I migliori termometri a infrarossi del 2021

Confronta i migliori termometri a infrarossi del 2021 e leggi la nostra guida all'acquisto.

Il migliore

TipologiaA infrarossi
Area di misurazioneA distanza
Tempo di misurazione1-2 secondi
Funzione memoria
Allarme temperatura alta
Luce notturna
Punti forti
  • Memorizza fino a 60 misurazioni
  • Connessione Bluetooth per smartphone
  • Dispositivo medicale certificato CE
Punti deboli
    Nessuno

Il miglior rapporto qualità prezzo

TipologiaA infrarossi
Area di misurazioneA distanza
Tempo di misurazione1-2 secondi
Funzione memoria
Allarme temperatura alta
Luce notturna
Punti forti
  • Dispositivo medico certificato CE
  • Memorizza fino a 60 misurazioni
  • Rileva anche temperatura superficiale
  • Con sensore di distanza
Punti deboli
    Nessuno
TipologiaA infrarossi
Area di misurazioneA distanza
Tempo di misurazione1-2 secondi
Funzione memoria
Allarme temperatura alta
Luce notturna
Punti forti
  • Memorizza fino a 40 misurazioni
  • Anche per oggetti
Punti deboli
    Nessuno
TipologiaA infrarossi
Area di misurazioneA distanza
Tempo di misurazione1-2 secondi
Funzione memoria
Allarme temperatura alta
Luce notturna
Punti forti
  • Memorizza fino a 32 misurazioni
  • Anche per oggetti
Punti deboli
  • Non ha luce notturna
TipologiaA infrarossi
Area di misurazioneAuricolare, a distanza
Tempo di misurazione1-2 secondi
Funzione memoria
Allarme temperatura alta
Luce notturna
Punti forti
  • Memorizza fino a 35 misurazioni
  • Anche per oggetti
  • Con beccuccio per misurazione auricolare
Punti deboli
  • Non ha marcatura CE medicale
Elena.gallina
Autore
Elena

Il termometro a infrarossi

Durante la pandemia di Covid-19 svariati dispositivi medici sono assurti agli onori delle cronache per il loro ruolo chiave nello sforzo di contenimento e contrasto al dilagare delle infezioni. Tra questi non possiamo non ricordare ad esempio le mascherine, chirurgiche e non, oppure i guanti in lattice o il gel igienizzante per le mani.Termometro a infrarossiTra i tanti, anche il termometro a infrarossi ha assunto un’importanza senza precedenti: utilizzato nei luoghi di affluenza pubblica quali supermercati, stazioni e aeroporti, oppure privati come le grandi aziende, questo strumento permette di misurare la febbre da una distanza di sicurezza, senza rischiare quindi il contagio.

Diversi tipi di termometro a infrarossi

La tecnologia a infrarossi, però, non è utilizzata solo in ambito sanitario: bisogna infatti sapere che esistono termometri a infrarossi anche per il fai da te, anch’essi con la caratteristica forma a pistola.Termometro a infrarossi per fai da teVogliamo sottolineare come questi ultimi non vadano utilizzati per la misurazione della febbre: anche se il range di temperature rilevate è molto più ampio (dai -50 agli oltre 500 °C, contro i 10-40 °C dei dispositivi per uso medico), questi rilevano unicamente la temperatura di superficie degli oggetti, mentre nella misurazione della febbre è necessario rilevare la temperatura corporea (ecco perché tra i più accurati termometri per la febbre figurano quelli rettali e orali).

