I migliori mouse da gaming del 2019

Confronta i migliori mouse da gaming del 2019 e leggi la nostra guida all'acquisto.
Elena.gallina
Autore
Elena Gallina

4 Fattori decisivi per la scelta del mouse da gaming

1. Precisione e sensibilità

Chi cerca un mouse da gaming, adatto cioè per giocare al computer, ha alcune chiare esigenze, differenti sia dai modelli wireless che da quelli cablati con funzionalità di base. La principale di queste riguarda il controllo del puntatore, in particolare la precisione con cui questo risponde ai comandi e, per i più esperti, che possibilità offre per variare la sensibilità durante il corso dell'azione di gioco. A seconda del tipo di gioco, o di diversi momenti all'interno dello stesso gioco, può essere necessario avere il controllo totale sui movimenti del puntatore, mentre in altre situazioni è preferibile meno precisione e più velocità di spostamento.
Mouse da gamingA proposito di sensibilità sono quattro le caratteristiche che bisogna considerare: i DPI (dots per inch) del sensore, le impostazioni di sensibilità del sensore, l'accelerazione del cursore e il tipo di sensore. Vediamole dunque una per una.

DPI

I dots per inch, o punti per pollice, sono una misura che ha a che fare con la velocità del cursore sullo schermo e con l'accuratezza con cui permette di selezionare oggetti sul monitor.
Più "punti" un sensore legge durante lo spostamento, più pixel il cursore coprirà sullo schermo. Facciamo un esempio pratico:


I migliori due prodotti della categoria

8 persone su 10 approfittano di queste offerte

  • 400 DPI: ad uno spostamento di un pollice (2,54 cm) del mouse corrisponde uno spostamento di 400 px del cursore sullo schermo
  • 200 DPI: ad uno spostamento di un pollice del mouse corrisponde uno spostamento di 200 px del cursore sullo schermo

Mouse da gaming DPIÈ evidente dunque che a seconda del tipo di gioco e della velocità dell'azione sarà meglio un numero di DPI diverso, a volte elevato, a volte più basso. Il che ci porta alla seconda caratteristica importante. Allo stesso modo più abbiamo bisogno di "puntare" con precisione, come è il caso ad esempio degli FPS (First Person Shooter), più possiamo trarre beneficio da un alto numero di DPI.

Impostazioni di sensibilità

In un buon mouse da gaming non dovrebbe mancare mai la possibilità di cambiare la sensibilità del sensore, così da poter adattare il mouse a qualunque tipo di gioco. Idealmente, poi, poiché i giochi più complessi presentano al giocatore molte situazioni diverse, un mouse da gaming dovrebbe sempre permettere a chi lo usa di cambiare la sensibilità del sensore "al volo". Dovrebbe essere possibile sempre "legare" il cambio delle impostazioni a uno dei tasti del mouse, così che basti un click "in-game" per passare da una sensibilità all'altra. È infatti impensabile che, per cambiare sensibilità, un giocatore debba uscire dal gioco, avviare il driver del mouse, cambiare l'impostazione e rientrare, a maggior ragione quando si tratta di MMOG (Massively Multiplayer Online Game) in cui l'azione si svolge in tempo reale.

Accelerazione

Sempre parlando di velocità del cursore, è parere pressoché unanime dei gamer che un buon mouse da gaming debba essere non accelerato, al contrario dei mouse normali da ufficio. Ma che cos'è l'accelerazione quando si parla di mouse?
Nei comuni mouse "da ufficio" è sempre attiva l'accelerazione del cursore: provate a farci caso. Se spostate lentamente il mouse di 5 cm, il cursore sullo schermo si sposterà più o meno di un numero di pixel equivalente al movimento che avete fatto. Se spostate però il mouse velocemente degli stessi 5 cm, il cursore si sposterà di una distanza molto maggiore rispetto a quella che avete coperto, come potete vedere in qui:


I migliori due prodotti della categoria

8 persone su 10 approfittano di queste offerte

Durante il gioco il controllo è fondamentale, dunque la schiacciante maggioranza dei giocatori preferisce mouse che o siano di fabbrica privi di accelerazione, o quantomeno permettano di disabilitarla con un click.

