Le migliori sigarette elettroniche del 2024

Confronta le migliori sigarette elettroniche del 2024 e leggi la nostra guida all'acquisto.

In collaborazione con Glo

amazon
69,00 €
discoverglo
29,00 €
amazon
44,56 €
svapoebasta
23,90 €
kickkick
9,90 €
amazon
39,00 €
kickkick
45,90 €
kickkick
26,50 €
svapoebasta
9,90 €
smokingshop
45,90 €
tisvapo
26,50 €
planetshopstore
18,90 €
svapodreamit
45,90 €
svapostorenet
48,90 €

Dati tecnici

Tipo

Riscaldatore di tabacco

Riscaldatore di tabacco

Vaporizzatore personale

Vaporizzatore personale

Vaporizzatore personale

Batteria

3280 mAh

3250 mAh

2x 18650 non incluse

900 mAh

370 mAh

Capacità

Stick

Stick

8 ml

2 ml

1,5 ml

Ohm

n.d.

n.a.

0,2 - 0,4

1,2 - 1,6

1,6

Regolazione potenza

Regolazione temperatura

Peso

141 g

92 g

310 g

60 g

20 g

Compatibile con

Stick Terea

Stick Neo

Liquido

Liquido

Cartucce Justfog

Punti forti

Assenza di residui da pulire

2 modalità di riscaldamento

Due resistenze incluse

Potenza regolabile su 8 livelli

Estremamente compatta

Sistema a induzione senza lamina

Ricarica rapida e duratura

Compatibile anche con resistenze da 0,15 e 0,5 ohm

Due resistenze incluse

Facile da usare

Ampia gamma di accessori

5 colorazioni diverse

Potenza e temperatura regolabili

Formato tascabile

Disponibile in tante colorazioni diverse

Display a colori

Poca manutenzione rispetto ad altri vaporizzatori

Punti deboli

Batterie non incluse

Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa

Come scegliere la sigaretta elettronica

Da qualche anno la sigaretta elettronica è diventata un must have sia per chi vuole provare a smettere o diminuire il consumo di sigarette, sia per chi vuole seguire la moda e sperimentare questo strano modo di fumare. Vaporizzatore poggiato su un piattino accanto a una tazzina da caffèMa cosa sappiamo davvero di questo accessorio? Quanto è più salutare rispetto alle sigarette normali e quanto il suo utilizzo aiuta effettivamente a lasciarsi alle spalle il vizio del tabacco?
Nei prossimi paragrafi proveremo a rispondere a queste e altre domande sulla e-cig, cercando di fornirvi tutte le informazioni necessarie su questo prodotto.

Origine della sigaretta elettronica

Nonostante la commercializzazione intensiva della sigaretta elettronica sia abbastanza recente, l’invenzione di questo accessorio risale a molto tempo fa: il primo a brevettare questo tipo di prodotto è stato infatti lo scienziato americano Herbert A. Gilbert nel 1963. Per posizionarsi stabilmente sul mercato però è stato necessario aspettare ben 40 anni: la prima e-cig è stata infatti prodotta in Cina nel 2003 da un farmacista, Hon Lik, che mise in vendita una sigaretta elettronica piezoelettrica.

Cigalike o sigarette elettroniche di prima generazione

Le prime sigarette elettroniche a essere commercializzate erano caratterizzate essenzialmente da due aspetti: da un lato il design molto somigliante alla classica sigaretta, dall’altro il meccanismo di funzionamento alimentato da piccole batterie al litio e da cartucce intercambiabili. Una cigalike sdraiata sul tavolo accanto a due batterie a forma di filtro in piediCome si vede nella foto qui sopra, questo tipo di sigarette elettroniche aveva l’obiettivo di emulare la sigaretta vera e propria, addirittura con il dettaglio del tappino sulla sommità, in cui era inserita una luce a LED che s’illuminava di rosso al momento dell’aspirazione, simulando la brace della sigaretta.

Tipologie di sigaretta elettronica

Sono principalmente due i tipi di sigaretta elettronica attualmente in commercio: i vaporizzatori personali e i riscaldatori di tabacco. Il principio di funzionamento è molto diverso, vediamo dunque come funzionano entrambi.