Come funziona il termometro a infrarossi

Il funzionamento del termometro a infrarossi si basa su un semplice principio fisico: che tutti i corpi, animati e non, emettano una radiazione elettromagnetica, non dissimile dalla luce. Nel caso del corpo umano questa emissione avviene su frequenze infrarosse, non visibili ad occhio nudo.
Il sensore ottico montato su un termometro a infrarossi è però in grado di “vedere” questa radiazione, e l’apposito chip di cui è equipaggiato permette di convertire la radiazione rilevata in una stima della temperatura del corpo che l’ha emessa.Termometro a infrarossi sensoreA seconda del modello, un termometro a infrarossi può essere o meno dotato di un puntatore laser: questo ha unicamente lo scopo di indirizzare correttamente la punta del termometro, dotata di sensore ottico infrarosso, verso l’area di misurazione (la fronte, perlopiù) e non ha quindi una funzione nella misurazione di per sé.

Come usare il termometro a infrarossi

La grande comodità del termometro a infrarossi, nonché la principale ragione del suo utilizzo estensivo in occasione della pandemia, è proprio la possibilità di misurare la temperatura corporea senza contatto fisico tra il soggetto e lo strumento di misurazione. Questo vuol dire che non è necessario disinfettare lo strumento dopo ogni misurazione, velocizzando così i tempi di rilevazione, in particolare nei luoghi di affluenza pubblica.Termometro a infrarossi usoPer una misurazione quanto più precisa possibile è necessario assicurarsi preventivamente che nell’ambiente vi siano il minor numero possibile di fonti di interferenza: gli elettrodomestici emittenti radiazioni elettromagnetiche, come televisori, forni a microonde, cellulari, console, ma anche qualunque fonte di calore, possono falsare il risultato ottenuto.
Bisogna altresì assicurarsi che il termometro, al momento dell’utilizzo, sia acclimatato alla temperatura dell’ambiente circostante: se lo stiamo usando all’esterno o in un locale la cui temperatura è comunque diversa da quella del luogo dove il termometro è stato conservato, è opportuno aspettare circa 15 minuti per portarlo a temperatura prima di cominciare con la misurazione.
Per una corretta rilevazione, infine, sono necessarie queste condizioni:

  • La fronte del soggetto deve essere completamente sgombra: vanno dunque rimossi cappelli, cuffie e ciuffi di capelli che la possano coprire anche solo parzialmente;
  • Il termometro va puntato, con l’ausilio dell’eventuale puntatore laser, al centro della fronte del soggetto;
  • La distanza tra la punta del termometro e la fronte del soggetto varia a seconda del modello, ma non sarà mai superiore ai 10 cm;
  • Il soggetto deve rimanere immobile durante i pochi secondi necessari alla rilevazione.

Ricordiamo che il laser del puntatore, quando presente, non deve assolutamente essere diretto verso gli occhi: questo potrebbe causare gravi danni al soggetto.
Soddisfatte tutte le condizioni, è necessario soltanto premere il tasto di rilevazione, che potrà a seconda del modello avere la foggia di un grilletto, oppure essere un tasto sul retro dell’impugnatura. La misurazione è rapidissima e richiede solitamente 1-3 secondi.

Affidabilità del termometro a infrarossi

Per quanto pratico e, in piena pandemia, sicuro, è risaputo che le misurazioni ottenute con il termometro a infrarossi non siano tra le più precise. Altri termometri, soprattutto quelli analogici per uso orale o rettale, offrono le misurazioni più esatte, ma non sono naturalmente utilizzabili in tutte le situazioni.
Come abbiamo visto, sono molti i fattori ambientali che possono contribuire a falsare la misurazione, ai quali si aggiungono anche, banalmente, eventuale polvere o sporco accumulati sulla lente del sensore ottico. È ormai risaputo che le temperature rilevate con termometro a infrarossi, in particolare dai modelli non certificati, siano tendenzialmente più basse rispetto alla temperatura effettiva: se mediamente la temperatura del corpo umano sano si attesta tra i 36,5 e i 37 °C, un termometro a infrarossi può rilevare, in un soggetto privo di febbre, temperature comprese tra i 33 e i 34 °C, decisamente troppo basse per essere accurate.
Rimane pur vero che, anche tenuto conto di questo sfalsamento nella rilevazione, un termometro a infrarossi permette comunque di constatare una differenza di temperatura tra persone sane e persone con febbre: rimanendo stabili le condizioni ambientali e la metodologia della misurazione, tra le due è possibile riscontrare una differenza di 1,5 o 2 °C.
Paradossalmente, nel caso in cui si rilevasse una temperatura corporea di 37 °C, è consigliabile ripetere la misurazione per verificare il dato.