Tipo di sensore

Un discorso a parte, che ha molto a che vedere con la precisione di un sensore, è il tipo di tecnologia che questo utilizza. Diamo ormai per estinti i vecchissimi mouse a rotella, e ci occupiamo quindi di mouse con sensore laser e con sensore ottico. Possiamo così riassumere le differenze tra i due tipi:

  • I sensori al laser leggono solitamente più DPI rispetto a quelli ottici
  • I sensori laser funzionano molto bene anche su superfici lucide, riflettenti e trasparenti
  • I sensori ottici hanno performance migliori su superfici opache, come i classici mousepad
  • I sensori laser presentano spesso problemi di accelerazione
  • Alcuni dei sensori laser più diffusi continuano a funzionare anche quando sono sollevati dalla superficie: questo è un problema per chi ha l'abitudine di sollevare leggermente il mouse per fermare il movimento del cursore
  • I mouse ottici si servono di tecnologie di interpolazione per raggiungere DPI più alti, che possono creare problemi in quanto ad accuratezza del posizionamento del cursore

Non è pertanto facilissimo stabilire quale delle due tipologie sia la migliore per giocare: sicuramente è importantissima la superficie su cui si deve usare il mouse. Se questa è di vetro e non si vuole usare un mousepad, ad esempio, la scelta è forzata verso un mouse laser. In tutti gli altri casi, moltissimi gamer concordano nel ritenere più affidabili e precisi i mouse con sensore ottico.Mouse da gaming sensore laser
Come si distinguono i due? È molto semplice. I mouse con sensore ottico sono quelli classici dotati di un LED rosso, mentre quelli laser, servendosi di un fascio infrarosso invisibile all'occhio umano, non emettono alcuna luce.


I migliori due prodotti della categoria

8 persone su 10 approfittano di queste offerte

2. Comfort

La seconda grande questione da valutare in un mouse è la sua comodità: i gamer più assidui possono giocare per molte ore consecutive, ed è di fondamentale importanza che il mouse usato sia comodo e non affatichi la mano e il polso. Non è possibile ovviamente individuare in termini assoluti quale sia il mouse da gaming più confortevole: abbiamo tutti le mani diverse, possiamo essere destrorsi o mancini, avere dita più o meno lunghe, mani più o meno grandi ecc. Ognuno deve quindi trovare il mouse migliore per sé, e il modo migliore inevitabilmente è provarne diversi.
A grandi linee, vediamo quali sono le caratteristiche che un buon mouse da gaming dovrebbe avere per permettervi di raggiungere il comfort ottimale.

Design

Come minimo, un mouse da gaming dovrebbe avere un buon design ergonomico. In commercio si trovano diversi modelli, alcuni simmetrici e ambidestri, altri invece asimmetrici e modellati per aumentare il comfort della mano che vi riposa sopra. Bisogna purtroppo dire che, in tantissimi casi, i mouse asimmetrici sono realizzati per mani destre, e raramente esistono anche in versione per mancini. Mouse da gaming ambidestroMolte volte i giocatori mancini sono dunque costretti a usare un mouse ambidestro, che può sì venire impostato per l'uso con la mano sinistra, ma non ha un design particolarmente ergonomico. Essendo comunque la comodità un fattore soggettivo, non è escluso che ci si trovi meglio con un mouse dal design più tradizionale rispetto ad uno più ergonomico. L'unico modo per scoprirlo, come dicevamo, è provare.

Materiali

Il materiale del mouse da gaming è molto importante perché deve essere in grado di sopportare l'uso intensivo, senza usurarsi o guastarsi prematuramente. La schiacciante maggioranza dei mouse è ovviamente in plastica, ma questa deve essere una buona plastica robusta, particolarmente resistente nei tasti. Alcuni modelli possono avere una scocca in alluminio aeronautico, leggero e molto più resistente della plastica.
Mouse da gaming in alluminioTenete presente poi che alcune plastiche possono scricchiolare fastidiosamente durante l'uso, per cui chi è particolarmente intollerante verso questi rumori di sottofondo dovrà scegliere molto bene il proprio mouse. Anche la texture delle plastiche e la presenza o meno di inserti antiscivolo, morbidi e antisudore è importante. Chi ha le mani che sudano facilmente probabilmente preferirà le plastiche un po' più ruvide e soprattutto con dei buoni inserti morbidi.