Vaporizzatore personale

Il meccanismo di funzionamento del vaporizzatore personale si basa su un principio molto semplice: sostituire la vaporizzazione alla combustione. Già negli anni ’60 del secolo scorso, infatti, numerosi studi dimostrarono come l’effetto cancerogeno delle sigarette normali fosse collegato alla combustione delle sostanze utilizzate per la raffinazione del tabacco. Ma come fare a eliminare questa fase e rendere il fumo meno pericoloso? La risposta fornita dagli studi scientifici è stata appunto l’utilizzo della vaporizzazione.Un vaporizzatore sdraiato su un tavoloTramite un apposito atomizzatore questo processo permette di trasformare un liquido contenente una percentuale variabile di nicotina in vapore, riproducendo così la sensazione e l’aroma delle sigarette, senza tuttavia produrre catrame e monossido di carbonio, ovvero le sostanze più dannose prodotte dalla combustione del tabacco. Maggiori dettagli sul funzionamento di queste sigarette elettroniche nella nostra pagina a esse dedicata:

Riscaldatore di tabacco

Questa peculiare tipologia di sigaretta elettronica è, se vogliamo, l’evoluzione più diretta della sigaretta elettronica di prima generazione: anche in questo caso, infatti, si tratta di un apparecchio con cartuccia intercambiabile, senza resistenza, ma con un elemento riscaldante, utilizzabile esclusivamente con cartucce prodotte dalla stessa marca.Un riscaldatore Iqos afferrato con le dita con stick inserito tra le labbraGli esempi più rinomati di e-cig di questo tipo sono sicuramente le famose Iqos e Glo, che si caratterizzano per le cartucce contenenti foglie di tabacco pressate anziché liquidi aromatici. La cartuccia contiene, oltre al tabacco, anche il filtro, e la vaporizzazione avviene per riscaldamento della porzione di cartuccia contenente il tabacco: la parte terminale col filtro rimane infatti sporgente, pertanto viene riprodotta esattamente la sensazione della sigaretta tra le labbra (per quanto sia la Iqos, sia la Glo siano ben più ingombranti e pesanti rispetto a una normale sigaretta). Anche a questo tipo di sigaretta elettronica abbiamo dedicato una pagina di approfondimento di cui vi consigliamo la lettura:

Sigaretta elettronica a ultrasuoni

Più o meno a partire dal 2018 ha fatto la sua comparsa anche un altro tipo di sigaretta elettronica che, al contrario di quelle viste fino a ora, non si avvale di una resistenza per la generazione del vapore. A venire utilizzata è invece la tecnologia ultrasonica, il cui cuore è un piccolissimo trasduttore o chip vibrante la cui rapidissima frequenza di vibrazione (ultrasonica, appunto), a contatto con il liquido, ne nebulizza la superficie formando un sottilissimo fumo-non-fumo a temperatura ambiente (il fumo delle e-cig a resistenza può invece essere più o meno caldo).Una sigaretta elettronica a ultrasuoniLa vaporizzazione così ottenuta risulterebbe più “pulita” rispetto a quella sprigionata con il calore di una resistenza elettrica: nella nebulizzazione ultrasonica non sono infatti presenti tracce né del tessuto, né della resistenza metallica, né del tabacco, che si possono invece trovare nel vapore “tradizionale” semplicemente a causa del contatto con un elemento riscaldante. L’aroma del liquido scelto, inoltre, non rischia di venire alterato dal calore eccessivo o peggio di prendere una sgradevole connotazione di bruciato a causa di un surriscaldamento del filo resistivo.
La tecnologia ultrasonica sembrerebbe essere anche più duratura rispetto ai vaporizzatori personali: mentre il filo resistivo è tutto sommato un elemento fragile, soggetto a deperimento nel corso del tempo e necessitante un’attenta manutenzione, il chip ultrasonico “invecchia” molto più lentamente e richiede una minore manutenzione.
L’opinione degli “svapatori” di lungo corso in merito alle sigarette ultrasoniche non è però in generale particolarmente favorevole: mentre il fumo a freddo può piacere o meno, in molti trovano la carica aromatica della nebulizzazione ultrasonica molto insoddisfacente rispetto a quella del vaporizzatore personale.

Gli accessori più comuni

Alcune sigarette elettroniche di fascia alta sono dotate di un caricatore incorporato che funge anche da custodia. Tutti i modelli definiti “all in one“, invece, devono essere ricaricati a parte utilizzando il cavo in dotazione. Per questo motivo uno degli accessori più diffusi per quanto riguarda il mondo delle sigarette elettroniche è la classica power bank, da utilizzare all’occorrenza. Uno degli oggetti più originali per caricare il vostro riscaldatore di tabacco è sicuramente il bracciale con connettore USB-C.

Per proteggere i dispositivi dagli urti e per trasportarli facilmente molto spesso vengono utilizzate delle custodie in silicone, in ecopelle o in microfibra satinata. Alcuni produttori inoltre realizzano anche cover laterali in alluminio o in metallo. Altri hanno lanciato delle pochette colorate con laccetto laterale per conservare e trasportare facilmente tutti gli accessori.
Degna di nota anche la trovata dei posastick per la casa e per l’automobile che permettono di smaltire nel pieno rispetto dell’ambiente tutti gli stick usati.

