I migliori smart TV box del 2018

Confronta i migliori smart TV box del 2018 e leggi la nostra guida all'acquisto.

Il più versatile

GooBang Doo XB-III

Migliori offerte
Spedizione inclusa
TipologiaAndroid TV (v 7.1)
Risoluzione4K
Memoria16 GB
RAM2 GB
Wi-FiDual Band
Punti forti
  • Tastiera inclusa
  • Antenna DB esterna
  • Compatibile con molti dispositivi Bluetooth
Punti deboli
    Nessuno

Il miglior rapporto qualità-prezzo

Amazon Fire TV Stick Basic Edition

Migliori offerte
Spedizione inclusa
TipologiaFire TV
RisoluzioneFull HD
Memoria8 GB
RAM1 GB
Wi-FiDual Band
Punti forti
  • Perfetto per gli utenti Amazon Prime
  • Rapida da installare
  • Comodissima da usare anche in viaggio
Punti deboli
    Nessuno

Il più economico

GooBang Doo A1 Plus

Migliori offerte
Spedizione inclusa
TipologiaAndroid TV (v 7.1)
Risoluzione4K
Memoria8 GB
RAM2 GB
Wi-FiSingle Band
Punti forti
  • Sistema operativo aggiornato
  • Buona risoluzione
Punti deboli
    Nessuno

Il più venduto

GooBang Doo A1 Max

Migliori offerte
Spedizione inclusa
Al momento non disponibile in nessun negozio.
TipologiaAndroid TV (v 7.1)
Risoluzione4K
Memoria16 GB
RAM2 GB
Wi-FiSingle Band
Punti forti
  • Versione Android aggiornata
  • Memoria interna molto capiente
  • Buona qualità video
Punti deboli
    Nessuno

Per gli appassionati di Sky

Now TV Box

Migliori offerte
Spedizione inclusa
Al momento non disponibile in nessun negozio.
TipologiaNow TV
RisoluzioneFull HD
MemoriaN.d.
RAMN.d.
Wi-FiDual Band
Punti forti
  • Permette abbonamenti a breve termine
  • Streaming in diretta di diversi canali Sky
Punti deboli
    Nessuno

I fattori decisivi per la scelta di uno smart TV box

Cos'è uno smart TV box?

Anche se negli ultimi anni la diffusione delle smart TV è stata molto rapida, per un gran numero di utenti l'investimento richiesto per acquistare questi dispositivi rimane eccessivo. In particolare, chi possiede già un ottimo televisore con specifiche tecniche di alto livello difficilmente sarà motivato a sostituirlo con un modello di qualità inferiore, ma dotato di funzionalità smart. Allo stesso modo, però, chi ha già acquistato una smart TV ma possiede anche altri televisori più datati in casa che vuole poter sfruttare al massimo può trovare in uno smart box una soluzione ideale. Proprio per questo motivo gli smart TV box hanno saputo conquistare una larga fetta di mercato, rappresentando il compromesso perfetto per tutti coloro che vogliono poter sfruttare funzioni simili a quelle di un computer sulla propria TV senza doverla sostituire, spendendo al contempo cifre anche molto ridotte. Questo permette infatti di dotare il televisore di un vero e proprio sistema operativo, in grado di essere connesso a internet e di gestire diverse applicazioni, sia di streaming che di altro genere, come vedremo più in dettaglio nei prossimi paragrafi.

Come si usa uno smart TV box?

Uno smart TV box non richiede particolari requisiti, offrendo ampia compatibilità con la maggior parte dei televisori attualmente in commercio. Di solito, infatti, per poter utilizzare uno smart TV box è sufficiente possedere un televisore dotato di almeno una porta HDMI. Considerando che questo standard ha iniziato ad essere integrato in molti dispositivi già dal 2003, difficilmente si potranno sperimentare problemi di compatibilità con il proprio televisore, a meno che non sia veramente molto datato.
Una volta connesso alla TV, uno smart TV box deve anche essere collegato a una fonte di alimentazione, di norma tramite un normale trasformatore da inserire in una presa della corrente.

