I migliori materassi in lattice del 2017

Confronta i migliori materassi in lattice del 2017 e leggi la nostra guida all'acquisto.
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa

I nostri fattori decisivi per la scelta del materasso in lattice

1. Composizione interna

Il lattice è un materiale di origine naturale, per essere più precisi una resina ricavata dalla corteccia dell'albero della gomma (il cui nome scientifico è Hevea Brasiliensis). Si tratta di una pianta diffusa principalmente in Sudamerica, ma anche in Africa e Asia. Il nome "lattice" è legato al fatto che questa sostanza è molto simile al latte, sopratutto per quanto riguarda il colore. Quello che cambia è la sua consistenza, dato che il lattice è vischioso come la gomma. Prima di poter essere utilizzato nei materassi, questo materiale viene lavorato fino ad ottenere una sorta di schiuma, che a sua volta viene poi compattata e solidificata diventando un blocco spugnoso e leggero. Il prodotto ottenuto da questa particolare lavorazione è, inoltre, molto igienico e duraturo.
Lattice
I vantaggi del materasso in lattice sono dunque molteplici. Innanzitutto la sua struttura interna, simile a quella di un alveare, permette un buon ricambio d'aria e fa sì che l'umidità e il sudore non ristagnino. Questo materiale, inoltre, si deforma sotto la pressione del corpo di chi lo utilizza, distribuendo il peso in orizzontale. Tale caratteristica, accompagnando naturalmente le curve del corpo, aiuta a migliorare la postura e la circolazione. I soggetti allergici saranno contenti di sapere che questo materiale è completamente antibatterico e anallergico, mentre gli ambientalisti si rallegreranno del fatto che il lattice, essendo una sostanza naturale, è il materiale per materassi meno inquinante in commercio.
I materassi in lattice attualmente in commercio, tuttavia, possono contenere lattice sia naturale che sintetico. Un materasso si può definire in lattice naturale solo se ne contiene più dell'85%, mentre la restante parte è costituita da materiali che servono a conferire solidità al prodotto. Accertatevi che la lastra di lattice sia certificata “Ecolatex Eco – Standard”, uno standard a cui si conformano le maggiori aziende del settore e garantisce l'assenza di sostanze potenzialmente dannose per la salute. Qualora il prodotto non fosse certificato “Ecolatex Eco-Standard”, è bene informarsi se il prodotto dispone di altri tipi di certificazioni, come ad esempio "EuroLatex".
La maggior parte dei materassi in lattice in commercio non sono completamente in lattice naturale, bensì sono realizzati con una schiuma di lattice, ovvero una miscela di lattice, aria ed altri componenti che attraverso un processo chiamato “vulcanizzazione” permette di ottenere il prodotto finito. Questi ultimi sono genericamente chiamati con la dicitura generica materassi in 100% lattice.
A livello visivo è quasi impossibile distinguere fra un materasso in lattice naturale e uno sintetico, poiché si tratta esclusivamente di una diversità a livello molecolare, ma è facile intuire che i materassi in lattice naturale avranno un costo sicuramente più elevato di quelli sintetici, fino a 2.000 euro. I due tipi di lattice hanno anche delle proprietà diverse, in quanto quello naturale è molto elastico mentre quello sintetico è robusto e meno deformabile col passare del tempo. La scelta d'acquisto migliore dipenderà, quindi, dalle vostre esigenze contingenti.
Un altro aspetto che solitamente va considerato, relativamente alla composizione interna, è se il materasso sia a due stagioni, cioè se prevede un lato utilizzabile d’estate e l’altro d’inverno. Ad ogni modo, girare il materasso dal lato giusto serve, inoltre, anche ad evitare un’eccessiva sudorazione del corpo ed evitare l’insorgere di cattivi odori o muffe. Tuttavia, nel caso dei materassi in lattice, non è possibile trovare questa differenziazione proprio per come è realizzata la struttura interna della lastra in lattice. Al tempo stesso, la struttura alveolata ipertraspirante permette la riequilibrazione della temperatura del corpo durante il sonno, sia d'inverno che d'estate.

