I migliori misuratori di pressione da polso del 2018

Confronta i migliori misuratori di pressione da polso del 2018 e leggi la nostra guida all'acquisto.

I 5 fattori decisivi per la scelta del misuratore di pressione da polso

Il misuratore di pressione, o sfigmomanometro, è un apparecchio usato per misurare la pressione arteriosa il quale riveste una grossa importanza in soggetti tendenti a patologie come l’ipertensione, ed è comunque un ottimo alleato per monitorare il proprio stato di salute anche se non si hanno problemi particolari.
Misuratore di pressione da polso
È uno strumento molto antico in dotazione ad ogni medico e che, grazie agli sviluppi tecnologici moderni, oggigiorno è possibile acquistare per uso domestico per controllare la pressione nella comodità di casa propria, ogni volta che lo si desidera. Proprio per questo è importante capire le differenze tra le molte varianti disponibili, in modo da poter effettuare la scelta in base alle proprie esigenze. I diversi tipi di misuratori di pressione esistenti si differenziano essenzialmente per i fattori che vediamo spiegati di seguito.

Misuratore di pressione elettronico o analogico?

Lo sfigmomanometro analogico è il tradizionale strumento utilizzato dal medico, che sfrutta una pompa di pressione da attivare manualmente.
Misuratore di pressione analogico
Non è immediato e semplice per un non addetto ai lavori l’utilizzo di questa tipologia di misuratore di pressione, motivo per cui con il tempo sono stati sviluppati dei modelli digitali o elettronici che semplificano di gran lunga l’operazione e che infatti sono attualmente molto più diffusi. Questa tipologia di sfigmomanometro, infatti, richiede semplicemente l’inserimento dell’arto all’interno dello strumento e l’attivazione del funzionamento attraverso semplici e intuitivi pulsanti, prestandosi quindi ad un utilizzo da parte di chiunque, anche senza alcuna esperienza nel campo medico.
Un altro vantaggio dei misuratori di pressione di tipo elettronico risiede nel fatto che questi apparecchi permettono delle funzioni che i modelli di tipo analogico non possono per ovvi motivi offrire; parliamo, ad esempio, della possibilità di registrare le proprie misurazioni in modo da poter monitorare le proprie condizioni di salute e i propri progressi, e di tante altre caratterstiche di funzionamento che vedremo nello specifico successivamente, nel pragrafo dedicato, appunto, al fattore funzioni.

Misuratore di pressione da braccio o da polso?

Questa è la seconda distinzione che è possibile operare all’interno dei misuratori di pressione attualmente in commercio: si può scegliere cioè di optare per un modello dove l’utente deve infilare un manicotto intorno al braccio e misurare la pressione arteriosa da lì, oppure un modello che invece prevede un manicotto più piccolo che si posiziona intorno al polso. Ma quale differenza esiste tra le due tipologie?
Bisogna fare una premessa importante: l’accuratezza è equivalente in entrambi i misuratori di pressione e la scelta di uno piuttosto che di un altro è legata ad esigenze di diverso tipo. Ad esempio, bisogna fare attenzione a posizionare il misuratore in modo che sia all’altezza del cuore e questo potrebbe risultare un po’ più difficile con il misuratore da polso che, tra l’altro, può risentire maggiormente dei movimenti che potrebbero far ottenere dei messaggi di errore da parte dello strumento, per tale motivo bisogna prestare attenzione a non muovere la mano durante la misurazione con uno strumento da polso molto più che con uno strumento da braccio.
Misuratore di pressione da polso esempio
Un vantaggio del misuratore da polso, invece, risiede nella sua semplicità e praticità d’uso, che lo rendono lo strumento ideale per una misurazione della pressione frequente durante la giornata, anche da svolgere fuori casa. Infine, persone con un braccio molto grosso potrebbero avere dei problemi con un misuratore da braccio e quindi optare per uno da polso potrebbe essere per loro la soluzione migliore.