Smart TV box dimensioni

Tipologia

Nonostante le funzioni di base siano molto simili, esistono diversi tipi di smart TV box, le cui caratteristiche sono in buona parte legate alla casa produttrice. Vediamo qui si deguito quali sono i principali:

  • Android TV: una delle soluzioni più popolari, permette di utilizzare il sistema operativo Android sulla propria TV, ovvero lo stesso sfruttato da tablet e smartphone. Questo significa che è possibile avere accesso a moltissime applicazioni diverse, anche se va prestata particolare attenzione alla qualità di riproduzione che il dispositivo è in grado di offrire. Questo vale in particolare per gli utenti Netflix, per cui deve essere presente una certificazione specifica che indichi la possibilità di riprodurne i contenuti in Full HD o addirittura in 4K. In caso contrario, ci si dovrà accontentare di una risoluzione in HD, ormai considerata insufficiente per godersi appieno film e serie, soprattutto se queste sono state girate con una definizione maggiore. Va inoltre considerata la versione di Android preinstallata, che dovrebbe essere preferibilmente recente per permettere una maggiore longevità al prodotto. Nonostante questo, Android TV è una delle soluzioni più versatili in assoluto ed è in grado di soddisfare le esigenze della grande maggioranza degli utenti;Smart TV box Android
  • Chromecast: si tratta di un dispositivo realizzato da Google, pensato per integrarsi perfettamente con altri servizi offerti dalla stessa casa sfruttando Google Cast, una tecnologia di screen-mirroring. Questa permette di trasmettere da un dispositivo a uno schermo esterno senza necessità di utilizzare un cavo HDMI, ma sfruttando unicamente una connessione wireless. Chromecast può dunque essere collegato a uno smartphone, un tablet o un computer riproducendone i contenuti. Tuttavia, un'importante limitazione di compatibilità riguarda i dispositivi Apple, che possono essere connessi a Chromecast solo utilizzando applicazioni sviluppate da terzi, e dunque non sempre affidabili o funzionali. Gli utenti Windows e Android, invece, non avranno alcun problema in questo senso, potendo sfruttare applicazioni native;Smart TV box Chromecast
  • Fire TV: è un prodotto Amazon, che sfrutta un sistema operativo proprietario (anche se è basato su Android e offre un'interfaccia molto intuitiva) e permette di accedere a un buon numero di applicazioni. È una delle scelte più economiche, e sicuramente la più sensata per utenti Prime, per gli abbonati ad Amazon Video e per chi, in generale, utilizza spesso i servizi Amazon. Va tuttavia considerato che molte delle applicazioni subiscono restrizioni territoriali a seconda di dove è basato il proprio indirizzo IP, mentre i dispositivi Fire TV funzionano correttamente solo nel Paese in cui sono stati acquistati. In sostanza, non tutte le applicazioni presenti nello Store sono effettivamente utilizzabili in Italia, e non è possibile utilizzare correttamente i dispositivi Fire TV all'estero.Smart TV box Fire TV
  • Now TV: è pensato principalmente per riprodurre alcuni contenuti premium di Sky senza dover pagare un normale abbonamento. Si possono invece acquistare dei pass dalla durata più limitata, come per esempio un singolo weekend o un mese, ed è anche possibile vedere in diretta qualche canale Sky. È dunque un'ottima scelta per chi non vuole vincolarsi per un lungo periodo a un particolare abbonamento, selezionando piuttosto i contenuti preferiti a seconda del momento e pagando unicamente per i servizi che si intende effettivamente utilizzare nell'immediato futuro;
  • Apple TV: si tratta dell'unico smart TV box compatibile con AirPlay, una tecnologia proprietaria della Apple che ovviamente offre perfetta compatibilità con iPhone, iPad e Mac. Questa opzione è l'ideale per chi possiede una ricca libreria di film su iTunes e, in generale, per tutti gli utenti Apple che cercano una completa interazione tra tutti i propri dispositivi, anche se rispetto ad altri concorrenti offre una minore versatilità.Smart TV box Apple