Materasso in lattice

2. Rivestimento esterno

Per valutare la qualità di un materasso in lattice è importante analizzare anche il suo rivestimento esterno. Questo fattore, infatti, influenza la durabilità, la freschezza, la comodità e infine gli aspetti pratici del prodotto. I materiali più costosi sono quelli naturali come il cotone e la lana, mentre quelli sintetici come viscosa e poliestere saranno di conseguenza più economici.Rivestimento in Aloe Vera Molti materassi in lattice in commercio, inoltre, si avvalgono dell'aggiunta degli estratti di aloe vera. Il trattamento effettuato sul tessuto del rivestimento consiste nell'applicazione di milioni di microcapsule contenenti questa sostanza rigenerante, i quali, una volta a contatto con la pelle, si "rompono" e rilasciano sostanze con proprietà antinfiammatorie e antibiotiche. Questo tipo di trattamento aiuta sia a riposare meglio che a risvegliarsi con più energia.
Altre caratteristiche importanti da prendere in considerazione per valutare il rivestimento esterno sono la presenza di maniglie per afferrare, spostare e girare il materasso e di una fodera esterna che sia estraibile e lavabile. Le maniglie sono molto utili quando volete girare il materasso, in quanto i materassi in lattice sono generalmente molto pesanti. Anche la fodera esterna è molto importante da prendere in considerazione se volete mantenere il vostro materasso sempre igienico e privo di batteri. Alcuni materassi senza fodera possono essere lavati a vapore, ma questa tecnica è altamente sconsigliata in quanto si può accumulare comunque l'umidità all'interno del materasso creando muffe e cattivi odori. L'uso di agenti chimici, inoltre, andrebbe evitato categoricamente in quanto le sostanze tossiche potrebbero essere assorbite all'interno del materasso e rilasciate durante il sonno. Assicuratevi della qualità e solidità dei tessuti del rivestimento chiedendo all'azienda produttrice se sono certificati Oeko-Tex®. La dicitura Oeko-Tex® Standard 100 è una garanzia in più dell'atossicità dei tessuti, in quanto implica che i tessuti possono essere utilizzati con i neonati.

3. Dimensioni

Le dimensioni di un materasso in lattice sono determinanti nella scelta d'acquisto per diverse ragioni. La più scontata e ovvia è che la larghezza e lunghezza determinano il numero di persone che potranno utilizzare il materasso. La maggior parte dei materassi in lattice esistenti sul mercato offrono le seguenti misure standard:

  • Singolo: detto anche "a una piazza", questa tipo di materasso è adatto ad una persona sola e ha solitamente delle misure pari a 80 x 190 cm;
  • Matrimoniale: noto anche come "a due piazze", questo materasso può accogliere due persone ed è generalmente di 180 x 190 cm;
  • Una piazza e mezza: questo materasso è un po’ più ampio di uno singolo, in quanto prevede 120 cm di larghezza e circa 190 di lunghezza. Può accogliere una sola persona oppure due, anche se staranno un po' strette.

Ad ogni modo, il dato più importante da prendere in considerazione relativamente alle dimensioni di un materasso è lo spessore, in quanto influenza di molto la sua comodità. In base al peso di chi lo utilizzerà bisognerà assicurarsi che lo spessore sia adatto e che consenta di sorreggere correttamente il corpo senza deformarsi con l’usura. I migliori materassi avranno uno spessore compreso tra i 20 e i 25 cm, ma anche quelli con un'altezza di 18 cm risultano comunque piuttosto comodi.
Tenete a mente che, in linea generale, se un materasso molto alto non crea particolari problemi o disagi alla schiena, uno troppo sottile può invece risultare scomodo e poco salutare, causando più facilmente dolori muscolari, cervicali e articolari.

4. Ergonomia e durezza

Questo fattore riguarda più specificatamente la consistenza della struttura di un materasso in lattice, ovvero quanto esso sia morbido o rigido. Questa caratteristica è molto importante per la qualità del riposo e anche per la postura, dato che quando si dorme la muscolatura si rilassa e non può sorreggere la spina dorsale, la quale si rilassa a sua volta assumendo una posizione non dritta. Un materasso di qualità deve quindi sostenere il corpo in tutti i suoi punti con il giusto livello di rigidità. Anche un materasso troppo rigido può essere nocivo alla schiena poiché andrà a comprimere i tessuti muscolari senza accompagnare la colonna vertebrale. Non è facile stabilire quale sia la durezza ideale per un materasso, perché essa dipenderà da tanti altri fattori, come il peso e il numero delle persone che ci dormiranno sopra e il tipo di rete che verrà utilizzato. Relativamente a questo ultimo elemento, è consigliato scegliere reti che abbiamo doghe numerose e soprattutto robuste.
Il termine tecnico che si utilizza per descrivere la durezza di un materasso è portanza, definita come la resistenza che il materasso oppone ad un carico. Mediante i valori della portanza possiamo capire se il materasso cede sotto al peso del corpo o se lo sostiene efficacemente. Le classi di portanza si suddividono generalmente in:

  • H1: morbido;
  • H2: medio;
  • H3: duro.