2. Informazioni fornite

Le informazioni fornite sono sicuramente il fattore più importante e decisivo per l’acquisto del proprio misuratore di pressione, sia esso da braccio oppure da polso. Questo fattore si riferisce alla quantità e tipologia di informazioni che vengono fornite all’utente dal punto di vista “medico”, ovvero sulla pressione arteriosa e sul battito cardiaco. Questo, ovviamente, non significa che l’apparecchio è in grado di sostituirsi al parere di personale esperto medico, ma solo che esso è in grado di fornire una serie di dati utili da riportare al medico per verificare il proprio stato di salute. La gamma di informazioni che un apparecchio può fornire è ovviamente un’esclusiva dei misuratori di pressione di tipo elettronico che, infatti, a differenza di quelli analogici, possono fornire una serie di dati che un utente senza competenze mediche non potrebbe facilmente ricavare ed interpretare diversamente. Queste informazioni sono importanti soprattutto qualora ad utilizzare il prodotto siano persone già soggette oppure a rischio di determinate patologie legate alla pressione arteriosa ma, in generale, sono comunque utili a chiunque voglia tenere sotto controllo il proprio stato di salute effettuando delle misurazioni di tanto in tanto.
Bisogna dunque verificare che il misuratore di pressione scelto possa fornire le informazioni desiderate, di cui elenchiamo qui le principali:

  • Indicatore OMS: cioè che sia validato e calibrato in base alle linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e fornisca quindi informazioni mediche affidabili e veritiere;
  • Rilevazione aritmia: gli apparecchi dotati di questa possibilità non solo rilevano il ritmo cardiaco ma segnalano anche le anomalie riscontrate all’utente, in caso di possibile disturbo del battito;
  • Rilevazione anomalie: quando i valori registrati risultano sospetti l’apparecchio avviserà l’utente di tale anomalia;
  • Media di tutti i valori: alcuni misuratori di pressione consentono di calcolare una media della pressione generale, mattutina o serale rilevate negli ultimi giorni (che possono variare da 2 a 7). Questa funzione può essere particolarmente sofisticata in alcuni modelli che generano grafici personalizzati per date o valori della pressione e li inviano direttamente, tramite Bluetooth o connessione wifi, al proprio smartphone, tablet o pc.

Misuratore di pressione da polso informazioni

3. Facilità d'uso

Il fattore facilità d’uso è molto importante da valutare perché indicativo della reale praticità e semplicità dell’apparecchio, due elementi fondamentali da considerare soprattutto in relazione al tipo di utente che dovrà poi utilizzare il misuratore di pressione. Questo fattore si riferisce infatti ad una serie di caratteristiche che, soprattutto laddove ad usufruire dello strumento sia una persona anziana oppure con poca manualità e dimestichezza con gli apparecchi elettronici, rendono il misuratore di pressione più o meno facile da maneggiare e da posizionare in modo corretto, e possono semplificare la visualizzazione e comprensione dei dati rilevati.
Dunque, gli elementi che compongono il fattore facilità d’uso sono, ad esempio, l’ampiezza e la chiarezza del display che permette concretamente di vedere bene le impostazioni da selezionare e i risultati registrati dall’apparecchio; la presenza o meno di comandi touch screen che, molto probabilmente, risulteranno più semplici da gestire, soprattutto per le persone anziane, rispetto a piccoli pulsantini da pigiare.
Il funzionamento di tipo completamente automatico (quindi dove l’utente dovrà solo inserire il braccio e premere un pulsante) oppure semi-automatico (dove è richiesto un intervento più attivo da parte del paziente).
Infine, un misuratore di pressione “parlante”, ovvero con una voce che guida nell’utilizzo e legge i risultati, sarà sicuramente la scelta ideale per persone anziane o magari con problemi di vista.
Misuratore di pressione con funzionamento automatico