Applicazioni

Uno dei fattori più importanti da considerare prima dell'acquisto di uno smart TV box riguarda le applicazioni che questo è in grado di supportare. Come abbiamo visto, infatti, non tutte le tipologie di smart box sono uguali, sfruttando sistemi operativi diversi e mettendo dunque a disposizione dell'utente un numero e una varietà di applicazioni molto diversi tra loro. Vediamo le principali categorie normalmente ricercate dagli utenti:Smart TV box applicazioni

  • Streaming on demand: è l'elemento più ovvio in assoluto, ma che può riservare alcune sorprese. Potersi godere il proprio servizio di streaming on demand preferito è infatti una delle motivazioni principali che spinge la maggior parte degli utenti ad acquistare uno smart TV box. Tuttavia, è bene valutare prima dell'acquisto quali servizi sono resi disponibili da ciascun modello, e rimanere costantemente aggiornati sulle novità del settore. Per esempio, al momento Netflix non è disponibile per gli utenti di Now TV, ma da qualche mese è stato stretto un accordo tra le due piattaforme, che dovrebbero essere integrate dal 2019. Gli abbonati a Infinity, invece, dovranno orientarsi su Android TV, Chromecast o Fire TV se vogliono continuare a godersi i propri contenuti preferiti;
  • Musica: con la crescente popolarità dei servizi musicali in straming, anche gli smart TV box hanno incluso la possibilità di scaricare applicazioni come Spotify, con cui è possibile non solo ascoltare le proprie playlist preferite, ma anche seguire podcast online. Questo può risultare un aspetto secondario se non si possiede un impianto stereo di qualità, ma per tutti gli utenti che hanno investito cifre importanti nella realizzazione del proprio home theater può rappresentare un vantaggio non trascurabile;
  • Sport: gli appassionati di calcio e di altre discipline sportive daranno sicuramente grande importanza alla possibilità di seguire in diretta le partite della propria squadra o rivedere le più importanti gare del passato. Alcune applicazioni sono pensate appositamente per questo, anche se molte di queste richiedono la sottoscrizione di un abbonamento, il cui costo può variare a seconda delle opzioni selezionate;Smart TV box sport
  • Canali TV internazionali: per chi volesse seguire le notizie provenienti da tutto il mondo sono spesso disponibili delle specifiche applicazioni che consentono di seguire canali come BBC, CNN, ARD/ZDF e molti altri ancora. Tuttavia, va notato che alcuni di questi contenuti sono talvolta bloccati se si accede dall'Italia, per cui diventa effettivamente impossibile seguirli;
  • Meteo: di norma si tratta di semplicissime applicazioni con cui è possibile controllare le previsioni del tempo in qualunque città del mondo. Sono sostanzialmente identiche a quelle che si utilizzano quotidianamente sui propri smartphone e tablet;
  • Giochi: la presenza di videogiochi nelle varie piattaforme utilizzate dagli smart box è sicuramente limitata, ma alcuni titoli dal gameplay piuttosto semplice e molto popolari per dispositivi mobili possono essere scaricati anche sulla propria TV. Considerando però la grande diffusione delle console (che peraltro possono in buona parte sostituire uno smart TV box) la diffusione di queste applicazioni è decisamente marginale.

Connessioni

Come tutti gli apparecchi elettronici il cui funzionamento dipende dalla connessione a dispositivi esterni, anche gli smart TV box possono essere in parte valutati dalle tipologie e dal numero di collegamenti supportati. Vanno in particolare distinte le connessioni cablate e quelle wireless.

Connessioni cablate

Considerando che le dimensioni della grande maggioranza degli smart box sono molto ridotte, spesso di poco superiori a quelle di una chiavetta USB, le connessioni cablate possono essere decisamente scarse. Come abbiamo già sottolineato in precedenza, sono sempre presenti una porta HDMI, con cui collegarsi alla TV, e un ingresso per l'alimentazione del dispositivo, che in alcuni casi può essere una porta Micro USB.
Esistono però anche modelli che permettono una connessione Ethernet tramite cavo LAN, che assicura un collegamento a internet più stabile e meno soggetto a interferenze rispetto al Wi-Fi.
Infine, va segnalato che soprattutto tra i modelli di Android TV esistono smart box che dispongono di una o più porte USB a cui è possibile collegare mouse e tastiere, così da simulare in modo più agevole l'uso di un vero e proprio computer.Smart TV box connessioni cablate

