €
bricoioit
143,90 €
matyco
134,99 €
centropiazzolla
189,00 €
puntolucenet
136,64 €
puntolucestore
225,10 €
cacciavillanireit
151,64 €

Dati tecnici

Diametro pale

168 cm

92 cm

107 cm

35 cm

90 cm

Stanze fino a

40 m²

18 m²

22 m²

n.d.

16 m²

Illuminazione

Attacco lampada

LED integrato

n.d.

LED integrato

LED integrato

n.d.

Velocità

3

5

3

3

Fissa

Reversibile

Lunghezza cavo

22 cm

55 cm

n.d.

n.d.

49,5 cm

Montaggio obliquo

Comando

Telecomando

Interruttore a muro

Telecomando / interruttore a muro

Telecomando / interruttore a muro

Telecomando / interruttore a muro

Consumo

90 W

55 W

60 W

80 W

70 W

Punti forti

Con telecomando

Scocca e pale in metallo

4 pale a scomparsa

Tre livelli di intensità luminosa

Predisposto per comando a muro o telecomando

LED integrato

Anche per soffitti inclinati

Tre velocità

Funzione luce notturna

Predisposto per modulo luce

Consumi molto bassi

Con telecomando

Timer a 1, 2, 4 ore

Motore duraturo di buona qualità

Made in Italy

Punti deboli

Solo comando a muro

Non mantiene le impostazioni della luce alla riaccensione

Per stanze piccole

Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa

Come scegliere il ventilatore a soffitto

Il ventilatore a soffitto è un apparecchio che forse in tanti considerano ormai obsoleto, abituati come siamo ad affidarci ai ventilatori (tradizionali o a colonna) o ai condizionatori per trovare sollievo dalla calura estiva. Eppure l’installazione di un ventilatore a soffitto può presentare una serie di vantaggi rispetto alle altre soluzioni per il raffrescamento, alle quali si può tranquillamente affiancare per massimizzarne gli effetti.Ventilatore a soffitto

Vantaggi del ventilatore a soffitto

Un ventilatore a soffitto, tanto per cominciare, non ingombra: rimane sospeso sopra la testa e non occupa spazio a livello del pavimento. Inoltre, i consumi elettrici di un ventilatore di questo tipo sono molto bassi: sempre al di sotto dei 100 W di assorbimento anche alla massima velocità di ventilazione o poco sopra nei modelli con illuminazione (il consumo della luminaria va però calcolato a parte, essendo le lampadine sostituibili e dall’assorbimento variabile).Ventilatore a soffitto designAl contrario di molti condizionatori portatili o a parete, poi, i ventilatori a soffitto sono disponibili in tantissime varietà e fogge e possono facilmente costituire un complemento d’arredo ben integrato con lo stile della vostra casa. Anche la rumorosità, in generale, è molto contenuta, per cui può venire installato in camera da letto e usato nottetempo senza turbare eccessivamente il sonno.
Al di là dello stile e del design, però, ci sono altre caratteristiche di un ventilatore a soffitto che consigliamo di valutare prima di procedere all’acquisto. Vediamo quali.

Pale

Il primo aspetto da valutare riguarda ovviamente le pale del ventilatore. Non ci riferiamo tanto al numero delle pale, che non ha in sé una grande influenza sull’efficacia del ventilatore, quanto piuttosto al diametro di pala, cioè il diametro del cerchio descritto dalle pale in movimento.
Il diametro di pala deve infatti essere commisurato alle dimensioni della stanza dove il ventilatore verrà installato: più grande il locale, maggiore deve essere il diametro. Riassumiamo alcuni valori indicativi nella seguente tabella:

Diametro di pala Superficie
90 cm 10 m²
100 cm 20 m²
130 cm 25 m²
150 cm 30 m²
170 cm 40 m²

La ragione di questa correlazione è semplice: più grande è il diametro di pala, maggiore è la quantità d’aria mossa dal ventilatore, meglio se ne sente l’effetto in locali ampi. Sconsigliamo in generale di acquistare un ventilatore sovradimensionato rispetto al locale: non solo l’effetto visivo non sarà gradevole, ma la ventilazione rischierà di essere troppo forte. Una performance ottimale, anche dal punto di vista del consumo energetico, si ottiene scegliendo un ventilatore delle dimensioni giuste per la stanza che lo dovrà accogliere.

Installazione

Stabilito di che diametro di pala avete bisogno, dovete badare ad altri particolari concernenti l’installazione del ventilatore a soffitto. In base alla disposizione della stanza, all’altezza o all’inclinazione del soffitto avrete bisogno di determinate caratteristiche.