Alcune aziende produttrici usano dei codici diversi, come ad esempio una scala da 1 a 10, ma in linea generale più alti sono i numeri utilizzati, più duro sarà il materasso.
Zone di portanza
I migliori materassi in lattice in commercio sono, inoltre, dotati di diversi gradi di rigidità in base alla zona del corpo che vi si adagerà. Più zone di portanza troviamo, migliore sarà la qualità del materasso. Nel caso dei materassi in lattice, il numero ideale per la misura matrimoniale è di 7 zone di portanza. I materassi con diverse zone di portanza sono spesso chiamati "ortopedici" e sono consigliati soprattutto a chi soffre di mal di schiena frequenti o a chi ha problemi muscolari. I materassi in lattice migliori presentano, infine, un centro rinforzato per far sì che il peso di due persone sia ben distribuito su tutta la superficie.

Il prezzo è importante?

In confronto ad altre tipologie di materassi, quella in lattice non è fra le più economiche, soprattutto se si tratta di lattice al 100% naturale. Tuttavia, si tratta di un ottimo investimento se volete ridurre e evitare problemi alla schiena, al collo e anche mal di testa.
In commercio si possono trovare molti modelli di materassi che rientrano in un ventaglio di prezzi piuttosto ampio. Il costo dipende da molti fattori, da quello più ovvio relativo alle dimensioni, senza tralasciare la qualità del lattice e i materiali usati per il rivestimento. In generale, vi consigliamo di evitare prodotti troppo economici perché saranno necessariamente in materiali sintetici e di scarsa qualità. Inoltre, un prezzo elevato implica quasi sempre una durata più lunga e quindi costituirà un risparmio nel tempo.
Orientativamente, un materasso in lattice matrimoniale di fascia di prezzo media si aggirerà sui 500 euro, mentre i prodotti più sofisticati o completamente in lattice naturale possono arrivare a costare più di 1000 euro. Più lattice naturale è contenuto nel materasso, più alto sarà di conseguenza il prezzo. Lo spessore della lastra in lattice è, infine, un ulteriore aspetto che influenza il prezzo finale.

La marca è importante?

Numerose aziende italiane e straniere si occupano della produzione di materassi in lattice, alcune delle quali si sono specializzate in questa particolare tipologia. Il nostro consiglio non è quello di preferire un brand in particolare quanto, piuttosto, di optare per un marchio conosciuto ed affidabile, per avere una maggiore garanzia di qualità dei materiali impiegati e di assistenza pre e post acquisto. Per quanto riguarda i materiali è meglio affidarsi ad aziende che abbiamo ottenuto, come già spiegato sopra, la certificazione Oeko-Tex® che attesta l'assenza di sostanze nocive per la salute.
Nello specifico del lattice, invece, un suggerimento utile è quello di controllare che le aziende produttrici abbiano ottenuto delle certificazioni di garanzia affidabili come Euro Latex e Oeko-Tex®.

Quali sono i migliori materassi in lattice del 2017?

La tabella dei migliori materassi in lattice del 2017 scelti dalla redazione di QualeScegliere.it

Prodotto Prezzo
migliore
Recensione
9,3 Materassiedoghe Vienna 599,00 € Recensione
8 Mentor Classic 10106 398,00 € Recensione
9 Marcapiuma Sevenlife 20 513,99 € Recensione
6,4 Baldiflex MT-LTT-ESY 317,60 € Recensione
8,9 Baldiflex MT-LTT 907,29 € Recensione

Materassi in lattice: tutti i prodotti recensiti

"Materasso in lattice": hai dubbi? Facci una domanda!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecco i migliori tre prodotti della categoria.

8 visitatori su 10 approfittano di queste offerte.

Il migliore in assoluto

Materassiedoghe Vienna

Miglior prezzo: 599,00€

Il miglior rapporto qualità prezzo

Mentor Classic 10106

Miglior prezzo: 398,00€

Il più venduto

Marcapiuma Sevenlife 20

Miglior prezzo: 513,99€