Connessioni wireless

La maggior parte dei modelli di smart TV box può essere connessa a internet esclusivamente tramite una rete Wi-Fi. Prima dell'acquisto è importante verificare che sia dotato di Dual Band, e possa dunque sfruttare la banda a 5 GHz così da garantire uno streaming rapido e senza interruzioni, dato che molti modelli continuano ad appoggiarsi solo alla banda a 2,4 GHz, spesso sovraffollata, meno veloce e meno stabile. Va anche considerato il numero di antenne integrate, lo standard wireless supportato (i modelli più recenti supportano almeno lo 802.11n/ac) e la presenza di eventuali tecnologie aggiuntive, come il MIMO, che assicura una ricezione del segnale più stabile e meno soggetta a interferenze esterne, spesso presenti in una casa dotata di molti dispositivi elettronici.
Infine, molti smart box sono anche dotati di tecnologia Bluetooth, che consente una rapida connessione a smartphone, tablet o computer portatili.Smart TV box connessioni wireless

Memoria: ROM e RAM

Dovendo essere in grado di scaricare svariate applicazioni, uno smart TV box necessita di una memoria interna (ROM), la cui capienza può ovviamente variare a seconda del modello prescelto. La maggior parte dei modelli attualmente in commercio offre una capacità di archiviazione che spazia dagli 8 ai 16 GB, sufficiente per gestire senza difficoltà un discreto numero di applicazioni diverse.
Per quanto riguarda invece la RAM, ovvero la memoria di lavoro che permette di sostenere contemporaneamente il funzionamento di un certo numero di processi, si spazia dai 2 ai 16 GB, superando a volte la capacità offerta da molti smartphone di ultima generazione. In generale, se si pensa di utilizzare il proprio smart TV box unicamente per godersi serie e film in streaming, non sarà necessario dotarsi di una RAM particolarmente potente. Se invece di intende sfruttare un maggior numero di applicazioni, questo dato potrebbe diventare molto rilevante, anche se questo aspetto è decisivo soprattutto per gli utenti di Android TV.Smart TV box tastiera

Altri fattori decisivi per la scelta di uno smart TV box

Il prezzo è importante?

Gli smart TV box sono dispositivi generalmente economici. I prezzi si aggirano infatti tra i 30 € e i 100 €, un intervallo in cui è difficile distinguere fasce diverse, dato che spesso le caratteristiche tecniche non variano in modo sensibile tra un prodotto e l'altro. Alcuni tra i modelli più costosi possono vantare componenti interne più potenti, oppure includono nella confezione non solo un telecomando, una una tastiera wireless con cui è più semplice effettuare ricerche o, in generale, gestire il proprio dispositivo.

La marca è importante?

Più che il marchio in sé è importante valutare quale opzione è più adatta alle proprie esigenze. A parte gli smart box Android TV, per cui sono disponibili molti modelli realizzati da case sconosciute, tutte le altre tipologie sono legate a un produttore o a un servizio specifico (Apple, Google, Amazon, Sky), da cui dipende anche il numero e il tipo di applicazioni disponibili. È dunque consigliabile valutare con attenzione tutte le opzioni disponibili sul mercato prima di procedere all'acquisto di un particolare prodotto.

I materiali sono importanti?

Tutti i modelli di smart TV box in commercio sono realizzati in plastica e non presentano aspetti particolarmente rilevanti da un punto di vista strutturale. Ovviamente la qualità e la resistenza della plastica può variare anche sensibilmente a seconda del modello, anche se questi elementi non sono sempre legati direttamente al prezzo del prodotto.

"Smart TV box": hai dubbi? Facci una domanda!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecco i migliori tre prodotti della categoria.

8 visitatori su 10 approfittano di queste offerte.

Il più versatile

GooBang Doo XB-III

Migliore offerta: 69,99€

Il miglior rapporto qualità-prezzo

Amazon Fire TV Stick Basic Edition

Migliore offerta: 59,99€

Il più economico

GooBang Doo A1 Plus

Migliore offerta: 54,99€