Come pulire la lavatrice: metodi infallibili a basso costo!

Tutti quanti abbiamo in casa una lavatrice, e tendiamo a dare per scontato che questi grandi elettrodomestici non abbiano bisogno di alcuna manutenzione. Errore! Se non abbiamo cura della nostra lavatrice, rischiamo che si guasti anche gravemente dopo solo pochi anni di utilizzo o che cominci a lasciare il bucato sporco, ingrigito e maleodorante. Qui di seguito vi diamo quindi una serie di utili consigli per la cura della lavatrice. Cominciamo!

Pulire la lavatrice

Usare bene la lavatrice

Il consiglio più importante che vi possiamo dare è quello di prendervi il tempo di leggere con attenzione il libretto d'istruzioni della vostra lavatrice: questo vi permetterà infatti di capire cosa fanno esattamente i vari programmi e funzioni, così da poter scegliere ad ogni bucato le giuste opzioni di lavaggio. Usare i programmi giusti per ogni carico vi permetterà di aver cura dei vostri capi ma anche di ottimizzare i consumi energetici e idrici connessi al lavaggio!
Bucato
Inoltre, leggere le istruzioni vi permetterà di conoscere meglio la lavatrice: capirete dove sono situati i filtri, come estrarre la vaschetta del detersivo, e cosa fare in caso di guasto.
Soprattutto, ve lo diranno le istruzioni ma ve lo ripetiamo anche noi, uno dei consigli più preziosi è quello di usare un prodotto decalcificante insieme al detersivo se l'acqua del vostro acquedotto comunale è davvero molto dura.

La manutenzione ordinaria

Ci sono alcune semplici cose che potete fare una volta l'anno circa per mantenere la lavatrice in buone condizioni. La prima è la pulizia del filtro di scarico: questo è facilmente accessibile, situato sul davanti della lavatrice dietro uno sportellino. Per estrarre il filtro lo dovrete svitare, e quando lo farete uscirà un po' d'acqua residua: attrezzatevi dunque con stracci o una bacinella bassa per non bagnare il pavimento. Sciacquate abbondantemente il filtro sotto l'acqua corrente, aiutandovi eventualmente con un vecchio spazzolino da denti per rimuovere lo sporco residuo. Se fosse anche incrostato di calcare, potete lasciarlo immerso almeno 10 minuti in acqua e aceto bianco, oppure usare una spugnetta imbevuta di un anticalcare.
Un'altra operazione periodica è il lavaggio del cestello. Alcune lavatrici hanno un programma di autopulizia apposito, ma potete anche fare da voi se il vostro modello non ce l'ha. Programmate un ciclo a vuoto, preferibilmente quello per capi in cotone, a 90 °C con una goccia soltanto di detersivo ed escludendo la fase di centrifuga: in questo modo laverete a fondo il cestello.
La pulizia del cestello

In caso di muffe e calcare

A lungo andare, però, si possono formare incrostazioni di calcare nel cestello della lavatrice, oppure delle muffe all'interno della guarnizione in gomma dell'oblò o nella vaschetta. È possibile trattare entrambi molto facilmente, usando un apposito detergente anticalcare oppure alcuni rimedi "naturali".
Se scegliete di usare un anticalcare, seguite attentamente le istruzioni riportate sulla confezione: solitamente viene consigliato di usare un po' del prodotto diluito per pulire i residui incrostati sull'oblò della lavatrice, e di versare il rimanente nella vaschetta del detersivo. Fate un lavaggio a vuoto e la lavatrice verrà efficacemente ripulita dal calcare e dalle muffe!
Limoni
Se però preferite usare rimedi fai-da-te, armatevi di tre cose: aceto bianco, limone e bicarbonato di sodio. Aceto bianco e limone sono infatti degli efficaci anticalcare e antibatterici naturali, mentre il bicarbonato ha ottime proprietà pulenti e igienizzanti. Potete pretrattare la guarnizione, il cestello, l'oblò e la vaschetta (che potete anche estrarre per pulirla meglio) con una spugnetta imbevuta di una soluzione di acqua e succo di limone.
Per completare la pulizia potete poi versare due bicchieri di aceto bianco direttamente nel cestello della lavatrice, un terzo bicchiere nella vaschetta (che avrete ormai risciacquato e rimontato), e aggiungere due cucchiai abbondanti di bicarbonato, uno nel cestello e uno in vaschetta. Avviate anche in questo caso un programma cotone a vuoto ad alta temperatura e la lavatrice verrà pulita a fondo!
Se siete preoccupati che possa rimanere dell'odore di aceto, potete aggiungere agli ingredienti anche qualche goccia di un olio essenziale profumato a vostra scelta.

La prevenzione

Muffe e incrostazioni di calcare si possono però prevenire. Come abbiamo già suggerito, è bene fare un ciclo di pulizia della lavatrice almeno una volta l'anno, e usare regolarmente un decalcificante se vivete in una zona con acqua molto dura. Per prevenire la formazione di muffe, però, è bene anche rimuovere il bucato lavato dal cestello il prima possibile, e lasciare l'oblò aperto a lungo, così da permettere al cestello di asciugare bene e rapidamente. Per evitare anche le incrostazioni di detersivo, infine, vi consigliamo di preferire sempre il detersivo liquido, poiché si scioglie più facilmente e lascia in generale meno residui incrostati rispetto a quello in polvere!

Per riassumere, dunque:

  • Pulite i filtri una volta l'anno
  • Fate un ciclo di pulizia almeno una volta l'anno
  • Pulite a parte anche la vaschetta dei detersivi
  • Lasciate aperto a lungo l'oblò dopo ogni lavaggio

In questo modo la vostra lavatrice funzionerà correttamente a lungo!

Lavatrice: prodotti recensiti

Lavatrice a carica dall’alto: prodotti recensiti

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!
Ogni settimana informazioni preziose sui migliori prodotti ai migliori prezzi sul mercato. Inserisci la tua email qui sotto e clicca su iscriviti!