Le domande più frequenti sulla sigaretta elettronica

Sigaretta elettronica: consigliata o sconsigliata?

Nonostante la discussione tra favorevoli e contrari sia ancora aperta, è possibile sostenere che in generale la sigaretta elettronica rappresenti una valida alternativa alla sigaretta normale e un buon alleato per chi prova da anni, senza successo, a smettere di fumare con metodi più o meno invasivi. La possibilità di regolare la percentuale di nicotina da vaporizzare con un vaporizzatore personale, infatti, dovrebbe aiutare a diminuire progressivamente il bisogno di questa sostanza senza incorrere in fastidiosi effetti collaterali, come insonnia, depressione e aumento di peso.
Per chi non vuole o non riesce a smettere di fumare, invece, sono i riscaldatori di tabacco a rappresentare la migliore alternativa alla sigaretta: grazie a essi, l’inalazione di sostanze potenzialmente cancerogene viene fortemente ridotta.
Se non avete il vizio del fumo, tuttavia, vi sconsigliamo di incominciare a utilizzare la sigaretta elettronica con regolare frequenza: purtroppo anche l’uso di questi dispositivi potrebbe provocare l’insorgere di una dipendenza a cui, col tempo, sarà difficile porre un freno.

Dove comprare la sigaretta elettronica?

Per acquistare la prima sigaretta elettronica con un adeguato “starter kit” può venire spontaneo rivolgersi allo stesso negozio in cui si sono sempre acquistate le sigarette classiche, ovvero il tabaccaio. In effetti qui è possibile di solito trovare una piccola selezione dei modelli di sigarette elettroniche più popolari, dei liquidi dalle fragranze più richieste, delle cartucce per i riscaldatori di tabacco e degli accessori necessari alla manutenzione. L’offerta varia però da tabaccaio a tabaccaio, per cui è opportuno sapere che vi sono anche negozi specializzati esclusivamente nel commercio di sigarette elettroniche e loro accessori. Si tratta a volte di negozi monomarca (è il caso ad esempio dei negozi Iqos e Glo), ma ve ne sono anche di multimarca.
Se un negozio di quest’ultimo tipo non è disponibile nella vostra città o se i vostri tabaccai non offrono una grande selezione di e-cig, potete sempre rivolgervi ai negozi online: non solo i principali brand permettono infatti di acquistare sigarette elettroniche e relativi accessori dal proprio sito ufficiale, ma esistono una moltitudine di siti dedicati alle sigarette elettroniche presso i quali acquistare. Non va dimenticato, infine, che anche i più grandi store online generalisti offrono una selezione molto ampia di e-cig, liquidi, cartucce e relativi accessori.

Quale sigaretta elettronica fa meno male?

In linea teorica i vaporizzatori personali, se non viene usata la nicotina liquida, sono meno dannosi rispetto ai riscaldatori di tabacco: il motivo è che nei riscaldatori di tabacco, pur mancando il processo di combustione della sigaretta (responsabile di un’alta percentuale di sostanze nocive) è comunque presente la nicotina, ovvero la componente che genera la dipendenza. Nei vaporizzatori invece questa sostanza può essere completamente eliminata se non viene aggiunta ai liquidi. Bisogna comunque considerare che sia i vaporizzatori, sia i riscaldatori di tabacco sono prodotti recenti; ciò significa che ancora non si conoscono pienamente i rischi legati alle sostanze utilizzate per i liquidi da vaporizzare e allo stesso tempo non si conosce pienamente la nocività del tabacco riscaldato. Da considerare infine che diversi studi sostengono che i vaporizzatori, anche se utilizzati senza nicotina, generino comunque una dipendenza uguale o addirittura superiore a quella delle sigarette tradizionali. 

Si può fumare la sigaretta elettronica in gravidanza?

No, sia i vaporizzatori personali, sia i riscaldatori di tabacco sono assolutamente sconsigliati in gravidanza. Per quanto riguarda i riscaldatori di tabacco, contenendo la nicotina, sussistono rischi molto simili a quelli delle sigarette tradizionali per il feto. Per i vaporizzatori, ove non presente nicotina, vale invece il discorso che la letteratura in merito è ancora troppo limitata: non ci sono abbastanza informazioni per affermare che i vaporizzatori possano essere sicuri per il feto, per questo motivo è assolutamente sconsigliato il loro utilizzo. 


Copyright Klikkapromo srl – È vietato ogni sfruttamento non autorizzato