I migliori due prodotti della categoria

8 persone su 10 approfittano di queste offerte

Peso

Anche in quanto a peso ognuno ha preferenze diverse, e un mouse da gioco può avere un peso che va dagli 80 ai 120 g. Per permettere ad ognuno di aggiustare il peso e il bilanciamento del mouse è molto spesso possibile aggiungere o togliere dei piccoli pesi, di solito collocati sotto la base. In questo modo ognuno può provare le combinazioni di peso e assetto preferite per massimizzare il comfort durante il gioco.Mouse da gaming pesetti

Tasti

Un buon mouse da gaming deve offrire al giocatore abbastanza tasti da permettergli di compiere tutte le azioni più importanti senza bisogno di togliere la mano o digitare sulla tastiera. Se un mouse "normale" ha sempre solamente i due tasti principali (destro e sinistro), e a volte la rotella come terzo tasto centrale, un mouse da gaming può avere anche più di 15 tasti. Ad ognuno di questi è possibile assegnare una funzione, a seconda del gioco e del profilo in uso (dei profili parleremo nel prossimo fattore).
Mouse da gaming tastiAl di là del numero dei tasti è ovviamente fondamentale la loro robustezza, come accennavamo sopra: in particolare i tasti di base devono poter resistere a lungo a un uso veramente assiduo, e devono essere anche abbastanza morbidi per non affaticare i tendini della mano.

Piedini

Infine, un dettaglio spesso trascurato è quello dei piedini. Questi giocano un ruolo nella scorrevolezza del mouse sulla superficie di appoggio, ed è un errore dare per scontato che i piedini siano semplicemente tutti di plastica. I modelli di mouse da gaming più sofisticati, infatti, possono avere dei piedini in teflon, che ovviamente creano un attrito molto minore su qualunque superficie.Mouse da gaming piedini
Va da sé che non bastano i piedini da soli a rendere il mouse scorrevole e leggero: è fondamentale infatti mantenere ben pulita sia la superficie su cui il mouse poggia, sia i piedini stessi del mouse. Solo così si può evitare l'accumulo della polvere e dello sporco che può, alla lunga, fare attrito.

3. Funzioni

Abbiamo già accennato più volte ad alcune funzioni caratteristiche di un mouse da gaming: quanto più un mouse si adatta alle nostre esigenze, tanto più potrà accompagnarci in ogni gioco. Vediamo ora quali sono le principali e a che cosa servono.

Cambio sensibilità

Come dicevamo più sopra, è molto importante che un mouse da gaming permetta di cambiare la sensibilità del sensore "in corsa", così da adattarla al tipo di gioco e al tipo di sequenza che stiamo giocando. Mouse da gaming tasto sensibilitàI migliori modelli presentano un piccolo tasto dedicato, posto spesso dietro la rotella di scorrimento, che permette di passare con un semplice gesto da una sensibilità maggiore ad una minore.

Macro

Moltissimi giocatori "esperti" fanno uso delle cosiddette "macro": combinazioni di tasti necessari ad eseguire una determinata azione, memorizzate e collegate solitamente a un singolo tasto della tastiera. Per questi giocatori può essere allora molto importante poter collegare delle macro anche ai tasti del mouse stesso, così da ridurre il bisogno di fare ricorso alla tastiera.

Profili

Allo stesso modo può tornare molto utile la possibilità di creare diversi "profili": se giocate diversi giochi e avete bisogno di impostazioni del mouse diverse per ciascuno, potete salvarle in diversi profili da usare a seconda del gioco. Mouse da gaming profiliQuesta funzione è utile anche se sul computer giocate a un gioco soltanto: potete salvare un set di impostazioni speciali per il gioco, ed uno diverso per il normale uso del PC.

Riconoscimento della superficie

Infine, i mouse da gaming sono spesso equipaggiati con una funzione di riconoscimento della superficie su cui vengono usati: usandola il sensore si calibrerà da solo sulla migliore sensibilità per il tipo di superficie rilevata.