Termometri a infrarossi con certificazione CE a grado medicale

Un discorso a parte lo meritano i termometri a infrarossi corredati da certificazione CE a grado medicale. Questi strumenti sono infatti considerati professionali, tanto da essere idonei all’uso negli ospedali e nelle case di cura, dove la precisione è un requisito fondamentale. Lo scarto tra la temperatura effettiva e quella rilevata (tolleranza), in questo caso, è molto ridotto: rimane compreso tra 0,1 e 0,5 °C.Termometro a infrarossi certificazione CETrattandosi di un prodotto professionale, però, bisogna mettere in conto una significativa differenza di prezzo tra questi modelli e quelli non certificati, ma di questo parleremo tra poco nel paragrafo dedicato proprio ai prezzi di questi strumenti.

Come riconoscere un termometro a infrarossi certificato CE

Al di là del prezzo, vi sono altri particolari cui fare attenzione per riconoscere un termometro a infrarossi certificato come dispositivo medicale.
Prestate attenzione in primo luogo alla marcatura CE: quella originale presenta le due lettere C ed E molto spaziate, mentre un marchio CE in cui le due lettere siano molto ravvicinate, quasi attaccate l’una all’altra, non è un marchio CE originale, bensì una marcatura di diverso tipo che sta per “China Export“. Al marchio CE originale, inoltre, devono seguire le quattro cifre identificative dell’ente certificatore, come visibile nella foto poco sopra.Termometro a infrarossi marcatura CEIn secondo luogo, il fabbricante deve essere chiaramente indicato sull’etichetta, accanto al simbolo grafico di una fabbrica stilizzata. Qualora inoltre il fabbricante sia extraeuropeo, insieme al simbolo della fabbrica stilizzata deve comparire anche il marchio “EC REP”, seguito dall’indicazione del mandatario per la qualità nell’Unione Europea.
Infine, nessun dispositivo medicale può essere commercializzato in Italia senza un manuale d’istruzioni in italiano: informatevi dunque sul contenuto esatto della confezione o, se acquistate in farmacia o altri negozi di articoli sanitari, chiedete di poter aprire la confezione e verificare la presenza del libretto.
Non è infrequente, vista la diffusione di termometri a infrarossi non certificati, che i venditori, soprattutto quelli online, mostrino direttamente il certificato insieme alle foto del prodotto. Nella maggior dei casi questo è emesso dall’ente certificatore tedesco TÜV.

Altri usi del termometro a infrarossi

Un termometro a infrarossi per uso medico, pur non essendo utilizzabile nel fai da te, può comunque essere d’aiuto in casa in una varietà di occasioni, in particolare quando bisogna prendersi cura di bambini piccoli.
In cucina, ad esempio, è possibile utilizzare questo strumento per rilevare la temperatura del biberon o della pappa, ma non come sostituto di un più preciso termometro da cucina necessario in determinate preparazioni. Un altro uso si può avere in bagno, dove il termometro a infrarossi torna utile per capire la temperatura dell’acqua per il bagnetto.
Infine, un altro possibile uso è la rilevazione della temperatura all’interno di una stanza, importante ad esempio se si ha bisogno di mantenere temperatura e umidità di un certo tipo nella cameretta dei bambini o nella propria stanza (ricordiamo che a questo scopo può essere utile attrezzarsi con un umidificatore).

Le domande più frequenti sui termometri a infrarossi

Dove acquistare un termometro a infrarossi?

