Cos’è il Wi-Fi 6 e cosa cambia?

Il Wi-Fi 6 o, secondo la vecchia nomenclatura, 802.11 ax, è lo standard Wi-Fi più aggiornato in assoluto, oggi ancora poco diffuso sia tra router e ripetitori, sia tra i dispositivi di uso quotidiano in grado di connettersi a una rete senza fili. In sé, la funzione di base del Wi-Fi non cambia: permette infatti di connettersi a Internet senza l’utilizzo di alcun cavo, ma semplicemente selezionando una rete e inserendo la password corretta (sempre che la rete stessa sia protetta). Wi-Fi 6 smart homeTuttavia, ci sono ovviamente dei cambiamenti importanti che sono stati implementati per migliorare diversi aspetti dell’esperienza di navigazione, che analizzeremo più nel dettaglio nel prossimo paragrafo.

Vantaggi del Wi-Fi 6

Anche se in molti pensano che la maggiore evoluzione di uno standard Wi-Fi riguardi la velocità massima di trasferimento dati, i vantaggi che deriveranno dalla nuova tecnologia sono molteplici e hanno un’influenza importante non solo sulla navigazione online, ma anche sul funzionamento dei dispositivi connessi alla rete.

  • Stabilità di connessione: si tratta di un elemento fondamentale soprattutto per gli ambienti dove vanno connessi più dispositivi in contemporanea, ed è forse il vantaggio più importante in assoluto del Wi-Fi 6. Un singolo computer dotato di antenne aggiornate a questo standard può essere solo marginalmente più veloce di uno che sfrutti ancora il Wi-Fi 5, ma quando saranno connessi alla stessa rete anche una smart TV con streaming in 4K, un PC da gaming connesso a server per sessioni di gioco online, un paio di smartphone che devono aggiornarsi e altri apparecchi dotati di funzioni smart, la differenza nella stabilità della connessione e, di conseguenza, anche nella rapidità con cui potranno essere eseguite alcune operazioni, sarà evidente;
  • Velocità: anche se non è il vantaggio primario dello standard Wi-Fi 6, sicuramente la velocità di trasferimento dati presenta un certo miglioramento, raggiungendo i 9,6 Gbps, circa un 30% in più rispetto alla generazione precedente. Tuttavia, è fondamentale ricordare che si tratta di un dato nominale che indica la velocità massima teorica in un ambiente privo di alcuna interferenza, e che nella realtà non si ottengono mai risultati così performanti. In Italia, infatti, la velocità media delle connessioni è ancora molto bassa, attestandosi poco sopra i 15 Mbps, uno dei valori più bassi in tutta Europa;
  • Autonomia della batteria: questo vale soprattutto per i dispositivi più piccoli che, pur essendo sempre connessi al Wi-Fi, lo sfruttano attivamente a intervalli regolari per poter aggiornare le varie applicazioni (per esempio, le mail possono essere controllare ogni dieci minuti, la messaggistica istantanea ogni cinque, e così via). Grazie alla nuova funzione Target Wake Time, il dispositivo non dovrà mantenere costantemente attive le antenne, ma potrà mantenerle in uno stato di stand-by fino al momento in cui non siano effettivamente necessarie per verificare possibili aggiornamenti. In questo modo l’energia consumata dal dispositivo stesso sarà inferiore, permettendo di far durare la batteria più a lungo. Come accennato, difficilmente questo varrà per i computer portatili che, a differenza dei dispositivi mobili, sfruttano in genere una connessione attiva alla rete senza interruzioni;
  • Miglioramento della sicurezza: dopo quasi un decennio senza particolari novità nel campo della sicurezza, escluso l’aggiornamento dei sistemi di crittografia preesistenti, stanno finalmente avvenendo cambiamenti importanti anche in questo ambito. Con l’introduzione del protocollo WPA3, diventerà più difficile rubare le password e alcuni dati, anche se dovessero cadere nelle mani sbagliate, non avranno particolare utilità per danneggiare in qualche modo gli utenti.

Come ci si può aggiornare allo standard Wi-Fi 6?

Purtroppo l’unico modo per poter godere dei vantaggi del Wi-Fi 6 è comprare nuovi dispositivi in grado di supportare questo standard. I costi, soprattutto dei router, sono al momento abbastanza alti, e probabilmente questa tendenza continuerà fino a quando le nuove tecnologie non saranno più diffuse sul mercato.Wi-Fi 6 router Sicuramente, se si vuole migliorare adesso la propria rete domestica, conviene equipaggiarsi con un modello in grado di supportare gli standard più avanzati, evitando di dover ripetere l’acquisto in pochi anni per rimanere al passo con la nuova generazione di dispositivi.


Copyright Klikkapromo srl – È vietato ogni sfruttamento non autorizzato
Mai più acquisti sbagliati!
Ricevi ogni settimana i nostri consigli