Il cavo

Innanzitutto dovete verificare la lunghezza massima del cavo di alimentazione e della relativa asta rigida: vi sono infatti modelli che possono essere installati solamente molto vicino al soffitto, altri che permettono invece una maggiore libertà nel decidere a che altezza tenere le pale, e altri ancora che non prevedono alcuna flessibilità in altezza.Ventilatore a soffitto astaIn caso di soffitti molto alti è comunque possibile, con un piccolo intervento da elettricisti, connettere un cavo-prolunga.

L’installazione in obliquo

Se dovete installare il ventilatore su un soffitto inclinato in una mansarda, poi, dovete accertarvi che il modello scelto sia compatibile con l’installazione in obliquo: in alcuni casi il kit di installazione apposito si trova già incluso nella fornitura. In caso di installazione in obliquo, ovviamente, dovrete accertarvi di avere un cavo sufficientemente lungo da evitare che le pale vengano a contatto con il soffitto discendente. L’angolo massimo del soffitto viene comunque quasi sempre indicato in quei modelli che sono installabili su questo tipo di soffitti.

Il comando

Non dovete poi dimenticarvi di capire come possiate controllare il ventilatore a soffitto una volta installato: i modelli “classici” hanno un interruttore a cordicella che si aziona tirando una catenella attaccata al corpo motore del ventilatore.Ventilatore a soffitto cordicellaIn molti casi, però, è possibile collegare il ventilatore a un interruttore a muro (fornito di solito nella confezione, ma acquistabile anche separatamente), che potete anche installare da soli se avete sufficiente dimestichezza con questo tipo di lavoretti domestici.Ventilatore a soffitto telecomandoUna terza possibilità è quella del telecomando: molti modelli, anche molto economici, adottano questa soluzione che semplifica l’installazione e si traduce in un maggiore comfort per l’utilizzatore. Le batterie per il telecomando, però, non sono quasi mai incluse nella fornitura.

Funzioni

Non dovreste mai dare per scontato, ingannati dalla semplicità costruttiva di questo tipo di apparecchio, che i ventilatori a soffitto siano tutti uguali e abbiano tutti le stesse funzionalità, perché così non è. Accertatevi dunque di che cosa un ventilatore possa fare prima di acquistarlo, così da non rimanere delusi. Vediamo qui di seguito le principali funzioni che un ventilatore di questo tipo può avere.

Velocità di ventilazione

Pensate ad esempio alle velocità di ventilazione: potreste facilmente pensare che tutti i ventilatori a soffitto ne abbiano un certo numero, e invece esistono anche modelli a velocità fissa. Nei comunque tanti modelli a velocità regolabile, poi, si possono trovare diversi step di incremento e decremento della velocità: possono essere solo tre o arrivare fino a cinque, in qualche raro caso andare anche oltre.

Reversibilità

Una funzione particolare e che pensiamo sia sconosciuta ai più è quella della reversibilità della rotazione. Se osservate un qualunque ventilatore a soffitto, noterete che le pale non sono perpendicolari al terreno, bensì leggermente inclinate. Con la rotazione “normale” in senso antiorario questa inclinazione genera un flusso d’aria discendente che è poi esattamente quello che dà sollievo alla sensazione di calore intenso.
L’inversione del senso di rotazione genera un flusso d’aria nella direzione opposta, ovvero una sorta di risucchio che sposta l’aria verso il soffitto.Ventilatore a soffitto convezioneQuesta funzione ha la sua utilità nei mesi invernali: l’aria calda tende infatti ad accumularsi nella parte alta di un locale, lasciando nella parte bassa l’aria più fresca. Risucchiare l’aria fresca verso l’alto (come illustrato qui sopra) genera lo spostamento di quella calda in un moto convettivo, con il risultato che il calore viene distribuito più uniformemente nell’ambiente, aumentando il vostro comfort e ottimizzando anche i consumi del vostro impianto di riscaldamento.
È una funzione dunque particolarmente interessante per quelle abitazioni dai soffitti molto alti che in inverno risultano spesso difficili da riscaldare proprio a causa del modo in cui l’aria si stratifica naturalmente nell’ambiente.

Illuminazione

La ormai soverchiante maggioranza dei ventilatori a soffitto è predisposta anche per l’illuminazione: al corpo motore si innestano cioè uno o più attacchi per lampadine, a volte protette da una plafoniera, altre lasciate a vista.
Alcuni modelli sono studiati come veri e propri lampadari con le pale, altri presentano evidentemente l’illuminazione come un semplice extra alla funzione principale di raffrescamento, altri ancora (ormai molto pochi, per la verità) non hanno alcun attacco per lampadine.Ventilatore a soffitto tre lampadeSe vi interessa che il vostro ventilatore a soffitto abbia effettivamente l’illuminazione integrata, fate solo caso a quanti attacchi siano presenti (possiamo contarne fino a cinque in taluni modelli) e di che tipo essi siano. Può capitare anche di trovare ventilatori con luce LED integrata: in questi casi, spesso, i LED non sono sostituibili e in caso di guasto richiedono la sostituzione ad opera del produttore.
Le lampadine, ad ogni modo, non sono quasi mai incluse nella fornitura: dovrete o avrete comunque sempre la libertà di scegliere voi quelle dal wattaggio e dalla temperatura che volete.