4. Funzioni

Le funzioni sono un fattore che può influenzare parecchio l’utente nella scelta del proprio misuratore di pressione in quanto esse permettono un utilizzo più agevole e senz’altro più pratico e veloce dell’apparecchio. Alcune di queste caratteristiche sono molto importanti e non rappresentano solo dei comodi extra; è il caso, ad esempio, di quelle funzioni che consentono un regolare e preciso monitoraggio delle proprie misurazioni, elemento fondamentale per coloro che devono tenere la pressione sotto controllo e riportare la medico le proprie statistiche. Come per molti prodotti, anche per lo sfigmomanometro vale la regola per cui “più funzioni ci sono, più il prodotto è caro” e, nello specifico, alcune funzioni sono un’esclusiva assoluta dei modelli più sofisticati e più costosi.
Ecco un elenco delle funzioni che un misuratore di pressione, sia da braccio che da polso, può offrire:

  • Memoria: questa funzione è molto importante per monitorare lo stato della propria pressione in diversi giorni oppure in diversi momenti della giornata. I prodotti più economici ed essenziali non ne sono sempre dotati mentre gli altri, in base a quanto sofisticati sono, offrono una funzione di memorizzazione per un diverso numero di utenti, che generalmente sono due ma diventano illimitati nei prodotti top di gamma. Ogni utente, inoltre ha a disposizione un numero di memorizzazioni, che varia da 20 a illimitato. Questa funzione, inoltre, può essere utilizzata anche per memorizzare le misurazioni di un solo utente ma in diversi momenti della giornata;
  • Arresto automatico: dopo un paio di minuti di inutilizzo, alcuni apparecchi si spegnono automaticamente in modo da evitare di consumare inutilmente le batterie;
  • Avviso errori di utilizzo: qualora si commettesse una registrazione sbagliata, l’apparecchio segnalerà che i dati ottenuti sono frutto di un errore e non realistici del reale stato di pressione del paziente;Avviso errore di utilizzo
  • Indicazione di sostituzione batterie: utile per effettuare una corretta e tempestiva manutenzione, in modo da non ritrovarsi con l’apparecchio scarico proprio quando serve utilizzarlo;
  • Sensore di movimento: rileva qualsiasi movimento che può invalidare il risultato e visualizza un'icona sullo schermo per segnalarlo all’utente;
  • Wireless e connettività: alcuni modelli possono collegarsi al tablet e allo smartphone, inviando a questi dispostivi i dati raccolti dalle misurazioni.

5. Accessori

Il fattore accessori non è sicuramente quello primario nella scelta di un misuratore di pressione, ma resta il fatto che possedere un buon kit di accessori è sempre un punto a favore di un prodotto, non solo perché in questo modo risulta “impreziosito”, ma anche perché così all’utente non resteranno spese aggiuntive da effettuare in un secondo momento. In generale, comunque, gli sfigmomanometri non si distinguono per un’ampia gamma di accessori esistenti a corredo e alcuni sono utilizzabili solo per i modelli a braccio ed altri, invece, solo per quelli da polso.
Di seguito, eccovi un elenco delle componenti aggiuntive che potreste trovare in dotazione nella confezione del vostro misuratore di pressione:

  • Custodia: questa può consistere in un astuccio morbido oppure una sorta di valigetta rigida;
  • Diario: o un qualsiasi altro supporto cartaceo opzionale per tenere un registro scritto delle proprie misurazioni di pressione;
  • Batterie: molto spesso una batteria (o due pile, nel caso di funzionamento con pile) sono incluse in confezione, anche se a volte nei modelli molto economici questo non accade. Alcuni apparecchi più cari, inoltre, includono delle batterie e pile extra di ricambio oltre a quelle standard già in dotazione.

Batterie misuratore di pressione

Altri fattori da tenere in mente per la scelta del misuratore di pressione

Il materiale è importante?