I canali per acquistare un termometro a infrarossi sono fortunatamente molti. La scelta ricade tra negozi veri e propri presenti sul territorio e negozi virtuali presenti online.

I negozi fisici

La vendita dei termometri, ad infrarossi e non, avviene in diverse tipologie di negozio. Primi fra tutti non possiamo non ricordare le farmacie e gli altri negozi specializzati in articoli sanitari, presso i quali sarà più facile trovare specificamente dei modelli certificati per uso medicale.
Al di là di questi, però, è ormai possibile trovare termometri a infrarossi anche in svariati negozi di elettrodomestici, in particolare in quelli appartenenti alle maggiori catene che più facilmente offrono una grande varietà di prodotti ai consumatori. Se si sceglie di acquistare presso questo tipo di negozio, però, è particolarmente importante fare attenzione a verificare la presenza o meno della certificazione CE.

I negozi online

Un’opzione altrettanto valida è quella di acquistare il termometro a infrarossi online: sono svariati i tipi di negozi ormai dotati di un e-shop e nel web è ormai possibile trovare sia vere e proprie farmacie virtuali, sia negozi più generalisti, ma comunque in grado, data la loro natura, di offrire una varietà sconfinata di prodotti e modelli.
Se però ci tenete in modo particolare ad assicurarvi un modello per uso medicale certificato, online dovrete fare moltissima attenzione a verificare il rispetto di tutti i requisiti che abbiamo più sopra menzionato: non accontentavi di leggere nel titolo dell’articolo “certificato CE”, andate piuttosto a verificare i dati e, quando possibile, l’etichetta.

Quali sono le migliori marche di termometri a infrarossi?

Sul mercato, in particolare durante la pandemia di Covid-19, proliferano termometri a infrarossi dei più svariati marchi, la maggior parte dei quali sono completamente sconosciuti al grande pubblico. Vogliamo nuovamente sottolineare che la qualità di questi strumenti, prima che dalla marca, dipende dal grado di accuratezza e dall’aver ottenuto o meno la certificazione CE a grado medicale, come più sopra spiegato.
Fatta questa fondamentale premessa, ricordiamo almeno due grandi marchi specializzati nella produzione di dispositivi medicali, che offrono termometri a infrarossi di buona qualità e dotati di certificazione CE: Beurer e Medisana.

Quanto costa un termometro a infrarossi?

Come abbiamo già potuto anticipare, c’è una significativa differenza di prezzo a seconda che si scelga un termometro a infrarossi per uso medicale oppure un cosiddetto “termoscanner” non certificato, e dunque meno preciso.
Un termometro a infrarossi certificato CE non costerà meno di 40 €, e anzi in taluni casi potrà arrivare anche a costare ben 90 €.
Al contrario, un dispositivo non certificato sarà notevolmente più economico, e si potrà acquistare ad un prezzo compreso indicativamente tra i 12 e i 30 €.


Copyright Klikkapromo srl – È vietato ogni sfruttamento non autorizzato

Quali sono i migliori termometri a infrarossi del 2021?

La tabella dei migliori termometri a infrarossi del 2021 scelti dalla redazione di QualeScegliere.it

Prodotto Prezzo
migliore
Recensione
Beurer FT 95 48,99 € Recensione
Beurer FT100 47,49 € Recensione
KKmier F103 29,99 € Recensione
BBLove AET-R1B1 25,98 € Recensione
Ankovo Termometro febbre infrarossi 24,99 € Recensione

Termometri febbre: gli ultimi prodotti recensiti

"Termometri a infrarossi": hai dubbi? Facci una domanda!

Ecco i migliori due prodotti della categoria.

8 visitatori su 10 approfittano di queste offerte.

Il migliore

Braun Thermoscan 7 IRT6520

Migliore offerta:43,72€

Il miglior rapporto qualità prezzo

Chicco Digi Baby

Migliore offerta:4,60€