4. Collegamento

Da ultime abbiamo lasciato le nostre considerazioni circa la modalità di collegamento del mouse al computer, non perché questa non sia importante, ma perché è in realtà un fatto riconosciuto dai gamer che la connessione via cavo sia di gran lunga migliore rispetto a quella wireless.
Nonostante gli stessi modelli di mouse da gaming siano spesso disponibili sia in versione con cavo, sia in versione WiFi o Bluetooth, il vantaggio del cavo è riconosciuto più o meno unanimemente. I motivi sono sostanzialmente due:

  • Il mouse con cavo non si scarica durante l'uso, lasciandovi "a piedi" nei momenti meno opportuni
  • La trasmissione via radio comporta un leggero ritardo di risposta che può dare noia, e che nel mouse con cavo è del tutto assente

Sempre meglio dunque scegliere un mouse da gaming cablato.

Altri fattori da tenere in mente per la scelta del mouse da gaming

I materiali sono importanti?

Sì, in un mouse da gaming è importante badare ai materiali che lo compongono. Trattandosi di uno strumento che verrà usato assiduamente è necessario che la scocca sia robusta e soprattutto che siano molto duraturi i tasti, perché sopravvivano a diversi milioni di click. La scocca può essere in plastica o, in qualche raro caso, in alluminio aeronautico ancora più resistente, mentre la texture può essere più o meno ruvida. Vi possono poi essere sul corpo del mouse degli inserti morbidi, in gomma, utili per mantenere una presa salda durante le ore di gioco.

La marca è importante?

Sì, nel caso dei mouse da gaming la marca può fare una grande differenza, non tanto in quanto a funzioni, quanto ovviamente in qualità dei materiali costruttivi (che come abbiamo visto sono molto importanti) e di assemblaggio (pensiamo in particolare alla qualità dei sensori utilizzati). Meglio dunque affidarsi a marchi noti per la qualità dei loro prodotti, quali Logitech, Razer o Corsair, che non a brand meno conosciuti che sembrano offrire le stesse prestazioni racchiuse però in una scocca molto meno duratura.

Il prezzo è importante?

Sì, anche il prezzo è importante da considerare, poiché può essere indice di maggiore o minore qualità di un mouse da gaming. Fatte salve le possibili offerte speciali su mouse di marchi noti come quelli che abbiamo elencato qui sopra, è bene diffidare di prodotti a basso prezzo, da 25 € o anche meno, che promettono prestazioni stellari. Come abbiamo visto, le funzioni saranno probabilmente abbastanza evolute, ma quello che cambia rispetto a un mouse di prezzo più alto, tra i 40 e i 100 €, è la sensibilità del sensore, la possibilità di cambiarla (a volte del tutto assente) e soprattutto la durevolezza dei materiali costruttivi. Noi raccomandiamo quindi di investire un po' di più, indicativamente intorno ai 40 €, e prendere un buon mouse di fascia media.


Copyright Reviewlution GmbH – È vietato ogni sfruttamento non autorizzato

Quali sono i migliori mouse da gaming del 2019?

La tabella dei migliori mouse da gaming del 2019 scelti dalla redazione di QualeScegliere.it

Prodotto Migliore
offerta
Corsair M65 PRO RGB 44,99 €
Logitech G502 Hero 61,99 €
VicTsing CA32-ITIN 13,99 €
TeckNet M268 Black Raptor 11,99 €
Corsair Scimitar RGB 84,80 €

Mouse da gaming: tutti i prodotti recensiti

Domande e risposte su Mouse da gaming

  1. 0
    Domanda di Prometeo | 1 febbraio 2019 at 10:08

    I DPI (Dots Per Inch – Punti “inchiostro” Per Pollice) sono inerenti solo alle stampanti
    Per la risoluzione a monitor si parla di PPI (Pixel Per Inch)

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 1 febbraio 2019 at 15:19

      La sensibilità del mouse si misura in DPI, la risoluzione del monitor è un parametro indifferente per valutarne la precisione.

"Mouse da gaming": hai dubbi? Facci una domanda!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecco i migliori tre prodotti della categoria.

8 visitatori su 10 approfittano di queste offerte.

Il migliore

Corsair M65 PRO RGB

Migliore offerta: 44,99€

Il miglior rapporto qualità prezzo

Logitech G502 Hero

Migliore offerta: 64,00€

Il più venduto

VicTsing CA32-ITIN

Migliore offerta: 13,99€