Le domande più frequenti sul ventilatore a soffitto

Quali sono le migliori marche di ventilatori a soffitto?

Se fate una semplice ricerca online potete notare immediatamente come la stragrande maggioranza dei produttori di ventilatori a soffitto vi siano del tutto sconosciuti. Gli unici dal suono familiare sono Vortice, noto marchio italiano della ventilazione, Faro, che invece è un brand spagnolo specializzato nell’illuminazione, e Westinghouse, marchio storico statunitense per cui lavorò a suo tempo anche Nikola Tesla.
Sebbene sia chiaro che questi tre marchi possano garantire una qualità costruttiva superiore, in generale la semplicità del funzionamento di un ventilatore a soffitto è tale che anche i modelli molto economici possano durare a lungo senza problemi.

Come pulire il ventilatore a soffitto?

Se usate il ventilatore solo in primavera ed estate, il consiglio è di pulirlo subito prima della messa in funzione. Se invece lo usate anche d’inverno, consigliamo di pulirlo almeno due volte all’anno, una volta all’inizio della bella stagione e una prima dell’inizio del freddo invernale.
Ciò premesso, la pulizia è piuttosto facile: tutto quello che vi serve è un panno antistatico o in microfibra per catturare la polvere e una scaletta per raggiungere le pale. Non è necessario né inumidire il panno, né utilizzare detergenti. Se la prospettiva di usare una scaletta non vi è gradita, potete optare per uno spolverino montato su un manico telescopico o, se ce l’avete, per l’aspirapolvere con spazzolina morbida ed eventuale raccordo snodato.
Se riuscite, raccomandiamo di partire dall’alto, ovvero dall’innesto del ventilatore al soffitto, e di procedere verso il basso, così da rimuovere gradualmente la polvere. Non trascurate di pulire la plafoniera del motore da ambo i lati e di spolverare entrambe le facce delle pale per l’intera lunghezza. Nei modelli in cui le eventuali lampadine siano installate a loro volta dietro una plafoniera, è consigliabile staccare quest’ultima e sciacquarla con acqua corrente, così da rimuovere tanto la polvere quanto eventuali insetti che possano esservisi accumulati.
Una volta ultimata la pulizia ed eventualmente rimontata la plafoniera (ben asciutta!), passate la scopa o l’aspirapolvere nell’area al di sotto del ventilatore, così da raccogliere tutto quanto possa essere caduto.

Esistono ventilatori a soffitto senza pale?

, è un’evoluzione degli ultimi anni. Più che essere davvero privi di pale, questi modelli hanno una sorta di turbina nascosta dietro una griglia o all’interno di una plafoniera, ma per il resto il principio di funzionamento è esattamente lo stesso. Fanno eccezione i ventilatori senza pale della francese Exhale Fans, il cui funzionamento ricorda quello dei purificatori d’aria Dyson: aspirano l’aria dall’ambiente circostante e la ridistribuiscono in tutto l’ambiente, proiettandola verso il soffitto anziché verso il pavimento così da generare un moto convettivo omogeneo.

Si può installare il ventilatore a soffitto anche all’esterno?

La risposta a questa domanda è , a condizione però di acquistare un ventilatore espressamente progettato per l’installazione in esterno (sotto una tettoia, in un gazebo, in una veranda). Un ventilatore per esterni deve idealmente avere una protezione IPX5 per resistere anche agli schizzi d’acqua più generosi e non rappresentare un rischio per la vostra casa.

Quanto costa un ventilatore a soffitto?

Un ventilatore a soffitto, in generale, non costa molto. Vi sono moltissimi modelli acquistabili a meno di 100 € e quelli in assoluto più economici possono costare anche meno di 50 €. Il prezzo può salire di molto se scegliete un modello di buona marca e di design: in questi casi si sfonda facilmente la soglia dei 200 €.

Come deve girare il ventilatore a soffitto?

Come spiegato per esteso più sopra, il senso di rotazione deve essere antiorario in modalità estiva e orario in modalità invernale.


Copyright Klikkapromo srl – È vietato ogni sfruttamento non autorizzato

Domande e risposte su Ventilatore a soffitto

  1. Domanda di Emiliano | 27.06.2020 20:59

    Nel caso di un ventilatore con luce
    La luce la si potrà spegnere/accendere anche sempre dell’interruttore originale della casa?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 29.06.2020 09:23

      Sì, basta fare i collegamenti corretti.