Per quanto riguarda i materiali utilizzati, possiamo dire che non esiste una grandissima varietà di materiali tra cui scegliere per la produzione di un misuratore di pressione, sia che si tratti di un modello analogico che elettronico. Quasi tutti i marchi, dunque, hanno prodotti che sono in effetti realizzati con l’impiego degli stessi materiali: plastica resistente per la base e tessuti vari per il manicotto da braccio o da polso. Per tale motivo, non è molto importante privilegiare una lega piuttosto che un’altra, ma è sempre consigliabile affidarsi a marchi conosciuti, per avere la certezza che i materiali impiegati siano di alta qualità, anallergici e atossici. Un altro aspetto da considerare è la qualità della plastica impiegata che, se scadente, potrà ingiallirsi e rovinarsi con pochi utilizzi, così come i tessuti per il manicotto dovrebbero preferibilmente essere in tessuto facilmente lavabile e con delle chiusure in velcro. Dunque attenzione a non cedere alla tentazione del “risparmio facile”, pena il pentirsi di possedere un prodotto dalla longevità ridotta.

La marca è importante?

In commercio sono diffuse numerose aziende produttrici che si occupano della produzione e della vendita di misuratori di pressione di diversa qualità e fascia di prezzo. Perché è importante scegliere un marchio che sia conosciuto e affidabile? Sicuramente per essere certi di acquistare un misuratore di pressione che non sia solo efficiente ma che possa essere soprattutto preciso e affidabile, calibrato sui parametri stabiliti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.
Inoltre, riflettete sul fatto che affidarsi ad un’azienda conosciuta è un vantaggio anche per il servizio di post-vendita, sia per reperire eventuali pezzi di ricambio che per contattare il servizio di assistenza clienti, qualora si rendesse necessario. La scelta ottimale sarebbe, quindi, quella di evitare di cedere alla tentazione di acquistare un prodotto totalmente sconosciuto ma riferirsi sempre a marchi rinomati, alcuni dei quali si distinguono per la produzione di strumenti di qualità, spesso scelti dal personale medico stesso, e per l’attenzione riservata ai propri consumatori; tra i più diffusi citiamo, tra gli altri, Omron, Beurer, Medisana, Laica, Homedics, Microlife e Duronic.

Il prezzo è importante?

In commercio è possibile trovare dei misuratori di pressione con un prezzo che oscilla da meno di 20€ a più di 100€. Com’è spiegabile una tale variazione di costo? Bisogna precisare che un modello più economico non è necessariamente un prodotto peggiore di altri oppure scadente e non affidabile. Molto spesso, infatti, il prezzo è indicativo delle funzioni che il misuratore di pressione può offrire, sia in termini di informazioni fornite all’utente che di facilità d’uso e prestazioni pratiche. I modelli di fascia di prezzo medio-bassa e bassa si caratterizzano infatti per un funzionamento molto essenziale e per una versatilità ridotta; il prezzo è quindi importante da considerare come indicatore delle possibilità che l’apparecchio può offrire e per rendersi conto se queste sono compatibili e sufficienti a soddisfare le proprie esigenze.

Quali sono i migliori misuratori di pressione da polso del 2018?

La tabella dei migliori misuratori di pressione da polso del 2018 scelti dalla redazione di QualeScegliere.it

Prodotto Prezzo
migliore
Recensione
8,1 Omron RS3 HEM-6130-E 49,90 € Recensione
7,1 Beurer Sanitas SBM 03 15,99 € Recensione
7,9 Beurer BC 32 17,99 € Recensione
6,3 Medisana HA-BLDPRESS-22 18,69 € Recensione
8,1 Koogeek BP1 36,99 € Recensione

Misuratori di pressione da polso: tutti i prodotti recensiti

"Misuratore di pressione da polso": hai dubbi? Facci una domanda!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecco i migliori tre prodotti della categoria.

8 visitatori su 10 approfittano di queste offerte.

Il migliore

Omron RS3 HEM-6130-E

Miglior prezzo: 49,90€

Il miglior rapporto qualità prezzo

Beurer Sanitas SBM 03

Miglior prezzo: 15,99€

Il più venduto

Beurer BC 32

Miglior prezzo: 25,89€